Archivi tag: governo

L’intervento del governo sta alimentando la carenza di cibo


Molti hanno letto che c’è una crisi alimentare incombente e ci sono preoccupazioni significative per la carenza di grano.

La ragione principale di questa possibile crisi è l’invasione dell’Ucraina. Tuttavia, questo non è il quadro completo.

Molti paesi in tutto il mondo hanno un grande deficit di cereali, che è essenziale per nutrire il bestiame. Il principale colpevole è l’aumento dell’intervento del governo, che ha fatto salire i costi anche in periodi di bassi prezzi dell’energia e un livello insostenibile di restrizioni che ha reso impossibile per gli agricoltori continuare a piantare e produrre grano.

Nel 2020, l’Ucraina ha prodotto il 4% della produzione mondiale di grano e la Russia il 10%. Insieme producono quasi tanto grano quanto l’intera UE, ma il motivo è che l’UE ha reso impossibile produrre grano in modo economico.

Secondo il sito web dell’Unione Europea, i principali costi (categorie di spesa) nella produzione di cereali sono sementi, fertilizzanti, fitofarmaci e macchinari/infrastrutture. Secondo la relazione dell’UE sulle aziende cerealicole, nel 2020 il costo operativo totale medio dell’UE per i cereali era di 635 EUR per ettaro. In termini di colture, l’UE ammette che la produzione di mais ha costi più elevati a tutti i livelli, ad eccezione della protezione delle colture, che è più elevata per la produzione di grano tenero.

In genere, le aziende cerealicole nelle economie con alti livelli di intervento del governo erano già in perdita nel 2019, secondo il Center for Commercial Agriculture. “Le perdite medie per le fattorie tipiche di Argentina, Australia, Indiana e Kansas sono state rispettivamente di $ 46, $ 1, $ 94 e $ 16 per acro durante il periodo di cinque anni (rispettivamente $ 114, $ 1, $ 231 e $ 39 per ettaro). Le fattorie tedesche avevano i costi diretti, operativi e generali per ettaro più elevati (rispettivamente $ 535, $ ​​573 e $ 506 per ettaro) “In quanto tali, anche le fattorie tedesche erano antieconomiche.

Mentre la maggior parte delle fattorie medie ha prodotto una perdita anche nei periodi prepandemici, il profitto economico più alto guadagnato è stato di $ 68 per acro ($ 167 per ettaro) per la tipica fattoria russa.

L’aumento dei costi di produzione è derivato dall’aumento degli oneri amministrativi, dalle pressioni ambientali e dall’aumento delle tasse per gli agricoltori nel bel mezzo di periodi meteorologici difficili, come abbiamo visto in tutta Europa. In Europa, gli agricoltori hanno assistito all’aumento dei salari minimi e all’aumento delle imposte dirette e indirette, oltre all’aumento vertiginoso dei costi energetici determinato dal moltiplicarsi del costo della CO2 emissioni ancor prima che petrolio e gas naturale aumentassero a causa della guerra. Il costo medio diretto e indiretto è aumentato anche nei periodi in cui l’inflazione degli input energetici era bassa. Ciò ha fatto sì che i produttori marginali reagissero meno rapidamente alle variazioni di prezzo e ha portato molte aziende agricole semplicemente a rinunciare.

In qualsiasi altra circostanza, il crollo parziale dell’offerta da Ucraina e Russia non avrebbe un impatto significativo, come sottolinea l’analista Aaron Smith. “Quanto sono comuni shock di mercato di questa portata? Le esportazioni di grano russe e ucraine rappresentavano il 7,3% della produzione globale nel 2020. La produzione di grano è diminuita del 6,3% nel 2010, in parte a causa di una siccità che ha ridotto la produzione russa di 20 milioni di tonnellate. Diminuzioni altrettanto grandi si sono verificate anche nel 1991, 1994, 2003 e 2018”. Ciò potrebbe prevenire una crisi alimentare globale, anche se paesi come Egitto, Libano, Sudan e altri paesi del Medio Oriente e del Nord Africa potrebbero avere un momento molto difficile, poiché tra il 60 e il 90 percento della loro fornitura di grano proviene da Ucraina e Russia.

Non possiamo dimenticare che le proteste della “primavera araba” di fine 2010 sono arrivate dopo l’insopportabile aumento dei prezzi dei generi alimentari. Il rischio di una situazione simile ora non è piccolo.

I governi di tutto il mondo avrebbero dovuto imparare da queste precedenti esperienze e alleggerire gli oneri amministrativi e fiscali sull’agricoltura per consentire al mercato di fornire flessibilità in tempi di preoccupazione per l’offerta da una o due nazioni. Invece, abbiamo visto più rigidità, tasse e restrizioni più elevate che hanno limitato la possibilità di allentare i problemi della catena di approvvigionamento.

L’eccessiva regolamentazione e la spinta del governo basata sui costi hanno limitato la capacità degli agricoltori di affrontare con successo le sfide esterne. Aumentare il mandato sui biocarburanti, che richiede che almeno il 10 per cento di tutta la benzina statunitense provenga dall’etanolo da mais, quando milioni di persone potrebbero dover affrontare carenze alimentari è una di quelle decisioni illogiche.

Né la guerra in Ucraina né i bruschi cambiamenti climatici causerebbero una carenza alimentare globale in un ambiente normale di libero scambio e facilità di fare affari. Se c’è un rischio di carenza di cibo, deriva da anni in cui hanno limitato le possibilità degli agricoltori e aumentato continuamente i loro costi di produzione con tasse dirette e nascoste non necessarie.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il governo del Regno Unito ammette che un nuovo focolaio di poliomielite è “probabile” causato dal vaccino orale



I media di tutto il mondo hanno riferito mercoledì che un nuovo focolaio del virus della poliomielite è stato identificato a Londra, in Inghilterra, per la prima volta dal 1984.

Secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), una versione mutata del virus della poliomielite è stata rintracciata nel sistema fognario di Londra da aprile.

Sebbene nessun caso sia stato confermato e nessun individuo sia stato ricoverato in ospedale per paralisi, gli esperti affermano che trovare lo stesso bug nell’est e nel nord di Londra segnala un focolaio.

Nonostante il governo del Regno Unito abbia ammesso che nessun caso è stato confermato, ha emesso un’emergenza nazionale.

I funzionari sanitari britannici stanno ora esortando i cittadini a controllare i record di tiro dei loro figli per assicurarsi che siano aggiornati.

Il Sole rapporti“L’ultimo caso di poliomielite contratto in Gran Bretagna è stato nel 1984 e il paese è stato dichiarato libero dalla poliomielite nel 2003. Prima dell’introduzione di un vaccino negli anni ’50, le epidemie avrebbero provocato la paralisi di migliaia di persone ogni anno e centinaia di morti”.

Tuttavia, secondo l’UKHSA, è stato in primo luogo il vaccino antipolio orale a innescare l’epidemia.

L’agenzia ritiene che una persona del Pakistan, dell’Afghanistan o della Nigeria abbia perso il virus nelle feci dopo essere stata vaccinata per via orale contro la poliomielite.

Come ha notato un appassionato utente di Twitter, non sorprende che un’area inondata di migranti dal Medio Oriente stia vedendo riemergere la poliomielite per la prima volta dagli anni ’80.

Un epidemiologo consulente presso l’UKHSA di nome ha detto la dottoressa Vanessa Saliba il rischio per il pubblico è basso e riconosciuto che il caso deriva probabilmente da un vaccino contro la poliomielite.

“Il poliovirus derivato dal vaccino è raro e il rischio per il pubblico in generale è estremamente basso”, ha affermato. “Il poliovirus derivato dal vaccino ha il potenziale per diffondersi, in particolare nelle comunità in cui l’assorbimento del vaccino è inferiore”.

Il dottor Saliba ha aggiunto: “In rare occasioni può causare paralisi nelle persone che non sono completamente vaccinate quindi se tu o tuo figlio non siete in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite è importante contattare il vostro medico di famiglia per aggiornarvi o, se non siete sicuri, controllare il libretto rosso.

Esatto, la narrativa dell’establishment è che il vaccino sta causando l’epidemia, quindi le persone devono ottenere i loro vaccini per proteggersi dall’epidemia indotta dal vaccino.

In un Notizie del cielo segmento caricato su Twitter mercoledì, un analista ha dichiarato: “È probabile che sia successo che qualcuno che ha viaggiato in uno di questi paesi che è stato vaccinato contro la poliomielite è tornato e quel vaccino è diventato presente nelle loro feci e in qualche modo è mutato e infettato altre persone”.

Per anni, Alex Jones e Infowars hanno esposto come il programma di vaccinazione antipolio finanziato da Bill Gates si è trasformato nel principale contributore ai casi di polio attivi.

Solo di recente i media mainstream hanno iniziato ad ammettere che le vaccinazioni contro la poliomielite stavano causando focolai.

A novembre 2019, hanno ammesso i media globali casi di poliomielite indotta da vaccino superano in numero la poliomielite selvaggia casi.

Una trasmissione della stagione natalizia del 2018 di “The Alex Jones Show” ha esposto gli esperimenti sui vaccini globalisti fatti nel corso della storia, inclusi i disastrosi colpi di poliomielite.

Questa è solo un’altra storia destinata a mantenere le masse in vita nella paura mentre il Grande Reset dei globalisti mette lo stivale della tirannia sul collo dell’umanità.




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’organo di governo mondiale del nuoto schiaffeggia il divieto totale agli atleti transgender



L’organo di governo mondiale del nuoto ha imposto il divieto totale agli atleti transgender che hanno attraversato qualsiasi forma di pubertà maschile dal prendere parte alle competizioni femminili.

È quasi ora!

La nuova politica di Fina, che è stata approvata con un margine del 71% dopo che i suoi 152 membri hanno votato sulla questione, costringerà i nuotatori transgender a competere in una categoria separata che include solo coloro che affermano che la loro identità di genere è diversa dal loro sesso biologico.

Affinché gli atleti transgender nati uomini possano competere in eventi femminili, devono aver completato la transizione all’età di 12 anni.

Il presidente della Fina Husain Al-Musallam ha affermato che il voto riguardava la “protezione dell’equità competitiva” e dei diritti degli atleti.

“Fina accoglierà sempre ogni atleta”, ha detto Al-Musallam. “La creazione di una categoria aperta significherà che tutti avranno l’opportunità di competere a livello d’élite”.

L’ex nuotatrice britannica Sharron Davies ha elogiato la decisione, affermando di essere “orgogliosa” di Fina per “aver fatto la scienza, aver chiesto agli atleti/allenatori e aver difeso lo sport giusto per le donne”.

Come abbiamo precedentemente evidenziatoi migliori medici hanno detto al New York Times che la nuotatrice transgender Lia Thomas aveva ancora un vantaggio ingiusto rispetto alle femmine biologiche nonostante l’atleta avesse subito una terapia di soppressione del testosterone.

Dopo essere entrato nelle competizioni femminili, Thomas è salito alle stelle nelle classifiche nazionali, saltando dal 32esimo posto negli incontri maschili all’ottavo nello stile libero femminile di 1.650 yarde.

Nel frattempo, in una storia correlata, il principale organo di governo del calcio, la FIFA, renderà più facile per gli atleti transgender competere in competizioni femminili d’élite rimuovendo le regole della soglia del testosterone.

“I nuovi regolamenti sono ancora in fase di consultazione e resta inteso che alcuni membri dell’alta dirigenza della FIFA non sono convinti che dovrebbero essere pubblicati nella loro forma attuale”, riporta il Mail giornaliera.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Struttura controversa per i rifugiati in un piccolo villaggio di soli 700 residenti che recluta personale nonostante il governo affermi che è “in attesa”


Nonostante il governo affermi che i piani sono “sospesi” per 1500 rifugiati da ospitare in un centro di asilo in un villaggio di soli 700 residenti, centinaia di dipendenti sono già stati reclutati per il personale della struttura.

Come abbiamo precedentemente evidenziatoa seguito delle continue proteste dei membri della comunità che inizialmente non erano nemmeno stati consultati quando il governo ha annunciato il piano, un progetto per ospitare i 1500 migranti nel villaggio sembrava destinato ad essere abbandonato.

Grandi manifestazioni hanno richiamato l’attenzione sul fatto che l’equilibrio demografico del villaggio sarebbe completamente distrutto e che non dispone dei servizi per far fronte a un afflusso così ampio di persone.

I residenti si sono anche lamentati del fatto che i 1500 migranti, la stragrande maggioranza dei quali saranno giovani uomini in età da combattimento, non avrebbero nulla da fare e che ne sarebbero inevitabilmente seguiti criminalità e disordini sociali.

All’inizio di questo mese, il governo ha reagito alle manifestazioni veementi dei residenti, ha accresciuto l’attenzione dei media e una sfida legale ritardando temporaneamente il programma proprio alla vigilia dell’arrivo dei primi 60 migranti (tutti uomini) nel villaggio.

All’inizio di questa settimana, le autorità hanno annunciato che il Ministero dell’Interno “non accoglierà i richiedenti asilo a Linton-on-Ouse finché non sarà sicuro e non avrà confermato i requisiti legali”.

“Solo una volta che sarà tutto a posto, prenderanno una decisione formale sull’opportunità di utilizzare il sito come alloggio per l’asilo”, ha affermato Zoe Metcalfe, commissaria per la polizia, i vigili del fuoco e la criminalità del North Yorkshire.

Tuttavia, la prova che il governo ha segretamente deciso di portare avanti il ​​progetto arriva comunque sotto forma di commenti di Thirsk e del deputato Malton Kevin Hollinrake.

Secondo Hollinrake, il reclutamento di 300-400 dipendenti è già iniziato per il personale del sito e “anche le strutture vengono spostate sul sito”.

Il parlamentare ha aggiunto che “non era chiaro” cosa stesse succedendo e che la contraddizione in ciò che il governo sta dicendo e ciò che sta facendo è “confusa”.

“Il principale appaltatore governativo Serco ha iniziato a cercare personale per il sito, affermando che sta costruendo progressivamente un team di personale, prendendone parte da altri siti”, riferisce La stampa di York.

“Alla fine, l’appaltatore mira ad avere circa 100 persone alla base, comprese le squadre di sicurezza, ristorazione, assistenza e supporto. Cerca anche un “coordinatore delle attività” a tempo pieno, pagando 27.500 sterline all’anno”.

“Parte di quell’annuncio di lavoro diceva: “Il team operativo è al centro del successo del contratto fornendo un grande centro di asilo per conto di UKVI (UK Visas and Immigration) presso la RAF Linton. Il dipartimento sarà responsabile del supporto in loco, della fornitura del servizio e della salvaguardia dei nostri utenti vulnerabili del servizio”.

“Serco fornirà un catering completo con tre pasti al giorno, una serie di attività sportive, tra cui palestra, calcio, squash, cricket, ecc; un negozio, disposizioni per l’osservanza religiosa, visite, servizi di pulizia e igiene, assistenza sociale, benessere e reinsediamento, oltre all’agevolazione e alla supervisione di colloqui, visite e udienze ufficiali, legali e relativi ai casi.

Alcuni osservatori avvertono che entro la fine dell’anno potrebbero arrivare in Gran Bretagna 100mila migranti in barca.

I migranti economici continuano a essere incentivati ​​a salire a bordo di piccole imbarcazioni dirette in Inghilterra dalla Francia perché il governo garantisce che vengano salvati in sicurezza e quindi offre loro un alloggio gratuito.

Il governo li sta attualmente ospitando in hotel a spese dei contribuenti al costo di 5 milioni di sterline al giorno.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il governo tedesco etichetta il giornalista “criminale”, blocca il conto bancario per le notizie sulla guerra in Ucraina nel Donbas



Una giornalista tedesca indipendente è stata presa di mira dal suo governo per aver documentato le atrocità in corso da parte del governo ucraino nella regione del Donbas.

Alina Lipp afferma che il governo tedesco ha avviato un procedimento penale contro di lei e ha congelato i conti bancari di lei e di suo padre in attesa di un processo in cui le è vietato comparire per aver riferito dell’operazione militare russa nella regione del Donbas negli ultimi mesi.

“Sono un giornalista tedesco indipendente che vive a Donetsk. Vivo qui da sei mesi e sto raccontando ai tedeschi cosa sta succedendo nella regione del Donbas in Ucraina. E per questo, le autorità tedesche hanno iniziato a perseguitarmi”, ha spiegato Lipp in video.

“In primo luogo, hanno cancellato il mio materiale su Internet, poi hanno bloccato il mio conto bancario, bloccato il conto bancario di mio padre e ieri ho ricevuto questa lettera dalle autorità tedesche che ora hanno aperto un procedimento penale contro di me”.

Lipp ha esaminato i documenti del governo accusando la sua segnalazione del atti genocidi dell’Ucraina contro il popolo del Donbas regione in violazione della legge.

“Questi sono i documenti, e per i tedeschi, il sostegno all’operazione speciale della Russia in Ucraina è già un atto criminale, per il quale ovviamente puoi ottenere 3 anni di prigione”, ha detto Lipp.

“Quello che è interessante, alla fine della lettera, scrivono che non mi inviteranno a un’audizione perché ciò turberebbe le indagini. È molto interessante. Quindi mi stanno perseguitando ma non vogliono ascoltarmi”, ha aggiunto.

Nel frattempo, il governo ucraino aveva etichettato Lipp come un “terrorista russo” a marzo per il suo rapporto sul Donbas che ha minato la sua narrativa secondo cui l’Ucraina è la vittima.


Lipp non è l’unico giornalista europeo ad essere perseguitato dalle autorità occidentali per aver riportato eventi in Ucraina che non si adattano alla narrativa ufficiale.

Il giornalista indipendente britannico Graham Phillips è stato accusato dal parlamento di potenziali crimini di guerra intervistando un soldato britannico catturato dalle forze russe in Aprile.

Negli Stati Uniti, il governo ha risposto alle notizie sul conflitto in Ucraina che non si adattavano alla narrativa prescritta creando il cosiddetto “Comitato per la governance della disinformazione”, incaricato in parte di contrastare la “disinformazione” relativa all’Ucraina.

In particolare, l’ex presidente caduto in disgrazia del consiglio, Nina Jankowicz, aveva precedentemente consigliato al governo ucraino di farlo comunicazioni strategiche nel suo ruolo di titolare di una borsa di studio per le politiche pubbliche Fulbright-Clinton.

La libertà di stampa è effettivamente morta in Europa e sotto attacco negli Stati Uniti perché il dibattito aperto e la cronaca mettono in pericolo solo le narrazioni specifiche che i governi occidentali vogliono portare avanti.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Verità sociale: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Rapporto speciale: Difetti del comandante ucraino in Russia



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biden con rabbia ordina agli americani di smettere di parlare di “spese sconsiderate” del governo: “Stiamo cambiando la vita delle persone!”



Tra inflazione e prezzi del gas da record, un mercato azionario in rialzo e un indice di gradimento sempre basso, Joe Biden ha pronunciato commenti martedì pubblicizzando le sue politiche economiche e insistendo che tutto è semplicemente fantastico in America.

Parlando alla 29a Convenzione costituzionale quadriennale della Federazione americana del lavoro e del Congresso delle organizzazioni industriali (AFL-CIO) a Filadelfia, in Pennsylvania, Biden ha affermato che le sue politiche economiche hanno prodotto “progressi straordinari”.

L’economia sta andando così bene che Biden ha ordinato agli americani di non diffondere “menzogne” sulla spesa pubblica “sconsiderata” che sta contribuendo all’inflazione.

“Non voglio più sentire queste bugie sulle spese sconsiderate. Stiamo cambiando la vita delle persone!” urlò Biden con rabbia.

Biden ha continuato a illuminare il pubblico dicendo che il popolo americano “ha più risparmi a livello nazionale” nonostante uno studio del Northwestern Mutual mostri Gli americani hanno circa 9.000 dollari in meno di risparmio rispetto a questa volta l’anno scorso.

Il progresso economico americano è stato così straordinario che Biden ha immediatamente incolpato il presidente russo Vladimir Putin per i prezzi elevati del gas.

Le osservazioni disoneste di Biden arrivano sullo sfondo di un mercato azionario in caduta libera, che cadde nel territorio del mercato ribassista lunedì, insieme a a mercato decimato delle criptovalute, Inflazione dell’8,6%.record prezzi del gas di $ 5 al gallone in media, l’aumento dei costi alimentari e carenze in alcuni casi, e a confine meridionale crollato.

Questo potrebbe spiegare perché il punteggio di approvazione di Biden è un minimo storico del 33% e una disapprovazione del 54%, secondo a un recente sondaggio Quinnipiac.

Guarda le osservazioni complete di Biden:


In che modo i Simpson hanno previsto con precisione l’economia di Biden?



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Perché i progressisti amano gli “esperti” del governo


Nell’America del ventunesimo secolo, la gente comune è alla mercé di esperti governativi ben pagati e non eletti che detengono un vasto potere.

Cioè, viviamo nell’era di i tecnocrati: persone che affermano di avere una saggezza speciale che dà loro il diritto di controllare, manipolare e gestire le istituzioni della società usando il potere coercitivo dello stato.

Ci è stato detto che queste persone sono “non politiche” e useranno la loro impressionante conoscenza scientifica per pianificare l’economia, la salute pubblica, la sicurezza pubblica o qualsiasi obiettivo il regime ha deciso che i tecnocrati avranno il compito di realizzare.

Queste persone includono banchieri centrali, giudici della Corte Suprema, burocrati della “salute pubblica” e generali del Pentagono. La narrativa è che queste persone non sono lì per rappresentare il pubblico o piegarsi alle pressioni politiche. Sono lì solo per fare “la cosa giusta” come dettato dalla teoria economica, dalle scienze biologiche, dalla teoria giuridica o dallo studio delle tattiche militari.

Ci è stato anche detto che per consentire a queste persone di agire come i geni apolitici puramente ben intenzionati che sono, dobbiamo dare loro la loro indipendenza e non mettere in discussione i loro metodi o conclusioni.

Siamo stati esposti a questa routine ancora una volta la scorsa settimana come presidente Joe Biden annunciato “rispetterà l’indipendenza della Fed” e consentirà ai banchieri centrali di impostare la politica monetaria senza alcuna fastidiosa interferenza da parte dei rappresentanti dei contribuenti che pagano tutti i conti e che pagano principalmente il prezzo quando i banchieri centrali peggiorano le cose. (Biden, ovviamente, non l’ha menzionato i banchieri centrali hanno sbagliato in modo spettacolare sulla minaccia dell’inflazione negli ultimi anni, con i tassi di inflazione che hanno raggiunto i massimi da quarant’anni, la crescita economica negativa e il credito al consumo che si accumula mentre le famiglie lottano per far fronte al costo della vita.)

Convenientemente, il rinvio di Biden alla Fed gli consente di incolpare in seguito quando le condizioni economiche peggiorano ancora. Tuttavia, il fatto che abbia messo l’economia nelle mani di presunti esperti apparirà senza dubbio lodevole a molti. Questo perché il pubblico è stato a lungo istruito dalle scuole pubbliche e dai media che sono esperti del governo dovrebbe avere il margine di manovra per esercitare un vasto potere in nome di “riparare” qualsiasi problema che la società deve affrontare.

La classe degli esperti come strumento per l’edilizia statale

Il successo di questa idea rappresenta una grande vittoria per l’ideologia progressista. I progressisti si sono impegnati da tempo a creare una classe di esperti speciali come mezzo per costruire il potere statale. Negli Stati Uniti, ad esempio, il culto della competenza iniziò davvero a prendere piede tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, e portò direttamente a sostenere un maggiore intervento del governo nel settore privato. Come osserva Maureen Flanagan in “Progressisti e progressivismo in un’era di riforma,”

L’esperienza nelle scienze sociali ha fornito ai progressisti politici una base teorica per proposte prudenti per creare uno stato più attivista… Gli scienziati sociali professionisti hanno composto una ristretta cerchia di uomini che hanno creato uno spazio tra il mondo accademico e il governo da cui partire per sostenere la riforma. Si sono rivolti l’un l’altro, hanno addestrato i loro studenti a seguire le loro idee e raramente hanno parlato al grande pubblico.

Questi uomini fondarono nuove organizzazioni, come l’American Economics Association, per promuovere questa nuova classe di esperti e i loro piani per una società pianificata in modo più centralizzato. In definitiva, la natura della classe degli esperti era rivoluzionaria. I nuovi scienziati sociali pensavano di conoscere meglio i patrizi, i leader religiosi, i rappresentanti locali e gli attori del mercato che avevano plasmato a lungo le istituzioni locali. Invece,

I progressisti erano modernizzatori con un’agenda strutturale-strumentista. Hanno rifiutato di fare affidamento sui valori più antichi e sulle norme culturali per ordinare la società e hanno cercato di creare una società moderna riordinata con istituzioni politiche ed economiche gestite da uomini qualificati per applicare competenze fiscali, efficienza professionale e competenze scientifiche moderne per risolvere i problemi e salvare la democrazia. Le discipline accademiche emergenti nelle scienze sociali dell’economia, dell’economia politica e delle scienze politiche e dell’educazione pragmatica hanno fornito le basi teoriche per questo progressivismo esperto di classe media.

L’impulso progressista per un governo basato sull’esperienza è stato forse esemplificato dal pianificatore dei trasporti progressista Emory Johnson, che ha sostenuto un forte ramo esecutivo federale che sarebbe stato resistente alle pressioni politiche mentre si basava sui presunti giudizi “scientifici” dei pianificatori del governo e di altri burocrati. Johnson

ha esplicitamente affrontato la questione del ruolo delle competenze nello stato americano…. ha affermato che il successo si basava su quelle che chiamava “funzioni esecutive”. Ha cercato di conferire potere al ramo esecutivo del governo federale come sede naturale degli esperti.1

Nella visione progressista, i leader aziendali e i politici delle macchine mancavano di una visione razionale e ampia dei bisogni della società. Al contrario, gli esperti del governo affronterebbero i problemi della società come scienziati. Johnson riteneva che questo modello esistesse già in qualche modo nel Dipartimento della Guerra, dove Johnson immaginava che il segretario alla guerra fosse “abbastanza libero da pressioni politiche e [relied] su consiglio degli ingegneri”. Johnson immaginava che questi burocrati dalla mentalità scientifica potessero portare una “applicazione davvero economica e scientifica” della politica.2

Pianificatori centrali “disinteressati”.

Johnson faceva parte di un’ondata di esperti e intellettuali che tentavano di sviluppare “un nuovo regno di competenza statale” che favorisse i tecnocrati apolitici che avrebbero pianificato le infrastrutture e l’industria della nazione.2 Molti storici lo hanno riconosciuto questi sforzi erano fondamentalmente attività di costruzione dello stato … [and that] il loro emergere ha segnato e simboleggiato uno spartiacque in cui una nuova politica di amministrazione e gruppi di interesse, spesso antidemocratica, ha sostituito la vita pubblica partigiana e localizzata del diciannovesimo secolo” (corsivo aggiunto).3

In breve, questi sforzi hanno gettato i semi per la tecnocrazia idealizzata che abbiamo oggi: insensibile al pubblico e intrisa di un vasto potere coercitivo che sostituisce continuamente la discrezione e le prerogative private.

In effetti, la devozione progressista alla competenza ha seguito “il modello centrale della politica progressista”, che è “il reindirizzamento del processo decisionale verso l’alto all’interno delle burocrazie”.4 Pertanto, in contrasto con le istituzioni politiche populiste di un tempo precedente, il processo decisionale nell’era progressista divenne più impiegato, più ceto medio – in contrasto con i lavoratori del partito della classe operaia – e più gerarchico all’interno delle burocrazie direttamente controllate dal agenzie esecutive dello stato.

Sebbene i progressisti si considerassero i salvatori della democrazia, hanno comunque riconosciuto il conflitto tra i loro ideali democratici professati e la dipendenza dagli esperti:

[Progressives] ha conciliato il conflitto tra l’uso della burocrazia gerarchica per cercare l’efficienza e la dispersione del potere per raggiungere l’uguaglianza raffigurando i sistemi burocratici come salvaguardie dell’ordine pubblico…. Poiché l’autorità derivava da fatti apparentemente disinteressati e competenze “scientifiche”, i sistemi burocratici venivano presentati dai loro sostenitori come strutture obiettive, coerenti ed essenzialmente democratiche.5

Questa nozione idealizzata di “esperto disinteressato” costituiva una componente chiave dell’agenda progressista:

I riformatori progressisti hanno proposto un antidoto alla corruzione della politica clientelare, sottolineando esperti disinteressati e un’amministrazione razionalizzata: un consiglio comunale nominerebbe un funzionario esecutivo, il direttore della città, che a sua volta nominerebbe luogotenenti qualificati per assisterlo. Le burocrazie razionalizzate e centralizzate presidiate dai dirigenti cittadini sarebbero gestite “scientificamente”, cioè oggettivamente, isolate dalle politiche clientelari.6

Chi dovrebbe governare?

In molti modi, quindi, questo aspetto dell’ideologia progressista ha ribaltato l’agenda politica del liberalismo classico del laissez-faire. I liberali della varietà jeffersoniana e jacksoniana avevano cercato di farlo aumento influenza politica esterna nel processo decisionale attraverso le elezioni e la nomina di attivisti di partito fedeli ai rappresentanti eletti. Questo perché i liberali temevano che una classe isolata di esperti governativi avrebbe funzionato più nel proprio interesse che in quello dei contribuenti.

I progressisti, tuttavia, immaginavano di poter creare una classe di esperti apolitici disinteressati dedicato solo alla scienza oggettiva. La questione fondamentale, quindi, è diventata chi dovrebbe governare: esperti isolati o rappresentanti non esperti con legami più stretti con i contribuenti.

Possiamo vedere oggi che i progressisti sono riusciti in gran parte a concedere un potere di gran lunga maggiore all’odierna classe di esperti tecnocratici. I tecnocrati sono elogiati per la loro presunta attenzione scientifica e ci viene detto di rispettare la loro indipendenza.

Se l’obiettivo è mai stato quello di proteggere i controlli pubblici sul potere statale, tuttavia, questo è sempre stato un ideale impraticabile. Creando una classe speciale di burocrati esperti con carriere decennale all’interno del regime stesso, stiamo semplicemente creando una nuova classe di funzionari in grado di esercitare il potere statale con poca responsabilità. Chiunque abbia una visione sufficientemente critica del potere statale potrebbe vederne il pericolo. È interessante notare che è stato l’anarco-comunista Mikhail Bakunin a riconoscere l’impossibilità di risolvere il problema del potere statale affidando a esperti scientifici la responsabilità. Tale mossa rappresentava solo un trasferimento di potere da un gruppo all’altro. Bakunin messo in guardia:

Lo Stato è sempre stato patrimonio di qualche classe privilegiata; una classe sacerdotale, una classe aristocratica, una classe borghese e infine una classe burocratica.

Inoltre, gli sforzi burocratici statali per pianificare la società dal centro, Bakunin notato,

richiederà una conoscenza immensa e molte “teste traboccanti di cervelli” in questo governo. Sarà il regno dell’intelligenza scientifica, il più aristocratico, dispotico, arrogante e sprezzante di tutti i regimi. Ci sarà un nuova classe, una nuova gerarchia di scienziati e studiosi reali e presunti.

Non è necessario, ovviamente, avere un socialismo in piena regola per creare questa “nuova classe”. Lo stato moderno con la sua economia mista nella maggior parte dei casi ha già tutte le infrastrutture burocratiche necessarie per renderlo realtà. Finché ci rivolgiamo a questa classe dirigente di “scienziati e studiosi”, i progressisti hanno vinto.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Perché i progressisti amano gli “esperti” del governo



Nell’America del ventunesimo secolo, la gente comune è alla mercé di esperti governativi ben pagati e non eletti che detengono un vasto potere. Cioè, viviamo nell’era di i tecnocrati: persone che affermano di avere una saggezza speciale che dà loro il diritto di controllare, manipolare e gestire le istituzioni della società usando il potere coercitivo dello stato.

Ci è stato detto che queste persone sono “non politiche” e useranno la loro impressionante conoscenza scientifica per pianificare l’economia, la salute pubblica, la sicurezza pubblica o qualsiasi obiettivo il regime ha deciso che i tecnocrati avranno il compito di realizzare.

Queste persone includono banchieri centrali, giudici della Corte Suprema, burocrati della “salute pubblica” e generali del Pentagono. La narrativa è che queste persone non sono lì per rappresentare il pubblico o piegarsi alle pressioni politiche. Sono lì solo per fare “la cosa giusta” come dettato dalla teoria economica, dalle scienze biologiche, dalla teoria giuridica o dallo studio delle tattiche militari.

Ci è stato anche detto che per consentire a queste persone di agire come i geni apolitici puramente ben intenzionati che sono, dobbiamo dare loro la loro indipendenza e non mettere in discussione i loro metodi o conclusioni.

Siamo stati esposti a questa routine ancora una volta la scorsa settimana come presidente Biden ha annunciato che “rispetterà l’indipendenza della Fed” e consentire ai banchieri centrali di impostare la politica monetaria senza alcuna fastidiosa interferenza da parte dei rappresentanti dei contribuenti che pagano tutti i conti e che pagano principalmente il prezzo quando i banchieri centrali peggiorano le cose. (Biden, ovviamente, non l’ha menzionato i banchieri centrali hanno sbagliato in modo spettacolare sulla minaccia dell’inflazione negli ultimi anni, con i tassi di inflazione che hanno raggiunto i massimi da 40 anni, la crescita economica negativa e il credito al consumo che si accumula mentre le famiglie lottano per far fronte al costo della vita.)

Convenientemente, il rinvio di Biden alla Fed gli consente di incolpare in seguito quando le condizioni economiche peggiorano ancora. Tuttavia, il fatto che abbia messo l’economia nelle mani di presunti esperti apparirà senza dubbio lodevole a molti. Questo perché il pubblico è stato a lungo istruito dalle scuole pubbliche e dai media che sono esperti del governo dovrebbe avere il margine di manovra per esercitare un vasto potere in nome di “riparare” qualsiasi problema che la società deve affrontare.

La classe degli esperti come strumento per l’edilizia statale

Il successo di questa idea rappresenta una grande vittoria per l’ideologia progressista. I progressisti si sono impegnati da tempo a creare una classe di esperti speciali come mezzo per costruire il potere statale. Negli Unted States, ad esempio, il culto della competenza iniziò davvero a prendere piede tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, e portò direttamente a sostenere un maggiore intervento del governo nel settore privato. Come osserva Maureen Flanagen in “Progressisti e progressivismo in un’era di riforma,”

“La competenza nelle scienze sociali ha fornito ai progressisti politici una base teorica per proposte prudenti per creare uno stato più attivista. … Gli scienziati sociali professionisti hanno composto una ristretta cerchia di uomini che hanno creato uno spazio tra il mondo accademico e il governo da cui partire per sostenere la riforma. Si sono rivolti l’un l’altro, hanno addestrato i loro studenti a seguire le loro idee e raramente hanno parlato al grande pubblico”.

Questi uomini fondarono nuove organizzazioni, come l’American Economics Association, per promuovere questa nuova classe di esperti e i loro piani per una società pianificata in modo più centralizzato. In definitiva, la classe degli esperti era di natura rivoluzionaria. I nuovi scienziati sociali pensavano di conoscere meglio i patrizi, i leader religiosi, i rappresentanti locali e gli attori del mercato che avevano plasmato a lungo le istituzioni locali. Invece,

I progressisti erano modernizzatori con un’agenda strutturale-strumentista. Hanno rifiutato di fare affidamento sui valori più antichi e sulle norme culturali per ordinare la società e hanno cercato di creare una società moderna riordinata con istituzioni politiche ed economiche gestite da uomini qualificati per applicare competenze fiscali, efficienza professionale e competenze scientifiche moderne per risolvere i problemi e salvare la democrazia. Le discipline accademiche emergenti nelle scienze sociali dell’economia, dell’economia politica e delle scienze politiche e dell’educazione pragmatica hanno fornito le basi teoriche per questo progressivismo esperto di classe media.

L’impulso progressista per un governo basato sull’esperienza è stato forse esemplificato dal pianificatore dei trasporti progressista Emory Johnson che ha sostenuto un forte ramo esecutivo federale che sarebbe stato resistente alle pressioni politiche mentre si basava sui presunti giudizi “scientifici” dei pianificatori del governo e di altri burocrati. Johnson

ha esplicitamente affrontato la questione del ruolo delle competenze nello Stato americano. … ha affermato che il successo si basava su quelle che chiamava “funzioni esecutive”. Ha cercato di conferire potere al ramo esecutivo del governo federale come sede naturale degli esperti.1

Nella visione progressista, i leader aziendali e i politici delle macchine mancavano di una visione razionale e ampia dei bisogni della società. Al contrario, gli esperti del governo affronterebbero i problemi della società come scienziati. Johnson riteneva che questo modello esistesse già in qualche modo nel Dipartimento della Guerra, dove Johnson immaginava che il Segretario alla Guerra fosse “abbastanza libero da pressioni politiche e [relied] su consiglio degli ingegneri”. Johnson immaginava che questi burocrati dalla mentalità scientifica potessero portare una “applicazione davvero economica e scientifica” della politica.2

Pianificatori centrali “disinteressati”.

Johnson faceva parte di un’ondata di esperti e intellettuali che tentavano di sviluppare “un nuovo regno di competenza statale” che favoriva i tecnocrati apolitici che avrebbero pianificato le infrastrutture e l’industria della nazione.3 Molti storici lo hanno riconosciuto questi sforzi erano fondamentalmente “attività di costruzione dello stato … [and] la loro comparsa ha segnato e simboleggiato uno spartiacque in cui una nuova politica di amministrazione e gruppi di interesse, spesso antidemocratica, ha sostituito la vita pubblica partigiana e orientata localmente del diciannovesimo secolo.4[emphasis added]

In breve, ha gettato i semi per la tecnocrazia idealizzata che abbiamo oggi: insensibile al pubblico e intrisa di un vasto potere coercitivo che sostituisce continuamente la discrezione e le prerogative private.

In effetti, la devozione progressista alla competenza ha seguito “il modello fondamentale della politica progressista”; che è “il reindirizzamento del processo decisionale verso l’alto all’interno delle burocrazie”.5 Pertanto, in contrasto con le istituzioni politiche populiste di un tempo precedente, il processo decisionale nell’era progressista divenne più impiegato, più ceto medio – in contrasto con i lavoratori del partito della classe operaia – e più gerarchico all’interno delle burocrazie direttamente controllate dallo stato agenzie esecutive.

Sebbene i progressisti si considerassero i salvatori della democrazia, hanno comunque riconosciuto il conflitto tra i loro ideali democratici professati e la dipendenza dagli esperti:

[Progressives] ha conciliato il conflitto tra l’uso della burocrazia gerarchica per cercare l’efficienza e la dispersione del potere per raggiungere l’uguaglianza raffigurando i sistemi burocratici come salvaguardie dell’ordine pubblico. … Poiché l’autorità derivava da fatti presumibilmente disinteressati e competenze “scientifiche”, i sistemi burocratici venivano presentati dai loro sostenitori come strutture obiettive, coerenti ed essenzialmente democratiche.6

Questa nozione idealizzata di “esperto disinteressato” costituiva una componente chiave dell’agenda progressista:

I riformatori progressisti hanno proposto un antidoto alla corruzione della politica clientelare, sottolineando esperti disinteressati e un’amministrazione razionalizzata: un consiglio comunale nominerebbe un funzionario esecutivo, il direttore della città, che a sua volta nominerebbe luogotenenti qualificati per assisterlo. Le burocrazie razionalizzate e centralizzate presidiate dai dirigenti cittadini sarebbero gestite “scientificamente”, cioè oggettivamente, isolate dalle politiche clientelari.7

Chi dovrebbe governare?

In molti modi, quindi, questo aspetto dell’ideologia progressista ha ribaltato l’agenda politica laissez-faire il liberalismo classico in testa. I liberali della varietà jeffersoniana e jacksoniana avevano cercato di farlo aumento influenza politica esterna nel processo decisionale attraverso le elezioni e la nomina di attivisti di partito fedeli ai rappresentanti eletti. Questo perché i liberali temevano che una classe isolata di esperti governativi avrebbe funzionato più nel proprio interesse che in quello dei contribuenti.

I progressisti, tuttavia, immaginavano di poter creare una classe di esperti apolitici disinteressati dedicato solo alla scienza oggettiva. La questione fondamentale, allora, è diventata una questione di chi dovrebbe governare: esperti isolati o rappresentanti non esperti con legami più stretti con i contribuenti.

Possiamo vedere oggi che i progressisti sono in gran parte riusciti a concedere un potere di gran lunga maggiore all’odierna classe tecnocratica di esperti. Sono elogiati per la loro presunta attenzione scientifica e ci viene detto di rispettare la loro indipendenza.

Se l’obiettivo è mai stato quello di proteggere i controlli pubblici sul potere statale, tuttavia, questo è sempre stato un ideale impraticabile. Creando una classe speciale di burocrati esperti con carriere decennale all’interno del regime stesso, stiamo semplicemente creando una nuova classe di funzionari in grado di esercitare il potere statale con poca responsabilità. Chiunque abbia una visione sufficientemente critica del potere statale potrebbe vederne il pericolo. È interessante notare che è stato l’anarco-comunista Mikhail Bakunin a riconoscere l’impossibilità di risolvere il problema del potere statale affidando a esperti scientifici la responsabilità. Tale mossa rappresentava solo un trasferimento di potere da un gruppo all’altro. Così, Bakunin messo in guardia:

Lo Stato è sempre stato patrimonio di qualche classe privilegiata; una classe sacerdotale, una classe aristocratica, una classe borghese e infine una classe burocratica.

Inoltre, gli sforzi per pianificare la società dal centro da parte delle burocrazie statali, Bakunin notato,

richiederà una conoscenza immensa e molte “teste traboccanti di cervelli” in questo governo. Sarà il regno dell’intelligenza scientifica, il più aristocratico, dispotico, arrogante e sprezzante di tutti i regimi. Ci sarà un nuova classe, una nuova gerarchia di scienziati e studiosi reali e presunti.

Non è necessario, ovviamente, avere un socialismo in piena regola per creare questa “nuova classe”. Lo stato moderno con la sua economia mista nella maggior parte dei casi ha già tutte le infrastrutture burocratiche necessarie per renderlo realtà. Finché ci rivolgiamo a questa classe dirigente di “scienziati e studiosi”, i progressisti hanno vinto.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Armano il governo contro il popolo”


L’ex rappresentante delle Hawaii Tulsi Gabbard (D) ha criticato il Dipartimento per la sicurezza interna e il Dipartimento di giustizia dell’amministrazione Biden per aver sfruttato il loro potere di punire individui con opinioni dissenzienti.

In un discorso programmatico al Western Conservative Summit di Denver sabato, Gabbard ha avvertito che la campagna dell’amministrazione Biden per combattere la “disinformazione” è in realtà un velato tentativo di controllare le informazioni.

“Una delle ultime tattiche che stanno usando, come ben sai, è che affermano di volerci proteggere dalla ‘disinformazione’, proteggerci da ciò che affermano non è vero”, ha detto Gabbard al suo pubblico.

“Lo fanno supportati dalla forza più letale sulla Terra, poiché si autoproclamano l’unica autorità e voce della verità, di ciò che è informazione”.

“Quindi, decidono cosa è vero e cosa falso. Decidono cos’è la disinformazione e cos’è l’informazione. E coloro che non rispettano la linea sono accusati di diffondere disinformazione e di essere presi di mira e diffamati”, ha aggiunto.

Gabbard ha evidenziato gli sforzi del DHS per inquadrare le “narrazioni ingannevoli” come una minaccia di terrorismo domestico come pretesto per perseguire la sua opposizione politica, come i genitori che frequentano le udienze del consiglio scolastico per condannare la teoria critica della razza e i programmi di indottrinamento dell’ideologia di genere.

“Il Dipartimento per la sicurezza interna di Biden ha dichiarato che ci troviamo di fronte a una crescente minaccia di terrorismo interno in questo paese, sulla base di tre fattori, il primo dei quali è ‘la proliferazione di narrazioni false o fuorvianti, che seminano discordia o minano la fiducia del pubblico nelle istituzioni governative statunitensi .’ La minaccia numero uno”, ha detto Gabbard.

“Sono loro che decidono quali sono le narrazioni false o fuorvianti e, quindi, possono decidere chi è preso di mira a causa di ciò”.

“Sapete, il procuratore generale di Biden ha accusato la sua unità terroristica interna di perseguire persone che hanno opinioni anti-autoritarie, compresi i genitori”, ha continuato. “Genitori che osano opporsi ai loro consigli di istruzione e alle loro scuole perché si preoccupano dell’istruzione dei loro figli. Pensa all’impatto di questo da un punto di vista pratico”.

Questi sforzi del governo in malafede per controllare il discorso in America minacciano il Primo Emendamento e la stessa democrazia, ha affermato Gabbard.

“Come votiamo We The People per scegliere un presidente quando non abbiamo nemmeno la libertà di impegnarci in un mercato di idee o di condividere la nostra opinione, ascoltare altre prospettive, valutare le informazioni che abbiamo raccolto e fare nostre decisione informata su chi merita l’onore e la responsabilità di servire come comandante in capo?” lei chiese.

“Non possiamo. Non possiamo farlo, finché viviamo in una società in cui siamo circondati da intimidazioni e paura di essere presi di mira, di essere cancellati e di doverci autocensurare per non perdere il nostro lavoro e la nostra capacità di fornire per le nostre famiglie”, ha concluso.

Le osservazioni di Gabbard arrivano in 75 giorni “pausa” sul lancio del DHS del suo “Disinformation Governance Board”in cui il dipartimento esaminerà come rendere il pubblico più ricettivo al suo “Ministero della verità” orwelliano.


Il caso giudiziario espone il ministero della verità fascista di Biden

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I globalisti si incontrano segretamente a Washington per discutere dei crolli del mercato e della continuità del governo – Bilderberg 2022




Il Gruppo Bilderberg parlerà di un potenziale tracollo finanziario globale, in particolare di come garantire una “continuità di governo” in mezzo a sconvolgimenti nell’economia

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Cittadini ucraini bombardati dal loro stesso governo hanno paura di parlare


Gli ultimi rapporti pubblicati dal giornalista indipendente Patrick Lancaster mettono in evidenza la tragica posizione in cui si trovano centinaia di migliaia di cittadini ucraini perché temono di dire la verità sul sanguinoso conflitto in corso nella loro nazione.

Lancaster, un veterano dell’esercito americano diventato giornalista di guerra, ha catturato filmati che mostrano diversi cittadini vittime dei bombardamenti ucraini, ma teme di dire alla telecamera che le bombe vengono lanciate dall’esercito ucraino.

Come Infowars documentato dall’inizio della guerra a fine febbraio, i cittadini ucraini nella regione del Donbas sono stati vittime del genocidio delle forze ucraine.

Nonostante questo, qualsiasi cittadino ucraino che critichi il regime di Zelensky o gli sforzi militari della nazione facce arrestate e gettate in prigione a vita ai sensi del decreto legge marziale del presidente.

In un rapporto pubblicato lunedì, Lancaster ha filmato una casa nella regione di Kherson in Ucraina che è stata colpita da un missile ucraino.

Diverse persone del posto hanno confermato che i proiettili provenivano dal territorio controllato dall’Ucraina e una donna aveva effettivamente paura di riconoscere che era l’esercito di Zelensky a bombardare il suo villaggio.

Alla domanda se i missili fossero stati lanciati da Mykolaiv, la donna ha implorato: “Ragazzi, non provocatemi a dire questa risposta. Non sei cieco, lo vedi tu stesso. Non provocarmi a dirlo ad alta voce.


In un rapporto di 45 minuti che ha segnato tre mesi della guerra Ucraina-Russia, Lancaster ha viaggiato attraverso territori sotto il controllo delle forze russe.

Chiacchierando con un gruppo di giovani donne in fila per le sim dei telefoni cellulari, Lancaster ha chiesto come fossero le cose sotto il controllo ucraino rispetto a come le cose fossero sotto il controllo russo.

Intromettendosi nella conversazione, una donna anziana in piedi con le ragazze ha detto a Lancaster: “È pericoloso parlare perché possono imprigionarti, ci è stato detto”.

Dopo che Lancaster ha chiesto alla donna cosa aveva paura di dire, ha spiegato che i cittadini sono preoccupati per le ripercussioni se dovessero sostenere apertamente l’Ucraina o la Russia perché la situazione è così incerta.

Dopo aver persuaso la donna per la sua opinione personale su quale esercito preferisce occupare la sua regione, ha ammesso: “Russia”.

Alla domanda sul perché avesse paura di dirlo, la donna ha risposto: “Perché qualcuno ci spaventerebbe con la reclusione”.

Dopo aver ascoltato l’ammissione della donna, le tre giovani donne in piedi nelle vicinanze hanno affermato di essere d’accordo e che non tutti i giovani ucraini sono contrari alla Russia.

Il regime autoritario di Zelensky ha messo fuori legge tutti i partiti politici dell’opposizione, è impegnato in massicci sforzi di propaganda finanziati dagli Stati Uniti e ha i cittadini ucraini che vivono nel timore di esprimere liberamente le proprie opinioni.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

‘Gli elitari vogliono un governo mondiale unico; Non è una teoria del complotto’


Il senatore Rand Paul è apparso su Fox News giovedì e ha discusso di ciò che è in corso Raduno del World Economic Forum a Davos Svizzerasottolineando che non è una teoria del complotto suggerire che l’organizzazione stia cercando un governo mondiale unico, piuttosto è “nella loro dichiarazione di intenti”.

Paul ha esortato che “Il vero pericolo qui è ancora più pericoloso di tutto il loro falso interesse per l’impronta di carbonio, il vero pericolo è questo; guarda quanto è cattivo il tuo governo in un paese in cui puoi votare per queste persone.

“Questo sarebbe un governo, un governo mondiale in cui non puoi votare per nessuno. Questo è il peggior incubo di tutti”, ha affermato Paul, riferendosi alla ‘penetrazione’ del WEF, per citare il suo capo Klaus Schwab, nei governi nazionali.

“La burocrazia che abbiamo problemi nei nostri Stati Uniti perché non possiamo votarli, votiamo indirettamente”, ha detto Paul, aggiungendo “Riesci a immaginare la burocrazia mondiale di tutti questi elitari e dei loro jet privati ​​che farebbero governi il nostro paese e non potremmo votare?

Il senatore ha continuato: “Quindi sono assolutamente contrario a questo e loro chiamavano le persone che parlavano di un governo mondiale dicevano che è una cospirazione. Diciamo sempre di no, è nella loro dichiarazione di intenti”.

“Lo dicono ad ogni incontro. Ecco a cosa servono”, ha proclamato Paul, aggiungendo “mancanza di sovranità significa mancanza di libertà, significa mancanza di reattività ed è completamente antitetico a tutto ciò che rappresenta il nostro paese”.

Guadare:

Guarda l’ultimo video su foxnews.com

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Documenti del governo rivelano piani segreti in caso di attacco nucleare che attiva poteri in tempo di guerra per Biden – Guarda LIVE


Owen Shroyer ospita questa edizione LIVE di War Room, nei giorni feriali dalle 15:00 alle 18:00 CT.

Prendi anche i flussi a infowars.com/show e Video.vietato.

Assicurati di unirti ad Alex Jones GETTR & Telegramma! Salva il futuro e unisciti al prossimo Rinascimento seguendo questi NUOVI siti di social media indipendenti oggi!


Guarda e condividi questa edizione esplosiva della trasmissione più vietata al mondo:

ATTENZIONE: Riprese inquietanti riprese fuori dalla scuola elementare durante la sparatoria a Uvalde:

Per favore DONATE OGGI per mantenere Infowars in onda in modo da poter difendere il Primo Emendamento e combattere l’agenda globalista!

Tieniti informato e iscriviti alla Newsletter di Infowars QUI.

Feed rombo:

CLICCA QUI per guardare il nostro feed dal vivo che ora è in streaming 24 ore su 24, 7 giorni su 7 su GETTR! Inoltre, assicurati di seguire Alex Jones e Video.vietato su GETTR per le ultime notizie e le informazioni esclusive!

Alex Jones è su Telegram:


The American Journal: i media riferiscono che i poliziotti stavano fuori mentre Salvador Ramos sparava a scuola

Leggi di più.

Segui The American Journal su Telegram:

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Cotton e Gabbard avvertono che il “Ministero della verità” del governo è solo in pausa



A seguito della notizia che il consiglio di amministrazione della disinformazione del Dipartimento per la sicurezza interna è stato messo da parte a causa di “caratterizzazione errata”il senatore del GOP Tom Cotton e l’ex candidato presidenziale democratico Tulsi Gabbard hanno entrambi avvertito che lo schema è sospeso solo perché è stato smascherato e probabilmente tornerà di nascosto.

Apparendo su Fox News, Cotton ha dichiarato: “Sono felice di sapere che questo Ministero della Verità orwelliano è almeno in pausa per il momento, ma penso che sia importante rendersi conto che è stato sospeso solo perché il popolo americano lo ha scoperto”.

Cotton ha continuato: “Il governo non ha controversie di arbitraggio commerciale impegnate in campagne politiche o dibattiti pubblici. Se non ti piace il discorso di qualcun altro, la soluzione è più discorso. Non è usare il Dipartimento per la sicurezza interna, per carità, per cercare di censurare o etichettare le argomentazioni di qualcuno nella sfera pubblica”.

“Ora, penso che i Democratici spesso credano che la disinformazione e la disinformazione siano semplicemente fatti che riflettono male su Joe Biden e sul Partito Democratico”, ha ulteriormente esortato Cotton.

“Il Congresso deve agire nelle prossime settimane per garantire che – e niente di simile – possa mai essere creato di nuovo in futuro”, ha affermato il senatore.

Orologio:

Gabbard ha anche twittato sentimenti simili, sottolineando che “la libertà richiede vigilanza”.

Come abbiamo notato giovedì, il cosiddetto ‘Ministero della Verità’ potrebbe essere rispolverato e riattivato in qualsiasi momento, con rapporti che suggeriscono che il segretario del DHS Alejandro Mayorkas ha scelto l’ex segretario del DHS Michael Chertoff per sostituire la completamente compromessa Nina Jankowicz e per condurre una “revisione approfondita” del programma.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il governo afferma che il consiglio di DHS Disinfo verrà chiuso a causa di Disinfo



Dopo la notizia che il Consiglio per la disinformazione del Dipartimento per la sicurezza interna è stato sospeso, la nuova segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha affermato che il motivo è che è stato “caratterizzato male”.

Definito dalla critica un “Ministero della verità”, il consiglio di disinformazione è stato sospeso, con il suo capo Nina Jankowicz, soprannominata la “Mary Poppins della disinformazione”, presentando una lettera di dimissioni, secondo Il Washington Post.

Interrogando Jean-Pierre sulla questione mercoledì, il giornalista di Fox News Peter Doocy ha osservato: “La scorsa settimana, voi ragazzi avete detto che avete bisogno di questo comitato per la governance della disinformazione al DHS per assicurarvi che la libertà di parola sia protetta in tutto il paese e che queste piattaforme non vengano utilizzate per i forum di disinformazione, quindi cosa è cambiato?”

Jean-Pierre ha risposto che il Consiglio è stato sospeso a causa di “caratteristiche errate [sic] da forze esterne”.

“Quindi, se è in pausa perché ritieni che il consiglio sia stato caratterizzato in modo errato, il Consiglio di disinformazione verrà chiuso a causa della disinformazione? È quello che sta succedendo qui?” chiese Doocy, sottolineando l’ironia.

Orologio:

Inoltre, la stessa Jankowicz è apparsa su MSNBC e ha anche affermato che la disinformazione è il motivo per cui il consiglio di disinformazione è sospeso.

“Tutte queste narrazioni sensazionalistiche su ciò che la gente pensava che il consiglio avrebbe fatto erano completamente sbagliate. Era un meccanismo di coordinamento. Aveva lo scopo di assicurarsi che la grande agenzia che è il Dipartimento per la sicurezza interna, che le persone parlassero tra loro al suo interno”, ha affermato Jankowicz.

“Quindi, ogni caratterizzazione del consiglio che hai sentito fino ad ora è stata errata e, francamente, è un po’ ironico che il consiglio stesso sia stato rilevato dalla disinformazione quando aveva lo scopo di combatterlo”, ha aggiunto.

Nonostante il fatto che lei in precedenza aveva paragonato la libertà di parola alla “polvere di fata”ha promosso la menzogna che la storia del laptop di Hunter Biden fosse una disinformazione russa e ha citato in modo ridicolo Christopher Steele come un esperto di disinformazione, Jankowicz ha anche affermato che “Dire che sono solo un attore partigiano era selvaggiamente fuori contesto”.

Orologio:

Il cosiddetto Ministero della Verità potrebbe essere rispolverato e riattivato in qualsiasi momento, con rapporti che suggeriscono che il segretario del DHS Alejandro Mayorkas ha scelto l’ex segretario del DHS Michael Chertoff per sostituire Jankowicz e per condurre una “revisione approfondita” del programma.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I sindaci della città lavorano direttamente con le Nazioni Unite come autorità di resa del governo degli Stati Uniti all’OMS



I sindaci democratici si preparano a dare all’Organizzazione Mondiale della Sanità il controllo assoluto delle principali città in nome della salute pubblica. In realtà, la mossa è un tentativo di cedere la sovranità degli Stati Uniti all’organismo globale, il primo passo nella creazione di un governo mondiale.

Guarda questo potente rapporto che spiega come “2000 Mules” di Dinesh D’Souza fosse una pistola fumante della frode elettorale del 2020, ma la giustizia non è ancora stata servita:


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biden non vuole discutere della sparatoria in California perché non può usarla contro il GOP, non vuole sconvolgere il governo cinese



Nella trasmissione di martedì di “John Bachman Now” di Newsmax TV, il rappresentante Byron Donalds (R-FL) ha affermato che “Joe Biden non vuole parlare di quello che è successo alla chiesa in California. Perché non vuole infiammare il governo cinese”.

E che Biden è stato riluttante a parlare della sparatoria alla chiesa della California e dell’attacco alla parata di Waukesha perché quegli incidenti non potevano essere usati per attaccare i repubblicani.

Donalds ha dichiarato: “Joe Biden non vuole parlare di quello che è successo alla chiesa in California. Perché non vuole infiammare il governo cinese. Ecco perché non ne vuole parlare. È molto più facile separare gli americani. È molto più facile provare a dire che, quando una tragedia arriva nel nostro paese, dove vengono uccisi uomini e donne nere, che in qualche modo è colpa dei repubblicani. È facile andare là fuori e dirlo. Perché non operiamo in questo modo: i conservatori non operano nel modo in cui opera il Partito Comunista Cinese.

Quindi, Joe Biden non avrà il coraggio di parlare davvero di quello che è successo in California. Non ha avuto il coraggio di andare a Waukesha. Quando, sì, c’è stato un uomo di colore che ha investito dei ragazzini bianchi a una parata di Natale. Non ha avuto il coraggio di dire niente allora, ma siccome la politica gli sta bene dalla sua parte della navata, ecco che viene a Buffalo”.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Psaki corregge Biden, afferma che “controlliamo tutti i rami del governo”



La segretaria stampa di Joe Biden, Jen Psaki, ha trascorso buona parte della conferenza stampa di martedì cercando di ripulire le precedenti osservazioni goffe del suo capo, inclusa la sua affermazione che i democratici controllano “tutti e tre i rami del governo”.

In una rara conferenza stampa martedì, Biden sembrava ammettere la domanda se la sua amministrazione fosse responsabile dell’inflazione dilagante in America, dove ha risposto: “Siamo al potere. Questa è la prima cosa.

… Ma poi Biden ha rapidamente riportato la sua dichiarazione.

“E hai giustamente ragione sul fatto che controlliamo tutti e tre i rami del governo… beh, in realtà non lo facciamo”, ha aggiunto.

Psaki o non ha ricevuto il promemoria o voleva chiarire che i Democratici, in effetti, controllano tutti e tre i rami del governo, nonostante la Corte Suprema sia a maggioranza conservatrice, anche se si esclude il giudice John Roberts.

“Come ha notato oggi, lui è il presidente. Controlliamo tutte le forme di rami di governo”, ha affermato Psaki. “Ecco perché ha esposto molto chiaramente cosa continuerà a fare come presidente per abbassare i prezzi”.

C’è molto da disfare qui.

Prima di tutto, il fatto che Biden o Psaki siano arrivati ​​al punto di affermare di controllare tutti e tre i rami del governo rivela la loro ignoranza su come dovrebbe funzionare il governo degli Stati Uniti.

Dopotutto, il governo americano non è una dittatura, ma tre rami di governo indipendenti che utilizzano un sistema di controlli e contrappesi per impedire un consolidamento del potere.

Tuttavia, forse Psaki e Biden si sono lasciati sfuggire di credere di controllare non solo la presidenza e il sottile Congresso a maggioranza democratica, ma anche la Corte Suprema a maggioranza conservatrice.

Senile Biden sembra non avere idea di cosa controlli effettivamente, mentre Psaki, assetato di potere, sembra pensare che i Democratici abbiano il pieno dominio sull’intero governo degli Stati Uniti.

In ogni caso, le loro osservazioni sono sia inquietanti che rivelatrici.

Guarda le conferenze stampa complete di Biden e Psaki:


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

IN EVIDENZA – Joe Biden è ritardato?




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Un altro “beneficio” del governo crea caos finanziario



Le origini del programma di prestito studentesco federale sono ben documentate e seguono una traiettoria simile alla maggior parte dei programmi di sussidio del governo nella storia americana.

Ogni precedente programma di sussidi governativi ha avuto una storia di cattiva gestione, inefficienza, incentivi all’indietro e pressioni inflazionistiche attraverso la creazione e la distribuzione di nuovi dollari in cambio di beni e servizi a tassi inferiori al loro valore di mercato.

L’acquisizione federale dei prestiti agli studenti è un sussidio perché vende al di sotto del valore di mercato il tasso di interesse, gli standard di prestito e i termini di rimborso di questo specifico tipo di prestito. Queste categorie sono state esacerbate durante la risposta all’emergenza alla pandemia iniziata all’inizio del 2020: i tassi di interesse sui prestiti studenteschi federali sono stati ridotti allo 0%, i pagamenti richiesti sono stati temporaneamente sospesi e ora c’è confusione su quando, se mai, i pagamenti degli interessi riprenderanno o se il governo cancellerà del tutto questi debiti.

La modifica dei termini di pagamento ha anche creato incentivi diretti per i mutuatari a sospendere i pagamenti sui debiti dei prestiti studenteschi anche se hanno i mezzi per pagare. Con debiti a tassi di interesse reali negativi (e la speranza che possano essere perdonati in futuro) e la possibilità di detenere la ricchezza in conti di risparmio o di impiegarla in altri usi più redditizi, i mutuatari hanno poche ragioni per ripagare i propri debiti.

Le azioni dell’amministrazione Biden fino ad oggi hanno contribuito all’inflazione e agli incentivi all’arretramento per i mutuatari. Se questa amministrazione vuole riparare la nave, dovrà parlare chiaramente del futuro dei debiti dei prestiti studenteschi federali. Dovrebbero avvertire i mutuatari che i pagamenti riprenderanno il 31 agosto 2022 e che il periodo di interesse zero non continuerà, ma prevarrà invece il tasso di interesse originale.

Dovrebbero dichiarare esplicitamente che non ci saranno ulteriori sospensioni dei pagamenti. Se l’amministrazione Biden procede lungo la strada della confusione per il mutuatario e consente al contribuente di sostenere i costi di questo sussidio, ci sarà solo un’opzione per il Congresso. Il Congresso dovrà dichiarare che approverà una legislazione per rimuovere l’autorità del governo federale di prestare denaro agli studenti per l’istruzione universitaria. Questa azione non punirebbe il cittadino che potrebbe aspettarsi di ottenere una riduzione degli oneri finanziari, ma sarebbe l’unico passaggio logico per chiarire la confusione sull’eventuale necessità di erogare prestiti in futuro. Una volta stabilito il precedente che il governo è disposto a salvare i mutuatari, inizieranno ad aspettarsi azioni simili in futuro.

Il governo federale ha una lunga storia di conseguenze indesiderate e il programma di prestito studentesco non fa eccezione. Una di queste conseguenze è il concetto di azzardo morale. L’azzardo morale si verifica quando un’entità crea una rete di sicurezza (come l’assicurazione) ma riduce inavvertitamente e contemporaneamente il costo di un comportamento rischioso. Quando il governo ha creato la FDIC (Federal Deposit Insurance Corporation) sulla scia della Grande Depressione, ha aperto le porte alle banche per adottare comportamenti più rischiosi, sapendo che la maggior parte dei loro depositi sono assicurati dal governo federale. Thomas Hoenig, vicepresidente della FDIC, ha detto in un discorso nel 2017:

La minaccia di fallimento serve a garantire che le banche rimangano più sensibili al rischio e impedisce al settore di tendere a rischi eccessivi. Senza la disciplina fornita dai depositanti e dagli altri creditori inclini a ritirare i propri fondi quando sospettano che una banca non sia sicura, le banche sono incentivate ad assumere tali esposizioni.

Sulla scia della crisi finanziaria del 2007-2008, il governo si è sentito in dovere di reagire salvando molte istituzioni finanziarie e società. In risposta, l’ispettore generale speciale per il Troubled Asset Relief Program (TARP) del Tesoro statunitense, Neil Barofsky, ha scritto in un rapporto trimestrale nel 2009: “In assenza di una riforma normativa significativa, TARP corre il rischio di rianimare semplicemente mercati che erano crollati sotto il peso di comportamenti sconsiderati”.

L’intervento del governo incoraggia l’azzardo morale attraverso comportamenti eccessivamente rischiosi che sconsigliano le sanzioni pecuniarie. In questo momento l’amministrazione Biden sta valutando se rimuovere ancora di più il costo economico delle decisioni prese dai quarantatré milioni di individui con prestiti agli studenti per un totale di $ 1.606 trilioni di dollari, con una media di $ 37.000 per mutuatario. Se tutti o una parte di questi prestiti vengono condonati, verrà stabilito il precedente affinché questa rete di sicurezza appaia di nuovo per i futuri mutuatari di prestiti studenteschi.

Il calcolo del rischio dei mutuatari cambia quando il contribuente può ritirare il conto. Ci sarà un aumento dei mutuatari e un aumento del saldo dei prestiti quando il pagamento in contanti oggi costa più del pagamento degli interessi per alcuni anni prima che i tuoi debiti siano probabilmente condonati. A partire dal primo trimestre del 2022, il 78 percento di questi mutuatari deve meno di $ 40.000 e il 56 percento deve meno di $ 20.000. Se si prevede la remissione del debito, i futuri mutuatari saranno incentivati ​​ad assumere più debito del prestito studentesco e a mantenerlo per periodi più lunghi.

Perdonare oggi un certo valore dei prestiti agli studenti cambierà immediatamente le abitudini di spesa di coloro che hanno i soldi stanziati nei conti di risparmio per il rimborso del loro debito o che hanno pianificato di pagare il debito con guadagni futuri. Ciò stimolerà questi mutuatari a fare piani alternativi per quel denaro, piani che senza dubbio aumenteranno artificialmente la domanda di beni e servizi nei prossimi anni.

Gli attuali mutuatari di prestiti studenteschi non hanno bisogno di ulteriore confusione sui termini di pagamento dei loro prestiti, i futuri mutuatari di prestiti studenteschi non devono sottovalutare il costo dei loro obblighi di pagamento, la politica monetaria non ha bisogno di un ulteriore afflusso di dollari nell’economia e i contribuenti no hanno bisogno di oneri aggiuntivi durante il trasferimento di ricchezza ai mutuatari di prestiti studenteschi. Il presidente Biden dovrebbe essere chiaro che i pagamenti del debito riprenderanno il 31 agosto e che i mutuatari dovrebbero iniziare a prepararsi a rimborsare i prestiti secondo le condizioni originali. Se il presidente non lo chiarisce, o perdona qualsiasi importo del debito del prestito studentesco, il Congresso deve rimuovere l’autorità del governo federale di emettere nuovi prestiti studenteschi.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Ridicolo” fare affidamento sul governo per “notizie false e disinformazione” della polizia



Venerdì, il conduttore della HBO Bill Maher si è scagliato contro il Ministero della Verità di Joe Biden, noto anche come Disinformation Governance Board, definendo “ridicoli” i tentativi del governo di controllare le fake news e la disinformazione.

“Dato che questo è il fine settimana della festa della mamma, fermiamoci e prendiamoci un momento per pensare a come tua madre è sempre stata lì per te, a prendersi cura di te e a tenerti al sicuro, e poi renditi conto che non è il lavoro di Twitter”, ha detto Maher durante il suo ” segmento Nuova regola”.

“Tenerti al sicuro e separare le bugie dalla verità è il tuo lavoro. Quando parliamo di disinformazione, ci concentriamo sempre sui produttori, mai sui consumatori, come se fossimo tutte bionde stupide e indifese pronte a credere a qualsiasi cosa, come Donald Trump”.

“Ora, le bugie si diffondono più velocemente di prima? Ovviamente. Ma può anche la verità, che, nell’era di Internet, è sempre a portata di mano”, ha continuato. “Devi solo imparare a usare Google per qualcosa di diverso dal porno. Ma questa idea che possiamo ripulire Twitter e proteggerti da notizie false e disinformazione è così ridicola.

“È come controllare i graffiti sul muro del bagno di un bar, abbiamo chiamato questo numero e non ci siamo divertiti. Le persone mentono sempre, è quello che fanno le persone. Ogni epoca è l’era della disinformazione”, ha concluso.

Maher non è l’unico democratico a criticare il Ministero della Verità del Dipartimento per la sicurezza interna.

Ex rappresentante Tulsi Gabbard (D-Hawaii) ha sostenuto questa settimana c’era l’ex presidente Barack Obama dietro la creazione del panel del governo orwelliano, notando che si era formato pochi giorni dopo che Obama aveva chiesto maggiore censura sui social media.

Il capo del DHS Alejandro Mayorkas respinto critiche al fatto che il Disinformation Governance Board “monitora” la libertà di parola, sostenendo che farà il “contrario” e si concentrerà sulla “disinformazione” da paesi stranieri e cartelli della droga.


Le donne arroganti decideranno cosa puoi e cosa non puoi vedere



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Zelensky critico arrestato in Spagna per ordine del governo ucraino


Un popolare YouTuber e critico del presidente Zelensky è stato arrestato in Spagna per volere del governo ucraino con l’accusa di tradimento e rischia l’estradizione, nonostante abbia pubblicamente condannato l’invasione russa dell’Ucraina.

Sì davvero.

Anatoly Shariy, che ha quasi 3 milioni di abbonati YouTube, è stato arrestato con un mandato d’arresto internazionale in un’operazione congiunta della polizia spagnola e ucraina, nonché di “partner” internazionali, secondo il Servizio di sicurezza ucraino (SBU).

Affermano che Shariy ha agito per conto di forze “straniere” violando la sicurezza nazionale ucraina attraverso il suo commento mediatico sulla guerra e impegnandosi in “incitamento all’odio”.

L’arresto di Shariy “è un’ulteriore prova che ogni traditore dell’Ucraina riceverà prima o poi la sua meritata punizione. È inevitabile”, ha affermato la SBU.

Il blogger aveva già ottenuto asilo dall’UE nel 2012 dopo essere fuggito dalle persecuzioni del governo di Viktor Yanukovich, filo-russo.

Nonostante abbia condannato l’invasione russa dell’Ucraina, le critiche di Shariy alla risposta di Zelensky sono state apparentemente sufficienti per essere preso di mira dalle autorità ucraine.

Dopo il sequestro del passaporto, Shariy è ora a Barcellona con un divieto di viaggio fino a quando non verrà presa una decisione sulla sua estradizione in Ucraina. Il rappresentante del presidente Zelensky presso la Corte costituzionale ha affermato che Shariy “affronterà un tribunale ucraino e sarà ritenuto responsabile in linea con le leggi ucraine”.

In risposta al suo arresto, Shariy ha pubblicato una foto di sua moglie che dava da mangiare ai pappagalli a Barcellona, ​​commentando: “Questa è davvero una commedia”.

L’arresto di Shariy, ancora una volta, mette a tacere l’idea che l’Ucraina sia una sorta di faro della democrazia, quando le sue autorità trattano i dissidenti esattamente come vengono trattati i dissidenti in Russia.

Il mese scorso, è stato diffuso un filmato dell’Associated Press che accompagnava uomini armati del servizio di sicurezza ucraino mentre rapivano e arrestavano dissidenti dalle loro stesse case.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Un insider del governo rivela che l’amministrazione Biden importa noti terroristi dall’Afghanistan


L’ultimo video bomba di Progetto Veritas dettagli sulle affermazioni di una fonte governativa che afferma che noti e sospetti terroristi dall’Afghanistan vagano liberamente negli Stati Uniti.

Secondo Veritàalcuni di questi individui sono entrati nel Paese dopo l’uscita dall’Afghanistan dell’amministrazione Biden e sono stati introdotti dal Dipartimento per la sicurezza interna [DHS] nell’ambito di un programma “rifugiati” chiamato Operazione Allies Welcome.

Il progetto Veritas riporta:

“Dopo essere stato tolto dalla lista di controllo dei terroristi, Ismael Jurat è arrivato negli Stati Uniti il ​​31 agosto 2021 ed è stato riaggiunto meno di un mese dopo sotto il livello di minaccia ‘Tier 1’ sotto un codice chiamato ‘Category 15’ che è classificato come “armato e pericoloso” per aver “usato esplosivi/armi”. Da allora, il suo visto di lavoro è stato approvato e le registrazioni indicano che attualmente vive in California”.

Anwarallhaq Wahidi è anche classificato come una minaccia di “Categoria 15” dal Dipartimento per la sicurezza interna per aver “usato esplosivi/armi”. È stato aggiunto alla Watchlist dei terroristi solo il 17 ottobre 2021, dopo essere già stato ammesso negli Stati Uniti nell’ambito dell’operazione Allies Welcome. 10 giorni dopo, il suo visto di lavoro di 2 anni è stato approvato”.

“Nonostante sia stato segnalato dal DHS, perché ‘si è impegnato o è probabile che si impegni in un atto terroristico violento non specificato’, Nazir Ahmad Rahimi è entrato negli Stati Uniti il ​​24 agosto 2021. Nonostante sia stato arrestato dall’ICE mentre si trovava negli Stati Uniti, è ancora essere espulso e il suo ultimo indirizzo noto è nella capitale della nostra nazione, Washington, DC”

Finora, l’operazione Allies Welcome ha portato in America oltre 84.000 rifugiati afgani.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Migliaia di cittadini ucraini radunati dal loro stesso governo, etichettati come “traditori”


I cittadini ucraini accusati di “aiutare la Russia” durante la recente guerra vengono strappati dalle loro case dai servizi di sicurezza dell’Ucraina (SBU).

Secondo il Associated Pressquasi 400 cittadini sono stati arrestati nella sola regione di Kharkiv.

Ciò significa che ci sono migliaia di ucraini che vengono gettati nelle carceri per “traditori” dove rischiano fino a quindici anni di carcere, ma la quantità esatta di persone detenute è “classificata”.

I cittadini accusati potrebbero aver “collaborato con le forze russe” mentre altre azioni arrestabili includono “smentire pubblicamente l’aggressione russa o sostenere Mosca.”

Quindi, chiunque viva in Ucraina e abbia sposato una posizione politica filo-russa mentre una guerra mortale ha raggiunto la soglia di casa potrebbe essere gettato in una cella.

Nel video qui sotto, i media americani promuovono l’allontanamento dei “traditori”.

Un uomo arrestato dalla SBU avrebbe avuto “post sui social media che lodavano il presidente russo, chiedevano la secessione e insultavano la bandiera ucraina”.

Gli ufficiali militarizzati si sono seduti nell’appartamento dell’uomo e gli hanno mostrato screenshot dei suoi post sui social media in cui “non parlava molto bene della bandiera ucraina”.

Il cittadino tremante disse agli uomini armati che aveva cambiato idea ma fu comunque arrestato.

Sotto le “leggi anti-collaborazione” autoritarie del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha messo in atto subito dopo l’invasione russa del 24 febbraio, qualsiasi cittadino con opinioni politiche sbagliate è ora un bersaglio.

Zelensky ha detto al popolo ucraino: “La responsabilità per la collaborazione è inevitabile e se accadrà domani o dopodomani è un’altra domanda. La cosa più importante è che la giustizia sarà inevitabilmente servita”.

Come AP riporta: “Sebbene il governo Zelenskyy abbia un ampio sostegno, anche tra molti di lingua russa, non tutti gli ucraini si oppongono all’invasione. Il sostegno a Mosca è più comune tra alcuni residenti di lingua russa del Donbas, una regione industriale dell’est. Un conflitto di otto anni tra i separatisti sostenuti da Mosca e le forze governative ucraine aveva ucciso oltre 14.000 persone anche prima dell’invasione di quest’anno.

AP ha anche ammesso: “Secondo la legge marziale, le autorità hanno bandito 11 partiti politici filo-russi, incluso il più grande che aveva 25 seggi nel parlamento di 450 membri – la Piattaforma di opposizione per la vita, fondata da Viktor Medvedchuk, un oligarca incarcerato con stretti legami con Putin”.

Un portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che il gruppo sta lavorando con il governo ucraino per indagare su otto casi specifici di sparizione di cittadini che potrebbero costituire violazioni dei diritti umani per conto dell’Ucraina.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani sta anche indagando su due casi di uccisioni illegali di cittadini “filo-russi” insieme ad altri casi in cui le forze dell’ordine ucraine e altri puniscono sospetti “filo-russi”.

Sicuramente, comportarsi come le SS naziste non è il modo per conquistare i cuori e le menti di coloro che accusano il tuo esercito di adottare tattiche naziste e sostenere il battaglione neonazista Azov.

L’operazione dragnet potrebbe diffondersi in tutto il mondo mentre le nazioni in tutto il mondo adottano politiche Internet basate sulle Nazioni Unite e reprimono i discorsi ritenuti “odiosi” o “disinformazione”.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il governo non dovrebbe occuparsi di “affari” di polizia “disinformazione”


Nina Jankowicz, la neo nominata capo del Comitato per la governance della disinformazione dell’amministrazione Biden, ha dichiarato al Congresso nell’ottobre 2020 di non vedere alcun ruolo per il governo federale nel controllo della disinformazione online.

“Non credo che il governo dovrebbe essere in questo settore”, ha detto durante la testimonianza davanti alla Commissione per l’intelligence della Camera.

Jankowicz, che da allora ha sostenuto un forte ruolo del governo nel respingere la “disinformazione”, è stato interrogato dal rappresentante Jim Himes (D-CT), il quale ha affermato che la sua esperienza di crescere in paesi tirannici dell’America Latina lo aveva reso “violentemente allergico” ai governi che affermavano di regolare il flusso di informazioni.

“Iniziamo a percorrere quella strada e non stiamo solo ‘spezzando la democrazia’, stiamo infrangendo il liberalismo classico e illuminato”, ha detto. Ha aggiunto di ritenere che fosse “piuttosto zoppo” che il governo sembrasse esternalizzare lo sforzo per affrontare la disinformazione alle società tecnologiche della Silicon Valley.

Himes ha anche sfidato Jankowicz: “Voglio davvero vedere le prove che le persone vedono queste informazioni e stanno in modo significativo, in modo materiale, smantellando la nostra democrazia attraverso la violenza o attraverso organizzazioni politiche”.

Ha anche notato che c’erano anche esempi di democratici che usavano la “disinformazione”, come l’allora presidente Barack Obama “che se volevano mantenere il loro piano assicurativo privato, potevano farlo. Ciò si è rivelato non essere vero”. Ha chiesto se le società di social media dovrebbero quindi perseguire anche l’ex presidente per aver infranto la sua promessa agli elettori.

Jankowicz ha risposto: “Capisco perfettamente la tua avversione all’idea che il governo avrebbe combattuto contro la disinformazione, in effetti – l’uso di quel termine è stato fondamentalmente la base di alcune leggi sulle fake news molto draconiane in luoghi come la Russia o persino Singapore. Non credo nemmeno che il governo dovrebbe occuparsi di questo settore”.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link