0 3 minuti 7 giorni

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


New Jersey – Un amato padre è stato trovato morto lunedì all’interno di un fornello in uno stabilimento di Lassonde Pappas.

Dale Devilli, 63 anni, è stato trovato morto all’interno di un bollitore dopo che la polizia della contea di Cumberland è stata chiamata all’impianto di lavorazione.

Devilli è stato dichiarato morto sul posto.

Secondo la polizia, la morte di Devilli sembra essere un incidente sul lavoro e non si sospetta alcun gioco scorretto.

TENDENZA: ENORME: il legislatore del GOP ottiene nuovi documenti che mostrano Joe e Hunter Biden che lavorano per vendere gas naturale statunitense e risorse di perforazione alla Cina – HA INFORMATORI CHE TESTIMONIERANNO (VIDEO)

L’OSHA e la polizia stanno indagando sulla morte di Devilli.

Devilli lascia la moglie di 28 anni e le sue due figlie.

New Jersey 101.5 segnalato:

La morte di un uomo in un impianto di lavorazione degli alimenti nella contea di Cumberland ha portato a un’indagine da parte degli ispettori del lavoro federali, poiché la società ha affermato che c’è stato un incidente sul lavoro che ha causato la morte.

La polizia di stato ha detto che i soldati hanno risposto prima delle 8 di lunedì al rapporto di una persona che non rispondeva in un sito in Parsonage Road a Upper Deerfield Township.

Secondo la polizia, un uomo di 63 anni è stato trovato all’interno di un fornello.

Dale Devilli, di Millville, fu dichiarato morto poco dopo.

I soldati hanno detto che non c’era nulla di sospetto in natura sulla scena.

“Lunedì mattina presto, un incidente che ha causato la morte di uno dei nostri dipendenti si è verificato presso la nostra struttura a Seabrook, nel New Jersey”, ha detto il portavoce di Lassonde, Alexander Roberton, in una risposta scritta al New Jersey 101.5 mercoledì sera. Seabrook è una zona della borgata.

“Siamo devastati dalla perdita del nostro amico e collega e i nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolti alla sua famiglia in questo momento difficile”, ha continuato.





Source link

Lascia un commento

Leggi anche