0 5 minuti 3 giorni



Immagine: Tulsi Gabbard attacca Biden per aver inviato denaro a Kiev mentre spremeva gli americani usando l'esercito di agenti dell'IRS

(Notizie naturali)
Il politico hawaiano, un tempo considerato una stella nascente del Partito Democratico, ha lasciato il partito il mese scorso, attaccando la sua leadership per essere una “cabala elitaria di guerrafondai guidata da codarda veglia”.

(Articolo di Ilya Tsukanov ripubblicato da SputnikNews.com)

L’ex membro del Congresso Tulsi Gabbard ha fatto irruzione nel presidente Biden, nell’élite di Washington e nel complesso militare-industriale degli Stati Uniti, accusando il governo di strizzare gli americani assumendo un esercito di agenti dell’Internal Revenue Service, inviando miliardi di dollari al MIC e irresponsabili e corrotti attori in Ucraina.

“Abbiamo politici di entrambi i partiti politici che sono l’élite permanente di Washington e che devono essere ritenuti responsabili di ciò che stanno facendo con i dollari dei nostri contribuenti e di come stanno minando la nostra sicurezza nazionale mentre ci spingono sempre più vicino all’orlo della catastrofe nucleare”, ha detto Gabbard, sostituendo il conduttore di Fox News Tucker Carlson in un’edizione speciale per l’anniversario di Tucker Carlson Tonight questa settimana.

Chiedendo che Washington “smetta di dare un assegno in bianco all’Ucraina e chieda responsabilità” per le decine di miliardi di dollari già inviati, Gabbard ha sottolineato che gran parte di questo denaro è andato al complesso militare-industriale statunitense, che ha già guadagnato “trilioni di dollari ” al largo delle guerre statunitensi all’estero.

“Ora il Biden vuole assumere 87.000 nuovi agenti dell’IRS per esaminare ogni ricevuta e ogni franchigia dei contribuenti americani con un pettine a denti fini, spremendo ogni centesimo che possono. [For] il governo ucraino e i suoi burocrati e oligarchi corrotti e gli appaltatori della difesa che traggono profitto da tutte queste armi, l’amministrazione Biden non richiede alcuna ricevuta. Perchè è questo? È perché sanno che la maggior parte di questo denaro, i dollari dei nostri contribuenti, corromperanno i burocrati… Le loro azioni rivelano a chi tengono veramente. Non siamo noi”, ha detto Gabbard.

Il politico diventato commentatore si è lamentato del fatto che mentre Washington continua a inviare denaro e truppe per i conflitti all’estero, la Casa Bianca e il Congresso stanno venendo meno al loro dovere di prendersi cura dei veterani americani.

“Mentre parliamo qui abbiamo soldati che sono costretti a fare affidamento sui buoni pasto per sfamare le loro famiglie, soldati che vivono in condizioni inabitabili e coloro che non ricevono le cure di cui hanno bisogno per ferite, malattie e malattie legate al servizio, ha detto Gabbard.

Gabbard, 41 anni, è stata deputata alla Camera dei rappresentanti tra il 2013 e il 2021 e vicepresidente del Comitato nazionale democratico tra il 2013 e il 2016. Ha lasciato la vicepresidenza del DNC per protestare contro il processo delle primarie, accusando la presidente del DNC Debbie Wasserman Schulz di aver truccato il voto a favore dell’ex segretario di Stato di Obama Hillary Clinton contro il senatore del Vermont Bernie Sanders.

Gabbard ha svolto due tournée in Medio Oriente, incluso un tour in Iraq, come membro della Guardia nazionale delle Hawaii, e si è candidata alla presidenza nel 2020, dove ha eviscerato l’ex procuratore generale della California Kamala Harris indicando il record di quest’ultima di incarcerazione di africani Gli americani per piccoli reati di droga hanno costretto Harris ad abbandonare la corsa prima che si tengano primarie o caucus.

Brighteon.TV

Gabbard è stato a lungo tra i politici più espliciti negli Stati Uniti quando si tratta di affari esteri, viaggiando in Siria nel 2017 e condannando i tentativi di Washington di cambiare regime lì, e criticando gli aiuti statunitensi per l’Ucraina, citando il pericolo che il conflitto si trasformi in un Terzo Guerra mondiale con la Russia.

Dopo mesi di resoconti dei media che citano timori che le armi statunitensi inviate in Ucraina siano apparse sui mercati neri delle armi internazionali, anche gli alleati degli Stati Uniti in Europa hanno iniziato a esprimere preoccupazione per la questione, citando armamenti di livello militare che cadono nelle mani di gruppi criminali. Nel frattempo, l’amministrazione Biden ha confermato di aver dispiegato un “piccolo numero” di truppe in Ucraina per controllare le consegne di armi occidentali, aumentando le tensioni con Mosca tra le preoccupazioni su cosa accadrebbe se un missile o un attacco aereo russo uccidesse gli americani durante un attacco a un ucraino deposito di munizioni.

Leggi di più su: SputnikNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche