0 4 minuti 1 mese


infowars.com: Il consigliere presidenziale ucraino Alexei Arestovich ha usato un linguaggio osceno per criticare coloro che in Occidente stanno esortando Kiev a cedere parte del territorio ucraino alla Russia per motivi di pace.

“Fk voi stessi con tali suggerimenti, stupidi fks per scambiare un po’ il territorio ucraino! sei completamente pazzo? I nostri bambini stanno morendo, i soldati stanno fermando i proiettili con i loro stessi corpi e ci stanno dicendo come sacrificare i nostri territori. Non accadrà mai”, ha detto Arestovich in un’intervista mercoledì.

Arestovich ha criticato la logica delle voci “belanti” che incoraggiano l’Ucraina a “frenare il suo appetito” e cedere alla Russia i territori che afferma di volere, poiché ciò consentirebbe a Kiev di “stabilire una pace globale e andare avanti con gli affari”.

Un altro consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mikhail Podoliak, si è rivolto mercoledì telegramma ai “lobbisti filorussi in Europa”.

“Non stiamo vendendo i nostri cittadini, o i nostri territori, o la nostra sovranità. È una chiara linea rossa. La società ucraina ha pagato un prezzo terribile e non permetterà a nessuno, a nessun governo o Paese, di fare un solo passo in questa direzione”, ha affermato Podoliak.

Sebbene nessuno voglia una lunga azione militare o una crisi alimentare, “la via più breve per porre fine alla guerra sono armi, sanzioni e sostegno finanziario per l’Ucraina”, ha affermato.

“Gli ucraini hanno difeso Kiev, liberato tre regioni e stanno per completare la liberazione della quarta regione. Oggi le stesse persone si offrono di lasciare che la Russia abbia l’est e il sud. Grazie per il consiglio, ma probabilmente prenderemo le armi”, ha detto il consigliere.

I commenti di Arestovich e Podoliak seguono il discorso dell’ex Segretario di Stato americano Henry Kissinger al World Economic Forum di Davos lunedì. Kissinger ha esortato l’Ucraina a fare rapidamente la pace e puntare a un ritorno alle condizioni pre-febbraio.

L’Ucraina ha insistito sul fatto che non accetterà alcuna proposta di pace che non rispetti i suoi confini precedenti al 2014.

Mosca ha chiarito che l’indipendenza delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e lo status della Crimea come regione russa non sono in discussione.

La Russia ha attaccato lo stato vicino alla fine di febbraio dopo che l’Ucraina non ha attuato gli accordi di Minsk firmati nel 2014 e Mosca alla fine ha riconosciuto le repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk. Con i protocolli mediati da Germania e Francia, le regioni separatiste avrebbero dovuto ricevere uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

Da allora il Cremlino ha chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai al blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata del tutto immotivata e ha negato le affermazioni secondo cui intende riprendersi le due repubbliche con la forza.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche