Archivi tag: scopre

Studente scopre un gruppo di galassie raggruppate insieme nell’Universo primordiale

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Durante lo sviluppo e il test del software astronomico sui dati esistenti, uno studente di un master in astronomia ha scoperto casualmente un gruppo di galassie nell’universo primordiale.

Oltre a dimostrare il potenziale del software, la scoperta fornisce informazioni sull’assemblaggio di strutture massicce e su come alcune galassie smettono di formare stelle.

Come la maggior parte degli umani, alle galassie non piace viaggiare da sole nel cosmo. Invece tendono a riunirsi in gruppi più piccoli o ammassi giganteschi che risiedono all’interno delle concentrazioni più massicce di materia oscura. La scoperta e lo studio degli ammassi e dei loro membri di galassie forniscono informazioni chiave su come si evolvono le galassie, ma anche sulla distribuzione sottostante della materia oscura e sulla geometria del nostro universo.

Una scoperta fortuita

Durante lo sviluppo di un nuovo software per il rilevamento automatico di ammassi di galassie lontane, Nikolaj Sillassen, studente del master presso DTU Space e membro del Cosmic Dawn Center (DAWN), che è una collaborazione tra il Niels Bohr Institute e DTU Space, ha scoperto un notevole gruppo di galassie .

Il gruppo è stato soprannominato “HPC1001” ed è composto da dieci membri della galassia visti 12 miliardi di anni indietro nel tempo, quando l’universo aveva solo 1,7 miliardi di anni.

Uno dei collaboratori di Nikolaj Sillassen è Shuowen Jin, Marie Curie Fellow presso DAWN. Dice: “I gruppi di galassie così presto nella storia dell’Universo sono molto rari. Finora ne sono stati trovati solo un paio. La nostra scoperta è interessante non solo perché HPC1001 è uno dei gruppi più distanti, ma anche perché è l’insieme di galassie più compatto mai identificato nel nostro Universo”.

Galassie morenti

Mentre alcune galassie stanno attivamente formando stelle, altre smettono improvvisamente di formare nuove stelle. Uno degli obiettivi chiave del Centro dell’Alba Cosmica è indagare le ragioni e l’evoluzione di questa fase.

E anche in questo contesto, HPC1001 si è rivelato uno scrigno di tesori:

“Sorprendentemente, il membro più massiccio della galassia in questa struttura sta ‘morendo’: la sua attività di formazione stellare è in declino”, afferma Georgios Magdis, professore associato alla DAWN e partecipante allo studio.

“Questo è un indicatore importante per l’evoluzione di strutture massicce e, se confermato, HPC1001 sarebbe la prima struttura scoperta in fase di maturazione”.

La distanza e il “tempo di ricerca” di HPC1001 sono determinati da una tecnica alquanto incerta che dipende dai colori osservati delle singole galassie. Per confermare le loro misurazioni, gli astronomi seguiranno la loro rilevazione con osservazioni spettroscopiche più precise.

Queste future osservazioni, ottenute con l’Atacama Large Millimeter Array in Cile e il Northern Extended Millimeter Array in Francia, così come altre strutture astronomiche, riveleranno la piena natura di questa struttura, incluso se HPC1001 rimarrà un piccolo gruppo o alla fine evolvere in un enorme cluster fino a 1000 galassie.

Il gruppo di galassie è stato scoperto durante un progetto di sintesi al DTU Space, sotto la supervisione di Shuowen Jin e Georgios Magdis.

I risultati sono stati accettati per la pubblicazione sulla rivista Astronomia e astrofisica.



Source link

PwC scopre che più della metà delle aziende statunitensi stanno licenziando i lavoratori

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Quasi tre mesi faquando si tabulano i dati sui licenziamenti di massa in tempo reale…

… L’economista capo di Piper Sandler Nancy Lazar ha concluso che “il ridimensionamento dei diritti post-covid significa che stanno arrivando molti più licenziamenti” e ha aggiunto che “molte aziende hanno assunto e sovrapagato durante la crisi del Covid”.

Da allora, è solo peggiorato per coloro che tengono traccia degli annunci di licenziamento aziendale, come i seguenti:

… e tuttavia, mentre le richieste iniziali di disoccupazione sono effettivamente aumentate notevolmente negli ultimi mesi, il Bureau of Labor Statistics si rifiuta ostinatamente di riferire il vero stato del mercato del lavoro statunitense, dove, nonostante la continua debolezza nell’indagine sulle famiglie, dove non sono stati aggiunti nuovi posti di lavoro da allora A marzo, il sondaggio sull’establishment, molto più politicizzato, che, dopo tutto, è ciò che l’amministrazione Biden indica come l’unica nuvola d’argento in un’economia altrimenti recessiva e iperinflazione, ha continuato a mostrare una notevole resilienza e crescita negli ultimi mesi. Tanto che il differenziale tra le indagini sulle famiglie e sull’establishment è cresciuto fino a raggiungere un record di 1,8 milioni di posti di lavoro da marzo.

E mentre una possibile spiegazione per questa bizzarra divergenza è la aumento record di più occupati che ora ricoprono un lavoro a tempo pieno sia primario che secondario…

… anche se i guadagni di lavoro a tempo pieno e part-time sono crollati…

… la verità è che non esiste una spiegazione completa per la variazione dei dati. Che, inutile dirlo, è problematico perché il mercato del lavoro “solido” è una delle pochissime cose che impedisce alla Fed di allentare sostanzialmente le sue politiche da falco (ora che il picco dell’inflazione è stato chiaramente raggiunto… se non altro per il momento), e la Fed è nettamente al rialzo le tariffe stanno già devastando il mercato immobiliare per non parlare di vari settori azionari che sono stati anche colpiti.

Ma cosa succede se i dati BLS non sono semplicemente “off” a causa di fattori benigni come la “stagionalità residua” o una sbornia post-covid? E se fosse intenzionalmente manipolato per far sembrare l’economia di Biden più forte di quanto non sia ai fini delle elezioni di medio termine, anche se ciò significasse distorsioni nell’intero mercato?

Solleviamo tutte queste domande retoriche perché a nuovo sondaggio pubblicato dalla società di consulenza PwC conferma le nostre precedenti osservazioni sui licenziamenti di massa dilaganti nel mercato del lavoro statunitense, e suggerisce che il vero stato del mercato del lavoro è molto, molto più brutto di quanto suggerirebbe il presunto guadagno di 528.000 posti di lavoro riportato dal BLS a luglio.

Nel sondaggio PwC pubblicato giovedì scorso, che il mese scorso ha intervistato più di 700 dirigenti e membri del consiglio degli Stati Uniti in una vasta gamma di settori, la metà degli intervistati ha affermato che sta riducendo l’organico o prevede di farlo e il 52% ha implementato il blocco delle assunzioni. Allo stesso tempo, più di quattro su dieci stanno revocando le offerte di lavoro e un importo simile sta riducendo o eliminando i bonus di accesso che erano diventati comuni per attirare talenti in un mercato del lavoro ristretto.

Allo stesso tempo, però, circa due terzi delle aziende stanno aumentando la retribuzione – per coloro che mantengono il posto di lavoro – o ampliando i “benefici per la salute mentale”, perché ora viviamo in una distopia liberale in cui un numero crescente di lavoratori è pazzo di merda .

I risultati, come conclude anche Bloomberg, illustrano la natura contraddittoria del mercato del lavoro odierno, dove i lavoratori qualificati possono ancora in gran parte nominare i loro termini in mezzo alla carenza di talenti (in settori ad alta domanda come cuochi e baristi), anche se le aziende cercano di lasciare che le persone vadano altrove , in particolare nei settori più colpiti come quello tecnologico e immobiliare.

“Le aziende stanno giocando in attacco e difesa con le loro strategie di talento”, ha affermato Bhushan Sethi, leader globale congiunto delle persone e delle pratiche organizzative di PwC, sottolineando che i datori di lavoro devono valutare i danni alla reputazione e il morale dei dipendenti quando pianificano i licenziamenti. “Le persone hanno la memoria lunga e i social media giocano un ruolo molto più importante ora”.

Naturalmente, il danno reputazionale non ha importanza se un’azienda sta affrontando un danno fallimentare a causa della presenza di troppi dipendenti e di un flusso di cassa insufficiente.

Una delle ragioni principali della continua crisi del mercato del lavoro è il trattamento del “lavoro da casa”: essendo diventato un punto fermo durante lo Scamdemic per gentile concessione di ciarlatani strapagati come Anthony Fauci, le aziende cercano sempre più un ritorno alla “vecchia normalità” che tuttavia si sta rivelando una bella sfida. Di conseguenza, l’indagine PwC ha riscontrato “contraddizioni” negli approcci delle aziende al lavoro a distanza. Mentre il 70% degli intervistati ha affermato che sta ampliando le opzioni di lavoro a distanza permanente per ruoli che lo consentono, il 61% ha affermato che richiede ai dipendenti di essere in ufficio o sul posto di lavoro più spesso.

A dire il vero, alcune organizzazioni potrebbero fare entrambe le cose contemporaneamente: i ruoli che non richiedono molta collaborazione di persona potrebbero andare a distanza per sempre, mentre ad altri membri del personale potrebbe essere richiesto di tornare alle loro scrivanie alcune volte alla settimana . Settembre si preannuncia come una linea nella sabbia per i piani di ritorno in carica di molte aziende, anche se le precedenti scadenze delle cosiddette RTO andavano e venivano.

Una cosa è certa: il prossimo shock lavorativo avrà conseguenze disastrose e di vasta portata sul mercato più ampio degli uffici: con meno dipendenti negli uffici, le organizzazioni non hanno bisogno di tante sedi lontane. Come tale, più di un intervistato su cinque ha detto a PwC che intende ridurre i propri investimenti nel settore immobiliare, rendendolo l’area più comune di tagli e sì, meno dipendenti.

Per quanto riguarda la divergenza tra i rosei “dati” ufficiali sul lavoro del governo e il quadro dei lavori terribili dipinto dalle società che terminano in massa sul campo, siamo fiduciosi che il delta tra i due set di dati si risolverà prontamente e magicamente… subito dopo il medio termine elezioni.



Source link

Trump ha dimostrato ancora una volta! AP scopre i mulini a vento che uccidono gli uccelli

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


L’Associated Press avverte che gli allevamenti di mulini a vento stanno aiutando a distruggere una popolazione di aquile, dimostrando inavvertitamente le affermazioni del presidente Donald Trump secondo cui i mulini a vento sono dannosi per la fauna aviaria.

In un recente rapporto, l’AP ammette che la popolazione dell’Aquila reale è sull’orlo del declino e che “le turbine eoliche potrebbero spingerla oltre il baratro”.

“La corsa alla costruzione di parchi eolici per combattere il cambiamento climatico si scontra con la conservazione di uno dei predatori più spettacolari degli Stati Uniti occidentali – l’aquila reale – mentre la specie vacilla sull’orlo del declino”, scrive l’AP.

“Il punto zero nel conflitto è il Wyoming, una roccaforte per le aquile reali che volano su ali di 7 piedi (2 metri) e un luogo privilegiato per i parchi eolici. Con la proliferazione delle turbine eoliche, gli scienziati affermano che i decessi per collisione potrebbero far diminuire i numeri dell’aquila reale considerati nella migliore delle ipotesi stabili”.

In un rapporto video sull’argomento, Chuck Preston, ricercatore del Teton Raptor Center, spiega che le aquile non percepiscono le pale del mulino a vento che girano, “e quindi mentre volano attraverso e la turbina gira, colpisce l’aquila”.

“E una collisione con le turbine eoliche per un’aquila reale è solitamente fatale”, afferma Preston.

Il tema dei parchi eolici che uccidono gli uccelli è stato spesso menzionato dal presidente Donald Trump che ha più volte lanciato invettive contro la cosiddetta energia verde, ma fino ad ora la questione è stata derisa e ridicolizzata dalla stampa aziendale.

Ecco Trump in particolare dicendo che i mulini a vento stanno “uccidendo le aquile”.

Guarda come Chris Hayes di MSNBC nel 2018 ha affermato che Trump stava mentendo quando ha affermato che i mulini a vento uccidono gli uccelli, definendo falsamente i commenti dell’ex presidente “non veri”.

Evidentemente, l’AP ha rivendicato i commenti di Trump; non gli danno però credito.

L’articolo dell’AP continua dicendo che gli uccelli continueranno a morire perché i parchi eolici sono un male necessario per combattere il cambiamento climatico.







Source link

Il Very Large Telescope scopre la coppia più vicina di buchi neri supermassicci di sempre

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio europeo meridionale, gli astronomi hanno rivelato la coppia di buchi neri supermassicci più vicina alla Terra mai osservata.

I due oggetti hanno anche una separazione molto più piccola rispetto a qualsiasi altra coppia di buchi neri supermassicci precedentemente individuata e alla fine si fonderanno in un gigantesco buco nero.

Voggel e il suo team sono stati in grado di determinare le masse dei due oggetti osservando come l’attrazione gravitazionale del buchi neri influenza il moto delle stelle intorno a loro. Il buco nero più grande, situato proprio al centro di NGC 7727, è risultato avere una massa quasi 154 milioni di volte quella del Sole, mentre il suo compagno è di 6,3 milioni masse solari.

È la prima volta che le masse vengono misurate in questo modo per una coppia di buchi neri supermassicci. Questa impresa è stata resa possibile grazie alla vicinanza del sistema alla Terra e alle osservazioni dettagliate che il team ha ottenuto all’Osservatorio del Paranal in Cile utilizzando il Multi-Unit Spectroscopic Explorer (MUSE) sul VLT dell’ESO, uno strumento con cui Voggel ha imparato a lavorare durante il suo tempo come studentessa all’ESO. La misurazione delle masse con MUSE e l’utilizzo di dati aggiuntivi dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA hanno permesso al team di confermare che gli oggetti in NGC 7727 erano effettivamente buchi neri supermassicci.

Gli astronomi sospettavano che la galassia ospitasse i due buchi neri, ma non erano stati in grado di confermare la loro presenza fino ad ora poiché non vediamo grandi quantità di radiazioni ad alta energia provenienti dai loro immediati dintorni, che altrimenti li tradirebbero. “La nostra scoperta implica che potrebbero esserci molte più di queste reliquie di fusioni di galassie là fuori e potrebbero contenere molte cose nascoste enormi buchi neri che aspettano ancora di essere trovati”, afferma Voggel. “Potrebbe aumentare il numero totale di buchi neri supermassicci conosciuto nell’Universo locale dal 30 per cento.

Si prevede che la ricerca di coppie di buchi neri supermassicci simili nascosti farà un grande balzo in avanti con l’Extremely Large Telescope (ELT) dell’ESO, che entrerà in funzione alla fine di questo decennio nel deserto di Atacama in Cile. “Questo rilevamento di una coppia di buchi neri supermassicci è solo l’inizio”, afferma il coautore Steffen Mieske, astronomo dell’ESO in Cile e capo delle operazioni scientifiche dell’ESO Paranal. “Con lo strumento HARMONI sull’ELT saremo in grado di effettuare rilevamenti come questo notevolmente più lontano di quanto attualmente possibile. L’ELT dell’ESO sarà parte integrante della comprensione di questi oggetti”.

Questa ricerca è stata presentata in un documento intitolato “First Direct Dynamical Detection of a Dual Super-Massive Black Hole System at sub-kpc Separation” per apparire in Astronomia e astrofisica.



Source link

Un’analisi dannosa scopre che l’acqua del rubinetto degli Stati Uniti è un “cocktail di prodotti chimici”

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


L’acqua del rubinetto negli Stati Uniti è piena di contaminanti chimici e persino di materiale radioattivo, ha dimostrato un nuovo studio, con la situazione complicata da standard di sicurezza obsoleti.

Lo stato preoccupante dell’acqua di rubinetto americana è stato evidenziato in una recente analisi dell’Environmental Working Group (EWG), un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Washington, DC che ha mantenuto un database di contaminanti dell’acqua potabile in tutto il paese dal 2014.

Le sostanze chimiche pericolose, inclusi pesticidi e materiali radioattivi, sono “spesso trovato nell’acqua potabile a livelli potenzialmente pericolosi, in particolare nelle comunità a basso reddito e sottoservite”, esso disse in un comunicato stampa.

“Quando alcuni americani bevono un bicchiere di acqua del rubinetto, ricevono anche una dose di contaminanti industriali o agricoli legati a cancro, danni al cervello e al sistema nervoso, problemi di fertilità, disturbi ormonali e altri danni alla salute”.

Per troppi americani, aprire i rubinetti per un bicchiere d’acqua è come versare un cocktail di sostanze chimiche.

Sono stati identificati più di 50 nuovi inquinanti negli approvvigionamenti idrici, con i principali responsabili dell’aumento delle sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche. Questa classe di sostanze, comunemente chiamate “sostanze chimiche per sempre”, a causa della loro stabilità e del lento processo di degradazione, è ampiamente utilizzata in più settori.

“Parla del fatto che non disponiamo di normative abbastanza rigorose per proteggere l’acqua potabile e il processo di regolamentazione è troppo lento”, La scienziata senior dell’EWG Tasha Stoiber detto Il guardiano.

Anche l’inquinamento da nitrati è un grosso problema preoccupazione, colpendo circa 60 milioni di persone. Sebbene la sostanza chimica cancerogena sia comunemente associata alle aree rurali e al loro uso di fertilizzanti, si è anche fatta strada nell’approvvigionamento idrico delle principali città. Almeno 22,7 milioni di persone colpite vivono in California, con Arizona, Pennsylvania e New Jersey i secondi più colpiti.

La situazione dell’acqua di rubinetto potrebbe essere persino peggiore di quanto sembri, secondo l’EWG, data la mancanza di un processo di regolamentazione rigoroso e il fatto che i livelli “sicuri” sono fissati troppo in alto. Le linee guida che limitano la presenza di materiali pericolosi non sono state aggiornate da decenni, quindi l’EWG ha proposto le proprie, che sono di gran lunga inferiori ai limiti legali esistenti.

“L’EPA [Environmental Protection Agency] è diventato molto bravo a rassicurare costantemente il pubblico che tutto va bene con l’acqua che esce dai loro rubinetti “ Lo ha affermato il presidente dell’EWG Ken Cook.

“Quel messaggio è musica per le orecchie degli inquinatori, che hanno sporcato l’acqua di fonte e i servizi idrici, diffidenti nei confronti del trattamento e dei costi delle infrastrutture. Ma non è vero, e gli scienziati dell’EPA lo sanno”.

Un altro problema irrisolto che affligge l’approvvigionamento idrico degli Stati Uniti è l’uso di tubi di piombo antiquati e tossici nelle linee di servizio, secondo l’EWG. Chiede un aumento dei finanziamenti federali per consentire l’aggiornamento del sistema, atteso da tempo, per allinearlo agli standard moderni.

“Con più finanziamenti, standard di sicurezza federali più rigorosi e una maggiore attenzione per aiutare le aree storicamente svantaggiate, l’acqua potabile potrebbe finalmente essere un dato per tutte le comunità in tutto il paese”, ha detto il cuoco.


Jones smaschera i satanici assassini di bambini prendere il potere nei governi di tutto il mondo prima del grande ripristino della società.



Source link

Una celebrità nera scopre che il suo antenato era il proprietario di uno schiavo bianco

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


In un documentario in occasione del Black History Month, una celebrità nera è rimasta scioccata nello scoprire che il suo antenato era bianco e possedeva schiavi.

Ops, la narrazione fallisce.

Ogni cultura, credo ed etnia nel corso della storia possedeva schiavi, ma per qualche ragione, la storia insegna solo ai bambini che è stata tutta colpa dei bianchi.

Per favore condividi questo video! https://youtu.be/XTQpJMUTvf4

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Ottieni l’accesso anticipato, contenuti esclusivi e cose dietro le quinte seguendomi su gente del posto.

———————————————————————————————————————



Source link

Diversity Darling scopre i suoi schiavi neri di proprietà del suo antenato

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Alex Scott, uno dei volti della nuova campagna per la diversità della BBC, è rimasta scioccata nello scoprire che il suo antenato possedeva degli schiavi.

Uno storico ha dovuto spiegare ad Alex che non era insolito per i neri possedere schiavi.

Il fatto è che praticamente ogni impero ed etnia nel corso della storia possedeva schiavi, ma ai bambini viene fatto il lavaggio del cervello per pensare che solo i bianchi fossero da biasimare.

Per favore condividi questo video! https://youtu.be/GwiGEIebdZM

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Ottieni l’accesso anticipato, contenuti esclusivi e cose dietro le quinte seguendomi su gente del posto.

———————————————————————————————————————



Source link