Archivi tag: inviate

La CNN ammette che gli Stati Uniti “non sanno davvero” cosa succede alle armi inviate in Ucraina



La CNN ha pubblicato un articolo in cui riconosceva che la Casa Bianca “non sa davvero” cosa succede alle enormi quantità di armi inviate in Ucraina, con una fonte che afferma che tutto “cade in un grande buco nero”.

Ops!

Gli Stati Uniti hanno inviato un totale di circa 15,2 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina dall’inizio della guerra a febbraio.

L’amministrazione Biden si prepara ad annunciare un altro pacchetto da 800 milioni di dollari entro la fine della settimana, hanno detto a NBC News cinque funzionari statunitensi.

“Due funzionari hanno affermato che il pacchetto dovrebbe includere più artiglieria e decine di migliaia di colpi di artiglieria in più”, secondo il rapporto.

Tuttavia, secondo la CNN, dove stanno effettivamente andando tutte le armi è un enorme mistero.

“Alcune di queste armi potrebbero finire nelle mani di altri eserciti e milizie che gli Stati Uniti non intendevano armare”, afferma il rapporto.

L’articolo incolpa la mancanza di “stivali statunitensi a terra nel paese” per il “punto cieco” in cui vanno a finire le armi.

Aww shucks, immagino che sia meglio che mettano le truppe a terra allora!

“Abbiamo fedeltà per un breve periodo, ma quando entra nella nebbia della guerra, ne abbiamo quasi zero”, ha detto una fonte alla CNN. “Cesce in un grande buco nero e non ne hai quasi il senso dopo un breve periodo di tempo.”

Alcune delle armi sarebbero state vendute da soldati ucraini.

“Gli americani stanno lottando con un’inflazione record, eppure il regime DC continua a scaricare i nostri soldi in questo buco nero sapendo benissimo che potrebbe scatenare la terza guerra mondiale”, scrive Chris Menahan.

Come noi evidenziato la scorsa settimana, un rapporto del Washington Post ha ammesso che alcuni all’interno della NATO vogliono prolungare la guerra il più a lungo possibile.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il più stretto alleato di Biden al Senato suggerisce che le truppe statunitensi vengano inviate in Ucraina


Il più stretto alleato al Senato del presidente Joe Biden ha suggerito che le truppe statunitensi dovrebbero essere dispiegate in Ucraina per paura che il paese “diventi la Siria dell’Europa orientale”.

Il senatore Chris Coons ha rilasciato i commenti durante un’intervista a CBS News domenica.

“Il popolo americano non può voltare le spalle a questa tragedia in Ucraina”, ha detto Coons, aggiungendo: “Penso che la storia del 21° secolo giri su quanto ferocemente difendiamo la libertà in Ucraina e che Putin si fermerà solo quando lo fermeremo”.

Coons ha continuato suggerendo che il “livello di brutalità” mostrato dalle forze russe potrebbe richiedere il coinvolgimento diretto dell’esercito statunitense.

“Se a Vladimir Putin, che ci ha mostrato quanto può essere brutale, è permesso continuare a massacrare civili, a commettere crimini di guerra in tutta l’Ucraina senza la NATO, senza che l’Occidente venga in suo aiuto con maggiore forza, sono profondamente preoccupato che ciò che accadrà Il prossimo è che vedremo l’Ucraina trasformarsi in Siria “, ha detto Coons.

Durante un precedente discorso a un evento all’Università del Michigan, Coons ha affermato che Putin e altri “autocrati di tutto il mondo” sarebbero incoraggiati se fossero stati esclusi gli stivali statunitensi sul campo.

Coons è conosciuto come “gli occhi e le orecchie di Biden al Senato”, mentre altri lo hanno etichettato come il “segretario di stato ombra” della Casa Bianca.

Come abbiamo precedentemente evidenziatoci sono già stivali statunitensi sul campo in Ucraina, anche se un dispiegamento ufficiale delle forze americane sarebbe una mossa estremamente controversa.

Il giornalista francese Georges Malbrunot, tornato dall’Ucraina dopo essere arrivato con combattenti volontari, ha affermato che il Pentagono stava già supervisionando gran parte del conflitto.

“Ho avuto la sorpresa, e anche loro, di scoprire che per poter entrare nell’esercito ucraino, beh, sono gli americani a comandare”, ha detto Malbrunot.

Il Pentagono in precedenza aveva indicato di ritenere che la guerra lo farà durano anni piuttosto che mesi, mentre il Washington Post segnalato che era nell’interesse della NATO prolungare il più possibile il conflitto.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Sotto le tue vesti nere di giustizia indossi una veste bianca del Klan.” DailyMail rivela e-mail vili inviate al giudice nel caso Kyle Rittenhouse


Il giudice che presiede il processo a Kyle Rittenhouse è stato definito razzista e la sua vita è stata minacciata in un torrente di e-mail, lettere, cartoline e fax abusivi e minacciosi ricevuti dal tribunale della contea di Kenosha e visti da DailyMail.com

DailyMail.com ha esaminato le centinaia di comunicazioni offensive inviate al giudice Bruce Schroeder e oggi possiamo rivelare la straordinaria effusione di vetriolo che il processo di alto profilo ha ispirato.

Un’e-mail, inviata mercoledì, recita semplicemente: ‘Wow modo di nominare una testa calda skinhead bianca per essere un giudice. Non c’è da stupirsi che brucino la tua città».

Altri chiedono che il giudice “razzista”, il più longevo della contea, sia destituito e radiato dall’albo.

Uno indirizzato a “Vostro Onore” recita: “Non sapevo che sotto le tue vesti nere di giustizia indossi una veste bianca del klan. Non c’è modo che un processo equo possa essere ascoltato sotto la tua supervisione. Meglio ancora, dimettiti».

Il presidente Trump ha sempre avuto ragione su Kyle Rittenhouse perché ha usato il suo buon senso su ciò che ha visto dalle riprese video disponibili di Kyle a Kenosha.

Insieme a quelle che sono state percepite come sentenze unilaterali contro l’accusa, il giudice è stato criticato per tutto, dalla suoneria God Bless America alla sua battuta sul fatto che il suo pranzo cinese quando ha detto “Spero che il cibo asiatico non stia arrivando … non è su una di quelle barche dal porto di Long Beach».

Tra i messaggi più inquietanti al giudice c’era quello che minacciava la vita dei figli del giudice, prometteva di “ripagare” e affermava che Rittenhouse “non vivrà a lungo” se assolto.

L’e-mail, gran parte della quale è troppo offensiva per essere riprodotta, afferma la speranza che un giorno i “ragazzi del giudice Schroeder diventino vittime del più efferato omicidio che l’uomo conosca, così lui sente il dolore e [sic]chiameremo i suoi figli non vittime ma puttane.’

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link