0 3 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Gli Stati Uniti sono direttamente coinvolti nel conflitto in Ucraina, afferma una portavoce del ministero degli Esteri russo

Le dichiarazioni di Vadim Skibitsky, rappresentante della Direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino, confermano che gli Stati Uniti sono direttamente coinvolti nel conflitto in corso in Ucraina, secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

In un’intervista con il Telegraph pubblicata lunedì, Skibitsky ha rifiutato di rispondere alle domande sui satelliti utilizzati per confermare gli obiettivi per i razzi multipli HIMARS di fabbricazione statunitense. Tuttavia, ha riconosciuto che si consultano con Washington prima di lanciare attacchi e che Washington ha potere di veto sul processo decisionale.

“Non è necessaria alcuna ulteriore conferma del coinvolgimento diretto degli Stati Uniti nelle ostilità sul territorio ucraino”, ha affermato Zakharova martedì, poiché gli Stati Uniti non solo armano e addestrano le forze ucraine, ma essenzialmente abbattono le armi stesse.

Zakharova ha sottolineato che gli Stati Uniti sono direttamente coinvolti e che la loro distanza dalla situazione è irrilevante.

“Sono pienamente coinvolti. Ora i rappresentanti di Kiev stanno parlando del loro coinvolgimento militare non solo attraverso la fornitura di armi, ma anche attraverso la leadership nei ranghi delle forze armate ucraine, le istruzioni dirette e la selezione degli obiettivi”, ha aggiunto Zakharova.

C’è una speculazione costante sul coinvolgimento di Washington nel conflitto. Ad aprile, ad esempio, il giornalista francese Georges Malbrunot si è rivolto ai social media dopo aver affermato di aver appreso in prima persona che gli americani stavano “dirigendo” lo sforzo bellico dell’Ucraina sul campo.

Tuttavia, ha sottolineato che questo non era un coinvolgimento ufficiale, poiché ha incontrato mercenari americani in Ucraina. Tuttavia, gli scettici hanno messo in dubbio la veridicità delle promesse dei funzionari statunitensi di evitare il coinvolgimento diretto o i cosiddetti “stivali sul campo”.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche