0 2 minuti 2 settimane


di Thierry Meyssan

Lo sviluppo dei rapporti di forza sul campo di battaglia ucraino e il tragico episodio del vertice del G20 a Bali segnano una svolta. Sebbene l’Occidente creda ancora di poter sconfiggere presto Mosca, gli Stati Uniti hanno già avviato negoziati segreti con la Russia. Stanno per abbandonare l’Ucraina e dare la colpa solo a Volodymyr Zelenskyy. Come in Afghanistan, il risveglio sarà brutale.

Parlando con un eurodeputato aperto e di spicco a Bruxelles una decina di giorni fa, gli ho sentito dire che mentre il conflitto ucraino è certamente complesso, la cosa più ovvia è che la Russia aveva invaso quel paese. Ho risposto affermando che il diritto internazionale richiedeva a Germania, Francia e Russia di attuare la risoluzione 2202, cosa che Mosca aveva fatto da sola. Ho proseguito ricordandogli la responsabilità di proteggere il popolo in caso di fallimento del proprio governo. Mi ha interrotto e ha chiesto: “Se il mio governo si lamenta della sorte dei cittadini in Russia e attacca questo paese, lo troverai normale?” Sì, ho risposto, se hai una risoluzione del Consiglio di sicurezza. Hai un? Sbalordito, cambiò argomento. Gli ho chiesto tre volte se potevamo sollevare la questione dei “nazionalisti integrali ucraini”. Ha rifiutato tre volte. Ci siamo lasciati educatamente.

La questione della responsabilità di proteggere [R2P] doveva essere relativizzato. Questo principio non ammette la guerra, ma un’operazione di polizia condotta con mezzi militari. Ecco perché il Cremlino si guarda bene dal classificare questo conflitto come una “guerra” ma come una “operazione militare speciale”.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche