0 4 minuti 2 settimane


Fonte: NL Times

Sabato, il Servizio di informazione e investigazione fiscale (FIOD) a Nijmegen, nei Paesi Bassi, ha scoperto un magazzino rifornito con un milione di falsi test COVID provenienti dalla Cina comunista.

Secondo NL Timesi funzionari doganali hanno chiesto assistenza al FIOD a seguito di un rapporto dell’intelligence secondo cui una scorta di kit di autotest contraffatti era probabilmente custodita in un magazzino.

FIOD ha affermato che i kit di test del coronavirus fraudolenti sono stati fabbricati in Cina e saranno spediti in Germania.

Il Pubblico Ministero, un’unità incaricata di indagare su frodi e sequestri ad alto rischio, sta conducendo l’indagine penale sulle spedizioni.

DI TENDENZA: ULTIMO AGGIORNAMENTO: — Almeno TRE CONTE DELL’ARIZONA Ritardano la certificazione delle Tainted Midterm Election 2022 – Gila, Conchise, Mohave e Yavapai

I test COVID sono inaffidabili e imprecisi, indipendentemente dal fatto che siano falsi o certificati.

All’inizio di quest’anno, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha rilasciato a avvertimento in merito a test COVID da banco contraffatti a domicilio.

“La FDA è a conoscenza di test diagnostici COVID-19 da banco (OTC) contraffatti distribuiti o utilizzati negli Stati Uniti. Questi test contraffatti non dovrebbe essere utilizzato o distribuito”.

Nel dicembre 2021, il CDC ha emesso a dichiarazione che dopo il 31 dicembre 2021, il CDC ritirerà l’autorizzazione all’uso di emergenza del test PCR per il test COVID-19. Il CDC ha finalmente ammesso in qualche modo che il test non distingue tra influenza e virus COVID.

“In preparazione a questo cambiamento, CDC raccomanda ai laboratori clinici e ai siti di test che hanno utilizzato il test CDC 2019-nCoV RT-PCR di selezionare e iniziare la transizione a un altro test COVID-19 autorizzato dalla FDA. CDC incoraggia i laboratori a prendere in considerazione l’adozione di un metodo multiplex che può facilitare il rilevamento e la differenziazione di SARS-CoV-2 e virus influenzali. Tali test possono facilitare i test continui sia per l’influenza che per SARS-CoV-2 e possono far risparmiare tempo e risorse mentre ci dirigiamo verso la stagione dell’influenza ” Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie ha scritto.

Questo spiega la scomparsa dei casi di influenza negli Stati Uniti nel 2020. Ha anche gonfiato i casi di COVID come sapevano il dottor Fauci e le élite DC.

Il direttore del CDC Rochelle Walensky ha dichiarato nello stesso mese che i test alla fine della quarantena non sono più necessari perché i test PCR possono rimanere positivi fino a 12 settimane.

Il CDC sapeva fin dall’inizio dei test PCR difettosi, ma li ha usati per distruggere l’economia e spodestare Trump.

Walensky ha finalmente ammesso ciò che sapevamo essere vero da quasi tre anni: test PCR difettosi più lunghi tempi di quarantena hanno creato una “casedemica”.

“Quindi, quello che sappiamo è che il test PCR dopo l’infezione può essere positivo per un massimo di 12 settimane, quindi non sarà utile”, ha detto Walensky mercoledì a “Good Morning America”.

Ha continuato: “Non trasmetterai durante tutto quel periodo di tempo. Lo abbiamo visto studio dopo studio.

Walensky ha anche ammesso che il test dell’antigene che le persone stavano prendendo cinque giorni dopo che l’infezione da COVID era difettoso e quindi non era più necessario.

Guarda il video:





Source link

Lascia un commento

Leggi anche