0 2 minuti 8 mesi


Pochi giorni fa, il canale multimediale Pronews TV ha riferito di concentrazioni eccessive di ossido di etilene negli stick di test utilizzati per i test corona rapidi. Uno in uno Laboratorio a Cipro il bastoncino esaminato conteneva più di sette volte la quantità consentita della sostanza tossica ossido di etilene.

La sostanza viene utilizzata, tra l’altro, per sterilizzare gli stick di test per i kit di test e il test PCR. Nell’UE, gli alimenti non possono contenere ossido di etilene. La quantità massima consentita è di 0,05 mg/kg. Il test stick, che è stato analizzato da un laboratorio nella città di Larnaca, conteneva 0,36 mg/kg di ossido di etilene, scrive il Cyprus Mail.

Ad agosto alcuni alimenti sono stati richiamati perché in essi sono state trovate tracce di ossido di etilene. Secondo le autorità sanitarie, gli importi in questione erano esigui e non rappresentavano una minaccia imminente per la salute pubblica.

Tuttavia, hanno aggiunto che la ricerca scientifica ha dimostrato che l’uso a lungo termine, frequente e a lungo termine di grandi quantità di questa sostanza può causare la formazione di tumori.

Tossico, cancerogeno e mutageno

Il sindacato cipriota Isotita ha chiesto la sospensione dell’uso dei test rapidi. Migliaia di ciprioti devono fare un test rapido ogni 72 ore per lavorare.

Il sindacato ha chiesto che l’uso dei test rapidi sia sospeso in attesa che i funzionari sanitari indaghino sulla questione. Il sindacato ha fatto riferimento all’Agenzia europea per le sostanze chimiche, la quale afferma che la sostanza è tossica, cancerogena e mutagena.

Il ministero della Salute ha aperto un’inchiesta. Non per i test rapidi, ma per il laboratorio.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche