Archivi tag: quando

‘Shilling For The Devil’: i media esplodono quando il papa ammette che la NATO ha “provocato” la Russia


Il mese scorso, le principali testate aziendali hanno accusato il pontefice di dilettarsi in “teorie del complotto” dopo aver notato che erano “altri a creare il conflitto” e che la NATO aveva provocato le operazioni militari russe in Ucraina “abbaiando alla porta della Russia”.

Lunedì sono esplose personalità di spicco dei media anti-russi, paragonando a papa Francesco un cane” e accusandolo di “ripetere i punti di discussione di Putin” dopo che il Santo Padre ha suggerito, in a intervista appena pubblicata in Vatican News, che l’Occidente ha “provocato” l’operazione militare speciale condotta dalla Russia in Ucraina.

“Dobbiamo allontanarci dalla mentalità comune di ‘Cappuccetto Rosso:’ Cappuccetto Rosso era buono e il lupo era il cattivo”, Francesco avrebbe implorato. “Qui non ci sono buoni e cattivi metafisici”.

Francesco ha ispirato ulteriore costernazione occidentale spiegando che l’aveva fatto in precedenza “incontrato un capo di stato”–di cui non ha rivelato l’identità ma che ha descritto come a “uomo saggio”–che ha informato il Papa che lo era “molto preoccupato per il modo in cui la NATO stava agendo” prima dell’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina. Quando il pontefice gli chiese perché, il capo di stato senza nome avrebbe risposto che le potenze occidentali lo erano “abbaiare alle porte della Russia”.

Il pontefice ha proseguito adducendo quella che ha definito “brutalità” da parte delle forze russe, senza però elaborare azioni specifiche. “Ma il pericolo” Egli ha detto, “è che vediamo solo questo… e ci perdiamo l’intero dramma che si sta svolgendo dietro questa guerra, che forse è stata in qualche modo provocata o non prevenuta.” Francesco ha anche notato con apparente allarme il “interesse a testare e vendere armi” che è cresciuto negli ultimi mesi.

L’analisi del Santo Padre, che riconosce il ruolo della NATO nell’incitare la Russia, lo pone in netto contrasto con i più potenti governi e media occidentali. Natoil Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, e l’Unione Europea descrivono spesso la situazione in corso in Ucraina come una “guerra non provocata” in cui la Russia è l’aggressore indiscutibile. Questa diagnosi è ampiamente condivisa da fonti statunitensi ampiamente citate come il New York Times, che classifica il conflitto come “La guerra non provocata del presidente Vladimir V. Putin.”

Mentre un certo numero di famigerati russofobi hanno fatto conoscere i loro sentimenti, Louise Mensch, un ex membro del parlamento britannico cattolico che in precedenza ha scritto un editoriale su Russiagate – ha offerto una valutazione feroce dell’uomo che i cattolici considerano “infallibile in materia di fede e di morale”.

“Attieniti alle questioni di fede e di morale, l’ultima delle quali devi acquisire”,Mensch ha continuato a chiedere di Francesco, il quale, secondo la dottrina, è visto dai cattolici come dotato di «potere pieno, supremo e universale su tutta la Chiesa».



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Anche quando c’è inflazione, la Fed ANCORA combatte il calo dei prezzi


In qualsiasi regime monetario lontanamente valido, è molto probabile che le conseguenze della guerra e/o della pandemia presentino in media un forte calo dei prezzi di beni e servizi.

Anche sotto regimi monetari non solidi ci sono potenti forze che operano verso prezzi più bassi una volta che la guerra/pandemia si sarà ritirata. Forti iniezioni di inflazione monetaria, tuttavia, possono sopraffarli.

La Fed e tutte le banche centrali estere che ne seguono l’esempio e/o le dottrine sono apparentemente nell’intenzione che questa volta il calo dei prezzi non abbia luogo. Al contrario, affermano l’obiettivo delle loro politiche monetarie, da raggiungere entro due anni, come un calo del tasso di inflazione dai massimi attuali di breve termine al 2%.

Nella lotta contro il potente “ritmo naturale” dei prezzi al ribasso all’indomani della pandemia e della guerra, dovremmo aspettarci che la Fed e le banche centrali estere esercitino un’enorme quantità di potere monetario. Ciò avverrà al di là di un intervallo in cui le banche centrali stanno apparentemente cercando di frenare l’inflazione monetaria che ha raggiunto il suo picco di virulenza nel 2021-22.

Una misurazione precisa dell’inflazione monetaria, comprese le sue fasi, è impossibile nell’attuale regime monetario in cui le condizioni della domanda e dell’offerta per la base monetaria – e le caratteristiche della base monetaria – sono state profondamente corrotte. Nel pensare alle prossime iniezioni di inflazione monetaria, la storia fornisce un’intuizione considerevole.

Le conseguenze degli shock dell’offerta sono piene di pericolo di inflazione, anche se la recessione interviene e lo mitiga per qualche tempo. L’inflazione monetaria ha accompagnato tutti i grandi shock dell’offerta e talvolta li ha preceduti come nel caso attuale di pandemia e guerra. Qui l’inflazione monetaria risale al 2012/13.

All’indomani della prima guerra mondiale e della pandemia di influenza spagnola (1918-1919), i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono diminuiti di circa il 20% (dalla metà del 1920 alla fine del 1921). Il calo dei prezzi è derivato sia dalla deflazione monetaria deliberata (iniziata alla fine del 1919 quando la Fed dominata da Benjamin Strong ha cercato di invertire l’inflazione monetaria nel semestre successivo all’armistizio) sia dall’allentamento delle restrizioni sull’offerta (con enormi surriscaldamenti in via di sviluppo per molti merci primarie).

Dopo la seconda guerra mondiale ci fu un calo di quasi il 5% dell’IPC dalla metà del 1948 alla fine del 1949, sovrapponendosi alla recessione del novembre 1948 all’ottobre 1949. Durante quel periodo non vi fu un improvviso e sostanziale inasprimento della politica monetaria. Ma l’aumento di circa il 30 per cento dei prezzi al consumo durante il 1946-1947, unito alla costanza nell’offerta eccezionale di stock di moneta ad alta potenza, significava che questo si era notevolmente ridotto in termini reali. Di conseguenza, l’eccesso di offerta di moneta in eccesso è diminuito.

Verso la fine della guerra di Corea (1950–53) e nel periodo successivo i prezzi al consumo erano relativamente piatti (metà 1952–55), essendo aumentati di quasi il 12% tra la metà del 1950 e la fine del 1951. Ciò nonostante il McChesney Martin Fed a seguito di una politica monetaria inflazionistica come evidente prima nell’inflazione delle attività e poi in un’irruzione dell’inflazione dei prezzi al consumo (seconda metà degli anni ’50). In effetti, il “ritmo naturale” dei prezzi al ribasso con l’allentarsi dei vincoli bellici e l’avvio di un aumento sostenuto della crescita della produttività ha fatto sì che l’inflazione monetaria non producesse inizialmente il sintomo dell’inflazione dei prezzi al consumo.

Per comprendere la potenziale forza delle riduzioni di prezzo in questi esempi, ci rivolgiamo al concetto di “ritmo naturale dei prezzi”, già evidenziato nella sintesi sopra. Il “ritmo naturale dei prezzi” trascende e va ben oltre la familiare distinzione statistica tra l’inflazione complessiva dell’IPC e la cosiddetta inflazione core (che esclude cibo ed energia). Si riferisce a movimenti persistenti in una direzione al rialzo o al ribasso dei prezzi di beni e servizi che non sono attribuibili all’offerta di moneta che vira costantemente davanti alla domanda (inflazione monetaria) o al di sotto della domanda (deflazione monetaria).

Perché “naturale”? Perché la direzione della variazione dei prezzi misurata in aggregato è in armonia con il modo in cui i cambiamenti economici reali in atto influenzerebbero le decisioni sui prezzi delle singole imprese (se davvero non ci fossero forze monetarie compensative a contrastarlo).

Ad esempio, durante un’espansione economica in cui la crescita della produttività è in aumento, le imprese in settori competitivi tenderebbero a tagliare i prezzi in linea con il calo dei costi determinato dai guadagni di efficienza. I redditi aumenterebbero più rapidamente in termini reali che in termini nominali. Di conseguenza, il percorso della domanda di moneta non si sposterebbe sostanzialmente e rimarrebbe sostanzialmente in linea con l’offerta di moneta in lenta crescita. Quindi, in un regime monetario sano, il calo dei prezzi sarebbe coerente con l’assenza di deflazione o inflazione monetaria.

Segui il ritmo naturale dei prezzi nel contesto del viaggio economico dalla carenza di pandemia e/o tempo di guerra all’abbondanza di risorse. La crescente scarsità di forniture spinge molte aziende ad aumentare i prezzi. Allo stesso tempo, la carenza, comprese le dislocazioni, si accompagna a un calo dei redditi reali. Quindi, la domanda complessiva di moneta potrebbe non cambiare in modo significativo (ritmo di crescita invariato dei redditi nominali costituito da qualche calo in termini reali e forti aumenti dei prezzi). Se l’offerta di moneta è su un percorso basso invariato, l’aumento dei prezzi non significa inflazione monetaria. Di conseguenza non ci sarebbero sintomi di inflazione degli asset.

Allo stesso modo, una volta raggiunto il picco di scarsità e le risorse diventate più abbondanti, i redditi reali aumentano, i prezzi scendono e la domanda di moneta sarebbe ancora in linea con un’offerta in crescita molto lenta. Il calo dei prezzi non indicherebbe un malessere monetario ma un ritmo naturale.

Nel contesto attuale del massiccio “stimolo” fiscale negli Stati Uniti durante la pandemia, la maggior parte delle famiglie si è sentita molto meglio anche se per la società nel suo insieme è stato un periodo di difficoltà. Il reddito disponibile reale e la domanda reale di moneta sono aumentati; l’offerta di moneta ha virato molto più avanti della domanda di moneta, ma non tanto quanto le prime apparenze potrebbero suggerire.

Anche così possiamo dire che l’aumento della prosperità sottostante all’indomani della pandemia e/o della guerra significa che è probabile che la domanda di denaro in termini reali aumenterà più del normale. Un calo dei prezzi sarebbe coerente con l’aumento della domanda di moneta in linea con la lenta crescita dell’offerta di moneta.

Invece, lo scenario centrale è sicuramente che la Fed abbia inondato il sistema di così tanti soldi (solo una parte dell’eccesso rimosso durante il periodo di svolta da falco e tenendo conto dei rialzi cumulativi dei prezzi) che il naturale ritmo al ribasso dei prezzi non si manifesterà nella realtà esteriore. Piuttosto, la Fed utilizzerà il sollievo dai sintomi dell’inflazione nei dati sui prezzi al consumo per raddoppiare l’inflazione monetaria. Ciò si manifesterebbe inizialmente in un nuovo episodio di inflazione patrimoniale. Sarà il momento del boom per le riscossioni governative delle tasse di repressione monetaria (questo corrisponde a tassi di interesse manipolati dalla banca centrale a livelli artificialmente bassi mentre l’inflazione CPI rimane bassa).

Non è troppo presto per gli investitori o il pubblico in generale per preoccuparsi della prossima ondata di inflazione monetaria. Molti temono che la Fed possa ritirarsi dall’inasprimento monetario ai primi segnali di recessione piuttosto che completare il compito di riportare l’inflazione al 2% e mantenerla lì. È probabile che ciò dimostri una versione falsa del problema.

È più probabile che la Fed continuerà a inasprire la politica nelle prime fasi della prossima recessione, questo è solo il punto di partenza. L’inflazione può scendere al di sotto della soglia del 2%. Quindi la Fed scatenerà un potente stimolo monetario piuttosto che semplicemente consentire all’offerta di moneta di continuare a crescere a un ritmo lento con un potente ritmo naturale di prezzi al ribasso che spinge l’economia in avanti.

L’inflazione monetaria del 2012-22 è morta! Viva l’inflazione monetaria dal 2023 in poi!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il segno “Noi odiamo anche i nostri prezzi del gas” della stazione di servizio del Minnesota diventa virale quando i prezzi raggiungono un nuovo massimo


Il prezzo medio nazionale del gas ha superato i 5 dollari questa settimana, con il costo di un gallone di benzina regolare ufficialmente raddoppiato rispetto al periodo in cui il presidente Biden era in carica all’inizio di giugno. Biden ha tentato di incolpare il presidente russo Vladimir Putin, la Exxon Mobil, il coronavirus e persino la consegna statunitense di aiuti economici e militari all’Ucraina per la crisi.

L’espressione giocosa di empatia del proprietario di una stazione di servizio del Minnesota nei confronti dei clienti per gli alti prezzi del gas senza precedenti è diventata virale, guadagnandosi l’attenzione sui social media e la copertura delle notizie nazionali. , una cittadina a circa 6 km a nord-est di Minneapolis, si legge.

“Realizziamo lo stesso profitto con un gallone di benzina”, ha spiegato Chuck Graff, il proprietario della stazione, all’affiliata della CBS WCCO-4. “È solo il nostro modo per far sapere al cliente che proviamo il loro dolore”, Graff disse.

I Minnesotans stanno pagando una media di $ 4,77 al gallone per la domenica regolare, secondo i dati dell’American Automobile Association (AAA). Un anno fa, un gallone di benzina costava meno di $ 2,90 nello stato.

AAA stima un prezzo medio nazionale del gas di $ 5,01 per gallone, con i californiani che pagano ben $ 6,43, mentre Colorado, Florida e Montana “godono” il prezzo relativamente basso di $ 4,87, $ 4,88 e $ 4,89, rispettivamente.

IeriIl segno di Graff ha raccolto simpatia online e si è aggiunto al dibattito nazionale su ciò che sta causando il picco dei prezzi del gas negli Stati Uniti, il produttore (e consumatore) numero uno di petrolio al mondo, e chi è esattamente la colpa.

“L’aumento dei prezzi di Putin. Sto solo scherzando, FJB”, ha scritto un utente nella sezione dei commenti di YouTube del rapporto di WCCO-4. “E [Minnesota Governor Tim] Walz voleva aumentare la tassa sul gas di un ulteriore $ 1?! Vota lui e il resto del [Democratic-Farmer-Labor Party] in uscita a novembre!” un altro suggerito.

“La massiccia spesa federale ha guidato questo aumento dell’inflazione”, un utente di Twitter suggerito sotto uno dei tanti tweet dei media che condividono la storia. “Eccone una facile, quanto costerebbe il gas se fossimo ancora un esportatore netto di petrolio? Sarebbe ancora colpa di Putin?” un’altra persona chiesto. “Perché le compagnie petrolifere guadagnano miliardi a due cifre se dicono di non poter controllare i prezzi?” un terzo ponderato.

“Grazie all’infrastruttura americana che ha reso la vita dipendente dal gas”, un altro lamentato. “Mi è costato $ 50 dollari per riempire il mio tosaerba! #FiveBuckBiden”, un altro scherzato. “Dato che Biden incolpa Putin di tutti i problemi americani, non credo che il popolo americano voterà più per Putin!” un utente scherzato.

Il presidente Biden ha accusato una serie di fattori, ma non le politiche fiscali, economiche ed estere della sua stessa amministrazione, per l’aumento dei prezzi del gas e dell’inflazione che attualmente devono affrontare gli americani comuni, suggerendo in modo intercambiabile che il presidente russo, compagnie petrolifere americane, Covido persino l’aiuto degli Stati Uniti all’Ucraina erano responsabili del fiasco.

Sabato, funzionari democratici hanno detto al New York Times che l’incapacità del presidente Biden di approvare la sua agenda, il suo percepito declino mentale e l’aumento dell’inflazione, l’aumento dei prezzi del gas, le sparatorie di massa mortali e i piani della Corte Suprema per revocare i diritti federali all’aborto che affliggono gli Stati Uniti sono provocando una rivolta contro di lui. Un alto democratico ha detto all’outlet che Biden dovrebbe annunciare pubblicamente la sua intenzione di non chiedere la rielezione subito dopo la metà del mandato di novembre.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Altri membri del team stampa della Casa Bianca se ne vanno quando il punteggio di approvazione di Biden raggiunge il minimo storico



Il punteggio di approvazione del lavoro del presidente Biden ha raggiunto un nuovo minimo, secondo il monitoraggio di RealClearPoliticsscivolando sotto il 40% per la seconda volta da quando è entrato in carica.

Questo è il più grande divario rispetto al punteggio di approvazione del lavoro del presidente Trump a questo punto nei loro termini …

È interessante notare che come riporta MorningConsult.comla diminuzione della posizione di Biden dovrebbe essere allarmante per i Democratici che lavorano per mantenere il controllo del Congresso nelle elezioni di medio termine di questo autunno.

Mentre il declino di Biden non si è ancora trascinato verso il basso approvazione per la maggior parte degli incumbent democratici dal lato del Senato della navata, studi hanno dimostrato un’associazione crescente tra le prestazioni della Camera di un partito e il punteggio di approvazione del lavoro del loro presidente.

Forse è per questo, come riporta Katabella Roberts di The Epoch Timesun certo numero di membri chiave dello staff dell’ufficio stampa della Casa Bianca hanno lasciato i loro ruoli la scorsa settimana a causa di notizie di tensioni dietro le quinte.

Mike Gwin, che è il direttore della risposta rapida della Casa Bianca da gennaio 2021, partirà per diventare il vice segretario aggiunto per gli affari pubblici presso il Dipartimento del Tesoro, ha annunciato martedì la segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

“Con una nota triste, il nostro caro amico e collega, Michael Gwin, ci lascerà per il Tesoro, dove servirà come vice segretario aggiunto per gli affari pubblici”, ha detto Jean-Pierre durante una conferenza stampa mentre elogia Gwin per “aver risposto ai problemi più difficili e difficili immaginabili” durante il suo tempo in ufficio stampa.

“Eppure, in mezzo a queste storie spesso emotivamente strazianti, l’equilibrio e la chiarezza morale di Gwin sono immancabili e la sua volontà e capacità di farsi avanti lo hanno reso un membro indispensabile della squadra”, ha continuato.

Anche l’assistente stampa della Casa Bianca Michael Kikukawa partirà per servire negli affari pubblici presso il Tesoro degli Stati Uniti, ha confermato Jean-Pierre.

“E a unirsi a Gwin al Dipartimento del Tesoro ci sarà il nostro Michael Kikukawa, di cui fungerà da portavoce”, ha detto.

“Michael, meglio conosciuto qui da tutti voi, da tutti noi come ‘Kiku’, ha servito non solo come assistente alla stampa, ma anche come motore potente e affidabile nell’officina della stampa. La sua incessante etica del lavoro e la dedizione alla missione di questa squadra non sono state seconde a nessuno”.

La settimana scorsa lo era annunciato anche l’assistente addetto stampa Vedant Patel lascerà la Casa Bianca per diventare il principale vice portavoce del Dipartimento di Stato.

Il giorno seguente, Jean-Pierre confermato che il capo dello staff dell’ufficio stampa Amanda Finney si sarebbe trasferita al Dipartimento dell’Energia per diventare vicedirettore degli affari pubblici.

A maggio, MSNBC ha annunciato di aver ufficialmente assunto l’ex segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki dopo aver lasciato l’amministrazione Biden il 13 maggio.

Psaki ospiterà il suo spettacolo che dovrebbe debuttare nel primo trimestre del 2023 e “riunirà la sua prospettiva unica da dietro il podio e la sua profonda esperienza nei più alti livelli di governo e politica presidenziale”, ha affermato la rete Martedì in a dichiarazione mentre pubblicizza la sua “vasta esperienza nel governo e durante la campagna elettorale”.

Le partenze arrivano tra le notizie di tensioni alla Casa Bianca tra i membri dello staff che presumibilmente si stanno arrampicando per migliorare l’immagine di Biden in vista delle elezioni di medio termine.

Il Washington Post ha riferito che Biden si era lamentato per settimane in suo aiuto che “la sua amministrazione non stava facendo abbastanza per spiegare pubblicamente” livelli di inflazione alle stelle.

Una serie di altre testate giornalistiche ha riportato attriti simili in carica, tra cui Politico, che ha affermato che almeno 21 membri del personale nero sono usciti dalla Casa Bianca dalla fine dello scorso anno o hanno intenzione di andarsene presto.

Le segnalazioni arrivano dopo più di un dozzine di migliori aiutanti negli ultimi 12 mesi ha lasciato l’incarico di vicepresidente Kamala Harris, che è stata notevolmente assente dai riflettori da quando ha assunto il suo ruolo e ha dovuto affrontare critiche per la sua gestione di determinate situazioni, come la crisi del confine tra Stati Uniti e Messico.

I funzionari della Casa Bianca hanno respinto la narrativa dell’attrito dietro le quinte, affermando che il lavoro di routine mescolato è normale.

“Il presidente è incredibilmente orgoglioso di aver costruito quello che continua ad essere lo staff della Casa Bianca più diversificato nella storia, e si impegna a continuare la rappresentanza storica per il personale nero e tutte le comunità”, ha detto Jean-Pierre in una dichiarazione a Politico. “Questo è un momento normale per il turnover su tutta la linea in qualsiasi amministrazione e il personale nero è stato promosso a un tasso più elevato rispetto al personale non diversificato”.

Il satanismo ha spiegato, chiaro e semplice . . .

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Hunter’s Hooker ha ottenuto un prestito di $ 20.000 PPP quando Joe Biden è entrato alla Casa Bianca – Rapporto



Una prostituta di Las Vegas presente nel laptop abbandonato di Hunter Biden ha ottenuto un prestito di $ 20.207 Paycheck Protection Program (PPP) per avere una “ditta individuale di proprietà femminile”, subito dopo che Joe Biden si è trasferito alla Casa Bianca, secondo il Filo giornaliero.

La donna, Cheryl Deboves, si è dichiarata nel campo degli “Artisti, scrittori e artisti indipendenti”.

I messaggi tra i due rivelano che stava cercando di aiutare Hunter a destreggiarsi tra i suoi eccessi di puttane.

“Onestamente piccola, il problema è che hai troppe ragazze lì”, gli ha scritto nell’agosto 2018. “Capisco che ti piacciono molte ragazze, ma va bene, fallo una alla volta in cima a Che va bene ma assumi la seconda ragazza per circa 1 ora.

Altri testi suggeriscono che i giovani Biden e Deboves – che nel 2017 si appellano nessun contesto per un’accusa di prostituzione, includere riferimenti a orge e affari di droga andati male.

La risposta di Hunter Biden al messaggio di cui sopra implicava che il primo figlio era impegnato in orge per incarichi individuali.

“Sì, voglio che tu venga, ma con la certezza che con me non è nemmeno un o per chi resta e chi va”, ha scritto.

La settimana successiva, Hunter Biden le ha affidato l’incarico di acquistare forniture di crack per lui.

“Ehi piccola, non hai bisogno di una pipa e di un lavoretto?” lei scrisse.

Quando Debobs non è tornato, Biden le ha scritto: “WTF piccola dove sei”.

La sua risposta è stata inquietante.

“piccola, mi dispiace così tanto, ascolta, non sto cercando di approfittare di te, ma ho speso tutti i soldi che mi hai preso in nero”, ha scritto. “Sono andata a Walmart per prendere gli aghi, piccola.” – Filo giornaliero

In uno scambio di messaggi, Deboves ha chiesto a Hunter di piombare dentro e salvarla da un mascalzone.

“Eric continua a minacciarmi, e ora ha qualcuno di nome keaton che minaccia anche me che è appena uscito di prigione o altro… Mi aiuti per favore? Come se mi spaventasse molto. Odio quando gli uomini minacciano le donne “, ha scritto – a cui Hunter l’ha fantasma fino a quando non ha voluto di nuovo fare sesso.

“Puoi PER FAVORE CHIAMAMI, è un’emergenza!!!!!” ha scritto a un certo punto, cosa che Hunter ha ignorato, fino al 28 febbraio 2019, quando le ha scritto “Ciao bella, come stai troppo a lungo” e poi le ha inviato $ 500 tramite Venmo, secondo le e-mail sul suo laptop.

Debov ha ricevuto il prestito PPP il 7 aprile 2021, meno di 90 giorni dopo l’inaugurazione di Joe Biden.

Anche la sua presunta coinquilina, Melissa Underbrink, che condivideva lo stesso indirizzo, ha ricevuto un prestito PPP il 5 maggio 2021 nonostante fosse apparentemente in prigione per furto di carta di credito fino alla fine del 2019. Secondo il rapporto, l’assegno è stato intestato a un ” Lavoratore autonomo” nel settore di “Tutti gli altri servizi personali”.

I prestiti PPP non dovevano essere distribuiti ai criminali.

Secondo il sito web del programma“Un’attività non è ammissibile a causa della storia criminale di un proprietario” se il proprietario “è stato condannato, dichiarato colpevole o nolo contendere a, o iniziato qualsiasi forma di libertà vigilata o libertà vigilata (inclusa la libertà vigilata prima del giudizio) per un crimine che coinvolge frode, corruzione, appropriazione indebita o falsa dichiarazione in una domanda di prestito o in una domanda di assistenza finanziaria federale negli ultimi cinque anni.

Il satanismo ha spiegato, chiaro e semplice . . .



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Tre persone vengono uccise e 13 ferite quando un uomo armato apre il fuoco sulla folla di festaioli fuori dai bar di Filadelfia


Tre persone sono state uccise e 15 ferite in una sparatoria di massa a Filadelfia sabato notte dopo che un uomo armato ha aperto il fuoco in una zona popolare tra i festaioli del fine settimana.

Due delle vittime sono state identificate una donna di 25 anni e un uomo di 22 anni.

Il sospetto è tra coloro che sono rimasti feriti ed è ricoverato in un ospedale locale per una ferita non mortale.

Lo ha detto una fonte della polizia ABC Filadelfia che quando gli agenti sono arrivati ​​sulla scena poco prima di mezzanotte, hanno incontrato un sospetto maschio che stava sparando sulla folla.

Un agente ha sparato tre volte al sospetto. Nessun agente è rimasto ferito nella sparatoria.

Prima di questa sparatoria, ci sono state nove sparatorie separate in città tra venerdì sera e sabato. Nessun arresto è stato effettuato in nessuno di quegli incidenti, rapporti CBS Filadelfia.

In un tweet, il giornalista di Inquirer Max Marin ha definito l’area “una popolare striscia del fine settimana”. Marino più tardi twittato prove di “pandemonio che si estende per diversi isolati”, indicando i finestrini delle auto rotti e i bidoni della spazzatura rovesciati.

Non tutti i feriti sono stati fucilati, riferisce l’Inquirer. Una di quelle persone curate in un ospedale locale è considerata sospetta per la sparatoria. Gli hanno sparato all’avambraccio, non è chiaro se sia stato colpito da un agente di polizia.

Leggi di più



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Mi chiedo quando abbiamo votato per andare in guerra?” – membro del Congresso degli Stati Uniti


Il membro del Congresso Chip Roy (R-Texas) ha condannato il leader della maggioranza alla Camera Steny Hoyer per aver affermato che gli Stati Uniti sono “in guerra,” presumibilmente con la Russia. Roy ha martellato allo stesso modo Democratici e Repubblicani per aver approfondito il coinvolgimento dell’America nel conflitto in Ucraina al fine di farlo “sentirsi bene con noi stessi”.

In un videoclip pubblicato mercoledì dall’ufficio stampa di Roy, il repubblicano del Texas ha preso di mira Hoyer per aver dichiarato venerdì che gli Stati Uniti sono “in guerra,” e che i critici del Pd dovrebbero “concentrati sul nemico” invece di aumentare i costi dell’energia a casa.

“Quando sento il leader della maggioranza dell’altro partito dire ‘un tempo di guerra’… mi chiedo quando abbiamo votato per andare in guerra?” ha detto Roy.

“Se avremo una guerra per procura e daremo 40 miliardi di dollari all’Ucraina, perché vogliamo sembrare tutti stravaganti con i nostri nastri blu e gialli e sentirci bene con noi stessi, forse dovremmo davvero avere un dibattito in questo Camera,” Lui continuò.

Roy è stato uno dei 57 repubblicani della Camera che hanno votato contro l’approvazione del disegno di legge per gli aiuti economici e militari da 40 miliardi di dollari per l’Ucraina all’inizio di questo mese. Tuttavia, il disegno di legge ha avuto un forte sostegno bipartisan ed è stato approvato con 368 voti contro 57. Ora dovrebbe passare al Senato entro la fine della settimana.

Anche i legislatori repubblicani si oppongono al disegno di legge litigare che i soldi sarebbero stati spesi meglio per risolvere problemi interni o che pompare aiuti militari in Ucraina rischi di trascinare gli Stati Uniti in guerra con la Russia armata di armi nucleari, o entrambi.

Roy, che ha descritto il conto come “spazzatura,” ha ribadito queste argomentazioni mercoledì. “Quando il confine di questo paese è spalancato… e il fentanil si sta riversando e abbiamo $ 30,5 trilioni di debiti e i prezzi del gas stanno aumentando e $ 1.100 per riempire un serbatoio di diesel, e andiamo ‘oh, assegno in bianco per $ 40 miliardi”.

“A proposito, sto guardando i miei colleghi da questo lato del corridoio nello stesso punto”, ha concluso.

Oltre a sostenere il pacchetto da 40 miliardi di dollari che si sta facendo strada attraverso il Congresso, l’amministrazione Biden ha già donato all’Ucraina quasi 4 miliardi di dollari di armi da febbraio, ha posto un embargo sulle importazioni russe di petrolio e gas e imposto diversi round di sanzioni economiche a Mosca.

Con gli Stati Uniti che armano l’Ucraina e condividono informazioni con le forze di Kiev, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha accusato Washington di aver intrapreso un “guerra per procura” contro la Russia, mentre il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolay Patrushev ha sostenuto martedì che l’Occidente ha usato l’Ucraina come pretesto per combattere un “guerra non dichiarata” contro quello russo “molto statualità”.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Gli attivisti per l’aborto si scatenano ad Austin, in Texas, quando la bandiera americana si avvicina



Owen Shroyer e l’equipaggio sono scesi per le strade di Austin, in Texas, nel carro armato InfoWars per proclamare la loro gratitudine per gli elettori di Biden nel “Biden Voter Appreciation Day”.

In una DIMOSTRAZIONE “a favore della scelta”, hanno incontrato banshee malnutrite che hanno urlato di dolore quando si sono confrontate con fatti concreti sul loro culto della morte.

Per fortuna, si sono imbattuti anche in alcuni patrioti locali che si erano radunati in centro per vedere l’ex presidente Donald Trump parlare al centro congressi. Tutto sommato, una bella giornata di lavoro sotto il sole del Texas.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Quando l’America ha cercato di mantenere l’Ucraina nell’URSS


Al governo degli Stati Uniti oggi piace fingere di essere il perenne sostenitore dell’indipendenza politica per i paesi che un tempo erano dietro la cortina di ferro.

Ciò che spesso viene dimenticato, tuttavia, è che nei giorni successivi alla caduta del muro di Berlino, Washington si oppose all’indipendenza delle repubbliche sovietiche come l’Ucraina e gli stati baltici.

In effetti, l’amministrazione Bush ha apertamente sostenuto gli sforzi di Mikhail Gorbaciov per tenere unita l’Unione Sovietica piuttosto che consentire all’URSS di decentrarsi in stati più piccoli. Il regime degli Stati Uniti ei suoi sostenitori sulla stampa hanno preso la posizione che il nazionalismo, non il dispotismo sovietico, fosse il vero problema per le popolazioni dell’Europa orientale e del Caucaso.

In effetti, nel caso dell’Ucraina, il presidente George HW Bush si è persino recato a Kiev nel 1990 per tenere una conferenza agli ucraini sui pericoli della ricerca dell’indipendenza da Mosca, denunciando la presunta minaccia nazionalista.

Oggi, il nazionalismo è ancora uno spauracchio preferito tra i portavoce dell’establishment di Washington. Questi punti vendita opinano regolarmente sui pericoli di nazionalismo francese, nazionalismo ungheresee nazionalismo russo. Si vede spesso il termine nazionalismo applicato in modi progettati per rendere il termine sgradevole, come in “nazionalismo bianco”.

Quando il nazionalismo fa comodo alla NATO e ai suoi scrocconi europei, d’altra parte, ci viene detto che il nazionalismo è una forza positiva. Pertanto, il regime statunitense e i media mainstream generalmente pretendono che il nazionalismo ucraino – e persino il nazionalismo bianco ucraino – non esca o debba essere lodato.

Nel 1991, tuttavia, gli Stati Uniti non avevano ancora deciso di pagare per promuovere attivamente il nazionalismo, purché sia antirusso nazionalismo. Così, in quei giorni, troviamo il regime degli Stati Uniti schierato con Mosca nel tentativo di soffocare o scoraggiare gli sforzi nazionalisti locali per rompere con il vecchio stato sovietico. Il modo in cui si è svolto è un caso di studio interessante sia nel maldestro dell’amministrazione Bush che nella politica estera degli Stati Uniti che esisteva prima dell’avvento dell’egemonia liberale americana unipolare.

Il contesto antinazionalista

Alla fine degli anni ’80, era già evidente che l’Unione Sovietica stava cominciando a perdere la presa su molte parti dell’enorme sistema politico che era l’URSS. I nazionalisti irrequieti all’interno dell’Unione Sovietica stavano iniziando ad affermare il controllo locale. Ad esempio, nel 1989, armeni e azeri etnici sono già coinvolti nel conflitto sul Nagorno-Karabakh che continua ancora oggi. Violenze etniche mortali sono divampate, ma Mosca, nel suo stato indebolito, ha rimandato l’azione. Eppure, nel gennaio 1990, Mosca ha agito in quello che è noto, in Azerbaigian oggi come “gennaio nero”. I carri armati sovietici entrarono nella città portuale di Baku sul Mar Caspio e uccisero fino a 150 azeri, molti dei quali civili: “Lo scopo apparente dell’intervento era fermare i massacri azeri di armeni, ma il vero obiettivo era prevenire il Fronte popolare azerbaigiano dalla presa del potere”.1 Il Fronte popolare era il principale braccio politico del nazionalismo anti-Mosca in Azerbaigian e ha affermato il suo leader ”L’obiettivo è cacciare l’esercito, liquidare il [Moscow-controlled] Partito Comunista dell’Azerbaigian, istituire un parlamento democratico”.

Eppure, invece di esperti di Washington che ordinavano agli americani di annunciare “Sono con l’Azerbaigian”, ci è stato detto che vero la minaccia era il nazionalismo. Come Doyle McManus ha scritto a Il Los Angeles Times nel 1990: “Un antico spettro perseguita l’Europa: il nazionalismo selvaggio… Da Baku a Berlino, mentre il blocco sovietico si è disintegrato, i conflitti etnici che un tempo sembravano parte del passato sono improvvisamente tornati in vita”. Questi vecchi impulsi nazionalistici, un funzionario di ha affermato il Dipartimento di Stato, sono “fantasmi pericolosi” del passato dell’Europa. Zbigniew Brzezinki, consigliere per la politica estera dell’arci-establishment, era a disposizione per affermare che le tensioni etniche avrebbero potuto portare all'”anarchia geopolitica”. I funzionari dell’amministrazione Bush erano “preoccupati” che gruppi nazionali più piccoli potessero sostituire l’Unione Sovietica. A quel tempo, non era raro sentire che il nazionalismo in Europa avrebbe portato a una situazione simile a quella che avrebbe causato la prima guerra mondiale. Come disse un “consigliere di Bush anziano”, “È di nuovo il 1914”.

Quindi, quando i carri armati sovietici si presentarono per schiacciare un potenziale colpo di stato che avrebbe potuto liberare alcuni sudditi sovietici dal giogo di Mosca, la sensazione a Washington fu di sollievo piuttosto che di sgomento per l’aggressione di Mosca. Washington era aggrappata all’idea che la risposta al nazionalismo fosse garantire la continua esistenza di, come Murray Rothbard mettilo-“un’unica agenzia governativa prevalente con una forza di monopolio per risolvere le controversie con la coercizione”. Quell’agenzia era l’URSS.

Gli Stati Uniti contro l’indipendenza per l’Ucraina e i Paesi baltici

Era l’inizio del 1990. Verso la fine del 1990, d’altra parte, era sempre più evidente che lo stato sovietico era in gravi difficoltà e gli eventi stavano andando oltre il controllo di Mosca o Washington. La situazione nei Paesi baltici era particolarmente grave. Il 30 marzo 1990 la Lituania dichiarò l’indipendenza e si separò dall’Unione Sovietica. Lo stato sovietico ha risposto con un blocco. Anche Lettonia ed Estonia iniziarono a muoversi verso l’indipendenza, sebbene questi due paesi non si sarebbero formalmente separati fino alla fine di agosto 1991.

Eppure, anche all’inizio di agosto 1991, Washington sotto George HW Bush lo era ancora ossessionato dalla “minaccia” nazionalista. All’inizio del 1990, i sovietici avevano affermato che l’indipendenza del Baltico era “una minaccia alla stabilità europea” e questa posizione, secondo Il Los Angeles Times“ha ottenuto una notevole simpatia all’interno dell’amministrazione Bush e nelle capitali dell’Europa occidentale”.

Questa preferenza per l’unità e l’“ordine” forzati da Mosca rispetto al decentramento nazionalista fu nuovamente in piena mostra il 1° agosto 1991. Fu allora che George Bush pronunciò il suo famigerato discorso “Chicken Kiev”. In questo discorso al Soviet Supremo dell’URSS ucraina, Bush ha arringato gli ucraini sulla necessità di respingere il nazionalismo, affermando

Eppure la libertà non è la stessa cosa dell’indipendenza. Gli americani non sosterranno coloro che cercano l’indipendenza per sostituire una tirannia lontana con un dispotismo locale. Non aiuteranno coloro che promuovono un nazionalismo suicida basato sull’odio etnico.

In altre parole, lo spauracchio nazionalista è stato invocato per tenere unita l’Unione Sovietica. Il dito di Bush contro i secessionisti è stato ben accolto dai comunisti “moderati” filo-mosca. Ma fu accolto meno favorevolmente dai nazionalisti ucraini, per usare un eufemismo, e dai secessionisti baltici erano anche inorriditi. Ma pochi stavano aspettando l’approvazione degli americani. Meno di sei mesi dopo, tutti i paesi baltici si erano separati dall’URSS e un referendum ucraino sull’indipendenza passò facilmente. (Il debole sostegno alla secessione è continuato in Crimea e in parti dell’Ucraina orientale.)

Nel pronunciare questo discorso, Bush ha essenzialmente agito come il ragazzo dei messaggi di Gorbaciov, e Bush ha chiaramente sostenuto il “Trattato di tutta l’Unione” che avrebbe dovuto creare una nuova versione illuminata dell’Unione Sovietica che avrebbe sostituito la vecchia URSS.

Tuttavia, se l’Unione Sovietica voleva tenere insieme, avrebbe richiesto la partecipazione degli ucraini. Ciò non è accaduto, e Affari Esteri concluso nel 1992 “è stata l’Ucraina, guidata dal presidente Leonid Kravchuk, che alla fine ha provocato il disfacimento dell’impero sovietico: il rifiuto dell’Ucraina di firmare il trattato di unione di Mikhail Gorbaciov ha accelerato il crollo dell’URSS”

Per la maggior parte, gli Stati Uniti avevano ripetutamente messo in guardia contro i pericoli della secessione e la minaccia del nazionalismo. Invece, la linea del partito a Washington sembrava essere che la vecchia Unione Sovietica potesse essere riformata in un nuovo grande stato in cui la democrazia avrebbe tenuto in riga i lituani, gli ucraini, gli azeri, gli armeni e innumerevoli altri. Dopotutto, dal punto di vista di Washington, la fine del grande stato non è una rinascita della libertà, ma un’esplosione di “caos” e “instabilità”. Pertanto, Mosca è stata trattata come un’amica di Washington molto più grande dei secessionisti di Kiev o di Riga.

Il panico per il nazionalismo nell’ex Unione Sovietica, tuttavia, non persistette. Il dietrofront di Washington su tutto questo è arrivato quando Washington ha capito che poteva estendere il suo “momento unipolare” espandendo la NATO, nonostante la promessa di non estendere la NATO verso est. Ma una volta che è diventato chiaro che il nazionalismo poteva essere sfruttato per servire i fini degli espansionisti della NATO, allora il nazionalismo è diventato una caratteristica della “sovranità” e dell'”ordine basato sulle regole”. Ma come abbiamo visto con il parlare male di Polacco e gli sforzi ungheresi per controllare i propri confini o affermare l’indipendenza da Bruxelles, il nazionalismo è intollerabile ogni volta che crea disagi alla Commissione Europea o alla Casa Bianca.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Big Tech ha censurato le critiche a Biden oltre 640 volte da quando è entrato in carica – Rapporto


Più di 640 casi di grandi aziende tecnologiche che hanno censurato le critiche al presidente Joe Biden da marzo 2020 sono stati rilevato dal Media Research Center (MRC), un gruppo di controllo dei media.

Dopo le ultime elezioni presidenziali, ai repubblicani sono state date ampie ragioni per suggerire che la Silicon Valley lavora “a braccetto” con i democratici e l’attuale amministrazione negli Stati Uniti.

Il database CensorTrack di MRC, che tiene traccia della censura di importanti voci politiche da parte delle principali piattaforme di social media, ha analizzato i dati in un periodo di 24 mesi da marzo 2020 a marzo 2022.

Secondo il rapporto, giganti della tecnologia come Facebook e Twitter hanno tentato di manipolare lo spazio informativo 646 volte in un ciclo di due anni per mantenere un’immagine più positiva del presidente Biden.

Secondo l’MRC, i casi di “censura” includevano “divieti, contenuto cancellato e altre restrizioni vocali imposte a coloro che hanno criticato Biden sui social media negli ultimi due anni”.

Nel frattempo, si dice che la censura influisca notevolmente su coloro che “hanno osato parlare di qualsiasi argomento relativo alla storia della bomba del New York Post di Hunter Biden”. Dei 646 casi di censura, 140 sono legati alla sensazionale storia del laptop di Hunter Biden pubblicata sul New York Post alla fine del 2020.

Il giornale che ha indagato sui presunti legami corrotti del figlio del presidente e della famiglia Biden con le imprese straniere è stato sospeso su Twitter per 17 giorni e la piattaforma ha limitato le interazioni con i post che contenevano le storie del New York Post su Hunter Biden, vietando retweet e risposte.

Inoltre, Twitter ha inserito un'”etichetta di avvertimento” sull’account repubblicano della Commissione giudiziaria della Camera per il collegamento a un articolo di giornale su Hunter Biden.

Si ritiene che la censura della storia da parte di Big Tech abbia contribuito a influenzare le elezioni del 2020 a favore di Biden, secondo un sondaggio MRC che avrebbe mostrato che “un gran numero di intervistati” avrebbe votato in modo diverso nel 2020 se fosse stato esposto alla censura Materiale investigativo sul laptop di Hunter Biden.

Nel frattempo, il contenuto più limitato su Joe Biden sembrava essere le sue abitudini “notoriamente inquietanti e permalose”, tra cui annusare e toccare le donne.

“I 232 casi di meme comici, video o post generici sulla condotta di Biden costituivano più di un terzo dei casi totali di utenti censurati da CensorTrack per aver criticato il presidente”, afferma il rapporto.

Twitter ha affermato in entrambi i casi che il video e le immagini violavano la sua politica di sfruttamento sessuale dei minori, secondo gli screenshot.

Tuttavia, il presunto pregiudizio dei più grandi social network è stato attribuito da alcuni al fatto che i loro dipendenti sposano attivamente determinate opinioni politiche. Secondo una relazione precedente da Fox News, i dipendenti di Twitter e alcuni membri della loro famiglia hanno donato una notevole quantità di denaro alla campagna presidenziale di Joe Biden, quasi 64 volte di più rispetto al suo sfidante, l’ex presidente Donald Trump. Si dice che Biden abbia ricevuto $ 193.443, mentre Trump ha ricevuto solo $ 3.023.

Un’altra analisi ha mostrato che i dipendenti di Alphabet, Amazon, Apple, Facebook, Microsoft e Oracle hanno donato quasi 20 volte più denaro alla campagna di Biden rispetto a quella di Trump dall’inizio del 2019 fino alle elezioni del 2020.

Inoltre, numerosi rapporti hanno precedentemente affermato che l’attuale amministrazione ha assunto molti ex dirigenti della Silicon Valley. Secondo Il Washington Postalmeno 13 collaboratori del team di Biden hanno precedentemente lavorato per la società madre di Google Alphabet, Amazon, Apple, Facebook, Lyft, Microsoft, Twitter o Uber.

Orologio Tucker Carlson e Mike Tyson appoggiare Alex Jones.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I residenti di Pechino si affrettano a fare scorte di cibo, elementi essenziali quando viene rilevata una nuova epidemia di COVID



Le speranze che il PCC possa allentare il blocco di Shanghai sono state deluse questa settimana quando le autorità hanno allentato le restrizioni per i produttori e altre attività, mantenendo per lo più intatte le restrizioni sulle aree residenziali.

Invece di ridurre le restrizioni a Shanghai, le autorità si stanno ora affrettando a reprimere un focolaio a Pechino che secondo loro potrebbe essersi diffuso da una settimana. La capitale ha riportato 22 nuovi casi locali domenica, il conteggio giornaliero più alto di quest’anno.

Mentre il numero di nuovi casi sarebbe considerato irrilevante altrove, le autorità hanno posto parte di Pechino in stato di massima allerta, annullando le lezioni in una scuola media in cui sono stati rilevati casi, con la chiusura prevista per almeno una settimana.

Mentre le autorità si sono mobilitate per cercare di frenare la diffusione con test di massa, che hanno contribuito a spaventare la gente del posto e costringerla a prepararsi per un blocco, stimolando corse improvvise ai negozi di alimentari e ad altre attività commerciali.

Dopo l’annuncio dei test di massa per il distretto centrale di Chaoyang, le foto degli scaffali dei negozi di alimentari vuoti hanno invaso i social media.

Chaoyang è il distretto più grande di Pechino e ospita quasi 3,5 milioni di persone.

La gente del posto dovrà sostenere tre test PCR durante la prossima settimana.

Venerdì, la città si è impegnata a fare “ogni sforzo” per fornire adeguate scorte di cibo, ma i conducenti di camion sono già stati ostacolati da numerosi checkpoint e test antivirus, che hanno portato a lunghe attese.

Ma Pechino non è l’unica città cinese ad affrontare blocchi in stile Shaghai. I leader della città si sono incontrati sabato sera a Hangzhou, un hub tecnologico noto agli occidentali come la casa di Alibaba, per discutere come intendono rispondere dopo che da martedì sono stati rilevati più di 100 nuovi casi in città.

In altre notizie sul COVID, Lo ha riferito Bloomberg Domenica quella fabbrica di Foxconn a Zhengzhou, situata nella Zhengzhou Airport Economy Zone che ospita il campus di iPhone City di Foxconn, continuerà a funzionare nonostante la città circostante si trovi ad affrontare un blocco a tempo indeterminato.

Inutile dire che un importante blocco a Pechino avrebbe un impatto enorme sull’economia cinese, che ha visto la crescita avvizzire di fronte al blocco di Shanghai.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Elon Musk twitta che quando prenderà il controllo di Twitter, il consiglio verrà pagato $ 0



Gli sforzi di Elon Musk per rilevare e riportare Twitter alle origini della libertà di parola continuano, con il miliardario twittare che una volta che sarà al comando, il resto del consiglio avrà lo stipendio ridotto a zero.

Musk ha twittato la risposta al consulente per gli investimenti Gary Black, il quale ha notato che il motivo principale per cui i membri del consiglio di Twitter hanno votato contro l’offerta di Musk sull’azienda è perché sarebbero senza lavori comodi che li pagano ingenti somme per non fare praticamente nulla.

Lo suggerisce il New York Post che Musk sta cambiando la sua strategia e insegue Twitter con “un accordo complesso che aumenta il debito sia contro la società che forse contro le sue stesse azioni, oltre a una gigantesca infusione di liquidità da parte dei co-investitori”.

Citando fonti vicine a Musk, il Post suggerisce che sta pianificando di investire $ 10- $ 15 miliardi dei propri soldi per rendere privata la società, insieme a $ 20 miliardi da investitori esterni che possederanno più azioni di Musk assicurandosi che rimarrà come il maggiore azionista.

Il rapporto afferma inoltre che Musk ha assunto Morgan Stanley per raccogliere $ 10 miliardi di debiti contro Twitter “alla maniera di un tradizionale leveraged buyout”.

Il rapporto suggerisce inoltre che i coinvestitori “finanzieranno un’offerta pubblica ostile direttamente agli azionisti di Twitter” e che “Musk ha in programma di lanciare l’offerta pubblica di acquisto per Twitter in circa 10 giorni”.

Musk sembrava confermare tutto questo con questo tweet:

Nel frattempo, Musk ha commentato che le azioni di Netflix sono aumentate del 20%, affermando che il “virus della mente sveglia” sta rendendo la piattaforma “inguardabile”.

Netflix ha segnalato a perdita questa settimana di 200.000 abbonati nel primo trimestre dell’anno e l’aspettativa di perdere altri 2 milioni di abbonati nel secondo trimestre, spingendo le azioni della società a precipitare negli scambi after-hour di oltre il 20%.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il giornalista chiede di sapere quando Biden si scuserà con gli agenti di frontiera accusati falsamente di “frustare” i migranti


Dopo che un’indagine ha concluso che gli agenti di pattuglia di frontiera non frustò i migranti o fare qualcosa di sbagliato durante uno scontro l’anno scorso, il giornalista di Fox News Peter Doocy ha chiesto al segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki quando Joe Biden intende scusarsi per aver detto che gli avrebbe fatto “pagare”.

Doocy ha detto: “Ci è stato detto che gli agenti della pattuglia di frontiera a cavallo, accusati dal presidente di aver frustato i migranti, erano stati informati che non avrebbero dovuto affrontare accuse penali”, chiedendo a Psaki “Quindi quando il presidente si scuserà con loro?”

Eliminando completamente la domanda, Psaki ha risposto: “C’è un processo e un’indagine che sono passati attraverso il Dipartimento per la sicurezza interna. Non ho alcun aggiornamento in merito”.

Doocy ha cercato di chiarire il punto, affermando “Il presidente ha detto che stavano frustando le persone, il che sarebbe un reato penale e gli è stato detto che non saranno accusati penalmente”.

Psaki ha ripetuto ancora una volta lo stesso rifiuto, osservando “E c’era un’indagine al riguardo, e lascerò che il Dipartimento della sicurezza interna annunci qualsiasi conclusione di quell’indagine”.

Doocy ha continuato: “Hai accusato questi agenti di misure brutali e inadeguate ora che è stato detto loro che non saranno accusati penalmente. Ti scuserai?”

Psaki si ritirò di nuovo, affermando “E Peter, c’è stata un’indagine sul loro comportamento in modo che l’indagine si stia svolgendo. Ogni volta che ci sarà, verrà annunciato che il Dipartimento per la sicurezza interna lo annuncerà e sono sicuro che dopo avremo un commento al riguardo.

Orologio:

Come abbiamo notato in precedenza, i democratici e la sinistra nei media diffondere le false affermazioni della fustigazione dei migranti per distrarre dalla crisi in corso al confine.

Il segretario del DHS Alejandro Mayorkas ha affermato che le immagini e i filmati sono “orribili” proclamando che “hanno evocato gli elementi peggiori della battaglia in corso della nostra nazione contro il razzismo sistemico”.

Tuttavia, anche il fotografo che ha scattato le immagini è intervenuto e ha affermato che non si è verificata alcuna “frustata”.

“Alcuni degli haitiani hanno iniziato a correre, cercando di aggirare i cavalli”, ha detto Paul Ratjeaggiungendo “Non li ho mai visti frustare nessuno… Lo stava facendo oscillare, ma può essere frainteso quando guardi la foto”.

Dopo che anche Jake Tapper della CNN ha ammesso l’insinuazione secondo cui gli agenti della pattuglia di frontiera “frustavano” i migranti era “palesemente falso”, e che le immagini dell’incidente sono state grossolanamente fuori contesto, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki dichiarò che non aveva importanza e che la reazione dell’amministrazione all’incidente non sarebbe cambiata.

Gli agenti di frontiera coinvolti nell’incidente sono stati sospesi, mentre i loro colleghi lo erano costretto a seguire un corso di rieducazione svegliatutto perché stavano cercando di svolgere correttamente il proprio lavoro.

Biden ha detto ai giornalisti all’epoca “Mi prendo la responsabilità. Era orribile vedere, vedere persone trattate come loro, con i cavalli che quasi le investivano. Persone legate. È scandaloso”.

Riferendosi agli agenti di frontiera risolti, Biden ha detto: “Ti prometto che quelle persone pagheranno. Saranno indagati. Ci saranno conseguenze”.

Ovviamente Biden non si scuserà mai per questo e sarà tranquillamente nascosto sotto il tappeto.

La sua intera presidenza è una finzione gestita dal palcoscenico, dal set della Casa Bianca della CGI al fottuto coniglietto pasquale che lo allontana dai giornalisti:

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La terza guerra mondiale è già in corso quando USA e Russia avvertono di dispiegare armi nucleari



Nella trasmissione della domenica di Pasqua di oggi, Alex Jones spiega come la terza guerra mondiale sia già iniziata mentre sia gli Stati Uniti che la Russia intensificano la pericolosa retorica sul dispiegamento di armi nucleari. Nel frattempo, Joe Biden sta portando l’America al collasso totale poiché l’approvvigionamento alimentare è minacciato a causa dell’aumento dell’inflazione e dei guasti della catena di approvvigionamento.

Brain Force Ultra è di nuovo disponibile con uno sconto del 40%: acquista il tuo oggi!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biden rilascia 756.000 Border Crossers, popolazione più grande di Boston, nelle comunità americane da quando è entrato in carica


L’amministrazione del presidente Joe Biden ha rilasciato negli Stati Uniti più di 750.000 attraversatori di frontiera e stranieri illegali, una popolazione straniera più grande della popolazione di Boston, Massachusetts, dal suo insediamento nel gennaio 2021, conferma una memoria del tribunale.

Il brevedatato 14 aprile e depositato presso la Corte Suprema dall’America First Legal Foundation di Stephen Miller, descrive in dettaglio la misura in cui il Dipartimento per la sicurezza interna (DHS) di Biden ha sovraccaricato la sua rete Catch and Release in poco più di 12 mesi.

In particolare, il DHS ha rilasciato più di 756.109 attraversatori di frontiera e stranieri illegali nelle comunità americane dal 21 gennaio 2021 al 28 febbraio 2022, afferma il breve. Questo è più grande della popolazione residente di Boston, circa uguale alle dimensioni di Denver, in Colorado, e più grande della popolazione di Detroit, nel Michigan.

Le uscite per mese sono le seguenti:

Fondazione legale America First

Suddivisa per agenzia, Customs and Border Protection (CBP) ha rilasciato quasi 545.000 attraversanti di frontiera e stranieri illegali mentre l’Immigration and Customs Enforcement (ICE) ha rilasciato quasi 212.000 attraversanti di frontiera e stranieri illegali.

Al ritmo attuale delle deportazioni, che hanno stato sventrato dal cosiddetto “paese santuario” ordina, gli agenti ICE impiegherebbero 14,5 anni per deportare i valichi di frontiera e gli stranieri illegali rilasciati nell’interno degli Stati Uniti dal DHS di Biden.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La carenza di formule per bambini colpisce Walgreens quando inizia il razionamento


Gli alimenti per l’infanzia scarseggiano poiché i rivenditori statunitensi iniziano a razionare. Una combinazione di catene di approvvigionamento ingarbugliate legate al COVID-19 e un importante richiamo di latte artificiale all’inizio di quest’anno ha esacerbato le carenze.

Almeno il 29% dei prodotti per lattanti più venduti erano esauriti entro metà marzo, secondo un’analisi di Datasembly, che ha monitorato le scorte di latte artificiale presso 11.000 rivenditori.

“Questo è un numero scioccante che non vedi per altre categorie”, ha detto Ben Reich, CEO di Datasembly Notizie CBS.

“L’abbiamo monitorato nel tempo e sta aumentando notevolmente. Vediamo che questa categoria è influenzata dalle condizioni economiche in modo più drammatico di altre”, ha aggiunto Reich.

Ora la seconda farmacia più grande d’America, Walgreens, con oltre 9.000 sedi, ha annunciato che razionirà il latte artificiale. Un portavoce della società ha confermato che i consumatori sono limitati a tre prodotti in formula per bambini per transazione a causa della “crescente domanda e di vari problemi con i fornitori”.

Oltre alla carenza di latte artificiale e altri ingredienti vitali legata al COVID, ai problemi di imballaggio, all’aumento dei costi di trasporto e alla carenza di manodopera, un importante richiamo di latte artificiale a gennaio ha esacerbato la carenza.

I consumatori hanno notato carenze presso i rivenditori poiché le ricerche su Internet di “carenza di formule per bambini” salgono al livello più alto di sempre.

Questa è solo un’ulteriore prova che l’America sta per diventare Venezuela poiché la carenza di articoli persiste e l’inflazione più alta degli ultimi quattro decenni sta schiacciando le famiglie.

La lunga storia criminale della Disney pedofili predatori di bambini

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Tucker Carlson rivela che Romney si è opposto alla conferma di Ketanji Jackson fino a quando non ha appreso che era indulgente con i Pedos


A seguire L’annuncio di Mitt Romney Lunedì che voterà per confermare il giudice Ketanji Brown Jackson alla Corte Suprema, assicurando praticamente che il candidato di Biden prevarrà, Tucker Carlson ha osservato che solo un anno fa Romney si è opposto all’elevazione di Jackson a un tribunale MINORE, chiedendo “quindi cosa è cambiato?”

Come il Lo riporta il Washington PostRomney ha fatto un “capovolgimento storico” esprimendo sostegno alla stessa persona contro la quale ha votato per un seggio alla corte d’appello della DC lo scorso anno.

Carlson ha osservato mercoledì che “Meno di un anno fa, questo è un esempio straordinario, questo è giugno del 2021. Mitt Romney ha votato contro la nomina di Ketanji Brown Jackson alla Corte d’Appello del Circuito DC. Ok, pensava che non fosse qualificata. Ora, questa settimana, ha annunciato di sostenere la conferma della stessa persona alla Corte Suprema”.

Ha continuato: “Eh? Non era qualificata per un tribunale di grado inferiore, ma è la scelta perfetta per la Corte Suprema. Come funziona?”

“Quindi lei è nel mainstream! Non era meno di un anno fa, ma ora è completamente nel mainstream. Quindi ecco cosa è servito a Mitt Romney per supportare finalmente Ketanji Brown Jackson “, ha continuato Carlson, prima di sottolineare l’unica cosa che è cambiata.

“Durante le udienze di conferma, ha appreso che ha pronunciato condanne clementi ai pedopornografi. Mitt Romney non lo sapeva l’anno scorso, da qui il voto contro di lei”.

Guadare:

La rappresentante del GOP Marjorie Taylor Green è andata oltre Carlson, etichettando direttamente Romney e altri senatori che hanno espresso sostegno a Jackson come “pro-pedofili”, fornendo un thread con i dettagli del record di Jackson di condanne indulgenti per i predatori di bambini:

Come noi precedentemente copertole teste parlanti dei media aziendali e i Democratici hanno ripetutamente affermato che i repubblicani che indagano sulla storia di Jackson di condanne leggere per reati di pedopornografia è una sorta di teoria del complotto di merda che asseconda il “messaggio a QAnon”.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Groomer Left si scioglie quando l’agenda per sessualizzare i bambini viene esposta


Negli ultimi giorni c’è stata una notevole tendenza nei media legacy, che sembra prendere una posizione difensiva sulle accuse di pedofilia e adescamento sessuale di bambini contro la sinistra.

Il tono frenetico è evidente in un’infarinatura dei titoli recenti delle pubblicazioni aziendali, mentre i media di sinistra lottano per far fronte all’approvazione della legge sui diritti dei genitori (AKA “Non dire gay”) da parte della Florida e al rifiuto del GOP del candidato alla Corte Suprema Ketanji Brown Jackson per il suo record di condanne leggere per reati di pedopornografia.

“Perché i repubblicani stanno diffamando tutti come pedofili ora”, si legge in un titolo da Rivista di New Yorklottando faticosamente per ritrarre il GOP come i cattivi.

“La parte di QAnon ad alta voce: il GOP diffama gli oppositori politici definendoli ‘pro-pedofili'”, si legge in un titolo su MSNBCsupponendo evidentemente che ai loro lettori non piacciano i politici anti-pedofili.

(In una nota a margine, quando gli è stato chiesto nell’agosto 2020 se fosse d’accordo con l’obiettivo di QAnon di denunciare i pedofili, l’ex presidente Donald Trump ha risposto“Dovrebbe essere una brutta cosa?”)

Allo stesso modo, il Washington Post sembrava essere offeso dalle caratterizzazioni dei conservatori degli educatori che discutono della sessualità con i bambini come “toelettatori”, oltre a diffamare le accuse di pedofilia come “il nuovo spavento rosso”.

Il disegno di legge della Florida sui “Diritti dei genitori nell’istruzione” impedisce in realtà ai bambini dell’età della scuola materna di essere istruiti sui problemi del sesso gay e transgender nelle scuole, ma i media di sinistra non lasceranno che i fatti ostacolino la loro narrativa “siamo la vittima” .

Vice Notizie è intervenuto affermando che i conservatori stavano “resuscitando una vecchia strategia che invocava la pedofilia per prendere di mira i loro oppositori pro-LGBTQ”.

UN CNN colonna di opinione ha anche cestinato la rappresentante Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) per aver avuto l’audacia di chiamare i membri del suo stesso partito per il loro voto “sì” per Ketanji Jackson.

Il “conservatore” David French ha scritto un articolo per il suo Substack in difesa della sinistra”Contro la diffamazione “Groomer”.,” e una colonna in La settimana allo stesso modo interrogato, “Perché i repubblicani sono così preoccupati per il “grooming”?‘”

Anche il pubblico dei media aziendali sembra assumere una posizione difensiva, come evidenziato da questo post nel New York Times‘ sezione commenti in cui un lettore ha difeso la sessualizzazione dei bambini.

L’assurda difesa dei pedofili da parte dei media ha spinto i conservatori sui social media a puntare i piedi sulla questione e a tracciare linee di battaglia distinguendo i toelettatori dagli anti-toelettatori.











Con Ketanji Brown Jackson che dovrebbe essere confermato come giudice della Corte Suprema questa settimana, e la Disney che continua a fare notizia sulla sua risposta al disegno di legge della Florida, la questione del groomer continuerà probabilmente ad affliggere i Democratici e i media di sinistra nel periodo che precede il Midterm 2022.


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Twitter: https://twitter.com/AdanSalazarWins
Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

Guardiano pedofilo nominato alla Corte Suprema


L’INCREDIBILE ZIO JOE



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Ricordi quando Michelle Obama era vicepresidente?


Joe Biden ha dichiarato domenica di ricordare con orgoglio quando sua moglie lavorava con l’ex vicepresidente Michelle Obama.

Parlando alla messa in servizio del nuovissimo sottomarino a propulsione nucleare della Marina, l’USS Delaware, Biden ha notato che sua moglie aveva svolto un ruolo nel programma dell’era Obama per sostenere le famiglie dei militari.

“Sono profondamente orgoglioso del lavoro con cui sta facendo come First Lady [the] L’iniziativa Joining Forces ha iniziato con Michelle Obama quando era vicepresidente”, ha detto Biden.

Guadare:

Eh?

Dobbiamo aver sbattuto le palpebre collettivamente e averlo perso quando Michelle Obama è stata eletta alla carica.

Almeno questo fallimento cerebrale non porterà a una guerra nucleare, a differenza di le continue calamità delle ultime due settimane.

Ogni nuvola.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Hunter Biden non deve essere nominato – 259 giorni da quando i media liberali hanno detto il suo nome


Il nome “Hunter Biden” non è stato menzionato da ABC, CBS o NBC negli ultimi 259 giorni, secondo il Centro di ricerca sui media (MRC).

Il 12 luglio 2021 è stata l’ultima volta che uno dei suddetti notiziari di rete ha pronunciato il nome.

Nel frattempo, i media alternativi come Infowars e L’impulso nazionale hanno costantemente esposto i loschi accordi commerciali e i profondi legami di Hunter con i biolabs gestiti dagli Stati Uniti in Ucraina.

Persino Fox News ancora Tucker Carlson affrontato l’enorme storia del biolab di Hunter Biden in diversi segmenti nelle ultime settimane.

Oltre alle connessioni con il biolab Hunter che i media hanno ampiamente ignorato, hanno anche ignorato il fatto che il famigerato laptop appartenente al figlio del presidente è stato confermato legittimo di Il New York Times il 16 marzo.

Quindi, gli stessi media che sostenevano che il laptop Hunter fosse un prodotto della disinformazione russa stanno ora ignorando il fatto che all’epoca avevano mentito e stanno continuando a coprire il figlio degenerato crackhead di Joe Biden.

“Devono dire il suo nome, riferire su questa controversia e su tutti gli altri scandali di Hunter Biden”, scrive l’MRC.

I media non sono stati gli unici a coprire Hunter Biden quando la storia del laptop è stata originariamente resa popolare nel 2020, poiché oltre cinquanta funzionari dell’intelligence hanno firmato una lettera all’epoca affermando falsamente che il laptop era una disinformazione russa.

Anche uno dei funzionari dell’intelligence vantato su Twitter di recente su come etichettare erroneamente il laptop come propaganda russa abbia contribuito a far oscillare le elezioni a favore di Joe Biden.

I media che non sono riusciti a riferire accuratamente sul laptop Hunter quando è uscito per la prima volta continuano a ignorare la trama in evoluzione della saga nonostante un recente sondaggio mostra due terzi degli americani pensano che sia una questione “importante”.

Anche se è fantastico, alla fine sono usciti e hanno ammesso che il laptop è reale, gli americani non hanno bisogno di conferme Il New York Times per quanto riguarda la validità del computer.

Il direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe ha confermato che il laptop non era una disinformazione russa nell’ottobre del 2020.

Infowars coperto la rivelazione DNI e anche ha pubblicato un elenco di politici e media democratici che affermava falsamente che la storia del laptop Hunter fosse propaganda russa.

Adan Salazar di Infowars ha scritto per la prima volta del laptop Hunter Biden il 14 ottobre 2020, che è solo un altro motivo per cui siamo conosciuti come Tomorrow’s News Today.

Mentre l’establishment ignora lo scandalo della bomba e prepara la sua campagna di propaganda di deviazione, i punti vendita alternativi continueranno a fornire gli ultimi aggiornamenti riguardanti il ​​rischio per la sicurezza nazionale che è il figlio del presidente.

Guarda i video e i link qui sotto per gli aggiornamenti:


Hunter Biden ha investito/raccolto milioni per il biolaboratorio ucraino e si è assicurato contratti militari statunitensi – offerto da sovran.media





Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Avvertimento: lo stato profondo globale potrebbe pianificare l’assassinio del presidente Biden quando si recherà in Europa la prossima settimana




I russi avvertono che il governo di Zelensky pianifica una falsa bandiera contro i leader del governo degli Stati Uniti è un pretesto per espandere la guerra.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il consigliere senior di Zelensky invita Biden a Kiev la prossima settimana “se è coraggioso”, quando il comandante in capo visiterà l’Europa per il vertice della NATO la prossima settimana


Un funzionario ucraino ha invitato il presidente Joe Biden a visitare Kiev la prossima settimana nel mezzo dell’invasione russa del paese, dicendo che “non dovresti aver paura di farlo, se sei coraggioso”.

Ihor Zhovka, consigliere diplomatico capo del presidente Volodymyr Zelensky, ha chiesto al comandante in capo americano di visitare di persona l’Ucraina quando si recherà a Bruxelles per un vertice della NATO la prossima settimana.

Zhovka ha chiesto a Biden di facilitare l’imminente acquisizione da parte dell’Ucraina di armi statunitensi, che includono jet da combattimento e missili.

Il consigliere ha anche criticato gli alleati dell’Ucraina, sostenendo che Zelensky è “deluso” dagli Stati Uniti e dall’apparente rifiuto della NATO di soddisfare la richiesta della nazione di imporre una no-fly zone sul suo spazio aereo.

“Se la NATO non è in grado di fornirci una no-fly zone umanitaria, per favore forniscici aerei da combattimento, per favore forniscici sistemi di difesa aerea antimissilistica”, ha detto Zhovka durante un’intervista alla CNN, mediate segnalato. «Quindi, il mio presidente continuerà a farlo. Ne ha parlato al Congresso degli Stati Uniti. Ne parla quotidianamente.’

Biden, che non ha emesso pubblicamente una decisione sulla richiesta di Zelensky, è stato avvertito all’inizio di questa settimana che imporre la no-fly zone sarebbe un “atto di guerra”. Non è chiaro come procederà Biden.

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il mondo è indignato quando l’uomo biologico classificato 462 diventa campione di nuoto femminile



Maschio biologico William “Lia” Thomas troncato la sua competizione femminile vincendo il campionato NCAA Division I per conto della squadra dell’Università della Pennsylvania all’evento di nuoto stile libero femminile di 500 yarde giovedì.

Anche se i media mainstream lodato Thomas, 22 anni, da “campione nazionale” e da atleta transgender “resiliente”, altri con i piedi per terra in realtà hanno visto la sua vittoria per la farsa che era: la privazione dei diritti delle atlete vere e proprie.

Il comico Adam Carolla ha semplicemente notato con un grafico su Twitter come Thomas sia passato da una classifica nazionale di 462 nel nuoto maschile a diventare il numero 1 nella categoria femminile.

Altri si sono affrettati ad accumulare contro l’assurdità di un uomo che domina la sua competizione femminile in un evento competitivo riservato alle donne.

Altri hanno paragonato la “vittoria” di Thomas alle altre ridicole buffonate di piegamento del genere della sinistra, come USA Today aggiudicazione L’ammiraglio di Joe Biden del corpo commissionato dal servizio sanitario pubblico statunitense Rachel Levine – un maschio biologico precedentemente noto come Richard Levine – con il premio Woman of the Year.

Un altro utente ha paragonato Thomas a Rachel Dolezal, una politica democratica bianca che ha cercato di spacciarsi per nera affermando di essere “transrazziale”.

Anche Caitlyn Jenner, ex campionessa olimpica e autodefinita donna transgender, criticato la NCAA per aver consentito a Thomas di competere contro le donne biologiche.

“[Thomas’] giocare secondo le regole. Quello che ho detto dall’inizio [are] le regole non sono abbastanza rigide”, ha detto Jenner su Fox News. “Il solo fatto di assumere farmaci che deprimono il testosterone per un anno o due, qualunque siano le regole ora, continuano a cambiare, ovviamente, non è abbastanza”.

Jenner ha continuato dicendo che Thomas probabilmente ha cercato deliberatamente di vincere ma non “ma troppo” per non battere il record mondiale femminile.

“Lia Thomas ha appena dominato in piscina e sono sicuro che l’ha presa abbastanza facilmente perché non voleva vincere troppo”.

“Penso che probabilmente si stesse prendendo molto facilmente la vita in gara perché sapeva che il mondo stava guardando e andrà abbastanza veloce per poter vincere la gara”, ha aggiunto Jenner.

Questo mondo da clown capovolto fa tutto parte del piano transumanista globalista per condizionare la popolazione ad accettare assurdità ancora più grandi contro la natura e alla fine tirannie in futuro.


L’ex ufficiale di nuoto femminile parla contro le persone trans in competizione



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link