0 5 minuti 2 mesi




In questo mondo, Nikola Tesla era una persona strana e straordinaria. Senza la sua ricerca, scoperte e innovazioni, i nostri stili di vita e le tecnologie attuali sarebbero oggi molto diversi.

Supponiamo che Tesla abbia scoperto qualcosa di più misterioso che solo ora stiamo iniziando a capire.

Quello che Nikola Tesla ha lasciato

La lampadina è stata inventata dal rivale di Thomas Alva Edison, Nikola Tesla, che è meglio conosciuto per questo. Ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo della civiltà contemporanea poiché le sue teorie e invenzioni erano decenni in anticipo sui tempi.

Molte delle sue affermazioni e opinioni furono respinte dai suoi contemporanei.

Secondo la credenza popolare, Tesla potrebbe aver avuto contatti con extraterrestri, il che spiegherebbe le sue prospettive di vita futura e la sua capacità di manipolare l’elettricità.

Alcune persone credono addirittura che Tesla abbia ammesso apertamente di aver avuto contatti con extraterrestri.

Molte tecnologie moderne devono la loro esistenza ai risultati di Tesla in laboratorio. Non avremmo le comodità moderne come la televisione, la radio, la corrente alternata e la bobina di Tesla se non fosse per le sue idee intelligenti.

Robotica, raggi X, microonde, rilevamento delle radiazioni, illuminazione fluorescente e radar sarebbero tutti ampiamente utilizzati.

La formula sconosciuta di successo di Nikola Tesla

Se Tesla non avesse dimostrato la sua ovvia attitudine a trovare e costruire, questi progressi probabilmente sarebbero progrediti rapidamente. Questo giovane scienziato dovrebbe conoscere l’antigravità per poter volare.

Ha ricevuto un brevetto nel 1928 per un ibrido aereo-elicottero, che era una delle sue invenzioni. Questo è generalmente accettato.

Tesla aveva già progettato il sistema di propulsione dell’aereo prima della sua morte. Ha sviluppato un sistema di propulsione contro i campi elettromagnetici noto come “Conduzione spaziale”. Avrebbero potuto prendere in considerazione gli effetti dell’antigravità durante la fabbricazione della loro attrezzatura.

Etere o teoria delle possibilità dell’energia illimitata

Per tutta la vita, Nikola Tesla ha creduto nell’energia libera, a volte indicata come etere o energia illimitata. È un tipo di energia che permea il mondo intero e agisce come la forza dietro ogni cosa.

Tesla ha affermato di aver passato anni a cercare di capire cos’è l’etere e come funziona, e ha promesso di scrivere un libro che descrivesse in dettaglio le sue scoperte.

Ha lottato per capire le origini di questa forza così come i movimenti planetari che ha prodotto. Ciò metterebbe in ombra l’idea originale di Albert Einstein di spazio curvo.

Nelle stesse parole di Nikola Tesla, è stato implacabile nel capire come trasmettere i processi che governano la materia con la giusta prospettiva.

Inutile dire che tutti i riferimenti alla curvatura spaziale non sono necessari. Riteneva assurdo cercare di eliminare l’idea dell’etere per spiegare come funzionava il cosmo.

Che fine ha fatto la ricerca sull’energia libera di Tesla?

Non si sa perché la ricerca di Nikola Tesla sull’etere e sull’energia libera sia finita nelle mani del governo. Tutta questa conoscenza importante e affascinante è stata nascosta al resto del mondo fino a quel momento.

È un tentativo di tenerci all’oscuro di accettare la loro versione degli eventi?

Tesla fece scoperte inaspettate sulla forza antigravitazionale mentre non era in grado di seguire i progressi del suo prototipo di nave volante. Ad esempio, l’emissione elettrostatica di un conduttore è sempre concentrata dove la superficie curva. Più elettroni ci sono in una data area, più ripido sarà l’arco.

Tesla potrebbe aver trovato un modo per accedere a una scorta infinita di energia che proviene dalla natura, lo stesso luogo di tutte le altre fonti di energia.

È stato in grado di fare progressi scientifici e tecnici significativi quando gli è stata data l’opportunità e il tempo. Ma l’umanità ha preso una strada sbagliata che ha favorito alcuni individui a spese di altri…



Source link

Lascia un commento

Leggi anche