Archivi tag: salgono

I prezzi alla produzione negli Stati Uniti salgono del 10,8% a maggio


Un rapporto di martedì del Dipartimento del lavoro suggerisce che l’inflazione elevata non rallenterà nei prossimi mesi.

I prezzi dell’energia sono aumentati del 5% a maggio da aprile e con i prezzi medi nazionali del gas che hanno raggiunto per la prima volta in assoluto $ 5 per gallone – $ 2 in più rispetto a un anno fa, quando i prezzi erano molto più bassi di $ 3,08 – anche i costi di altri beni sono aumentati l’aumento.

Anche se gli americani esausti riempiono dolorosamente i loro serbatoi di benzina, scorrono senza speranza gli elenchi di immobili e subiscono shock da adesivi ogni volta che esplorano i corridoi dei negozi di alimentari, i prezzi alle stelle non cesseranno presto. L’inflazione ha ufficialmente raggiunto il massimo degli ultimi 40 anni, e questo ha fatto sì che molti americani fissassero la pompa di benzina, chiedendosi: perché?

I prezzi del cibo sono aumentati di quasi l’11% rispetto a Maggio dell’anno scorso. Anche questi prezzi sono cresciuti dello 0,8% a maggio successivo ad aprile, una cifra che è raddoppiata rispetto al mese precedente. I costi alimentari, tuttavia, sembrano essere insolitamente elevati rispetto al tasso di inflazione complessivo dell’8,3%, con alcuni alimenti a prezzi ben al di sopra delle percentuali di inflazione medie.

Con i costi del cibo abbattuti, potrebbero essere i vegani che escono dal negozio di alimentari con i risparmi più elevati, mentre coloro che amano le uova, la carne e i latticini vengono sminuiti alla cassa.

Rispetto ad aprile dello scorso anno, prezzi delle uova aumentato del 22,6%, il pollo del 16,4%, il prezzo del latte è più alto del 14,7%, il manzo/vitello è più alto del 14,3%, la carne di maiale è più costosa del 13,7%, il pesce/frutti di mare è più costoso dell’11,9%, i fagioli/piselli/lenticchie sono più alti del 9,8% , la frutta è più cara dell’8,3% e la verdura è aumentata del 6,2%.

Secondo il gigante americano della lavorazione della carne Tyson Foods, il cui reddito netto di $ 829 milioni ha segnato un aumento del 74,16% per aprile 2022: i prezzi sono aumentati in risposta a una maggiore domanda di carne, all’aumento dei costi di manodopera e carburante. L’influenza aviaria potrebbe anche essere la causa dell’aumento dei prezzi, considerando che 38 milioni di uccelli sono stati abbattuti per fermarne la diffusione.

L’abbattimento degli uccelli da fattoria ha suscitato polemiche, poiché il 73% degli abbattimenti ha utilizzato metodi disumani come arresto della ventilazionein cui gli uccelli sono sigillati nei loro capannoni senza aria in modo che le temperature crescenti cuociano sostanzialmente gli animali vivi.

I sostenitori della protezione dei consumatori stanno chiedendo ad aziende come Tyson di utilizzare l’inflazione come copertura mentre aumentano i loro profitti”.[Tyson had] circa $ 1,5 miliardi di costi più elevati, ma ciò corrisponde a $ 2 miliardi di aumenti di prezzo “, ha affermato Claire Kelloway del Istituto dei Mercati Aperti, un’organizzazione no-profit anti-monopolio il cui obiettivo è porre fine ai monopoli. “Quindi è un solido mezzo miliardo di dollari che non è correlato a un aumento del costo degli affari. Questo è puramente un esercizio del loro potere di mercato e della capacità di addebitare di più, e i loro profitti parlano davvero di questo”.

“Non c’è dubbio che ci sia stata una svalutazione dei prezzi durante il disastro del COVID-19, e non c’è dubbio che la svalutazione dei prezzi continui”, ha affermato John Hansen della Nebraska Farmers Union.

Mentre alcune aziende continuano a incassare profitti, anche l’aumento della spesa dei consumatori a seguito della pandemia di COVID-19 ha sostenuto le catene di approvvigionamento, causando carenze e un aumento dei prezzi.

Alcuni americani hanno salvato i loro assegni di stimolo COVID-19 dal governo e sono pronti a spendere quei soldi. Ad esempio: dopo due anni chiusi in casa, le persone non vedono l’ora di viaggiare. Mentre i costi del biglietto aereo sono circa il 33% superiori a quelli in cui erano 2019il 25% in più di persone vola rispetto allo scorso anno.

Ma con i costi del cibo, dell’energia e dell’alloggio che aumentano a un ritmo molto più alto del salario medio di una persona, molti americani non avranno altra scelta che raffreddare le loro spese nei prossimi mesi.

Dall’incontro con ogni genere e sessualità nello spettro a guardare uomini nudi twerking davanti ai bambiniPride DC era a dir poco un pasticcio pieno di alcol e erba.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I tassi di interesse salgono, ma la Fed continua a essere sconsiderata


Il problema schiacciante dell’elevata inflazione causata dalle banche centrali non può più essere minimizzato.

Il dispiacere pubblico per la crescente svalutazione della valuta ha ora costretto i responsabili della politica monetaria ad agire.

La Federal Reserve statunitense (Fed) ha alzato il tasso di interesse di riferimento a 1 punto percentuale. Anche molte altre banche centrali hanno reagito, come la Bank of England, la Central Bank of Australia e la Central Bank of Sweden. Anche la ponderosa Banca Centrale Europea (BCE) ora prevede di aumentare i tassi di interesse all’inizio del terzo trimestre.

Tutto ciò significa che ci sarà un “ritorno del tasso di interesse”?

La risposta inizia con uno sguardo al sistema monetario fiat che è onnipresente oggi. Nel sistema monetario fiat, i tassi di interesse non sono stabiliti in un “mercato libero”. Piuttosto, il tasso di interesse è determinato in un “mercato ristretto”. Non solo le banche centrali dettano il tasso di interesse a breve termine, ma ora hanno anche una presa salda sul tasso di interesse a lungo termine attraverso l’acquisto di titoli di debito; in linea di principio, possono determinare il tasso di interesse con la cifra decimale.

Il tasso di interesse è estremamente importante per il sistema monetario fiat perché le banche centrali creano moneta fiat in stretta collaborazione con le banche commerciali, che prestano denaro a consumatori, produttori e governi senza corrispondenti fondi di risparmio (rinuncia al consumo). Equivale a creare denaro dal nulla.

Una tale offerta artificiale di credito abbassa il tasso di interesse di mercato al di sotto di quello che sarebbe stato altrimenti. La soppressione artificiale dei tassi di interesse provoca inizialmente una ripresa economica, un boom.

Il boom si ripercuote sulla struttura economica della produzione e dell’occupazione: le scarse risorse vengono sempre più investite in progetti a lungo termine e dispendiosi in termini di tempo e meno nella produzione di beni di consumo. Il successo dell’investimento, e quindi la continuazione del boom, dipende dal fatto che i tassi di interesse rimangano bassi o scendano a livelli ancora più bassi.

Finché il boom continua, tutto sembra funzionare bene e correttamente. Le aziende sembrano fare tutto bene: stanno facendo profitti, prendere prestiti è possibile senza grossi problemi, i lavoratori possono sperare in salari più alti e più opportunità di lavoro, le entrate fiscali fluiscono e i prezzi di borsa salgono a nuovi massimi.

Ma cresce anche il debito in termini assoluti e in relazione alla produzione economica. La spesa per consumi è finanziata “a tempo debito”, il che significa essenzialmente consumo di capitale e nessuna accumulazione di capitale, e il governo, in particolare, che normalmente contribuisce poco o nulla alla crescita della produttività dell’economia, prende in prestito pesantemente per finanziare la sua spesa. I rendimenti di molti investimenti aziendali sono in ritardo rispetto all’aumento del debito, contribuendo all’aumento del debito complessivo.

Ciò che accade quando la banca centrale alza i tassi di interesse è ovvio alla luce di quanto detto. Quando i tassi di interesse aumentano, le persone riducono i loro consumi e risparmiano più del loro reddito attuale. Le aziende improvvisamente notano che i profitti sono inferiori a quanto sperato. I nuovi investimenti non ripagano, contrariamente alle aspettative: “falliscono”. I progetti vengono interrotti, le iniziative vengono liquidate e i posti di lavoro creati durante il boom vengono persi. In altre parole, il boom si trasforma in fallimento.

Ciò richiede una riallocazione e una rivalutazione dei fattori di produzione: strumenti, macchine, manodopera, ecc. Diventa chiaro che alcuni di questi fattori sono stati sprecati; cioè, incanalato in metodi di produzione irrealizzabili con un utilizzo residuo estremamente basso (lasciando rovine). Anche i lavoratori sono colpiti: le competenze e le capacità umane non sono più necessarie ai livelli precedenti e i lavoratori devono riorientarsi e riqualificarsi o abbandonare il mercato del lavoro.

Dal momento che tutto questo richiede tempo, il riequilibrio economico che comporta un tale crollo non arriva solitamente senza una recessione e disoccupazione. In un’economia fortemente indebitata, questo è particolarmente doloroso.

Le persone che perdono il loro reddito a causa della disoccupazione, ad esempio, hanno problemi a pagare il servizio del debito sulle loro case. Le aziende sono sotto la stessa pressione per soddisfare i loro pagamenti di interessi e capitale. Le banche sono interessate da ritardi di pagamento e inadempienze. Se gli accantonamenti per i rischi non sono sufficienti a coprire le perdite, la scarsa dotazione di capitale proprio delle banche verrà esaurita. Le banche diventano caute e riluttanti a concedere prestiti e il flusso di nuovo credito e nuovo denaro nell’economia diminuisce.

Questo, a sua volta, mette sotto pressione i prezzi delle attività: i prezzi delle azioni, delle obbligazioni, degli immobili e dei terreni diminuiscono. Il valore del prestito bancario sottostante alla garanzia diminuisce. Le banche richiedono garanzie aggiuntive dai mutuatari. Se i mutuatari non possono permetterselo, sono minacciati di risoluzione del prestito e scivolano sull’orlo del fallimento.

In questo modo, il regime inflazionistico può alla fine trasformarsi in un regime deflazionistico, in cui i prezzi delle merci cadono su tutta la linea e l’economia vacilla. Se non ci sono “forze opposte”, un tale sviluppo farà addirittura crollare l’intero sistema di denaro fiat. Ma ci sono “forze opposte”.

È importante sapere che la piramide del debito è stata costruita negli ultimi anni in un regime di “repressione finanziaria”: le banche centrali hanno tagliato i tassi di interesse così tanto che erano (e sono tuttora) negativi dopo l’inflazione. I prestiti in scadenza sono stati così sostituiti da nuovi prestiti con tassi di interesse reali negativi; e sono stati inoltre accesi ulteriori prestiti, anche con tassi di interesse reali negativi.

Pertanto, è comprensibile che soprattutto i governi altamente indebitati abbiano scarso interesse per una politica monetaria che aumenti i tassi di interesse e riduca l’inflazione, perché tassi di interesse bassi, combinati con un’inflazione elevata, sono esattamente ciò di cui le finanze pubbliche hanno bisogno: riducono il debito pubblico a spese dei creditori e dei detentori di denaro.

Un’uscita da tale “repressione finanziaria” molto probabilmente innescherà una grave crisi economica, finanziaria e persino politica, poiché il relativo aumento dei tassi di interesse reali provocherebbe un crollo. Quindi la domanda chiave è qual è il motivo delle banche centrali. Il loro vero motivo non è certamente quello di mantenere l’inflazione dei prezzi al consumo al 2%; in caso contrario, avrebbero alzato i tassi di interesse molto tempo fa.

Piuttosto, c’è da temere che le banche centrali vogliano una maggiore inflazione per disinnescare i precari problemi di debito delle loro economie nazionali. Come accennato in precedenza, ciò può essere ottenuto se i tassi di interesse vengono mantenuti bassi e l’inflazione supera i tassi di interesse in modo che i creditori e i detentori di denaro ottengano la parte breve dell’accordo. Tuttavia, c’è un problema: l’inflazione non deve salire troppo.

Se ciò accade, c’è il rischio che le persone letteralmente “fuggino dal denaro” e che il denaro smetta del tutto di funzionare. Naturalmente, i governi non lo vogliono. Hanno bisogno di denaro fiat inflazionistico per condurre le loro politiche redistributive.

Se le banche centrali vogliono perseguire una politica di inflazione elevata e allo stesso tempo impedire che l’inflazione sfugga al controllo, devono bluffare il pubblico, dando l’impressione di essere determinate a “combattere l’inflazione” (che, ovviamente, sono da biasimare).

Anche se potrebbero essere necessari aumenti minori dei tassi di interesse, la domanda è se il tasso di interesse reale, negativo da circa quindici anni, tornerà in territorio positivo. I dubbi restano.

L’elevato debito delle economie indica che i tassi di interesse reali non possono più tornare a livelli “normali”. Tanto più che c’è un tacito consenso nel mondo occidentale sul fatto che le forze del libero mercato non devono sfidare il “welfare state”, finanziato con sempre più debiti e denaro fiat inflazionistico.

Questa mentalità supporta anche coloro che vogliono imporre il loro programma di “grande ripristino” e “grande trasformazione” ai loro simili. Il sistema monetario fiat è uno strumento particolarmente potente non solo per lo stato, ma anche per i gruppi di interesse speciale che cercano di utilizzarlo ai fini della manipolazione degli sviluppi economici e sociali. Non si arrenderanno alla leggera.

Il forte incentivo politico a mantenere a galla il sistema monetario fiat suggerisce che le banche centrali su entrambe le sponde dell’Atlantico inaspriranno leggermente i tassi di interesse ma non abbandoneranno le loro politiche inflazionistiche e che se l’economia rallenta, risponderanno con un debito ancora maggiore, più soldi e un’inflazione ancora più alta.

Quindi, anche se i tassi di interesse aumentano, la repressione finanziaria continuerà. Molto probabilmente il potere d’acquisto delle valute ufficiali continuerà a essere fortemente svalutato. Questo è uno sviluppo che non solo erode sempre più la funzione di riserva di valore del dollaro USA, dell’euro e altri, ma minaccia anche la loro funzione di mezzo di scambio.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Top Gun ispira il fervore patriottico mentre le tendenze di ricerca per “diventare pilota di caccia” salgono


“Top Gun: Maverick” ha incassato ben 548,6 milioni di dollari da quando è stato presentato in anteprima nei cinema dieci giorni fa.

Il sequel di Tom Cruise di Top Gun del 1986 ha infranto numerosi record al botteghino ed è uno dei film più popolari su più piattaforme di streaming. Il film d’azione patriottico è servito come un invito all’azione per alcuni americani mentre le tendenze di ricerca su Internet per diventare un pilota di caccia salgono a nuove vette.

Poco dopo l’uscita di Top Gun: Maverick, il 27 maggio, la tendenza di ricerca su Internet “come diventare un pilota di caccia” è diventato assolutamente parabolico, raggiungendo un nuovo record. Il film, o forse la propaganda militare statunitense, prodotto da Hollywood, ha stimolato il fervore patriottico, qualcosa che l’esercito ha disperatamente necessario come reclutamento negli ultimi anni è stato triste.

La settimana scorsa lo abbiamo fatto notare tabelle di reclutamento perché la Marina stava spuntando nelle lobby dei cinema che proiettavano il film patriottico, una mossa sicuramente fatta dal servizio per aumentare il numero di arruolati giocando fuori le emozioni degli spettatori.

Il Mag. Gen. Edward W. Thomas, comandante dell’Air Force Recruiting Service, ha detto a Fox News che i militari avrebbero usato Top Gun: Maverick per aumentare il reclutamento. Un fenomeno simile è stato visto durante la prima uscita di Top Gun durante la Guerra Fredda.

“Abbiamo ottenuto un buon aumento di reclutamento da ‘Top Gun’ nel 1986 quando sono andato al cinema e ho visto ‘Top Gun’ con i miei amici nell’86”, ha detto Thomas. “Ero già entusiasta dell’aviazione militare, ma mi sono emozionato ancora di più.

“Ci aspettiamo che ‘Top Gun: Maverick’ faccia lo stesso”, ha aggiunto. “Sai, se le persone vogliono puntare in alto o volare in Marina, vogliamo solo che si entusiasmino all’idea di servire la nazione in qualche modo”.

L’uscita del film e le crescenti tendenze di ricerca su come diventare un pilota di caccia (ricordate, la maggior parte degli arruolati non si guadagna le ali ma piuttosto diventano squadre di manutenzione o forze di sicurezza o logistica) arrivano quando la guerra in Ucraina supera il traguardo dei 100 giorni e rischia di crescere ulteriormente.

La domanda rimane se il film stimolerà una nuova ondata di arruolamenti mentre gli alleati degli Stati Uniti e della NATO continuano a farlo rifornire L’Ucraina con le armi e non mostra segni di arretramento.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I prezzi del gas salgono a livelli record nel Memorial Day



I prezzi del gas nel Giorno della Memoria è salito a un massimo record di $ 4,619 per gallone, in aumento di nove centesimi durante il fine settimana, secondo AAA.

L’anno scorso, i prezzi del gas erano in media di circa $ 3 per gallone e nel maggio del 2020 i prezzi del gas erano circa $ 1,77 centesimi.

Nonostante i prezzi elevati del gas che sono stati alimentati dalla guerra all’energia del presidente Joe Biden, AAA stima che 34,9 milioni di cittadini lo faranno viaggiare da un veicolo a gas questo fine settimana festivo. Un aumento di solo il 4,6 per cento rispetto allo scorso anno.

Eppure il New York Times venerdì ha criticato i conducenti americani per il consumo eccessivo di benzina. “Gli automobilisti non hanno fatto molto per bruciare molta meno benzina”, il Volte ha scritto in un articolo intitolato “I prezzi del gas raggiungono nuovi massimi con l’inizio della stagione di guida estiva”.

Mentre il Volte ha incolpato gli americani per i prezzi elevati del gas, ha ignorato la guerra di Biden all’energia americana. Notizie Breitbart segnalato come Biden ha fatto aumentare i prezzi dell’energia:

Biden ha scommesso guerra al finanziamento pubblico e privato delle trivellazioni petrolifere sovvenzionando piani energetici simili al nuovo accordo. Di conseguenza, la produzione petrolifera americana è fuori uso dal 2019, anno prima della pandemia. Numeri difficili suggeriscono che la produzione di petrolio nel 2022 è di 12 milioni di barili al giorno, ovvero l’8% in meno rispetto al 2019.

Biden ha reso sempre più difficile per le compagnie petrolifere ottenere finanziamenti per perforare terreni privati. Ha anche interrotto nuove trivellazioni su terreni pubblici e terminato il progetto Keystone Pipeline che avrebbe trasportato grandi quantità di petrolio alle raffinerie americane.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I prezzi delle uova salgono mentre il 10% delle galline di Nation viene spazzato via dalla devastante influenza aviaria


I prezzi dei generi alimentari stanno aumentando negli Stati Uniti, ma l’ultimo shock adesivo al supermercato è nei corridoi delle uova e del pollame, poiché il influenza aviaria mortale devasta il gregge di galline ovaiole del paese.

I dati sull’inflazione monitorati dal Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti hanno rilevato che una dozzina di uova è aumentata del 23% ad aprile rispetto al mese precedente a $ 2,52. I prezzi hanno raggiunto livelli che non si vedevano dall’inizio del 2016, periodo successivo all’epidemia di influenza aviaria ad alta patogenicità del 2014-15, che ha portato a un aumento del 50% dei prezzi delle uova nella seconda metà del 2015.

Da gennaio, l’epidemia ha diffuso in 32 stati, uccidendo più di 37 milioni di polli e tacchini. Di questi, 29 milioni di galline ovaiole sono morte, ovvero circa il 10% del gregge totale degli Stati Uniti di 300 milioni. Bloomberg dice il l’influenza aviaria “si preannuncia come il peggior focolaio del suo genere”.

“Quando sono iniziati i focolai, il balzo dei valori all’ingrosso è stato guidato principalmente dalla domanda, poiché sul mercato si è verificato un po’ di panico e una copertura corta. Ma a questo punto, così tanta produzione è stata rimossa dal panorama che è più un problema dal lato dell’offerta”, ha detto a CBS News Karyn Rispoli, giornalista del mercato delle uova presso la società di ricerca sulle materie prime Urner Barry.

La colazione è diventata la più costosa da anni. Non sono solo le uova, anche i prezzi del succo d’arancia e del grano alle stelle.

I prezzi delle uova potrebbero aumentare in quanto non ci sono indicazioni che la diffusione dell’influenza aviaria sia sotto controllo. Questo è solo un altro segno che la carenza di cibo potrebbe peggiorare molto nella seconda metà dell’anno.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le richieste di sussidio di disoccupazione salgono a 3 mesi


Due settimane dopo aver appreso che nel primo trimestre il PIL statunitense si era contratto “in modo scioccante”, è rimasto solo un pilastro a sostenere l’economia statunitense “forte”, la stessa economia che il ciclo di inasprimento record della Fed spera di spingere in recessione: il mercato del lavoro .

Tuttavia, ora anche questo è cambiato, e una settimana dopo una grande mancanza di buste paga private ADP, dopo che l’indice ISM sull’occupazione nel settore manifatturiero è stato stampato appena prima della contrazione dove si trova già l’indice sull’occupazione ISM Services e dopo la prima stampa positiva nei tagli di posti di lavoro Challenger indice da gennaio 2021…

… ora sembra che, anche se il rapporto ufficiale sulle buste paga continua a dipingere un quadro alquanto roseo, anche il mercato del lavoro ha ufficialmente raggiunto il picco, perché pochi istanti fa il BLS ha riferito che nella settimana terminata il 7 aprile, le richieste iniziali sono aumentate di 203.000, dal rialzo ha rivisto 202.000 copie una settimana prima e 11.000 in più rispetto alle 192.000 previsioni di consenso e la stampa più alta dall’11 febbraio, una conferma preoccupante che i giorni migliori per il mercato del lavoro statunitense sono ormai alle spalle.

La ripartizione per stato non ha mostrato valori anomali degni di nota, ad eccezione dello Stato di New York che ha visto il calo, invertendo la mossa della settimana precedente quando è aumentata di più.

Detto questo, anche se il mercato del lavoro ha raggiunto il picco, chiaramente c’è ancora molta strada da fare prima che il mercato del lavoro statunitense sia in caduta libera – lo spauracchio che la Fed deve vedere prima di fermare la sua stretta – anche se ora quella debolezza sta iniziando a stabilirsi in, tieni d’occhio più segnalazioni di licenziamenti di massa aziendali (come l’avviso inaspettato di questa settimana da parte di Carvana che ha appena licenziato più del 10% dei suoi lavoratori). Basta con quelli, e anche il BLS dovrà ammettere che l’ultimo pilastro che sostiene l’economia statunitense è appena diventato rosso.

Bill Gates e il World Economic Forum lo sono stai pianificando di sostituire il tuo cibo con prodotti geneticamente modificati e carne allevata in laboratorio.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I neri americani assassinati salgono del 32% grazie a Black Lives Matter


Il numero di neri americani assassinati è aumentato del 32%, con gli esperti che incolpano l’aumento dei poliziotti che non pattugliano le aree ad alto tasso di criminalità grazie all’attivismo “defund the police” sostenuto da Black Lives Matter.

“Il numero di neri americani assassinati nel 2020 è aumentato del 32%, con un esperto che ha incolpato le proteste di BLM per l’enorme picco di spaventare i poliziotti”, riporta il Mail giornaliera.

“Le uccisioni tra (ogni) gruppo demografico razziale sono aumentate del 30 percento tra il 2019 e il 2020, l’aumento più grande dal 1905, ma i neri hanno sopportato l’impatto maggiore di quella tendenza mortale, secondo il rapporto Uniform Crime dell’FBI”.

Il fenomeno è diventato una tendenza comune ed è emerso per la prima volta all’indomani delle rivolte Ferguson del 2014, motivo per cui è noto come “l’effetto Ferguson”.

Hannah Meyer, del gruppo di esperti del Manhattan Institute, afferma che i movimenti di “defunding the police” supportati da BLM hanno peggiorato il tasso di omicidi.

“Certamente, le proteste e le rivolte a metà del 2020 hanno seguito uno schema di accresciuta violenza che abbiamo visto in seguito a passati incidenti virali della polizia, come la morte di Michael Brown e Freddie Gray”, ha detto Meyer a Fox News. “Questo schema è stato definito ‘Effetto Ferguson’: la polizia si tira indietro mentre la criminalità violenta aumenta precipitosamente”.

Secondo le statistiche dell’FBI, nel 2019 gli afroamericani rappresentavano il 55,9% di tutti i trasgressori di omicidio, nonostante rappresentassero solo il 13% della popolazione. La stragrande maggioranza dei neri assassinati viene uccisa da altri neri.

“Il sangue è nelle mani non solo di Black Lives Matter, ma anche dell’establishment liberale per aver promosso la sua agenda sociopatica”, scrive Dave Blount.

“Avendo in gran parte causato questa crisi, i liberali vogliono affrontarla disarmando i cittadini rispettosi della legge, lasciandoli indifesi di fronte a criminali incoraggiati che ovviamente rimarranno armati”.

Mentre Black Lives Matter potrebbe aver servito lo scopo opposto alla sua missione dichiarata di proteggere le vite dei neri, i suoi fondatori non hanno fatto male a se stessi.

Come abbiamo precedentemente evidenziatoPatrisse Khan-Cullors, co-fondatrice di BLM, ha scelto di vivere in una delle zone più bianche della California dopo aver acquistato una casa da 1,4 milioni di dollari in un’area che ha una popolazione nera di appena l’1,6%.

Alleati e critici si sono chiesti dove siano finiti i soldi, domande che si sono intensificate dopo che è stato rivelato che i leader del BLM hanno acquistato segretamente una villa da 6 milioni di dollari in un modo inteso a offuscare i confini “tra l’ente di beneficenza e le società private di proprietà di alcuni dei suoi leader. “

Tutto ciò sottolinea ancora una volta come il BLM sia solo un’enorme truffa, mentre l’impatto del suo attivismo serve solo a mettere in pericolo più persone di colore mentre approfondisce la divisione nella società.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le azioni di Twitter salgono dopo che Elon Musk ha acquistato il 9% del capitale


Il prezzo delle azioni di Twitter è aumentato di oltre il 25% dopo che il fondatore di Tesla Motors Elon Musk ha acquistato una quota del 9,2% nel gigante dei social media che ha recentemente criticato.

La US Securities and Exchange Commission ha dichiarato lunedì che il miliardario sudafricano possedeva 73.486.938 azioni su Twitter, con un valore di $ 2,89 miliardi basato sul prezzo di chiusura di venerdì.

Le azioni di Twitter sono aumentate di oltre il 25% nel trading pre-mercato sulle notizie.

Musk aveva recentemente attaccato Twitter per presunta censura di post e divieto di utenti, e ha minacciato di creare un sito rivale.

“Dato che Twitter funge de facto da piazza pubblica, il mancato rispetto dei principi della libertà di parola mina fondamentalmente la democrazia”, ​​Musk twittato il 26 marzo.

“Cosa dovrebbe essere fatto?” ha chiesto, aggiungendo: “Serve una nuova piattaforma?”

Un analista di mercato ha ipotizzato che Musk stia pianificando un’acquisizione dell’azienda Big Tech fondata dal collega nerd miliardario Jack Dorsey.

“Musk potrebbe provare ad assumere una posizione più aggressiva qui su Twitter. Questo alla fine potrebbe portare a una sorta di acquisizione”, ha detto Dan Ives di Wedbush di CNBC Lunedì “Squawk Box”. “Questo ha senso dato ciò di cui Musk ha almeno parlato, almeno dal punto di vista dei social media”.

Perché la donna è la nemico numero uno della tecnocrazia in arrivo…



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I conducenti di Berlino mostrano solidarietà per la Russia mentre i costi energetici salgono a causa delle sanzioni occidentali



Il video di Berlino, in Germania, mostra i conducenti che espongono bandiere russe per esprimere la loro solidarietà alla Russia sempre più isolata mentre le sanzioni occidentali fanno salire alle stelle i prezzi dell’energia interna.


In quest’epoca di censura e propaganda da tutte le parti del conflitto Ucraina-Russia, è più importante che mai facilitare un libero flusso di informazioni con video, rapporti e punti dati da ogni prospettiva. Solo così potrai veramente informarti su ciò che sta accadendo durante questa crisi fluida e pericolosa.

Questo post verrà aggiornato periodicamente, quindi aggiungi questa pagina ai segnalibri per ricevere gli ultimi sviluppi!

04/03/2022:

MSNBC sta facendo gli straordinari per promuovere l’intervento diretto della NATO nel conflitto Ucraina-Russia.

Hillary Clinton chiede al G20 di boicottare la Russia e ancora più sanzioni nonostante i danni economici collaterali inflitti alla popolazione occidentale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha difeso il battaglione neonazista Azov lavorando fianco a fianco con l’esercito del paese, dicendo a Fox News che “sono quello che sono”.

CORRELATI: Conflitto Ucraina-Russia e aggiornamenti — 23-30 marzo

CORRELATI: Sviluppi e aggiornamenti Ucraina-Russia — Mese 1


Il regime americano sta preparando UNA FALSA BANDIERA contro la Russia



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I prezzi dell’avocado salgono alle stelle mentre la produzione messicana sta per precipitare



Anche prima della guerra in Ucraina, la maggior parte delle famiglie americane era sotto pressione a causa dell’inflazione alimentare record e dei prezzi al consumo ai massimi degli ultimi quattro decenni.

Il conflitto e la conseguente sanzione inflazionistica hanno peggiorato le cose. Un alimento non correlato all’Ucraina e che si trova principalmente in Messico è l’avocado. I prezzi della frutta sono ora a un massimo di un decennio poiché le forniture si restringono (in termini di USD).

In vista del Super Bowl 56, il 13 febbraio, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha sospeso le importazioni statunitensi di avocado messicani a causa di uno dei suoi ispettori minacciato dai membri del cartello della droga. All’epoca, noi sottolineato i prezzi degli avocado non erano mai stati così alti per la grande partita di calcio.

Anche se le importazioni statunitensi di avocado sono state ripristinate, i prezzi hanno continuato a salire vertiginosamente dal Super Bowl 56. Per una scatola da 20 libbre di avocado dallo stato di Michoacan, in Messico (il fulcro centrale della produzione di avocado messicana), i prezzi sono aumentati del 40%. a circa $ 38, un nuovo massimo di dieci anni.

Due decenni di dati mostrano che i prezzi degli avocado non sono mai stati così alti in questo periodo dell’anno.

La causa dell’impennata dei prezzi non è tanto correlata all’interruzione degli scambi, quanto piuttosto alla restrizione delle forniture.

“La minore disponibilità e le pressioni inflazionistiche dal lato dell’offerta sono i principali sospetti”, ha scritto in una nota David Magana, analista di Rabobank International.

Tieni presente che l’80% di tutti gli avocado statunitensi proviene dal Messico e il resto dagli Stati Uniti

L’USDA prevede che la produzione di avocado messicani crollerà dell’8% nell’anno agricolo 2021-22 da un raccolto record nella stagione di crescita precedente.

Bloomberg osserva: “Gli importatori americani del frutto stanno ancora recuperando terreno dal divieto temporaneo alle spedizioni da Michoacan il mese scorso a causa delle minacce contro gli ispettori statunitensi”.

Mission Produce Inc, il più grande grossista di avocado negli Stati Uniti, ha aumentato i prezzi di oltre il 50%.

“A compensare parzialmente l’aumento dei prezzi è stata una diminuzione del 18% del volume venduto di avocado, dovuto principalmente alla minore offerta, ma esacerbata dalla sensibilità ai prezzi in mercati internazionali selezionati che gareggiavano per fonti di frutta a basso costo”, ha detto il CEO Steve Barnard a Bloomberg in un dichiarazione.

Tenendo conto dell’aumento dei costi di fertilizzanti, diesel e merci, è probabile che i prezzi dell’avocado rimangano elevati e/o continuino a crescere fino a quando i millennial non potranno più permettersi il delizioso frutto, altrimenti noto come distruzione della domanda.

della NATO ossessione per la guerra biologica esposto

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I bonus di Wall Street salgono del 20% nel 2021 a un nuovo record



Il 2021 è stato un altro anno eccezionale per i bonus di Wall Street: secondo i dati annuali diffusi mercoledì dallo Stato di New York, il bonus medio di Wall Street è salito del 20% a un nuovo record di $ 257.500 mentre le banche hanno gareggiato aggressivamente per i “migliori talenti”, guidando il totale compensazione a nuovi massimi in tutto il settore.

Nel frattempo, lo scorso anno il bonus pool delle banche è salito a 45 miliardi di dollari, con un aumento del 21% rispetto al 2020.

I bonus alle stelle sono stati giustificati da un’attività di negoziazione da record, guidata dal boom SPAC e da fusioni e acquisizioni record mentre le aziende si affrettavano a trarre vantaggio dal crepuscolo di ZIRP, che si è tradotto in un anno estremamente redditizio per le banche di investimento. Inoltre, i dati diffusi dal New York State Comptroller non tengono conto delle stock option e di altri tipi di compensi non monetari.

Il controllore dello stato di New York Thomas DiNapoli ha affermato che i bonus nel 2021 hanno superato le aspettative, il che è un’ottima notizia per la base imponibile sia di New York che di New York.

“I profitti in aumento di Wall Street hanno continuato a superare le aspettative nel 2021 e hanno portato bonus record”, ha affermato DiNapoli. “Ma è probabile che gli eventi recenti riducano la redditività e i bonus a breve termine. I mercati sono turbolenti poiché la ripresa di altri settori rimane lenta e irregolare e la Russia intraprende una guerra imperdonabile alla libertà dell’Ucraina. A New York, non torneremo alla nostra forza economica pre-Covid fino a quando più newyorkesi e più settori – vendita al dettaglio, turismo, edilizia, arte e altri – non avranno un successo simile”.

Tuttavia, l’andamento dei bonus smentisce un’altra tendenza che affligge le banche di Wall Street: l’occupazione nel settore è in calo negli ultimi anni e l’anno scorso non è stato diverso.

Wall Street ha continuato a tagliare i posti di lavoro lo scorso anno, con l’occupazione totale scesa a 180.000 posti di lavoro nel 2021. Anche la quota di New York nel settore dei titoli è scesa al 18%, in calo rispetto al 33% di tre decenni fa.

In quanto principale fonte di entrate, DiNapoli stima che l’industria dei titoli abbia rappresentato il 18% (14,9 miliardi di dollari) della riscossione delle tasse statali nell’anno fiscale statale (SFY) 2021 e il 7% (4,7 miliardi di dollari) delle riscossioni delle tasse comunali nell’anno fiscale della città (CFY ) 2021.

A testimonianza di quanto New York faccia affidamento sull’industria per la sua base imponibile, l’industria dei titoli fornisce circa un quinto dei salari del settore privato nonostante rappresenti solo il 5% dell’occupazione di quel settore.

Gli utili al lordo delle imposte durante i primi tre trimestri del 2021 per le operazioni di broker/dealer delle società associate alla Borsa di New York, la misura tradizionale dei profitti del settore dei titoli, sono aumentati del 19,6% a 44,9 miliardi di dollari.

Guardando al futuro, pochi si aspettano che i bonus nel 2022 superino l’anno scorso, dato che le banche d’investimento inciampano l’una sull’altra per tagliare i loro obiettivi S&P 500 di fine anno poiché i mercati dei derivati ​​prezzano quasi due punti percentuali di aumenti dei tassi durante il resto dell’anno .

“Abbiamo molta strada da fare prima di arrivare alla fine del 2022, ma dato che questo è davvero un numero record per i bonus come lo abbiamo monitorato storicamente, non credo che ci sia alcun motivo per presumere che ‘ a questo punto batterà questo record l’anno prossimo”, ha detto il controllore dello stato di New York Thomas DiNapoli durante un’intervista di mercoledì con Bloomberg Television.

Ma una contrazione dei profitti di Wall Street non è l’unica tendenza di cui lo Stato di New York dovrebbe preoccuparsi. Il pesante carico fiscale che i banchieri devono affrontare ha recentemente ispirato un esodo di società buy-side verso stati a bassa tassazione, in particolare la Florida. È qualcosa che i democratici di New York dovrebbero tenere a mente prima di presumere ciecamente che Wall Street continuerà a pagare il conto per la spesa statale dissoluta in perpetuo.

della NATO ossessione per la guerra biologica esposto

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I prezzi del petrolio salgono mentre Biden annuncia il divieto totale delle importazioni di energia russe


Martedì gli Stati Uniti hanno annunciato il divieto di importazione di prodotti energetici russi, senza la partecipazione degli alleati in Europa.

Il divieto include non solo il petrolio russo, ma anche carbone e gas naturale liquefatto (GNL), affermano le fonti di Bloomberg, parlando in condizione di anonimato.

“Oggi annuncio che gli Stati Uniti stanno prendendo di mira l’arteria principale dell’economia russa. Stiamo vietando tutte le importazioni di petrolio, gas ed energia russi. Ciò significa che il petrolio russo non sarà più accettabile nei porti statunitensi e il popolo americano infliggerà un altro potente colpo alla macchina da guerra di Putin”, ha affermato martedì il presidente Biden in un annuncio della Casa Bianca.

Il presidente ha sottolineato che, sebbene la decisione sia stata presa in stretta consultazione con i suoi alleati europei, ha capito che non tutti gli alleati sarebbero in grado di unirsi agli Stati Uniti nel sanzionare le forniture energetiche della Russia.

Lunedì sono emerse notizie che gli Stati Uniti stavano valutando vietare le importazioni di petrolio russo senza la partecipazione dei suoi alleati europei, almeno in una fase iniziale di ulteriore pressione sulla più grande fonte di entrate di Putin.

Gli alleati occidentali si sono finora astenuti dall’imporre sanzioni alle esportazioni di energia della Russia tra le preoccupazioni sulla creazione di carenze nel mercato petrolifero. L’Europa è molto più dipendente dal petrolio russo che dagli Stati Uniti.

L’Europa, in particolare il cancelliere tedesco Olaf Scholz, ha dichiarato lunedì di non essere d’accordo nel vietare le importazioni di petrolio e gas dalla Russia.

“Attualmente, non c’è altro modo per garantire l’approvvigionamento energetico dell’Europa per la generazione di calore, la mobilità, l’approvvigionamento elettrico e l’industria”, Scholz disse.

“È quindi una nostra decisione consapevole quella di continuare a fare affari con l’energia russa”, ha affermato lunedì il cancelliere tedesco.

Nel frattempo, sempre lunedì, Democratici e Repubblicani al Congresso hanno raggiunto un accordo bipartisan che l’avrebbe fatto spianare la strada a un divieto sull’importazione di prodotti energetici dalla Russia.

La Russia ha avvertito lunedì che un embargo energetico a Mosca avrebbe “conseguenze catastrofiche per il mercato globale”, il vice primo ministro russo Alexander Novak disseaggiungendo che se gli alleati occidentali tagliassero il petrolio russo, i prezzi potrebbero salire a 300 dollari al barile o anche di più.

Gli Stati Uniti, che importano circa 500.000 barili al giorno di greggio e prodotti russi, possono permettersi di vietare le importazioni dalla Russia senza gravi conseguenze sulla sua industria ed economia, a differenza dell’Europa.

Di Cvetana Paraskova per Oilprice.com


Pete Buttigieg dice che se non puoi permetterti la benzina, compra un veicolo elettrico


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le ricerche di Google per le pillole di iodio salgono alle stelle


L’invasione russa dell’Ucraina e l’ordine del presidente Putin forze di deterrenza nucleare essere messo in allerta “speciale” ha spaventato molti nel mondo occidentale che ora sono nel panico alla ricerca di dove acquistare ioduro di potassio in caso di guerra nucleare.

Lo ioduro di potassio può aiutare a bloccare l’assorbimento di iodio radioattivo da parte della tiroide, proteggendo così la ghiandola dai danni da radiazioni durante un incidente nucleare.

Dopo che Putin ha chiesto che le sue forze nucleari fossero pronte al combattimento la scorsa settimana, le tendenze di ricerca su Google negli Stati Uniti delle “pillole di ioduro” sono aumentate al livello più alto dal 2011, quando si è verificato il disastro nucleare di Fukushima.

Come gli Stati Uniti e la NATO, la Russia ha migliaia di testate nucleari e mantiene una forza di attacco di deterrenza nucleare. Poiché le incursioni russe non mostrano segni di rallentamento, Putin ha annunciato sabato che l’avrebbe fatto dichiarare guerra su qualsiasi paese che imponga una no-fly zone all’Ucraina.

Giovedì notte, ci sono state segnalazioni che la Russia ha bombardato la più grande centrale nucleare d’Europa e danneggiato un reattore, ma quelli affermazioni si sono rivelate false. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha confermato che nessun reattore della centrale nucleare di Zaporozhskaya a Energodar, nel sud-ovest dell’Ucraina, era danneggiato ad eccezione di un edificio per l’istruzione e la formazione. Tuttavia, la notizia ha suscitato preoccupazione per la guerra di Mosca che ha sollevato l’allarme internazionale.

Ci sono già indicazioni che le persone stiano accumulando panico nell’Europa centrale. Il Brussels Times ha riferito che 30.000 residenti si sono riversati in farmacia per pillole di ioduro di potassio gratuite dopo l’invasione. Le farmacie in Bulgaria sono già esaurite.

“Negli ultimi sei giorni, le farmacie bulgare hanno venduto altrettanto [iodine] poiché vendono per un anno”, ha affermato Nikolay Kostov, presidente dell’Unione delle farmacie Reuters.

“Abbiamo ordinato nuove quantità, ma temo che non dureranno a lungo”, ha detto Kostov.

La somministrazione delle compresse deve avvenire entro poche ore dall’esposizione alle radiazioni e può aiutare a proteggere la ghiandola tiroidea per circa 48 ore.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I futures europei sul gas salgono alle stelle mentre aumentano le tensioni in Ucraina


Il prezzo dei futures di marzo sul gas in Europa è salito alle stelle a quasi $ 1.500 per mille metri cubi, in aumento del 40% rispetto agli indici di mercoledì, secondo la borsa ICE. Anche i prezzi del petrolio sono aumentati, con il greggio Brent che ha raggiunto i $ 100 al barile per la prima volta da allora 2014.

Il prezzo era di $ 102,06 al barile giovedì, in rialzo di $ 5,22, o 5,4%, rispetto ai giorni precedenti.

Martedì, i prezzi dei futures europei sul gas naturale hanno raggiunto la soglia di $ 900 per 1.000 metri cubi tra le notizie secondo cui la Germania aveva interrotto il processo di certificazione per il gasdotto Nord Stream 2.

Il significativo aumento di giovedì dei prezzi dei future sul gas in Europa è arrivato dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato all’inizio della giornata l’inizio di un’operazione speciale in Ucraina finalizzato alla smilitarizzazione e denazificazione del Paese.

La mossa è stata preceduta dalla Russia che lunedì ha riconosciuto l’indipendenza delle Repubbliche popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk (LPR), tra l’aumento dell’esercito ucraino bombardamenti delle infrastrutture DPR e LPRche ha provocato vittime civili e l’evacuazione di massa di donne e bambini nelle regioni russe.

In uno sviluppo separato all’inizio di questa settimana, Der Spiegel ha riferito che il ministero tedesco dell’Economia e dell’Energia aveva interrotto la certificazione del gasdotto Nord Stream 2, un processo che è stato sospeso dall’autorità di regolamentazione tedesca, la Federal Grid Agency, nel novembre 2021.

Il rapporto di Spiegel è stato seguito da futures europei sul gas che sono saliti di almeno il 10% a oltre $ 900 per 1.000 metri cubi.

Il notevole aumento dei prezzi del gas in Europa è iniziato nella primavera del 2021, quando gli indici dei prezzi di riferimento TTF hanno oscillato nell’intervallo di $ 250-300 per mille metri cubi. Alla fine della scorsa estate, il prezzo ha superato i $ 600 e all’inizio di ottobre si è attestato a $ 1.000.

La maggior parte degli esperti ha attribuito l’aumento all’impatto di diversi fattori, come l’elevata domanda di gas naturale liquefatto (GNL) in Asia, l’offerta limitata da parte dei principali fornitori e la bassa capacità dei depositi di gas sotterranei europei dopo un lungo inverno freddo e un calda estate nel 2021.

La deputata Marjorie Taylor Greene visita Infowars e dichiara guerra sullo stabilimento DC.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Milioni di americani costretti a trasferirsi mentre i prezzi degli affitti salgono alle stelle negli Stati Uniti


I prezzi degli affitti negli Stati Uniti sono aumentati del 14% lo scorso anno, raggiungendo un costo medio di $ 1.877 al mese.

In città come Austin, New York e Miami, i costi sono aumentati tra il 35 e il 40%, con prezzi gonfiati che dovrebbero aumentare di un ulteriore 10%, secondo la società immobiliare Redfin.

L’aumento dei prezzi degli affitti dovrebbe essere una forza trainante chiave nei prossimi mesi. Con il costo della vita che diventa sempre più inaccessibile, molti americani sono costretti a trasferirsi o vivere nelle loro auto. A tre anni dall’inizio della pandemia di COVID-19, sono scaduti i blocchi degli affitti e le moratorie sugli sfratti, che non aiutano più coloro che stanno lottando per pagare l’affitto.

“Il fatto è che, per troppi americani, l’alloggio è inaccessibile. Abbiamo una fornitura inadeguata di case, sia in affitto che in vendita, e, naturalmente, le famiglie a reddito più basso sono quelle più colpite”, Dennis Shea, direttore esecutivo del J. Ronald Terwilliger Center for Housing Policy presso il Bipartisan Policy Center , detto il Washington Post.

Un rapporto della Federal Reserve Bank di New York afferma che gli importi degli affitti continueranno ad aumentare del 10% nel 2022. Gli economisti affermano che di solito c’è un ritardo di circa 9-12 mesi prima che i prezzi delle case siano presi in considerazione dalle misure di inflazione e che l’affitto i prezzi da soli potrebbero essere responsabili del mantenimento dei livelli di inflazione elevati durante tutto l’anno.

Nel tentativo di resistere alla tempesta, l’amministrazione Biden ha iniziato a riallocare i fondi inutilizzati dal suo programma di assistenza al noleggio di emergenza, che ha un patrimonio netto di $ 46,5 miliardi. Il presidente americano ha anche promesso di aggiungere quasi 100.000 case a prezzi accessibili nei prossimi tre anni, oltre a esortare gli stati e i governi locali a riformare le leggi sulla zonizzazione.

Alla fine degli anni ’70, gli Stati Uniti aggiungevano circa 400.000 case entry-level all’anno. Nel 2020, il mercato ha aggiunto solo 65.000 di quelle case entry-level.

Jenny Schuetz, ricercatore presso Brookings Metro, afferma che per migliorare l’accessibilità degli alloggi, devono essere implementati tre strumenti: riformare la regolamentazione sull’uso del suolo per consentire alloggi più piccoli e compatti, aumentare le tasse sui terreni costosi/sottoutilizzati ed espandere i sussidi per l’edilizia alle famiglie a basso reddito .

La riforma della zonizzazione riadatterebbe a regola che ha spinto molti americani a non poter acquistare case a prezzi accessibili. Al momento, le terre costose e spesso di proprietà della maggioranza dei bianchi hanno leggi di zonizzazione in vigore che vietano la costruzione di qualsiasi cosa diversa dalle case unifamiliari unifamiliari.

Gli economisti affermano che, a differenza dei prezzi gonfiati di cibo e gas, quando i costi di affitto e mutuo aumentano, è molto più difficile vedere quella traiettoria diminuire. Un affittuario su quattro spende più della metà del proprio reddito mensile in affitto, secondo un censimento del 2018 del Joint Center for Housing Studies dell’Università di Harvard. Gli esperti dicono che la cifra è ancora più alta quest’anno.

Molte persone hanno anche riferito che, nonostante il congelamento degli affitti locali, alcuni proprietari hanno trovato il modo di intaccare i redditi dei loro inquilini applicando le “commissioni per i servizi” o addebitando servizi che altrimenti sarebbero stati inclusi nel loro affitto.

Aleksei Valentin e suo marito hanno dovuto trasferirsi dal loro appartamento con una camera da letto a Frederick, nel Maryland, a un monolocale in una contea vicina. Ha detto al Post che durante la pandemia, il suo edificio ha iniziato ad addebitare loro multe casuali e ad aumentare le tasse di servizio per articoli come la spazzatura “che non venivano buttati fuori esattamente come piacevano a loro”. E più persone si trasferivano, più aumenterebbero le spese per i servizi.

“I prezzi sono così alti, l’inflazione è astronomica e la casa che i miei genitori hanno acquistato per $ 30.000 alla fine degli anni ’70 vale più di mezzo milione oggi”, ha detto Valentin. “Come può [we] entrare in quel mercato senza ricchezza intergenerazionale? È impossibile.”

Il prezzo della loro camera da letto quando se ne sono andati era di $ 1.270. Ora è sul mercato per $ 1.600. Valentin, che ha 39 anni, dice che anche l’acquisto di una piccola casa sembra “un sogno irrealizzabile”.

Con così tanti americani che lavorano da casa durante la pandemia, molti di coloro che hanno potuto trasferirsi in periferia o acquistare case per le vacanze lo hanno fatto. Questo aumento della domanda ha lasciato alti i prezzi delle case, mentre gli appartamenti sono stati lasciati per gestire le loro crescenti sfitte. Ma con le persone che tornano in città per un’economia che è stata riaperta, i proprietari ora hanno il sopravvento per chiedere di più dal reddito dei loro inquilini.

Shadow LeMere, che vive ad Austin, in Texas, è costretta a spostare le sue cose in un deposito. LeMere e sua moglie vivranno nella loro macchina e viaggeranno lungo la costa orientale finché non riusciranno a trovare un posto a prezzi accessibili in cui vivere: saranno costrette a fare il trasloco più importante dopo che il loro affitto è aumentato del 43%.

“Non possiamo più permetterci di vivere qui”, ha detto. “Non ad Austin, non in Texas. Lo faremo nomade per un po’ e vedremo dove andremo a finire”. La città di Austin ha il tasso di affitto in più rapida crescita di qualsiasi altra grande città degli Stati Uniti quest’anno.

Una modifica del rapporto Reese di Indirizzo recente di Riccardo Bosi a tutte le persone che hanno giurato di difendere la loro nazione.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le tariffe del trasporto aereo salgono a livelli record durante la crisi portuale della California


Il piano del presidente Biden per salvare il Natale disintasando i porti di Los Angeles e Long Beach è fallito. Il numero di navi portacontainer ancorate al largo della costa rimane vicino recorde i tempi di attesa per scaricare le merci sono di circa tre settimane.

Alcuni importatori hanno rinunciato alla consueta spedizione containerizzata tramite navi oceaniche per i cargo aerei per garantire che le loro merci arrivino agli scaffali in tempo per le vacanze.

Negli ultimi tre mesi, le tariffe di trasporto aereo sulle principali rotte marittime da e per la Cina sono raddoppiate.

FT riferisce che le tariffe di trasporto aereo tra Shanghai e il Nord America hanno raggiunto un record di 14 dollari per chilogrammo la scorsa settimana, rispetto agli 8 di fine agosto. Ha persino superato i massimi COVID di $ 12 quando il mondo intero utilizzava i cargo aerei per spedire prodotti medici in tutto il mondo durante i primi mesi della pandemia. Rotte simili come Hong Kong verso l’Europa e gli Stati Uniti e le rotte transatlantiche tra l’Europa e il Nord America hanno registrato aumenti drammatici.

“Tutti sanno che se vogliono qualcosa sugli scaffali prima di Natale, devono usare il trasporto aereo”, ha affermato Yngve Ruud, capo del trasporto aereo globale di Kuehne+Nagel, uno dei più grandi spedizionieri del mondo.

Lo sforzo di Biden per ridurre i tempi di permanenza non funziona, anche dopo che lui annunciato una nuova direttiva per i porti gemelli a metà ottobre per operare 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Abbiamo notato all’epoca, in un pezzo intitolato “Ecco la verità dietro l’impegno di Biden per le operazioni portuali 24 ore su 24, 7 giorni su 7”, che la mossa non salverebbe il Natale. Ora ci vogliono 21 giorni, o tre settimane, perché una nave entri nei porti gemelli, che è un aumento rispetto alle sette di agosto.

Le interruzioni diffuse della catena di approvvigionamento sulle principali rotte marittime oceaniche sono state un vantaggio per i mercantili aerei. I principali importatori statunitensi sono passati al trasporto aereo per articoli di alto valore. I costi di spedizione aggiuntivi via aerea vengono trasferiti al consumatore attraverso l’inflazione.

Alcune compagnie aeree hanno convertito i loro aerei in aerei da carico per sfruttare l’accresciuta domanda per il servizio conveniente ma costoso.

Il costo del trasporto aereo renderà alcune merci molto più costose durante le festività natalizie, poiché il sollievo per le catene di approvvigionamento in difficoltà potrebbe non essere visto fino alla seconda metà del 2022.

Joe Biden? lancia armi meteorologiche contro il Kentucky? Alex Jones espone il controllo meteorologico della CIA.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le overdose salgono di quasi il 30% negli Stati Uniti, battendo il record per il secondo anno consecutivo – CDC



Gli Stati Uniti hanno stabilito un nuovo record per il numero di decessi per overdose, con un totale in aumento del 29,6% rispetto ai dati record dello scorso anno.

Circa 96.779 americani sono morti per overdose negli ultimi 12 mesi, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, secondo un rapporto pubblicato dall’agenzia questo mese. Il numero record di decessi supera quelli che erano già i dati record dell’anno prima, poiché la crisi della droga della nazione non mostra segni di rallentamento.

La cifra alle stelle rappresenta un aumento del 30,8% rispetto ai numeri dello scorso anno e il rapporto del CDC sottolinea ripetutamente che i suoi numeri sono “sottosegnalato a causa di dati incompleti” – il che significa che le cifre finali potrebbero essere significativamente maggiori, soprattutto con così tante risorse sanitarie ancora dedicate all’epidemia di Covid-19. Lo stato che ha registrato il peggior picco di decessi per droga è stato il Vermont, dove le vittime sono aumentate dell’85,1%. Solo tre stati – South Dakota, New Hampshire e New Jersey – hanno riportato diminuzioni dei decessi per overdose e il South Dakota ha mostrato di gran lunga il maggior miglioramento con un calo del 16,3%.

Nonostante una manciata di punti luminosi nelle statistiche tristi, secondo quanto riferito le morti per overdose hanno superato per anni le morti per armi da fuoco e incidenti stradali. Alcuni analisti hanno collegato l’aumento dei decessi per overdose alla pandemia di Covid-19, che ha tenuto lontani i tossicodipendenti bisognosi dalla terapia e le famiglie lontane dal vedersi. Peggio della solitudine paralizzante che molti hanno provato durante i periodi di lockdown prolungati, lo tsunami finanziario che l’ha accompagnato ha costretto le famiglie della classe media a vivere comodamente in fila per il pane in tutta la nazione. I soli tassi di ansia auto-riferiti sono quasi quadruplicati tra gennaio 2019 e 2021, raggiungendo il 41% e con il 48,6% dei residenti negli Stati Uniti che consuma almeno un farmaco da prescrizione negli ultimi 30 giorni, è chiaro che il tendenza automedicare è americano quasi quanto la torta di mele.

Anche come tentativi sono fatti per tenere a freno i cattivi attori come la famiglia Sackler – la cui Purdue Pharma ha scatenato l’epidemia di oppiacei più di due decenni fa – molte delle centinaia di migliaia di persone che sono diventate dipendenti dagli antidolorifici quando venivano somministrati per condizioni del tutto inadeguate hanno ‘ graduato’ all’eroina e ad altre droghe più potenti, incluso il micidiale fentanil sintetico.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link