Archivi tag: Ucraina

Il giornalista tedesco dice che West mente sulla guerra in Ucraina


La TV tedesca ammette ciò che è diventato sempre più ovvio: l’Occidente nega che la Russia abbia quasi vinto il suo conflitto militare con l’Ucraina.

Ospite del programma di talk show tedesco “Maischberger” ha spiegato come i leader europei vengono umiliati sulla scena mondiale mentre continuano a portare avanti la guerra in Ucraina contro la Russia che non può più essere vinta.

“Temo che ora ci troviamo di fronte a una situazione in cui ora dobbiamo affrontare una scomoda verità”, ha affermato la scorsa settimana il giornalista Wolfram Weimer. “Ed è che la Russia ha vinto questa guerra”.

“Ora, il nostro cancelliere sta lavorando con questo modello linguistico: ‘La Russia non deve vincere questa guerra. L’Ucraina deve vincere’”, ha continuato Weimer.

“Mi chiedo solo dove sia diretto politicamente, perché in effetti la Russia lo ha praticamente conquistato il Donbas nel giro di pochi giorni. I guadagni di area sono enormi, sono grandi quanto l’Olanda e il Belgio messi insieme. Il collegamento terrestre con la Crimea c’è. Ciò significa, come dovrebbe la Russia perdere questa guerra adesso?”

Weimer ha continuato dicendo che l’Ucraina “non ha la forza” per combattere militarmente la Russia nonostante ricevendo miliardi di dollari di armi e assistenza dall’Occidente, e che la Russia “sta vincendo anche il gioco internazionale delle sanzioni”.

“I cinesi sono saltati sulla Russia, gli indiani fanno affari come non mai con la Russia, importanti paesi emergenti come Brasile e Sud Africa hanno lasciato l’Occidente — e il cancelliere federale è in viaggio in Sud Africa, è stato imbarazzato sul palco aperto, non vogliono sanzioni. Non vogliono nemmeno parlare di una guerra di aggressione”.

Weimer ha sottolineato che il presidente francese Emmanuel Il conciliante di Macron retorica di raggiungere una tregua con la Russia è un segnale che l’Europa ha perso terreno politico a causa del conflitto in Ucraina.

“Ciò significa che abbiamo perso anche questa lotta internazionale per la maggioranza. E temo che dobbiamo ammettere che, e poiché presumo che l’iniziativa di Macron sia basata su un’intuizione realpolitick, non possiamo vincere questa guerra, dobbiamo farla finita il più rapidamente possibile e questo è anche di grande valore per avviare una iniziativa”, ha detto Weimer.

“Questo è quello che in realtà mi aspetto dal nostro governo federale, proprio perché è stato così riluttante a mantenere aperto il canale per Mosca, Berlino deve effettivamente presentare un piano di pace e spero che il viaggio a Kiev si traduca in [German Chancellor Olaf Scholz] facendo così”, ha concluso.

Le sanzioni dell’Occidente contro la Russia si sono ritorte contro in modo spettacolare.

Il rublo russo è ora al massimo da 5 anni rispetto al dollaro USA, e Le nazioni europee sono state costrette a tagliare sempre più costosi petrolio e gas naturale precedentemente forniti dalla Russia.

E come ha notato Weimer, la Cina, l’India e altri paesi non occidentali lo hanno fatto ha accelerato il commercio con la Russia dall’entrata in vigore delle sanzioni.

Nel frattempo, a causa dei ruoli chiave dell’Ucraina e della Russia nella produzione alimentare globale, vale a dire grano e fertilizzanti – i prezzi dei generi alimentari negli Stati Uniti e in Europa sono aumentati drasticamente.

Il la maggior parte degli americani non sostiene l’intervento degli Stati Uniti nella guerra in Ucraina, e sono molto più preoccupati per la scarsa leadership del governo, l’aumento dell’inflazione e gli alti prezzi del gas, secondo un recente sondaggio Gallup.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Verità sociale: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Il mondo intero volta le spalle a Joe Biden e alla guerra in Ucraina



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il mondo intero volta le spalle a Joe Biden e alla guerra in Ucraina


Owen Shroyer spiega quanti paesi europei stanno rinunciando alla causa di aiutare l’Ucraina a combattere l’incursione russa, nonostante Biden cerchi di indurli a sostenere il regime fantoccio di Zelensky.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha accennato mercoledì che il sostegno della sua nazione all’Ucraina potrebbe presto volgere al termine, dicendo che la Francia ha “fatto tutto il possibile”.

Punti vendita di sinistra come il Washington Post e NBC hanno entrambi pubblicato articoli di recente che suggeriscono che Zelensky dovrebbe iniziare a considerare di negoziare con la Russia.

NBC Secondo quanto riferito, i funzionari statunitensi sono preoccupati per la traiettoria della guerra e per la posizione di Zelensky “lotta fino all’ultimo ucraino”.

Anche, secondo Rassegna Nazionalealti funzionari ucraini ritengono che il presidente Biden si stia preparando a incolpare Kiev per non aver ascoltato il suo avvertimento pre-invasione sui piani di guerra della Russia.

Gli ucraini affermano che questa mossa ha lo scopo di deviare dall’incapacità dell’amministrazione Biden di scoraggiare l’invasione russa.

Queste rivelazioni dei media mainstream e dei politici dell’establishment di tutto il mondo segnalano un cambiamento nell’atteggiamento nei confronti della guerra in Ucraina.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il governo tedesco etichetta il giornalista “criminale”, blocca il conto bancario per le notizie sulla guerra in Ucraina nel Donbas



Una giornalista tedesca indipendente è stata presa di mira dal suo governo per aver documentato le atrocità in corso da parte del governo ucraino nella regione del Donbas.

Alina Lipp afferma che il governo tedesco ha avviato un procedimento penale contro di lei e ha congelato i conti bancari di lei e di suo padre in attesa di un processo in cui le è vietato comparire per aver riferito dell’operazione militare russa nella regione del Donbas negli ultimi mesi.

“Sono un giornalista tedesco indipendente che vive a Donetsk. Vivo qui da sei mesi e sto raccontando ai tedeschi cosa sta succedendo nella regione del Donbas in Ucraina. E per questo, le autorità tedesche hanno iniziato a perseguitarmi”, ha spiegato Lipp in video.

“In primo luogo, hanno cancellato il mio materiale su Internet, poi hanno bloccato il mio conto bancario, bloccato il conto bancario di mio padre e ieri ho ricevuto questa lettera dalle autorità tedesche che ora hanno aperto un procedimento penale contro di me”.

Lipp ha esaminato i documenti del governo accusando la sua segnalazione del atti genocidi dell’Ucraina contro il popolo del Donbas regione in violazione della legge.

“Questi sono i documenti, e per i tedeschi, il sostegno all’operazione speciale della Russia in Ucraina è già un atto criminale, per il quale ovviamente puoi ottenere 3 anni di prigione”, ha detto Lipp.

“Quello che è interessante, alla fine della lettera, scrivono che non mi inviteranno a un’audizione perché ciò turberebbe le indagini. È molto interessante. Quindi mi stanno perseguitando ma non vogliono ascoltarmi”, ha aggiunto.

Nel frattempo, il governo ucraino aveva etichettato Lipp come un “terrorista russo” a marzo per il suo rapporto sul Donbas che ha minato la sua narrativa secondo cui l’Ucraina è la vittima.


Lipp non è l’unico giornalista europeo ad essere perseguitato dalle autorità occidentali per aver riportato eventi in Ucraina che non si adattano alla narrativa ufficiale.

Il giornalista indipendente britannico Graham Phillips è stato accusato dal parlamento di potenziali crimini di guerra intervistando un soldato britannico catturato dalle forze russe in Aprile.

Negli Stati Uniti, il governo ha risposto alle notizie sul conflitto in Ucraina che non si adattavano alla narrativa prescritta creando il cosiddetto “Comitato per la governance della disinformazione”, incaricato in parte di contrastare la “disinformazione” relativa all’Ucraina.

In particolare, l’ex presidente caduto in disgrazia del consiglio, Nina Jankowicz, aveva precedentemente consigliato al governo ucraino di farlo comunicazioni strategiche nel suo ruolo di titolare di una borsa di studio per le politiche pubbliche Fulbright-Clinton.

La libertà di stampa è effettivamente morta in Europa e sotto attacco negli Stati Uniti perché il dibattito aperto e la cronaca mettono in pericolo solo le narrazioni specifiche che i governi occidentali vogliono portare avanti.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Verità sociale: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Rapporto speciale: Difetti del comandante ucraino in Russia



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Gli Stati Uniti invieranno missili guidati pesanti in Ucraina


Gli Stati Uniti stanno inviando all’Ucraina missili guidati pesanti con una portata di 70 km da utilizzare con i lanciarazzi multipli HIMARS, ha rivelato martedì il sottosegretario alla Difesa per la politica Colin Kahl.

La Casa Bianca in precedenza aveva affermato che i lanciatori HIMARS sarebbero stati dotati di “munizioni da campo”, ampiamente intese come razzi non guidati con una portata più breve.

Il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità verrà fornito con razzi guidati GMLRS, ha detto Kahl martedì, parlando a una conferenza ospitata dal Center for New American Security (CNAS), un think tank legato ai Democratici per il quale lavorava.

“A volte, quando vedi immagini di MLRS che si attivano, è come se le salve di più razzi esplodano contemporaneamente. Non è così che dovrebbe funzionare questo sistema”, ha detto Kahl.

“Il GMLRS è una munizione guidata di precisione e una grande: una munizione da 500 libbre”, ha aggiunto. “Pensa a GMLRS più come l’effetto di un attacco aereo piuttosto che lanciare intere salve. Quindi, in altre parole, puoi fare molto con poco, o non hai bisogno di molto per avere un effetto significativo”.

Quando la Casa Bianca prima annunciato stava inviando lanciatori HIMARS in Ucraina il 1 giugno, ha detto che sarebbero stati armati con “munizioni da campo”, che è stato ampiamente interpretato come razzi di sbarramento con una portata compresa tra 32 km e 60 km, considerando che HIMARS è anche in grado di lanciare proiettili balistici con un’autonomia fino a 300 km.

“La portata non dipende dal sistema stesso, ma dai missili utilizzati”, ha affermato il presidente russo Vladimir ha detto Putin in un’intervista televisiva all’inizio di questo mese, aggiungendo che se gli Stati Uniti invieranno razzi a lungo raggio, la Russia “trarrà le conclusioni appropriate e userà le nostre armi, di cui abbiamo abbastanza, per colpire quegli oggetti che non abbiamo ancora colpito. ”

Anche se gli Stati Uniti inizialmente avevano promesso quattro lanciatori e affermato di essere stati “preposizionati” in Europa, secondo il Pentagono devono ancora raggiungere l’Ucraina. Il primo gruppo di artiglieri ucraini sta attualmente finendo il loro addestramento sui lanciatori, ha detto Kahl.

Il lanciatore HIMARS è dotato di un pod che può trasportare sei razzi GMLRS, secondo il loro produttore, Lockheed Martin. Il lanciatore M270, che il Regno Unito ha promesso all’Ucraina, trasporta due pod per il doppio del carico utile. Kahl non ha detto quanti razzi stavano inviando gli Stati Uniti.

Secondo il ministero della Difesa russo, dall’inizio del conflitto l’Ucraina ha perso oltre 500 sistemi di lancio di razzi multipli e più di 1.900 pezzi di artiglieria. Kiev ha implorato i suoi alleati in Occidente di fornire più armi e munizioni.

“Forniremo agli ucraini ciò di cui hanno bisogno per perseguire gli obiettivi all’interno del territorio ucraino che stanno cercando di perseguire”, ha detto Kahl alla fine delle sue osservazioni sull’HIMARS.

Lunedì, le autorità della Repubblica popolare di Donetsk hanno denunciato il bombardamento ucraino più pesante dal 2015, con attacchi “indiscriminati” sulla città di Donetsk che hanno provocato cinque vittime e quasi 40 feriti tra i civili. Tra i proiettili in arrivo c’erano munizioni da 155 mm usate dagli obici forniti all’Ucraina dagli Stati Uniti e da altri alleati della NATO, hanno detto le autorità della repubblica del Donbass, chiedendo ulteriore assistenza militare alla Russia.

Mosca ha condannato il bombardamento dei civili del Donbass come “assolutamente barbaro”. Un portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite ha definito il bombardamento di un ospedale per la maternità a Donetsk “un’evidente violazione del diritto umanitario internazionale”.

Dall’incontro con ogni genere e sessualità nello spettro a guardare uomini nudi twerking davanti ai bambiniPride DC era a dir poco un pasticcio pieno di alcol e erba.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Miami annuncia il riacquisto “nessuna domanda” per “togliere le armi dalle strade e inviarle in Ucraina”


Miami sta lanciando un “programma di riacquisto volontario di armi in tutta la città che toglierà le armi dalle strade e le invierà in Ucraina”, ha annunciato lunedì il sindaco di Miami Frances Suarez.

Descrivendo l’iniziativa come “davvero innovativa” e osservando che “non aveva mai sentito nessuno farlo”, Suarez detto in conferenza stampa che il previsto riacquisto di armi fosse una “idea geniale” per affrontare la “violenza armata in America”.

Il modo in cui le future vittime della violenza armata in Ucraina e nell’Europa orientale potrebbero sentirsi riguardo al previsto afflusso di armi non sembra aver influito nella decisione della città di Miami.

“Sia con le sparatorie di massa che con la violenza armata urbana, togliere le armi dalle nostre strade e darle a persone che ne hanno davvero bisogno, penso sia geniale, quindi, invece di riacquistare le nostre armi per scartarle, saremo mandandoli in guerra in Ucraina”.

Presentando l’evento come “un ottimo modo per mostrare il tuo sostegno nella lotta contro la violenza armata”, le autorità hanno affermato sul funzionario della città di Miami Pagina “Guns 4 Ucraina”. che “consegnare un’arma durante il riacquisto di armi fornisce la sicurezza di sapere che l’arma sarà adeguatamente smaltita o riassegnata per essere utilizzata a sostegno dell’Ucraina”.

I materiali promozionali indicano che coloro che consegnano le armi in base alla politica “senza fare domande” riceveranno buoni regalo che rappresentano una piccola frazione del valore effettivo delle armi da fuoco. Secondo i post ufficiali sui social media, i residenti che portano armi da fianco riceveranno buoni regalo da $ 50, coloro che inviano fucili o fucili riceveranno buoni regalo da $ 100 e i possessori di “fucili ad alta potenza” inclusi AK-47 e AR-15, il cui costo varia dal da $ 500 a metà $ 2000 – saranno ricompensati con una carta regalo del valore di $ 150.

Sono stati offerti pochi dettagli sulla logistica che sarebbe necessaria per raccogliere, valutare, pulire, classificare e spedire tali armi, per non parlare di come ci si potrebbe aspettare che le forze nazionaliste ucraine si addestrano sull’uso di un assortimento così casuale di armi.

Suarez ha anche annunciato che il dipartimento di polizia di Miami sta inviando “equipaggiamento di scorta in eccedenza” per aumentare quelle che ha definito “capacità di difesa” dei nazionalisti ucraini. Secondo quanto riferito, la spedizione includerà “30 maschere antigas, 44 caschi balistici, cinque giubbotti balistici, 34 tute antisommossa e 45 giubbotti catarifrangenti”.

Affermando che Miami “rimane incrollabilmente impegnata nei confronti dell’Ucraina”, Suarez ha dipinto le risoluzioni come una prova che la città sostiene “con azioni reali, non solo parole”, quella che ha definito “la lotta dell’Ucraina per la sua sovranità e la sua libertà” e per ciò che ha insistito sono “i suoi valori democratici”.

Tuttavia, resta da vedere se le future vittime delle armi che stanno inondando l’Ucraina vedranno le spedizioni di armi in modo simile.

Come capo dell’Interpol Jurgen Stock spiegato all’inizio di giugno, “Una volta che le armi tacciono [in Ukraine], arriveranno le armi illegali. Lo sappiamo da molti altri teatri di conflitto. Anche adesso, mentre parliamo, i criminali si stanno concentrando su di loro”.

Dall’incontro con ogni genere e sessualità nello spettro a guardare uomini nudi twerking davanti ai bambiniPride DC era a dir poco un pasticcio pieno di alcol e erba.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Gli Stati Uniti invieranno 1,5 miliardi di dollari in Ucraina mensilmente tra l’aumento dell’inflazione e l’aumento dei prezzi del gas


Il vice segretario di Stato americano per gli affari europei ed eurasiatici, Dereck Hogan, ha promesso che nei “prossimi quattro o cinque mesi”, l’amministrazione Biden stanzierà circa 1,5 miliardi di dollari al mese per il sostegno del governo ucraino, in una dichiarazione che arriva come l’inflazione non ha mostrato segni di allentamento in America.

La Federal Reserve statunitense sta attualmente lottando per far fronte all’impennata dell’inflazione del paese, che ha iniziato a raggiungere livelli che non si vedevano da decenni nel novembre 2021.

Parlando a una conferenza del gruppo di esperti Wilson Center con sede a Washington lunedì, Hogan ha affermato che dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina il 24 febbraio, circa 53,6 miliardi di dollari in assistenza, compresi gli aiuti militari, sono stati stanziati a Kiev dal Casa Bianca.

A parte le difficoltà economiche che stanno attraversando gli Stati Uniti, con l’inflazione e i prezzi medi del gas che hanno raggiunto nuovi massimi storici, il voto arriva sulla scia di rinnovate preoccupazioni che il denaro americano possa essere “dirottato” o “rubato”.

Il mese scorso, il senatore repubblicano Rand Paul ha chiesto la responsabilità fiscale sul denaro, sostenendo che “a meno che non mettiamo fine alla follia fiscale, un giorno di resa dei conti attende” gli Stati Uniti.

Il Wall Street Journal (WSJ) ha citato funzionari statunitensi per avvertire che, sebbene non vi siano casi di illeciti, sono necessari ulteriori sforzi per evitare che il denaro possa essere utilizzato in modo improprio. John Sopko, l’ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan, ha detto al WSJ in questo contesto che “anche se è una causa nobile, ci sarà un furto, […] cattiva condotta, [….]” e “[…] decisioni stupide che vengono prese”.

Le osservazioni sono state precedute dal presidente Joe Biden che ha firmato a maggio una legge per sostenere l’Ucraina con altri 40 miliardi di dollari in assistenza statunitense, con l’obiettivo di sostenere Kiev fino a settembre. Sminuisce una precedente misura di emergenza che ha fornito 13,6 miliardi di dollari.

La legislazione autorizza il Dipartimento della Difesa a spendere circa 20 miliardi di dollari per l’assistenza alla sicurezza per l’Ucraina, compresa la fornitura di equipaggiamento militare. Il disegno di legge fornirebbe anche quasi 9 miliardi di dollari in assistenza economica, oltre 4 miliardi di dollari in aiuti umanitari e altri 4 miliardi di dollari in finanziamenti militari esteri attraverso il Dipartimento di Stato.

I legislatori del Senato hanno approvato il disegno di legge con un voto di 86-11, con l’opposizione proveniente dai senatori repubblicani, tra cui Rand Paul e Josh Hawley, che hanno espresso preoccupazione per il potenziale impatto della legislazione sull’economia statunitense e altre priorità interne. Paul aveva precedentemente ritardato i tentativi di accelerare il conto, citando le preoccupazioni sulla spesa di miliardi di dollari in Ucraina a causa dell’aumento dell’inflazione e dell’interruzione delle catene di approvvigionamento negli Stati Uniti.

I dati del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti pubblicati alla fine della scorsa settimana hanno mostrato che l’inflazione in America ha raggiunto un tasso annualizzato dell’8,6% a maggio, il peggiore indice di questo tipo dal dicembre 1981.

La data indicava che il balzo dell’indice dei prezzi al consumo, un paniere di beni e servizi i cui prezzi sono misurati meticolosamente, è aumentato in modo più drammatico per l’energia, che è aumentata del 34,6% nel corso dell’anno, e il cibo, che è balzato del 10,1%. Secondo il Dipartimento del Lavoro, la cosiddetta “inflazione core”, che include tutti gli articoli tranne energia e cibo, è aumentata del 6% nel corso dell’anno.

Biden ha accusato fattori che vanno da la pandemia di coronavirus al presidente russo Vladimir Putin per spiegare l’impennata dell’inflazione negli Stati Uniti. La Casa Bianca ha respinto l’idea espressa da alcuni conservatori fiscali secondo cui la politica di pompare trilioni di nuovi dollari nell’economia grazie allo stimolo del COVID e l’ambizioso piano di spesa per le infrastrutture di POTUS potrebbero aver svolto un ruolo importante nell’innescare l’attuale crisi.

Il 24 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’inizio del un’operazione militare speciale di “smilitarizzare e de-nazificare” l’Ucraina in seguito alla richiesta di aiuto delle repubbliche del Donbass in mezzo ai crescenti attacchi contro di loro da parte dell’esercito ucraino, qualcosa che ha spinto gli Stati Uniti e i loro alleati a schiaffeggiare una serie di sanzioni “gravi” su Mosca.

Dall’incontro con ogni genere e sessualità nello spettro a guardare uomini nudi twerking davanti ai bambiniPride DC era a dir poco un pasticcio pieno di alcol e erba.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il presidente del Messico denuncia la guerra per procura della NATO “immorale” in Ucraina


Il presidente del Messico ha condannato l’approccio della NATO alla guerra in Ucraina, definendolo “immorale”.

“Com’è facile dire: ‘Ecco, ti mando così tanti soldi per le armi.’ Non si poteva evitare la guerra in Ucraina? Certo che potrebbe,” disse Il presidente Andrés Manuel López Obrador.

López Obrador non ha spiegato come, ma è giusto dire che una risoluzione pacifica si sarebbe incentrata sulla negoziazione di:

  • Una qualche forma di indipendenza per le province dell’Ucraina orientale di Donetsk e Luhansk
  • Un governo ucraino si impegna a non aderire alla NATO
  • Il riconoscimento dell’Ucraina che la Crimea ora fa parte della Russia

Le prospettive sempre più tristi per l’esercito ucraino ora sembrano indicare una fine negoziata della guerra che abbraccia gli stessi tre elementi, ma forse con Donetsk e Luhansk, che insieme costituiscono la regione del Donbas, si uniscono a titolo definitivo alla Russia.

Anche se è probabile che finiremo nella stessa posizione, o peggio, dal punto di vista occidentale, la Casa Bianca di Biden e i paesi membri della NATO si sono accontentati di condurre prima una guerra per procura per arricchire l’industria delle armi che ha avuto un terribile tributo umano sull’Ucraina, accoppiato con la guerra economica che sta causando disperazione e fame per le persone negli Stati Uniti, in Europa e in tutto il mondo.

La politica USA-NATO equivale a dire, “Io fornirò le armi e tu fornirai i morti” disse Lopez Obrador. “È immorale».

I suoi commenti arrivano mentre le forze russe continuano a farlo rafforzare la loro posizione nel Donbas, pur avendo già assicurato un “ponte continentale” di territorio che collega la Russia alla Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

Le osservazioni sono state la seconda dimostrazione di indipendenza di López Obrador da Washington negli ultimi giorni. La scorsa settimana, ha rifiutato di partecipare al Vertice delle Americhe ospitato dagli Stati Uniti, per protestare contro l’esclusione di Cuba, Nicaragua e Venezuela da parte di Biden.

Spiegando il suo rifiuto, López Obrador disse, “Credo nella necessità di cambiare la politica che si è imposta o secolare, l’esclusione, la voglia di dominare…la mancanza di rispetto per la sovranità dei paesi, l’indipendenza di ogni paese”.

Il Messico ha votato per una risoluzione delle Nazioni Unite che condanna l’invasione russa dell’Ucraina, ma López Obrador ha altrimenti proclamato: “La nostra postura è neutralità.”

López Obrador è un membro del partito Morena. Un mese dopo l’invasione russa dell’Ucraina, sei membri di Morena erano tra un gruppo di legislatori messicani che hanno lanciato un “Comitato dell’Amicizia Messico-Russia”, che ha applaudito l’ambasciatore russo Viktor Koronelli quando si è rivolto al gruppo a marzo.

“Per noi questo è un segno di sostegno, di amicizia, di solidarietà in questi tempi complicati in cui il mio Paese non sta affrontando solo un’operazione militare speciale in Ucraina, ma una tremenda guerra mediatica”, ha affermato Koronelli. La Russia non ha iniziato questa guerralo sta finendo.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Pentagono ammette silenziosamente di aver finanziato 46 laboratori biologici in Ucraina dopo mesi di rigetto delle accuse russe come propaganda


Il Pentagono ha rilasciato tranquillamente a promemoria Giovedì ammettendo il suo coinvolgimento nell’aiutare l’Ucraina a gestire 46 “laboratori, strutture sanitarie e siti diagnostici di malattie” negli ultimi vent’anni.

Il governo degli Stati Uniti aveva inizialmente negato l’esistenza di biolaboratori clandestini in Ucraina dopo il L’esercito russo ha accusato il governo di distruggere le prove della loro esistenza sulla scia dell’invasione dell’Ucraina in febbraio.

Ma non solo il Pentagono ora sta riconoscendo la loro esistenza, ma ha confermato di aver contribuito a finanziare questi biolab nell’ambito del Programma di riduzione delle minacce biologiche del Dipartimento della Difesa per “consolidare e proteggere i patogeni”, come affermato sul sito web dell’Ambasciata ucraina che è stato temporaneamente cancellato quando i rapporti sono emersi per la prima volta.

Dal Pentagono “Scheda informativa sugli sforzi di riduzione delle minacce di distruzione di massa con Ucraina, Russia e altri paesi dell’ex Unione Sovietica“:

“Gli Stati Uniti hanno anche lavorato in collaborazione per migliorare la sicurezza biologica, la protezione e la sorveglianza delle malattie dell’Ucraina per la salute umana e animale, fornendo supporto a 46 laboratori pacifici ucraini, strutture sanitarie e siti diagnostici delle malattie negli ultimi due decenni. I programmi di collaborazione si sono concentrati sul miglioramento della salute pubblica e delle misure di sicurezza agricola al nesso della non proliferazione”.

“Questo lavoro, spesso condotto in collaborazione con organizzazioni esterne, come l’OMS e l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), ha portato a una sorveglianza e all’individuazione delle malattie più sicure ed efficaci”.

Il Pentagono ha anche rivelato che alcuni di questi biolab in Ucraina sono stati utilizzati per prepararsi a “pandemie come il COVID-19”.

“Oggi, le collaborazioni in Ucraina rimangono sforzi pacifici per migliorare la sicurezza nucleare e radiologica, la sorveglianza delle malattie, la sicurezza e la protezione chimica e la disponibilità a rispondere a epidemie e pandemie come COVID-19”, ha affermato il Pentagono, sostenendo l’accusa della Russia secondo cui alcuni di questi biolab lo erano ricerca di campioni di coronavirus di pipistrello.

Poco dopo che la Russia ha sollevato la questione dei biolab clandestini in Ucraina, il Amministrazione Biden e il media è andato in pieno controllo dei danni, respingendo le affermazioni come “teorie del complotto” e “disinformazione russa”.

Ma Victoria Nuland, il sottosegretario per gli affari politici del Dipartimento di Stato, ha ammesso candidamente a marzo durante un’audizione al Congresso che L’Ucraina ha numerose “strutture di ricerca biologica”e che il governo degli Stati Uniti temeva che la Russia potesse tentare di ottenerne il controllo.

“L’Ucraina ha strutture di ricerca biologica di cui in realtà ora siamo piuttosto preoccupati che le forze russe possano cercare di ottenere il controllo, quindi stiamo lavorando con gli ucraini su come possono impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe dovrebbero si avvicinano,” confessò Nuland.

Le assicurazioni del Pentagono secondo cui i 46 biolab ucraini stanno conducendo ricerche “pacifiche” “coerenti con le norme internazionali per la sicurezza” sono state contraddetto dalla preoccupazione di Nuland che potessero cadere nelle mani dei russi.

“Qualsiasi tentativo di affermare che le strutture biologiche dell’Ucraina sono solo laboratori medici benigni e standard è negato dalla preoccupazione esplicitamente grave di Nuland che ‘Le forze russe potrebbero cercare di ottenere il controllo‘ quelle strutture e che quindi il governo degli Stati Uniti è, proprio in questo momento,’lavorando con gli ucraini su come possono impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe‘”, ha osservato il giornalista Glenn Greenwald.

In particolare, il laboratorio di Wuhan in Cina, dove il Covid-19 è potenzialmente sfuggito, è anche etichettato come una struttura di “ricerca” dall’establishment e dalla stampa, dimostrando ulteriormente che questi laboratori possono essere pericolosi.

In effetti, le forze armate russe hanno affermato di aver scoperto 30 laboratori biologici in Ucraina a marzo relativi alla ricerca sui patogeni, secondo al capo della difesa dalle radiazioni, chimica e biologica delle forze armate russe Igor Kirillov.

Russia implicato importanti aziende farmaceutiche come Pfizer e Moderna nel programma di biolab finanziato dal Dipartimento della Difesa, così come gli ex presidenti Barack Obama e Bill Clinton, il miliardario George Soros, la Fondazione Rockefeller e persino i Biden.

“Lo schema coinvolge le principali aziende farmaceutiche, tra cui Pfizer, Moderna, Merck e la società affiliata all’esercito statunitense Gilead. Gli esperti statunitensi stanno lavorando per testare nuovi farmaci che aggirano gli standard di sicurezza internazionali. Di conseguenza, le aziende occidentali stanno riducendo seriamente il costo dei programmi di ricerca e ottenendo un vantaggio competitivo significativo”.

“L’operazione militare speciale delle forze armate russe ha attraversato l’espansione biologico-militare degli Stati Uniti in Ucraina e ha interrotto gli esperimenti criminali sui civili”, conclude la dichiarazione.

Numerosi paesi alle riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per le accuse della Russia e chiese indagini indipendenti tramite l’articolo 6 della Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi biologiche, ma le nazioni occidentali hanno respinto le loro preoccupazioni.

Ora che il Pentagono ha confermato categoricamente l’esistenza in Ucraina di biolab finanziati dai contribuenti statunitensi, l’UNSC convocherà una riunione per chiedere nuovamente indagini indipendenti sulla questione?

Alex Jones analizza prima i dettagli del programma di riduzione delle minacce biologiche del Dipartimento della Difesa entrato in vigore nel 2005.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Laboratori di armi biologiche finanziati dal Pentagono in Ucraina




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Putin minaccia ufficialmente di bombardare le città occidentali se la NATO continua l’escalation in Ucraina



Alex Jones smentisce l’avvertimento del presidente russo Vladimir Putin di una guerra nucleare contro l’Occidente se la NATO continuerà ad aumentare le tensioni in Ucraina con spedizioni di armi più pesanti. Nel frattempo, l’agenda del Pride Month da parte di aziende e attivisti sta dando vita a un’ondata senza precedenti di eventi da drag queen rivolti ai bambini nel disperato tentativo di fare il lavaggio del cervello ai giovani mentre i genitori sono consapevoli delle iniziative LGBT integrate nelle scuole di tutto il paese.

Resta aggiornato su questo rapporto epico che abbatte il satanismo e l’occulto:

Ottieni la tua moneta d’argento “Come And Take It”, l’ultima della serie dei membri fondatori di Infowars, fino ad esaurimento scorte!


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Regno Unito in attesa del via libera dagli Stati Uniti per inviare un sistema missilistico a lungo raggio in Ucraina – Rapporto


Il Regno Unito è in attesa dell’approvazione degli Stati Uniti per la consegna di sistemi missilistici a lancio multiplo M270 a medio raggio in Ucraina, Politico ha segnalatocitando una fonte dichiarata a conoscenza della materia e un documento contenente la proposta.

Joe Biden ha autorizzato la consegna di quattro M142 High Mobility Artillery Rocket Systems (HIMARS) in Ucraina mercoledì, con le armi che si dice siano già preposizionate in Europa per un rapido dispiegamento a Kiev. Gli HIMARS inviati dagli Stati Uniti utilizzeranno munizioni con una portata di 80 km, non i 300 km offerti dalle munizioni a più lungo raggio del sistema.

Si dice che il primo ministro Boris Johnson abbia parlato con la sua controparte statunitense della questione mercoledì, con un seguito che sarà tenuto giovedì dal ministro degli Esteri britannico Liz Truss e dal segretario di Stato Antony Blinken.

È necessaria l’approvazione formale di Washington poiché gli Stati Uniti hanno in atto restrizioni sulla riesportazione della piattaforma di armi di fabbricazione americana.

L’M270 è un lanciarazzi multiplo cingolato semovente introdotto a metà degli anni ’80 ed è prodotto dal gigante della difesa statunitense Lockheed Martin.

L’MLRS ha un raggio di tiro effettivo compreso tra 32 e 70 km e una portata massima fino a 300 km se dotato del sistema missilistico tattico dell’esercito MGM-140 (ATACMS), una munizione che gli Stati Uniti hanno finora rifiutato di inviare all’Ucraina per paura di provocare la Russia.

L’HIMARS è una versione più leggera e aggiornata dell’M270 sviluppato nel 2010, che trasporta sei razzi, rispetto ai 12 di quest’ultimo sistema, e trasportato a bordo di autocarri leggeri. Gli Stati Uniti hanno utilizzato l’M270 durante le guerre di aggressione in Iraq e Afghanistan, mentre l’HIMARS è stato schierato in Iraq e Siria, apparentemente per “combattere Daesh” (ISIS) e il governo siriano negli anni 2010.

Gli HIMARS sono gestiti dall’esercito americano, dalla guardia nazionale e dal corpo dei marines e dagli eserciti di Romania, Giordania, Emirati Arabi Uniti e Singapore. L’artiglieria è trasportabile da piccoli aerei da trasporto C-130. I vecchi M270 sono gestiti da una miriade di nazioni della NATO, oltre a Giappone e Corea del Sud, Israele, Bahrain, Arabia Saudita, Qatar ed Egitto.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha criticato Kiev per le sue richieste che la NATO invii i sistemi di artiglieria missilistica a lungo raggio in Ucraina, bollando l’appello come una “provocazione diretta” e avvertendo che la mossa potrebbe aggravare il conflitto.

“Tali rischi, ovviamente, esistono. Ciò che il regime di Kiev chiede – inequivocabilmente e in modo da maestro, dai suoi mecenati occidentali. In primo luogo, va oltre ogni limite della decenza e della comunicazione diplomatica. E in secondo luogo, è una provocazione diretta coinvolgere l’Occidente nelle ostilità”, ha detto mercoledì Lavrov durante una visita in Arabia Saudita.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato la scorsa settimana che l’Ucraina ha urgente bisogno dell’artiglieria MLRS per fermare l’avanzata militare di Vladimir Putin.

Alla fine di aprile, l’esercito russo ha avvertito Londra che avrebbe ricevuto una “risposta proporzionale” se le armi britanniche fossero state utilizzate dall’Ucraina per attaccare obiettivi all’interno della Russia dopo che il ministro delle forze armate James Heappey aveva affermato che il Regno Unito avrebbe considerato tali attacchi un gioco equo.

Se non siamo disposti a riunirci e sorvegliare legalmente i nostri leader eletti allora non meritiamo la libertà.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

USA impegnati in operazioni informatiche “offensive” contro la Russia in Ucraina: direttore della NSA



L’esercito americano ha rilasciato un’ammissione sbalorditiva, ma forse non del tutto inaspettata, di aver condotto offensivo operazioni informatiche a sostegno dell’Ucraina.

Segna il primo riconoscimento in assoluto e suggerisce, come molti osservatori sospettavano da tempo, un ruolo del Pentagono e dell’intelligence statunitense in Ucraina contro l’esercito russo più profondo di quanto si pensasse in precedenza.

Lo hanno detto al Regno Unito la National Security Agency (NSA) e il direttore del Cyber ​​Command degli Stati Uniti, il generale Paul Nakasone Notizie del cielo mercoledì, “Abbiamo condotto una serie di operazioni su tutto lo spettro: offensive, difensive, [and] operazioni di informazione”. Ciò include “operazioni di hacking offensivo”, ha affermato.

Senza fornire dettagli specifici, ha continuato: “Il mio compito è fornire una serie di opzioni al segretario alla Difesa e al presidente, quindi è quello che faccio”. È importante sottolineare che il generale Nakasone ha rilasciato l’intervista dal paese baltico alleato Estonia, da cui provengono altre operazioni di supporto, inclusi i trasferimenti di armi per l’Ucraina.

Ha parlato dei principali tentativi dei russi di lanciare attacchi informatici devastanti dal punto di vista infrastrutturale contro l’Ucraina, dicendo: “E lo abbiamo visto per quanto riguarda l’attacco ai loro sistemi satellitari, attacchi wiper che sono stati in corso, attacchi dirompenti contro i loro processi governativi”.

“Questo è il pezzo che penso a volte manchi al pubblico. Non è che non siano stati molto occupati, sono stati incredibilmente occupati. E penso, sai, che la loro resilienza sia forse la storia che intriga di più tutti noi”, ha detto, descrivendo la risposta ucraina.

Per quanto riguarda il supporto che gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina in vista dell’invasione russa, ha fatto riferimento il direttore della NSA il seguente:

Nakasone ha detto in precedenza la sua agenzia schierato una squadra di “caccia in avanti”. a dicembre per aiutare l’Ucraina a rafforzare le sue difese e reti informatiche contro le minacce attive. Ma le sue ultime osservazioni sembrano essere la prima volta che un funzionario statunitense ha affermato pubblicamente che gli Stati Uniti sono stati coinvolti in operazioni informatiche offensive in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

E come ogni potente membro dello stato profondo della comunità dell’intelligence, ha fatto riferimento ai presunti tentativi del Cremlino di influenzare le elezioni statunitensi. “Abbiamo avuto l’opportunità di iniziare a parlare di ciò che in particolare i russi stavano cercando di fare nelle nostre elezioni di medio termine. L’abbiamo visto di nuovo nel 2020, mentre parlavamo di cosa avrebbero fatto russi e iraniani, ma su scala ridotta”.

“La capacità per noi di condividere tali informazioni, essere in grado di garantire che siano accurate, tempestive e utilizzabili su scala più ampia è stata molto, molto potente in questa crisi”, ha aggiunto nell’intervista.

Nonostante l’intera macchina militare e dell’intelligence russa sia attualmente trincerata e impegnata a portare a termine la guerra di oltre 3 mesi in Ucraina, al pubblico americano viene inoltre detto che Mosca sta ora osservando “interferenze” nel prossimo semestre del prossimo autunno.

Secondo La collina: “Gli esperti hanno avvertito che la Russia probabilmente dispiegherà le sue operazioni informatiche nelle elezioni di medio termine del 2022, che potrebbero assumere forme diverse, comprese campagne di disinformazione e hacking elettorale. Gli esperti hanno anche affermato che il playbook della Russia è dividere gli Stati Uniti lungo le linee del partito e sopprimere l’affluenza alle urne”. Tuttavia, è ridicolo pensare che in qualche modo serva un attore straniero per “dividere” gli Stati Uniti “secondo le linee del partito”, come se si trattasse di un fenomeno nuovo.

Se non siamo disposti a riunirci e sorvegliare legalmente i nostri leader eletti allora non meritiamo la libertà.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La Russia minaccia di annientare gli Stati Uniti con 4 missili Satan II sulla guerra per procura in Ucraina


I media statali russi hanno minacciato che il presidente Vladimir Putin potrebbe “distruggere l’intera costa orientale degli Stati Uniti” con solo due missili nucleari Sarmat “Satan II” se l’Occidente continua a intensificare la guerra in Ucraina.

L’agghiacciante avvertimento è stato lanciato martedì nel programma mediatico russo Rossiya 1 dal membro del parlamento russo Alexei Zhuravlev, il quale ha spiegato che la Russia potrebbe lanciare solo quattro missili Sarmat per distruggere completamente la costa orientale e occidentale degli Stati Uniti.

“Ti dirò con assoluta competenza che per distruggere l’intera costa orientale degli Stati Uniti, sono necessari due missili Sarmat”, ha detto Zhuravlev. “E lo stesso vale per la costa occidentale. Quattro missili e non resterà più niente”.

“Pensano che il fungo atomico sarà più alto di un grattacielo. Quel fungo atomico sarà visibile dal Messico”, ha aggiunto.

I media statali russi hanno lanciato una minaccia altrettanto bizzarra all’inizio di questo mese, avvertendo che potrebbe lanciare un attacco nucleare subacqueo da 100 megaton nel Regno Unito ha affermato che avrebbe prodotto un enorme tsunami radioattivo.

Queste osservazioni inquietanti dei media russi arrivano appena il giorno dopo che la Russia ha testato il suo ipersonico antinave Missile Zirconeche può viaggiare fino a nove volte la velocità del suono a una distanza di 620 miglia.

Il mese scorso la Russia ha testato il suo missile balistico intercontinentale Sarmat, che può volare per 11.000 miglia con un carico utile di 15 testate nucleari.

Il lancio dei missili Satan II, ha detto Putin, servirà da “spunto di riflessione per coloro che cercano di minacciare la Russia”.

Fortunatamente, Joe Biden ha detto che l’avrebbe fatto non approvare di inviare sistemi missilistici a lungo raggio in Ucraina, che secondo la Russia avrebbero attraversato una “linea rossa”.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

ATTENZIONE: il governo degli Stati Uniti si prepara al fallout nucleare



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Qual è la fine del gioco di Biden in Ucraina?


La scorsa settimana, il presidente Biden ha firmato una massiccia fattura di aiuti militari da 40 miliardi di dollari per l’Ucraina. Chi se ne frega che l’inflazione stia uccidendo l’economia americana e le madri non possono nemmeno prendere il latte artificiale. Per Washington, la spesa per la guerra e l’impero sembra sempre avere la meglio sugli interessi dell’America.

Per mettere in prospettiva questo giveaway all’Ucraina: solo dalla fine di febbraio, gli Stati Uniti hanno fornito quasi 60 miliardi di dollari in “assistenza” all’Ucraina. Questa è quasi la metà dell’intero PIL 2020 di quel paese! Washington ha letteralmente adottato l’Ucraina in nostro nome ea nostro piacimento.

L’amministrazione Biden afferma che l’Ucraina sta vincendo la guerra con la Russia e che tale spesa per proteggere i confini dell’Ucraina è fondamentale per i nostri interessi nazionali e vale la pena rischiare una guerra nucleare.

Ma proteggere la democrazia ucraina non è più l’obiettivo dichiarato dell’amministrazione. Il segretario alla Difesa Austin ha delineato non molto tempo fa la nuova intenzione dell’amministrazione quando ha affermato che il vero obiettivo è indebolire la Russia.

I neocon di Biden stanno combattendo una guerra con la Russia, ma ancora una volta il Congresso non ha alcun interesse a votare su una dichiarazione di guerra e nemmeno a discutere se la guerra con la Russia a 30 anni dalla fine della Guerra Fredda sia una buona idea.

C’è una ragione per cui la nostra Costituzione concede poteri di guerra al potere legislativo. Costringere i membri della Camera e del Senato a dichiarare gli Stati Uniti in stato di guerra consente loro anche, attraverso i poteri della borsa, di definire gli obiettivi della guerra e in particolare l’aspetto di una vittoria. Ciò impedisce il tipo di missione strisciante e obiettivi mutevoli che hanno caratterizzato le nostre infinite guerre nel 21° secolo, inclusa questa attuale guerra per procura con la Russia.

Anche i media mainstream statunitensi stanno iniziando a notarlo. La scorsa settimana il comitato editoriale del New York Times ha pubblicato un editoriale intitolato originariamente “Qual è la strategia americana in Ucraina?” lamentando che l’amministrazione Biden non ha ancora risposto a nessuna domanda al popolo americano in merito al suo coinvolgimento in Ucraina.

Mentre, come ci si poteva aspettare, il giornale ha attaccato gli “isolazionisti” al Congresso degli Stati Uniti che si sono opposti all’omaggio di $ 40 miliardi, la redazione del NY Times ha comunque registrato quello che può essere visto solo come il primo grande segno di dissenso tra le solite cheerleader della guerra dei media .

Scrissero:

…non è ancora nel migliore interesse dell’America lanciarsi in una guerra totale con la Russia, anche se una pace negoziata potrebbe richiedere all’Ucraina di prendere alcune decisioni difficili. E gli obiettivi e la strategia degli Stati Uniti in questa guerra sono diventati più difficili da discernere, poiché i parametri della missione sembrano essere cambiati.

Pur avvertendo che l’interesse degli americani per l’Ucraina comincerà a svanire senza maggiore chiarezza da parte di Washington sui suoi obiettivi, il giornale ha continuato contraddicendo direttamente le previsioni dell’amministrazione Biden di una vittoria dell’Ucraina:

Una vittoria militare decisiva per l’Ucraina sulla Russia, in cui l’Ucraina riconquista tutto il territorio che la Russia ha conquistato dal 2014, non è un obiettivo realistico.

Il Congresso – con pochissime eccezioni – ha aperto un rubinetto finanziario al governo di Kiev senza fare una sola domanda su come e perché i soldi devono essere spesi. Quando il senatore Paul ha semplicemente chiesto a qualcuno di tenere traccia dei 60 miliardi di dollari che abbiamo spedito laggiù, è stato accolto con un’opposizione quasi unanime.

Una fornitura infinita di denaro dei contribuenti statunitensi all’Ucraina con zero obiettivi dichiarati e zero supervisione. Non è il momento di alzarsi e chiedere che entrambi i partiti al Congresso inizino a porre alcune domande difficili?

Questo articolo è apparso per la prima volta a RonPaul Institute.org.


Il Nuovo Ordine Mondiale prepara il suo attacco finale

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il generale geriatrico a quattro stelle incolpa i “troll russi” dopo aver pubblicato filmati di videogiochi sostenendo che si trattava di un vero combattimento in Ucraina



MSNBC L'”analista militare” e il generale a quattro stelle Barry McCaffrey hanno accusato i “troll russi” e gli “amici di Putin su Twitter negli Stati Uniti” per averlo preso in giro dopo aver pubblicato filmati di videogiochi e aver affermato che si trattava di un jet russo abbattuto in Ucraina.

Il post originale ora cancellato può essere visto di seguito:

Dopo essere stato criticato online, McCaffrey è andato su Twitter, scrivendo: “Ho ritwittato un falso video di combattimento dell’UKR che in realtà proveniva da un videogioco. Errore prontamente cancellato quando corretto. Ha generato un massiccio attacco di troll russi. Ha anche generato una reazione offensiva da parte degli amici di Putin su Twitter negli Stati Uniti”.

Il macho militare ha affermato di aver ricevuto una “reazione abusiva” dai cattivi guerrieri della tastiera di Twitter.

La giornalista indipendente Eva Bartlett ha scherzato: “Quindi, suppongo che tutti voi siate ‘troll russi’ perché avete contestato @mcaffreyr3 (il generale a 4 stelle dei videogiochi) l’uso di un videogioco come prova dei successi militari dell’Ucraina”.

Anche il famigerato idiota e guerrafondaio Max Boot ha pubblicato il filmato falso e lo ha cancellato dopo aver appreso che proveniva da un videogioco.

Ha fatto eco all’affermazione che coloro che lo hanno deriso per aver diffuso notizie false sono “troll pro-Trump/pro-Russia” e ha chiesto ironicamente quando “tutti questi troll [will] scusarsi per tutte le bugie che hanno diffuso.?”

La sinistra è così affamata di spingere la narrativa secondo cui l’Ucraina sta vincendo la guerra contro la Russia che non vede nemmeno l’ora di verificare se ciò che sta condividendo è reale.





Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Senato blocca le ore del pacchetto di aiuti alle piccole imprese da 48 miliardi di dollari prima di passare 40 miliardi di dollari in aiuti in Ucraina



I senatori statunitensi hanno mostrato i loro veri colori giovedì, bloccando un disegno di legge bipartisan per fornire 48 miliardi di dollari alle piccole imprese americane colpite dalla pandemia di Covid ore prima di approvare un pacchetto da 40 miliardi di dollari per dichiarare guerra alla Russia attraverso l’Ucraina.

Oltre a lasciare indietro i cittadini a favore degli ucraini, il stampa di ulteriori $ 40 miliardi di dollari non aiuterà il già crescente tasso di inflazione dell’America.


Biden ha affermato che il pacchetto consentirà agli Stati Uniti di “inviare ancora più armi e munizioni in Ucraina”.

In effetti, il segretario di Stato Antony Blinken ha annunciato che l’amministrazione Biden ha approvato ulteriori 100 milioni di dollari in armi per addolcire l’accordo.

I critici repubblicani della proposta di aiuti alle piccole imprese erano preoccupati che i 48 miliardi di dollari avrebbero esacerbato l’inflazione, eppure ogni senatore che ha votato contro il pacchetto ha votato per il pacchetto di aiuti per l’Ucraina.

Almeno gli undici senatori che hanno votato contro il pacchetto Ucraina sono rimasti fedeli alle loro convinzioni e hanno anche votato contro gli aiuti alle piccole imprese.

Parlando del pacchetto di aiuti alle piccole impreseil senatore Rand Paul (R-Ky.) ha dichiarato: “I democratici devono svegliarsi e rendersi conto che scaricare più denaro nell’economia è semplicemente versare benzina da 5 dollari al gallone su un fuoco già fuori controllo”.

Riguardo al pacchetto per l’Ucraina, Paul ha scritto su Twitter: “Se il Congresso credesse davvero che dare all’Ucraina 40 miliardi di dollari sia nel nostro interesse nazionale, potrebbe facilmente pagarlo tassando ogni contribuente di $ 500. La mia ipotesi è che scelgano di prendere in prestito i $ bc gli americani potrebbero semplicemente decidere di aver bisogno di $ 500 in più per pagare il gas.

Parlando con Newsmax giovedì, Paul ha criticato le politiche democratiche per alimentare l’inflazione, dicendo: “La causa dell’inflazione è prendere in prestito troppi soldi e far stampare i soldi dalla Federal Reserve. Devi smettere di prenderlo in prestito”.

Il governo sta spendendo soldi come se non ci fosse un domani; forse sanno qualcosa che noi non sappiamo.




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Francia, Germania e Italia chiedono una pace negoziata in Ucraina



Il “Daily Dispatch” di martedì copre i tentativi di negoziare un accordo di pace da parte di Francia, Germania e Italia, nonché la carenza di formule per bambini in corso.

Rimani aggiornato su tutte le principali notizie di oggi guardando questo segmento di “The American Journal”.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il generale a quattro stelle cancella il tweet che spaccia un videogioco come filmato della guerra in Ucraina


MSNBC sta diffondendo notizie false sul conflitto Ucraina-Russia utilizzando filmati stilizzati di videogiochi.

Sì davvero.

L'”analista militare” della MSNBC e il generale a quattro stelle Barry McCaffrey lunedì hanno condiviso una clip del videogioco del 2015 “Arma 3”, sostenendo che si trattava di filmati reali delle forze ucraine che abbattono un aereo russo.

“Aerei russi vengono inchiodati dalla difesa missilistica UKR. I russi stanno perdendo un gran numero di aerei d’attacco. La difesa aerea dell’UKR sta diventando formidabile”, si è vantato McCaffrey su Twitter.

McCaffrey ha cancellato il tweet ore dopo dopo una considerevole presa in giro online, ma non prima che il propagandista della CNN Max Boot lo avesse ritwittato.

Il filmato ha anche informato lo spettatore che si tratta di una breve clip del videogioco “Arma 3”, che mostra un MiG-29 russo che viene abbattuto da un sistema di difesa aerea.

Purtroppo, questa non è la prima volta che la fazione filo-ucraina ha spinto i videogiochi come vera propaganda di guerra in Ucraina.

Negli ultimi mesi il governo ucraino ha rilasciato due clip di videogiochi separate per la propaganda.

Il primo video ora cancellato pubblicato dal Ministero della Difesa ucraino pretende di mostrare le forze russe che vengono fatte saltare in aria, ancora una volta utilizzando le riprese del videogioco Arma 3.

L’altra clip di propaganda mostra la Torre Eiffel distrutta dai caccia russi.

“La famosa Torre Eiffel a #Parigi o la Porta di Brandeburgo a #Berlino rimarrebbero in piedi sotto i bombardamenti senza fine delle truppe russe?” ha detto Verkhovna Rada dell’Ucraina. “Pensi che non ti riguardi? Oggi è l’#Ucraina, domani sarà tutta l’#Europa. La Russia non si fermerà davanti a nulla”.

Meno male che il Congresso degli Stati Uniti ha appena stanziato 40 miliardi di dollari in assistenza militare all’Ucraina: ora possono pubblicare videogiochi quasi infiniti che cercano di passare per filmati di guerra!


I media ingannevoli nascondono o distorcono la verità



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Rand Paul ritarda il “voto rapido” sul pacchetto Ucraina da $ 40 miliardi



Il senatore Rand Paul (R-Ky.) ha messo un freno al pacchetto di aiuti per l’Ucraina da 40 miliardi di dollari dell’amministrazione Biden giovedì dopo essersi opposto a un accordo presentato dal leader della maggioranza al Senato Charles Schumer (DN.Y.) e dal leader della minoranza Mitch McConnell ( R-Ky.) che avrebbe avuto il voto del Senato per approvare la mozione questo pomeriggio.

Paul ha bloccato i voti in modo da poter provare a inserire nel testo del disegno di legge un linguaggio che garantisse a un ispettore generale il controllo sulla spesa approvata nel disegno di legge.

Il senatore Paul ha detto al paese: “Il mio giuramento è alla Costituzione degli Stati Uniti, non a nessuna nazione straniera. E, per quanto solidale sia la causa, il mio giuramento è rivolto alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America. Non possiamo salvare l’Ucraina condannando l’economia statunitense”.

Donald Trump Jr. ha detto che abbiamo bisogno di più persone come Rand Paul al Senato, sottolineando che il complesso militare-industriale e gli addetti ai lavori della DC che ricevevano tangenti dai produttori di armi erano quelli sconvolti allo stallo.

Il Senato dovrà ora attendere la prossima settimana per provare ad approvare il disegno di legge.

La sinistra, e alcuni RINO, erano prevedibilmente arrabbiati con Paul per essere rimasto fedele alle sue convinzioni.




La sinistra sosterrà ciecamente qualsiasi guerra fintanto che il suo candidato sarà al potere.





Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Possibile “scenario siriano” in Ucraina, avverte la Russia


Mosca ha accusato le autorità ucraine di complottare per utilizzare armi di distruzione di massa (WMD) per incastrare l’esercito russo.

L’incidente verrebbe utilizzato per attivare a “Scenario siriano” indagine per falsificare le prove e attribuire la colpa, ha detto mercoledì il tenente generale Igor Kirillov, capo della Forza russa di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica.

“Il ministero della Difesa russo dispone di informazioni sulla preparazione di provocazioni con l’obiettivo di accusare le forze armate russe di utilizzare armi di distruzione di massa, seguite da un’indagine ‘scenario siriano’, che consente di fabbricare le prove necessarie e di incolpare assegnato,” Kirillov ha detto, apparentemente in riferimento agli eventi che circondano il presunto attacco chimico del 2018 a Douma, in Siria.

A quel tempo, Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno immediatamente incolpato il governo di Damasco e hanno lanciato attacchi sul territorio siriano prima che potesse svolgersi un’indagine. La successiva indagine dell’OPCW, che ha anche attribuito la colpa a Damasco, è stata segnata da incongruenze e uno scandalo di informatori.

Kiev si stava preparando a inscenare un incidente chimico ben prima dello scoppio del conflitto in corso tra Russia e Ucraina alla fine di febbraio, ha affermato il funzionario.

“L’elevata probabilità di tali provocazioni è confermata dalle richieste dell’amministrazione di Kiev per la fornitura di dispositivi di protezione individuale per la pelle e gli organi respiratori che forniscono protezione contro sostanze chimiche tossiche e agenti biologici”, Ha aggiunto.

“I fatti della fornitura di antidoti ai veleni organofosforici all’Ucraina sono preoccupanti. Solo nel 2022, su richiesta del Ministero della Salute ucraino, sono state consegnate dagli Stati Uniti oltre 220.000 fiale di atropina”.

Mosca ha ripetutamente accusato Kiev di aver cercato di organizzare un attacco sotto falsa bandiera per incolpare le truppe russe. Alla fine di aprile, Kirillov ha delineato “tre scenari” per il potenziale utilizzo delle armi di distruzione di massa da parte delle forze di Kiev. A quel tempo, ha detto che un attacco sotto falsa bandiera contro i civili o “un atto di sabotaggio sui siti ucraini coinvolti nello sviluppo dei componenti delle armi di distruzione di massa” erano i più probabili.

Altre opzioni presumibilmente considerate da Kiev includono il “discreto” uso di armi di distruzione di massa “in piccole quantità” così come il “uso aperto delle armi di distruzione di massa sul campo di battaglia”. Quest’ultimo, tuttavia, sarebbe il meno probabile, ha osservato Kirillov.

La Russia ha attaccato lo stato vicino a seguito della mancata attuazione da parte dell’Ucraina dei termini degli accordi di Minsk, firmati per la prima volta nel 2014, e dell’eventuale riconoscimento da parte di Mosca delle repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk. I protocolli mediati tedesco e francese sono stati progettati per conferire alle regioni separatiste uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

Da allora il Cremlino ha chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai al blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata e ha negato le affermazioni che intendeva riprendere le due repubbliche con la forza.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La guerra in Ucraina è diventata la guerra americana?


La scorsa settimana, fonti sono trapelate al New York Times che, nel prendere di mira e uccidere i generali russi da parte dell’Ucraina e nell’affondare l’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, l’intelligence statunitense ha svolto un ruolo indispensabile.

A quanto pare, il nostro personale di intelligence ha identificato e localizzato per le forze ucraine ciò che è diventato l’obiettivo dei loro attacchi mortali.

Il motivo per cui l’intelligence statunitense lo farebbe sembra inspiegabile.

Rivendicando il merito dei successi militari più visibili dell’Ucraina, sminuiamo i risultati delle proprie forze di quel paese.

Vantando pubblicamente di aver aiutato a progettare l’uccisione di generali russi e l’affondamento dell’incrociatore Moskva, deridiamo il presidente russo Vladimir Putin. Lo induciamo a vendicarsi in natura contro di noi, sollevando così la possibilità di una più ampia guerra USA-Russia che potrebbe degenerare nella terza guerra mondiale.

Inoltre, gli Stati Uniti che si vantano in questo modo giocano proprio nella narrativa di Putin secondo cui la Russia sta affrontando e combattendo in Ucraina un’alleanza guidata dagli Stati Uniti che intende schiacciare la Russia.

In effetti, perché stiamo andando oltre l’assistenza agli ucraini per difendersi, per fare la guerra di questo americano?

Quando la portavoce Nancy Pelosi è arrivata in Polonia dopo la sua visita a Kiev, ha virtualmente abbracciato l’idea della guerra Ucraina-Russia come ora della guerra americana, dichiarando: “L’America sta con l’Ucraina. Restiamo con l’Ucraina fino a quando la vittoria non sarà conquistata”.

Ad accompagnare Pelosi a Kiev c’era una delegazione di House Democrats, uno dei quali, il rappresentante Jason Crow del Colorado, ha fatto eco a Pelosi in Polonia:

“Gli Stati Uniti d’America sono in questo per vincere”.

La loro visita è seguita a quella del Segretario alla Difesa Lloyd Austin, che è uscito da Kiev e ha dichiarato gli obiettivi strategici degli Stati Uniti nella guerra in Ucraina:

“Vogliamo vedere la Russia indebolita nella misura in cui non può fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina”.

Queste dichiarazioni dei leader statunitensi rafforzano la linea di Putin secondo cui la Russia è assediata da un’alleanza occidentale guidata dagli Stati Uniti che teme e detesta Madre Russia e desidera vederla sconfitta e sminuita.

I nostri nemici in Occidente che cercano di distruggere la Russia sono come quelli che abbiamo combattuto nella Grande Guerra Patriottica del 1941-1945, afferma Putin. E l’intervento in Ucraina era necessario per impedire ai neonazisti di oggi di trascinare l’Ucraina nella loro più ampia cospirazione per distruggere la Russia.

Consideriamo le parole di Putin di una settimana fa:

“Le forze che hanno sempre perseguito una politica di contenimento della Russia… non vogliono un Paese così grande e indipendente, troppo grande per le loro idee… Credono che li metta in pericolo semplicemente per il fatto della sua esistenza, anche se questo è lontano dalla realtà. Sono loro che mettono in pericolo il mondo”.

Siamo odiati per chi e cosa siamo, dice Putin. E la nostra operazione militare è un atto di legittima difesa contro lo stesso tipo di “sporcizia nazista” che abbiamo combattuto nella Grande Guerra Patriottica.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov descrive la recente ondata di pesanti spedizioni di armi occidentali in Ucraina come “la NATO… entra in guerra con la Russia attraverso un procuratore e arma quel procuratore”.

Eliminando i repubblicani dalla sua delegazione a Kiev, Pelosi sembra voler fare della guerra non solo la guerra americana, ma la causa del suo partito.

Questo sembra essere anche un motivo dietro al fatto che Biden ha superato consapevolmente qualsiasi leader occidentale nel linguaggio che usa su Putin, definendolo un “assassino”, un “dittatore omicida”, un “delinquente puro”, un “macellaio”, una “guerra criminale”, colpevole di “genocidio”, che “per amor di Dio… non può rimanere al potere”.

Tale linguaggio è progettato per mostrare Biden come il principale anti-Putinista del mondo e il più moralmente indignato di tutti i leader mondiali per ciò che la Russia sta facendo in Ucraina.

Ma, ancora una volta, come il pubblico che si vanta degli agenti di intelligence statunitensi sul nostro ruolo nell’affondamento della Moscova e nell’uccisione dei generali russi, l’effetto è quello di squalificare il presidente degli Stati Uniti da qualsiasi ruolo nel negoziare una tregua o la fine di questa guerra.

Come possiamo trarre vantaggio dall’assenza di comunicazioni da leader a leader con il Cremlino, che il presidente John F. Kennedy ha mantenuto nella crisi dei missili cubani per porvi fine?

La NATO Europa, che sta sostenendo la resistenza ucraina, non è d’accordo con i piani degli Stati Uniti per paralizzare la Russia in modo permanente.

L’America deve riconoscere che i nostri obiettivi in ​​questa guerra non sono gli stessi dell’Ucraina.

Il presidente Volodymyr Zelenskyy vorrebbe che gli Stati Uniti si tuffassero e combattessero al fianco di Kiev, devastassero e sconfiggessero l’esercito russo ed espellessero la Russia non solo dalle regioni invase quest’anno, ma anche dalla Crimea, che Putin ha annesso nel 2014.

Gli interessi vitali dell’America in questa guerra, tuttavia, sono di impedire che diventi una guerra USA-Russia o una terza guerra mondiale o una guerra nucleare.

L’obiettivo degli Stati Uniti di imporre una schiacciante sconfitta dell’aggressione russa è secondario rispetto al nostro interesse molto più vitale nell’evitare una guerra USA-Russia.

Gli interessi dell’America sono meglio serviti da una pace anticipata e negoziata. Un tale obiettivo esclude l’imposizione di condizioni umilianti alla Russia, che fanno sì che Mosca e Putin aumentino militarmente – per sopravvivere politicamente.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I democratici abbandonano i fondi COVID per portare 40 miliardi di dollari in Ucraina



I Democratici del Congresso si stanno affrettando a raccogliere 39,8 miliardi di dollari in ulteriori aiuti all’Ucraina, dopo aver accettato di abbandonare una proposta per ulteriori finanziamenti relativi al COVID-19 che avevano pianificato di combinare.

Il pacchetto, che supera la richiesta di 33 miliardi di dollari del presidente Joe Biden ad aprile, potrebbe ricevere un voto alla Camera non appena martedì, con i Democratici al Senato che indicano di essere pronti a muoversi rapidamente secondo Reuters.

Biden il 28 aprile ha chiesto al Congresso 33 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina, inclusi oltre 20 miliardi di dollari in assistenza militare. Quella proposta è stata una drammatica escalation dei finanziamenti statunitensi per la guerra con la Russia. leggi di più

La nuova proposta include ulteriori 3,4 miliardi di dollari per aiuti militari e 3,4 miliardi di dollari in aiuti umanitari, affermano le fonti. -Reuters

Mentre gli aiuti di emergenza per l’Ucraina hanno avuto un sostegno bipartisan per settimane, le controversie sui fondi interni per l’assistenza alla pandemia, o se dovrebbero essere inclusi controlli sull’immigrazione più rigidi, hanno ritardato il processo.

“Non possiamo permettere che le nostre spedizioni di assistenza si interrompano mentre attendiamo ulteriori azioni del Congresso”, si legge in una dichiarazione del presidente Biden, che ha invitato i legislatori ad accelerare il finanziamento in modo che possa firmarlo entro i prossimi giorni.

L’urgenza arriva dopo che il segretario di Stato Antony Blinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin hanno inviato una lettera alla presidente della Camera Nancy Pelosi e al capo repubblicano della Camera Kevin McCarthy chiedendo i fondi, che secondo loro sarebbero esauriti in due settimane.

“Abbiamo bisogno del tuo aiuto”, hanno scritto Austin e Blinken, che hanno detto che erano rimasti “solo” 100 milioni di dollari da un’autorizzazione presidenziale delle armi (che non richiedeva l’approvazione del Congresso).

“Ci aspettiamo di esaurire tale autorità entro e non oltre il 19 maggio 2022”, continua la lettera.

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha detto ai giornalisti di essere contento che l’assistenza ucraina sia stata disaccoppiata dagli aiuti COVID-19. Aveva sostenuto ripetutamente un disegno di legge “pulito” dell’Ucraina nei discorsi al Senato. -Reuters

Alcuni democratici, come il senatore n. 2 Dick Durban, non erano contenti della decisione.

“Sarebbe stato molto meglio per noi proteggere gli Stati Uniti e lavorare per proteggere l’Ucraina”, ha affermato Durban, aggiungendo che separare gli aiuti dell’Ucraina dagli aiuti COVID-19 “non aiuta. Mettere insieme quei due sarebbe stato positivo”.

Biden ha voluto togliere dal disegno di legge gli aiuti per il COVID, dicendo lunedì che gli era stato consigliato che avrebbe rallentato l’azione “sugli aiuti ucraini urgentemente necessari”.

Bill Gates e il World Economic Forum lo sono stai pianificando di sostituire il tuo cibo con prodotti geneticamente modificati e carne allevata in laboratorio.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I democratici abbandonano i fondi COVID per portare 40 miliardi di dollari in Ucraina



I Democratici al Congresso lo sono precipitandosi in avanti per raccogliere 39,8 miliardi di dollari in ulteriori aiuti all’Ucrainadopo aver accettato di abbandonare una proposta per ulteriori finanziamenti relativi al COVID-19 che avevano pianificato di combinare.

Il pacchetto, che supera la richiesta di 33 miliardi di dollari del presidente Joe Biden ad aprile, potrebbe ricevere un voto alla Camera già martedìcon i Democratici del Senato che indicano di essere pronti a muoversi rapidamente secondo Reuters.

Biden il 28 aprile ha chiesto al Congresso 33 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina, inclusi oltre 20 miliardi di dollari in assistenza militare. Quella proposta è stata una drammatica escalation dei finanziamenti statunitensi per la guerra con la Russia. leggi di più

La nuova proposta include ulteriori 3,4 miliardi di dollari per aiuti militari e 3,4 miliardi di dollari in aiuti umanitari, affermano le fonti. -Reuters

Mentre gli aiuti di emergenza per l’Ucraina hanno ricevuto per settimane un sostegno bipartisan, le controversie sui fondi nazionali per l’assistenza in caso di pandemia, o se dovrebbero essere inclusi controlli sull’immigrazione più rigidi, hanno ritardato il processo.

“Non possiamo permettere che le nostre spedizioni di assistenza si interrompano mentre attendiamo ulteriori azioni del Congresso”, si legge in una dichiarazione del presidente Biden, che ha invitato i legislatori ad accelerare il finanziamento in modo che possa firmarlo entro i prossimi giorni.

L’urgenza arriva dopo che il segretario di Stato Antony Blinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin hanno inviato una lettera alla presidente della Camera Nancy Pelosi e al capo repubblicano della Camera Kevin McCarthy chiedendo i fondi, che dissero si sarebbero esauriti in due settimane.

“Abbiamo bisogno del tuo aiuto”, hanno scritto Austin e Blinken, che hanno detto che erano rimasti “solo” 100 milioni di dollari da un’autorizzazione presidenziale delle armi (che non richiedeva l’approvazione del Congresso).

“Ci aspettiamo di esaurire tale autorità entro e non oltre il 19 maggio 2022”, continua la lettera.

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha detto ai giornalisti di essere contento che l’assistenza ucraina sia stata disaccoppiata dagli aiuti COVID-19. Aveva sostenuto ripetutamente un disegno di legge “pulito” dell’Ucraina nei discorsi al Senato. -Reuters

Alcuni democratici, come il senatore n. 2 Dick Durban, non erano contenti della decisione.

“Sarebbe stato molto meglio per noi proteggere gli Stati Uniti e lavorare per proteggere l’Ucraina”, ha affermato Durban, aggiungendo che separare gli aiuti dell’Ucraina dagli aiuti COVID-19 “non aiuta. Mettere insieme quei due sarebbe stato positivo”.

Biden ha voluto togliere dal disegno di legge gli aiuti per il COVID, dicendo lunedì che gli era stato consigliato che avrebbe rallentato l’azione “sugli aiuti ucraini urgentemente necessari”.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Zelensky voleva la guerra con la Russia, l’Occidente incoraggiava il conflitto in Ucraina


Luiz Inacio Lula da Silva, che è stato presidente di sinistra del Brasile dal 2003 al 2010, è tornato trionfalmente alla grande politica brasiliana poco più di un anno fa dopo che la corte suprema del paese latinoamericano lo ha scagionato dalle accuse di corruzione e riciclaggio di denaro, permettendogli di candidarsi presidente ancora una volta.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky voleva davvero una guerra con la Russia, altrimenti avrebbe negoziato molto prima dell’inizio dell’operazione militare speciale del Cremlino, secondo l’ex presidente del Brasile e candidato alle nuove elezioni, Luiz Inacio Lula da Silva.

In un’intervista alla rivista Time pubblicato su Mercoledì, Lula (come è più comunemente noto) ha discusso un’ampia gamma di problemi globali e del suo paese d’origine, inclusa la crisi in Ucraina in corso.

“Voleva la guerra. Se non avesse voluto la guerra, avrebbe negoziato un po’ di più. Questo è tutto,” disse Lula.

Spiegando la sua posizione, Lula ha attirato l’attenzione sulle continue trasmissioni di Zelensky in tutto il mondo, rivolgendosi a quasi tutto il pubblico e ricevendo regolarmente standing ovation. L’ex presidente del Brasile ha detto che “a volte mi siedo e guardo il presidente dell’Ucraina parlare in televisione, essere applaudito, ottenere una standing ovation da tutti [European] parlamentari”.

“Questo ragazzo è responsabile come Putin per la guerra. Perché in guerra non c’è solo una persona colpevole”, ha proseguito. “[T]il suo presidente dell’Ucraina avrebbe potuto dire: ‘Dai, smettiamola di parlare di questa faccenda della NATO, dell’adesione all’UE per un po’. Discutiamo un po’ di più prima.’”

Alla domanda se pensa che Zelensky avrebbe dovuto continuare i negoziati prima del lancio dell’operazione militare speciale il 24 febbraio e anche prima, l’ex presidente ha osservato che la condotta del presidente ucraino “è un po’ strano.”

“Sembra che faccia parte dello spettacolo. È in televisione mattina, mezzogiorno e sera. È nel parlamento del Regno Unito, del parlamento tedesco, del parlamento francese, del parlamento italiano, come se stesse conducendo una campagna politica. Dovrebbe essere al tavolo delle trattative”, ha spiegato Lula.

Secondo lui, nessuno “sta cercando di aiutare a creare la pace”. Lula ha anche notato che le persone incitano all’odio nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, ma “questo non risolverà le cose!”

“Dobbiamo raggiungere un accordo”, ha affermato. “Ma le persone sono incoraggianti [the war]. Stai incoraggiando questo ragazzo [Zelensky], e poi pensa di essere la ciliegina sulla torta. Dovremmo avere una conversazione seria: ‘OK, sei stato un simpatico comico. Ma non facciamo la guerra per farti apparire in TV.’ E dovremmo dire a Putin: ‘Hai molte armi, ma non hai bisogno di usarle sull’Ucraina. Parliamo!'”

In particolare, parlando del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Lula ha ammesso di averlo rispettato per le sue proposte di politica economica, anche se “non è sufficiente annunciare il programma, devi eseguirlo”. E secondo quanto riferito, Biden sta attraversando un “momento difficile”.

Inoltre, Lula ritiene che il presidente americano non abbia dimostrato leadership rispetto alla crisi Russia-Ucraina.

“Gli Stati Uniti hanno molto potere politico”, ha spiegato. «E Biden avrebbe potuto evitarlo [the war], non lo ha incitato. Avrebbe potuto parlare di più, partecipare di più. Biden avrebbe potuto prendere un aereo per Mosca per parlare con Putin. Questo è il tipo di atteggiamento che ti aspetti da un leader. Intervenire affinché le cose non escano dai binari. Non credo che l’abbia fatto”.

Inoltre, Lula ha espresso l’opinione che Biden non sarebbe stato tenuto a fare alcuna “concessione” alla Russia se avesse fatto uno sforzo per negoziare.

“Nello stesso modo in cui gli americani hanno convinto i russi a no mettere i missili a Cuba nel 1961, Biden avrebbe potuto dire: ‘Parleremo un po’ di più. Non vogliamo l’Ucraina nella NATO, punto e basta’. Non è una concessione”, ha detto l’ex presidente.

Secondo Lula, “noi politici raccogliamo ciò che seminiamo”.

“Non è solo Putin ad essere colpevole. Anche gli Stati Uniti e l’UE sono colpevoli. Qual è stato il motivo dell’invasione dell’Ucraina? Nato? Quindi gli Stati Uniti e l’Europa avrebbero dovuto dire: “L’Ucraina non entrerà a far parte della NATO”. Ciò avrebbe risolto il problema”, ha sottolineato.

Inoltre, ha criticato i politici europei per aver incitato l’attuale situazione instabile.

“Gli europei avrebbero potuto dire: ‘No, ora non è il momento per l’adesione dell’Ucraina all’UE, aspetteremo.’ Non hanno dovuto incoraggiare il confronto”, ha offerto.

I commenti di Lula arrivano mentre il Brasile si sta preparando per una resa dei conti nelle elezioni presidenziali dell’ottobre 2022 tra il politico del Partito dei Lavoratori e l’attuale presidente brasiliano di destra Jair Bolsonaro.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Gli ultimi video della guerra in Ucraina documentano la distruzione di Mariupol


Giornalisti indipendenti in Ucraina documentano la vita quotidiana dei cittadini che da mesi si trovano nel mezzo di una guerra mortale.

Il reporter americano e veterano militare Patrick Lancaster ha pubblicato mercoledì un video su YouTube che mostra le conseguenze di un razzo che ha colpito un edificio scolastico nella regione di Donetsk.

Schermata YouTube di Patrick Lancaster

La traiettoria dell’esplosione sembra che il proiettile sia stato lanciato dal territorio ucraino in quella che le forze armate ucraine sapevano essere una scuola.

Il preside della scuola ha confermato che il missile è stato lanciato dal territorio controllato dall’UAF e ha detto che i loro droni sorvolano continuamente, quindi sanno a cosa stanno mirando.

Nel complesso, l’amministratore ha affermato di non essere sicura se stessero sparando a obiettivi civili di proposito, per incidente o come fuoco di risposta.

Il secondo rapporto di Lancaster di mercoledì ha catturato la scena mentre i vigili del fuoco lavoravano per spegnere un enorme incendio iniziato dopo che un’artiglieria ucraina o un attacco missilistico hanno colpito un importante impianto petrolifero in un’altra città fuori Donetsk.

Schermata YouTube di Patrick Lancaster

Un uomo che lavora nello stabilimento ha detto con riluttanza a Lancaster che probabilmente l’esercito ucraino ha bombardato il luogo, chiedendo: “Chi altro potrebbe bombardare?”

I cittadini hanno paura di parlare contro il governo ucraino perché potrebbero esserlo radunato da una militarizzazioned forze di polizia e portato in carcere per un massimo di quindici anni.

Diversi lavoratori hanno affermato che non è possibile che l’UAF abbia scambiato l’impianto per una struttura militare e un uomo ha detto di non sapere perché bombardano la propria gente.

“Forse vogliono distruggere tutto finché non rimane nulla, l’infrastruttura. Forse per lasciare le persone senza lavoro”, ha ipotizzato l’uomo del posto.

Il giornalista indipendente britannico Graham Phillips ha pubblicato sabato un rapporto che evidenzia alcune delle distruzioni nella città di Mariupol.

Phillips è stato in grado di catturare alcune viste sorprendenti della città e dell’acciaieria Azovstal dove gli ultimi resti del battaglione neonazista Azov si sono rintanati per mesi.

Schermata YouTube di Graham Phillips

Lunedì, il giornalista britannico ha attraversato Mariupol e ha filmato mentre le esplosioni risuonavano in sottofondo e i soldati morti giacevano a terra.

Phillips ha filmato mentre il suo gruppo distribuiva cibo e provviste alle persone sofferenti della città.

Il filmato catturato da Phillips dal lunedì al mercoledì mostra l’acciaieria Azovstal da uno dei punti panoramici più vicini visti finora.

Schermata YouTube di Graham Phillips

Il giornalista e il cameraman hanno rischiato di essere presi di mira dai cecchini Azov per ottenere il filmato.

Un’altra dimostrazione irrispettosa da parte dell’UAF è arrivata questa settimana quando i soldati russi morti sono stati disposti nella forma della lettera Z dopo che l’Ucraina ha riconquistato un territorio precedentemente controllato dalla Russia.

Mentre i media mainstream ignorano la distruzione della regione del Donbas e i crimini di guerra commessi nell’area da UAF, Infowars, altri media alternativi e giornalisti coraggiosi come Lancaster e Phillips stanno esponendo la crisi umanitaria.


Alex Jones descrive in dettaglio le tattiche naziste adottate dal presidente ucraino Zelensky dopo aver dichiarato la legge marziale allo scoppio della guerra.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Trump è l’unico statista occidentale a spingere per porre fine alla guerra in Ucraina



L’intellettuale di sinistra Noam Chomsky ha affermato durante una recente intervista che c’è solo “uno statista occidentale di statura” che spinge per porre fine alla guerra in Ucraina: Donald Trump.

Il professore di linguistica ha espresso le sue osservazioni in una recente intervista, una clip della quale è stata pubblicata su Twitter dal giornalista Glenn Greenwald.

“Beh, fortunatamente c’è uno statista negli Stati Uniti e in Europa… che ha fatto una dichiarazione molto sensata su come risolvere la crisi, ovvero facilitando i negoziati invece di indebolirli e muovendosi verso la creazione di una sorta di sistemazione in Europa, disse Chomsky.

L’autore ha continuato descrivendo un piano introdotto per la prima volta da George HW Bush – Partnership for Peace – che garantirebbe che la NATO non si espanda ulteriormente verso est e “si muova verso un mondo senza alleanze militari”.

Chomsky che l’unica persona di spicco che sosteneva un “passaggio verso i negoziati e la diplomazia invece di intensificare la guerra” era “Donald J. Trump”.

Questa non è la prima volta che un alto esponente di sinistra ha citato Trump come qualcuno le cui politiche avrebbero fermato una guerra in primo luogo o l’avrebbero portata a una rapida fine.

Come noi evidenziato il mese scorso, Marie Yovanovitch, l’ex ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina, ha ammesso che non ci sarebbe stata alcuna guerra se Trump fosse rimasto al potere, ma che questa era una brutta cosa.

“Penso che Trump avrebbe fornito a Putin abbastanza di ciò che voleva che forse non avrebbe invaso”, ha detto Yovanovitch.

Un articolo del Washington Post pubblicato il mese scorso ammesso che personalità di spicco all’interno della NATO vogliono prolungare il conflitto il più a lungo possibile

Come noi segnalato all’inizio di oggi, Trump ha lasciato un altro accenno al fatto che ha intenzione di correre di nuovo nel 2024 durante una manifestazione “Salva l’America” ​​a Greenwood, nel Nebraska.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Noam Chomsky afferma che Trump è l’unico “statista occidentale di statura” in cerca di una soluzione diplomatica in Ucraina



Durante una recente intervista, il filosofo e attivista politico contro la guerra Noam Chomsky ha sorpreso molti quando ha elogiato Donald Trump come “l’unico statista occidentale di statura” alla ricerca di una soluzione diplomatica alla guerra in Ucraina.

“Fortunatamente c’è uno statista negli Stati Uniti e in Europa che si è presentato, una persona di alta figura politica, che ha fatto una dichiarazione molto sensata su come risolvere la crisi”, ha detto Chomsky. “Ovvero facilitando i negoziati invece di indebolirli e muovendosi verso la creazione di una sorta di sistemazione in Europa in cui non ci siano alleanze militari, ma solo sistemazioni reciproche”.

Ha continuato: “È qualcosa come il primo George Bush proposto negli anni ’90 dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ha proposto quello che hanno chiamato un partenariato per la pace che sarebbe stato aperto agli europei in generale, anche agli euroasiatici. Non eliminerebbe la NATO, ma manterrebbe la promessa che la NATO non si espanderà a est”.

Questa mossa creerebbe un’EurAsia senza alleanze militari, secondo Chomsky.

Tornando al “uno statista occidentale” a cui alludeva in precedenza, Chomsky ha detto: “Ha suggerito qualcosa di simile. Spostati verso negoziati e diplomazia invece di intensificare la guerra. Prova a vedere se potresti realizzare una sistemazione che sarebbe più o meno in questo modo. Il suo nome è Donald J. Trump.

Questa ammissione di Chomsky è degna di nota considerando le sue continue battute contro il 45° presidente quando era in carica.

Gli utenti scioccati di Twitter hanno preso i commenti di Chomsky come un segno di quanto siano andate male le cose per l’affitto sotto l’amministrazione Biden.






Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link