Archivi tag: teoria

La Cina si ribalta dopo che l’OMS afferma che la teoria delle perdite di laboratorio necessita di ulteriori studi


La Cina è furiosa dopo un giovedì rapporto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha concluso che mentre Covid-19 lo è probabile dagli animali, sono necessari ulteriori studi per spiegare come è saltato sugli esseri umani, inclusa la possibilità di una perdita di laboratorio.

Un gruppo di esperti convocato dal gruppo di consulenza scientifica dell’OMS ha raccomandato “ulteriori indagini” sulla teoria delle perdite di laboratorio e ha osservato che “non sono stati resi disponibili nuovi dati” per trarre conclusioni.

La raccomandazione è un netto allontanamento dall’iniziale dell’agenzia rapportoche ha stabilito che un’origine di laboratorio era “estremamente improbabile”.

“Tutte le ipotesi devono rimanere sul tavolo fino a quando non avremo prove che ci consentano di escludere o escludere determinate ipotesi”, disseIl direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa del 9 giugno. “Questa marca[s] è tanto più urgente che questo lavoro scientifico sia tenuto separato dalla politica».

Come la Tempi d’epoca osserva, il rapporto afferma in una nota a piè di pagina che tre membri del panel provenienti da Russia, Brasile e Cina si sono opposti alle raccomandazioni, affermando che “non ci sono prove scientifiche” per mettere in discussione la precedente conclusione della commissione del marzo 2021.

Il rapporto è stato scritto da un team, chiamato Scientific Advisory Group for the Origins of Novel Pathogens (SAGO), incaricato di consigliare l’OMS sulle indagini sugli agenti patogeni che potrebbero innescare la prossima pandemia, oltre a studiare le origini dell’attuale pandemia.

Il gruppo di 27 membri era stabilito lo scorso autunno a seguito delle critiche di una dozzina di paesi che sollevato preoccupazioni sullo studio sulle origini del COVID-19 dell’OMC, a causa della mancanza di trasparenza e di accesso a dati cruciali dalla Cina.

Dati chiave mancanti

Il rapporto preliminare di 52 pagine afferma che mancano ancora “pezzi chiave di dati” per determinare come è iniziata la pandemia di COVID-19.

Il gruppo ha affermato che i dati attuali suggeriscono un’origine zoonotica del nuovo coronavirus. Il virus geneticamente correlato più vicino era il beta coronavirus identificato nei pipistrelli in Cina e Laos, ha aggiunto.

“Tuttavia, finora non sono stati identificati né i progenitori del virus né gli ospiti naturali/intermedi o l’evento di ricaduta sugli esseri umani”, ha affermato.

Il gruppo di consulenza scientifica ritiene che il mercato del pesce di Huanan a Wuhan, dove sono state registrate le prime infezioni in Cina, “abbia svolto un ruolo importante all’inizio dell’amplificazione della pandemia”. Il team ha chiesto ulteriori studi su informazioni come campioni ambientali e animali prelevati dal mercato.

Nell’estate del 2021, l’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale ha valutato che un’agenzia di intelligence statunitense ha stabilito con “moderata fiducia” che il virus molto probabilmente è emerso da un laboratorio del governo cinese a Wuhan.

La Cina è incazzata

Come la Esaminatore di Washington note, funzionari cinesi sbattuto il rapporto – con il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian detto venerdì che la teoria non era altro che una menzogna politicamente motivata guidata da sentimenti “anti-cinesi”.

La teoria della perdita di laboratorio è totalmente una bugia inventata dalle forze anti-cinesi per scopi politici, che non ha nulla a che fare con la scienza“, ha affermato, aggiungendo “Abbiamo sempre sostenuto e partecipato alla tracciabilità globale dei virus basata sulla scienza, ma ci siamo fermamente opposti a qualsiasi forma di manipolazione politica”.

Zhao ha quindi suggerito che il virus abbia effettivamente avuto origine in un laboratorio militare statunitense, citando “laboratori altamente sospetti come Fort Detrick.”

Altro tramite il Tempi d’epoca:

Jamie Metzl, che fa parte di un gruppo consultivo dell’OMS non correlato, ha suggerito che il Gruppo dei Sette nazioni industrializzate abbia istituito la propria indagine sulle origini del COVID-19, affermando che l’OMS non ha l’autorità politica, la competenza e l’indipendenza per condurre una valutazione così critica.

Metzl ha accolto con favore la richiesta dell’OMS di un’ulteriore indagine sulla possibilità di una perdita di laboratorio, ma ha affermato che era insufficiente.

“Tragicamente, il governo cinese si rifiuta ancora di condividere i dati grezzi essenziali e non consentirà il necessario controllo completo dei laboratori di Wuhan”, ha detto all’Associated Press. “Ottenere l’accesso a queste informazioni è fondamentale sia per capire come è iniziata questa pandemia che per prevenire future pandemie”.

A Washington, una sottocommissione alla Camera dei rappresentanti sulla pandemia di COVID-19 a guida repubblicana ha scritto in un tweet: “Gli americani sono stati diffamati come ‘teorici della cospirazione’ per aver chiesto se il #COVID19 provenisse da una perdita di laboratorio. Ora, l’OMS si sta ponendo le stesse domande”.

“ABBIAMO BISOGNO DI RISPOSTE”, ha aggiunto il comitato, guidato dal rappresentante Steve Scalise della Louisiana.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’Organizzazione Mondiale della Sanità finalmente ammette che la teoria della perdita di laboratorio COVID è una possibilità


Per due anni, le istituzioni mediche governative e globali come il CDC e l’OMS insieme a truffatori come Anthony Fauci hanno fatto riferimento all’argomento secondo cui il Covid-19 è trapelato dal laboratorio di virologia di Wuhan, in Cina (l’unico laboratorio di livello 4 in Asia) come un “teoria di cospirazione.”

Per due anni, i media mainstream e le piattaforme di social media Big Tech lo hanno fatto ha chiesto la censura totale di chiunque cerchi di discutere le prove.

L’OMS è stata un’avida protettrice del governo cinese e ha respinto qualsiasi affermazione di essere stata coinvolta nello sviluppo di virus correlati al covid attraverso il guadagno della ricerca funzionale.

Ora, all’improvviso, il CHI è disposto per dare un’occhiata seria alla teoria e ammette che mancano ancora diversi pezzi importanti dal puzzle di origine.

È difficile dire perché si sia verificato questo brusco cambiamento di atteggiamento, ma ora è molto difficile negare i fatti.

Da tempo sono aumentate le prove che il virus è stato almeno indotto a esistere attraverso processi di mutazione, se non addirittura progettato. Covid-19 è un 96% di corrispondenza a un campione di virus raccolto e conservato nel laboratorio di Wuhan per diversi anni. Questo stesso ceppo virale non esiste naturalmente da nessuna parte vicino a Wuhan, solo in laboratorio, e la discrepanza del 4% potrebbe essere spiegata dal guadagno della ricerca sulla funzione.

Tale ricerca è ora a FATTO confermatoed è stato finanziato per anni da Anthony Fauci, NIH, NIAID e istituzioni correlate.

L’unica “prova” a sostegno della teoria del mercato umido dell’origine del covid viene dal governo cinese, che ha un interesse acquisito a mentire sulla situazione e non ha ancora rilasciato dati accurati sulle morti per covid all’interno del paese. L’affermazione era essenzialmente sfatato dai ricercatori cinesi quando sono stati scoperti più casi di infezioni precoci tra persone che non avevano contatti con il mercato di Wuhan. Numerose prove ora supportano la teoria della perdita di laboratorio, un’argomentazione avanzata dai media alternativi durante l’intero corso della pandemia e per la quale siamo stati costantemente attaccati.

L’OMS ammetterà mai che lo scenario più probabile per l’epidemia di covid è una perdita di laboratorio dall’enorme laboratorio di virologia di livello 4 a Wuhan, specializzato nella ricerca sul guadagno covid della funzione?

No, non lo faranno.

Ma ora cercheranno di agire come se stessero intrattenendo l’idea perché se non lo fanno perderanno tutta la credibilità nel processo. Molti ricercatori sostengono che è già troppo tardi per questo.

I media mainstream continuano a perpetuare numerose falsità sul covid e hanno costruito una complessa narrativa di presupposti e indicazioni sbagliate per negare la realtà. Col passare del tempo, sempre più la narrativa originale va in pezzi.

La macchina per il “controllo dei fatti” viene smascherata come una macchina di propaganda e le persone che difendono la VERA scienza, la vera logica e i dati reali possono essere consapevoli del fatto che, quando la verità viene svelata, anche qualsiasi istituzione che ha perpetuato le bugie sarà smascherata a lungo termine.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

‘Gli elitari vogliono un governo mondiale unico; Non è una teoria del complotto’


Il senatore Rand Paul è apparso su Fox News giovedì e ha discusso di ciò che è in corso Raduno del World Economic Forum a Davos Svizzerasottolineando che non è una teoria del complotto suggerire che l’organizzazione stia cercando un governo mondiale unico, piuttosto è “nella loro dichiarazione di intenti”.

Paul ha esortato che “Il vero pericolo qui è ancora più pericoloso di tutto il loro falso interesse per l’impronta di carbonio, il vero pericolo è questo; guarda quanto è cattivo il tuo governo in un paese in cui puoi votare per queste persone.

“Questo sarebbe un governo, un governo mondiale in cui non puoi votare per nessuno. Questo è il peggior incubo di tutti”, ha affermato Paul, riferendosi alla ‘penetrazione’ del WEF, per citare il suo capo Klaus Schwab, nei governi nazionali.

“La burocrazia che abbiamo problemi nei nostri Stati Uniti perché non possiamo votarli, votiamo indirettamente”, ha detto Paul, aggiungendo “Riesci a immaginare la burocrazia mondiale di tutti questi elitari e dei loro jet privati ​​che farebbero governi il nostro paese e non potremmo votare?

Il senatore ha continuato: “Quindi sono assolutamente contrario a questo e loro chiamavano le persone che parlavano di un governo mondiale dicevano che è una cospirazione. Diciamo sempre di no, è nella loro dichiarazione di intenti”.

“Lo dicono ad ogni incontro. Ecco a cosa servono”, ha proclamato Paul, aggiungendo “mancanza di sovranità significa mancanza di libertà, significa mancanza di reattività ed è completamente antitetico a tutto ciò che rappresenta il nostro paese”.

Guadare:

Guarda l’ultimo video su foxnews.com

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chuck Schumer sbatte Fox News per aver coperto la teoria della “grande sostituzione”.


Il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer ha inviato una lettera a Fox News esortando la società a cessare la copertura delle teorie che affermano che esiste una sostituzione della popolazione bianca che ha preso piede dopo la sparatoria di massa mortale a Buffalo da parte di un presunto suprematista bianco.

“Vi esorto a cessare immediatamente l’amplificazione sconsiderata della cosiddetta teoria della ‘Grande Sostituzione’ nelle trasmissioni della vostra rete”, ha detto Schumer nella lettera martedì.

“Pochi giorni fa a Buffalo, un uomo bianco ha ucciso dieci persone in un supermercato nella parte orientale prevalentemente nera della città. In un manifesto pubblicato online, l’individuo responsabile di questo odioso omicidio ha scritto che gli acquirenti provenivano da una cultura che cercava di “sostituire etnicamente la mia stessa gente”.”

Gli spettatori di Fox News sono quasi tre volte più propensi a credere nella teoria della “Grande Sostituzione” rispetto ad altre reti, ha affermato Schumer nella lettera, citando un recente sondaggio AP. Quasi un terzo degli adulti negli Stati Uniti crede che un gruppo di persone stia cercando di sostituire gli americani nati negli Stati Uniti con gli immigrati a scopo elettorale, rivelano i risultati dello stesso sondaggio.

Il commentatore politico della Fox Tucker Carlson, a cui è stata inviata la lettera, ha successivamente invitato Schumer al suo spettacolo per discutere la lettera, ma Schumer ha rifiutato l’invito e ha ribadito la sua richiesta per lo spettacolo di Carlson specificamente di interrompere la promozione della teoria della sostituzione.

“[Tucker Carlson] mi ha invitato al suo spettacolo stasera per discutere della lettera che ho inviato “, ha detto Schumer tramite Twitter martedì. “Sto declinando. Tucker Carlson deve smetterla di promuovere la pericolosa e razzista “teoria della sostituzione”.

Lo scambio arriva a seguito di una sparatoria di massa presumibilmente perpetrata dal diciottenne Payton Gendron, che si ritiene abbia anche scritto un manifesto descrivendo le convinzioni dei suprematisti bianchi come motivazione per scatenarsi in un supermercato di Buffalo e uccidere dieci persone.

L’FBI ha qualificato la sparatoria come un crimine d’odio di matrice razziale e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito l’incidente come terrorismo interno.

Discutendo di come le politiche di Biden abbiano avuto un effetto negativo sul pubblico, Alex Jones ha invitato i repubblicani a introdurre articoli di impeachment contro il presidente fantoccio democratico per salvare il Paese.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biden esorta gli americani a rifiutare la stessa “teoria della sostituzione” che una volta ha avanzato



Il presidente Joe Biden ha esortato gli americani a rifiutare la stessa “teoria della sostituzione” demografica che una volta ha citato come “fonte della nostra forza” e qualcosa di cui essere “orgoglioso”.

Sì davvero.

Biden ha fatto i commenti mentre si preparava a lasciare la DC per visitare la scena della sparatoria di massa di Buffalo, compiuta da un suprematista bianco che ha citato la teoria, secondo la quale i bianchi vengono sostituiti demograficamente da non bianchi nei paesi occidentali, come motivazione per l’attacco.

“Credo che chiunque faccia eco alla teoria della sostituzione sia da biasimare – non per questo particolare crimine – ma non ha alcuno scopo, nessuno scopo tranne il profitto e/o il beneficio politico. Ed è sbagliato, è semplicemente sbagliato”, ha detto Biden ai giornalisti.

Ha poi ripetuto il discorso dopo essere arrivato a Buffalo, chiedendo agli americani di “rifiutare la menzogna” della teoria della sostituzione.

“Condanno coloro che diffondono la menzogna per il potere, il guadagno politico e per il profitto”, ha detto Biden. “Ora abbiamo visto troppe volte la violenza mortale e distruttiva che questa ideologia scatena”.

Ha anche menzionato “la gente nelle stazioni televisive” che spingeva la stessa retorica, un ovvio tentativo di diffamare il conduttore di Fox News Tucker Carlson.

Nonostante abbia invitato gli americani a rifiutare la “teoria della sostituzione”, lo stesso Biden l’ha promossa in più di un’occasione.

Durante un vertice della Casa Bianca all’inizio del 2015, Biden ha affermato che l’America è stata “inondata” da un'”ondata” di immigrati “implacabile” è stata una buona cosa di cui gli americani dovrebbero essere “orgogliosi”.

“Non si fermerà”, ha detto Biden. “Né dovremmo volere che si fermi. In effetti, una delle cose di cui penso possiamo essere più orgogliosi”.

“Un flusso incessante di immigrazione. Senza sosta, senza sosta. Persone come me che sono caucasiche, di origine europea, per la prima volta nel 2017 [sic] saremo una minoranza assoluta negli Stati Uniti d’America. Minoranza assoluta”, ha continuato Biden. “Meno del 50% delle persone in America da allora in poi saranno di razza bianca europea. Non è una brutta cosa. Questa è una fonte della nostra forza”.

Come Chris Menahan documentiBiden ha anche promosso la teoria della sostituzione durante una chiamata Zoom con i leader dei diritti civili neri nel dicembre 2020.

“Se non possiamo fare progressi significativi sull’equità razziale, questo paese è condannato”, ha detto Biden. “È condannato”.

“Non solo a causa degli afroamericani, ma perché entro il 2040 questo paese sarà una minoranza bianca europea”, ha continuato Biden. “Mi senti? Minoranza bianca europea. E voi ragazzi dovrete iniziare a lavorare di più con gli ispanici, che costituiscono una parte della popolazione più ampia di voi”.

Apparentemente, quando si sostiene che la sostituzione demografica dei bianchi è una cosa negativa, è pericoloso e rappresenta la promozione estremista di una teoria del complotto che non sta accadendo.

Tuttavia, quando si promuove la stessa teoria ma si sostiene che è una buona cosa, questo è un punto di discussione legittimo, virtuoso e progressista.

Come Michele Anton riassume“A seconda di chi parla, la trasformazione demografica degli Stati Uniti è o una gloriosa tendenza che fa presagire una maggioranza democratica permanente e un futuro più ‘vibrante’, oppure una ‘teoria del complotto’ che non sta accadendo in alcun modo a tutto, no come.

Tom Elliott ha pubblicato una raccolta di esponenti della sinistra, personalità dei giornali e politici che promuovono tutti la “teoria della sostituzione”.

“Va bene quando lo facciamo!”

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le Nazioni Unite stanno spingendo la pericolosa teoria del complotto sulla “migrazione sostitutiva”.


Si scopre che l’argomento verboten che avrebbe ispirato l’assassino di Buffalo a fare una follia omicida questo fine settimana è stato promosso sul sito web ufficiale delle Nazioni Unite.

Mentre i media mainstream punti vendita come CNN chiama il grande sostituto progettano una “cospirazione”, si rifiutano di sottolineare la realtà della situazione o di condannare l’ONU per aver spinto l’agenda.

CLICCA QUI per vedere la pagina delle Nazioni Unite che ammette il piano per spedire i migranti nelle nazioni europee e in America.

Nell’edizione di lunedì di “The American Journal”, Harrison Smith ha esposto le narrazioni dell’establishment sulla migrazione di sostituzione.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il rappresentante della California Ted Lieu chiede al GOP di denunciare la “teoria razzista e vile della sostituzione” di cui una volta si vantava



Sulla scia della sparatoria di massa a Buffalo, il rappresentante della California Ted Lieu (D) ha twittato attacchi partigiani senza sosta suggerendo che i repubblicani sono responsabili della sparatoria per aver promosso la “teoria della sostituzione”.

Dalla mia recensione, Lieu ha inviato 16 tweet sulla questione negli ultimi tre giorni.

“Ho guardato attraverso [Ted Lieu’s] tweets e sta usando la sparatoria di massa di Buffalo come attacco partigiano contro i repubblicani”, ha detto Andy Ngo lunedì su Twitter. “Non ha detto nulla sulla sparatoria di massa nella chiesa di [southern] California (dove vive) di un sospetto originario della Cina che avrebbe preso di mira i taiwanesi”.

Lo stesso Lieu è nato a Taiwan e funge da frusta per il Congressional Asian Pacific American Caucus, ma non pubblicherà alcun tweet sulla sparatoria della chiesa per non intralciare la sua preziosa narrativa.

Ecco un esempio di alcuni dei tweet di Lieu che chiedono al GOP di denunciare la “vile e falsa teoria del complotto nota come teoria della sostituzione”.

Lo stesso Lieu è nato a Taiwan e funge da frusta per il Congressional Asian Pacific American Caucus, ma non pubblicherà alcun tweet sulla sparatoria della chiesa per non intralciare la sua preziosa narrativa.

Ecco un esempio di alcuni dei tweet di Lieu che chiedono al GOP di denunciare la “vile e falsa teoria del complotto nota come teoria della sostituzione”.

Citare parola per parola i commenti di Lieu conta come promuovere la teoria della sostituzione?



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La classe dirigente crea una nuova teoria giuridica per soffocare la libertà di parola


In un prossimo articolo al Harvard Journal of Law and Technology, tre professori di giurisprudenza propongono una nuova teoria della responsabilità per illecito civile. Questa responsabilità è denominata “associazioni spericolate” e ha l’effetto di permettendo una vittima di citare in giudizio una terza parte per aver assunto una posizione di leadership in un’associazione se un membro dell’associazione ha causato intenzionalmente un danno alla vittima.

I professori hanno proposto questa responsabilità secondaria per reprimere gli agitatori dei social network che sono sfuggiti a sanzioni legali per i loro contenuti, che secondo loro non sono all’altezza di cospirazione e/o istigazione. L’effetto immediato di questa teoria sarebbe quello di inondare il sistema giudiziario con azioni legali che pretendono di ritenere responsabili i trasgressori. L’effetto secondario sarebbe quello di esercitare pressioni sulle piattaforme di social networking per mantenere i dati chiave di sorveglianza della rete prontamente disponibili per gli avvocati dei querelanti.

L’ovvio difetto di questa teoria legale è che tenta di risolvere un problema che riguarda solo una frazione molto piccola di tutti gli utenti dei social network. Sebbene questi utenti costituiscano una frazione dell’intera rete, erano “nodi centrali e attivi in ​​una rete disfunzionale, che ha effettivamente e prevedibilmente causato un fallimento epistemico e portato a comportamenti che danneggiano le persone al di fuori della rete” prima che i moderatori dei contenuti della piattaforma bandissero i loro conti. Per anni, le piattaforme hanno mantenuto gli standard della community e altre politiche per affrontare i contenuti che potrebbero essere illegali o discutibili. Queste politiche esistono per scoraggiare i tipi di contenuto affrontati dall’illecito.

I progressisti e molti professionisti legali affermano che l’ambiente di social network esistente è inadeguato e non affronta i danni del mondo reale causati da una piccola frazione di utenti altamente coinvolti. Questa teoria secondaria della responsabilità civile è stata redatta per affrontare questa prospettiva e aggirare gli ostacoli esistenti all’interno del sistema legale. Il Primo Emendamento protegge un’ampia gamma di discorsi e associazioni e la sezione 230 del Communications Decency Act protegge le piattaforme dalla responsabilità civile.

Mentre gli individui possono già essere perseguiti per cospirazione e istigazione, questi teorie giuridiche “spesso falliscono se applicati a capigruppo che non stavano dando ordini espliciti in tempo reale, o che commettevano crimini loro stessi”. Questo illecito mira allo stesso modo alle sfide intrinseche dell’imposizione della responsabilità civile sulle piattaforme piuttosto che sugli individui. La sezione 230 è stata implementata, in parte, come risposta alle sfide della moderazione dei contenuti sulle piattaforme. del Congresso Intenzione consisteva nel “consentire ai servizi online di moderare i contenuti sulle loro piattaforme in buona fede, rimuovendo i contenuti dannosi o illegali pur fornendo un forum per la libertà di parola e una diversità di opinioni”. Il Congresso ha tentato di bilanciare la moderazione dei contenuti per scoraggiare la responsabilità civile e la promozione di una “piazza pubblica” aperta e digitale.

Sebbene l’ecosistema legale esistente sia imperfetto, ha consentito lo sviluppo di un’ampia gamma di prospettive. Le istituzioni, gli individui e le idee che una volta non erano degni di nota ora hanno un campo di gioco uguale con istituzioni, individui e idee più affermati. Naturalmente, questo può essere problematico per le istituzioni consolidate, poiché crea la necessaria competizione nella battaglia delle idee. Gli autori dell’articolo richiamano influencer di destra come Alex Jones, Infowars e membri di QAnon, affermando che piattaforme come Twitter creano essenzialmente un campo di gioco uniforme tra loro e le figure dell’autorità legacy. Anche se questo può essere vero, il “mercato delle idee” è fondamentale per il diritto alla libertà di parola del Primo Emendamento.

“Associazione spericolata” lo farebbe causa due principali esternalità: 1) questa teoria secondaria della responsabilità scoraggerebbe “un’intensa partecipazione e coinvolgimento nelle reti online” e 2) i social network sarebbero tenuti, su ordine del tribunale, a fornire metadati estesi agli avvocati dei querelanti.

Associazioni spericolate come meccanismo di deterrenza

Il più ovvio coinvolgimento alla libertà di parola è che i leader dei social network “saranno meno inclini a prendere o rimanere in una posizione di influenza” se “i leader sanno che c’è la possibilità che debbano sostenere i costi del contenzioso e un eventuale risarcimento dei danni”. Come affermano gli autori, “La logica implicita del dibattito contemporaneo è che i tribunali non possono raggiungere i nodi centrali di una rete radicalizzata senza provocare uno sforzo agghiacciante…. Anche se questo è vero, l[i]capacità farà sì che gli individui evitino di diventare figure di autorità in gruppi che trafficano in modo aggressivo in teorie folli”. Gli autori intendono utilizzare la responsabilità civile per scoraggiare anche una semplice associazione con quella che ritengono essere una “rete radicalizzata”.

Ad esempio, diciamo che un importante economista austriaco è un nodo centrale all’interno di una rete che si oppone alle banche centrali. Ci possono essere individui all’interno di quella rete che si oppongono alle banche centrali a un livello tale da discutere i modi per smantellare le banche centrali. Una piccola parte di questi individui può anche prendere in considerazione un’azione violenta o compiere atti violenti contro importanti banchieri centrali.

Secondo questa teoria della responsabilità, le vittime di tali violenze potrebbero citare in giudizio quell’economista austriaco per essersi espresso devotamente contro la continua esistenza delle banche centrali. Se ciò fosse consentito, avrebbe un “effetto agghiacciante che inibirebbe la parola e la libera associazione”. Gli attori o nodi centrali dovrebbero controllare individualmente i nodi all’interno della loro rete per scoraggiare i radicali; è improbabile che ciò accada, quindi l’effetto sarebbe quello di scoraggiare completamente l’associazione con idee controverse e quindi soffocare il dibattito all’interno di una piccola finestra di Overton.

Poteri di sorveglianza ceduti agli avvocati dei querelanti

Come riconoscono gli autori, questa teoria della responsabilità è possibile grazie ai progressi nell’intelligenza artificiale e nell’analisi della rete. Le piattaforme dovrebbero condividere i metadati con l’avvocato dell’attore attraverso un’ingiunzione del tribunale. L’avvocato dovrebbe provare ogni elemento (lingua in grassetto sotto) dell’illecito utilizzando quei metadati.

L’illecito è specifico linguaggio è il seguente: “Un convenuto è soggetto a responsabilità per un attore se il convenuto assunse una posizione di leadership all’interno di un’associazione che incautamente causato un membro dell’associazione a danneggiare intenzionalmente la persona dell’attore». Dimostrare il nesso di causalità potrebbe rappresentare una sfida, ma “questo problema potrebbe essere superato con il giusto tipo di dati, se gli avvocati dei querelanti sono in grado di accedere e analizzare una meta-rete delle comunicazioni dell’attore di terze parti su più media e piattaforme”, scrivere gli autori. Questa analisi potrebbe rivelarsi tecnicamente e giuridicamente impegnativa, anche se è probabile che questo stesso tipo di analisi venga svolto dalle agenzie di intelligence e dalle forze dell’ordine.

I social network sono stati attori chiave nelle indagini delle forze dell’ordine su attività terroristiche e altre attività illegali/illecite. Come Lawfare Appunti, “Le piattaforme ora raccolgono e analizzano informazioni su una varietà di minacce, spesso in collaborazione con le forze dell’ordine”. Questa partnership è forte, in parte, a causa di vincoli costituzionali e legali, nonché per il fatto che “le società private sono generalmente più agili delle agenzie governative”. In un certo senso, questi social network sono già considerati strumenti dello stato di sicurezza nazionale. L’estensione delle loro capacità di sorveglianza al dominio del contenzioso civile non dovrebbe rappresentare una sfida.

Queste piattaforme sono ben attrezzate per ricevere e condividere dati in grandi quantità. Come discusso in precedenza, le piattaforme mantengono i processi da condividere informazioni rilevanti con le forze dell’ordine. Piattaforme come Facebook di Meta hanno cercato di collaborare con istituzioni finanziarie come JPMorgan Chase, Wells Fargo, Citigroup e US Bancorp. I rapporti pubblici hanno rivelato che queste piattaforme hanno cooperato in modo simile con “warrant tastiera” e “mandati di geofence.” Questi casi dimostrano che le piattaforme cooperano con le forze dell’ordine con un respingimento minimo. Questo livello di cooperazione solleva preoccupazioni sulla volontà delle piattaforme di condividere dati sensibili con attori esterni.

Le forze di mercato hanno gestito i problemi in discussione

A parte le due principali conseguenze discusse sopra, questa teoria giuridica non è necessaria. Gli autori esprimono una chiara intenzione di prendere di mira individui come Alex Jones di Infowars e l’ex presidente Donald Trump. Per anni, sia Jones che Trump sono stati sottoposti a un attento controllo e hanno subito costosi contenziosi. Separatamente, entrambi gli individui sono stati effettivamente oscurati da tutte le piattaforme importanti. Sebbene si possa non essere d’accordo con la logica delle piattaforme per vietare questi due individui in un attimo, il mercato ha dimostrato di essere reattivo.

Le piattaforme hanno risposto alle pressioni di un’ampia varietà di fonti, dai funzionari eletti agli inserzionisti, dai gruppi di interesse speciale ai propri dipendenti. Sfortunatamente, la pressione è stata quella di adottare posizioni sempre più censurate sui contenuti non conformi alla narrativa tradizionale. Il CEO di Tesla Elon Musk ha preso atto di questo problema; Muschio di recente acquisiti una partecipazione del 9,2% in Twitter come mezzo per spingere la piattaforma ad aderire ai principi fondamentali della libertà di parola. Musk ha precedentemente dichiarato“Dato che Twitter funge de facto da piazza pubblica cittadina, il mancato rispetto dei principi della libertà di parola mina fondamentalmente la democrazia”.

La democrazia richiede che gli individui siano in grado di scambiare liberamente idee, motivo per cui il Congresso ha redatto la Sezione 230 come scudo contro le preoccupazioni eccessive di responsabilità civile. Per affrontare i contenuti che possono rappresentare un rischio, le piattaforme mantengono già standard della community e altre politiche intese a moderare i contenuti. Facebook e Twitter impiegano migliaia di moderatori di contenuti, insieme ad algoritmi, per rivedere i contenuti che potrebbero violare le norme.

Le piattaforme collaborano con punti vendita di verifica dei fatti per valutare la validità delle affermazioni virali fatte sulle piattaforme. “È diventata una caratteristica necessaria del nuovo complesso industriale giornalistico per inoculare le grandi piattaforme tecnologiche dalla pressione normativa del governo e dalla minaccia di azioni legali” private “dal settore delle ONG”, scrive Tavoletta. I contenuti condivisi su queste piattaforme che sono contrassegnati come falsi o fuorvianti ottengono declassato dagli algoritmi delle piattaforme. Mentre le organizzazioni di verifica dei fatti sono frequentemente (e in modo appropriato) etichettato in quanto partigiana, questa partnership supporta l’approccio orientato al mercato alla moderazione dei contenuti su queste piattaforme.

Questa serie di pratiche imperfette è meglio sintetizzata nei recenti commenti del CEO di Twitter, Parag Agrawal dichiarazione: “Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal Primo Emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono cose che riteniamo conducano a una conversazione pubblica più sana. Il tipo di cose che facciamo per lavorare su questo è concentrarci meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come sono cambiati i tempi”. Sebbene imperfette, queste pratiche guidate dal mercato sono preferibili al contenzioso civile e alla relativa architettura di sorveglianza.

Conclusione

I sostenitori delle libertà civili sarebbero desiderosi di opporsi a questa teoria legale della responsabilità secondaria per i tre motivi sopra indicati: 1) le associazioni sconsiderate causerebbero un “effetto agghiacciante che inibirebbe la parola e la libera associazione”, 2) la teoria richiederebbe alle piattaforme di fornire un quantità significativa di dati di rete sensibili agli avvocati dei querelanti (molti dei quali potrebbero essere motivati ​​politicamente) e 3) il mercato ha già adottato misure per affrontare le sfide degli attori radicali che possono causare danni nella vita reale.

Questa nuova teoria probabilmente non diventerà mai legge negli Stati Uniti, ma presenta un’utile visione di come le protezioni del Primo Emendamento potrebbero essere limitate senza un’invasione diretta. Separatamente, dimostra l’impulso autoritario di utilizzare meccanismi di sorveglianza per punire coloro ritenuti radicali dall’establishment progressista. Le associazioni spericolate sono un’altra tentativo per soffocare “le discussioni di persone che credono di avere un mandato del cielo, e la verità è qualunque cosa dicano che sia”.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’inflazione di Putin? La colpa è della moderna teoria monetaria nostrana



I prezzi di beni e servizi nell’economia sembrano attraversare il tettoe sia i consumatori che i produttori soffrono per la diminuzione del valore del loro denaro.

Sfortunatamente, il pubblico si rivolge ai politici di Washington e agli economisti di tutto il mondo per avere risposte.

Mentre presidente Joe Biden e la sua amministrazione chiamalo aumento dei prezzi di Putin, il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti rapporti che negli ultimi dodici mesi l’indice di tutte le voci è aumentato del 7,9 per cento prima della destagionalizzazione. L’aumento di dodici mesi riportato è in costante aumento ed è ora il più grande dal periodo terminato a gennaio 1982. L’indice di tutti gli articoli al netto di cibo ed energia è aumentato del 6,4%, la più grande variazione in dodici mesi dal periodo terminato ad agosto 1982. L’indice energetico è aumentato del 25,6% nell’ultimo anno e l’indice alimentare è aumentato del 7,9%, il più grande aumento di dodici mesi dal periodo terminato a luglio 1981.

Nel frattempo, il debito del governo è esploso a $ 30 trilioni, da circa $ 10 trilioni all’inizio della recessione del 2008 e $ 5 trilioni a metà degli anni ’90. Sebbene tali prove sorprendenti siano direttamente in contraddizione con la narrativa ufficiale della Casa Bianca, le élite politiche ignorano del tutto il problema o incolpano le persone sbagliate. Parte della radice di questa calamità si trova nel fondamento delle convinzioni economiche dell’amministrazione Biden.

Anche se la segretaria del Tesoro Janet Yellen ha preso le distanze dalla moderna teoria monetaria (MMT), come studentessa di James Tobin, continua a rimanere un’inflazionista che crede che il governo dovrebbe svolgere un ruolo più attivo nell’economia. Ad esempio, ha sostenuto il piano di incentivi da 1,9 trilioni di dollari firmato a marzo 2020 anche se il denaro è stato creato dal nulla. Sebbene non approvi ufficialmente la MMT, tuttavia le sue opinioni sull’economia non si discostano dall’ortodossia della MMT.

Stephanie Kelton, autrice di Il mito del deficit: teoria monetaria moderna e la nascita dell’economia popolare, iniziò anche a fare interviste regolari sull’argomento, diventando di fatto il volto del movimento MMT. Ha servito come consigliere economico del senatore Bernie Sanders durante la sua campagna presidenziale e da allora ha consigliato anche l’amministrazione Biden, arrivando a dichiarare che Biden ha adottato i suoi principi.

Che cos’è la teoria monetaria moderna?

La moderna teoria monetaria inizia con il vincolo di bilancio del governo in un sistema di moneta legale. Secondo William Mitchell, L. Randall Wray e Martin Watts in Macroeconomia, l’approccio MMT standard, che mette in relazione il valore attuale delle entrate fiscali con il valore attuale della spesa pubblica e del debito pubblico, è fuorviante. Ulteriore,

la conclusione più importante raggiunta da MMT è che l’emittente di una valuta non deve affrontare vincoli finanziari. In parole povere, un paese che emette la propria valuta non può mai esaurirsi e non può mai diventare insolvente nella sua valuta. Può effettuare tutti i pagamenti alla scadenza. (pag. 13)

Di conseguenza, “Per la maggior parte dei governi, non vi è alcun rischio di insolvenza sul debito pubblico” (P. 15).

L’implicazione più importante di una teoria così radicale è che il governo gode di un potere potenzialmente illimitato come arbitro nell’economia. Sulla base di questa teoria, il Congresso presumibilmente può utilizzare la stampa in modo efficace attraverso l’accumulo di debiti, aumentando la domanda aggregata al livello di piena occupazione. L’inflazione, secondo i teorici della MMT, è un fenomeno originato dai conflitti di classe tra lavoratori e capitalisti che si contendono quote più elevate del reddito nazionale (Macroeconomia, P. 255). Secondo loro, inoltre, praticamente “tutta la spesa (privata o pubblica) è inflazionistica se spinge la domanda aggregata nominale al di sopra della capacità reale dell’economia di assorbirla” (Macroeconomia, P. 127).

Come nel caso della maggior parte delle teorie “stravaganti”, il mondo descritto da questa teoria non potrà mai prendere vita. La piena occupazione non è un criterio che i prezzi reali aspettano per aumentare poiché acquirenti e venditori competono per le scarse risorse nell’economia di mercato. L’idea che l’inflazione sia un fenomeno puramente monetario e che l’inflazione avvenga al di là della capacità di assorbimento dell’economia sono entrambi veri in una certa misura, ma entrambi mancano il quadro vitale dell’interconnessione dell’economia di mercato.

L’inflazione nella struttura della produzione

L’aumento generale del livello dei prezzi, come vogliono credere i teorici mainstream e MMT, non deriva direttamente da un aumento dell’offerta di moneta o dalla piena occupazione (l’economia “surriscaldata”) ma da un aumento della scarsità di beni e servizi la cui la capacità di incidere sui prezzi di altri beni e servizi è relativamente maggiore e la cui produzione richiede molto tempo. Il criterio della piena occupazione della MMT non è quindi necessario affinché i prezzi inizino ad aumentare, poiché economisti come Murray N. Rothbard hanno dimostrato quando si parla di “stagflazione”, l’aumento simultaneo di inflazione e disoccupazione.

La struttura della produzione nell’economia inizia con i beni prodotti nelle fasi primarie e termina con i beni finali utilizzati dai consumatori. I beni utilizzati nelle fasi primarie della struttura di produzione vengono creati attraverso l’agricoltura, la silvicoltura, la pesca, l’estrazione mineraria, l’estrazione del petrolio e altre risorse naturali. Questi input costituiscono la base di quasi tutti gli altri prodotti o servizi forniti ai consumatori. A causa del loro ruolo vitale come prodotti di base dell’economia, le variazioni di prezzo di questi prodotti dovute alle variazioni della domanda sono le più inflazionistiche per tutti gli altri beni.

I secondi fattori di influenza più efficaci sui prezzi di altri beni sono i semilavorati e i servizi utilizzati come input dai produttori durante le fasi intermedie per creare beni e servizi finali. Data la loro natura non generale, questi beni, come l’acciaio e la plastica, sono utilizzati da più produttori per vari beni di fase successiva. Poiché la domanda di semilavorati aumenta a causa della maggiore concorrenza tra i produttori di beni finali, esercita pressioni inflazionistiche direttamente sui prezzi dei beni finali.

Quando viene introdotto denaro aggiuntivo nell’economia a causa dell’aumento della spesa pubblica, i consumatori portano ad aumentare il consumo di beni finali a causa dei loro maggiori saldi monetari. Con l’aumento della domanda di beni finali, i produttori di beni finali cercano di acquistare più beni di ordine primario e vari altri beni intermedi, la cui scarsità aumenta poi a causa della maggiore concorrenza tra i produttori, che porta a un aumento dei prezzi di questi beni.

Questo riorienta i prezzi dell’intera struttura di produzione e lo spostamento viene quindi osservato come un aumento generale dei prezzi attraverso vari indici. La gravità degli aumenti dei prezzi dipende dalla capacità di soddisfare l’aumento della domanda di beni di base e di beni intermedi.

Possiamo capire che l’inflazione è un fenomeno che si verifica a causa di cambiamenti nella scarsità a seguito di una maggiore concorrenza tra produttori che perseguono ciascuno i propri fini indipendenti. Mentre l’aumento dei prezzi fa parte del processo di mercato adattivo che guida la produzione e il consumo, l’aumento dei livelli di inflazione o l’improvviso aumento generale dei prezzi richiedono una generazione aggiuntiva di denaro nell’economia che è più del denaro creato attraverso il credito al consumo e al produttore nel corso naturale dell’economia. Se i cambiamenti nell’offerta di moneta fossero stati interni all’economia, il processo di mercato adattivo avrebbe funzionato per allocare i beni in modo efficiente.

Quando i governi creano domanda artificiale e cercano di aumentare la loro spesa in modo incontrollato, creano effettivamente pressioni inflazionistiche nella struttura della produzione. Allo stesso tempo, distruggono anche il meccanismo di allocazione dei prezzi dei mercati, che peggiora quanto più spendono. Mentre la stampa e il trasferimento digitale di denaro potrebbero richiedere pochi secondi, la produzione e la distribuzione richiedono molto più tempo.

Il ruolo corretto dei prezzi nel processo di mercato

Poiché il Congresso, armato di MMT, tenta di dettare il corso dell’economia in base alle proprie tendenze politiche, ciò porta a distorsioni dei prezzi nella struttura della produzione, ma l’aumento dei prezzi non è di per sé un problema. L’aumento dei prezzi in un mercato ben funzionante ha un ruolo specifico; quando un oggetto d’uso diventa scarso sul mercato, è un segnale per i consumatori di economizzarlo. Allo stesso tempo, gli aumenti di prezzo puntano nella direzione di un impiego più proficuo delle risorse – produzione del bene costoso – fino all’esaurimento dei profitti sopranormali. Quando i prezzi aumentano artificialmente, tuttavia, ciò distrugge l’efficiente meccanismo di allocazione dei mercati ed è una tassa applicata ai consumatori che riduce il potere d’acquisto del loro denaro, così come la loro ricchezza risparmiata.

Gli aumenti dei prezzi guidati dall’inflazione agiscono come segnali che indirizzano in modo errato l’impiego delle risorse, portando i produttori a fare scelte inefficienti e ad allocare erroneamente i fattori. Minano la fiducia nel meccanismo dei prezzi da tutte le parti. I prezzi in questa situazione sono come i segnali stradali che indirizzano sempre in modo errato il traffico.

Conclusione

L’unica cosa moderna della MMT è la quantità di fiducia senza precedenti sia nella sua difesa che nell’applicazione. L’economia statunitense ha già sperimentato la follia della spesa keynesiana degli anni Sessanta, che si è conclusa la stagflazione degli anni settanta. Quando le politiche economiche del governo si basano sulla convinzione che il governo possa stampare quantità illimitate di denaro con ripercussioni minime o nulle, non dovremmo sorprenderci di trovarci a vivere nel periodo più inflazionistico del quarant’anni.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Trump fa causa a Hillary Clinton, dicendo che “ha cospirato maliziosamente” per tessere la teoria della cospirazione collusione


Giovedì l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha citato in giudizio Hillary Clinton e molti altri democratici, sostenendo di aver tentato di truccare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 inventando una teoria del complotto che legava la sua campagna alla Russia.

«Agindo di concerto, gli imputati maliziosamente cospirato per tessere una falsa narrativa che il loro oppositore repubblicano, Donald J. Trump, era in collusione con una sovranità straniera ostile”, si legge nella causa, presentata in un tribunale federale della Florida.

Ricorda questo?

Intanto un flashback:

Scritto da Paul Sperry tramite RealClearInvestigations.com,

Un’operazione della campagna di Hillary Clinton per piantare una falsa voce su Donald Trump che ha creato una “linea diretta segreta” a Mosca attraverso una banca russa era molto più ampia di quanto noto e ha coinvolto più agenzie statunitensi, secondo documenti declassificati e fonti informate su un’indagine penale in corso su lo schema.

Oltre all’FBI, la campagna Clinton del 2016 ha cercato di convincere il Dipartimento di Stato, il Dipartimento di Giustizia e la Central Intelligence Agency dell’amministrazione Obama a indagare sulla bufala, e ha continuato a insistere sulla questione anche dopo l’inaugurazione di Trump nel gennaio 2017.

L’obiettivo era innescare un’attività investigativa federale contro la sua rivale repubblicana e far trapelare le informazioni dannose ai media.

“La macchina Clinton ha inondato l’FBI di pressioni da una serie di angolazioni fino a quando le indagini su Trump non sono state aperte e riaperte”, ha affermato una delle fonti informate che ha parlato a condizione di anonimato per discutere una questione delicata delle forze dell’ordine. “L’inganno era di vasta portata”.

Il consigliere speciale John Durham ha delineato la parte dell’FBI del piano in un crimine accusa di Michael Sussmann. L’ex avvocato della campagna elettorale di Clinton è stato accusato il mese scorso di aver rilasciato una falsa dichiarazione all’ex consigliere generale dell’FBI quando ha affermato di non lavorare “per nessun cliente” nel portare all’attenzione dell’FBI le accuse di un canale segreto di comunicazione tra i server dei computer nella Trump Tower e nell’Alfa Bank in Russia.

Secondo l’accusa, Sussmann stava infatti agendo per conto di clienti, inclusa la campagna di Clinton, e un dirigente tecnico senza nome che RCI ha precedentemente segnalato è Rodney L. Joffe, consigliere regolare della Casa Bianca di Biden in materia di sicurezza informatica e politiche infrastrutturali.

Le e-mail interne rivelano che gli agenti della Clinton sapevano che i legami che avevano stabilito tra Trump e la Russia erano “deboli”, descrivendoli persino come una “falsa falsa”, ma li hanno comunque forniti agli investigatori.

L’accusa di Sussmann ha rivelato i dubbi di coloro che hanno sviluppato la storia dell’Alfa Bank. Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia

Dopo l’incontro di Sussmann con l’FBI nel settembre 2016, la campagna Clinton si è avvicinata al Dipartimento di Stato il mese successivo con lo stesso vantaggio, questa volta utilizzando il subappaltatore della campagna Clinton pagato Christopher Steele per alimentare le voci. Un ex ufficiale dell’intelligence britannica, Steele è stato offerto come una fonte affidabile per aiutare a corroborare le voci. L’11 ottobre 2016, Steele ha fornito il suo contatto a Foggy Bottom documenti in cui affermava che un presunto server nascosto alla Trump Tower stava effettuando il ping di Mosca.

Due giorni dopo, un funzionario di Stato che in precedenza aveva lavorato sotto l’ex segretario Clinton ha incanalato le informazioni all’allora alto funzionario del controspionaggio Eurasia/Russia dell’FBI, Stephen Laycock, secondo recentemente declassificato Appunti e testimonianza. Laycock, a sua volta, ha inoltrato le informazioni a Peter Strzok, l’agente dell’FBI che ha condotto le indagini su Trump e la sua campagna e poche settimane prima aveva mandato un messaggio a un avvocato dell’ufficio: “Ci fermeremo [Trump from being elected].”

“Ho informato Peter Strzok e un altro supervisore”, Laycock testimoniato l’anno scorso in un’udienza al Senato a porte chiuse.

Steele, che in seguito ha confessato di essere “disperato” di sconfiggere Trump, è stato l’autore del dossier smentito in cui affermava che Trump era colluso con la Russia per rubare le elezioni. Ha persino sbagliato a scrivere il nome della banca russa come “Alpha”. Tuttavia, l’FBI ha preso le sue voci abbastanza sul serio da intervistare i fornitori di tecnologia che lavorano per la Trump Organization e ottenere mandati per perquisire i server della Trump Tower. Pochi giorni dopo aver ricevuto la soffiata del Dipartimento di Stato, Strzok ha anche utilizzato il dossier di Steele per assicurarsi un’intercettazione sul consigliere di Trump Carter Page.

Il consigliere per la politica estera della Clinton e attuale consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan avrebbe rilasciato una dichiarazione scritta strombazzando la storia della Trump-Alfa Bank, che era condivisa dall’allora candidato Clinton il 31 ottobre 2016, dopo che Slate ne aveva parlato. Fusion GPS, il gruppo di ricerca dell’opposizione di Washington che ha lavorato per la campagna di Clinton come agente pagato, e ha contribuito a raccogliere sporcizia su Alfa Bank e redigere i materiali che Sussmann avrebbe poi presentato all’FBI, secondo quanto riferito ha premuto Slate per pubblicare la storia del account del suo autore, il giornalista Franklin Foer.

La campagna di Clinton ha messo in scena la storia di Trump-Alfa Bank alla vigilia delle elezioni del 2016. Twitter/@HillaryClinton

“Questa è stata un’operazione altamente sofisticata che ha utilizzato abilitanti sia nei media che nelle agenzie federali”, Il professore di diritto della George Washington University Jonathan Turley ha detto a RealClearInvestigations.

La campagna elettorale di Clinton non si è fermata nemmeno dopo che Trump ha vinto le elezioni.

A metà novembre 2016, ha arruolato il massimo funzionario del Dipartimento di Giustizia Bruce Ohr – la cui moglie, Nellie, lavorava per Fusion GPS – per aggiungere credibilità alle voci sull’Alfa. Quel mese, Ohr informò l’FBI che Steele gli aveva detto che il server dell’Alfa Bank era un collegamento alla campagna di Trump. Poi, all’inizio di dicembre, Ohr ha incontrato il supervisore del caso dell’FBI che ha lavorato per Strzok almeno due volte. Note declassificate e altri documenti mostrano che durante quegli incontri, Ohr gli ha fornito le chiavette USB che aveva ricevuto dal ricercatore dell’opposizione Clinton pagato e co-fondatore di Fusion GPS, Glenn Simpson, e dalla moglie di Ohr e collega di Simpson, Nellie. Citando le sue fonti su Clinton, Ohr ha insistito sul fatto che il presunto canale informatico backdoor tra Trump e Alfa fosse reale.

L’FBI ha trascorso mesi a indagare sull’affermazione, alla fine respingendola come infondata. Dopo che l’FBI ha archiviato il caso, Sussmann si è rivolto alla principale agenzia di intelligence della nazione per ricevere assistenza, in quanto prima RCI segnalato.

Nel dicembre 2016, Sussmann ha chiamato il consigliere generale dell’allora direttore della CIA John Brennan – Caroline Krass – per organizzare un incontro per informarla delle stesse voci sull’Alfa Bank. Krass ha espresso interesse per la mancia. Poi, all’inizio di febbraio 2017, i funzionari del suo ufficio si sono incontrati formalmente con Sussmann per più di un’ora per discutere delle voci sulla banca Trump-russa. Sussmann ha fornito loro versioni aggiornate dei materiali che aveva consegnato all’FBI.

La CIA, a sua volta, ha riferito le voci a un collegamento dell’FBI per ulteriori indagini, secondo le fonti informate sul suo caso. Strzok era il principale collegamento dell’FBI con la CIA all’epoca.

Tra i documenti che Durham ha ottenuto c’è una nota della CIA che commemora l’incontro con Sussmann, secondo le fonti. Nel suo atto d’accusa da gran giurì, Durham ha accusato Sussmann di aver fuorviato anche la CIA, che ha chiamato solo “Agenzia-2”. L’avvocato speciale sostiene che Sussmann, come ha fatto incontrando un funzionario dell’FBI, non aveva nemmeno informato i contatti a Langley che stava rappresentando un cliente – in quest’ultimo caso in particolare Joffe – legato all’operazione della campagna elettorale di Clinton e che era stato promesso un lavoro di alto livello in un’amministrazione Clinton.

Fatturando la campagna dei Democratici per il suo lavoro sul “progetto riservato”, Sussmann ha reclutato Joffe e un team di appaltatori federali di computer per estrarre database proprietari contenenti enormi quantità di dati Internet sensibili e non pubblici per possibile sporcizia su Trump e i suoi consiglieri. In un nuovo tribunale documento depositata la scorsa settimana, Durham ha rivelato che la sua squadra ha ottenuto più di 80.000 pagine di documenti in risposta alle citazioni del gran giurì emesse a più di 15 bersagli e testimoni, tra cui il appaltatori di computer. Tra gli altri che hanno ricevuto citazioni in giudizio: organizzazioni politiche, aziende private, società tecnologiche e altre entità, inclusa un’importante università, la Georgia Tech, che avrebbe partecipato alla cospirazione di Clinton come appaltatore del Pentagono. Alcuni testimoni hanno ottenuto l’immunità e stanno collaborando con i pubblici ministeri, hanno detto le fonti vicine all’indagine.

“Sebbene Sussmann possa aver nascosto il suo lavoro per la campagna di Clinton, questo è stato ovviamente un utile attacco a Trump”, ha detto Turley. “Ci si aspetterebbe che un funzionario della CIA esprima riluttanza in un’indagine che avrebbe un focus prevalentemente interno. Ma come con l’FBI, la campagna di Clinton ha trovato funzionari desiderosi di spostare qualsiasi accusa del genere”.

Alla CIA è in gran parte vietato raccogliere informazioni all’interno degli Stati Uniti o su cittadini americani.

“La CIA non ha affari che si coinvolgono in una questione politica interna”, Lo ha detto a RCI il presidente di Judicial Watch Tom Fitton. “Le prove suggeriscono che lo scopo principale dell’incontro era politico”.

Fitton ha affermato che il suo gruppo di controllo ha presentato una richiesta al Freedom of Information Act presso la CIA chiedendo tutti i record generati dai contatti che Sussmann ha avuto con l’agenzia nel dicembre 2016 e nel febbraio 2017.

La CIA non ha restituito richieste di commento.

Per buona misura, le vecchie mani di Clinton hanno provato un altro punto di pressione. All’inizio di febbraio 2017, il consigliere per la politica estera di Clinton, Sullivan, si è stretto con Simpson di Fusion GPS e Daniel Jones, un analista dell’FBI diventato agente democratico, per riavviare la stessa campagna diffamatoria contro Trump. (Come RCI in precedenza segnalato, Sullivan, che ha guidato lo sforzo della campagna per promuovere la narrativa di un inquietante rapporto Trump-Russia attraverso la storia dell’Alfa Bank, è sotto esame per aver mentito al Congresso sul suo ruolo nell’operazione.) Jones, a sua volta, ha contattato i suoi ex colleghi dell’FBI, che hanno riaperto le indagini sulle vecchie accuse di un collegamento informatico tra Trump e Alfa Bank.

Il mese successivo, agendo sulla punta riciclata di Jones, gli agenti dell’FBI hanno visitato gli uffici della società della Pennsylvania che ospitava il server Trump, che in realtà era amministrato da una società di promozione di hotel di terze parti: Cendyn, con sede in Florida. Ma la loro seconda indagine si è rivelata un altro vicolo cieco. Le sinistre comunicazioni che Jones sosteneva che scorrevano tra un presunto server Trump e l’Alfa Bank sono risultate essere innocue e-mail di marketing. In altre parole, spam.

Fonti affermano che è strano che il quartier generale dell’FBI abbia continuato a perseguire le accuse, perché le comunicazioni interne dell’FBI rivelano che gli stessi investigatori informatici dell’ufficio li avevano derubati pochi giorni dopo il briefing di Sussmann, ha appreso RCI.

Lo stesso Strzok era stato informato su quella valutazione dei materiali che Sussman aveva lasciato al quartier generale il 19 settembre 2016. Infatti, in un messaggio interno del 23 settembre 2016 a Strzok, un funzionario dell’FBI ha riferito le sue scoperte preliminari a seguito di un’intervista con Cendyn, la società di marketing della Florida che gestiva il presunto server Trump.

“Seguito questa mattina con Central Dynamics [Cendyn] che ha confermato che il mail1.trump-email.com domain è un vecchio dominio che è stato creato intorno al 2009 quando stavano facendo affari con la Trump Organization che non è mai stato utilizzato ” secondo il messaggio.

Reagendo all’accusa di Durham, Strzok ha recentemente cercato di prendere le distanze dallo scandalo Alfa, insistendo in un blog di Lawfare: “Ho avuto un ruolo minore negli eventi in questione, in quanto ho trasferito il materiale che Sussman ha dato a Jim Baker, il generale dell’FBI legale dell’epoca, al personale che alla fine ha supervisionato e esaminato le accuse”.

Facendo eco ad altri critici, Strzok si è lamentato del fatto che Durham – originariamente incaricato di indagare sulle origini dell’indagine sulla “collusione” russa dal procuratore generale di Trump Bill Barr – stia conducendo una caccia alle streghe partigiana per conto di Trump.

Nonostante le affermazioni di Strzok, il successore di Barr, il procuratore generale nominato dal presidente Biden Merrick Garland, ha testimoniato la scorsa settimana di aver rinnovato i fondi e il personale per l’indagine di vasta portata di Durham per il prossimo anno fiscale. “[Y]puoi facilmente presumere che il suo budget sia stato approvato”, ha assicurato Garland ai repubblicani nella commissione giudiziaria della Camera.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Senato della Florida approva il disegno di legge che vieta la teoria della razza critica e le classi di identità di genere


Il Senato dello stato della Florida ha approvato l’Individual Freedom Bill, che proibisce lezioni sull’identità di genere e argomenti razziali nei casi in cui possono causare “colpa”.

Il disegno di legge è stato approvato con 24 senatori favorevoli e 15 contrari. La legislazione ora atterrerà sulla scrivania del governatore Ron DeSantis e entrerà in vigore una volta che la firmerà.

La legislazione fa parte dello “Stop WOKE Act” del governatore Ron DeSantis, che cerca di prevenire gli “sbagli ai nostri bambini e dipendenti”. La legge potrebbe riguardare non solo l’istruzione in Florida, ma anche le aziende che decidono di organizzare corsi di formazione su pregiudizi o molestie sessuali per i propri dipendenti sotto la pressione della cultura sveglia e del movimento MeToo.

Cosa è cambiato?

Il disegno di legge apporterà diverse modifiche alla lingua legale in Florida, rimuovendo le parole “genere” ed “etnia” sostituendole con “sesso” e “colore”. La legislazione amplierà anche la comprensione ufficiale del termine “discriminazione” – verrà applicata a quei casi in cui una persona viene deliberatamente resa “a disagio” per motivi storici azioni commesse per razza, sesso o nazionalità.

L’Individual Freedom Bill include modifiche ad altri aspetti dell’istruzione. Ora, le scuole della Florida devono insegnare ai suoi studenti la storia della schiavitù e della segregazione razziale nel loro paese in un “modo adeguato all’età”. Agli insegnanti è inoltre vietato cercare di “indottrinare” i propri studenti ad assumere un “punto di vista particolare”.

Anche le aziende possono essere colpite

La nuova normativa si sposa con la missione di Ron DeSantis di fermare “Wrongs to Our Kids and Employees” (che è stata abbreviata in un acronimo “SVEGLIATI” nel suo “Stop WOKE Act”). E come suggerisce il nome, interesserà non solo le scuole e altre istituzioni educative, ma anche le imprese.

Molte aziende statunitensi hanno adottato la pratica di organizzare vari corsi di formazione per i propri dipendenti negli ultimi anni, dalle molestie sessuali (esclusivamente per i maschi) alla discriminazione razziale (per i bianchi americani) e altri corsi di formazione sui pregiudizi. Ora, i lavoratori che di solito sono obbligati a partecipare a queste sessioni, possono citare in giudizio i loro datori di lavoro se trovano la formazione inquietante, ad esempio perché predica la teoria critica della razza.

Quest’ultimo suggerisce che gli Stati Uniti soffrono di razzismo sistemico e istituzionale. Nonostante sia rimasta marginale per anni negli ambienti accademici, è stata improvvisamente inserita nei programmi scolastici di diversi stati in seguito alle proteste del BLM del 2020 – con grande dispiacere di numerosi genitoriche considerano oltraggiosa l’affermazione del razzismo sistemico tra la popolazione bianca.

L’Individual Freedom Bill è stato contrastato dai Democratici della Florida, che hanno insistito sul fatto che si trattava di una legislazione “alla ricerca di un problema che non abbiamo”. La senatrice Audrey Gibson ha ricordato che l’insegnamento della teoria critica della razza è stato bandito dal Dipartimento dell’Istruzione dello stato da qualche tempo.

Le prove mostrano decine di biolaboratori finanziati dalla NATO circostante la Russia.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Psaki Gaslights: afferma che i Biolab ucraini sono una “teoria del complotto” nonostante il Dipartimento di Stato abbia confermato la loro esistenza




L’addetto stampa di Biden fa eco anche al punto di discussione del Dipartimento di Stato secondo cui la Russia dispiegherà un attacco biologico “falsa bandiera” in Ucraina mentre allo stesso tempo afferma che queste armi biologiche non esistono.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I media canadesi continuano a sostenere la teoria del crackpot secondo cui i camionisti sono agenti russi


Mentre il convoglio per la libertà canadese procede e continua a influenzare altri manifestanti in tutto il mondoi media canadesi continuano a promuovere una totale disinformazione suggerendo che il governo russo sia dietro il movimento.

Quando il convoglio è diventato famoso per la prima volta alla fine di gennaio, l’emittente statale Canadian Broadcasting Company iniziò a diffondere affermazioni completamente infondate sulla presenza di “attori russi”. tra i camionisti canadesi che trattengono le principali città tra cui Ottawa e Toronto, nonché i valichi di frontiera.

Il tenue ragionamento alla base della teoria è che il Canada ha espresso sostegno all’Ucraina durante le continue tensioni del paese con la Russia.

Piuttosto che ammettere che i camionisti della classe operaia sono stufi delle restrizioni imposte e dei mandati dei vaccini che minacciano i loro mezzi di sostentamento, la CBC ha lanciato l’idea folle che Vladimir Putin sia segretamente dietro le proteste.

La CBC continua a spingere la teoria del complotto, con il corrispondente Harry Forestell deposito della seguente relazione venerdì dando il tempo di trasmissione a David Shipley, “esperto di sicurezza informatica del New Brunswick”, fermamente convinto che dietro a tutto ci siano i russi.

Shipley ha proclamato “Chi avrebbe motivo in questo momento di causare quanto più caos possibile in Canada? Ebbene, in cima a quella lista c’è la Russia”.

Ha continuato: “Siamo attivamente impegnati in una battaglia geopolitica sul futuro dell’Ucraina. Il nostro ministro degli Esteri, il nostro Primo Ministro, altri sono stati molto espliciti nel nostro sostegno all’Ucraina e sembra molto probabile che le tattiche a cui stiamo assistendo, la creazione dei massicci gruppi di Facebook che utilizzano identità false o nel caso ora denunciato da un media statunitense, l’identità rubata di una donna del Missouri per creare questi gruppi e promuovere questa comunicazione con centinaia di migliaia di persone, questo è il playbook dell’agenzia di ricerca su Internet russa scritto in grande.

Shipley ha ritenuto che forse anche i camionisti siano agenti cinesi, ma alla fine no, sono russi.

Dichiarò “Anche tu hai altri nemici. Hai la Cina, hai altri stati, ma quando restringo il mio elenco di sospetti e non ho prove sufficienti per vincere in un tribunale, ma non ne ho bisogno in questo momento, questo sa del tipo di mossa che La Russia ha fatto in passato gli Stati Uniti e continua a fare in tutto il mondo”.

Alla domanda su quale fosse la soluzione a questo pressante problema dell’agente russo, la soluzione di Shipley è stata quella di limitare e chiudere la presenza sui social media del convoglio.

Orologio:

Di certo non ha prove sufficienti, signor Shipley, perché non ce ne sono.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’emittente statale canadese diffonde la bizzarra teoria del complotto secondo cui gli “attori russi” sono dietro un “convoglio per la libertà” di 50.000 potenti camionisti


L’emittente statale canadese, la Canadian Broadcasting Company, sta diffondendo una teoria del complotto bizzarra e infondata secondo cui “attori russi” sono dietro le proteste per il mandato del vaccino per camionisti “Freedom Convoy” attualmente in corso a Ottawa e al confine degli Stati Uniti.

Durante una trasmissione venerdì sulla CBC – che è finanziata dal governo canadese – il presentatore Nil Koksal ha offerto la teoria al membro del Parlamento Marco Mendicino, citando come prova l’attuale rapporto del Paese con l’Ucraina, ex nazione sovietica attualmente in contrasto con la Russia.

“Dato il sostegno del Canada all’Ucraina, in questa attuale crisi con la Russia, non so se è inverosimile chiedere”, ha detto Koksal a Mendicino, ministro della sicurezza pubblica della contea, durante l’intervista di venerdì. “Ma c’è la preoccupazione che gli attori russi possano continuare ad alimentare le cose mentre questa protesta cresce. Forse anche istigandolo fin dall’inizio.’

Il Freedom Convoy, una coalizione di 50.000 conducenti che protestano contro il mandato di vaccinazione del primo ministro Justin Trudeau per i camionisti transfrontalieri che si è formato il mese scorso, è stato descritto come un movimento di base e non ha legami noti con la Russia.

Questa potente compilation mostra come le persone si stanno svegliando in tutto il mondo dalla potenza del convoglio di camionisti canadesi.

Le proteste sono iniziate a Ottawa il mese scorso il 23 gennaio e al confine tra Stati Uniti e Canada in Alberta sabato e stanno ancora andando forte, nonostante gli avvertimenti della Royal Canadian Mounted Police che le cose andranno male per i festaioli se non abbandonano il loro “Freedom Convoy” campagna, in cui decine di migliaia di camionisti hanno bloccato strade cruciali in entrambe le località con i loro veicoli parcheggiati.

Trudeau, 50 anni, si è rifiutato di incontrare il gruppo per discutere i loro scrupoli con la sua nuova politica, che è entrata in vigore a gennaio e richiede la vaccinazione dei camionisti canadesi per entrare e uscire dal paese lungo le loro rotte.

Martedì, dopo quattro giorni di proteste, la polizia ha minacciato di arrestare i camionisti che bloccavano il confine statunitense in Alberta a meno che non avessero lasciato immediatamente l’area.

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Glen Youngkin ha prestato giuramento come governatore del VA, VIETA immediatamente la teoria della razza critica e il mandato sui vaccini




Il governatore del New Virginia giura di indagare sulle irregolarità nella contea di Loudon e di dichiarare il Commonwealth “aperto agli affari”.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

AP dichiara che il maltrattamento dei prigionieri del 6 gennaio è una “teoria del complotto”



L’Associated Press ha dichiarato, tramite i suoi “fact checkers”, che il maltrattamento di centinaia di persone ancora in carcere per essere coinvolte nell’incidente del Campidoglio del 6 gennaio è una “teoria del complotto”.

Il giornalista Andy Ngo ha notato che ci sono state segnalazioni in corso di abusi su coloro che sono ancora incarcerati senza processo, ma che l’AP dice che non è vero perché vengono nutriti.

“Anche se è vero che alcuni sospetti si sono lamentati del tempo trascorso in carcere, è sbagliato sostenere che siano detenuti come prigionieri politici. Le autorità hanno affermato che i sospetti in custodia hanno lo stesso accesso al cibo e alle cure mediche di qualsiasi altro detenuto”, dichiara l’AP.

Il pezzo afferma anche che il cosiddetto QAnon Shaman Jacob Chansley ricevette persino cibo biologico dopo averlo richiesto.

Gli avvocati di alcuni dei prigionieri hanno precedentemente affermato che viene loro regolarmente negato l’accesso ai loro clienti, che vengono sottoposto a tortura in carcere.

I detenuti e alcuni dei loro avvocati hanno presunto che sono tenuti in isolamento e sono stati oggetto di percosse, minacce e abusi verbali da parte delle guardie.

in avvocato descrisse il volto del suo cliente Ryan Samsel sembrava “come un pomodoro che è stato calpestato”, dopo un pestaggio da parte degli agenti penitenziari che lo ha lasciato “cieco da un occhio, [with] una frattura del cranio e retina distaccata”.

Detenuto Ronald Sandlin ha anche affermato che le guardie della minoranza prendono di mira i detenuti per lo più bianchi con abusi razziali, in particolare notando che una guardia ha gridato “Odio tutti i bianchi e la tua religione honky.”

L’avvocato Joseph McBride è apparso l’anno scorso sulla CNN in una famigerata intervista in cui ha affermato a gran voce che il suo cliente e altri vengono brutalmente torturati “a cinque miglia dalla Casa Bianca”.

Orologio:

Anche la stessa CNN ha eseguito un pezzo in merito al maltrattamento di almeno un detenuto che aveva il cancro ed è stato rilasciato a causa di condizioni non sicure in carcere.

I legislatori tra cui il rappresentante della Georgia Marjorie Taylor Greene e il rappresentante dell’Arizona Paul Gosar si sono espressi sulla questione:

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che ti iscrivi alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Inoltre, abbiamo urgente bisogno del tuo supporto finanziario qui. ———————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La teoria della cospirazione della storia rivisitata


Ogni volta che viene presentata un’analisi a muso duro chi i nostri governanti, del modo in cui i loro interessi politici ed economici si intrecciano, è invariabilmente denunciato dai liberali e dai conservatori dell’establishment (e persino da molti libertari) come una “teoria della cospirazione della storia”, “paranoica”, “determinista economica” e persino ” Marxista.”

Queste etichette diffamatorie sono applicate su tutta la linea, anche se tali analisi realistiche possono essere, e sono state, fatte da qualsiasi parte dello spettro economico, dalla John Birch Society al Partito Comunista.

L’etichetta più comune è “teorico della cospirazione”, quasi sempre livellato come un epiteto ostile piuttosto che adottato dallo stesso “teorico della cospirazione”.

Non c’è da meravigliarsi che di solito queste analisi realistiche siano formulate da vari “estremisti” che sono al di fuori del consenso dell’establishment. Perché è vitale per la continuità del governo dell’apparato statale che abbia legittimità e persino santità agli occhi del pubblico, ed è vitale per tale santità che i nostri politici e burocrati siano considerati spiriti disincarnati dediti esclusivamente al “pubblico Buono.”

Una volta che si tira fuori il gatto dal sacco, questi spiriti sono troppo spesso radicati nella solida terra di promuovere una serie di interessi economici attraverso l’uso dello Stato, e la mistica di base del governo inizia a crollare.

Facciamo un facile esempio. Supponiamo di scoprire che il Congresso ha approvato una legge che aumenta la tariffa dell’acciaio o impone quote di importazione sull’acciaio? Sicuramente solo un deficiente non si renderà conto che la tariffa o la quota è stata approvata per volere dei lobbisti dell’industria siderurgica nazionale, ansiosi di tenere fuori concorrenti stranieri efficienti.

Nessuno caricherebbe l’accusa di “teorico della cospirazione” contro una simile conclusione. Ma quello che sta facendo il teorico della cospirazione è semplicemente estendere la sua analisi a misure di governo più complesse: diciamo, a progetti di lavori pubblici, l’istituzione dell’ICC, la creazione del Federal Reserve System, o l’ingresso degli Stati Uniti in un guerra. In ciascuno di questi casi, il teorico della cospirazione si pone la domanda cui bono? Chi ne beneficia? da questa misura? Se scopre che la Misura A avvantaggia X e Y, il suo prossimo passo è indagare sull’ipotesi: fatto X e Y infatti fanno pressioni o esercitano pressioni per il passaggio della Misura A? In breve, X e Y si sono resi conto che avrebbero beneficiato e si sarebbero comportati di conseguenza?

Lungi dall’essere un paranoico o un determinista, l’analista della cospirazione è un… prasseologo; cioè, crede che le persone agiscano con uno scopo, che facciano scelte consapevoli di impiegare mezzi per arrivare a obiettivi. Quindi, se viene approvata una tariffa sull’acciaio, presume che l’industria siderurgica abbia fatto pressioni per essa; se viene realizzato un progetto di opere pubbliche, ipotizza che sia stato promosso da un’alleanza di imprese edili e sindacati che godevano di appalti pubblici, e burocrati che hanno ampliato i loro posti di lavoro e le entrate. Sono gli oppositori dell’analisi della “cospirazione” che professano di credere che tutti gli eventi, almeno nel governo, siano casuali e non pianificati, e che quindi le persone non si impegnino in scelte e pianificazioni intenzionali.

Ci sono, naturalmente, buoni analisti della cospirazione e cattivi analisti della cospirazione, proprio come ci sono buoni e cattivi storici o praticanti di qualsiasi disciplina. Il cattivo analista della cospirazione tende a commettere due tipi di errori, che in effetti lo lasciano esposto all’accusa di “paranoia” dell’establishment. prima, lui fermate con il cui bono; se la misura A avvantaggia X e Y, conclude semplicemente che Perciò X e Y erano responsabili. Non si rende conto che questa è solo un’ipotesi e deve essere verificata scoprendo se X e Y lo hanno fatto davvero. (Forse l’esempio più bizzarro di ciò fu il giornalista britannico Douglas Reed che, vedendo che il risultato della politica di Hitler era la distruzione della Germania, concluse, senza ulteriori prove, che Perciò Hitler era un agente cosciente di forze esterne che hanno deliberatamente deciso di rovinare la Germania.) In secondo luogo, il cattivo analista della cospirazione sembra avere l’impulso di avvolgere tutte le cospirazioni, tutti i blocchi di potere cattivi, in un’unica cospirazione gigante. Invece di vedere che ci sono diversi blocchi di potere che cercano di ottenere il controllo del governo, a volte in conflitto ea volte in alleanza, deve presumere – ancora una volta senza prove – che un piccolo gruppo di uomini li controlla tutti, e solo sembra mandarli in conflitto.

Queste riflessioni sono motivate dal fatto quasi sfacciato – così sfacciato da essere rimarcato dai maggiori settimanali di informazione – che praticamente tutti i vertici della nuova amministrazione Carter, da Carter e Mondale in giù, sono membri della piccola, semisegreta Commissione Trilaterale , fondata da David Rockefeller nel 1973 per proporre politiche per Stati Uniti, Europa occidentale e Giappone e/o membri del consiglio di amministrazione della Fondazione Rockefeller. Il resto è legato agli interessi aziendali di Atlanta, e in particolare alla Coca-Cola Company, la principale società della Georgia.

Ebbene, come consideriamo tutto questo? Diciamo che i prodigiosi sforzi di David Rockefeller per conto di alcune politiche pubbliche stataliste sono semplicemente un riflesso di altruismo sfuocato? Oppure è coinvolto il perseguimento di interessi economici? Jimmy Carter è stato nominato membro della Commissione Trilaterale non appena è stata fondata perché Rockefeller e gli altri volevano ascoltare la saggezza di un oscuro governatore della Georgia? O è stato strappato dall’oscurità e fatto presidente dal loro sostegno? J. Paul Austin, capo della Coca-Cola, uno dei primi sostenitori di Jimmy Carter era semplicemente preoccupato per il bene comune? Tutti i Trilateralisti e le persone della Fondazione Rockefeller e della Coca-Cola sono state scelte da Carter semplicemente perché sentiva che erano le persone più abili possibili per il lavoro? Se è così, è una coincidenza che sbalordisce la mente. O sono coinvolti interessi politico-economici più sinistri? Ritengo che gli ingenui che si rifiutano ostinatamente di esaminare l’interazione tra interessi politici ed economici nel governo stanno buttando via uno strumento essenziale per analizzare il mondo in cui viviamo.

Questo articolo è apparso originariamente su Motivo, aprile 1977, pp. 39-40.


Il miglior dottore dice a Joe Rogan che il Covid-19 è stato un attacco premeditato alla civiltà

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Ulisse viene dal nord Europa? La teoria di Omero nel Baltico


Esiste una teoria affascinante e rivoluzionaria sui poemi omerici, l’Iliade e l’Odissea. Secondo Felice Vinci, ingegnere e scrittore, questi poemi sarebbero da collocare nel mar Baltico e non nel Mediterraneo. Esisterebbero diversi indizi all’interno dei testi che non sembrano essere coerenti con la cultura mediterranea: neve, pioggia, nebbia, eroi alti e biondi, mantelli e pellicce per coprirsi dal freddo nonché il fenomeno della notte chiara. Un insieme di elementi che deve essere unito ora

See More
anche alle aperture del mondo accademico rispetto a questa nuova interpretazione della storia.

window.fbAsyncLoaded = false; window.fbAsyncPending = []; window.fbAsyncOnLoaded = function(callback) { if (window.fbAsyncLoaded) { callback(); } else { window.fbAsyncPending.push(callback); } };

// Register an event handler for Facebook init window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ version: 'v8.0', appId: '215002133707', cookie: true, status: false, xfbml: false });

// Update state window.fbAsyncLoaded = true;

// Execute pending calls for (var i = 0; i < window.fbAsyncPending.length; i++) { window.fbAsyncPending[i](); } window.fbAsyncPending = []; }; // Trick: monitor the "beforeload" event to check if someone else default // prevented the loading of the facebook library window.fbLoadPrevented = false; function _checkFbPrevent(event) { if (event.url && event.url.match('facebook')) { document.removeEventListener("beforeload", _checkFbPrevent); window.fbLoadPrevented = event.defaultPrevented; } } if (document.addEventListener) { document.addEventListener("beforeload", _checkFbPrevent, true); } // Load Facebook library (function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La teoria della razza critica serve a inaugurare l’agenda comunista in America, afferma il professore di filosofia



Secondo il professore di filosofia Jason Hill, la teoria critica della razza è diventata il fondamento filosofico a sostegno di un’agenda comunista marxista che sta dilagando nella società americana.

Agendo come manager o agenti razziali per gli afroamericani, praticanti di teoria critica della razza (CRT) sono alla ricerca del potere e mirano a “distruggere tutti quei valori fondamentali, tutti quei valori codificati e principi che usiamo in tempi di crisi”, ha detto Hill in un recente intervista con il programma “American Thought Leaders” di Epoch TV.

I teorici critici della razza “vogliono prima cancellare l’identità personale, poi cancellare la storia, cancellare quei valori codificati per inaugurare una nuova, quella che definirei, agenda comunista marxista nella nostra società”, Ha aggiunto.

La visione di CRT dell’America come sistematicamente razzista è “una percezione errata della realtà”, ha detto Hill.

Questa proposizione centrale – che l’oppressione degli afroamericani persiste ancora oggi – viene quindi utilizzata per giustificare i praticanti della CRT che parlano a nome di tutti i neri americani, privando la comunità della propria agenzia, secondo Hill. Ma questi attivisti in realtà non si preoccupano di elevare la popolazione nera, ha aggiunto.

L’esperienza di Hill in America, dettagliata nel suo libro del 2018 “We Have Overcome: An Immigrant’s Letter to the American People”, presenta una visione alternativa alla rappresentazione del razzismo di CRT negli Stati Uniti.

Con 120 dollari in tasca, Hill emigrò negli Stati Uniti dalla Giamaica a 20 anni. Lavorò per guadagnarsi le tasse scolastiche per i suoi diplomi, incluso un dottorato in filosofia presso la Purdue University, e alla fine divenne professore ordinario di filosofia alla DePaul University di Chicago.

“Quando sono arrivato in questo paese, ho promesso che, in nome del meglio che c’è in me, avrei coltivato le virtù americane dell’individualismo e dell’eccellenza personale e avrei sfruttato le opportunità che mi si presentavano”, disse Hill in an articolo di opinione pubblicato nel 2018.

A suo avviso, quando il Civil Rights Act del 1964 è entrato in vigore, la società americana è entrata in un'”era di post-oppressione” perché la legislazione ha dato agli afroamericani l’uguaglianza legale.

Eppure, la rabbia nera, non la gratitudine, né un senso di sollievo, è stata una reazione inaspettata al Civil Rights Act del 1964, ha detto Hill a The Epoch Times. Ha detto che il risultato è stato a causa di “una tremenda crisi di identità” che i neri americani hanno dovuto affrontare da quando la loro identità era stata forgiata dall’oppressione fino ad allora. Di conseguenza, i bianchi si sentivano in colpa e imbarazzati nel mettere gli afroamericani in una situazione del genere.

Nel frattempo, negli anni ’60 è emerso un movimento di autostima e rispetto di sé incentrato sull’orgoglio per l’identità afroamericana, Hill ha scritto nel suo nuovo libro “What Do White Americans Owe Black People: Racial Justice in the Age of Post-Oppression”.

La CRT è emersa negli anni ’70, inizialmente come propaggine della teoria giuridica critica che esaminava il ruolo della razza nella legge. Derrick Bell, un afroamericano e un avvocato per i diritti civili spesso accreditato come uno dei creatori di CRT, sosteneva che il progresso razziale si verificava in America solo quando si allineava con gli interessi della popolazione bianca, e dubitava che l’uguaglianza razziale sarebbe mai stata raggiunta.

Hill afferma che il CRT attualmente praticato è la terza iterazione del movimento, con la prima negli anni ’70 sotto Bell e una seconda versione negli anni ’90. Il CRT di oggi è diventato il “fondamento filosofico” per le riparazioni e un “modello filosofico” per molti gruppi come Black Lives Matter, un gruppo di attivisti di sinistra che promuove la “giustizia razziale” nelle forze dell’ordine e in altri domini, per trovare la loro giustificazione.

Secondo Hill, che si considera un afroamericano, gli afroamericani dovrebbero praticare il “perdono radicale” per guardare al futuro invece di perseguire riparazioni per le ingiustizie passate.

Nel suo nuovo libro, scrive che la rinuncia alla propria identità razziale è “un atto di libertà radicale”. Ciò non significa che un individuo non riconosca la propria razza; significa solo che la razza non sarà il proprio portabandiera. Dal punto di vista di Hill, la cultura, piuttosto che la razza, funge da elemento di differenziazione più oggettivo degli individui perché la cultura indica tratti comuni nelle credenze, nei costumi e nelle tradizioni.

Hill ha suggerito nel suo libro un’idea di un “traditore razziale eroico”, un nome satirico perché uno che non basa la propria identità principalmente sulla propria razza potrebbe essere considerato un “traditore” in alcune comunità. Questa persona perdonerebbe il razzismo sistemico prima dell’emancipazione e si concentrerebbe sullo sfruttamento delle opportunità fornite dalla piena uguaglianza davanti alla legge per raggiungere l’identificazione individuale e il successo.

Guarda l’intervista completa con il Dr. Jason Hill qui sotto, oppure guarda e leggi il trascrizione completa su EpochTV.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I media dichiarano il “blocco climatico” una “teoria del complotto” mentre l’India si prepara a imporre il blocco climatico



Mentre i media dichiarano che la nozione di “blocco climatico” è una “teoria della cospirazione” di notizie false, l’India si prepara a imporre un blocco climatico per ridurre l’inquinamento.

Sì davvero.

National Public Radio, Radio Pubblica riporta i dettagli del blocco sotto il titolo “L’inquinamento atmosferico di Nuova Delhi è così grave che i funzionari chiedono un blocco in tutta la città”.

“La Corte Suprema indiana chiede il blocco della capitale, Nuova Delhi. È a causa di un’emergenza sanitaria, ma non si tratta di COVID-19. Riguarda l’inquinamento atmosferico”, afferma il pezzo.

Le autorità hanno deciso di vietare tutti i viaggi non essenziali sulle strade della regione della capitale nazionale, ordinando a decine di milioni di persone di lavorare da casa.

Anche i cantieri stanno chiudendo insieme alle scuole, molte delle quali aperte solo di recente dopo il blocco COVID-19.

Il primo ministro di Delhi chiede anche agli stati confinanti di imporre misure simili.

L’annuncio è sincronizzato perfettamente dato che l’emittente britannica Sky News ha appena pubblicato un articolo lungo sostenendo che i “blocchi climatici” sono una teoria della cospirazione delle notizie false inventata dai negazionisti del COVID-19.

“La cospirazione verde più comune è l’affermazione di un imminente “blocco climatico”, in cui i paesi saranno bloccati per lunghi periodi per raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico”, afferma l’articolo, etichettando l’idea come “”teoria falsa”.

L’articolo cita Callum Hood, del Center for Countering Digital Hate, che afferma che i teorici della cospirazione stanno spingendo la falsa idea dei blocchi climatici come mezzo per “giustificare le loro teorie del complotto sulla pandemia di COVID”.

“Poiché molte restrizioni COVID vengono revocate, alcuni di questi gruppi affermano invece che i “blocchi climatici” saranno utilizzati per raggiungere gli stessi obiettivi”, ha affermato Hood.

Quindi sei un pericoloso teorico della cospirazione per aver suggerito che i “blocchi climatici” possono essere utilizzati dai governi come strumento di controllo della popolazione … mentre l’India sta letteralmente lanciando piani per fare proprio questo.

Nota ancora una volta come i media e la censura sostenuta dallo stato circondino le idee dichiarandole “teorie della cospirazione” e “notizie false” anche se il secondo paese più popoloso del mondo sta letteralmente per implementare proprio quell’agenda.

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Ottieni l’accesso anticipato, contenuti esclusivi e cose dietro le quinte seguendomi su gente del posto.

———————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La teoria della razza critica è il problema principale delle elezioni in Virginia, i democratici insistono ancora sul fatto che “non è reale”


La teoria della razza critica (CRT) insegnata nelle scuole era una delle questioni principali tra gli elettori della Virginia, secondo un sondaggio di Fox News Voter Analysis.

“Il sondaggio, che ha intervistato più di 2.500 elettori della Virginia, ha rilevato che il 25% di loro considerava il dibattito sulla CRT come il singolo fattore più importante da considerare al momento di decidere chi sostenere per il governatore”, secondo il rapporto.

Del quarto degli elettori che considerava la CRT la massima priorità elettorale, il 70 percento ha votato per l’attuale governatore Glenn Youngkin (R) e il 29 percento ha votato per il democratico Terry McAuliffe. Nel complesso, il 72% degli elettori ha affermato che la CRT è “importante” per loro, e il 28% ha affermato che non lo era.

“Il dibattito sul controverso curriculum è stato un argomento principale della campagna elettorale nelle ultime settimane, evidenziato dalle forti differenze tra Youngkin e McAuliffe per quanto riguarda la gravità del problema”, secondo il rapporto.

Owen denuncia gli imbrogli della notte elettorale che sono avvenuti nel New Jersey.

La teoria critica della razza (CRT) è un’ideologia marxista che litiga, “tutta la società è razzializzata e correttamente vista attraverso un prisma di gruppi identitari basati su razza e colore, con le minoranze oppresse mentre i bianchi fungono da oppressori”. Inoltre, “CRT insegna che i bianchi sono intrinsecamente e irrimediabilmente razzisti e beneficiano di varie strutture di potere sistematicamente razziste che i bianchi hanno messo in atto e perpetuano”, Breitbart News segnalato.

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’ex conduttrice di MSNBC etichetta Condoleezza Rice un “soldato per la supremazia bianca” dopo aver denunciato la teoria della razza critica



Un ex conduttore di MSNBC ha bollato Condoleezza Rice come un “soldato disgustoso per la supremazia bianca”, dopo che l’ex Segretario di Stato si è espresso contro l’insegnamento della teoria della razza critica nelle scuole americane.

in an editoriale Toure Neblett ha dichiarato che i “pensieri di Rice sulla teoria critica della razza sono completamente incentrati sui bianchi, poiché ruotano attorno ai pensieri e ai bisogni dei bianchi”.

Ha aggiunto che “la recente apparizione di Condoleezza Rice in The View è stata offensiva e disgustosa per molte ragioni, ma era chi pensavamo fosse: un soldato per la supremazia bianca”.

Riso ha detto su The View che secondo lei CRT “è una conversazione che è andata nella direzione sbagliata”, spiegando inoltre che “Vorrei che i bambini neri fossero completamente autorizzati, sapessero che sono belli nella loro oscurità, ma per fare questo, non devo far sentire in colpa i bambini bianchi per essere bianchi”.

“Una delle preoccupazioni che ho riguardo al modo in cui parliamo di razza è che sembra così grande che in qualche modo i bianchi ora debbano sentirsi in colpa per tutto ciò che è successo in passato”, Rice, ora direttore del Hoover Institution, ulteriormente sottolineato.

Ha aggiunto: “Insegniamo il bene e insegniamo il male della storia, ma quello che non facciamo è far sentire ai bambini di 7 e 10 anni che in qualche modo sono persone cattive a causa del colore della loro pelle. Ci siamo passati e non vogliamo rifarlo”.

Nella sua risposta, Neblett ha ribattuto che “i bambini e gli adulti bianchi dovrebbero assolutamente sentirsi in colpa per le atrocità passate commesse dagli americani bianchi”.

“Dovrebbero sentirsi in colpa. Dovrebbero rabbrividire per quello che hanno fatto i loro antenati. Dovrebbero anche capire che il moderno potere bianco è direttamente correlato a quelle atrocità”, ha dichiarato.

Le accuse di Neblett contro Rice hanno spinto alcuni a tornare alle accuse passate contro di lui:

Finora, 21 stati degli Stati Uniti si sono mossi per emanare leggi che limitano l’insegnamento della CRT nelle scuole.

L’amministrazione Biden ha espresso a desiderio di punire i genitori che si oppongono alla teoria che divide insegnata ai loro figli.

Gli sviluppi arrivano sulla scia di video emergente di un insegnante di una scuola superiore dell’Ohio che parla di libri e temi strettamente associati al CRT, nonostante le precedenti promesse ai genitori da parte dei funzionari che non stava accadendo nelle scuole del distretto.

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che ti iscrivi alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Inoltre, abbiamo urgente bisogno del tuo supporto finanziario qui. ———————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

6th Grader registra segretamente l’insegnante che spaccia la teoria della corsa critica alla classe



È emerso un video di un insegnante di un liceo in Ohio che parla di libri e temi strettamente associati alla cosiddetta “teoria della razza critica”, nonostante le precedenti promesse ai genitori da parte dei funzionari che non stava accadendo nelle scuole del distretto.

Il filmato, apparentemente registrato di nascosto da uno studente della Franklin Woods Intermediate School, sembra mostrare un insegnante che insegna ai bambini come non impegnarsi nell’attivismo antirazzista significa che gli americani stanno consentendo il razzismo.

L’insegnante ammette di essere un “attivista” e indica il libro “Timbrato: razzismo, antirazzismo e tu” scritto da Jason Reynolds e Ibram X. Kendi, figure chiave del movimento CRT.

L’insegnante dice: “Alcune persone potrebbero chiamarlo razzista. In realtà sono tre categorie, se leggi il libro “Stamped” sentirai che ci sono tre aree. C’è l’antirazzista che è una persona che lavora per porre fine al razzismo. Un attivista, qualcuno che è attivo, ed è quello che stavo cercando di essere. Stavo leggendo libri, stavo andando ai raduni, stavo cercando di essere in quel gruppo”.

L’insegnante continua: “Poi c’è l’opposto che è qualcuno che è razzista, che discrimina le persone di un certo gruppo e quel genere di cose”.

“Ma poi c’è il gruppo di mezzo”, continua l’insegnante, aggiungendo “Un gruppo di mezzo è quello che sono la maggior parte delle persone. La maggior parte delle persone non lavora attivamente per porre fine al razzismo e la maggior parte delle persone non lavora per far parte del gruppo razzista. Quindi la maggior parte delle persone fa parte di quel gruppo di mezzo, chiamato “assimilazionista”. Un assimilazionista non lavora attivamente per porvi fine e non lavora per essere nel gruppo razzista”.

Orologio:

Specchiato a Rumble:

Come notato nel post originale su Twitter, il sovrintendente Bill Wise aveva precedentemente assicurato ai genitori durante una riunione del consiglio scolastico di Zoom che la CRT non veniva insegnata nelle scuole dell’Ohio:

È stato recentemente rivelato che il Il governo Biden ha pianificato di prendere di mira i genitori arrabbiati che si sono espressi contro la teoria critica della razza che viene insegnata ai propri figli con politiche antiterrorismo.

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che ti iscrivi alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Inoltre, abbiamo urgente bisogno del tuo supporto finanziario qui. ———————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La famiglia di AG Garland vende materiale di teoria della razza critica alle scuole come AG Sics FBI On Critics


Pochi giorni dopo che il procuratore generale Merrick Garland ha ordinato all’FBI di indagare sui genitori che si erano espressi contro la teoria della razza critica, un giornalista ha sottolineato che la famiglia di Garland vende materiali CRT alle scuole pubbliche

Nello specifico, la figlia di Merrick è sposata con il co-fondatore di una società di servizi educativi che promuove il materiale, il Casa sull’albero conservatrice rapporti:

Il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland ha recentemente incaricato l’FBI di iniziare a indagare sui genitori che si confrontano con gli amministratori del consiglio scolastico per Teoria della corsa critica materiale di indottrinamento. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha rilasciato un promemoria all’FBI incaricandoli di avviare le indagini di qualsiasi genitore che partecipa a una riunione del consiglio scolastico locale che potrebbe essere considerato conflittuale, intimidatorio o molesto.

La figlia del procuratore generale Merrick Garland è Rebecca Garland. Nel 2018 Rebecca Garland si è sposata Xan Tanner [LINK]. Il signor Xan Tanner è l’attuale co-fondatore di una controversa società di servizi educativi chiamata Istruzione panoramica. [LINK and LINK] Panorama Education è il “apprendimento sociale“fornitore di materiale di risorse ai distretti scolastici e agli insegnanti che insegnano Teoria della corsa critica.

Da quando ha dato questa notizia mercoledì mattina, il sito web del Conservative Treehouse ha subito un enorme aumento di traffico, rendendo temporaneamente difficile l’accesso al sito.

La controversa lettera di Merrick del lunedì ha mobilitato l’FBI contro i genitori preoccupati e ha citato “un preoccupante picco di molestie, intimidazioni e minacce di violenza contro amministratori scolastici, membri del consiglio, insegnanti e personale che partecipano al lavoro vitale di gestione delle scuole pubbliche della nostra nazione”.

In mezzo a tutto questo, vale la pena ricordare che l’FBI è stato recentemente ampliando la definizione di “minacce terroristiche interne”.


Mike Adams si unisce ad Alex Jones per esporre il crollo della società che si verificano quando le catene di approvvigionamento vengono interrotte.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link