Archivi tag: Stati

Il deputato democratico Schiff saluta i soldati nazisti Azov ucraini nel Campidoglio degli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Un’immagine pubblicata lunedì su Twitter mostra uomini che presumibilmente prestano servizio nel battaglione Azov apertamente neonazista dell’esercito ucraino che incontrano il deputato democratico Adam Schiff sul pavimento del Campidoglio degli Stati Uniti.

La foto virale mostra Schiff che si avvicina a un paio di soldati Azov che indossano abiti neri e alcune donne militari ucraine in visita al Campidoglio lunedì.

Inserito da Daria Kaleniuk, assistente alla regia di un gruppo di attivisti ucraino chiamato Anti-Corruption Action Center, la didascalia dell’immagine recita: “Il momento più emozionante è stato quando abbiamo incontrato improvvisamente i soldati Azov liberati proprio all’interno della sala principale del Campidoglio. “

Kaleniuk stava visitando il Campidoglio con una delegazione di donne soldato ucraine inviate a implorare i politici statunitensi che ulteriori armi ad alta tecnologia fossero fornite dall’America.

Un utente di Twitter ha commentato la foto dei combattenti Azov che salutavano Schiff, scrivendo: “Gli americani MAGA sono stati accusati di essere nazisti e sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco a Capitol Hill. Nel frattempo i nazisti letterali vengono accolti emotivamente a Capitol Hill. Ha senso.”

Il famoso commentatore conservatore Jack Posobiec ha scritto: “Oh”, in risposta a questa accurata osservazione.

Non è chiaro cosa stessero facendo i combattenti Azov al Campidoglio, ma l’ipocrisia dell’immagine dovrebbe far infuriare tutti gli americani.

Mentre i media e i politici di sinistra dipingono i sostenitori di Trump come pericolosi estremisti, i veri combattenti nazisti che sfoggiano tatuaggi con la svastica e una moltitudine di altri simboli nazisti ricevono tour del Campidoglio dai politici statunitensi.

La forte presenza nazista in Ucraina è stata intenzionalmente minimizzata dai media occidentali che capiscono che il fatto non andrebbe d’accordo con la maggior parte dei cittadini.

Proprio la scorsa settimana un carro armato ucraino è stato filmato con una grande svastica dipinta a spruzzo su un lato durante un’intervista televisiva tedesca.

La settimana prima, un’immagine pubblicata dall’ufficio presidenziale dell’Ucraina mostrava il presidente Volodymyr Zelensky in posa con un soldato ucraino sullo sfondo che indossava una toppa nazista nella stessa città di Izium dove è stata girata la clip con la svastica.

La toppa con teschio e ossa incrociate è la stessa del logo utilizzato dalla 3a divisione SS Panzer di Hitler “Totenkopf” durante la seconda guerra mondiale, solo che è stata aggiornata per avere il teschio che indossa le cuffie.

Dopo che l’immagine è diventata virale, L’ufficio di Zelensky ha modificato la serie di foto dal suo viaggio a Izium e ha rimosso del tutto l’immagine della guardia armata che indossava la toppa in stile SS.

© Ufficio del Presidente dell’Ucraina

La sinistra americana si allea apertamente con i nazisti mentre dipinge la sua opposizione politica interna ai nazisti che rappresentano un pericolo per la democrazia.


Di seguito è riportato solo un esempio di Infowars e altri che coprono il fatto che i nazisti sono profondamente coinvolti nell’operazione di guerra ucraina.

Guarda altre foto del viaggio della combattente ucraina in America:












Source link

Il CEO di YouTube è interrogato sulla censura del senatore degli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


In una lettera al CEO di YouTube Susan Wojcicki, il senatore Ron Johnson ha chiesto risposte sulle politiche di moderazione COVID-19 della piattaforma a causa della ripetuta censura di un senatore in carica.

“YouTube ha mostrato una storia preoccupante di censura su un senatore degli Stati Uniti in carica, gli atti del Senato degli Stati Uniti, i giornalisti che mi intervistano e la visualizzazione di dati interamente generati dalle agenzie sanitarie del governo degli Stati Uniti”, ha scritto Johnson.

Abbiamo ottenuto una copia della lettera per te qui.

Il repubblicano del Wisconsin e membro della classifica del Comitato per la sicurezza interna e gli affari governativi ha chiesto a YouTube di fornire al comitato documenti “riguardanti lo sviluppo e l’attuazione” delle sue politiche di moderazione dei contenuti COVID-19.

La lettera evidenzia diversi casi, a partire da ottobre 2021, in cui YouTube ha censurato i contenuti o sospeso il senatore.

Johnson ha anche notato che YouTube non è giusto nell’applicare le sue politiche di moderazione, cosa che è stata evidenziata quando il chief product officer della piattaforma Neal Mohan ha testimoniato davanti al Senato il 14 settembre.

“Ho letto le seguenti due citazioni che il presidente Biden ha detto il 21 luglio 2021. La prima era: ‘Non avrai il COVID se hai queste vaccinazioni.’ La seconda era: ‘Se vieni vaccinato, non verrai ricoverato in ospedale, non sarai in terapia intensiva e non morirai'”, racconta il senatore nella sua lettera.

“Non c’è dubbio che queste due affermazioni siano false. Ho chiesto al signor Mohan e ai testimoni delle altre società di social media se le vostre società hanno mai segnalato il presidente Biden come fonte di disinformazione. Nessuno ha nemmeno tentato di rispondere alla mia domanda”.

La lettera richiede comunicazioni esterne e interne relative a ogni incidente in cui è stato censurato.



Source link

L’uragano Fiona si dirige verso il Canada; Una nuova tempesta caraibica minaccia il sud-est degli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Dopo picchiare Porto Rico all’inizio di questa settimana con piogge torrenziali e forti venti, l’uragano Fiona è ora una tempesta di categoria 3 che si sta dirigendo verso il Canada nord-orientale. C’è anche una nuova tempesta tropicale che si sta sviluppando nei Caraibi e si prevede che diventerà una minaccia per il sud-est degli Stati Uniti la prossima settimana.

A partire da venerdì mattina, il centro di Fiona stava passando a nord-ovest delle Bermuda con venti massimi sostenuti di 125 mph, ha affermato il National Hurricane Center. La tempesta è stata declassata da un uragano di categoria 4.

Ora Fiona punta sul Canada nord-orientale, dove sono in vigore gli avvisi di uragano per la Nuova Scozia, l’Isola del Principe Edoardo, le Isole della Maddalena e la costa di Terranova.

NHC prevede che la tempesta sarà un “grande e potente ciclone post-tropicale con venti di uragano”, poiché si prevede che atterrerà in alcune parti della Nuova Scozia sabato.

“Questa tempesta si preannuncia essere un evento grave per il Canada atlantico e il Quebec orientale”, ha affermato il Canadian Hurricane Center sul suo sito web.

Gli uragani che atterrano in Canada sono relativamente rari perché le acque più fredde tendono ad indebolire le tempeste.

“Questa potrebbe essere la tempesta della vita per alcune persone”, ha detto Jonathan Porter, capo meteorologo di AccuWeather.

Ci sono diverse raffinerie di carburante lungo il percorso della tempesta.

Patrick De Haan, capo analista petrolifero di GasBuddy, ha sottolineato che una grande raffineria nel New Brunswick è sul percorso della tempesta. Tuttavia, i modelli di previsione mostrano che la tempesta atterrerà a est della struttura.

Nel frattempo, Tropical Depression Nine si è formata nel Mar dei Caraibi e potrebbe diventare una minaccia di uragano per i Caraibi occidentali e il sud-est degli Stati Uniti entro la metà della prossima settimana.

I tropici si stanno accendendo di attività poiché la stagione degli uragani ha raggiunto il picco all’inizio di questo mese.

Fiona e Tropical Depression Nine sono due tempeste da monitorare nel fine settimana.







Source link

Biden impegna gli Stati Uniti in guerra per Taiwan

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Se la Cina invaderà Taiwan per unificarla con la terraferma, gli Stati Uniti entreranno in guerra per difendere Taiwan e invieranno truppe statunitensi per combattere gli invasori.

Questo è l’impegno preso la scorsa settimana dal presidente Joe Biden.

Alla domanda di Scott Pelley della CBS su “60 Minutes” se gli Stati Uniti avrebbero combattuto in difesa di Taiwan se la Cina avesse invaso, Biden ha risposto: “Sì, se, in effetti, ci fosse un attacco senza precedenti”.

Pelley ha proseguito: “Quindi, a differenza dell’Ucraina, per essere chiari, signore, le forze statunitensi – uomini e donne statunitensi – difenderebbero Taiwan in caso di invasione cinese”.

“Sì”, ha risposto Biden.

Come riporta Aaron Blake del Washington Post, questo è “un presidente degli Stati Uniti che si impegna fermamente a entrare in guerra”. Inoltre, è solo “l’ultimo dei commenti sempre più aggressivi” fatto da Biden sulla questione Cina-Taiwan.

Per la quarta volta nella sua presidenza, Biden ha affermato che gli Stati Uniti combatteranno per Taiwan, anche se ciò potrebbe significare una guerra totale con la Cina, che rivendica Taiwan come suo territorio sovrano e che ha una scorta crescente di missili strategici e armi nucleari da convalidare la sua pretesa.

Nell’agosto 2021, come riferisce Blake, Biden ha dichiarato: “Ci siamo impegnati con l’articolo 5 che se qualcuno dovesse invadere o agire contro i nostri alleati della NATO, avremmo risposto. … Lo stesso con il Giappone, lo stesso con la Corea del Sud, lo stesso con – Taiwan. “

Ma Taiwan non ha alcun trattato di sicurezza reciproca con gli Stati Uniti, né alcuna garanzia di guerra dell’articolo 5 che ci obbliga a difendere l’isola. Il patto di sicurezza USA-Taiwan degli anni ’50 fu abrogato nel 1979, quando Jimmy Carter riconobbe Pechino come governo legittimo della Cina.

Nell’ottobre 2021, a Biden è stato nuovamente chiesto: “La Cina ha appena testato un missile ipersonico. Cosa farai per stare al passo con loro militarmente e puoi giurare di proteggere Taiwan?”

La risposta di Biden: “Sì e sì”.

In un follow-up, a Biden è stato chiesto di nuovo: “Quindi stai dicendo che gli Stati Uniti verrebbero in difesa di Taiwan se la Cina avesse attaccato?”

Biden: “Sì, sì, abbiamo l’impegno di farlo”.

Eppure non abbiamo un tale impegno, nessun tale obbligo, anche se Biden sembrava che ne stesse istituendo uno come capo del governo, capo di stato e comandante in capo.

A maggio, a Biden è stato chiesto: “Sei disposto a farti coinvolgere militarmente per difendere Taiwan, se si dovesse arrivare a questo?”

Biden: “Sì”.

D: “Tu sei?”

Biden: “Questo è l’impegno che abbiamo preso”.

Pertanto, Biden, quattro volte nei suoi 20 mesi di presidenza, ha dichiarato che gli Stati Uniti sono obbligati a difendere Taiwan, se la Cina attacca, blocca o invade; e che, come presidente, onorerà quello che crede essere un impegno nazionale e una garanzia di guerra degli Stati Uniti.

Ogni volta che Biden ha dichiarato che siamo obbligati a combattere per Taiwan e onorerà tale obbligo, il personale della Casa Bianca ha ribattuto le sue parole. Non vi è alcun cambiamento nella politica degli Stati Uniti, assicurano alla stampa funzionari anonimi.

La politica degli Stati Uniti è ancora presumibilmente “ambiguità strategica” su cosa faremo se la Cina dovesse attaccare.

Né Taiwan è l’unico sito nei mari al largo della costa cinese in cui Biden sembra aver emesso una garanzia di guerra unilaterale degli Stati Uniti.

Biden ha affermato che se le Filippine cercheranno di recuperare i suoi isolotti nel Mar Cinese Meridionale ora occupato dalla Cina, l’America combatterà dalla parte di Manila. Ha indicato che il trattato di sicurezza reciproca degli Stati Uniti con il Giappone copre le isole Senkaku che il Giappone occupa ma la Cina sostiene.

Viene da chiedersi: se la Cina invadesse e si impadronisse delle isole rivendicate e occupate dai taiwanesi in vista della costa cinese, e Taiwan resistesse, cosa farebbe Biden?

Nella campagna Nixon-Kennedy del 1960, JFK definì “imprudente” correre il rischio di essere trascinato in guerra, che potrebbe portare a una guerra mondiale, su isole come Quemoy e Matsu che non erano strategicamente difendibili.

Se Pechino avesse invaso e occupato isole a poche miglia dalla costa e Taiwan avesse resistito, Biden avrebbe inviato la Settima Flotta in guerra con la Cina?

La domanda fondamentale sollevata da questi impegni di Biden di entrare in guerra con una Cina con un enorme esercito e flotta, e nella sua stessa regione d’origine, è: perché?

Nessun presidente degli Stati Uniti dopo Richard Nixon ha contestato l’affermazione della Cina secondo cui “c’è solo una Cina” e Taiwan “fa parte della Cina”.

Quante morti in battaglia, quanti caduti in guerra, siamo disposti a sacrificare per impedire a Pechino di prendere il controllo politico di un’isola di 23 milioni di taiwanesi a 6.000 miglia dagli Stati Uniti?

Non ci siamo battuti per impedire alla Cina di imporre il suo controllo a 7 milioni di persone di Hong Kong. Perché allora l’indipendenza di 23 milioni di taiwanesi giustifica una guerra degli Stati Uniti con la nazione più popolosa del mondo?

E se combattessimo una guerra con la Cina per Taiwan, quale sarebbe il nostro obiettivo strategico a lungo termine?

Indipendenza per Taiwan?

Ma non lo abbiamo ceduto negli anni ’70 con il viaggio di Nixon in Cina, il suo Comunicato di Shanghai e la rottura dei rapporti di Carter con la Repubblica di Cina?


L’albero della morte definito



Source link

Malattie sessualmente trasmissibili “fuori controllo” negli Stati Uniti – Funzionari

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


I funzionari sanitari statunitensi hanno chiesto nuovi sforzi di prevenzione e trattamento poiché il numero di casi di malattie sessualmente trasmissibili, tra cui la gonorrea e la sifilide, è salito alle stelle negli ultimi anni.

Parlando a una conferenza medica all’inizio di questa settimana, il dottor Leandro Mena del Center for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti ha dichiarato che era “imperativo” a cui lavorano gli Stati Uniti “ricostruire, innovare ed espandere” Prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Ciò arriva quando il tasso di infezioni da sifilide lo scorso anno ha raggiunto il massimo degli ultimi 20 anni e il numero di nuove infezioni è aumentato del 26%, battendo un record stabilito nel 1948.

Il capo della National Coalition of STD Directors, David Harvey, il cui gruppo sta spingendo una proposta per almeno 500 milioni di dollari in finanziamenti federali da destinare alle cliniche per malattie sessualmente trasmissibili, ha descritto la situazione come “fuori controllo.”

I funzionari sanitari stanno suggerendo una serie di possibili soluzioni al problema, come, ad esempio, promuovere l’uso del preservativo e sviluppare kit di test a domicilio per alcune malattie sessualmente trasmissibili che renderebbero più facile per le persone apprendere se sono infette e quindi prevenire ulteriore diffusione delle malattie.

La sifilide è stata individuata come una delle più pericolose tra le malattie sessualmente trasmissibili che hanno visto un recente picco di infezioni. Sebbene questa malattia batterica emerga generalmente come piaghe genitali, se non trattata può portare a conseguenze e sintomi più gravi e persino alla morte.

Si credeva che la malattia fosse stata quasi eliminata diversi decenni fa. Nel 1998 negli Stati Uniti sono stati segnalati meno di 7.000 casi di sifilide. Tuttavia, nel 2002 i casi avevano iniziato ad aumentare, principalmente tra gli uomini gay e bisessuali. Entro il 2020, i casi annuali avevano raggiunto quasi 41.700 e l’anno successivo erano aumentati a oltre 52.000.

Il CDC ha sottolineato che i tassi di infezione sono più alti tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e tra neri, ispanici e nativi americani. Anche il tasso per le donne, generalmente ritenuto inferiore a quello degli uomini, è aumentato notevolmente, di circa il 50% lo scorso anno.

Mena insiste sul fatto che è importante ridurre lo stigma associato alle malattie sessualmente trasmissibili, ampliare i servizi di screening e trattamento e sostenere lo sviluppo e l’accessibilità dei test a domicilio. “Immagino un giorno in cui sottoporsi al test (per malattie sessualmente trasmissibili) può essere semplice e conveniente come fare un test di gravidanza a casa”, ha detto.

Alex Jones ha esposto come il Le iniezioni di COVID causeranno sintomi simili alla poliomielite più di un anno fa.



Source link

Medvedev afferma che le armi nucleari possono essere utilizzate per difendere i nuovi territori russi, avverte che i missili ipersonici possono colpire l’UE e gli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha affermato giovedì che le armi nucleari strategiche possono essere utilizzate per difendere “le repubbliche del Donbass e altri territori accettati in Russia” e ha avvertito gli “idioti in pensione con le strisce da generale” della NATO che i missili ipersonici possono “raggiungere obiettivi in ​​Europa e in gli Stati Uniti.”

Da Pravda, ‘Dmitry Medvedev: ‘Le armi ipersoniche raggiungeranno più velocemente obiettivi in ​​Usa e Ue'”:

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, ha avvertito che gli “ipersuoni” (armi ipersoniche — ndr) potrebbero raggiungere rapidamente obiettivi sia negli Stati Uniti che in Europa. A suo avviso, tutti i residenti degli stati della NATO dovrebbero ascoltare la Russia per capire che la Russia ha scelto la propria strada.

– Le autorità russe hanno deciso di incorporare nel Paese le repubbliche del Donbass e “altri territori”.

– Le nuove regioni saranno tutelate con l’aiuto di quelle mobilitate.

– La Russia può usare qualsiasi arma, “comprese quelle strategiche”, quindi “non c’è bisogno di intimidire Mosca”.

Quanto sopra sono le conclusioni che il vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha tratto dal discorso di Putin alla nazione il 21 settembre, quando ha annunciato la convocazione parziale.

“Si terranno referendum e le repubbliche del Donbass e altri territori saranno accettati in Russia. La protezione di tutti i territori che hanno aderito sarà notevolmente rafforzata dalle forze armate russe.

“La Russia ha annunciato che non sono solo le capacità di mobilitazione, ma anche qualsiasi arma russa, comprese le armi nucleari strategiche e le armi basate su nuovi principi che potrebbero essere utilizzate per tale protezione. Pertanto, vari idioti in pensione con [general’s stripes] non c’è bisogno di spaventarci parlando dell’attacco della NATO alla Crimea. Hypersound potrà raggiungere obiettivi in ​​Europa e negli Stati Uniti molto più velocemente, garantito.

“L’establishment occidentale, in generale, tutti i cittadini dei paesi della NATO devono capire che la Russia ha scelto la propria strada. Non si può tornare indietro”, ha sottolineato Medvedev.

“Alcuni alti funzionari dei membri della NATO hanno affermato che può essere possibile e accettabile usare armi di distruzione di massa contro la Russia, ovvero armi nucleari”, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin ha detto durante il suo discorso in onda mercoledì.

“Vorrei ricordare a chi fa queste affermazioni: il nostro Paese dispone anche di diverse armi ad alto impatto, per certi versi più potenti di quelle dei Paesi NATO e in caso di minaccia all’integrità territoriale del nostro Paese, utilizzeremo sicuramente tutte significa a nostra disposizione per proteggere la Russia e il nostro popolo”, ha detto Putin. “Questo non è un bluff”.



Source link

La guerra nucleare è possibile – comandante degli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


L’ammiraglio della marina Charles Richard, comandante del comando strategico degli Stati Uniti, ha dichiarato mercoledì che per la prima volta dalla fine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti affrontano la possibilità di una guerra nucleare con un avversario di pari livello.

Parlando a una conferenza organizzata dall’Air Force nel Maryland, Richard ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero dovuto prepararsi a un’escalation rapida contro possibili oppositori e per proteggere la loro patria.

“Tutti noi in questa stanza siamo tornati a contemplare… un conflitto armato diretto con un pari dotato di capacità nucleare”, ha detto, secondo un riassunto del Pentagono dei suoi commenti. “Non abbiamo dovuto farlo in oltre 30 anni”.

Questo non è più teorico.

“La Russia e la Cina possono intensificare a qualsiasi livello di violenza che scelgono in qualsiasi dominio con qualsiasi strumento di potere in tutto il mondo”, Lui continuò. “Semplicemente non affrontiamo concorrenti e avversari del genere da molto tempo”.

Agli occhi di Mosca, gli Stati Uniti sono attualmente bloccati in un conflitto per procura con la Russia in Ucraina e hanno costantemente intensificato il loro impegno in armi, intelligence e assistenza finanziaria a Kiev da quando le truppe russe sono entrate in Ucraina a febbraio. Per saperne di più Medvedev etichetta il generale statunitense in pensione “un idiota”

L’attuale dottrina nucleare russa consente l’uso di armi nucleari in caso di un primo attacco nucleare sul suo territorio o sulle sue infrastrutture, o se l’esistenza dello stato russo è minacciata da armi nucleari o convenzionali. La dottrina americana consente un primo attacco nucleare “circostanze estreme per difendere gli interessi vitali degli Stati Uniti o dei suoi alleati e partner”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ribadito questa posizione mercoledì, dichiarando che il Cremlino l’avrebbe fatto “senza dubbio usa tutti i mezzi disponibili per proteggere la Russia e il nostro popolo”, se il territorio russo fosse minacciato. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha anche avvertito che gli Stati Uniti lo erano “in bilico sull’orlo” di diventare parte diretta del conflitto ucraino, con Washington che rischia “una collisione diretta tra potenze nucleari”.

Avvisi simili sono arrivati ​​anche dagli Stati Uniti, in particolare dall’ex presidente Donald Trump, che dichiarato mercoledì che il conflitto, che ha detto “non sarebbe mai dovuto accadere”, Potevo “finire per essere la terza guerra mondiale.”



Source link

I residenti di Martha’s Vineyard proclamano “Ci hanno arricchito” dopo che gli stranieri illegali sono stati deportati alla base militare

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



I residenti di Martha’s Vineyard stanno proclamando di essere stati “arricchiti” da 50 stranieri illegali che sono arrivati ​​​​su due voli inviati dal governatore della Florida Ron DeSantis (R) e sono stati rapidamente deportati in una base militare meno di 48 ore dopo l’arrivo.

Quando 50 stranieri illegali sono stati trasportati in aereo sull’isola costiera d’élite, sede dei funzionari più ricchi e ben collegati della nazione dichiarato una “crisi umanitaria” e il governatore Charlie Baker (R)deportato i nuovi arrivati ​​alla Joint Base Cape Cod.

Alcuni dei cittadini più ricchi della nazione hanno case estive sulla minuscola isola d’élite, che potrebbe ospitare fino a sei milioni valichi di frontiera e stranieri irregolari se i residenti lo desideravano. La casa per le vacanze dell’ex presidente Obama, ad esempio, è vuota tranne che durante i mesi estivi e potrebbe ospitare almeno 15 valichi di frontiera e stranieri illegali.

I residenti di Martha’s Vineyard ora dicono di sentirsi “arricchiti” dagli arrivi illegali di alieni anche se li hanno rapidamente spostati fuori dall’isola, sostenendo che non avevano spazio per rimanere permanentemente.

“La comunità che vive tutto l’anno è molto forte perché sei un po’ isolato qui – che sia il traghetto o il maltempo, sei bloccato qui”, un residente detto CNN. “Siamo abituati ad aiutarci a vicenda. Siamo abituati a trattare con le persone bisognose e siamo super felici, come se ci avessero arricchito. Siamo felici di aiutarli nel loro viaggio”.

Leggi di più



Source link

Gli Stati Uniti scambiano i prigionieri con i talebani

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato lunedì il rilascio di Mark Frerichs, un veterano della Marina degli Stati Uniti scomparso a Kabul nel 2020 mentre lavorava come appaltatore civile.

Nel frattempo, il governo talebano dell’Afghanistan ha denunciato il ritorno di Haji Bashir Noorzai, che ha trascorso 17 anni in una prigione americana con l’accusa di traffico di eroina.

“Oggi abbiamo assicurato il rilascio di Mark Frerichs e presto sarà a casa”, Biden ha detto in a dichiarazione rilasciato dalla Casa Bianca. Ha ringraziato “dipendenti pubblici dedicati nel nostro governo e in altri governi partner” per “anni di lavoro instancabile” per ottenere il rilascio di Frerichs, prigioniero dei talebani dal gennaio 2020.

Biden non ha menzionato il rilascio di Noorzai, ma solo quello che stava negoziando il rilascio di Frerichs “Richiede decisioni difficili, che non ho preso alla leggera”.

Nel frattempo, il ministro degli esteri ad interim dei talebani, Amir Khan Muttaqi, ha annunciato che Frerichs e Noorzai sono stati scambiati all’aeroporto internazionale di Kabul.

“Accogliamo con favore il rilascio di Haji Bashir, un afgano che ha trascorso 17 anni negli Stati Uniti”, Muttaqi ha detto ai giornalisti, aggiungendo che questo sarebbe successo “aprire un nuovo capitolo nelle relazioni bilaterali tra Stati Uniti e Afghanistan”.

Noorzai è stato attirato negli Stati Uniti, arrestato con l’accusa di traffico di eroina e condannato all’ergastolo in una prigione federale nel 2005. I talebani avevano messo fuori legge la coltivazione dei papaveri – da cui si ricava l’eroina – prima dell’invasione statunitense nel 2001, e l’ha fatto di nuovo dopo aver ripreso il potere l’anno scorso.

Il governo appoggiato dagli USA è crollato ancor prima che le ultime truppe americane fossero fuori dall’Afghanistan, provocando una frenetica evacuazione dall’aeroporto di Kabul che si è conclusa il 31 agosto 2021. Biden ha rifiutato di riconoscere il governo talebano e ha sequestrato i beni dell’Afghanistan Banca centrale.



Source link

L’errore di 60 minuti di Biden: WH torna indietro affermando che gli Stati Uniti entrerebbero in guerra con la Cina se Taiwan invadesse

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE




Il presidente del burattino afferma che Hunter Biden è perfettamente pulito, le sue capacità cognitive sono migliori che mai e che ha una bassa approvazione perché il popolo americano è stato psicologicamente danneggiato dal COVID.



Source link

Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti elimina silenziosamente le punizioni per aver rifiutato il vaccino Covid-19

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Nel mezzo di una battaglia giudiziaria di due mesi che ha visto un giudice federale schierarsi con un gruppo di marines americani oltre al diritto di rifiutare il vaccino contro il Covid-19 sulla base di obiezioni religiose, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha silenziosamente abbandonato severe punizioni per i membri del servizio che chiedono esenzioni.

Un 14 settembre Avviso lo legge il “Marine Corps non applicherà alcun ordine di accettare la vaccinazione COVID-19, separato amministrativamente o ritorsioni contro i marines nella classe per aver affermato i diritti legali ai sensi del Religious Freedom Restoration Act”.

La guida fa riferimento all’ordine temporaneo che impedisce ai Marines di agire contro individui che chiedono un’esenzione religiosa.

Sospesa la procedura di separazione amministrativa involontaria dei membri della classe per aver rifiutato la vaccinazione COVID-19”, si legge nella nota, che ordina ai comandanti di “sospendere tutte le azioni amministrative relative alla separazione involontaria di un membro della classe, indipendentemente dallo stato attuale del processo di separazione”.

Come I tempi dell’epoca Jack Phillips osserva inoltre:

Elencando diversi esempi, la guida della Marina ha aggiunto che “non verrà dato alcun ordine per ricevere il vaccino, non verrà emessa alcuna consulenza per il rifiuto del vaccino, non verranno condotti organi di separazione amministrativa” e non verranno emessi dimissioni.

Se l’ordine del giudice della Florida è lasciato libero o scade, i Marines possono ancora imporre la punizione contro coloro che non soddisfano il requisito del vaccino COVID-19, ha detto un portavoce a Fox News. L’anno scorso, il capo del Pentagono Lloyd Austin ha emesso un ordine che imponeva le vaccinazioni per tutti i membri delle forze armate.

Il Corpo dei Marines è a conoscenza dell’ingiunzione preliminare a livello di classe emesso da un giudice del tribunale distrettuale per il distretto centrale della Florida, impedendo al Corpo dei Marines di eseguire qualsiasi ordine di accettare il vaccino COVID-19 o separare amministrativamente i Marines che si sono rifiutati di ricevere il vaccino COVID dopo che il loro appello per la sistemazione religiosa è stato respinto”, ha affermato il portavoce del Corpo dei Marines Il Mag. Jay Hernandez detto punto vendita.

Reclutamento in calo

Negli ultimi mesi, i rapporti hanno indicato che ogni ramo dell’esercito americano sta lottando per trovare nuove reclute, innescando avvertimenti da parte di alcuni membri del Congresso.

Alcuni hanno segnalato il rigido requisito del vaccino del Pentagono, mentre altri hanno affermato che ciò è dovuto al lento strisciamento di addestramenti e mandati sulla diversità “svegliati” nell’esercito. E altri affermano che gli alti tassi di obesità negli Stati Uniti possono essere un fattore che contribuisce, e altri notano che la paga non è adeguata.

Siamo sull’orlo di una crisi di reclutamento militare,Rappresentante Mike Gallagher (R-Wis.) detto Politica a luglio. “Quando i repubblicani prenderanno il controllo del Congresso tra pochi mesi”, ha aggiunto, “evitare la crisi del reclutamento sarà una priorità assoluta della sottocommissione per il personale militare”.

Il rappresentante Jason Crow (D-Colo.), un ex ranger dell’esercito, ha detto allo sbocco che il Pentagono dovrebbe promettere più soldi sotto forma di “incentivi e bonus per l’arruolamento”.




Source link

L’esercito dice ai soldati di andare su buoni pasto per far fronte all’inflazione mentre gli Stati Uniti spediscono $ 60 miliardi in Ucraina

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



L’esercito degli Stati Uniti ha rilasciato una guida per i soldati mentre combattono l’inflazione, incluso un suggerimento per sfruttare il programma di assistenza nutrizionale supplementare (SNAP), comunemente noto come buoni pasto.

SNAP, un vantaggio per gli americani a basso reddito, è un programma per il quale “i membri del servizio e le loro famiglie potrebbero essere idonei”, afferma la guida, indicando i soldati e le loro famiglie al sito Web e al numero di telefono di SNAP. SNAP è una delle numerose opzioni discusse nell’ambito del programma di preparazione finanziaria dell’esercito.

“Con l’inflazione che colpisce qualsiasi cosa, dai prezzi della benzina ai generi alimentari da affittare, alcuni soldati e le loro famiglie stanno trovando più difficile cavarsela con i budget che hanno impostato e utilizzato prima”, ha detto la guida del sergente maggiore Michael Grinston. “I soldati di tutti i ranghi possono cercare guida, assistenza e consulenza attraverso il programma di preparazione finanziaria dell’esercito”.



Source link

Il veterano della Marina degli Stati Uniti condivide la sua appassionata richiesta di liberazione da parte di Dio di una nazione sotto giudizio

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



Michael Juzwick è un veterano dell’esercito degli Stati Uniti e fondatore di Light Eternal Publications, una casa editrice cristiana dedicata all’educazione dei genitori sui principi biblici efficaci nel matrimonio e nello sviluppo del bambino.

Sta esortando i genitori a essere più coinvolti e capire che la nostra nazione e le nostre case hanno bisogno di liberazione. Qui scompone il suo libro “Simposio sulla liberazione di Dio”.




Source link

La Marina degli Stati Uniti annulla silenziosamente l’ordine dei requisiti di vaccino per i SEAL

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


La Marina degli Stati Uniti ha silenziosamente annullato il Trident Order n. 12, un ordine che negava le esenzioni religiose per le vaccinazioni contro il covid, pochi mesi dopo che un’ingiunzione era stata emessa dalla Fifth Circuit Court of Appeals all’inizio del 2022 come parte di una causa in corso intentata dal First Liberty Institute.

La causa è stata avviata per conto di 35 SEALS in servizio attivo e tre riservisti che chiedevano esenzioni dal mandato a causa della possibilità di sviluppare vaccini contro il covid utilizzando cellule e tessuti di feti abortiti.

Queste informazioni sono diventate pubblicamente disponibili solo dopo a nuovo deposito nel caso questa settimana. L’Ordine del Tridente n. 12 ha reso impossibile il dispiegamento di qualsiasi SEAL non conforme e altre truppe e le ha designate come squalificate dal punto di vista medico. Questo sviluppo va di pari passo con una tendenza crescente tra le istituzioni governative; si allontanano dal loro originale mandati draconiani ma in modo da ridurre l’esposizione mediatica ed evitare qualsiasi ammissione che i mandati siano incostituzionali.

Il 23 maggio è stato diffuso un ordine di comunicazione dalla Marina Militare con oggetto: “NSWC CLOSEOUT TO TRIDENT ORDER #12 – VACCINATION OBBLIGATORIA PER COVID-19”. NSWC si riferisce al Naval Special Warfare Command:

“Questo ordine annulla il riferimento A”, afferma, riferendosi al “Rif A” come “Ordine del Tridente n. 12 sulle vaccinazioni COVID-19”.

L’ordine di comunicazione del 23 maggio ha anche affermato che i comandi della Marina “continueranno a seguire le linee guida, a seconda dei casi, per quanto riguarda la vaccinazione COVID-19, le richieste di alloggio e le misure di mitigazione”.

La Marina, insieme ad ogni altro ramo dell’esercito americano, sta affrontando a grave crisi di reclutamento, con un numero record di americani idonei a prestare servizio. In particolare, troppe potenziali reclute non sono in grado di soddisfare i requisiti fisici per completare la formazione di base. Ciò ha portato a discussioni sull’abbassamento degli standard, ma anche questo non risolverebbe i bassi numeri di reclutamento per operazioni speciali e SEALS, che richiedono comunque candidati altamente capaci.

Un’implosione nel reclutamento potrebbe aver parzialmente contribuito all’abbandono da parte della Marina delle restrizioni sui vax, insieme al diluvio di prova scientifica dimostrando che i vaccini fanno pochissima differenza in termini di immunità e mortalità, specialmente per individui giovani e in forma, rispetto all’immunità naturale. Lo dimostrano numerosi studi immunità superiore tra le persone unvaxxate che hanno già avuto il covid.

Il governo degli Stati Uniti continua a rifiutarsi di riconoscere l’immunità naturale come uno status accettabile per i dipendenti militari o federali, sebbene i loro tentativi di imporre la prova della vaccinazione (passaporti vaccinali) siano comunque falliti.

Alex Jones e Andrew Tate, due degli uomini più censurati del pianetadiscuti di come hanno aggirato la de-platform e cosa accadrà dopo nella tirannia della matrice The Great Reset.



Source link

La metà degli americani pensa che gli Stati Uniti non saranno più una superpotenza globale entro dieci anni

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Un nuovo sondaggio YouGov/Economist che chiede agli americani la probabilità di vari “scenari politici terribili” ha rilevato che metà del paese pensa che entro dieci anni gli Stati Uniti non saranno più una superpotenza globale e ci sarà un “crollo economico totale”.

Da YouGov:

Tra i 15 potenziali scenari futuri che coinvolgono instabilità o violenza politica, quello che la maggior parte degli americani considera probabile nel prossimo decennio è che gli Stati Uniti cessino di essere una superpotenza globale (il 50% lo dice), seguito da un crollo totale dell’economia statunitense (47 %). Ciascuno dei 15 scenari terribili è considerato alquanto o molto probabile nel prossimo decennio da almeno il 20% degli americani.

[…] Il 37% degli americani afferma [a civil war] è almeno in qualche modo probabile che si verifichi.

[…] Dopo la fine dello status di superpotenza globale degli Stati Uniti e il collasso economico, il prossimo scenario più probabile è che gli Stati Uniti cesseranno di essere una democrazia (il 39% afferma che ciò sarà probabile entro il prossimo decennio). Un po’ più afferma che è probabile che gli Stati Uniti diventino una dittatura fascista (31%) che dire che diventeranno una dittatura comunista (21%). (Il sondaggio non ha chiesto se le persone credono che un determinato scenario si sia già verificato, quindi alcune persone che lo credono probabilmente sono incluse tra coloro che hanno affermato che ogni scenario è probabile.)

È più probabile che i repubblicani dei democratici credano che quasi tutti gli scenari richiesti saranno probabili entro i prossimi 10 anni. Due terzi dei repubblicani (65%) ritengono che il collasso economico totale sia almeno in qualche modo probabile, rispetto a solo il 38% dei democratici. Circa la metà dei repubblicani (48%) afferma che è probabile che il governo confischerà le armi da fuoco dei cittadini; solo il 17% dei democratici lo dice. I repubblicani sono anche più propensi dei democratici a credere che ci sarà un crollo totale della legge e dell’ordine (49% contro 31%) e che gli Stati Uniti saranno invasi da un paese straniero (41% contro 24%).

Mentre una quota simile di repubblicani e democratici crede che sia almeno in qualche modo probabile che gli Stati Uniti cesseranno di essere una democrazia nel prossimo decennio, c’è disaccordo su quale tipo di governo potrebbe sostituirlo. I democratici sono leggermente più propensi dei repubblicani a dire che gli Stati Uniti saranno una dittatura fascista (37% contro 32%). I repubblicani, d’altra parte, sono tre volte più propensi dei democratici a dire che sarà una dittatura comunista (31% contro 13%).

In termini di possibilità di una guerra civile, i repubblicani sono più propensi dei democratici a credere che ce ne sarà una tra i membri di ciascun partito (45% contro 35%) o tra persone provenienti da stati rossoblù (36% contro 30%) . I democratici sono leggermente più propensi dei repubblicani a credere che ci sarà una guerra tra poveri e ricchi (37% contro 25%) o tra città e aree rurali (23% contro 20%). Democratici e repubblicani hanno la stessa probabilità (31%) di aspettarsi una guerra civile tra gruppi razziali.

[…] Il governo sarebbe in grado di difendersi da una rivolta armata dei cittadini? Gli americani hanno il doppio delle probabilità di credere che l’esercito e le forze dell’ordine prevarrebbero contro i ribelli armati (51%) rispetto a quanto affermano che fallirebbero (26%). Mentre repubblicani e indipendenti hanno aspettative simili sulla questione, i democratici sono molto più ottimisti sulle prospettive del governo: il 68% afferma che l’esercito e le forze dell’ordine hanno almeno una certa probabilità di avere successo, rispetto al 44% di repubblicani e indipendenti.

A giudicare dalle azioni del regime di Biden, si aspettano chiaramente che si verifichi uno scenario apocalittico simile poiché stanno già gettando le basi per dichiarando che tutta la loro opposizione politica è costituita da estremisti bianchi e terroristi interni.

I nostri padroni globalisti preferirebbero iniziare una guerra civile in America piuttosto che concedere al popolo americano qualsiasi concessione politica.



Source link

I illegali nel muro dell’Arizona in scala mimetica, scompaiono negli Stati Uniti

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



Nuovi strazianti filmati dal confine tra Arizona e Messico mostrano clandestini, vestiti in piena mimetica, che scalano un muro di confine e scompaiono nella terraferma americana.

L’incidente è avvenuto all’inizio di martedì a Naco e degli oltre una dozzina di clandestini avvistati, nessuno è stato catturato, secondo Bill Melugin di Fox News.

Il contrabbandiere umano nel filmato può essere visto con un telefono cellulare che abbassa più illegali giù per il muro con una corda.

Il contrabbandiere detto Melugin che incrocia le persone “ogni mattina”.

La piccola quantità di “fuggite” avvistate in questo filmato è solo una goccia nel secchio che questa sezione di confine ha visto finora quest’anno.

“Naco fa parte del settore di Tucson, AZ di Border Patrol, che secondo fonti del DHS ha visto il maggior numero di fughe finora nell’anno fiscale 2022 con circa 160.000”, disse Melugin. “Il sindacato della pattuglia di frontiera mi dice che questo è ciò che accade quando così tanti agenti vengono ritirati dalla pattuglia sul campo in prima linea per svolgere invece compiti amministrativi/di elaborazione, e quando i pochi agenti che sono di pattuglia sono già occupati a rintracciare / inseguire altri gruppi”.

Ricorda, i “gotaway” sono ingressi illegali negli Stati Uniti che sono stati rilevati dalle autorità ma non arrestati.

Mentre i filmati della crisi del confine meridionale americano continuano a inondare Internet, ricorda che il vicepresidente Kamala Harris tentato di accendere il gas Gli americani solo due giorni fa affermando che “il confine è sicuro”.


Andrew Tate distrugge i censori ed espone la matrice in un’intervista potente





Source link

L’Ucraina chiede agli Stati Uniti missili a lungo raggio – WSJ

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Secondo quanto riferito, l’ultima lista dei desideri dell’Ucraina per le armi statunitensi include una richiesta ripetuta di missili balistici tattici a lungo raggio. Washington in precedenza aveva rifiutato di inviare tali armi, per paura di un’escalation del conflitto con la Russia.

Il sistema missilistico tattico dell’esercito, o ATACMS, può essere lanciato da sistemi di lancio multiplo M142 HIMARS e M270 MLRS, entrambi già presenti in Ucraina. Ma rispetto ai normali round per i lanciatori, ha una portata significativamente più lunga di circa 300 km.

I missili sono tra i 29 tipi di sistemi d’arma e munizioni che Kiev sta cercando di ottenere dagli Stati Uniti per combattere la Russia nel prossimo anno, ha riferito lunedì il Wall Street Journal. L’elenco, condiviso con i legislatori statunitensi e studiato dal giornale, include anche carri armati, droni, sistemi di artiglieria, missili antinave Harpoon e 2.000 razzi regolari per sistemi HIMARS/MLRS, secondo il rapporto.

I funzionari ucraini chiedono da tempo agli Stati Uniti di fornire loro armi a lungo raggio, incluso il sistema missilistico tattico dell’esercito (ATACMS). Il complesso missilistico superficie-superficie è stato specificamente nominato in un documento strategico militare pubblicato sui media ucraini la scorsa settimana, co-autore del comandante in capo delle forze ucraine, Valeriy Zaluzhny. Uno dei punti chiave dell’articolo era che l’Ucraina aveva bisogno di armi a lungo raggio per influenzare la politica russa, facendo pressione sulla sua popolazione civile.Per saperne di più Zelensky ammette che l’Ucraina dipende dagli Stati Uniti

La maggior parte dei russi, scrivono gli strateghi ucraini, percepisce l’azione militare in Ucraina come qualcosa di distante, e “per questo motivo i cittadini russi non considerano acute le perdite, le sconfitte e, soprattutto, i costi di questa guerra in tutti i sensi”, Zaluzhny e il suo coautore, l’ex comandante delle truppe d’assalto Mikhail Zabrodsky, hanno sostenuto. L’articolo affermava che l’obiettivo dell’esercito ucraino il prossimo anno era quello di “rendere quei sentimenti più impattanti, indipendentemente dalla distanza dai bersagli”.

Washington e Kiev in precedenza avevano affermato che gli Stati Uniti avevano condizionato i loro aiuti militari all’Ucraina alla loro promessa di non usare le armi contro il territorio russo. Washington ha rifiutato di fornire sistemi d’arma a lungo raggio, citando la preoccupazione che Mosca l’avrebbe considerata come una grande escalation, potenzialmente trascinando la NATO direttamente nel conflitto.

Il documento di strategia ucraino suggeriva che un’escalation del conflitto era inevitabile. Ha previsto che la Russia avrebbe schierato armi nucleari contro l’Ucraina e ha invitato i sostenitori occidentali di Kiev a utilizzarle preventivamente “tutti i mezzi a loro disposizione” contro la Russia.



Source link

Kamala Gaslights, insiste che gli Stati Uniti abbiano “un confine sicuro”

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



Il vicepresidente di Joe Biden, Kamala Harris, ha affermato irriverentemente che il confine tra Stati Uniti e Messico è “sicuro”, dopo che Chuck Todd, conduttore di MSNBC, ha notato che l’immigrazione illegale era a un livello record.

In un’apparizione su “Meet the Press” domenica, Harris ha insistito sul fatto di essere “fiduciosa” che il confine sia sicuro nonostante il numero record di stranieri illegali che si riversano quotidianamente.

“Abbiamo avuto 2 milioni di persone che hanno attraversato questo confine per la prima volta in assoluto. Sei sicuro che questo confine sia sicuro?” le chiese Todd.

“Abbiamo un confine sicuro in quanto è una priorità per qualsiasi nazione, inclusa la nostra nella nostra amministrazione”, ha risposto Harris.

“Ma ci sono ancora molti problemi che stiamo cercando di risolvere, dato il deterioramento avvenuto negli ultimi quattro anni”, ha affermato, aggiungendo che una delle principali proposte di Biden è quella di fornire un “percorso verso la cittadinanza”.

Sotto il mandato del presidente Donald Trump, l’immigrazione clandestina era ai minimi storiciquindi non è chiaro a cosa allude Harris il “deterioramento”.

Inoltre, non è chiaro come offrire un “percorso verso la cittadinanza” agli stranieri illegali scoraggerà l’immigrazione illegale, soprattutto perché la politica di frontiera aperta di Biden ha solo portato l’ingresso illegale negli Stati Uniti a raggiungere i massimi storici.

L’evidente ipocrisia non è passata inosservata sui social media da critici, legislatori e candidati repubblicani.

“La guerra è pace. La libertà è schiavitù. L’ignoranza è forte. Il confine è sicuro sotto Biden e Harris”, ha scherzato il senatore del Texas Ted Cruz in riferimento al romanzo distopico del 1984 “doublespeak”.

Come ha notato Todd, gli arresti al confine meridionale hanno colpito a record in altocon il Wall Street Journal che prevede 2 milioni entro la fine dell’anno fiscale 2022.






Source link

I dirottatori dell’11 settembre hanno sospeso i visti, sono rimasti negli Stati Uniti grazie alla scappatoia ora utilizzata da 685.000 stranieri illegali

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Sette dei 19 terroristi islamici che hanno dirottato aerei commerciali l’11 settembre 2001 (9/11), uccidendo quasi 3.000 americani, sono rimasti negli Stati Uniti dopo aver superato il periodo di visto grazie a una scappatoia ampiamente aperta che continua a consentire a circa 685.000 stranieri illegali rimanere negli Stati Uniti

In totale, tutti i 19 terroristi sono arrivati ​​legalmente negli Stati Uniti grazie a 16 visti turistici assicurati e tre visti per affari e per studenti. Alla fine, l’11 settembre, i terroristi hanno eseguito attacchi a New York City, New York, Washington, DC e Pennsylvania che hanno ucciso 2.977 americani e da allora hanno lasciato migliaia di americani morti con malattie legate agli attacchi.

Sette dei 19 terroristi hanno ritardato il visto prima degli attacchi o al momento degli attacchi. Nonostante la legge sull’immigrazione degli Stati Uniti ne richieda la detenzione e la potenziale deportazione, nessuno è stato detenuto o deportato.

I sette terroristi che hanno ritardato i loro visti includono:

  • Hani Hasan Hanjour dell’Arabia Saudita
  • Nawaf al-Hamzi dell’Arabia Saudita
  • Mohamed Atta d’Egitto
  • Satam al-Suqami dell’Arabia Saudita
  • Waleed al-Shehri dell’Arabia Saudita
  • Marwan al-Shehhi degli Emirati Arabi Uniti
  • Ahmed al-Ghamdi dell’Arabia Saudita

Dirottatori dell’11 settembre (foto tramite DOJ)

Leggi di più



Source link

Biden ha reinsediato negli Stati Uniti afgani “non completamente controllati” che potrebbero “porre a rischio” gli americani

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



L’ispettore generale (IG) del Dipartimento per la sicurezza interna (DHS) ha pubblicato un rapporto bomba che accusa l’amministrazione del presidente Joe Biden di reinsediare cittadini afgani “che non sono stati completamente controllati” negli Stati Uniti.

Dopo il ritiro delle forze armate statunitensi dall’Afghanistan nell’agosto 2021, Biden ha aperto un gasdotto di “condizionale umanitario” che ha reinsediato più di 86.000 afgani nelle comunità americane, molti dei quali non sono stati sottoposti a screening o intervistato di persona.

Ora, un rapporto bomba del DHS IG rivela che l’amministrazione Biden “ha ammesso o rilasciato sulla parola” migliaia di afgani “che non erano stati completamente controllati” prima del loro arrivo negli Stati Uniti e di conseguenza potrebbero “rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale”.

Il rapporto stati:

Abbiamo stabilito che alcune informazioni utilizzate per controllare gli sfollati attraverso i database del governo degli Stati Uniti, come nome, data di nascita, numero di identificazione e dati del documento di viaggio, erano imprecise, incomplete o mancanti. Abbiamo anche stabilito che il CBP ha ammesso o rilasciato sulla parola gli sfollati che non sono stati completamente controllati negli Stati Uniti. [Emphasis added]

Attribuiamo le sfide del DHS al fatto di non avere: (1) un elenco di sfollati afgani che non sono stati in grado di fornire documenti di identificazione sufficienti; (2) un piano di emergenza per supportare simili situazioni di emergenza; e (3) politiche standardizzate. Di conseguenza, Il DHS potrebbe aver ammesso o rilasciato sulla parola persone negli Stati Uniti che rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale e la sicurezza delle comunità locali. [Emphasis added]

Nel gennaio 2022, abbiamo emesso al DHS un documento di Avviso di Risultato e Raccomandazioni notificando al Dipartimento del urgente necessità di agire per affrontare i rischi per la sicurezza degli sfollati dall’Afghanistan che sono stati ammessi o rilasciati sulla parola negli Stati Uniti senza documenti di identificazione sufficienti per garantire un controllo e un controllo adeguati. [Emphasis added]

Secondo gli investigatori del DHS IG, il DHS di Biden “non disponeva sempre di dati critici per schermare, controllare o ispezionare adeguatamente gli sfollati afgani che arrivavano come parte” della massiccia operazione di reinsediamento afghano.

Leggi di più



Source link

Steve Bannon afferma che almeno 35 alleati Trump sono stati perquisiti ieri dall’FBI

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



L’ex consigliere della Casa Bianca Steve Bannon afferma che almeno 35 alleati del presidente Donald Trump hanno fatto irruzione nelle loro case e l’elettronica sequestrata dall’FBI proprio questa settimana.

Bannon ha affermato che l’operazione del DOJ è stata parzialmente citata dal Washington Post.

Il Dipartimento di Giustizia sta cercando dettagli sulla formazione e il funzionamento dell’operazione politica post-presidenziale di Donald Trump, secondo tre persone che hanno familiarità con l’indagine, inviando una serie di citazioni in una significativa espansione dell’indagine penale del 6 gennaio 2021, attacco al Campidoglio e sforzi per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020.

Un gran giurì federale ha inviato citazioni in giudizio mercoledì a una vasta gamma di ex membri dello staff della campagna e della Casa Bianca chiedendo informazioni sul Save America PAC, secondo le persone, che hanno parlato in condizione di anonimato per discutere di un’indagine in corso. Hanno descritto le citazioni in giudizio come ampie, cercando tutti i documenti e le comunicazioni sull’apertura del PAC e ogni dollaro raccolto e speso.

Almeno una delle citazioni richiedeva anche informazioni sul piano per presentare liste di elettori falsi che affermavano che Trump avesse vinto stati fondamentali, comprese tutte le comunicazioni con diversi avvocati e consulenti chiave coinvolti nello sforzo, ha detto una delle persone. Includono Rudy Giuliani, Boris Epshteyn, Bruce Marks, Victoria Toensing e Joseph DiGenova, ha detto questa persona.

Un’altra delle tre persone, che ha conoscenza diretta di una delle citazioni in giudizio, ha affermato che il documento era “di ampio respiro” e includeva molte altre categorie di informazioni, ma questa persona ha rifiutato di descriverle. Gli agenti dell’FBI hanno notificato di persona almeno alcune delle citazioni in giudizio mercoledì, ha detto una delle persone a conoscenza.

I portavoce di Trump e del Dipartimento di Giustizia non hanno immediatamente risposto a una richiesta di commento. Alcuni dei dettagli delle citazioni sono stati riportati da ABC e dal New York Times.

Epshteyn ha rifiutato di commentare. Così ha fatto Toensing, che è sposata con DiGenova. Giuliani non ha risposto subito alle richieste di commento.

Lo stesso Bannon è stato preso in giro giovedì per presunta frode agli investitori attraverso la campagna “We Build the Wall” e accusato di riciclaggio di denaro, cospirazione e frode.

Bannon si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse e ha detto che i federali dovranno ucciderlo per farlo tacere.



Source link

Il candidato al Senato degli Stati Uniti, Krystle Matthews, fugge da Reporter dopo “Treat [White People] Like Sh*t” Commenti Surface

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Un candidato democratico al Senato degli Stati Uniti nella Carolina del Sud è sfuggito a un giornalista di Project Veritas che ha tentato di chiederle informazioni sui recenti filmati che mostravano i suoi bianchi ferocemente denigratori.

Matthews, che è stato esposto in video da Veritas all’inizio di questa settimana dicendo: “Devi trattarli [white people] come una merda”, è fuggita in un edificio quando ha visto avvicinarsi il giornalista di Veritas James Lalino.

“Krystal Matthews, hai detto che volevi mettere i bianchi sotto il tuo controllo”, le disse Lalino.

“Perché stai correndo?” chiese, cercando di seguire i suoi commenti mentre correva su per le scale.

Matthews in seguito è scappato in macchina e se ne è andato.

Il video di Matthews che fa le osservazioni razziste a un giornalista sotto copertura è stato rilasciato da Veritas all’inizio di questa settimana, facendo oscillare la campagna al Senato degli Stati Uniti del rappresentante statale della Carolina del Sud che ha recentemente vinto le sue elezioni primarie democratiche per affrontare il senatore repubblicano in carica Tim Scott a novembre .

“Lascia che ti dica una cosa. Dovresti sapere con chi hai a che fare. Devi trattarli [white people] come una merda”, ha detto Matthews al giornalista di Veritas.

«Voglio dire, è l’unico modo in cui ti rispetteranno. Li tengo proprio qui, come sotto i miei pollici. È lì che mi tengo – tipo, devi. Altrimenti, perdono il controllo, come i bambini”.

Nei commenti ai media locali, Matthews ha affermato che Veritas ha modificato i suoi commenti e ha affermato che i suoi commenti erano diretti verso “i politici repubblicani bianchi e non i bianchi in generale”.

“Non mi dimetto. La gente mi ha messo qui. La gente vuole un combattente”, Matthews disse venerdì in conferenza stampa. “Sono stanchi di queste politiche sfacciate in cui continuiamo a eleggere questi funzionari eletti piuttosto carini che non sono altro che merda avvolti in una bella scatola”.







Source link

Avviso di inflazione! Il governo degli Stati Uniti sta ancora distribuendo denaro COVID e ne vuole di più

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Sapevi che l’amministrazione Biden sta ancora distribuendo denaro per lo stimolo COVID-19?

In effetti, ci sono ancora miliardi di dollari in aiuti per la pandemia in vari conti del governo federale e statale in attesa di essere distribuiti.

Proprio la scorsa settimana, l’amministrazione Biden ha annunciato 1 miliardo di dollari in sovvenzioni federali per “produzione, energia pulita, agricoltura, biotecnologia e altro”. Il denaro sarà distribuito a 21 partenariati regionali in tutta la nazione.

Secondo il APi soldi vengono da Pacchetto di aiuti per il coronavirus da 1,9 trilioni di dollari di Biden soprannominato il piano di salvataggio americano approvato nel marzo 2021

Il governo degli Stati Uniti ha elargito più di 7 trilioni di dollari di incentivi all’economia statunitense durante la pandemia, la maggior parte dei quali creati dal nulla. Ora, più di un anno dopo, il denaro degli incentivi sta ancora gocciolando nell’economia in generale, anche se gli americani lavorano sotto il peso dell’inflazione. E ci sono più soldi in cantiere.

Ad esempio, solo il 12% dei 122 miliardi di dollari del Piano di salvataggio americano stanziato per l’istruzione è stato speso. Gli Stati e i distretti scolastici hanno tempo fino alla fine del 2024 per spendere quei soldi. E secondo i dati del Dipartimento del Tesoro, i governi statali e locali hanno speso solo circa $ 70 miliardi dei $ 350 miliardi loro assegnati nel piano.

Nel frattempo, l’amministrazione Biden lo è spingendo per più contanti COVID. Proprio la scorsa settimana, la Casa Bianca ha rilasciato una richiesta di spesa di emergenza “supplementare” per un totale di 47,1 miliardi di dollari. La proposta includeva più aiuti per l’Ucraina e “22,4 miliardi di dollari per coprire i bisogni in corso associati alla pandemia di COVID-19”.

In altre parole, anche se la Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse per combattere l’inflazione, l’inflazione dell’era COVID sta ancora gocciolando nell’economia e l’amministrazione Biden sta spingendo per di più.

Come ZeroHedge mettilo“La questione dello stimolo covid rimane un problema chiave per l’economia statunitense per molteplici ragioni: in primo luogo, sono stati i pacchetti di stimolo covid a mandare in tilt la nostra crisi stagflazionistica”.

“Sebbene Biden e i media indichino costantemente vendite al dettaglio inizialmente elevate e bassi numeri di disoccupazione come segno che tutto va bene, ciò che convenientemente ignorano sono gli effetti della miniera d’oro del covid. Quando scarichi 8 trilioni di dollari nel sistema nell’arco di due anni (continuando nel 2022), ciò che stai facendo è creare un enorme picco nella domanda artificiale. Persone, aziende e agenzie governative usciranno immediatamente e spenderanno quei soldi con un abbandono selvaggio. Per estensione, quella spesa creerà la necessità di più lavoratori e più posti di lavoro. Tuttavia, questo slancio è impossibile da mantenere perché quando vengono creati trilioni di dollari il valore del denaro diminuisce. L’inflazione o la stagflazione è il risultato inevitabile”.

In altre parole, stai già pagando tutto questo stimolo attraverso il tassa sull’inflazione. E il prezzo continuerà a salire. Come ha spiegato Peter Schiff durante una recente intervistaquando si parla di famiglie alle prese con l’inflazione, stanno davvero lottando con il governo.

“L’inflazione è una tassa. È il modo in cui il governo finanzia la spesa in deficit. Il governo spende soldi. Non raccoglie abbastanza tasse, quindi deve andare in deficit. La Federal Reserve monetizza questi deficit – stampa denaro. Lo chiamano quantitative easing, ma questa è inflazione. Il governo sta diventando sempre più grande e le famiglie in tutta l’America dovranno sopportare quell’onere attraverso prezzi più alti”.

Un recente documento pubblicato silenziosamente dalla Federal Reserve Bank di Kansas City ha ammesso che la banca centrale non può tenere sotto controllo l’inflazione quando il governo continua a prendere in prestito e spendere denaro.

“L’inflazione tendenziale è completamente controllata dall’autorità monetaria solo quando il debito pubblico può essere stabilizzato con successo da piani fiscali futuri credibili. Quando l’autorità fiscale non è percepita come pienamente responsabile della copertura degli squilibri di bilancio esistenti, il settore privato prevede che l’inflazione aumenterà per garantire la sostenibilità del debito nazionale. Di conseguenza, un ampio squilibrio fiscale combinato con un indebolimento della credibilità fiscale potrebbe portare l’inflazione tendenziale ad allontanarsi dall’obiettivo di lungo periodo scelto dall’autorità monetaria”.

È chiaro che “l’autorità fiscale” (il governo federale) non ha intenzione di “coprire gli squilibri fiscali esistenti”. In effetti, il piano sembra essere quello di spendere più soldi e creare più debiti. Qualsiasi scusa andrà bene, compresa una pandemia finita più di un anno fa.


Il dottor Peter McCullough emette un avviso di emergenza Covid-19



Source link

Gli Stati Uniti si espandono con una nuova base nella provincia siriana ricca di petrolio e gas

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



I media statali cinesi riferiscono, sulla base dei monitoraggi della guerra siriana, che il Pentagono ha ampliato la sua presenza all’interno della Siria stabilendo un nuovo hub operativo nella provincia nord-orientale di Hasakah lo scorso fine settimana.

“La nuova base militare è stata allestita nel villaggio di Naqara, 3 km a sud-ovest della città di Qamishli nella provincia di Hasakah, ha affermato l’Osservatorio siriano per i diritti umani” – come citato in Xinhua.

La più grande e principale base statunitense nella provincia di Hasakeh rimane nei giacimenti petroliferi siriani di al-Omar, che è un’eredità della politica di “protezione del petrolio” dell’amministrazione Trump. Mentre il presidente Joe Biden ha respinto questa retorica palese incentrata sul prelievo di risorse energetiche, il mese scorso sono stati testimoni di molteplici presunti casi di forze della coalizione traghettare petrolio attraverso il confine con l’Iraq in autocisterne.

Come abbiamo dettagliato in precedenza in una dichiarazione di agosto di Ministero del petrolio siriano:

“Le forze di occupazione statunitensi e i loro mercenari”, riferendosi alle Forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti, “rubano fino a 66.000 barili ogni giorno dai campi occupati nella regione orientale”, pari a circa l’83% del petrolio giornaliero siriano produzione.

Secondo i dati del ministero, il settore petrolifero siriano ha subito perdite prossime a “circa 105 miliardi di dollari dall’inizio della guerra fino alla metà di quest’anno” a causa della campagna di furti petroliferi statunitensi.

Presumibilmente la creazione di una terza base principale all’interno della provincia di Hasakah, ricca di petrolio e gas, mira a promuovere gli sforzi per negare a Damasco le proprie risorse energetiche. I governi siriano e russo hanno condannato per anni Washington per la sua continua occupazione di un paese sovrano. Anche la Cina ha appoggiato tranquillamente Damasco, vista anche la presenza di combattenti stranieri cinesi – in particolare estremisti islamici uiguri – che sarebbero presenti a Idlib.

Un’altra importante base americana, ma che non si trova ad Hasakah, è ad al-Tanf. Le forze speciali statunitensi alla base sono lì apparentemente a sostegno dei combattenti arabi e curdi anti-Assad. La posizione della base è strategica, dato che si trova vicino al confine a tre vie tra Iraq, Siria e Giordania. Nonostante il Pentagono abbia propagandato per anni la sua missione “contro-ISIS” in Siria, il principale obiettivo degli Stati Uniti è chiaramente rimasto sia il governo di Assad che i suoi alleati iraniani. Le sanzioni statunitensi di vasta portata hanno decimato l’economia siriana, colpendo più duramente la popolazione in generale a causa dell’inflazione galoppante.

Ad agosto, il ministero degli Esteri cinese ha denunciato le “spaventevoli” azioni statunitensi di “saccheggio” delle risorse siriane…

Una mera due settimane fa la Casa Bianca ha ordinato due round di attacchi aerei in Siria contro quelli che sono stati descritti come gruppi “iraniani” e “appoggiati dall’Iran”, in risposta agli avamposti statunitensi in Siria che subivano sporadici attacchi missilistici da parte di militanti sconosciuti.

Medico rinomato conferma che la maggior parte dei decessi per COVID sono dei vaccinati e il governo degli Stati Uniti è dietro.



Source link

Gli Stati Uniti diventano più “aggressivi” nel sostegno all’Ucraina – The Hill

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta diventando meno cauta riguardo alle forniture di armi all’Ucraina, ha riferito The Hill durante il fine settimana, aggiungendo che Washington ora crede di poter farla franca inviando armi più potenti a Kiev senza innescare un’escalation.

Gli Stati Uniti hanno esitato a soddisfare le richieste di Kiev per mesi dall’inizio del conflitto, in particolare quando si trattava di armi pesanti come carri armati o jet da combattimento, ha affermato il media, aggiungendo che i funzionari americani inizialmente non credevano che l’Ucraina avrebbe resistito alla Russia abbastanza a lungo per utilizzare tali aiuti militari. Washington temeva anche che la massiccia assistenza militare all’Ucraina potesse innescare una pericolosa escalation nelle sue relazioni con Mosca.

“All’inizio siamo stati un po’ più attenti… non sapendo se Putin… si sarebbe intensificato, e inoltre non eravamo sicuri che l’Ucraina potesse usare ciò che abbiamo [sent] loro o resistere a lungo contro la Russia”, ha affermato Michael O’Hanlon, analista militare presso la Brookings Institution, un think tank con sede a Washington, DC.

L’America ha anche rinviato più volte in primavera i test del suo missile balistico intercontinentale Minuteman III per evitare di agitare le tensioni, ha riferito The Hill, aggiungendo che un test di successo dei missili Hypersonic Air-breathing Weapon Concept (HAWC) è stato tenuto segreto per due settimane in Marzo per ragioni simili.

Ora, secondo quanto riferito, questo atteggiamento sta cambiando perché gli Stati Uniti credono che la Russia presumibilmente non sia riuscita a portare a termine le sue minacce, ha detto The Hill, citando diversi ex funzionari americani. “Nel tempo, l’amministrazione ha riconosciuto che possono fornire armi più grandi, più capaci, a lunga distanza e più pesanti agli ucraini e i russi non hanno reagito”, William Taylor, un ex ambasciatore degli Stati Uniti a Kiev, ha detto al media.

Secondo l’ex diplomatico, Mosca “bluffato e spavaldo, ma non sono stati provocati.” In precedenza, i funzionari russi avevano avvertito che avrebbero considerato i convogli di armi occidentali come obiettivi militari legittimi, in particolare quando raggiungeranno il territorio ucraino. Tuttavia, finora nessun convoglio di questo tipo è stato colpito, sebbene l’esercito russo abbia riferito di aver colpito in diverse occasioni strutture militari ucraine che ospitavano attrezzature militari occidentali.

Adesso, “è diminuita la paura di provocare i russi” all’interno dell’amministrazione Biden, crede Taylor.

“Gli istinti delle persone nei dipartimenti e nelle agenzie, in particolare Stato e Difesa e la comunità dell’intelligence, … devono essere più inclini in avanti e più aggressivi”, ha detto a The Hill un ex alto funzionario del governo.

Alla fine di agosto, Biden ha autorizzato una spedizione record di armi per l’Ucraina, del valore di quasi 3 miliardi di dollari. Il 1 settembre, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Kirby ha affermato che nel prossimo futuro sarebbero stati annunciati altri pacchetti di armi. Secondo The Hill, Washington potrebbe inviare munizioni di artiglieria a guida di precisione Excalibur a Kiev. Queste munizioni possono viaggiare fino a 70 chilometri, secondo i media.

Mosca ha ripetutamente avvertito che le spedizioni di armi occidentali in Ucraina non fanno che prolungare il conflitto e aggravare la sofferenza umana.



Source link