Archivi tag: davvero

Le celebrità di Hollywood impazziscono dopo che SCOTUS ha ottenuto la vittoria del secondo emendamento: “Sentenza davvero vergognosa”



Le celebrità di Hollywood stanno impazzendo per la decisione 6-3 della Corte Suprema sul requisito della giusta causa di New York per i permessi di trasporto nascosto, dichiarando che la legge dello stato è incostituzionale.

Star tra cui Julianne Moore, Barbra Streisand, Bette Midler, Whoopi Goldberg, George Takei e Albert Brooks sono esplose in furia all’alta corte dopo l’annuncio di giovedì.

SCOTUS “ha messo i desideri degli estremisti delle armi al di sopra della sicurezza dei nostri bambini”, ha detto Julianne Moore su Instagram.

La sentenza rappresenta “un dito medio per New York”, Whoopi Goldberg disse su ABC La vista.

“Davvero una sentenza vergognosa”, ha twittato Barbra Streisand.

Giovedì la Cassazione stroncato La legge di New York che richiede ai richiedenti armi di dimostrare “giusta causa” per ottenere un permesso per portare una pistola nascosta fuori casa.

Leggi di più



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Cosa è successo davvero prima della finale di Champions League


I tifosi del Liverpool sono stati accusati del caos che si è svolto prima della finale di Champions League.

Ma i filmati e le testimonianze oculari parlano di come bande di uomini migranti della zona siano stati responsabili di innumerevoli aggressioni e rapine violente, oltre a precipitarsi nella sicurezza per entrare illegalmente nello stadio.

Per favore condividi questo video! https://youtu.be/Wjv3LdatXVI

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

MSM promuove le narrazioni sulle gare di sparatutto di massa: cosa hanno DAVVERO in comune questi eventi


Kristi Leigh smentisce il tentativo dei media mainstream di incolpare i bianchi conservatori per tutte le sparatorie di massa quando la realtà mostra che questi pazzi mentalmente malati tendono a sottoscrivere l’ideologia di sinistra.

Potenzia il tuo potenziale naturale con Alpha Power, ora scontato del 40%!


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Steven Crowder educa gli americani su cosa significa davvero rovesciare Roe v. Wade



Un video pubblicato mercoledì dal comico e commentatore politico Steven Crowder offre uno sguardo alla mentalità politica delle persone a Ft. Vale la pena, Texas.

In quello che è generalmente visto come uno stato conservatore, Crowder ha chiesto ai cittadini la loro opinione sul recente rapporto secondo cui la Corte Suprema potrebbe presto ribaltare la sentenza Roe v. Wade che rende legale l’aborto a livello federale.

Durante le sue discussioni, Crowder è stato in grado di educare alcune persone su fatti meno noti riguardanti l’argomento controverso.

Se più americani prendessero parte a un discorso politico pacifico, avremmo una società molto più tollerante.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Joe Biden scherza su “Tizio di nome Brandon” che “sta avendo un anno davvero buono” alla cena WHCA



Mentre celebrità, giornalisti, membri del Congresso e alti funzionari presidenziali si sono riuniti per la cena dei corrispondenti della Casa Bianca il 30 aprile, dopo una pausa di due anni, il POTUS ha pronunciato osservazioni all’evento di Washington.

Joe Biden sembrava fare uno scherzo autoironico mentre si rivolgeva a un evento annuale in cravatta nera a Washington sabato sera.

“I repubblicani sembrano sostenere un tizio… Un tizio di nome Brandon. Sta passando davvero un buon anno. E sono un po’ felice per lui”, ha scherzato il presidente degli Stati Uniti prima di un raduno di circa 2.600 politici, giornalisti e celebrità riuniti al Washington Hilton Hotel per la cena della White House Correspondents’ Association (WHCA).

POTUS si riferiva a un detto che è diventato virale e che ha avuto origine per la prima volta in una gara NASCAR al Talladega Superspeedway, in Alabama, il 2 ottobre 2021. All’epoca, mentre un giornalista sportivo stava intervistando il pilota vincitore, Brandon Brown, la folla dietro di lui cantava “F*** Joe Biden”, con il giornalista che suggerisce che stavano cantando “Andiamo, Brandon” per tifare l’autista.

La frase è decollata e da allora è stata usata come un eufemistico scavo al presidente 79enne incline alla gaffe.

Joe Biden ha offerto molte altre battute durante l’evento, con il titolo del presentatore di “Daily Show” Trevor Noah. Fare luce da solo indici di approvazione in calo. Biden ha ringraziato il “42 percento che ha effettivamente applaudito” mentre prendeva il microfono, dicendo:

“Sono davvero entusiasta di essere qui stasera con l’unico gruppo di americani che ha un punteggio di approvazione inferiore al mio”, ha detto, in una frecciata alla stampa.

Quando il presidente ha consegnato il microfono all’ospite, ha detto a Trevor Noah che approvava come una volta lo chiamava “il nuovo papà d’America”.

“Lascia che ti dica una cosa, amico, sono lusingato che qualcuno mi chiamerebbe un nuovo qualsiasi cosa”, ha detto.

La cena WHCA, un evento che risale al 1921, è stato il primo dopo una pausa di due anni a causa della pandemia di COVID-19.

Inoltre, come ha detto Biden alla folla, sabato ha segnato “la prima volta che un presidente ha partecipato a questa cena in sei anni”.

“È comprensibile. Abbiamo avuto un’orribile piaga, seguita da due anni di COVID”, ha detto il presidente, dando uno sguardo al suo predecessore, Donald Trump.

Trump è stato l’unico presidente a snobbare la riunione mentre era in carica, dicendo ai giornalisti nel 2019: “La cena dei corrispondenti è troppo negativa, mi piacciono le cose positive”.


Questa è la peggiore gaffe di Biden mai vista?



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La CNN ammette che gli Stati Uniti “non sanno davvero” cosa succede alle armi inviate in Ucraina



La CNN ha pubblicato un articolo in cui riconosceva che la Casa Bianca “non sa davvero” cosa succede alle enormi quantità di armi inviate in Ucraina, con una fonte che afferma che tutto “cade in un grande buco nero”.

Ops!

Gli Stati Uniti hanno inviato un totale di circa 15,2 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina dall’inizio della guerra a febbraio.

L’amministrazione Biden si prepara ad annunciare un altro pacchetto da 800 milioni di dollari entro la fine della settimana, hanno detto a NBC News cinque funzionari statunitensi.

“Due funzionari hanno affermato che il pacchetto dovrebbe includere più artiglieria e decine di migliaia di colpi di artiglieria in più”, secondo il rapporto.

Tuttavia, secondo la CNN, dove stanno effettivamente andando tutte le armi è un enorme mistero.

“Alcune di queste armi potrebbero finire nelle mani di altri eserciti e milizie che gli Stati Uniti non intendevano armare”, afferma il rapporto.

L’articolo incolpa la mancanza di “stivali statunitensi a terra nel paese” per il “punto cieco” in cui vanno a finire le armi.

Aww shucks, immagino che sia meglio che mettano le truppe a terra allora!

“Abbiamo fedeltà per un breve periodo, ma quando entra nella nebbia della guerra, ne abbiamo quasi zero”, ha detto una fonte alla CNN. “Cesce in un grande buco nero e non ne hai quasi il senso dopo un breve periodo di tempo.”

Alcune delle armi sarebbero state vendute da soldati ucraini.

“Gli americani stanno lottando con un’inflazione record, eppure il regime DC continua a scaricare i nostri soldi in questo buco nero sapendo benissimo che potrebbe scatenare la terza guerra mondiale”, scrive Chris Menahan.

Come noi evidenziato la scorsa settimana, un rapporto del Washington Post ha ammesso che alcuni all’interno della NATO vogliono prolungare la guerra il più a lungo possibile.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Fauci afferma che non sapremo mai se le restrizioni Covid hanno funzionato davvero, ammette che i blocchi hanno avuto “conseguenze negative”


Nessuno saprà mai se le restrizioni del Covid che hanno distrutto l’economia e devastato la vita dei cittadini ne valse la pena, ha ammesso alla BBC il consigliere medico capo di Biden, il dottor Anthony Fauci.

Chiesto da BBC One Sunday MorningSophie Raworth, se i blocchi “valessero la pena o fossero troppo severi”, Fauci ha risposto che sarebbe impossibile misurarne l’efficacia, ma ha riconosciuto che con il senno di poi le restrizioni hanno avuto effetti psicologici negativi sulla popolazione.

“Sai, non credo che riusciremo mai a determinare quale sia il giusto equilibrio. Penso che le restrizioni, se vuoi usare quella parola, da cui tendo a rifuggire, i blocchi hanno sicuramente impedito molte infezioni, molti ricoveri e molti decessi”, ha affermato, aggiungendo: “Non c’è dubbio su questo.”

“Ovviamente quando hai quel tipo di restrizione sulla società ci sono conseguenze negative non intenzionali, in particolare nei bambini a cui non è permesso andare a scuola, negli aspetti di salute psicologica e mentale che ha sui bambini, nello stress economico che mette su società in generale, sulle singole famiglie, ovviamente quelle sono conseguenze negative che non sono intenzionali”.

Altrove nell’intervista, il direttore del NIAID ha anche consigliato alle persone di essere pronte ad entrare in modalità di blocco in caso di un nuovo focolaio di Covid-19.

“Non voglio usare la parola ‘lockdown’. Questo ha un elemento di carica”, ha detto. “Ma credo che dobbiamo tenere d’occhio lo schema di ciò che stiamo vedendo con le infezioni”.

“Detto questo, dobbiamo essere preparati alla possibilità che avremmo un’altra variante che sarebbe arrivata”, ha detto Fauci. “E poi, se le cose cambiano e otteniamo una variante che ci dia un aumento dei casi e dei ricoveri, dovremmo essere abbastanza preparati e flessibili da tornare, almeno temporaneamente, a un tipo più rigido di restrizioni, come come richiedere maschere al chiuso.

I commenti di Fauci arrivano martedì dalla FDA autorizzato un quarto e un quinto booster jab.


Video: perché i presentatori di notizie in tutto il mondo stanno crollando?



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Quando gli americani vengono informati di ciò che una no-fly zone della NATO significa davvero, il supporto scende a solo il 23%



UN nuovo sondaggio Yahoo News/YouGov ha rivelato che quando gli americani vengono informati di cosa significherebbe davvero una no-fly zone della NATO sull’Ucraina, abbattendo aerei russi, il supporto scende dal 40% a solo il 23%.

Altri sondaggi recenti hanno suggerito che numeri significativi sono a favore della misura e i media sono diventati ossessionati dalla spinta per ciò che potrebbe facilmente dare il via a una terza guerra mondiale.

Tuttavia, l’opposizione alla no-fly zone è quasi raddoppiata al 43%, secondo il sondaggio, una volta che agli intervistati è stato detto che avrebbe essenzialmente significato una guerra con la Russia.

Tra i repubblicani il sostegno a una no-fly zone è passato da un margine di 22 punti A FAVORE (dal 48% al 26%) a un margine di 38 punti CONTRARIO (dal 55% al ​​17%)”.

Un sondaggio separato condotto da Quinnipia ha scoperto che mentre tre quarti degli americani vogliono che gli Stati Uniti forniscano aiuti all’Ucraina, il 54% è d’accordo con il continuo rifiuto della NATO di imporre una no-fly zone, mentre solo il 32% vuole che la misura venga istituita.

È interessante notare che il sondaggio ha rilevato che più democratici sono contrari alla no-fly zone rispetto ai repubblicani, con il 58% dei democratici contro la no-fly zone, rispetto al 47% dei repubblicani.

È preoccupante che i Democratici come l’AOC suonino più ragionevoli di alcune figure del GOP dell’establishment sulla questione.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I Democratici riusciranno davvero a farla franca con QUESTO? La grande bugia del 6 gennaio continua — Sunday Night Live



Owen Shroyer spiega come i Democratici stiano usando il 6 gennaio per armare l’intellighenzia della sicurezza nazionale contro i sostenitori di Trump nella speranza di ribaltare le loro cupe prospettive elettorali di medio termine mentre sempre più persone si svegliano alla loro tirannia del COVID e all’isterica agenda del Great Reset.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Fauci ammette che il vaccino contro il COVID potrebbe “davvero peggiorare le persone”



Poiché la diffusione del virus cinese ha iniziato ad accelerare all’inizio del 2020, il dott. Anthony Fauci stava già suggerendo che il prossimo vaccino contro l’mRNA del COVID potrebbe fare più male che bene.

Durante una sessione di domande e risposte con il CEO di Facebook Mark Zuckerberg nel marzo 2020, Fauci ha spiegato che l’unico modo per sapere veramente se il vaccino peggiorerebbe le infezioni da COVID è se fosse condotto uno “studio esteso” sulla popolazione inconsapevole.

“Se si vaccina una persona e questa risponde agli anticorpi, e poi viene esposta e infettata, la risposta che induci effettivamente aumenta l’infezione e la peggiora?” chiese Fauci.

“E l’unico modo per saperlo è se fai uno studio esteso – non in un volontario normale che non ha alcun rischio di infezione – ma nelle persone che sono là fuori in una situazione di rischio.”

Questa non sarebbe la prima volta, se accadesse, che un vaccino che sembrava buono in termini di sicurezza iniziale effettivamente peggiorava le persone.”

Il fenomeno mortale di cui parla Fauci si chiama Antibody-Dependent Enhancement (ADE), una reazione acuta a un vaccino oa un virus che fa accelerare l’infezione.

Infowars e Alex Jones hanno avvertito che l’iniezione sperimentale di mRNA comporterebbe probabilmente effetti collaterali diffusi, incluso l’ADE, tra la popolazione a causa del suo stato sperimentale e della mancanza di dati a lungo termine.

Abbastanza sicuro, nei mesi successivi al lancio del vaccino in tutto il mondo all’inizio del 2021, i ricoveri salgono di nuovo alle stelle – tra i vaccinati.

Uno studio statunitense sottoposto a revisione paritaria pubblicato su Rivista internazionale di teoria, pratica e ricerca sui vaccini all’inizio di quest’anno scoperto che l’ADE rappresenta un rischio significativo alle persone che hanno ricevuto l’iniezione di COVID a causa della sua tecnologia sperimentale mRNA.

In effetti, i documenti Pfizer rilasciati dalla FDA hanno rivelato più di 160.000 reazioni avverse dalla sua iniezione nei primi mesi del suo lancio.

Inoltre, il CDC è stato catturato rimuovere silenziosamente i numeri di morte del vaccino dal sito web del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) durante l’estate.

I dati in questione hanno mostrato che sono stati segnalati 12.313 decessi dal 14 dicembre 2020 al 19 luglio 2021.

In particolare, nel 2021 si sono verificati più decessi per COVID in America, nonostante la disponibilità dell’iniezione, rispetto al 2020, quando nessuno ha ricevuto il vaccino.

Fauci il martedì incolpato questo fatto sulla “variante Delta” e sugli americani che si sono rifiutati di prendere il vaccino.

Guarda i commenti 2020 di Fauci:


Cinguettio: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

menti: @WhiteIsTheFury

Ottieni: @WhiteIsTheFury

“Super freddo” nel Regno Unito si diffonde come ADE causato da Vaxx insabbiato



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le elezioni in Virginia hanno mostrato che alcuni genitori stanno vedendo quanto siano davvero pessime le scuole statali


All’indomani delle elezioni governative della Virginia, gli esperti da poltrona stanno ancora offrendo la loro interpretazione dello sconvolgimento che lo sfidante repubblicano Glenn Youngkin ha tirato fuori contro l’ex governatore Terry McAuliffe. Sebbene si parli molto del fatto che i risultati di queste elezioni siano un referendum sul calo del tasso di approvazione dell’amministrazione Biden e sulla cattiva gestione dell’economia, l’istruzione è un fattore locale che contribuisce alla forte performance dei repubblicani nell’Old Dominion che non può essere trascurato.

Dopotutto, le elezioni fuori anno a livello statale tendono ad essere in qualche modo isolate dagli eventi di Washington. Per impostazione predefinita, i problemi locali hanno la precedenza sugli argomenti del giorno DC. Secondo gli exit poll, l’istruzione occupava un posto di rilievo tra le questioni che portavano i Virginiani alle urne. Esci dai dati del sondaggio dal Washington Post mostrato che l’istruzione era tra le prime tre questioni che riguardavano gli elettori della Virginia.

Mentre l’insegnamento dei concetti chiave della teoria critica della razza è stato un fattore importante (e continuerà ad esserlo) nel motivare i Virginiani a votare contro la sinistra, altre permutazioni dell’indottrinamento di sinistra e esperimenti sociali germinare all’interno delle scuole pubbliche ha provocato una forte risposta da parte degli elettori scontenti in Virginia.

Dopo che le misure di blocco sponsorizzate dal governo hanno costretto molti studenti a seguire le lezioni online, i genitori hanno ora la possibilità di guardare oltre le spalle dei propri figli e scoprire cosa gli veniva insegnato. I genitori che hanno scaricato casualmente i loro figli in asili nido gloriosi finanziati dai contribuenti hanno ricevuto un brutto campanello d’allarme una volta compreso il livello di indottrinamento a cui erano sottoposti i loro figli. Alcuni genitori sono rimasti così colpiti da ciò che hanno appreso che hanno finito per correre alle riunioni del consiglio scolastico locale e hanno dato ai funzionari dell’istruzione un pezzo della loro mente.

Inoltre, non ha aiutato il fatto che durante la campagna elettorale Terry McAuliffe abbia fatto tutto il possibile per posizionarsi come il candidato dell’istituto di istruzione.

McAuliffe ha superato se stesso dichiarando che i genitori non avevano il diritto di dire alle scuole cosa insegnare. Per finire, McAuliffe ha tenuto un raduno elettorale con Randi Weingarten, il presidente dell’American Federation of Teachers, proprio prima del tempo delle elezioni. Weingarten è a capo del più grande sindacato degli insegnanti della nazione ed è stato uno dei promotori più entusiasti dei blocchi per il covid-19.

Dire che la campagna di McAuliffe trasudava di elitarismo sarebbe un eufemismo. Indipendentemente da come ci si sentiva nei confronti dei repubblicani, la moralizzazione della promaschera, la folla del prolockdown e il distacco dell’edu-crazia durante la pandemia è stato un insopportabile vortice di elitarismo che ha dovuto scendere alle urne.

Una delle lezioni chiave delle elezioni in Virginia è che prestare attenzione alle questioni locali è della massima importanza affinché si verifichi un cambiamento significativo in politica. Le persone che si sintonizzano sui loro affari locali è meglio che avere gli occhi incollati alla politica federale e tirare inutilmente la leva per i politici che fanno ben poco per respingere le invasioni dello stato nella vita quotidiana delle persone.

Nel complesso, la gara della Virginia non riguarda Youngkin, ma il malcontento di base che lo ha eletto. In effetti, Youngkin ha tutti i crismi di a repubblicano convenzionale che rigurgiteranno blandi discorsi sui valori conservatori e metteranno in atto alcuni tagli fiscali marginali qua e là. Niente di speciale quando si tratta di fare riforme trasformative che mettono a dieta lo stato amministrativo.

Tuttavia, ci sono rivestimenti d’argento che possono essere trovati. Quello che è in mostra in Virginia è un malcontento generalizzato verso istituzioni che sono state tradizionalmente trattate come normali appuntamenti della politica americana. Le persone che in precedenza erano intossicate dalla propaganda sulle scuole statali che fungevano da istituzioni che educavano e civilizzavano le masse ora si stanno rassegnando alla realtà della scuola pubblica. Ora molti genitori sconcertati stanno cominciando a capire che le scuole statali funzionano come centri di indottrinamento e si stanno trasformando sempre più in pericolosi esperimenti sociali.

Da una prospettiva generale, c’è motivo di essere cautamente ottimisti sulle prospettive della riforma dell’istruzione. Negli ultimi due decenni, l’istruzione a casa è in aumento. Secondo Yahoo! Notizie rilasciato alla fine di agosto, l’11% delle famiglie statunitensi frequenta l’istruzione a domicilio. Complessivamente, ciò significa che 5 milioni di bambini non sono più sotto il controllo di agenti di indottrinamento che fanno cosplay come educatori.

Confrontalo con il 1999, quando la percentuale di studenti che studiavano a casa era di circa l’1,7 percento. In quell’anno, c’erano 850.000 bambini in età scolare che venivano istruiti a casa secondo i numeri del Centro nazionale per le statistiche sull’istruzione.

Forse sotto il controllo di Youngkin il governo non si muoverà molto in termini di libertà di istruzione. Dopotutto, la storia ha ripetutamente dimostrato, almeno a livello federale, che il Partito Repubblicano non è un veicolo per le riforme strutturali di cui gli americani hanno bisogno per vivere liberi dalla morsa dello stato manageriale. Ma un aspetto positivo di questo ciclo elettorale è il fiorente impegno locale in tutta la Virginia e, se è per questo, a livello nazionale. Un reindirizzamento dell’energia dall’attivismo federale all’attivismo statale e locale è un buon primo passo verso la costruzione di movimenti che taglieranno via la miriade di tentacoli del potere dello stato.

Indubbiamente, vincere sul fronte dell’istruzione produrrebbe enormi risultati per la libertà, poiché priverebbe i piccoli despoti dell’opportunità di avvelenare milioni di menti malleabili con la propaganda pro-statale. Una ragione significativa per cui lo statalismo è così radicato nella psiche di così tanti americani è la capacità dello stato di gettare innumerevoli giovani sul nastro trasportatore dell’indottrinamento e sfornare all’infinito fanatici dello stato.

Se c’è una battaglia politica che vale la pena affrontare, è la crociata contro la scuola statale. Sconfiggere gli edu-crati una volta per tutte sarebbe uno dei modi più efficaci per mettere a dieta lo stato amministrativo.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le elezioni in Virginia hanno rivelato quanto siano davvero pessime le scuole governative


All’indomani delle elezioni governative della Virginia, gli esperti da poltrona stanno ancora offrendo la loro interpretazione dello sconvolgimento che lo sfidante repubblicano Glenn Youngkin ha tirato fuori contro l’ex governatore Terry McAuliffe.

Mentre si parla molto dei risultati di queste elezioni come un referendum sul tasso di approvazione in calo dell’amministrazione Biden e sulla cattiva gestione dell’economia, l’istruzione è un fattore locale che contribuisce alla forte performance dei repubblicani nell’Old Dominion che non può essere trascurato.

Dopotutto, le elezioni fuori anno a livello statale tendono ad essere in qualche modo isolate dagli eventi di Washington. Per impostazione predefinita, i problemi locali hanno la precedenza sugli argomenti del giorno DC. Secondo gli exit poll, l’istruzione occupava un posto di rilievo tra le questioni che portavano i Virginiani alle urne. Esci dai dati del sondaggio dal Washington Post mostrato che l’istruzione era tra le prime tre questioni che riguardavano gli elettori della Virginia.

Mentre l’insegnamento dei concetti chiave della teoria critica della razza è stato un fattore importante (e continuerà ad esserlo) nel motivare i Virginiani a votare contro la sinistra, altre permutazioni dell’indottrinamento di sinistra e esperimenti sociali germinare all’interno delle scuole pubbliche ha provocato una forte risposta da parte degli elettori scontenti in Virginia.

Dopo che le misure di blocco sponsorizzate dal governo hanno costretto molti studenti a seguire le lezioni online, i genitori hanno ora la possibilità di guardare oltre le spalle dei propri figli e scoprire cosa gli veniva insegnato. I genitori che hanno scaricato casualmente i loro figli in asili nido glorificati finanziati dai contribuenti hanno ricevuto un brutto campanello d’allarme una volta compreso il livello di indottrinamento a cui erano sottoposti i loro figli. Alcuni genitori sono rimasti così colpiti da ciò che hanno appreso che hanno finito per correre alle riunioni del consiglio scolastico locale e hanno dato ai funzionari dell’istruzione un pezzo della loro mente.

Inoltre, non ha aiutato il fatto che durante la campagna elettorale Terry McAuliffe abbia fatto tutto il possibile per posizionarsi come il candidato dell’istituto di istruzione.

McAuliffe ha superato se stesso dichiarando che i genitori non avevano il diritto di dire alle scuole cosa insegnare. Per finire, McAuliffe ha tenuto un raduno elettorale con Randi Weingarten, il presidente dell’American Federation of Teachers, proprio prima del tempo delle elezioni. Weingarten è a capo del più grande sindacato degli insegnanti della nazione ed è stato uno dei promotori più entusiasti dei blocchi per il covid-19.

Dire che la campagna di McAuliffe trasudava di elitarismo sarebbe un eufemismo. Indipendentemente da come ci si sentiva nei confronti dei repubblicani, la moralizzazione della promaschera, la folla del prolockdown e il distacco dell’edu-crazia durante la pandemia è stato un insopportabile vortice di elitarismo che ha dovuto scendere alle urne.

Una delle lezioni chiave delle elezioni in Virginia è che prestare attenzione alle questioni locali è della massima importanza affinché si verifichi un cambiamento significativo in politica. Le persone che si sintonizzano sui loro affari locali è meglio che avere gli occhi incollati alla politica federale e tirare inutilmente la leva per i politici che fanno ben poco per respingere le invasioni dello stato nella vita quotidiana delle persone.

Nel complesso, la gara della Virginia non riguarda Youngkin, ma il malcontento popolare che lo ha eletto. In effetti, Youngkin ha tutti i crismi di a repubblicano convenzionale che rigurgiteranno blandi discorsi sui valori conservatori e metteranno in atto alcuni tagli fiscali marginali qua e là. Niente di speciale quando si tratta di fare riforme trasformative che mettono a dieta lo stato amministrativo.

Tuttavia, ci sono rivestimenti d’argento che possono essere trovati. Quello che è in mostra in Virginia è un malcontento generalizzato verso istituzioni che sono state tradizionalmente trattate come normali appuntamenti della politica americana. Le persone che in precedenza erano intossicate dalla propaganda sulle scuole statali che fungevano da istituzioni che educavano e civilizzavano le masse ora si stanno rassegnando alla realtà della scuola pubblica. Ora molti genitori sconcertati stanno cominciando a capire che le scuole statali funzionano come centri di indottrinamento e si stanno trasformando sempre più in pericolosi esperimenti sociali.

Da una prospettiva generale, c’è motivo di essere cautamente ottimisti sulle prospettive della riforma dell’istruzione. Negli ultimi due decenni, l’istruzione a casa è in aumento. Secondo Yahoo! Notizie rilasciato alla fine di agosto, l’11% delle famiglie statunitensi frequenta l’istruzione a domicilio. Complessivamente, ciò significa che 5 milioni di bambini non sono più sotto il controllo di agenti di indottrinamento che fanno cosplay come educatori.

Confrontalo con il 1999, quando la percentuale di studenti che studiavano a casa era di circa l’1,7 percento. In quell’anno, c’erano 850.000 bambini in età scolare che venivano istruiti a casa secondo i numeri del Centro nazionale per le statistiche sull’istruzione.

Forse sotto il controllo di Youngkin il governo non si muoverà molto in termini di libertà di istruzione. Dopotutto, la storia ha ripetutamente dimostrato, almeno a livello federale, che il Partito Repubblicano non è un veicolo per le riforme strutturali di cui gli americani hanno bisogno per vivere liberi dalla morsa dello stato manageriale. Ma un aspetto positivo di questo ciclo elettorale è il fiorente impegno locale in tutta la Virginia e, se è per questo, a livello nazionale. Un reindirizzamento dell’energia dall’attivismo federale all’attivismo statale e locale è un buon primo passo verso la costruzione di movimenti che taglieranno via la miriade di tentacoli del potere dello stato.

Indubbiamente, vincere sul fronte dell’istruzione produrrebbe enormi risultati per la libertà, poiché priverebbe i piccoli despoti dell’opportunità di avvelenare milioni di menti malleabili con la propaganda pro-statale. Una ragione significativa per cui lo statalismo è così radicato nella psiche di così tanti americani è la capacità dello stato di gettare innumerevoli giovani sul nastro trasportatore dell’indottrinamento e sfornare all’infinito fanatici dello stato.

Se c’è una battaglia politica che vale la pena affrontare, è la crociata contro la scuola statale. Sconfiggere gli edu-crati una volta per tutte sarebbe uno dei modi più efficaci per mettere a dieta lo stato amministrativo.


“Dobbiamo avere una nuova indagine del 6 gennaio”, afferma Alex Jones

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La stabilità dei prezzi è davvero una buona cosa?


Uno dei mandati del Federal Reserve System è quello di raggiungere la stabilità dei prezzi.

Si ritiene che la stabilità dei prezzi sia la chiave per quanto riguarda la stabilità economica. Cos’è tutto questo?

L’idea di stabilità dei prezzi nasce dall’idea che i cambiamenti volatili nel livello dei prezzi impediscono agli individui di vedere i segnali di mercato come trasmessi dalle variazioni dei prezzi relativi di beni e servizi.

Ad esempio, a causa di un aumento della domanda di mele, i prezzi delle mele aumentano rispetto ai prezzi delle patate. Questo aumento relativo dei prezzi dà un impulso alle imprese ad aumentare la produzione di mele rispetto alle patate.

Essendo in grado di osservare e rispondere ai segnali di mercato trasmessi dalle variazioni dei prezzi relativi, le imprese sarebbero in grado di rimanere in sintonia con i desideri del mercato e quindi promuovere un’allocazione efficiente delle risorse.

Si ritiene che finché il tasso di aumento del livello dei prezzi è stabile e prevedibile, gli individui possono identificare le variazioni dei prezzi relativi e quindi mantenere l’allocazione efficiente delle risorse. Tuttavia, quando il tasso di aumento è inaspettato, cioè di natura improvvisa, tende a oscurare le variazioni relative dei prezzi di beni e servizi. Questo a sua volta rende molto più difficile per gli individui accertare i veri segnali di mercato. Di conseguenza, ciò porta alla cattiva allocazione delle risorse e alla perdita di ricchezza reale.

Si noti che in questo modo di pensare le variazioni del livello dei prezzi non sono correlate alle variazioni dei prezzi relativi. Le variazioni instabili del livello dei prezzi oscurano ma non influiscono sulle variazioni relative dei prezzi di beni e servizi.

Quindi, se in qualche modo si potesse impedire al livello dei prezzi di oscurare i segnali di mercato, ovviamente ciò getterà le basi per la prosperità economica. Di conseguenza, una politica in grado di stabilizzare il livello dei prezzi consentirà alle imprese di osservare le relative variazioni di prezzo. Questo a sua volta consentirà alle imprese di rispettare i desideri dei consumatori.

La radice delle politiche di stabilizzazione dei prezzi: neutralità monetaria

Alla base delle politiche di stabilizzazione dei prezzi c’è l’idea che la moneta sia neutrale, che i cambiamenti nella moneta abbiano solo un effetto sul livello dei prezzi senza avere alcun effetto sull’economia reale.

Ad esempio, se una mela viene scambiata con due patate, il prezzo di una mela è due patate e il prezzo di una patata è mezza mela. Ora, se una mela viene scambiata per un dollaro, ne consegue che il prezzo di una patata è di cinquanta centesimi. L’introduzione del denaro non altera il fatto che il prezzo relativo delle patate rispetto alle mele è di due a uno. Pertanto, un venditore di una mela riceverà un dollaro, che a sua volta gli consentirà di acquistare due patate.

Nel quadro della neutralità monetaria un aumento della quantità di moneta porta a una diminuzione proporzionale del suo potere d’acquisto, cioè un aumento del livello dei prezzi, mentre una diminuzione della quantità di moneta si traduce in un aumento proporzionale del potere d’acquisto di denaro, cioè un calo del livello dei prezzi. Niente di tutto ciò modificherà il fatto che una mela verrà scambiata con due patate, a parità di altre condizioni.

Ora, seguendo questa logica, se la quantità di denaro è raddoppiata, il potere d’acquisto del denaro si dimezza, cioè il livello dei prezzi raddoppierà. Ciò significa che ora una mela può essere scambiata con due dollari e una patata con un dollaro. Nonostante il raddoppio dei prezzi, un venditore di una mela può ancora acquistare due patate con i due dollari ottenuti.

Abbiamo qui una separazione totale tra le variazioni dei prezzi relativi dei beni (quante mele scambiate per patata) e le variazioni del livello dei prezzi. Perché questo modo di pensare è problematico?

Come il nuovo denaro entra nell’economia: l’effetto Cantillon

A seguito dell’effetto Cantillon, quando viene iniettato nuovo denaro ci sono sempre i primi destinatari che beneficiano del nuovo denaro. Con più denaro a loro disposizione, i primi destinatari possono acquisire una maggiore quantità di beni mentre i prezzi di questi beni rimangono invariati.

Quando il denaro inizia a circolare, i prezzi di altri beni iniziano a salire. Di conseguenza, i beneficiari in ritardo beneficiano in misura minore delle iniezioni monetarie e possono persino scoprire che la maggior parte dei prezzi è aumentata così tanto da potersi permettere meno beni.

L’aumento dell’offerta di moneta porta a una ridistribuzione della ricchezza dai destinatari successivi, o non destinatari di denaro, ai destinatari precedenti. Ovviamente, questo spostamento della ricchezza altera la domanda di beni e servizi da parte degli individui e, a sua volta, altera i prezzi relativi di beni e servizi.

Le variazioni dell’offerta di moneta mettono in moto dinamiche che danno luogo a variazioni della domanda di beni e dei relativi prezzi. Quindi, le variazioni nell’offerta di moneta non possono essere neutre per quanto riguarda i prezzi relativi dei beni. Come ha sottolineato Ludwig von Mises, “[I]na mondo vivo e mutevole, in un mondo d’azione, non c’è più spazio per un denaro neutrale. Il denaro non è neutrale o non esiste”.1

Il livello del prezzo non può essere determinato

Quando un dollaro viene scambiato con una pagnotta, possiamo dire che il potere d’acquisto di un dollaro è una pagnotta. Se un dollaro viene scambiato con due pomodori, significa che il potere d’acquisto di un dollaro è anche di due pomodori.

Le informazioni relative al potere d’acquisto specifico della moneta non consentono, tuttavia, di stabilire il potere d’acquisto totale della moneta. Non è possibile stabilire il potere d’acquisto totale del denaro perché non si possono sommare i due pomodori e la pagnotta. Possiamo solo stabilire il potere d’acquisto del denaro rispetto a un particolare bene in una transazione in un dato momento e in un dato luogo.

L’utilizzo di un indice dei prezzi a peso fisso sembra offrire una soluzione che aggira il problema del calcolo diretto di un prezzo medio. Per mezzo di questo indice, si ritiene, potremmo stabilire variazioni nel potere d’acquisto complessivo della moneta. L’esempio seguente illustra l’essenza di un indice dei prezzi a peso fisso.

Nel primo periodo, Tom ha comprato un centinaio di hamburger per $ 2 ciascuno. Ha anche comprato cinque magliette a 20 dollari ciascuna. La sua spesa totale nel primo periodo è di $ 300 ($ 2 * 100 + $ 20 * 5 = $ 300). Si osservi che gli hamburger hanno un peso di 0,67 della spesa totale mentre le camicie hanno un peso di 0,33.

Nel secondo periodo, gli hamburger si scambiano per $ 3, un aumento del 50 percento, mentre le camicie vendono per $ 25, con un aumento del 25 percento. Applicando pesi invariati, cioè assumendo un modello di consumo invariato, troveremo che il potere d’acquisto del denaro di Tom è diminuito del 41,7% (50%*0,67 + 25%*0,33 = 41,7%).

Se dovessimo assumere che il modello di consumo di Tom sia rappresentativo di quello di un consumatore medio, allora potremmo dire che il potere d’acquisto complessivo del denaro è diminuito del 41,7 per cento.

Periodicamente gli statistici del governo conducono indagini approfondite per stabilire il modello di spesa di un consumatore “tipico” o “medio”. I pesi ottenuti attraverso questo processo servono a loro volta a stabilire le variazioni del prezzo medio e quindi del potere d’acquisto della moneta.

L’ipotesi che i pesi rimangano costanti per un periodo prolungato, tuttavia, non è applicabile nel mondo reale. Questa ipotesi implica un individuo con preferenze congelate, cioè un robot. Secondo Mises, nel mondo delle preferenze congelate l’idea che il potere d’acquisto del denaro possa cambiare è contraddittoria.2

Inoltre, secondo Murray N. Rothbard,

Ci sono solo acquirenti individuali e ogni acquirente ha acquistato una proporzione e un tipo di merce diversi. Se una persona acquista un televisore e un’altra va al cinema, ogni attività è il risultato di diverse scale di valori e ciascuna ha effetti diversi sulle varie merci. Non esiste una “persona media” che va in parte al cinema e compra parte di un televisore. Non esiste quindi una “casalinga media” che acquista una determinata proporzione di una totalità di beni. I beni non vengono acquistati nella loro totalità contro denaro, ma solo dagli individui nelle singole transazioni, e quindi non può esistere un metodo scientifico per combinarli.3

Manca anche l’idea che un indice dei prezzi a peso variabile possa portare più realismo e consentire la stima del potere d’acquisto del denaro.

Le variazioni dei prezzi sono determinate da fattori monetari e non monetari. Le influenze di questi fattori sui prezzi sono però intrecciate e non possono essere separate. Di conseguenza, non è possibile isolare le variazioni del potere d’acquisto della moneta dalle variazioni di questo indice dei prezzi. Su questo Rothbard ha scritto,

Questa tesi si basa sul mito che esiste una sorta di potere d’acquisto generale del denaro o una sorta di livello dei prezzi su un piano a parte i prezzi specifici in transazioni specifiche. Come abbiamo visto, questo è puramente fallace. Non c’è un “livello dei prezzi”, e non c’è modo che il valore di scambio del denaro si manifesti se non in acquisti specifici di beni, cioè prezzi specifici. Non c’è modo di separare i due concetti; ogni ordine di prezzi stabilisce contemporaneamente un rapporto di scambio o valore di scambio oggettivo tra un bene e un altro e tra denaro e un bene, e non c’è modo di separare quantitativamente questi elementi.

È quindi chiaro che il valore di scambio del denaro non può essere separato quantitativamente dal valore di scambio delle merci. Poiché il valore di scambio generale, o [purchasing power of money] PPM, di denaro non può essere definito quantitativamente e isolato in nessuna situazione storica, e i suoi cambiamenti non possono essere definiti o misurati, è ovvio che non può essere mantenuto stabile. Se non sappiamo cos’è qualcosa, non possiamo benissimo agire per mantenerlo costante.4

Inoltre, secondo Mises, “Nel campo della prasseologia e dell’economia non si può dare alcun senso alla nozione di misurazione. Nello stato ipotetico di condizioni rigide non ci sono variazioni da misurare. Nel mondo reale del cambiamento non ci sono punti fissi, dimensioni o relazioni che possano fungere da standard”.5

Possiamo quindi concludere che i vari deflatori dei prezzi calcolati dagli statistici del governo sono numeri arbitrari.

Perché le politiche di stabilizzazione dei prezzi portano a maggiore instabilità

Ora, la politica monetaria della Fed, che mira a stabilizzare il livello dei prezzi, influenza implicitamente il tasso di crescita dell’offerta di moneta. Poiché i cambiamenti nell’offerta di moneta non sono neutri, ciò significa che questa politica equivale a manomettere i prezzi relativi. La manomissione da parte della Fed del cosiddetto livello dei prezzi mina la capacità di calcolo delle imprese, con conseguente errata allocazione delle risorse. Di conseguenza, una politica di stabilizzazione del cosiddetto livello dei prezzi porta alla sovrapproduzione di alcuni beni e alla sottoproduzione di altri.

Una politica di stabilità dei prezzi genera vari effetti collaterali negativi che derivano dall’espansione monetaria utilizzata per attuarla, come cicli di boom-bust e impoverimento economico.6 Non è però questo che ci dicono gli stabilizzatori, perché ritengono che il merito maggiore di regolarizzare le variazioni del livello dei prezzi sia quello di consentire fluttuazioni libere e trasparenti dei relativi prezzi, il che a sua volta porta all’allocazione efficiente dei scarse risorse.

Conclusioni

Contrariamente al pensiero popolare, non esiste un livello dei prezzi che dovrebbe essere stabilizzato dalla banca centrale per promuovere la prosperità economica. Concettualmente, il livello dei prezzi non può essere accertato, nonostante la matematica sofisticata. Ovviamente se non sappiamo cosa sia qualcosa, è ovvio che non possiamo mantenerlo stabile. Le politiche volte a stabilizzare un livello dei prezzi sconosciuto soffocano solo l’uso efficiente di risorse scarse e portano all’impoverimento economico.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il giudice Schroeder critica la gestione del processo Rittenhouse da parte dei media: “Davvero abbastanza spaventoso”



Nel considerare se consentire alla giuria di rivedere più volte prove specifiche, il giudice Bruce Schroeder ha rilasciato diverse dichiarazioni sulla gestione dei media del processo Kyle Rittenhouse e ha ammesso che l’inquadratura belligerante del caso da parte dei media lo ha portato a riconsiderare se consentirà il futuro prove da trasmettere in televisione.

Dopo che la giuria ha chiesto più volte il permesso di rivedere una clip, il che secondo gli esperti indica che la giuria è lontana da un verdetto, il giudice Bruce Schroeder ha risposto a diverse critiche dei media mainstream sulla sua gestione del processo raccolte da giornali e televisioni locali.

Apparentemente in risposta a a TEMPO articolo criticando Schroeder per aver permesso all’imputato, Kyle Rittenhouse, di selezionare casualmente la giuria scegliendo i nomi da un bicchiere, Schroeder ha detto che questa è una pratica che ha usato per decenni dopo aver contemplato come deve sentirsi per un imputato nero guardare la Corte scegliere i suoi giurati. “Di cosa parlano? Ottica, al giorno d’oggi”, ha detto Schroeder, “Quella era una cattiva ottica, pensavo.”

Per quanto riguarda la mozione della difesa per l’annullamento del processo, Schroeder ha offerto quelle che potrebbero essere anche critiche per i media conservatori, spiegando che la mozione è stata presa sotto consiglio ma che non prenderà una decisione fino a quando l’accusa non sarà stata in grado di rispondere. Sebbene abbia ricevuto una mozione orale la scorsa settimana, ha ricevuto una mozione scritta solo due giorni fa.

“Alcune delle cose che sono state dette anche, immagino che commenterò anche quelle”, ha continuato Schroeder, difendendo gli avvocati sia della difesa che dell’accusa. “Questi sono cinque avvocati molto affidabili e competenti con cui ho praticato per anni e penso che alcune delle cose che vengono fatte a queste persone siano vergognose”.

“Quando ho parlato di problemi con i media quando è iniziato questo processo, siamo lì in parte, non completamente, a causa della gestione grossolanamente irresponsabile di ciò che viene fuori da questo processo”. Schroeder ha poi aggiunto che la frenesia dei media intorno al processo lo ha portato a riconsiderare la sua pratica di lunga data di consentire la trasmissione televisiva di processi di alto profilo nella sua corte.

“Te lo dirò, penserò a lungo e duramente alla televisione in diretta durante un processo la prossima volta, non lo so.” Ha spiegato: “Ci sono sempre stato un convinto sostenitore perché penso che alle persone dovrebbe essere permesso di vedere cosa sta succedendo, ma quando vedo cosa viene fatto, è davvero spaventoso”. Schroeder ha aggiunto: “Spaventoso, questa è la parola giusta per questo”.

Mentre il secondo giorno delle deliberazioni della giuria continua senza fine in vista, la giuria è stata costretta a fare i conti con piccole ma organizzate e vocali proteste accadendo al di fuori del tribunale. Secondo quanto riferito, i giurati possono ascoltare i cori dei manifestanti, per lo più dichiarazioni che le vite dei neri contano e chiedono che Kyle Rittenhouse sia condannato.

Allo stesso modo, il giudice Bruce Schroeder ha diventare un bersaglio per la sinistra. Dopo una serie di minacce di morte rivolte alla famiglia Schroeder, hanno ricevuto protezione 24 ore su 24 dalla polizia.

Sebbene il processo possa essere gravoso per il giudice che ha prestato servizio dagli anni ’80, ieri era di buon umore e giocava a rischio con la giuria, una pratica che a quanto pare impiega per aiutare i giurati e il personale del tribunale a passare il tempo in attesa di questioni procedurali e tecniche difficoltà in tribunale da risolvere.




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’artista DC Comics si dimette; Dice Woke Superman che lascia “The American Way” dal motto “Mi ha davvero fatto incazzare”



Un artista che ha lavorato per DC Comics ha smesso di dire che è “stanco di loro che rovinano questi personaggi”, incluso Superman, dopo che la compagnia abbandonato “alla maniera americana” dal famoso motto dell’eroe.

Il colorista Gabe Eltaeb rivelato in un recente podcast “Sto terminando il mio contratto con la DC. Sono stanco di questa merda, sono stanco di loro che rovinano questi personaggi; non hanno il diritto di farlo”.

“Ciò che mi ha davvero fatto incazzare è stato dire verità, giustizia e un mondo migliore. Fanculo quello; era ‘la verità, la giustizia e il modo americano’”, ha affermato Eltaeb.

“Mio nonno è quasi morto durante la seconda guerra mondiale; non abbiamo il diritto di distruggere la merda per cui le persone sono morte per darci. È un mucchio di fottute sciocchezze”, ha esortato Eltaeb.

L’artista, che ha lavorato ai tanto diffamati libri di Superman “Son of Kal-El” in cui il figlio di Clark Kent esce come un guerriero bisessuale della giustizia sociale, ha parlato anche degli abusi a cui è stato sottoposto per la sua opinione sul fumetto personaggi del libro in rovina.

“Ci chiamano bigotti e razzisti e merda”, ha osservato Eltaeb, aggiungendo “Chiederei loro di trovarmi nel fottuto mainstream, non ai margini, un fottuto libro, una fottuta maglietta , un film che dice che la sinistra è un male, e il conservatorismo è un bene, trovalo per me, loro fottutamente no. Non lasciano che le persone abbiano una voce, sono dei fottuti bigotti”.

Il conduttore del podcast Ethan Van Sciver ha aggiunto: “Non puoi uscire allo scoperto ed essere un conservatore e criticare l’azienda per cui lavori in questo modo. Devi essere completamente di supporto all’agenda aziendale, qualunque essa sia”.

“Devi tenere per te le tue opinioni negative o critiche, ed è così liberatorio essere in grado di non lavorare per i fumetti DC ed essere in grado di dire esattamente quello che pensi”, ha sottolineato Sciver, aggiungendo “E penso che sia quello che sta andando Gabe attraverso qui.”

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che ti iscrivi alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Inoltre, abbiamo urgente bisogno del tuo supporto finanziario qui. ———————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il tetto del debito è davvero un pavimento del debito



Abbiamo una tregua temporanea in la lotta al tetto del debito. Giovedì, il presidente Biden ha firmato un disegno di legge che aumenta il limite del debito federale di 480 miliardi di dollari.

Ma questa non è la fine della lotta al tetto del debito. Il Congresso ha appena dato un calcio alla strada. Si prevede che l’aumento manterrà solvibile il governo degli Stati Uniti fino al 3 dicembre.

Come ha spiegato Peter Schiff in questa clip dal suo podcast, il tetto del debito si è trasformato in un tetto del debito.

Janet Yellen ha già annunciato il Tesoro proseguirà le “misure straordinarie” per prevenire la maturazione del debito. In una lettera al Congresso, Yellen ha definito il piccolo aumento una “risoluzione temporanea” di un potenziale default.

“È imperativo che il Congresso agisca per aumentare o sospendere il limite del debito in un modo che fornisca la certezza a lungo termine che il governo soddisferà tutti i suoi obblighi. Esorto rispettosamente il Congresso ad agire per proteggere la piena fede e il credito degli Stati Uniti”.

Joe Biden ha affermato che il mancato aumento permanente e sostanziale del tetto del debito causerà una catastrofe economica. Peter Schiff ha detto che Biden ce l’ha al contrario.

“La realtà è che non è una catastrofe economica se non alziamo il tetto del debito. È una catastrofe economica se continuiamo ad aumentare il tetto del debito”.

Tra il 1962 e il 2011, i legislatori hanno aumentato il “limite” del debito 74 volte, secondo il Congressional Research Service. Questo è il motivo per cui il debito nazionale è ben al di sopra di 28 trilioni di dollari.

“Se i congressi in passato avessero avuto il coraggio di non aumentare il tetto del debito, non saremmo in questa situazione perché avremmo bilanciato i libri molto tempo fa e non avremmo tutto questo debito”.

I politici spesso affermano che dobbiamo continuare ad aumentare il limite di prestito perché “l’America paga sempre i suoi conti”.

“La realtà è che il motivo per cui dobbiamo continuare ad aumentare il tetto del debito è perché non paghiamo mai le bollette. Se pagassimo davvero i nostri conti, non avremmo alcun debito. È perché non paghiamo le bollette che abbiamo tutto questo debito e perché vogliamo continuare a non pagare le bollette, ecco perché vogliamo aumentare il tetto del debito invece di pagare le bollette».

Se paghi la tua Visa con la tua Mastercard, non hai davvero pagato il conto. Hai appena trasferito il debito da un prestatore a un altro.

“Quindi, quando gli americani prendono in prestito denaro e lo rimborsano prendendo in prestito più denaro da un nuovo prestatore, non è mai stato pagato nulla. È un gigantesco schema Ponzi e vogliamo continuare questa piramide del debito e farla crescere, crescere e crescere, ed è per questo che vogliamo aumentare il tetto del debito”.

Il fatto è che se il Congresso non alza il tetto del debito, accelererà la catastrofe.

“Ciò che Biden intende veramente è che se alziamo il tetto del debito, possiamo dare il via alla catastrofe lungo la strada e non dovremo affrontarla oggi. Ma ovviamente sarà una catastrofe più grande perché avremo ancora più debiti. Quindi, alzando il tetto del debito ora, possiamo evitare di dover affrontare il problema ora. Possiamo solo renderlo più grande e avere un problema ancora più grande da affrontare domani”.

Ma finora puoi solo calciare la lattina lungo la strada. Se potessi calciare la lattina lungo la strada per sempre, non ci sarebbero mai crisi del debito. Ma ci sono. I paesi li attraversano.

“La storia è piena di esempi in cui i paesi altamente indebitati alla fine hanno finito le corde. E solo perché l’America ha più corda di forse qualsiasi altro paese in virtù del nostro status e dello status di valuta di riserva del dollaro non significa che sia una scorta infinita. Ad un certo punto, raggiungeremo la fine della nostra corda e poi saremo penzolanti da essa proprio come tutti gli altri”.

Ovviamente Joe Biden non vuole affrontare la musica mentre è alla Casa Bianca. Ha bisogno che il tetto del debito venga innalzato in modo che gli Stati Uniti non siano costretti a iniziare a pagare i propri debiti, cosa che non possono fare. Dovrebbe iniziare a essere predefinito. Su questo, Yellen ha ragione. E il governo degli Stati Uniti dovrebbe anche tagliare sostanzialmente la spesa.

“Quindi, ciò che Biden vuole, e ciò che tutti nel governo vogliono, è continuare gli affari come al solito – continuare a passare la responsabilità e andare sempre più in profondità nel debito in modo da poter comprare cose che non possiamo permetterci e prendere in prestito denaro che non possiamo mai ripagare, tutto per tenere a bada una crisi perché preferiremmo che accadesse sotto l’occhio di qualcun altro”.


Come sarà il NWO? Lo stai già vivendo

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I dati sulla disoccupazione rivelano quanto sia davvero incasinata l’economia


Le politiche del governo – dagli arresti, agli stimoli, ai mandati di vaccino – in risposta alla pandemia di coronavirus hanno completamente sconvolto l’economia degli Stati Uniti.

Guardare l’occupazione rivela quanto sia diventata incasinata l’economia.

Il numero di americani che hanno lasciato il lavoro è salito a un livello record ad agosto. Secondo l’indagine sulle aperture di lavoro e sul fatturato del lavoro del Dipartimento del lavoro (SOBBALZI), i licenziamenti sono aumentati di 242.000 unità ad agosto, spingendo il totale a un record di 4,3 milioni. Il tasso di cessazione è salito al massimo storico del 2,9% ad agosto dal 2,7% di luglio.

Nel frattempo, la creazione di posti di lavoro è crollata. Lo ha riferito il Dipartimento del Lavoro un aumento di soli 194.000 posti di lavoro a settembre, ben al di sotto dei 500.000 stimati. Questo è seguito sulla scia di un’altra grande mancanza agosto.

Eppure le aziende sono alla disperata ricerca di lavoratori. Secondo il rapporto JOLTS, c’erano più di 10 milioni di posti di lavoro vacanti.

Anche con questo enorme numero di offerte di lavoro, l’occupazione rimane di 5 milioni di posti di lavoro al di sotto del livello prepandemico nel febbraio 2020.

Come ha senso tutto questo?

Le teste parlanti e i funzionari del governo stanno cercando disperatamente di farla passare come una buona notizia, sostenendo che è tutto un segno di un mercato del lavoro in ripresa. A sentirli dire, questo è solo un altro piccolo inconveniente mentre l’economia si rafforza dopo la pandemia. Noterai molti di questi “piccoli intoppi”, inclusi prezzi in aumento e scaffali dei negozi vuoti. Per quanto possano girare, è difficile nascondere il fatto che l’economia è orribilmente incasinata. Certo, la classe politica non vuole ammetterlo perché poi dovrebbe assumersi la responsabilità di creare questo pasticcio.

L’inasprimento del mercato del lavoro non è una buona notizia per coloro che si aggrappano disperatamente alla narrativa “l’inflazione è transitoria” di Jerome Powell. Le aziende dovranno aumentare i salari per attirare i lavoratori. Come economista detto Reuters, ci sono manifesti di aiuto in ogni vetrina di Main Street.

La mancanza di lavoratori sta esacerbando le interruzioni delle forniture in tutta la nazione che stanno accendendo un fiammifero al fuoco dell’inflazione”.

Allora, perché così tanti americani lasciano semplicemente il lavoro? Secondo Reuters, “È molto probabile che le persone lascino il lavoro per paura di contrarre il COVID-19”. Basano questa affermazione sul fatto che le dimissioni sono più alte nel sud e nel Midwest, aree che hanno subito il peso dell’ondata di coronavirus estiva. Reuters i tassi di vaccinazione noti sono bassi nel sud e nel Midwest.

Questa spiegazione mi sembra poco plausibile. Non conosco nessuno che abbia paura di contrarre il COVID-19, non abbastanza da lasciare il lavoro. D’altra parte, conosco molte persone che non vogliono farsi vaccinare. E conosco diverse persone che sono state costrette a lasciare il lavoro perché si sono rifiutate di farsi beccare. Direi che è più probabile che i mandati dei vaccini stiano guidando l’esodo dalla forza lavoro, non la paura di contrarre il coronavirus. Dato che il tasso di non vaccinazione è più alto nelle aree con il maggior numero di dimissioni, supporta la mia posizione.

Questo è un altro esempio di verità economica: gli incentivi contano. Quando incentivi le persone a lasciare il lavoro, lasceranno il loro lavoro.

Guardando il quadro più ampio, questo è solo un altro pezzo di un puzzle stagflazionistico. Reuters accenna persino ad esso nella sua relazione.

L’inflazione è molto al di sopra dell’obiettivo flessibile del 2% della Federal Reserve, mentre le stime di crescita del prodotto interno lordo per il terzo trimestre sono per lo più inferiori a un tasso annualizzato del 3%”.

Alta inflazione, bassa crescita. Questa è la definizione di inflazione. Proprio per questo Peter Schiff ha recentemente dichiarato che “la stagflazione è qui.

Se ascolti i media mainstream o i funzionari del governo, penseresti che l’economia stravagante sia semplicemente avvenuta. Si scrollano di dosso la follia come una situazione temporanea perché ci stiamo riprendendo da una pandemia. È quasi come se dovessimo aspettarci questo.

Non posso sottolineare abbastanza questo: quello che stiamo vedendo oggi è un risultato diretto di stupide politiche del governo. In risposta a un virus, i governi hanno letteralmente chiuso l’economia per diversi mesi. La Federal Reserve ha stampato trilioni di dollari dal nulla. Lo zio Sam ha distribuito i soldi sotto forma di assegni di stimolo. Il Congresso ha reso più redditizio rimanere a casa che lavorare con maggiori indennità di disoccupazione. Ora stiamo assistendo ai mandati dei vaccini.

Come ha avvertito Frederick Bastiat, devi guardare non solo il visto, ma anche l’invisibile. I politici si concentrano sul visto: il coronavirus. Queste politiche sono state messe in atto per aiutare. Erano essenziali, così ci è stato detto. Ma nessuno si è preso la briga di contare il costo. Ora l’invisibile sta alzando la sua brutta testa sotto forma di inflazione, catene di approvvigionamento rotte, un mercato del lavoro stravolto, carenze, un deficit commerciale in aumento, debito crescente e lo spettro della stagflazione.

Il governo ha rotto l’economia. Non pensare che i problemi se ne andranno.


La CNN usa la retorica raccapricciante e distopica del “prima dei tempi” per giustificare gli scaffali vuoti

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Nessuno sa se è davvero un vaccino o qualcosa per uccidere tutti”


Il leggendario batterista rock Carmine Appice ha tagliato il BS politicamente corretto durante un’intervista giovedì, menzionando come il vaccino contro il Covid non sia stato sottoposto a prove a lungo termine per determinare se sia mortale o meno.

In un’intervista con Rocking With Jam Man su YouTube, il batterista dei Vanilla Fudge ha discusso di come i blocchi del coronavirus e i mandati dei vaccini abbiano influenzato la sua carriera in tournée, definendoli la “cosa più pazza” che abbia mai visto.

“Nella tua vita pensi mai a qualcosa di così folle come [coronavirus lockdowns] accadrebbe?” ha chiesto l’ospite di 9 anni del vlog.

“No. Penso che sia tutto politico. Ma non entreremo in questo. È andato alle elezioni. Penso che fosse tutto pianificato. Ma comunque, non entreremo in questo”, ha affermato Appice.

“Sì, non lo facciamo … non posso entrare in questo, amico”, ha risposto il conduttore dello spettacolo, evidentemente consapevole della censura intorno alle parole chiave tabù su YouTube. “Neanche noi possiamo. Io o te, verremo cancellati”.

Appice ha anche affermato che non gli piaceva prendersi una pausa dal tour quando i blocchi del coronavirus hanno colpito il mondo.

“Ce l’ho fatta. Ma non mi è piaciuto”, ha detto l’ex batterista di Rod Stewart, aggiungendo: “Avrei preferito fare dei concerti”.

“Facevo 60 concerti all’anno e l’anno scorso ne ho fatti quattro. Quest’anno [I will end up playing] forse 18 anni, se accadono tutti. Ancora non lo sappiamo. Come quando abbiamo suonato con me e mio fratello, abbiamo avuto un concerto nel mezzo che è stato saltato a causa del COVID”.

“Quindi, si spera che non vengano spazzati via e che tutti vengano vaccinati. E nessuno sa nemmeno se la vaccinazione è davvero una vaccinazione o qualcosa per uccidere tutti”, ha poi ricordato il batterista.

“Ho dovuto vaccinarmi per viaggiare”, ha affermato Appice. “Ma è pazzesco; è tutto pazzesco. Questa è la cosa più pazza che abbia mai visto in vita mia. In tutti i miei anni, non ho mai visto niente di così folle”.

Sebbene i commenti siano in qualche modo scioccanti, la realtà è che i vaccini contro il Covid-19 sono stati sviluppati rapidamente e inseriti nel processo normativo della FDA nel giro di pochi mesi, quando la maggior parte dei vaccini dispone di anni di dati sulla sicurezza provenienti da studi a lungo termine.

Secondo Blabbermouth.net, Il corpus del lavoro di Appice abbraccia decenni ed è apparso accanto ad alcuni dei più grandi artisti del rock.

Appice è il batterista originale di FUDGE ALLA VANIGLIA, con cui registra e si esibisce ancora oggi. Ha anche giocato con CACTUS e BECK, BOGERT & APPICE, oltre a trascorrere periodi nelle bande di Ozzy Osbourne e Rod Stewart, co-scrivendo il successo n. 1 di quest’ultimo “Da Ya pensi che io sia sexy?” Carminio è stato nominato il 28esimo più grande batterista di tutti i tempi da Rolling Stone rivista.

Qui sta ballando con Ozzy e il chitarrista Jake E. Lee.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Ecco come si isola per davvero un virus


Info

Una delle principali scoperte diffuse e pubblicate in questi mesi è stata quella dell’isolamento del virus SarsCov2. Ma che cosa significa, nella pratica, oltre che nella teoria, isolare un virus? Su #Byoblu24 interviene l’infettivologo Fabio Franchi che in diretta mostra la procedura di isolamento di un virus che, a suo giudizio, non sarebbe stata effettuata correttamente per il Covid19.




about 1 year ago

#andreacrisanti, #fabiofranchi, #infettivologia, #isolamentovirus, #lucazaia, #medito, #nature, #regionelombardia, #sarscov2, #scientifico, #scienza, #sierologico, #test, #virologia

window.fbAsyncLoaded = false; window.fbAsyncPending = []; window.fbAsyncOnLoaded = function(callback) { if (window.fbAsyncLoaded) { callback(); } else { window.fbAsyncPending.push(callback); } };

// Register an event handler for Facebook init window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ version: 'v8.0', appId: '215002133707', cookie: true, status: false, xfbml: false });

// Update state window.fbAsyncLoaded = true;

// Execute pending calls for (var i = 0; i < window.fbAsyncPending.length; i++) { window.fbAsyncPending[i](); } window.fbAsyncPending = []; }; // Trick: monitor the "beforeload" event to check if someone else default // prevented the loading of the facebook library window.fbLoadPrevented = false; function _checkFbPrevent(event) { if (event.url && event.url.match('facebook')) { document.removeEventListener("beforeload", _checkFbPrevent); window.fbLoadPrevented = event.defaultPrevented; } } if (document.addEventListener) { document.addEventListener("beforeload", _checkFbPrevent, true); } // Load Facebook library (function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Che cosa è davvero accaduto in Libano– Fulvio Grimaldi


Info

L’esplosione che ha distrutto il porto e parte delle zone circostanti di Beirut viene considerata un incidente. Ma non tutti la pensano allo stesso modo. Il giornalista Fulvio Grimaldi interviene a #Byoblu24 per commentare l’intricata situazione in medioriente. “Sono stato in Libano nel 1967 durante la Guerra dei sei giorni, poi ci sono tornato dal 1975 al 1990 durante la Guerra civile – spiega Grimaldi – e posso dire che la situazione è molto più complessa di quanto sembri. Da decenni ormai

See More
Israele colpisce il Libano”. Da più parti l’esplosione è stata attribuita ad Hezbollah, ma Grimaldi rifiuta questa ipotesi: “Che interesse avrebbe Hezbollah, che è un partito politico ed ha ministri e deputati nel governo, a fare un attentato contro il proprio paese?”. L’esplosione arriva a colpire un paese già fiaccato dalle sanzioni: “Oltre a queste, l’economia è in crisi e la lira libanese è fortemente svalutata” – spiega il giornalista. Il Libano oggi sembra una polveriera dalle conseguenze imprevedibili.




about 1 year ago

#beirut, #byoblu, #byoblu24, #claudiomessora, #esplosionebeirut, #fulviogrimaldi, #hezbollah, #informazione, #israele, #politicainternazionale, #siria, #terrorismo

window.fbAsyncLoaded = false; window.fbAsyncPending = []; window.fbAsyncOnLoaded = function(callback) { if (window.fbAsyncLoaded) { callback(); } else { window.fbAsyncPending.push(callback); } };

// Register an event handler for Facebook init window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ version: 'v8.0', appId: '215002133707', cookie: true, status: false, xfbml: false });

// Update state window.fbAsyncLoaded = true;

// Execute pending calls for (var i = 0; i < window.fbAsyncPending.length; i++) { window.fbAsyncPending[i](); } window.fbAsyncPending = []; }; // Trick: monitor the "beforeload" event to check if someone else default // prevented the loading of the facebook library window.fbLoadPrevented = false; function _checkFbPrevent(event) { if (event.url && event.url.match('facebook')) { document.removeEventListener("beforeload", _checkFbPrevent); window.fbLoadPrevented = event.defaultPrevented; } } if (document.addEventListener) { document.addEventListener("beforeload", _checkFbPrevent, true); } // Load Facebook library (function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Psaki afferma che non importa che la pattuglia di frontiera non abbia davvero “frustato” i migranti, le azioni sono ancora inaccettabili



Dopo che anche la CNN ha ammesso l’insinuazione secondo cui gli agenti della polizia di frontiera hanno “frustato” i migranti al confine meridionale la scorsa settimana era “palesemente falso”, e che le foto dell’incidente sono state grossolanamente prese fuori contesto, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che non importa.

Un giornalista ha chiesto a Psaki: “The El Paso Times ha respinto la loro affermazione secondo cui gli agenti di frontiera stavano usando le fruste per scoraggiare i migranti haitiani. Questa è una specie di controversia; alcune persone stanno valutando cosa sia una frusta rispetto a cosa sia una redine. E l’El Paso Times ha fornito un chiarimento dicendo: “Non era una vera frusta”. Cambia qualcosa per l’amministrazione, alla luce delle dichiarazioni rilasciate la scorsa settimana?”

Psaki ha risposto: “Non credo che qualcuno possa guardare quelle foto e pensare che sia stata un’azione o un comportamento appropriato o qualcosa che dovrebbe essere accettato all’interno della nostra amministrazione. C’è un’indagine. È in corso. Lo lasceremo giocare. Ma la nostra reazione alle foto non è cambiata”.

Orologio:

Quindi il fatto che gli agenti della Border Patrol stessero facendo il loro lavoro, rastrellando i clandestini che stavano cercando di scappare, e non frustandoli indiscriminatamente, come inizialmente suggerito, non avrà alcuna incidenza sull'”indagine”?

Biden ha già detto che gli agenti “pagheranno”, quindi un’indagine imparziale è apparentemente fuori dalle carte.

I filmati e le immagini successive dimostrano che non sono state usate fruste e che gli agenti non stavano nemmeno usando le redini dei loro cavalli per attaccare i migranti:

Anche il fotografo che ha scattato le immagini è intervenuto e ha affermato che non si è verificata alcuna “frusta”.

“Alcuni degli uomini haitiani hanno iniziato a correre, cercando di aggirare i cavalli”, Paul Ratje ha detto, aggiungendo “Non li ho mai visti frustare nessuno… Lo stava facendo oscillare, ma può essere frainteso quando guardi l’immagine”.

Non importa, via in prigione con loro, mentre migliaia di migranti privi di documenti vengono semplicemente lasciati andare in America, per non essere mai più visti.

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che ti iscrivi alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Inoltre, abbiamo urgente bisogno del tuo supporto finanziario qui. ———————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link