Archivi tag: primarie

Un nuovo sondaggio suggerisce che Ron DeSantis ha un vantaggio di SETTE punti su Trump nelle primarie presidenziali del GOP 2024


Il governatore della Florida Ron DeSantis è ora sette punti avanti rispetto all’ex presidente Donald Trump secondo un nuovo sondaggio che valuta i potenziali candidati per le primarie presidenziali del 2024.

Il sondaggio YouGov è il primo sondaggio che esamina il ciclo elettorale del 2024, oltre ad essere il primo da febbraio 2016 a suggerire che il dominio di Trump sul GOP si sta indebolendo.

Le statistiche suggeriscono che il 42% dei repubblicani e degli indipendenti che si appoggiano al GOP ora preferisce DeSantis a Trump come alfiere del partito per il 2024.

Tuttavia, nessuno degli uomini ha annunciato la propria candidatura per il prossimo ciclo elettorale, ma Trump ha suggerito che potrebbe fare un’offerta la prossima settimana.

Solo il 35% degli intervistati nel nuovo sondaggio sostiene Trump, che ha regnato fino alla sconfitta contro Joe Biden nel 2020.

Tuttavia, coloro che si consideravano “repubblicani forti” per il 45% erano ancora più propensi a sostenere una terza corsa presidenziale per Trump.

DeSantis sembrava essere più leale tra i “magri” repubblicani. In quel gruppo, il 45% preferiva DeSantis rispetto al 21% che desiderava Trump.

Di coloro che hanno risposto identificandosi come “repubblicani non molto forti”, il 38% ha affermato che preferirebbe vedere DeSantis, rispetto al 31% che desiderava l’ex presidente.

Leggi di più



Source link

Kari Lake, sostenuta da Trump, vince le primarie governative repubblicane dell’Arizona



Kari Lake ha vinto le primarie governative repubblicane dell’Arizona, secondo un’Associated Press proiezione.

La vittoria di Lake giovedì è arrivata due giorni dopo il giorno delle elezioni, a seguito dei ritardi nella registrazione delle schede elettorali dell’Arizona. Sebbene Lake inizialmente seguisse la sua sfidante, Karrin Taylor Robson, il giorno delle elezioni, alla fine Lake prese il comando poiché più schede venivano elaborate e segnalate.

Il Comitato Nazionale Repubblicano e il Partito Repubblicano dell’Arizona hanno rilasciato una dichiarazione congiunta la notte delle elezioni che ha criticato la contea di Pinal dell’Arizona per la sua cattiva gestione delle elezioni e ha invitato il direttore delle elezioni della contea a dimettersi.

La dichiarazione disse:

Durante le elezioni primarie dell’Arizona, il programma di osservazione dei sondaggi dell’RNC e del Partito Repubblicano dell’Arizona ha documentato e segnalato molteplici fallimenti da parte dell’amministratore elettorale della contea di Pinal, tra cui 63.000 schede elettorali per posta consegnate agli elettori sbagliati e più sedi di distretto pesantemente repubblicano a corto di schede. Questo è un fallimento globale che priva i diritti degli arizona ed esemplifica il motivo per cui gli sforzi guidati dai repubblicani per la trasparenza alle urne sono così importanti. Il direttore delle elezioni della contea di Pinal, David Frisk, dovrebbe dimettersi immediatamente.

Leggi di più





Source link

Boebert decima l’avversario del GOP, crociere verso la vittoria nelle primarie repubblicane


La candidata MAGA Rep. Lauren Boebert (R-Colo.) ha devastato la sua rivale repubblicana martedì, avvicinandola di un passo all’assicurarsi la rielezione a novembre.

Boebert ha difeso con successo il suo seggio alla Camera dall’avversario del RINO GOP, lo stato del senatore Don Coram, con un margine di 30 punti, vincendo facilmente oltre 80.000 voti (65,3%) nel Distretto 3 del Colorado contro i 42.000 voti del suo avversario (34,7%).

Parlando alla folla dopo la sua vittoria martedì sera, Boebert ha riconosciuto di essere “una mamma di quattro figli, una proprietaria di un ristorante e una cacciatrice professionista di RINO”.

“E spero che questo sia un grande, enorme messaggio per tutti i RINO che lo proveranno in futuro. Puoi provare a convincere i Democratici a influenzare le nostre elezioni. Non funzionerà”, ha detto alla sua festa per la vittoria a Grand Junction.

Durante la sua celebrazione, Boebert ha anche ricevuto una telefonata speciale dal presidente Donald Trump, che ha detto alla folla: “Penso che tu abbia una delle più grandi donne del Congresso della storia… La adoriamo. È speciale.

Inoltre, Boebert ha ricevuto più voti di quelli espressi nel suo distretto per i Democratici, che ha raccolto un misero 55.000 voti.

La vittoria significa che a novembre affronterà il vincitore delle primarie del Distretto Democratico 3 Adam Frisch, che ha ricevuto circa 24.000 voti, secondo media locali.

Frisch, il CEO di Buy It Mobility che secondo quanto riferito ha utilizzato $ 1 milione di fondi propri nella corsa, sta già tentando di organizzare una campagna contro Boebert, rilasciando una dichiarazione diffamando il suo prossimo avversario come teorico della cospirazione.

“Sto costruendo la necessaria coalizione di democratici, non affiliati, e il numero crescente di repubblicani privati ​​dei diritti civili per sconfiggere il rappresentante Boebert in autunno e per salvare la nostra democrazia da una cospirazione radicale”, afferma la dichiarazione di Frisch, secondo CPR.org.

La vittoria di Boebert è arrivata quando i repubblicani approvati dal presidente Trump hanno vinto martedì sera 11 altre primarie in tutto il paese, ulteriori prove di un’ondata rossa in arrivo per i Democratici a novembre.

La sua straordinaria vittoria è uno schiaffo in faccia agli sforzi del comitato ristretto della Camera del 6 gennaio per demonizzare il presidente Donald Trump e i suoi sostenitori in vista del midterm, e illustra come la fazione MAGA del partito repubblicano sia ancora fiorente e più energica che mai.


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

La rappresentante Lauren Boebert scarica sull’amministrazione Biden un gigantesco buco nel muro di confine




Source link

Candidati sostenuti da Trump 58-1 alle primarie dopo le gare in Nebraska, West Virginia


I candidati sostenuti dall’ex presidente Donald Trump sono ora 58-1 alle primarie repubblicane, poiché tre candidati approvati da Trump si sono assicurati le nomination repubblicane nelle rispettive gare in West Virginia e Nebraska martedì, mentre un candidato non è stato all’altezza.

Il rappresentante sostenuto da Trump, Alexander Mooney, ha portato a casa la nomination repubblicana per il secondo distretto congressuale del West Virginia. Mooney, che attualmente serve il primo distretto congressuale dello stato, si è candidato contro il rappresentante David McKinley per la nomina repubblicana. McKinley, che è in carica dal 2011, al momento rappresenta il secondo distretto congressuale dello stato, ma la riorganizzazione distrettuale ha costretto i membri del Congresso in carica a schierarsi alle primarie mentre lo stato passa da tre seggi a due, come in precedenza Breitbart News appuntito fuori.

Il sessantasei percento del nuovo Secondo Congresso, che copre la parte settentrionale dello stato, comprende il distretto attualmente servito da McKinley.

McKinley ha votato e ha contribuito ad approvare il disegno di legge sulle infrastrutture dei Democratici, mentre Mooney ha votato contro, come notato in precedenza da Breitbart News. McKinley ha proclamato che la legislazione “fa bene al West Virginia”, aggiungendo che il suo voto per approvare il disegno di legge “non è un voto per nessuno tranne il West Virginia”.

In una pubblicità politica pubblicata quest’anno, Mooney ha criticato McKinley, affermando di aver tradito i Virginiani occidentali votando per la “spesa da trilioni di dollari” che era il pacchetto infrastrutturale. Ha anche strappato il suo avversario per “aver votato per la caccia alle streghe anti-Trump del 6 gennaio per attaccare il nostro presidente e i nostri valori”. Mooney affronterà lo sfidante democratico Barry Wendell alle elezioni generali di novembre.

“Donald Trump ama il West Virginia e il West Virginia ama Donald Trump”, ha detto Mooney durante il suo discorso di vittoria, l’Associated Press notato.

La rappresentante Carol Miller, che attualmente rappresenta il terzo distretto congressuale del West Virginia e ha ricevuto l’approvazione da Trump, si è assicurata la nomina repubblicana per il primo distretto congressuale dello stato. Miller affronterà il candidato democratico incontrastato Lacy Watson questo novembre alle elezioni generali. Watson è stato un candidato democratico alle primarie fallito per il Terzo distretto congressuale dello stato nel 2020, ha osservato l’AP.

“Carol è favorevole al carbone, al Secondo emendamento e in tutto e per tutto a Trump, ed è pronta ad affrontare l’epidemia di oppioidi che ha colpito innumerevoli West Virginiani”, Lara Trump, consulente senior di Donald J. Trump per President, Inc. , in precedenza dissesecondo Ballopedia.

In Nebraska, il candidato sostenuto da Trump, il rappresentante Adrian Smith, ha vinto le primarie repubblicane per il terzo distretto congressuale del Nebraska. Smith, in carica dal 2007, ha battuto facilmente lo sfidante Mike Calhoun.

Il primo ostacolo sulla strada per un candidato approvato da Trump si è verificato martedì nella corsa al governo del Nebraska quando Charles Herbster, un ricco uomo d’affari agricolo, ha perso la sua candidatura per la nomina del GOP. Herbster, chi era presente per il lancio della campagna presidenziale di Trump nel 2015, persa contro Jim Pillen, che è lui stesso una ricca azienda agricola e attualmente serve il Terzo Distretto del Nebraska nel Board of Regents. La gara includeva anche Brett Lindstrom, che ha fatto una campagna come il candidato più moderato in campo.

Leggi di più.



Source link

Tutti i 22 candidati sostenuti da Trump vincono le primarie in Ohio, Indiana


Tutti i 22 candidati in Ohio e Indiana approvati dall’ex presidente Donald J. Trump hanno completato una piazza pulita delle primarie di martedì, indicando che la forza dell’approvazione di Trump è potente come non lo è mai stata.

L’ex direttore politico della Casa Bianca Brian Jack ha detto in esclusiva a Breitbart News:

Quello che abbiamo visto in Texas all’inizio di quest’anno è stato confermato ancora una volta stasera: l’approvazione del presidente Trump è la più importante in politica. I suoi candidati approvati sono un 55-0 combinato nelle primarie del 2022, una continuazione della storica serie di successi di sponsorizzazione iniziata durante il suo periodo alla Casa Bianca.

La vittoria del candidato populista JD Vance nelle affollate primarie del Senato dell’Ohio è una buona notizia per altri candidati approvati da Trump ed è un potenziale presagio di cose che accadranno nelle prossime gare in altri stati. A rendere la vittoria di Vance ancora più impressionante è stata la sua capacità di allontanarsi dall’affollato campo del Senato con altri tre candidati che cercavano l’approvazione di Trump, oltre ad essere preso di mira dall’establishment repubblicano e dalla classe dei donatori. Vance, autore del libro più venduto Elegia Hillbilly, ricevuto L’approvazione di Trump il 15 aprile e ha goduto di un notevole impulso nei sondaggi dopo il 45esimo cenno del presidente. La squadra di Trump dice a Breitbart News che Vance stava ottenendo circa il dieci per cento al quinto posto prima del sostegno di Trump. Martedì ha portato a casa il 32 per cento dei voti.

Il portavoce di Trump Taylor Budowich racconta Notizie Breitbart:

JD Vance ha svolto un lavoro straordinario e ha un immenso talento politico, che lo ha messo nella posizione di guadagnarsi il sostegno del presidente Trump, ma è stata l’approvazione del presidente Donald J. Trump che ha preso un candidato che molti addetti ai lavori hanno detto essere al 4 ° posto e al una cifra nei sondaggi e, in sole due settimane, lo ha portato a un imponente primo posto. Il potere dell’approvazione del presidente Trump è innegabile, il suo dominio sui mediatori repubblicani a Washington non può essere sopravvalutato e la promessa di questo movimento MAGA non definirà solo i Midterms, ma vincerà per gli anni a venire.

Leggi di più



Source link