Archivi tag: Forum

The Top 10 Creepiest & Most Dystopian Things Pushed By The World Economic Forum


When one talks about the “global elite”, one usually refers to a small group of wealthy and powerful individuals who operate beyond national borders. Through various organizations, these non-elected individuals gather in semi-secrecy to decide policies they want to see applied on a global level.

The World Economic Forum (WEF) is smack dab in the middle of it all. Indeed, through its annual Davos meetings, the WEF attempts to legitimize and normalize its influence on the world’s democratic nations by having a panel of world leaders attending and speaking at the event.

A simple look at the list of attendees at these meetings reveals the organization’s incredible reach and influence. The biggest names in media, politics, business, science, technology, and finance are represented at the WEF.

According to mass media, the Davos meetings gather people to discuss issues such as “inequality, climate change, and international cooperation”. This simplistic description appears to be custom-made to cause the average citizen to yawn in boredom. But topics at the WEF go much further than “inequality”.

Throughout the years, people at the WEF have said some highly disturbing things, none of which garnered proper media attention. In fact, when one pieces together the topics championed by the WEF, an overarching theme emerges: The total control of humanity using media, science, and technology while reshaping democracies to form a global government.

If this sounds like a far-fetched conspiracy theory, keep reading. Here are the 10 most dystopian things that are being pushed by the WEF right now. This list sorted is in no particular order. Because they’re all equally crazy.

#10 Penetrating Governments

The least one can say is that Klaus Schwab, the founder and the head of the WEF is not a fan of democracy. In fact, he perceives it as an obstacle to a fully globalized world.

In the 2010 WEF report titled “Global Redesign”, Schwab postulates that a globalized world is best managed by a “self-selected coalition of multinational corporations, governments (including through the UN system), and select civil society organizations (CSOs)”. This is the exact opposite of a democracy.

He argued that governments are no longer “the overwhelmingly dominant actors on the world stage” and that “the time has come for a new stakeholder paradigm of international governance”. For this reason, the Transnational Institute (TNI)described the WEF as “a silent global coup d’état” to capture governance.

In 2017, at Harvard’s John F. Kennedy School of Government, Schwab blatantly admitted what is continually dismissed as a “conspiracy theory” by mass media: The WEF is “penetrating” governments around the world.

Schwab said:

“I have to say, when I mention now names, like Mrs. (Angela) Merkel and even Vladimir Putin, and so on, they all have been Young Global Leaders of the World Economic Forum. But what we are very proud of now is the young generation, like Prime Minister [Justin] Trudeau, the President of Argentina and so on.

We penetrate the cabinets. So yesterday I was at a reception for Prime Minister Trudeau and I know that half of his cabinet, or even more than half of his cabinet, are actually Young Global Leaders of the World Economic Forum. (…) It’s true in Argentina and it’s true in France, with the President – a Young Global Leader.”

In this outstanding talk, Schwab blatantly stated that Angela Merkel of Germany, Vladimir Putin of Russia, Justin Trudeau of Canada, and Emmanuel Macron of France were “groomed” by the WEF. He even adds that at least half of Canada’s cabinet consists of representatives sold to the WEF’s agenda. This is not a conspiracy theory. This is the absolute truth, confirmed by the head of the WEF himself.

#9 Controlling Minds Using Sound Waves

In 2018, one of the topics of discussion at the WEF was “Mind Control Using Sound Waves” (read my full article about it here). I did not alter this title for sensationalism, those are exactly the words used by the WEF.

This is the title of an actual article published on the WEF’s official website. It was deleted for obscure reasons, but it is still viewable in web archives.

In the article, the technology is touted as a possible treatment for Parkinson’s and Alzheimer’s disease. However, the article also states that “it can cure you, it can get you addicted, and it can kill you”. It can also be used to completely control a person’s mind, remotely. The article states:

“I can see the day coming where a scientist will be able to control what a person sees in their mind’s eye, by sending the right waves to the right place in their brain. My guess is that most objections will be similar to those we hear today about subliminal messages in advertisements, only much more vehement.

This technology is not without its risks of misuse. It could be a revolutionary healthcare technology for the sick, or a perfect controlling tool with which the ruthless control the weak. This time though, the control would be literal.”

The conclusion of the article: Nobody can stop scientists from developing this technology. To prevent misuse, it should be regulated by organizations such as … the WEF. That’s convenient because some companies developing this technology are part of the WEF. Do you see where this is going?

#8 Pills That Contain Microchips

Once again, this title sounds like a far-fetched conspiracy theory cleverly worded for sensationalism. It is not. Here’s a video from the WEF’s 2018 meeting where Albert Bourla, the CEO of Pfizer, talks about pills that contain microchips.

Bourla says:

“FDA approved the first ‘electronic pill’, if I can call it like that. It is basically a biological chip that is in the tablet and, once you take the tablet, and it disolves into your stomach, it sends a signal that you took the tablet. So imagine the applications of that, the compliance. The insurance companies would know that the medicines that patients should take, they do take them. It is fascinating what happens in this field.”

Is this field truly fascinating? Or utterly dystopian? As Bourla himself said: Imagine the compliance. This kind of technology could easily open the door to all kinds of nefarious applications. Since then, COVID put Pfizer in a position of power never seen before for a pharmaceutical company.

Like Pfizer, the WEF is also using COVID to further its agenda.

#7 Praising Massive Lockdowns

In 2020 and 2021, cities around the world were subjected to massive and drastic lockdowns, causing job losses, suicides, drug overdoses, isolation, mental health issues, domestic abuse, bankruptcies, and homelessness. During this horrific period, children could not attend school for months and were essentially barred from interacting with other children. A slew of small and medium businesses was destroyed while large corporations strived.

Despite all of this, the WEF could not hide its love of drastic, life-destroying lockdowns. In fact, it released a video surrealistically called “Lockdowns are quietly improving cities around the world”. Here’s this piece of complete insanity.

The video states “Lockdowns significantly reduced human activity … leading to Earth’s quietest period in decades,” while showing dystopian images of empty cities and planes stuck on the ground.

Completely ignoring the immense human suffering caused by these lockdowns, the WEF considered it was all worth it because “carbon emissions were down 7% in 2020”.

When this thing was first posted, it garnered intense backlash. So the WEF deleted the video above and posted this tweet.

As you can see, despite deleting the video, the WEF kept praising lockdowns. That’s because the WEF would love to see “covidian” life become permanent.

#6 “Take a Peek at the Future”

Judging by comments on YouTube and social media, people absolutely hate videos created by the WEF. But they keep coming. Because they don’t care what you think. They just want to plant their seed of insanity into your mind. In a video titled “How our lives could soon look” (read my full article about it here), the WEF invites viewers to “take a peek at the future”. And it is BLEAK. It is all about making COVID life permanent.

The video is filled with masked people, purell dispensers, and QR codes. This is the future they want. Then, there’s this nugget of insanity.

No. Go away.

The video proudly says:

“NASA has invented a system that can ID you from your heartbeat using a laser.”

As if that wasn’t enough, the video shows children stuck at home and being schooled through screens. The video ends by showing people wearing masks outside, like crazy people.

NONE. Go away.

#5 Pushing For a Great Reset

As stated above, the WEF perceives the pandemic as an “opportunity”. It is not only an opportunity to reshape our personal existence but to restructure the entire world structure according to its principles. The WEF calls it “the Great Reset”. To promote this Reset (that absolutely nobody wants) the WEF released a propaganda video (it really fits the definition of “propaganda”). Here it is in all of its insanity. 

When I posted an article about this video in 2021, the comments were not yet turned off. And I took a screenshot of the top ones.

This short video manages to contain an incredible amount of subversive messages. It even ridiculizes “conspiracy theories” while, astoundingly, confirming these theories.

A screenshot from the video. Are you serious?

The video also announced the “death of capitalism”.

Another surreal screenshot from the video.

While capitalism is based on a self-regulating system of offer and demand, the Great Reset looks to redefine the way businesses are evaluated through new parameters. The main one: Compliance with the elite’s social and political agendas.

Towards the end, the narrator utters this enigmatic sentence:

“And that’s all about getting the right people in the right place at the right time”.

While the video doesn’t quite explain what this sentence actually means in real-life situations, its implications are rather chilling. Instead of allowing successful individuals and businesses to grow organically, the elite’s system would interfere to “get the right people at the right place at the right time”, in accordance with its agenda. In other words, the system would be rigged and compliance with a wider agenda would be mandatory in a new economy.

The video ends with a call to viewers to get involved. However, of course, you’re not actually invited to the WEF. In fact, they’re actually looking to “recalibrate” your freedom of speech.

#4 “Recalibrating” freedom of speech

An easy way to identify world leaders who are groomed by the WEF is through their incessant railing against free speech. They absolutely hate it and they’re constantly calling for the internet to be censored and highly regulated. At the 2022 Davos meeting, Australian “eSafety commissioner” Julie Inman Grant stated that we need a “recalibration of free speech”.

Grant said:

“We are finding ourselves in a place where we have increasing polarization everywhere and everything feels binary when it doesn’t need to be. So I think we’re going to have to think about a recalibration of a whole range of human rights that are playing out online. You know, from freedom of speech to the freedom to be free from online violence.”

Here, Grant essentially calls for censorship. She even believes that freedom of speech as a human right should be “recalibrated” using “online violence” as an excuse. There is no such thing as “online violence”. They love to equate speech with violence. It is an extremely manipulative way of justifying China-style censorship.

Free speech is, in fact, binary. Either it exists or it doesn’t. And they clearly don’t want it to exist.

#3 Tracking Your Clothes

The WEF wants to control your clothes. And they’ve made a video about it. Did I mention that people absolutely hate WEF videos? Here’s another one that got people’s blood boiling.

Using the environment as an excuse (as usual), the WEF announced the coming of clothing laced with “digital passports” that can be traced at all times. Backed by Microsoft (of course), these garments will apparently flood the market by 2025.

According to the WEF, these chips will allow fashion brands to resell their clothes. I have no idea how that would work. The video makes sure NOT to mention that this technology would be a great way of tracking those who ditched their smartphones.

But ditching your smartphone might become … impossible.

#2 “Smartphones will be in your body by 2030”

At the 2022 Davos meeting, Nokia CEO Pekka Lundmark claimed that, by 2030, “smartphones will be implanted directly into the body.” This would coincide with the coming of 6G technology, which is expected to be launched by the end of the decade.

For years, this site has been documenting the elite’s incessant push for transhumanism, which is the merging of humans with machines. They’re looking to accelerate this transition by making things people cannot live without (such as smartphones) available in transhumanist form.

Are you noticing their creepy eagerness to insert things inside our bodies?

#1 “You’ll Own Nothing. And You’ll Be Happy.”

This is probably the most dystopian moment in WEF history. In 2016, Ida Auken, a Member of Parliament in Denmark said:

“Welcome to 2030. I own nothing, have no privacy, and life has never been better”.

The WEF loved that quote so much that it tweeted about it.

The WEF also created a video (that everybody absolutely hated) titled “8 Predictions for the World in 2030”. Here’s a screenshot.

The WEF loves to phrase its “predictions” in a non-conditional form, as if they’re an inevitability. But look at this smiling guy. He’s clearly happy. Thank you WEF!

An article on the WEF’s website explains:

“I don’t own anything. I don’t own a car. I don’t own a house. I don’t own any appliances or any clothes,” writes Danish MP Ida Auken. Shopping is a distant memory in the city of 2030, whose inhabitants have cracked clean energy and borrow what they need on demand. It sounds utopian, until she mentions that her every move is tracked and outside the city live swathes of discontents, the ultimate vision of a society split in two.

In this dystopian future, there are no products you can own. Only “services” that are rented and delivered using drones. This system would make all humans completely dependent on WEF-controlled corporations for every single basic need. There would be absolutely no autonomy, no freedom, and no privacy. And you’ll be happy.

Honorable Mention: Individual carbon footprint tracker

At the 2022 Davos meeting, Alibaba Group president J. Michael Evans announced the development of an “individual carbon tracker”.

Once again, the WEF uses the environment to promote the micro-management of human behavior. Evans says that the tracker can monitor “where they’re traveling, how they’re traveling, what are they’re eating and what are they consuming on the platform”.

Notice that he used the pronoun “they” and not “we” because there is no way in hell he’s going to use that thing. Me neither.

In Conclusion

Upon reviewing this list, two common themes become obvious. The first theme is “penetration”. The WEF wants to penetrate governments using “Global Leaders” (aka Manchurian candidates). It also wants to penetrate our bodies through pills, microchips, and vaccines. It also wants to penetrate our minds using soundwaves, censorship, and propaganda.

The other theme is “control”. They want to control what we think, where we go, what we say, what we eat, and what we wear.

Do you know who agrees with the WEF? China. Censorship is widespread, a social credit system controls people’s behaviors and COVID is still used as an excuse for massive lockdowns and total population control. Not to mention the literal concentration camps. Despite all of this, Chinese officials are constantly present at WEF meetings. Why? Because China is basically a laboratory for the WEF’s policies.

With all of that being said, how can we counteract the WEF’s insanity? How can we vote them out if they were never voted in? A first step would be to elect – at all levels of government – representatives that want nothing to do with the WEF. If our elected officials treated the WEF as the rogue, illegitimate organization that it is, its influence would be greatly reduced.

Second, we can boycott every company that is part of the WEF. I realize this is easier said than done because many of these companies are virtual monopolies. However, if we stop giving them our money, they’ll stop using our money to poison our lives.

Then, they’ll own nothing. And we’ll all be happy.

P.S. If you appreciated this article, please consider supporting The Vigilant Citizen through a VC Membership (which allows you to view the site ad-free + a free copy of the VC e-book) or through Patreon (same perks as a VC Membership). Alternatively, you can make one-time donation here. Thank you for your support!



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Meeting Annuale 2022 del World Economic Forum


L’incontro annuale del World Economic Forum (WEF) a Davos è forse la conferenza più impopolare del mondoe il fondatore e presidente del WEF, Klaus Schwab, una delle figure più disprezzati del mondo.

Spesso paragonato a “Dottor Male”, il personaggio interpretato da Mike Mayers in Austin Powers serie, e abitualmente paragonato a a James Bond supercriminale su Internet, Schwab è visto come un megalomane messianico che guida una nefasta cabala di leader mondiali e capi aziendali in un futuro dominato da un’élite globalista.

Un Twitter sondaggio di TruthBoost chiede: “Il World Economic Forum rende il mondo un posto migliore?” Al momento della stesura di questo articolo, il 98,4% degli intervistati ha dichiarato di no.

Che cosa c’è in questa confusione e nei suoi leader che rende il WEF e le sue riunioni così disprezzati? Dopotutto, il WEF è “impegnato a migliorare lo stato del mondo”, o almeno così dice il suo slogan. A quanto pare, alla maggior parte delle persone non piace avere un gruppo di dittatori auto-nominati non eletti che emettono decreti dall’alto verso il basso e raccomandano politiche che limitano la loro libertà e violano i loro diritti.

L’incontro annuale di quest’anno è stato annunciato come il più importante dei suoi cinquant’anni di storia, data la guerra in Ucraina e la “nuova normalità” post-pandemica. Schwab ha suggerito altrettanto nel suo osservazioni di benvenutoaggiungendo: “Dobbiamo rafforzare la nostra resilienza contro un nuovo virus, possibilmente, o altri rischi che abbiamo nell’agenda globale” (8:30 mark, corsivo mio).

Dato che la retorica collettivista e i piani di Schwab sono stati accolti così male che ha dovuto scrivere un libro intitolato La grande narrativa per giustificare e riformulare il Great Reset come necessario e benigno, si potrebbe pensare che Schwab potrebbe scegliere le sue parole con più attenzione non suggerendo che un “nuovo virus” o “altri rischi” fanno parte di un “agenda globale” che “noi” (loro) stanno intraprendendo, come se si trattasse di eventi futuri in programma. Ma Schwab e il WEF sono naturali nel generare teorie della cospirazione e teorici della cospirazione. (Per inciso, la parola “collettivo” è usata cinquantadue volte in La grande narrativa.)

La riunione annuale è stata caratterizzata da dibattiti su una serie di questioni, tra cui realtà aumentata; valute digitali della banca centrale; transizione climatica nelle economie emergenti; l’impronta di carbonio delle criptovalute; l’economia digitale; diversità, equità e inclusione; sanzioni economiche; occupazione nella quarta rivoluzione industriale; transizione energetica in Cina; indicizzazione ambientale, sociale e di governance (ESG).; geopolitica; una tassa globale; assistenza sanitaria pandemica; consumo responsabile; restituire la natura alle città; e Russiacome indirizzo speciale dal presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyy.

La gamma di argomenti è sbalorditiva ma anche indicativa dell’etica di pianificazione centrale arrogante del WEF. Dalle valute digitali centralizzate alla pianificazione urbana, le preoccupazioni del WEF ricordano e probabilmente lo sono state influenzato dal Club di Roma e ne sono pieni neomalthusianesimo. Sembra che non ci sia nulla in cui il WEF non pretenda di essere esperto e nulla su cui non emetta raccomandazioni. Eppure i media mainstream considerano ancora il Great Reset del WEF una teoria del complotto, nonostante quella di Joe Biden osservazione recente che i prezzi elevati del gas sono qualcosa da celebrare come parte di “un’incredibile transizione” verso le energie rinnovabili. In altre parole, i prezzi elevati del gas hanno sempre fatto parte della pianificazione del Green New Deal e il politburo di Biden è stato certamente parte della loro ascesa.

Un punto culminante della riunione del 2022 includeva il commissario australiano per la eSafety Julie Inman Grant detto durante un panel intitolato Ushering in a Safer Digital Future che “la libertà di parola non è la stessa cosa di una libertà per tutti” e che “avremo bisogno di una ricalibrazione di tutta una serie di diritti umani che si stanno manifestando online – dalla libertà di parola, all’essere liberi dalla violenza online”.

Questi commenti inquietanti arrivano sulla scia della scivolata dell’Australia verso il totalitarismo durante la pandemia e della recente approvazione da parte dell’Unione europea del Legge sui servizi digitali, che vieta l'”incitamento all’odio” e la “disinformazione” e rappresenta un passo importante verso la governance mondiale di Internet. In particolare, il quadro dell’UE per le comunicazioni digitali regolerà il discorso in merito a “cambiamenti climatici”, sfide per la salute come il coronavirus e altre “pandemia” e “incitamento all’odio” o altri “discorso illegale” come definito dall’UE. Per soddisfare i requisiti normativi dell’UE e razionalizzare i propri sforzi, i siti di ricerca e le piattaforme di social media molto probabilmente applicheranno semplicemente una serie di regole, quella dell’UE, a tutti i contenuti online.

In breve, che il WEF e i suoi partecipanti siano pianificatori centrali e globalisti incapaci o, ciò che è più probabile, potenti influencer che hanno un impatto su tutto, dalle politiche governative al processo decisionale aziendale, questo gruppo ha l’ardire di suggerire che sono o dovrebbero essere responsabili del mondo. Non importa lasciare le persone sole a perseguire i loro interessi di vita, comprese le loro vite economiche e familiari. Questi pianificatori principali devono intervenire contro tutti i piani individuali, locali, regionali e nazionali. Come notò Ludwig von Mises, tali pianificatori centrali sono sempre autoritari che desiderano sovrascrivere i piani degli individui. Credono di avere indubbiamente ragione, nonostante l’orrenda esperienza dell’interventismo.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il World Economic Forum esorta le persone a mangiare alghe, alghe e cactus per salvare il pianeta


I tecnocrati del World Economic Forum stanno esortando le persone ad abbandonare la carne e altri alimenti ritenuti dannosi per il pianeta e invece a consumare “cibi benefici per il clima” come alghe, alghe e cactus.

Il WEF ha fatto l’appello mentre concludeva l’incontro del 2022 degli elitari globali a Davos, in Svizzera.

Un video di sintesi è stato pubblicato su Twitter in cui il WEF ha promosso alternative a un sistema alimentare che ha affermato essere responsabile dei due terzi delle emissioni globali di anidride carbonica.

Un elenco di base pubblicato dall’organizzazione trionfa sulle alghe come “un sostituto ideale della carne” perché ha un “profilo carbon-negativo” ed è ricco di “acidi grassi essenziali e alto contenuto di vitamine e antiossidanti”.

La guida evidenzia anche che i cactus contengono “alte quantità di vitamine C ed E, carotenoidi, fibre e aminoacidi”, sottolineando che sono già comunemente consumati in Messico.

“Questa crisi alimentare è reale e dobbiamo trovare soluzioni”, ha affermato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio Ngozi Okonjo-Iweala.

A dicembre 2020, il World Economic Forum pubblicato due articoli sul suo sito web che esplorano come le persone potrebbero essere condizionate ad abituarsi all’idea di mangiare erbacce, insetti e bere acqua di scarico al fine di ridurre le emissioni di CO2.

All’inizio di quest’anno, la professoressa della Vanderbilt University Amanda Little discusso che tutti nel mondo hanno bisogno di iniziare a mangiare insetti e che l’approvazione dell’UE ha conferito loro una forma di “dignità” al loro consumo.

A febbraio, la testata giornalistica di proprietà di un miliardario Bloomberg disse Gli americani dovrebbero far fronte all’aumento dell’inflazione mangiando lenticchie invece della carne.

Un gruppo di economisti ambientali anche in Germania richiesto che vengano imposte enormi tasse sui prodotti a base di carne per combattere il cambiamento climatico, con richieste che la carne bovina sia il 56% più costosa.

“Non c’è traccia di ciò che è stato servito esattamente ai 2.500 delegati invitati a cena durante il raduno d’élite a Davos e se le istruzioni dietetiche del WEF siano state seguite o meno dai partecipanti”, scrive Simone Kent.

Se il vertice della Cop26 sui cambiamenti climatici in Scozia lo scorso anno è stato indicativo, alghe e cactus non erano nel menu.

I partecipanti hanno gustato piatti pieni di ingredienti di origine animale che rappresentavano almeno il doppio dell’impronta di carbonio del pasto medio nel Regno Unito.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Meta annuncia che il World Economic Forum avrà un ruolo di leadership nel metaverso


Il World Economic Forum (WEF) è sulla buona strada per essere al centro della definizione di come sarà il futuro metaverso inserendosi nella creazione del metaverso sin dall’inizio.

L'”iniziativa multistakeholder” del WEF vuole assumere un ruolo di leadership nella definizione e nella costruzione del metaverso, ha annunciato il presidente degli affari globali di Facebook (Meta) e l’ex vice primo ministro britannico Nick Clegg.

L’iniziativa, esposto in un post sul sito web dell’evento di Davos, è ambizioso: cerca di fornire una guida sulla creazione di “un metaverso etico, inclusivo ed economicamente sostenibile” e rappresenta il collegamento tra imprese, autorità di regolamentazione, società civile e mondo accademico sia del settore privato che pubblico.

“The Defining and Building the Metaverse” vuole concentrarsi sulla produzione di principi di governance per esso, ma anche su qualcosa definito come “creazione di valore sociale”. La prima area chiave dell’iniziativa dovrebbe determinare tecnologie e ambienti sicuri, interoperabili e “inclusivi” per il metaverso, mentre non viene spiegato cosa significhi “creazione di valore”.

Il post, tuttavia, afferma che l’iniziativa fornirà informazioni sui rischi e sugli incentivi per le imprese e la società, nonché per gli individui.

E “delineerà anche come le catene del valore potrebbero essere interrotte, le industrie potrebbero essere trasformate, potrebbero essere creati nuovi asset e potrebbero essere protetti i diritti”.

Il WEF sembra voler essere coinvolto nella creazione e, attraverso la governance e la regolamentazione, in definitiva, il controllo del metaverso nelle prime fasi del suo sviluppo. Il post riconosce che il concetto potrebbe andare in diverse direzioni e il WEF vorrebbe indirizzarlo in una particolare, concordata dai partecipanti all’iniziativa.

Attualmente, il loro numero supera i 60, incluso Big Tech. Il post cita dichiarazioni di parti interessate come Clegg per conto di Meta e alti dirigenti di Microsoft, HTC, Sony Interactive, nonché Walmart, CJ Corporation, LEGO Group, Animoca Brands e altri.

Tra le circa 60 parti interessate non ci sono solo giganti e startup tecnologiche e aziendali, ma anche accademici e rappresentanti della società civile, ha affermato il WEF.

Ciò che l’iniziativa promette è di fornire all’industria un toolkit per costruire il metaverso, che è di natura “etica e responsabile”.

Secondo Nick Clegg, il futuro metaverso rappresenterà “una forza per l’inclusione e l’equità”.

E Meta non vuole nemmeno essere ritenuto troppo responsabile.

“Non deve essere modellato da sole aziende tecnologiche. Deve essere sviluppato apertamente con uno spirito di cooperazione tra il settore privato, i legislatori, la società civile, il mondo accademico e le persone che utilizzeranno queste tecnologie”, ha affermato.

Non è chiaro dal documento del WEF, tuttavia, come esattamente le “persone che utilizzeranno queste tecnologie” siano rappresentate come parti interessate.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

‘Piano Marshall’ sul clima: le Nazioni Unite si uniscono all’appello del Forum economico mondiale per porre fine all’uso di petrolio, gas e carbone


Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres mercoledì ha chiesto la fine dell’uso di petrolio, gas e carbone a favore delle fonti rinnovabili come parte di un piano Marshall autodefinito sul clima globale.

Il veterano socialista portoghese ha parlato in vista del prossimo incontro annuale del World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera, che ha già pubblicato il proprio chiamata affinché le emissioni nette di carbonio zero siano guidate da un più ampio abbraccio di fonti di energia solare ed eolica senza indugio.

Per evitare il cambiamento climatico catastrofico, l’umanità deve “porre fine all’inquinamento da combustibili fossili e accelerare la transizione verso l’energia rinnovabile, prima di incenerire la nostra unica casa”, ha detto Guterres nelle sue osservazioni preregistrate che coincidevano con il rilascio di un importante stato di ONU- rapporto sul clima, AFP rapporti.

Le tecnologie rinnovabili dovrebbero essere trattate come “beni pubblici globali” liberamente disponibili, non vincolati dalla proprietà intellettuale, ha aggiunto.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha anche chiesto la fine di circa mezzo trilione di dollari di sussidi per i combustibili fossili, di cui circa due terzi vanno ai consumatori e il resto direttamente all’industria come parte della spinta a cambiare le abitudini dei consumatori.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il dottor Malone scompone l’agenda globalista del World Economic Forum


Il dottor Robert Malone, scienziato e inventore della tecnologia mRNA utilizzata nelle iniezioni di COVID, sta lanciando l’allarme sul piano del World Economic Forum (WEF) per il “fascismo globale”.

In un’intervista di giovedì a Notizie ribelli, Il dottor Malone ha espresso il suo sostegno al Canadian Trucker Convoy e ha spiegato come quel movimento stia minando il “totalitarismo pesante” del Great Reset del WEF.

“Per me, è l’enfasi dei camionisti sull’autonomia medica”, ha detto Malone. “La scienza è dalla parte dei camionisti canadesi e statunitensi”.

“Quello che viene fuori dall’altra parte dipende davvero dal fatto che le persone apprezzino l’autonomia personale, e dipende se sono disposte a farsi avanti e combattere per questo – o se sono d’accordo a diventare servi in ​​una situazione tecno-fascista in cui il l’elite finanziaria globale controlla tutto ciò che fai? È questo il mondo in cui vuoi vivere? È questo il mondo in cui vuoi che vivano i tuoi figli? Perché è questo che c’è in gioco qui”.

Malone ha evidenziato come il modello Great Reset del WEF sia essenzialmente una forma sofisticata di fascismo aziendale delineato per la prima volta dal dittatore italiano della seconda guerra mondiale Benito Mussolini.

“C’è una citazione che viene attribuita a Benito Mussolini riguardo a questa logica di partenariato pubblico-privato e di fusione tra corporatus e Stato: lo chiama fascismo”, ha spiegato Malone.

“L’ideatore del fascismo ha affermato esplicitamente la stessa logica: che dovrebbe esserci un’alleanza, una partnership – una fusione – tra gli interessi dello stato e il governo globale”.

“In realtà ha suggerito che un termine migliore del fascismo è Corporativismo; questo è ciò che il World Economic Forum tenta di portare avanti è un fascismo globale – un corporativismo globale – non lo nascondono. Usano parole diverse, ma sono piuttosto preso dal cercare di usare parole semplici, che le persone capiscano e non nascondere le cose dietro parole fantasiose”, ha aggiunto.

Il fondatore del WEF Klaus Schwab di recente ha parlato al Global Government Summit per promuovere il Great Resetinsistendo sul fatto che la “crisi COVID” è il vettore perfetto per trasformare completamente energia, cibo e sistemi di filiera in quella che lui chiama la “Quarta rivoluzione industriale”.


Il senatore australiano lancia le bombe della verità di Klaus Schwab / WEF in parlamento

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il senatore australiano entra in parlamento e lancia bombe della verità su Klaus Schwab, Forum economico mondiale


Un senatore del Sud Australia ha alzato il sipario sull’agenda del Great Reset del World Economic Forum durante una recente riunione parlamentareesponendolo come uno stratagemma comunista sovversivo.

Martedì, il senatore Alex Antic, membro del Partito Liberale d’Australia, rotto come il WEF guida la politica globale installando Young Global Leaders in posizioni di potere in tutto il mondo.

Per esporre questo, Antic ha citato lo stesso fondatore del WEF Klaus Schwab, che si è vantato infamemente di aver installato Young Global Leaders in diversi gabinetti del governo mondiale, dicendo: “Noi penetriamo nei gabinetti … so che metà di questo gabinetto o anche più della metà sono in realtà Young Global Leader del WEF”.

Antic ha detto ai membri del parlamento: “Il World Economic Forum promuove questioni globaliste come il cambiamento climatico, il cosiddetto sesso sistemico e il razzismo e la creazione di un’identità digitale online”.

“Tuttavia, un esame più attento rivela che il WEF è un’organizzazione di mercato anticapitalista e anti-libero che cerca di sovvertire i valori e i processi politici occidentali ed è molto organizzata e molto ben finanziata”.

“Il loro messaggio”, ha continuato, “è progettato per apparire innocuo, quando in realtà l’ideologia che lo sostiene è rivoluzionaria e distruttiva”.

Il senatore dell’Australia Meridionale ha continuato spiegando che il WEF è stato determinante nel promuovere le restrizioni Covid più dure del pianeta, “compresi blocchi, vaccinazioni obbligatorie, passaporti vaccinali e mandati di mascherine, nonostante queste politiche abbiano aggredito molte delle nostre libertà fondamentali”.

Antic ha anche abbattuto l’ideologia centrale del WEF del “capitalismo delle parti interessate”, che presuppone che “il tradizionale capitalismo del libero mercato ignori i pericoli posti dal cambiamento climatico, e quindi il governo deve applicare politiche restrittive per salvare l’ambiente, anche se ciò significa meno ricchezza. “

Il “Great Reset” di Schwab, ha spiegato Antic, cerca di “reimmaginare e reinventare” la società e le politiche sulla scia della pandemia. Ha anche esposto come il suo obiettivo per il 2030 di “non possedere nulla ed essere felice” sia uno slogan comunista appena velato.

“Non devi essere un filosofo politico per capire che se non possiedi nulla, lo stato possiede tutto. C’è un’altra parola per questo: si chiama comunismo».

Il senatore ha concluso con un invito all’azione per gli australiani per saperne di più sull’agenda marxista del WEF prima che il loro paese non sia più riconoscibile.

“Non importa quanto sofisticato il WEF cerchi di far sembrare l’abolizione della proprietà privata in tutto il mondo, le fantasie di Karl Marx portano sempre allo schiacciamento delle libertà e delle vite degli individui e all’espansione della tirannia e del potere dello stato”.

“È imperativo prestare molta attenzione al World Economic Forum e fare tutto il possibile per preservare la libertà e ridurre l’intrusione del governo nelle nostre vite, e se non lo faremo, le forze antidemocratiche in Occidente continueranno a marciare e potremmo svegliarci in un’Australia che non riconosciamo più”.

“Gli australiani meritano di sapere fino a che punto l’influenza e l’infiltrazione del World Economic Forum nel nostro paese, e fino a che punto è arrivato e lo scopriremo”.

Con la propaganda liberale che raggiunge proporzioni allarmanti e si diffonde in ogni aspetto della società, è più che mai necessario che i rappresentanti eletti prendano spunto dal senatore Antic e inizino a lanciare l’allarme sul nefasto programma del Grande Reset del WEF.


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Twitter: https://twitter.com/AdanSalazarWins
Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

Hacking the Human Design: il dottor Zelenko espone il sommo sacerdote di culto transumanista in un’intervista potente



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il Forum economico mondiale interrompe i legami russi sull’invasione dell’Ucraina


Il World Economic Forum di Davos, in Svizzera, ha temporaneamente interrotto i legami russi sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

“Non stiamo interagendo con nessun individuo sanzionato e abbiamo congelato tutte le relazioni con entità russe”, ha detto la portavoce del WEF Amanda Russo Politico.

Il WEF ha anche interrotto i legami con un centro di ricerca a Mosca e un consiglio consultivo guidato dal presidente russo Vladimir Putin. L’organizzazione ha aggiunto che cercherà ancora di colmare i legami tra Russia e Ucraina. Per Politico:

Il gorilla da 800 libbre del circuito delle conferenze globali d’élite ha camminato sul filo del rasoio per decenni quando si tratta della Russia: crogiolarsi nell’attenzione del Cremlino mentre si piega per le buffonate degli oligarchi.

Il fondatore del Forum, Klaus Schwab, è orgoglioso di rendere il suo incontro annuale a Davos aperto a tutti, anche attraverso una relazione personale con Putin che risale ai primi anni ’90.

Tra il 2007 e il 2021, Putin e il suo predecessore, Dmitry Medvedev, si sono rivolti al WEF cinque volte, con Putin che ha rifiutato l’invito a parlare nel gennaio 2015 dopo l’invasione della Crimea.

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il World Economic Forum promuove il sistema di identificazione digitale che determinerà l’accesso ai servizi


Il World Economic Forum (WEF), un’organizzazione internazionale che lavora per “dare forma alle agende globali, regionali e del settore”, ha recentemente pubblicato la sua ultima proposta distopica: un sistema di identificazione digitale di vasta portata che raccoglierà quanti più dati possibili sugli individui e poi utilizzare questi dati per determinare il livello di accesso ai vari servizi.

Questa proposta di identificazione digitale è delineata in a rapporto intitolato “Advancing Digital Agency: The Power of Data Intermediaries” e si basa su a quadro di identificazione digitale che il WEF ha pubblicato in precedenza.

In questo quadro, il WEF propone di raccogliere dati da molti aspetti della “vita quotidiana” delle persone attraverso i loro dispositivi, reti di telecomunicazioni e fornitori di servizi di terze parti.

Il WEF suggerisce che questa rete di raccolta dati consentirebbe a un ID digitale di raccogliere dati sul comportamento online delle persone, la cronologia degli acquisti, l’utilizzo della rete, la storia creditizia, i dati biometrici, i nomi, i numeri di identità nazionali, la storia medica, la cronologia dei viaggi, gli account sociali, e- conti governativi, conti bancari, consumo energetico, statistiche sanitarie, istruzione e altro ancora.

Una volta che l’ID digitale ha accesso a questo enorme set di dati altamente personali, il WEF propone di utilizzarlo per decidere se gli utenti possono “possedere e utilizzare dispositivi”, “aprire conti bancari”, “effettuare transazioni finanziarie online”, “condurre transazioni commerciali”, “accedere a assicurazioni, cure”, “prenotare viaggi”, “passare attraverso il controllo delle frontiere tra paesi o regioni”, “accedere a servizi di terze parti che si basano sugli accessi ai social media”, “presentare tasse, votare, riscuotere vantaggi, ” e altro ancora.

In questo rapporto Advancing Digital Agency: The Power of Data Intermediaries, il WEF posiziona questo quadro di identificazione digitale come parte della soluzione a un “divario di fiducia nella condivisione dei dati” e osserva che i passaporti per i vaccini, che sono stati obbligatori in tutto il mondo durante il COVID -19 pandemia, “per natura servono come una forma di identità digitale”.

Il WEF elogia anche il modo in cui i passaporti per i vaccini hanno consentito ai governi di raccogliere dati dalle loro popolazioni senza “preavviso e consenso”:

“A livello collettivo, i dati sui vaccini sono un’incredibile risorsa per la salute pubblica. Il governo del Regno Unito, in particolare, lo ha riconosciuto e ha suggerito che le tecniche di anonimizzazione, pseudonimizzazione e protezione dei dati potrebbero essere sfruttate in un ambiente controllato per consentire il riutilizzo di tali dati altamente sensibili. In tali casi, per il riutilizzo dei dati non è richiesta la comunicazione e il consenso di per sé, ma i trattamenti intermedi a cui sono sottoposti i dati devono essere effettuati in un ambiente controllato in modo che i risultati del set di dati siano resi disponibili piuttosto che i dati stessi.

Inoltre, il WEF fornisce un esempio specifico di come gli ID digitali potrebbero essere utilizzati per autenticare un utente (mediante impronte digitali, password o tecnologia di verifica dell’identità) e decidere se concedergli l’accesso a un prestito bancario giudicando il suo profilo (che possono includere i loro dati biometrici, nome e numero di identità nazionale) e la storia (che può includere la loro storia di credito, medica e acquisti online).

Il WEF prosegue suggerendo che gli ID digitali “consentiranno la selezione delle preferenze e il compimento di determinate scelte in anticipo” e alla fine apriranno la strada al “processo decisionale automatizzato” in cui un “assistente digitale affidabile” “automatizza i permessi per le persone e gestisce efficacemente i propri dati attraverso diversi servizi” per “superare i limiti di avviso e consenso”.

Questa spinta per un sistema di identificazione digitale invasivo da parte del WEF segue la proposta di altri sistemi di sorveglianza simili come trasformando il tuo battito cardiaco in un ID digitale. Durante tutta la pandemia, il WEF ha costantemente sostenuto passaporti vaccinali e ID digitale.

Al di là di queste proposte specifiche, il WEF è famoso per le sue agende globaliste e transumanistiche come la “Ottimo ripristino” (che propone che le persone “non possederanno nulla” e “saranno felici”) e il “Quarta rivoluzione industriale” (che, secondo il fondatore e presidente del WEF Klaus Schwab, porterà a “una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”).

Governi e società private stanno adottando sempre più gli ID digitali. Anche alcuni governi stanno spingendo un’idea simile: app in stile credito sociale che monitorano il comportamento dei cittadini e li premiano per aver intrapreso azioni approvate dallo stato.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Grande ripristino in pericolo quando i paesi si svegliano al controllo del Forum economico mondiale sui governi



Alex Jones spiega come sempre più persone in tutto il mondo stiano accettando l’agenda del Great Reset del World Economic Forum mentre i governi occidentali tendono a schiacciare con la forza i dissidenti sui mandati COVID mentre le loro narrazioni crollano.

Potenzia le tue difese naturali con i nostri potenti Sole invernale più vitamina D formula, ora al 50% di sconto!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

World Economic Forum Wargames Come spingere ID digitale, passaporti per vaccini


Un nuovo documento del World Economic Forum (WEF) delinea come presentare alla popolazione mondiale un sistema di identificazione digitale basato su una tecnologia che un giorno sarà “incorporata nella pelle”.

Il documento di 46 pagine intitolato “Advancing Digital Agency: il potere degli intermediari di dati” afferma che, poiché un ID digitale verrà utilizzato per l’autenticazione praticamente in ogni aspetto della tua vita, dai servizi finanziari ai viaggi e al commercio, la tecnologia potrebbe “migliorare la protezione della privacy” e “ridurre l’aumento delle frodi di identità”.

Ma se si scava più a fondo, il documento prosegue spiegando come un ID digitale non verrà utilizzato solo per l’autenticazione, ma anche per registrare attributi biometrici, storie di credito e mediche, comportamenti online e di acquisto e persino per controllare la possibilità di viaggiare .

Il WEF cita il ampiamente impopolare passaporto per il vaccino come “forma di identificazione digitale” che l’organismo globalista definisce “un’incredibile risorsa per la salute pubblica” che “verifica” le tue informazioni sanitarie private.

Tali passaporti vaccinali vengono utilizzati quando si viaggia tra giurisdizioni ea livello locale, ad esempio quando si entra in ristoranti o altri luoghi in cui è necessaria la prova dello stato di vaccinazione. È importante sottolineare che questi intermediari forniscono un mezzo per verificare lo stato senza condividere i dati sanitari con lo stabilimento di per sé, in una sorta di scenario a prova di conoscenza zero in cui l’intermediario dei dati di fiducia verifica che l’interessato sia vaccinato ma non condivide altre informazioni. Ciò evita effetti secondari indesiderati dell’istituzione che condivide ulteriormente i dati.

Come abbiamo riportato, l’ID digitale è una componente chiave del WEF Ottimo ripristino agenda, che mira a trasformare l’economia e le istituzioni mondiali in un Nuovo Ordine Mondiale comunista globale, dove la proprietà privata e l’impresa del libero mercato non esistono più.

Un altro aspetto dell’ID digitale e del Great Reset, secondo per il fondatore e transumanista del WEF Klaus Schwab, è unire i mondi fisico, digitale e biologico per cambiare radicalmente “cosa significa essere umani”.

Leggi il documento completo del WEF:


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Le ruote stanno venendo fuori dalla tirannia globalista



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il video “Insane Pro-CRT Propaganda” del World Economic Forum attira un forte rimprovero



Il World Economic Forum (WEF) è stato preso di mira per un video che inizialmente appare come una spiegazione neutrale sulla Critical Race Theory (CRT), solo per trasformarsi rapidamente in un’approvazione a pieno titolo dell’ideologia.

CRT accusa un intero gruppo demografico di un crimine collettivo, usa l’accusa come motivo per incastrare gli individui all’interno di quel gruppo demografico di autori di quel crimine, e quindi cerca di privare gli individui condannati dei diritti, della dignità e dell’eguale protezione sulla base di tale accusa (h/t).

Il video del WEF definisce CRT come una teoria “sviluppata per la prima volta da studiosi legali statunitensi negli anni ’80” che “sostiene che le leggi, le regole e i regolamenti che governano la società odierna sono stati modellati dalla subordinazione storica delle persone di colore e che questo è un forza trainante dietro la disuguaglianza razziale oggi”, secondo Breitbart.

Come esempio del presunto razzismo insito in ogni fibra delle istituzioni americane, il WEF indica l’alto numero di maschi neri incarcerati in tutto il paese.

“Prendete il sistema di giustizia penale statunitense, per esempio”, dice. “Mentre tutti sono visti come uguali ai sensi della legge, i neri americani vengono imprigionati a 5 volte il tasso dei bianchi.

“CRT afferma che questa disparità è un’eredità del passato razzista americano”, ma gli oppositori affermano che “dipinge tutti i bianchi come bigotti”.

Il video quindi posiziona la consapevolezza del CRT come una ricerca onorevole. Guarda quale avversario Chris Rufo descritto come un “video di propaganda folle pro-CRT”.

Anche altri hanno condannato il WEF (tramite Breitbart):

“Ah sì, il forum economico mondiale che promuove un allontanamento radicale dagli attuali rapporti di potere”, ha scrittovideo saggista e autore Peter Coffin.

Questo PROVES CRT è la rivoluzione. Ho sbagliato tutto questo tempo!” ha deriso.

“Scappate dalle persone della classe operaia del WEF”, ha avvertito il dottor Jordan Peterson, psicologo clinico e professore di psicologia.

“Perché il World Economic Forum dovrebbe uscire a sostegno della Critical Race Theory?” ha chiesto l’autore e matematico Dr. James Lindsay, che messo in guardia il mese scorso gli attivisti della CRT mirano a smantellare gli Stati Uniti e stabilire “una dittatura totale” dei cosiddetti “antirazzisti”.

“Perché sono loro che vogliono dividere la nostra società con questa teoria marxista o qualsiasi altro strumento che possono usare per rompere il mondo e prendere il potere”, ha detto.

Il consigliere per la sicurezza nazionale del senatore Ted Cruz (R-TX) ha twittato “Non posso credere che tu stia sostenendo l'”uguaglianza” a scapito dell’equità” nel 2022. “O sei d’accordo o non lo sei. Essere migliore.”

Leggi il resto dei commenti qui.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il World Economic Forum afferma che il cambiamento climatico è la più grande minaccia globale nel 2022


Il World Economic Forum (WEF) ha dichiarato lunedì che la “crisi climatica” rappresenta la più grande minaccia per l’umanità nel 2022.

Oltre al cambiamento climatico, la 17a edizione del WEF del suo Rapporto sui rischi globali 2022 elencato la divisione sociale, le vulnerabilità della sicurezza informatica e la ripresa dalla pandemia come i principali rischi globali a lungo termine.

“La crisi climatica rimane la più grande minaccia a lungo termine per l’umanità”, ha affermato Peter Giger, Group Chief Risk Officer di Zurich Insurance Group, in un messaggio di accompagnamento dichiarazione.

“La mancata azione sui cambiamenti climatici potrebbe ridurre di un sesto il PIL globale e gli impegni presi alla COP26 non sono ancora sufficienti per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi centigradi. Non è troppo tardi per i governi e le imprese per agire sui rischi che corrono e per guidare una transizione innovativa, determinata e inclusiva che protegga le economie e le persone”.

Il rapporto di 117 pagine chiede alle “tecnologie della quarta rivoluzione industriale” del WEF di “catalizzare una nuova economia e società” e “accelerare l’azione per il clima”.

Il rapporto analizza i risultati del suo Global Risks Perception Survey (GRPS), in cui gli intervistati hanno elencato “fallimento dell’azione per il clima”, “tempo estremo” e “perdita di biodiversità” come le principali preoccupazioni a breve, medio e lungo termine.

Lo sforzo del WEF di rappresentare il cambiamento climatico come la più grande minaccia per l’umanità si integra con il suo programma Great Reset, che cerca di deindustrializzare l’Occidente in nome della riduzione della produzione di carbonio.

“Blocchi climatici” sono già stati proposti dai media mainstream, sostenendo che dovranno essere imposti ai cittadini ogni due anni per salvare il pianeta.

In effetti, l’India – un Paese di 1,3 miliardi di persone – è addirittura iniziata preparare i “blocchi climatici” per “ridurre l’inquinamento” anche mentre i media demonizzano coloro che lo indicano come “teorici della cospirazione”.

Leggi il WEF Global Risks Report 2022:


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

La verità sulla “Green Economy”



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il World Economic Forum svela il passaporto COVID che utilizza i marcatori di analisi del sangue per determinare lo stato di vaccinazione


Il cosiddetto COVIDPass del World Economic Forum (WEF) utilizzerà marcatori di analisi del sangue per determinare se una persona ha preso o meno l’iniezione di COVID.

Il passaporto del WEF COVID proposta si basa su un campione di sangue – non documentazione fornita da un medico – legato a un codice QR per dimostrare che sei stato vaccinato.

“Gli utenti verranno sottoposti a screening del sangue presso un laboratorio COVIDPass approvato prima di ricevere un codice di visto sanitario QR sicuro tramite il telefono, che possono presentare ai check-in delle compagnie aeree, alle frontiere o agli ingressi degli eventi”, afferma il video promozionale del WEF.

Il video continua insistendo sul fatto che il suo COVIDPass non utilizza la “tecnologia di tracciamento” e che l’utilizzo dei dati degli esami del sangue è “affidabile al 100%” nel garantire che “solo le persone non infette” possano viaggiare attraverso i confini.

Ma perché dovrebbe farlo, se utilizza i marcatori del vaccino nel sangue di una persona per determinare lo stato di vaccinazione?

Il WEF non è riuscito a elaborare esattamente quale sostanza nel sangue di un individuo potrebbe indicare il suo stato di vaccinazione.

“La proposta del WEF si basa su un campione di sangue, o un esame del sangue, per dimostrare che sei stato vaccinato. L’unico modo possibile è se il vaccino stesso trasporta una qualche forma di marcatore che rimane permanentemente (a livello cellulare) nel tuo corpo che può quindi essere rilevato in un esame del sangue “, The Conservative Treehouse segnalato.

“Se il vaccino non lascia un marcatore o un’impronta identificabile nel sangue, non sarebbe possibile un esame del sangue per lo stato di vaccinazione”.

Il promo del WEF inoltre non menziona che se uno si rifiuta di ottenere un passaporto Covid, la propria vita sarà effettivamente tagliata fuori dalla società.

Ad agosto, il WEF aveva anche adottato un metodo di sorveglianza biometrica che avrebbe rilevare la firma unica del battito cardiaco di un individuo per tracciare e tracciare i loro movimenti in nome della salute pubblica.

Benvenuti al Grande Reset.


Owen Shroyer ospite ospita The Alex Jones Show per abbattere la realtà infernale di forzata passaporti vaccini come descritto da una coppia lituana che vive sotto la legge medico-marziale.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link