Archivi tag: chiede

AOC chiede alle persone di “scendere in strada” per la sentenza SCOTUS sull’aborto



La deputata Alexandria Ocasio-Cortez è stata avvistata fuori dalla Corte Suprema chiedendo alle persone di entrare “in strada” poco dopo che la Corte Suprema aveva ribaltato Roe v. Wade.

Ha anche definito la sentenza “illegittima”.

L’acrobazia di AOC è in tandem con a attivazione di massa dei liberali in tutta l’America; arriva anche sulla scia degli attivisti/militanti dell’aborto invocando violente proteste in una “notte di rabbia” ogni volta che Roe v. Wade viene ribaltato.

Ricorda che all’inizio di questo mese, un assassino armato è stato arrestato vicino alla casa del giudice Brett Kavanaugh nel Maryland perché “sconvolto” da una bozza di parere trapelata che SUGGERIVA che la Corte Suprema stesse per annullare Roe v. Wade.


Le carenze globali sono qui! Preparati oggi



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il giornalista chiede alla Casa Bianca se l’unica scelta degli americani è “$ 5 un gallone di benzina o un’auto elettrica da $ 61.000?”



Giovedì è stato chiesto alla segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre di spiegare perché l’unica soluzione dell’amministrazione Biden all’impennata dei prezzi del gas sembra essere quella di chiedere agli americani di affrontarlo o di spendere fino a $ 55.000 su un veicolo elettrico.

“Molte persone non possono permettersi un’auto elettrica da $ 61.000 e stanno anche avendo difficoltà a permettersi il gas in questo momento. Sembra una transizione dolorosa”, ha detto il giornalista di Fox News Peter Doocy a Jean-Pierre, riferendosi alle diverse volte in cui i funzionari di Biden e lo stesso presidente hanno propagandato una “transizione” verso l’energia verde.

“Siamo in una transizione verso l’energia pulita… creerà posti di lavoro”, ha risposto Jean-Pierre, suonando come un disco rotto.

“Sì, ma chi può permettersi un’auto elettrica? Il prezzo medio è di $ 61.000! È quella la scelta da $ 5 per gallone di benzina o un’auto elettrica da $ 61.000? Doocy ha chiesto ulteriori informazioni.

“Sono le mele con le arance. Non è la stessa cosa”, ha risposto.

Jean-Pierre ha continuato a pubblicizzare la cosiddetta esenzione dalla tassa sul gas di Biden, che anche i Democratici hanno immediatamente scaricato giovedì:

Dopo aver ripetutamente incolpato Vladimir Putin per l’impennata dei prezzi del gas e del costo della vita in America, e poi attaccando le compagnie energetiche americane per cominciare, Biden ha trascorso giovedì incolpando i proprietari delle stazioni di servizio per i prezzi elevati:

Sembra che tutti tranne lui e la sua amministrazione sia da biasimare.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biden chiede al presidente di BlackRock di fornire consulenza al Dipartimento di Stato sulle politiche cinesi


La nuova scelta dell’amministrazione Biden per consigliare il Dipartimento di Stato sulla “competizione strategica” con Pechino presiede BlackRock, un think tank sugli investimenti che ha esortato gli azionisti a investire pesantemente in Cina.

Il segretario di Stato Antony Blinken selezionato Venerdì, il presidente del BlackRock Investment Institute Tom Donilon co-presiederà il Foreign Affairs Policy Board, che fornirà “consigli, feedback e prospettive” al Dipartimento di Stato su “sicurezza informatica e tecnologie emergenti, clima ed energia, economia internazionale, salute globale, e concorrenza strategica con la Repubblica popolare cinese”.

Donilon è stato in precedenza consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Obama dal 2010 al 2013.

Ma la scelta di Blinken rappresenta un chiaro conflitto di interessi perché BlackRock ha espressamente affermato che la “competizione strategica” con la Cina è dannosa per gli affari.

“Anche la concorrenza strategica tra Stati Uniti e Cina e le conseguenti tensioni hanno contribuito all’incertezza nel panorama geopolitico e normativo”, si legge nell’ultimo relazione annuale.

In altre parole, le politiche del Dipartimento di Stato sulla “competizione strategica” con la Cina saranno ora consigliate da un leader di una società che ha attivamente scoraggiato la “competizione strategica” con la Cina.

A settembre, BlackRock è diventata la prima società americana in assoluto ad aprire un fondo comune di investimento in Cina.

In effetti, BlackRock ha esortato gli azionisti a investire maggiormente in Cina, arrivando persino a investire in società di sorveglianza cinesi sanzionate come Hikvision e iFlytek, che erano nella lista nera nel 2019 dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti per i collegamenti con l’esercito cinese.

Secondo per il Dipartimento del Commercio, Hikvision e iFlytek sono due delle 28 società “che sono state implicate in violazioni e abusi dei diritti umani nella campagna cinese contro gli uiguri e altre minoranze etniche prevalentemente musulmane nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR)”.

Le mosse sono così palesemente in contrasto con la sicurezza nazionale degli Stati Uniti che persino il miliardario di sinistra George Soros condannato Gli investimenti di BlackRock in Cina come “tragico errore” nel 2021.

“L’iniziativa BlackRock mette in pericolo gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie perché il denaro investito in Cina aiuterà a sostenere il regime del presidente Xi, che è repressivo in patria e aggressivo all’estero”, ha scritto Soros nel giornale di Wall Street.

In particolare, il Dipartimento di Stato dice gli incontri con il Foreign Affairs Policy Board sono chiusi al pubblico a causa di “discussioni su argomenti e materiali sensibili e spesso classificati”.

L’ex consigliere di Trump Stephen Miller ha definito la mossa del Dipartimento di Stato “profondamente scandalosa” e ha chiesto al GOP di indagare sull’amministrazione Biden se dovesse riprendere la maggioranza dopo il midterm.

“Questo è profondamente scandaloso e mostra esattamente come funziona la palude: il grande governo si prende cura della grande finanza e poi, quando lo staff del governo se ne va, la grande finanza si prende cura di loro in cambio”, ha twittato Miller mercoledì. “Se il GOP ottiene la maggioranza, deve indagare sui rapporti di amministrazione con Blackrock e Cina”.

Faro libero H/t Washington


Twitter: @WhiteIsTheFury

Verità sociale: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Il presidente di BlackRock chiama gli americani “titolati” per aver voluto negozi di alimentari pieni di cibo



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il nuovo film chiede se Alex Jones sia un “pazzo pericoloso” o un “eroe patriottico”?


Un nuovo film dell’acclamato regista Alex Lee Moyer che uscirà nelle sale il mese prossimo pone la domanda: “Chi è Alex Jones? È un pazzo pericoloso o un eroe patriottico?”

Moyer, che in precedenza aveva diretto TFW NO GF, un’affascinante visione della sottocultura incel, è tornato con un nuovo film documentario su uno degli uomini più controversi del pianeta oggi.

Un trailer di Alex’s War è appena uscito su YouTube, stuzzicando gli spettatori con la promessa di portarli su un giro sulle montagne russe che mostra l’ascesa di Jones dal talk show radiofonico locale all’attenzione nazionale e all’infamia.

“Alex’s War è un esame ravvicinato senza precedenti di questa figura mitica e protetta e della storia della frattura della grande narrativa americana, attraverso gli occhi di quest’uomo che ha contribuito a spezzarla”, afferma il blurb che accompagna il film.

La clip illustra come la “persona più bandita e demonizzata del mondo” sia diventata un bersaglio del regime dopo che il suo impero mediatico, un tempo relativamente oscuro, è cresciuto a un livello tale da aiutare a eleggere il presidente Donald Trump nel 2016.

Il filmato mostra Jones che si fa le ossa alla fine degli anni ’90 affrontando consigli ingannevoli e smascherando i politici locali corrotti.

Quindi si sposta in avanti fino al 2015, quando un importante fulcro del lancio di Trump della sua campagna presidenziale è stata un’apparizione nello show di Jones durante la quale Trump ha descritto Jones come “sorprendente”.

È anche documentata la persecuzione di Jones sotto forma della sua continua demonizzazione e deplatforming, che si è intensificata dopo il 6 gennaio.

“OK, mettiamomi in prigione per essere interrogato, anche se è un mio diritto”, afferma Jones nel documentario. “Infatti uccidiamo Alex Jones, mettiamomi davanti a un plotone di esecuzione e premiamo il grilletto”.

“In realtà ho una sensazione di malessere, perché so cosa verrà dopo”, aggiunge.

Il film sarà proiettato in sale selezionate il 29 luglio e sarà disponibile per il download di video nella stessa data.

Segui Alex’s War su Twitter: https://twitter.com/alexswarmovie

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La Casa Bianca chiede alle compagnie petrolifere di “essere patrioti”, produrre più gas


La Casa Bianca mercoledì ha accusato le compagnie petrolifere americane di utilizzare la guerra in Ucraina per ottenere profitti record, esortandole a produrre più gas.

La segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha iniziato la conferenza stampa quotidiana sottolineando che le compagnie petrolifere hanno continuato a realizzare profitti record mentre i prezzi continuavano a salire.

“Chiediamo loro di fare la cosa giusta. Essere patrioti qui e non usare la guerra come scusa o motivo per non interrompere la produzione”, ha detto.

Jean-Pierre ha seguito quello di Biden lettera severa alle compagnie petrolifere inviato mercoledì mattina, minacciando di usare i suoi poteri di guerra per costringere le aziende a produrre più gas.

“Lo vediamo come un primo passo importante per assicurarsi che le raffinerie di petrolio stiano facendo la loro parte, ancora un dovere patriottico, nell’assicurarsi che stiano eliminando la capacità”, ha affermato.

Non ha condiviso idee specifiche su come il presidente avrebbe utilizzato il Defense Production Act per aumentare la produzione di più petrolio e gas.

Jean-Pierre ha ripetutamente accusato le compagnie petrolifere di aver approfittato della guerra in Ucraina per fare più soldi.

«I fatti sono i fatti», disse senza mezzi termini.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

I patrioti bandiscono la drag queen che chiede ai bambini di succhiargli il cazzo



Rob Dew si unisce a Owen Shroyer dal vivo in studio per raccontare la storia di una drag queen che ha rilasciato dichiarazioni di pedofilia mentre viene cacciata da una biblioteca piena di bambini da una banda di coraggiosi patrioti.

Inoltre, non perderti il ​​video originale completo dello scontro qui sotto:


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il “professore di etica queer” chiede che la pedofilia sia destigmatizzata e insegnata nelle scuole


Un cosiddetto “professore di etica” norvegese ha affermato che la pedofilia dovrebbe essere classificata come una “sessualità innata” e insegnata nelle scuole.

Sì davvero.

Redux riferisce che Ole Martin Moen dell’Università Metropolitana di Oslo chiede la “destigmatizzazione” dei pedoni, sostenendo che “lo stato mentale di trovare bambini sessualmente attraenti è molto comune”.

Moen, un uomo gay che si identifica come “queer”, afferma anche che una significativa “percentuale di studenti delle scuole superiori ha un’identità sessuale pedofila innata”, qualcosa che identifica con coloro che si identificano come LGBTQ+.

Oh, stiamo finalmente aggiungendo la “P” ora?

Di che colore avranno i pedoni sulla bandiera arcobaleno?

Il rapporto rileva inoltre che il “professore” Moen ha scritto un articolo nel 2015 intitolato “L’etica della pedofilia”, in cui chiedeva “quanto è grave” la pedofilia, “E in che modo, e per quali ragioni, è negativa?”

L’abstract dell’articolo recita: “In questo articolo si sostiene che la pedofilia è un male solo perché, e solo nella misura in cui arreca danno ai bambini, e che la pedofilia stessa, così come le espressioni e le pratiche pedofile che non causano danni ai bambini, sono moralmente a posto [sic].”

Scrive inoltre: “Sosteniamo che non è immorale essere un pedofilo, è immorale per i pedofili cercare contatti sessuali con i bambini a causa del danno previsto per i bambini, ed è moralmente lecito per i pedofili soddisfare le loro preferenze sessuali in modi che non coinvolgono nessun bambino vero”.

Tra le altre argomentazioni che fa sul giornale c’è l’idea che tutti siano davvero pedofili perché quando eravamo tutti bambini abbiamo tutti sperimentato desideri sessuali per altri bambini.

“Molti di noi sono stati pedofili a un certo punto”, sostiene Moen, aggiungendo “Quando avevi 11 anni, non è improbabile che fossi sessualmente attratto dai bambini in età prepuberale”.

Moen suggerisce anche che “Per prevenire danni ai futuri bambini, sarebbe anche opportuno iniziare a insegnare agli studenti delle scuole superiori non solo cosa fare nel caso in cui siano vittime di abusi sessuali, ma anche cosa fare nel caso in cui siano essi stessi pedofili”. .”

“Una certa percentuale di studenti delle scuole superiori sono o diventeranno pedofili e attualmente non ricevono alcun consiglio su come gestire la propria sessualità”, afferma ulteriormente.

Potrebbe essere perché voler abusare sessualmente dei bambini non è un orientamento sessuale, ma piuttosto una perversione malvagia?

Moen suggerisce inoltre che i pedoni dovrebbero essere in grado di guardare il porno per bambini, purché sia ​​generato dal computer e non reale, in modo che possano soddisfare i loro desideri.

Aggiunge che è “ingiusto” condannare le persone che hanno desideri pedofili e che dovrebbero effettivamente essere “lodate” per la loro “ammirevole forza di volontà”, se riescono ad astenersi dal fare sesso con i bambini.

Moen, che fa anche parte del comitato consultivo di un gruppo norvegese per i diritti dei trans, la Patient Organization for Gender-Incongruence, ha recentemente preso di mira ripetutamente La femminista norvegese Christina Ellingsen, che rischia fino a tre anni di carcere per aver twittato che un maschio biologico non può diventare una donna lesbica.

Come cane da guardia Appunti sulla città dell’Esodo, c’è un movimento in corso e in crescita per normalizzare la pedofilia come stile di vita sessuale. Il “professore” Moen è solo uno dei tanti che sostengono questa follia.

Mentre questo estremo si sposta dai margini, ora sembra che esporre i bambini alla nudità, le drag queen che promuovono ogni tipo di attività sessuale, feticci come “gioco dei cuccioli”, twerking, uomini seminudi che si frustano a vicenda e canti di “abbiamo genitali e lubrificante” è ritenuto “adatto alle famiglie”.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Matthew McConaughey chiede il controllo delle armi durante il briefing della Casa Bianca


Martedì, l’attore Matthew McConaughey è apparso in una conferenza stampa alla Casa Bianca per chiedere una serie di proposte sul controllo delle armi, facendo eco ad alcuni dei punti di discussione di Joe Biden sul controllo delle armi.

“Come ho detto, questo momento è diverso”, ha detto McConaughey ai giornalisti nella sala conferenze stampa della Casa Bianca. “Siamo in una finestra di opportunità in questo momento in cui non eravamo mai stati prima. Una finestra in cui sembra un vero cambiamento: il vero cambiamento può avvenire”.

Dopo che McConaughey, un nativo di Ulvade, si è lanciato in un appassionato discorso lamentando la sparatoria alla scuola elementare di Robb che ha ucciso 19 studenti e due insegnanti nella sua città natale, ha offerto misure simili per il controllo delle armi Joe Biden aveva sostenuto per giorni prima.

“Abbiamo bisogno di una proprietà responsabile delle armi”, ha detto McConaughey. “Abbiamo bisogno di controlli in background. Dobbiamo aumentare l’età minima per acquistare un fucile AR-15 a 21 anni. Abbiamo bisogno di un periodo di attesa per quei fucili. Abbiamo bisogno di leggi da bandiera rossa e di conseguenze per coloro che ne abusano. Queste sono regole tattiche pratiche ragionevoli”.

All’insaputa di McConaughey, i rivenditori di armi da fuoco sono già tenuti a condurre controlli sui precedenti quando le armi vengono acquistate nei loro negozi.

“I proprietari di armi responsabili sono stufi”, ha affermato McConaughey. “Questi regolamenti non sono un passo indietro; sono un passo avanti per una società civile e per il Secondo Emendamento”.

Imporre misure di controllo delle armi “non dovrebbe essere una questione di parte”, ha aggiunto.

L’attore di “Dazed and Confused” aveva precedentemente chiesto a divieto totale delle “armi d’assalto” nel 2018 durante un anti-Secondo Emendamento Marzo per le nostre vite evento.

“Vietiamo le armi d’assalto per i civili. Questo è un gioco da ragazzi”, aveva detto. “E ai miei amici là fuori che sono proprietari responsabili di queste armi d’assalto ricreative che usano per svago, per favore prendiamone una per la squadra qui e mettila giù. Quel problema salva vite”.


Con il punteggio di approvazione di Biden che ha raggiunto un livello record, GOP lavora per consegnare una vittoria sul controllo delle armi



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il presidente messicano chiede il superstato americano, l’apertura delle frontiere



Il presidente del Messico sta rilanciando le richieste per un superstato continentale che unirebbe datori di lavoro nordamericani e dipendenti sudamericani e metterebbe da parte decine di milioni di americani della classe media.

“Andrò a luglio a visitare [President Joe Biden] alla Casa Bianca e voglio discutere con lui la questione dell’integrazione di tutta l’America”, ha detto il presidente Andrés Manuel López Obrador in una conferenza stampa nel palazzo presidenziale del Messico. Ha continuato: “La mia posizione è che, proprio come è stata creata la comunità europea … dobbiamo farlo in America”.

Tuttavia, qualsiasi unificazione potrebbe avvenire solo dopo che gli Stati Uniti e i paesi del sud hanno risolto i loro disaccordi, ha affermato: “Deve esserci un cambiamento nella politica, la fine del confronto, la fine dell’odio, la fine delle minacce, i blocchi, l’ingerenza straniera, e scegliere la fratellanza, le politiche di buon vicinato”.

Lo stesso superstato continentale è stato spinto nel 2001 dal presidente GW Bush e dall’allora presidente del Messico, Vicente Fox. Il loro impopolare piano “Any Willing Worker” avrebbe consentito ai datori di lavoro statunitensi di importare facilmente dipendenti a basso salario dall’America centrale e meridionale. È stato fatto deragliare in seguito all’attacco dell’11 settembre.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Elon Musk chiede perché DOJ non trapelerà l’elenco dei clienti di Epstein: “Non sembra strano?”



Elon Musk ha riflettuto su Twitter sul motivo per cui il Dipartimento di Giustizia non ha fatto trapelare l’elenco dei clienti del miliardario pedofilo deceduto Jeffrey Epstein e della sua complice Ghislaine Maxwell.

Il CEO di Tesla e SpaceX ha condiviso un meme di “Cose che non vedrò mai nella mia vita”, che includeva immagini di un dinosauro, un drago, un unicorno e le parole “Elenco dei clienti Epstein/Maxwell”.

“L’unica cosa più notevole del DOJ che non ha fatto trapelare l’elenco è che nessuno nei media si preoccupa”, ha twittato Musk sabato. “Non ti sembra strano?”

Il tweet ha raccolto oltre 354.000 Mi piace a partire da domenica.

Il Dipartimento di Giustizia è diventato noto per le perdite durante il periodo in cui l’ex presidente Trump era in carica, che è stato diffuso in modo servile dai media mainstream in ogni occasione.

Ma come ha notato Musk, quando si tratta della lista dei clienti di Epstein/Maxwell, entrambe le istituzioni sono vistosamente silenziose e sembrano disinteressate ad arrivare alla verità.

“A volte penso che la mia lista di nemici sia troppo breve, quindi”, ha aggiunto Musk in un tweet di follow-up, che ricorda un messaggio inquietante che ha twittato il mese scorso sulla morte sotto “circostanze misteriose”.

Maxwell, l’amante e confidente di Epstein, lo era condannato lo scorso dicembre di reclutamento e adescamento di ragazze adolescenti per essere abusate sessualmente da Epstein. La sua udienza di condanna è il 28 giugno.

Musk è andato anche su un tweet baldoria venerdì, prendendo in giro le scie chimiche “Disney” e sottolineando il ritrovato disprezzo del frontman dei Sex Pistols Johnny Rotten per i liberali della cultura dell’annullamento.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

“Com’era la vita sull’isola di Epstein?” – La sopravvissuta di Epstein Juliette Bryant parla con Gareth Icke in queste settimane proprio ora



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Kash Patel chiede al Dipartimento di Giustizia di spostare le prove bufale in Russia al di fuori della DC dopo il verdetto di Sussman


L’ex funzionario della sicurezza nazionale della Casa Bianca Kash Patel ha chiesto al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) di spostare i suoi processi per bufala contro la Russia al di fuori dell’area di Washington DC dopo che una giuria “contaminata” ha assolto martedì Michael Sussmann.

Sussman è un ex avvocato della campagna di Hillary Clinton che il Dipartimento di Giustizia ha perseguito con l’accusa di aver mentito all’FBI come parte dell’indagine del consigliere speciale John Durham sulla bufala della “collusione con la Russia”. Tuttavia, una giuria ha assolto Sussman da queste accuse dopo un processo completo.

Sussman è stato un attore chiave nella promozione della bufala della “collusione russa”.

Come Joel Pollak di Breitbart News segnalato:

Sussmann ha fornito all’FBI i dati che erano stati prodotti dai ricercatori che lavoravano con la campagna e che pretendevano di collegare Trump alla Russia tramite Alfa Bank. L’accusa si è presto rivelata infondata, ma faceva parte della teoria del complotto generale della “collusione russa” che la campagna di Clinton ha usato per diffamare Trump durante la campagna e dopo la sua vittoria.

Patel è stato allevato durante il processo di Sussman, poiché l’accusa ha utilizzato come prova la sua intervista di quattro anni con Sussman. Patel ha aiutato allora-Rep. Devin Nunes (R-CA) indaga sulla bufala della “collusione russa” mentre Nunes prestava servizio nel comitato di intelligence della Camera. Secondo quanto riferito, Sussman detto il comitato in cui “stava lavorando per un cliente quando è andato all’FBI sostenendo che le prove informatiche mostravano che l’allora candidato Donald Trump era legato al governo russo tramite Alfa Bank”.

Leggi di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Kamala Harris chiede il “divieto delle armi d’assalto”, afferma che “non hanno posto nella società civile”



Il vicepresidente di Joe Biden, Kamala Harris, ha chiesto il divieto delle “armi d’assalto”, sostenendo che “non hanno posto nella società civile”.

Parlando con i giornalisti sabato a Buffalo, New York, dopo aver partecipato al funerale di una delle 10 vittime della sparatoria di massa avvenuta in un supermercato il 14 maggio, Harris ha spiegato che vietare armi come l’AR-15 è una risposta appropriata all’Uvalde tiro.

“Sulla questione della violenza armata, dirò, come ho detto innumerevoli volte, non stiamo seduti ad aspettare di capire quale sia la soluzione. Sai, non stiamo cercando un vaccino”, ha detto Harris ai giornalisti.

“Sappiamo cosa funziona su questo. Include il divieto di armi d’assalto”.

«Sai cos’è un’arma d’assalto? Sai come è stata progettata un’arma d’assalto?” chiese Harris. “È stato progettato per uno scopo specifico: uccidere rapidamente molti esseri umani. Un’arma d’assalto è un’arma di guerra senza posto, senza posto in una società civile”.

L’AR-15 è stato utilizzato sia nella sparatoria al supermercato Tops a Buffalo all’inizio di questo mese che nella sparatoria alla scuola Uvalde, spingendo i Democratici a cogliere l’opportunità per chiedere ancora una volta un divieto di “armi d’assalto” simile al 1994 divieto imposto dall’ex presidente Bill Clinton.

Le osservazioni di Harris arrivano pochi giorni dopo Biden ha dichiarato che il Secondo Emendamento “non è assoluto”sostenendo che “alcune persone fin dall’inizio non erano autorizzate ad acquistare armi”.

Nonostante le richieste di Biden e Harris di imporre il controllo delle armi, gli elettori statunitensi hanno segnalato che ampie proposte di controllo delle armi non sono popolari nel paesecon solo il 41% che indica che sosterrebbe misure di controllo delle armi più rigorose.

In effetti, la sparatoria di Buffalo è avvenuta nonostante New York ha alcune delle leggi più severe sul controllo delle armi sui libri.

Inoltre, il procuratore generale del Texas Ken Paxton notato che le proposte di controllo delle armi da parte dei Democratici – comprese le cosiddette leggi sulle armi da “bandiera rossa” – non avrebbero impedito al tiratore di Uvalde di ottenere un’arma da fuoco.

Guarda le osservazioni complete di Harris:


PUNDITS, POLITICI E STAMPA PREMERE PER PRENDERE LE PISTOLE



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il primo ministro neozelandese chiede censura e controllo delle armi durante il discorso di Harvard


Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha invitato le aziende tecnologiche a censurare il “flagello della disinformazione” durante un discorso ai laureati dell’Università di Harvard.

Con la sparatoria di massa di Uvalde ancora fresca nella mente degli americani, Ardern ha citato la sparatoria di Christchurch nel 2019 nel suo discorso di giovedì come motivo per cui il suo governo ha bandito “i fucili d’assalto e semiautomatici in stile militare” e imponeva la censura online.

“Sapevamo di aver bisogno di una riforma significativa delle armi, e quindi è quello che abbiamo fatto”, ha detto Ardern. “Ma sapevamo anche che se volessimo soluzioni autentiche al problema dell’estremismo violento online, ci sarebbero voluti il ​​governo, la società civile e le stesse società tecnologiche per cambiare il panorama”.

Arden ha quindi invitato le piattaforme dei social media a sviluppare “algoritmi responsabili” per censurare la “disinformazione” e “fare scelte e decisioni per noi” su quali informazioni vediamo online.

“È giunto il momento che le società di social media e altri fornitori online riconoscano il loro potere e agiscano di conseguenza”, ha affermato Ardern.

“Ciò significa mantenere i propri termini di servizio di base. Ciò significa riconoscere il ruolo che svolgono nel curare e modellare costantemente gli ambienti online in cui ci troviamo. I processi algoritmici fanno scelte e decisioni per noi”.

“Nel migliore dei casi ciò significa che l’esperienza dell’utente è personalizzata, ma nel peggiore dei casi significa che l’esperienza dell’utente può essere radicalizzata”, ha continuato Ardern. “Iniziamo con la trasparenza su come funzionano i processi algoritmici e sui risultati che forniscono. Ma concludiamo con un approccio condiviso agli algoritmi responsabili, perché è giunto il momento”.

“Quando i fatti si trasformano in finzione e la finzione in realtà, smetti di discutere di idee e inizi a discutere di cospirazione”, ha aggiunto.

Ardern ha poi ridicolizzato i “guerrieri della tastiera” che diffondono informazioni o contenuti che non le piacciono.

“Nella mia mente, quando leggo qualcosa di particolarmente orribile sul mio feed, immagino che sia stato scritto da una persona sola, che non conosce le pratiche di igiene personale, vestita con un costume da supereroe poco adatto, uno che è largo in tutti i posti sbagliati”, ha detto disse.

“Guerriero della tastiera o meno, però, è ancora qualcosa che è stato scritto da un umano, ed è qualcosa che è stato letto anche da uno”, ha aggiunto.

Guarda il discorso completo di Ardern:


Stanno arrivando per le tue pistole: preparati



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Michael Moore chiede la demolizione del secondo emendamento


Sulla scia di una sparatoria di massa in una scuola elementare del Texas a Uvalde, la MSNBC si è rivolta al fanatico anti-armi Michael Moore che ha chiesto l’abrogazione del Secondo Emendamento.

Moore ha affermato: “Non riconosceremo di essere un popolo violento, tanto per cominciare. Questo paese è nato nella violenza con il genocidio dei nativi alla canna di una pistola”.

Ha continuato: “Questo paese è stato costruito sulla schiena degli schiavi con una pistola puntata sulla schiena per costruire questo paese nel paese che dobbiamo avere. Non vogliamo riconoscere o due peccati originali qui che hanno una pistola dietro la capacità dietro la nostra capacità di diventare ciò che siamo diventati “.

Moore ha quindi suggerito “Penso che abbiamo bisogno di un’azione davvero drastica qui”, prima di suggerire “una moratoria” sulle vendite di armi.

Poi è arrivato il vero kicker che ha chiesto “Chi lo dirà su questa rete o su qualsiasi altra rete nei prossimi giorni? È tempo di abrogare il Secondo Emendamento”

“Non si può dire che. Beh perchè no? Perchè no?” Ha continuato, prima di utilizzare l’argomento secondo cui i padri fondatori non sapevano cosa fossero i proiettili.

“Credo davvero che se Jefferson, Madison e Washington sapessero tutti che il proiettile sarebbe stato inventato – circa 50 anni dopo la nostra rivoluzione, non so se l’avrebbero scritto in quel modo”, ha affermato Moore.

Ha aggiunto: “Non sapevano nemmeno cosa fosse un proiettile. Non esisteva fino al 1830. Avevano idea che ci sarebbe stato questo tipo di carneficina. Devi credere che i Fondatori del Paese non lo sosterrebbero”.

Moore ha poi ammesso di sostenere “tutta la legislazione sul controllo delle armi. Legislazione non sensata sul controllo delle armi”, aggiungendo “Non abbiamo bisogno di cose sensate. Abbiamo bisogno delle cose hard-core che proteggeranno noi stessi e i nostri figli”.

Orologio:

https://cdn.jwplayer.com/videos/xPpQz5yX-25GFhifI.mp4

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La sinistra chiede a gran voce il controllo delle armi, incolpa i repubblicani poche ore dopo la tragica sparatoria alla scuola elementare del Texas



Politici liberali, celebrità e attivisti stanno cogliendo al volo l’opportunità di portare avanti il ​​loro programma di controllo delle armi e incolpare la loro opposizione politica per la tragica sparatoria in una scuola elementare in Texas che ha provocato la morte di 14 bambini e un insegnante.

L’autore Stephen King, l’atleta LeBron James e il regista Rob Reiner sono stati tra le prime celebrità a richiedere il controllo delle armi in risposta alla sparatoria alla Robb Elementary School di martedì.

I soliti politici del Partito Democratico come Hillary Clinton e la senatrice Dianne Feinstein (California) si sono subito lanciati sulla tragedia per spingere per un maggiore controllo delle armi:

Innumerevoli attivisti con il segno di spunta blu si sono anche accumulati, incolpando i repubblicani e l’NRA per le azioni malvagie del tiratore di 18 anni Salvador Ramos.

Niente è sacro per i Democratici finché riescono a trovare un modo per portare avanti la loro agenda politica.


Ecco le sparatorie ignorate dai media e dall’amministrazione Biden



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Lo Stato dell’UE chiede una coalizione navale per scortare il grano ucraino


Una coalizione navale internazionale dovrebbe essere costituita per garantire che le navi che trasportano grano ucraino possano lasciare i porti del Mar Nero in mezzo a un presunto blocco russo della costa, ha suggerito il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis.

Landsbergis ha proposto l’idea durante i colloqui con il ministro degli Esteri britannico Liz Truss a Londra lunedì, ha spiegato al Guardian in un’intervista. Secondo quanto riferito, Truss ha espresso il sostegno della Gran Bretagna, in linea di principio, a una tale coalizione.

La Russia ha negato di voler imporre un blocco navale all’Ucraina, definendo i rapporti “speculazione” e insistendo sul fatto che la stessa Kiev ha causato problemi logistici alle spedizioni piantando mine nei propri porti.

Ma secondo il ministro degli Esteri lituano, per proteggere le rotte marittime dalla Russia nel Mar Nero è necessaria “una coalizione di paesi volenterosi con una notevole potenza navale”.

Questa operazione di scorta navale non dovrebbe coinvolgere la NATO, ha detto Landsbergis. “Questa sarebbe una missione umanitaria non militare e non è paragonabile a una no-fly zone”, ha detto detto il guardiano.

Non solo la Gran Bretagna, ma anche i paesi colpiti dalla carenza di grano, compreso l’Egitto, potrebbero partecipare all’operazione, ha suggerito il diplomatico.

“Il tempo è molto molto breve. Ci stiamo avvicinando a un nuovo raccolto e non c’è altro modo pratico per esportare il grano se non attraverso il porto di Odessa, sul Mar Nero”, ha insistito. “È imperativo mostrare ai paesi vulnerabili che siamo preparati a compiere i passi necessari per nutrire il mondo”.

Landsbergis ha affermato di ritenere che “in questo sforzo sarebbero stati utilizzati navi o aerei militari o entrambi per garantire che le forniture di grano possano lasciare Odessa in sicurezza e raggiungere il Bosforo senza l’interferenza russa”.

Tuttavia, ha riconosciuto che l’attuazione di un tale piano richiederebbe lo sminamento di alcune aree e l’ottenimento dell’approvazione dalla Turchia, che controlla l’ingresso al Mar Nero e potrebbe considerare l’operazione di scorta come un’escalation.

Secondo il Guardian, dopo l’incontro, Truss ha detto che la Gran Bretagna sarebbe disposta a fornire le sue navi per la missione di scorta se le questioni sollevate da Landsbergis fossero risolte.

“Quello che dobbiamo fare è affrontare questo problema di sicurezza alimentare globale e il Regno Unito sta lavorando a una soluzione urgente per portare via il grano dall’Ucraina”, ha affermato il quotidiano.

Con la Russia e l’Ucraina che rappresentano circa il 30% delle esportazioni globali di grano, il conflitto tra i due vicini ha messo il mondo sull’orlo di “un uragano di fame e un crollo del sistema alimentare globale”, secondo il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres .

Lunedì il segretario stampa del Cremlino Dmitry Peskov ha concordato con le preoccupazioni di Guterres, dicendo “questo è vero”, mentre ha insistito sul fatto che la Russia “non è stata la fonte del problema che sta causando la minaccia della fame nel mondo. Le fonti di questo problema sono coloro che hanno imposto sanzioni e le sanzioni stesse”.

Ha detto che le forze ucraine hanno piazzato mine navali nel Mar Nero, rendendo la navigazione nell’area “praticamente impossibile”.

Secondo Peskov, Kiev potrebbe anche utilizzare le linee ferroviarie per esportare il suo grano. La Polonia invia treni armati in Ucraina e “nessuno impedisce loro di esportare grano sugli stessi treni”, ha affermato.

Pfizer annuncia a piano per drogaggio forzato e monitoraggio di persone in tutto il mondo.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’ospite di Davos chiede una “ricalibrazione” della libertà di parola


Un ospite del vertice annuale del World Economic Forum a Davos ha chiesto una “ricalibrazione” della libertà di parola per combattere la “violenza online” e la “crescente polarizzazione”.

“Ci troviamo in un luogo in cui abbiamo una polarizzazione crescente ovunque e tutto sembra binario quando non è necessario”, ha detto lunedì il “commissario per la eSafety” australiano Julie Inman Grant.

“Quindi, penso che dovremo pensare a una ricalibrazione di tutta una serie di diritti umani che si stanno manifestando online, dalla libertà di parola alla libertà di essere liberi dalla violenza online”.

“O il diritto alla protezione dei dati al diritto alla dignità del bambino”, ha aggiunto.

La posizione di “eSafety Commissioner” dell’Australia è il “regolatore ed educatore” della sicurezza online del paese creato nel 2015 che “guida e coordina gli sforzi per la sicurezza online”.

Le osservazioni di Grant arrivano nel mezzo di una campagna in corso da parte dei media e dei burocrati del governo per demonizzare la libertà di parola poiché il miliardario e “assolutista della libertà di parola” Elon Musk sta per acquisire Twitter.

Il nudo tentativo dell’establishment di controllare la libertà di parola è diventato così ridicolmente ovvio che il Dipartimento per la sicurezza interna lo era costretto a “mettere in pausa” il suo neo-creato “Disinformation Governance Board” di fronte al diffuso contraccolpo.

Ironia della sorte, la presidente del consiglio Nina Jankowicz incolpato la chiusura del Disinformation Board e le sue successive dimissioni per – avete indovinato – “disinformazione”.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

WEF Insanity: Segregazione, manifestanti e ipocrisia climatica



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Musk dice 2016 Hillary Tweet “assolutamente” disinformazione, chiede a Parag di pesare



Aggiornamento (1645ET): Elon Musk è entrato nel processo Sussmann, twittando venerdì che è “assolutamente corretto” che un tweet del 2016 di Hillary Clinton fosse “disinformazione ingannevole”.

Una settimana prima delle elezioni del 2016, Clinton ha twittato in particolare “Gli scienziati informatici hanno apparentemente scoperto un server segreto che collega la Trump Organization a una banca con sede in Russia”, a cui l’utente @veespike ha chiesto a Musk: “@elonmusk Ho segnalato questo tweet come una disinformazione fuorviante ai poteri che sono su @twitter. Sarei interessato a sapere se, quando si riceve il controllo dell’azienda, è stato fatto qualcosa a qualsiasi livello. Si prega di avvisare al più presto.

“Hai assolutamente ragione”, ha risposto Musk, aggiungendo “Quel tweet è una bufala della campagna elettorale di Clinton per la quale il loro avvocato della campagna sta subendo un processo penale”.

Musk ha quindi chiesto al CEO di Twitter Parag Agrawal e al principale avvocato di Twitter Vijaya Gadde di intervenire.

Musk ha quindi litigato con un account pro Hillary, “Tesla Facts” (@truth_tesla), che suggeriva che Elon stesse mentendo.

L’uomo più ricco del mondo ha risposto a molte altre persone nel thread. È andato all-in gente.

* * *

L’ex manager della campagna elettorale di Clinton, Robby Mook, ha lanciato una bomba in tribunale venerdì, a testimoniarlo Hillary Clinton ha approvato la diffusione delle accuse secondo cui l’allora candidato Donald Trump aveva un canale di comunicazione segreto con una banca russanonostante i funzionari della campagna non siano “totalmente fiduciosi” nella voce, secondo Fox News.

Mook, chiamato a testimoniare dalla squadra di difesa dell’ex avvocato di Clinton Michael Sussmann, è stato chiesto durante un controinterrogatorio sulla comprensione della campagna delle accuse contro Trump e se la campagna prevedeva di divulgarlo ai media.

Lo ha detto al procuratore Andrew DeFillippis è stato informato per la prima volta dal consigliere generale della campagna Marc Eliasche all’epoca era un partner di Perkins Coie, aggiungendo che gli era stato detto che i dati provenivano da “persone che avevano esperienza in questo tipo di materia”.

ha detto Mook la campagna non era del tutto sicura della legittimità dei datima sperava di fornire l’informazione a un giornalista che potesse ulteriormente “ricercarla” per determinare se fosse “accurata” o “sostanziale”.

Ha anche affermato di aver discusso se fornire le informazioni a un giornalista con alti funzionari della campagna, tra cui il presidente della campagna John Podesta, il consigliere politico senior, ora consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan, e il direttore delle comunicazioni Jennifer Palmieri. -Fox News

“Ne ho discusso anche con Hillary”, ha detto Mook, che ha aggiunto “Non ricordo la sostanza della conversazione, ma teoricamente, la discussione era, ehi, abbiamo questo e vogliamo condividerlo con un giornalista.”

Alla domanda su come ha risposto Clinton, Mook ha detto: “Lei ha acconsentito.

“Un giornalista potrebbe controllare le informazioni e poi decidere di stamparle”, ha aggiunto.

E poi, naturalmente, Hillary ha fatto questo:

Da notare, dopo aver precedentemente negato la richiesta dell’accusa di includere il tweet tra le prove, lo ha approvato venerdì.

Sussman è stato accusato di mentire all’FBI quando ha detto al consigliere generale James Baker nel settembre 2016 – meno di due mesi prima delle elezioni americane – che non stava lavorando “per nessun cliente” quando ha presentato all’Alfa Bank “presunti dati e ‘white paper’ che avrebbero dimostrato un canale di comunicazione segreto” tra l’organizzazione Trump e l’Alfa Bank collegata al Cremlino.

Consigliere speciale John Durham sostiene che Sussman stesse effettivamente lavorando per la campagna Clinton e dirigente tecnico Rodney Joffe. Si è dichiarato non colpevole.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

NBC News chiede se Hunter Biden potrebbe essere accusato di affari loschi


NBC Nightly News ha scioccato gli spettatori mercoledì sera con un segmento speciale sul figlio del presidente degli Stati Uniti, Hunter Biden, che è attualmente l’obiettivo di un’indagine penale federale.

La conduttrice Hallie Jackson ha iniziato il telegiornale serale esponendo il caso della Fed contro Hunter per evasione fiscale.

“Il figlio del presidente è sotto crescente controllo stasera sulle sue finanze, con i pubblici ministeri federali del Delaware che indagano su Hunter Biden e se ha infranto la legge fiscale federale”, ha detto Jackson.

Jackson ha notato che un rappresentante di Hunter ha detto a NBC News che il suo conto fiscale di $ 2 milioni era stato “pagato”.

“Il pagamento di quella tassa fiscale cancella qualsiasi responsabilità che Hunter Biden potrebbe avere ora?” chiese Jackson.

L’analista di NBC News Chuck Rosenberg ha affermato che pagare il conto delle tasse non esonera Hunter dalla colpa.

“Pagare le tasse, se in effetti è quello che ha fatto, non annulla il crimine”, ha detto Rosenberg, aggiungendo: “Sarebbe come restituire i soldi a una banca che hai rapinato. Hai ancora rapinato la banca.

Jackson ha continuato facendo riferimento ai contenuti trovati nel laptop di Hunter, che hanno mostrato che, nonostante le numerose smentite, il padre di Hunter Joe Biden ha effettivamente incontrato un alto dirigente della società di gas ucraina Burisma Holdings.

“Il figlio del presidente e la sua azienda hanno guadagnato circa 11 milioni di dollari tra il 2013 e il 2018, inclusi alcuni anni in cui suo padre era vicepresidente, lavorava come avvocato, membro del consiglio di una compagnia del gas ucraina accusata di aver corrotto un pubblico ministero, e per un congiunto impresa che coinvolge un uomo d’affari cinese ora accusato di frode secondo un’analisi di NBC News di una copia del disco rigido di Biden e dell’account iCloud, nonché di documenti rilasciati da una commissione del Senato”, ha spiegato Jackson. “Durante la campagna, allora candidato, Joe Biden ha negato che suo figlio abbia tratto profitto da una connessione con la Cina”.

Dopo aver mandato in onda una clip di Biden che ha negato, Jackson ha continuato: “I registri mostrano che la società di Hunter Biden ha ricevuto quasi 5 milioni di dollari in contratti di consulenza da quella joint venture finanziata da una compagnia energetica cinese. Un’istantanea della spesa di Hunter Biden mostra che per circa cinque mesi tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, ha speso più di $ 200.000 al mese in cose come camere d’albergo di lusso, prelievi di contanti, cure dentistiche e pagamenti su una Porsche secondo i documenti sul difficile guidare. Un periodo in cui Hunter Biden ha riconosciuto di lottare contro la tossicodipendenza”.

Jackson ha riconosciuto che dopo che i media hanno demonizzato la storia del laptop durante la campagna presidenziale come disinformazione russa, diverse agenzie di stampa da allora ne hanno autenticato i contenuti.

Walter Shuab, un ex direttore dell’Office of Government Ethics degli Stati Uniti, ha difeso Hunter dicendo che potrebbe non essere vincolato dalla stessa regola etica del governo poiché non è un impiegato federale.

“Hunter Biden sembra molto simile a qualcuno la cui professione principale è essere il figlio di Joe Biden, ma a meno che non ci sia un collegamento diretto con Joe Biden, questa è davvero più una critica a un privato cittadino piuttosto che a un funzionario governativo o a un’amministrazione”, ha detto Shuab.

L’improvvisa concentrazione del segmento delle notizie nazionali dopo 47 giorni di ignoranza dello scandalo potrebbe indicare che stanno cercando di anticipare notizie più grandi mentre i federali si restringono sui loschi affari di Hunter.

H/T: Newsbusters


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

Il portatile di Hunter dall’inferno!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il capo delle Nazioni Unite chiede il “Piano Marshall” sul clima


Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto una moratoria sull’uso di petrolio, gas e carbone a favore delle energie rinnovabili, sostenendo che l’umanità deve “porre fine all’inquinamento da combustibili fossili e accelerare la transizione verso l’energia rinnovabile, prima di incenerire la nostra unica casa” in commenti preregistrati rilasciati mercoledì in concomitanza con il rapporto sullo stato del clima globale dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) delle Nazioni Unite.

L’OMM ha avvertito che quattro dei sette indicatori chiave del cambiamento climatico hanno raggiunto livelli record lo scorso anno: concentrazione di gas serra, innalzamento del livello del mare, calore oceanico e acidificazione degli oceani. Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati e il segretario generale dell’OMM Petteri Taalas ha affermato che era “solo una questione di tempo prima di vedere un altro anno più caldo mai registrato.

Guterres ha delineato un piano in cinque punti per mettere il mondo sulla buona strada per una rivoluzione nell’energia rinnovabile, suggerendo di triplicare gli investimenti nel settore fino a raggiungere l’enorme cifra di 4 trilioni di dollari all’anno e sostenendo che anche la tecnologia delle rinnovabili dovrebbe essere trattata come “beni pubblici globali” piuttosto che la proprietà intellettuale da monetizzare. Una coalizione internazionale di industria, tecnologia e istituzioni finanziarie dovrebbe unirsi ai governi per “innovazione e sviluppo accelerati,” Egli ha detto.

I combustibili fossili sono un “senza uscita“, ha insistito Guterres, definendo il rapporto dell’OMM un “lugubre litania del fallimento dell’umanità nell’affrontare il cambiamento climatico” e chiedendo che i sussidi per i combustibili fossili debbano andare. Ha indicato gli 11 milioni di dollari che le industrie del carbone, del petrolio e del gas, secondo quanto riferito, ricevono ogni minuto ed ha esortato le banche di sviluppo ad allineare i loro portafogli con il Trattato sul clima di Parigi piuttosto che cercare guadagni a breve termine attraverso investimenti nei combustibili fossili. Le energie rinnovabili devono diventare “il progetto di pace del 21° secolo”, ha affermato il capo delle Nazioni Unite, chiamando le rinnovabili “l’unica via per una reale sicurezza energetica, prezzi dell’energia stabili e opportunità di lavoro sostenibili.”

Nonostante le notevoli quantità di risorse investite nel passaggio alle energie rinnovabili, il solare e l’eolico rappresentano ancora solo l’8% della produzione globale di elettricità, mentre altri tipi di fonti rinnovabili, come l’energia idroelettrica, portano il totale fino al 30%. Regolamentazione”nastro rosso” è anche un problema, si è lamentato Guterres, osservando che ci vogliono otto anni per approvare un progetto di energia eolica in Europa, mentre possono volerci fino a 10 anni negli Stati Uniti.

I problemi specifici legati all’aumento delle energie rinnovabili, come un mezzo per immagazzinare energia eolica e solare da utilizzare quando il vento non soffia e il sole non splende, devono ancora essere affrontati adeguatamente dall’industria. Inoltre, l’estrazione delle materie prime necessarie per le batterie delle auto elettriche e le celle solari, inclusi litio, rame, silicio, nichel, cobalto e minerali delle terre rare, è devastante per l’ambiente.

Mentre l’ONU chiede il suo Piano Marshall sul clima, il World Economic Forum ha chiesto azioni simili per porre fine a quello che chiama “minaccia esistenziale per il pianeta.” Suggerimenti che vanno dalla riduzione del costo del trasporto pubblico e dall’incoraggiamento a camminare e andare in bicicletta alla riduzione dei limiti di velocità autostradale di 10 km all’ora costituiscono il piano Great Reset in 10 punti dell’organizzazione per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili.

Il rapporto di mercoledì è tutt’altro che l’unica catastrofe climatica prevista dalle organizzazioni climatiche collegate alle Nazioni Unite. La scorsa settimana, l’ONU ha pubblicato un documento in cui avverte che oltre 700 milioni di persone potrebbero diventare “rifugiati climatici” entro il 2030 se non si affrontasse il peggioramento della carenza idrica associata ai cambiamenti climatici.


L’America viene distrutta dall’interno dagli agenti globalisti del Great Reset

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il panel di MSNBC chiede ai repubblicani di essere “incarcerati”, etichettati come “terroristi domestici”



Un panel scatenato su MSNBC ha chiesto che i repubblicani fossero etichettati come “terroristi domestici” e gettati in prigione, definendo le crescenti preoccupazioni sulla “teoria della sostituzione” il prossimo 11 settembre.

Sì davvero.

La follia è iniziata martedì con il collaboratore Donny Deutsch che ha esortato i democratici a etichettare incessantemente i repubblicani come terroristi domestici se hanno qualche speranza di vincere le imminenti elezioni di medio termine.

“Quello che i Democratici devono fare… è prendere questa teoria della sostituzione e ora farla diventare la teoria della sostituzione razzista repubblicana. Fai ogni risposta repubblicana, ‘ci credi o no?’ Questo è il partito della teoria della sostituzione”, ha detto Deutsch al conduttore di “Deadline” Nicolle Wallace.

Il professor Erroll G. Southers della Brown University è andato ancora oltre, suggerendo che le crescenti preoccupazioni sulla “teoria della sostituzione” sono paragonabili agli attacchi terroristici dell’11 settembre e che i repubblicani dovrebbero essere trattati come terroristi domestici.

“La mia guida è che dobbiamo trattarlo come la minaccia terroristica che è. Ci siamo mobilitati l’11 settembre. Non c’era dubbio su cosa farà il paese”, ha detto Southers a Wallace. “Siamo di fronte alla stessa minaccia… Dovremmo etichettarli come il partito terrorista nazionale”.

Il giornalista di Fox News Carl Cameron ha accusato i repubblicani e Fox News di aver radicalizzato l’autodefinito “suprematista bianco” tiratore pazzo di sinistra che ha ucciso 10 persone in un Tops a Buffalo, New York, durante il fine settimana.

“Dobbiamo stare attenti perché i repubblicani sono diventati i fornitori di disinformazione e quando il nostro sistema bipartitico è rotto in quel modo, la democrazia è seriamente in difficoltà – il presidente ha riconosciuto che è ora di iniziare davvero a fare le cose e forse a prendere dei nomi e mettere le persone in prigione”, ha detto Cameron.

Stefano Miller di Lo spettatore ha scherzato: “Quindi immagino che il piano sia solo quello di iniziare a colpire le feste di matrimonio con i droni in Arkansas?”, riferendosi alla disastrosa invasione degli Stati Uniti dell’Afghanistan e dell’Iraq in risposta all’11 settembre.

Come conduttore di Fox News Tucker Carlson sottolineato Martedì, l’argomento della “teoria della sostituzione” è stato apertamente avanzato dai Democratici nell’ultimo decennio, con loro che gongolavano sul fatto che la riduzione della popolazione bianca con drastici cambiamenti demografici nel paese porterà al controllo democratico permanente dell’America.

“Praticamente ogni figura mediatica di sinistra se ne vanta da decenni. Oh, è una teoria del complotto. Davvero? Bene, ecco Ana Navarro dal suo tempo come borsista di Harvard”, ha detto Carlson. “Questo è ciò che ha scritto: ‘Le tendenze demografiche mostrano che il voto di minoranza negli Stati Uniti continuerà a crescere in numero e influenza. A meno che tu non sia sotto l’influenza di allucinogeni, è difficile immaginare scenari futuri in cui il Partito Repubblicano possa vincere le elezioni nazionali.’ Quel pezzo, tra l’altro, si chiama ‘I vecchi elettori maschi bianchi e etero non sono più quelli di una volta.’”

“Oh, grande teoria sostitutiva, chiunque? Queste persone sono pazze. Ti stanno dicendo qual è la loro strategia. Quando te ne accorgi, ti urlano contro e ti chiamano criminale”, ha detto Carlson. “Nel 2018, il New York Times ha pubblicato un editoriale intitolato ‘Possiamo sostituirli.’ Nel caso in cui la sottigliezza non fa per te, “In questo momento, l’America si sta facendo a pezzi mentre una minoranza bianca, amareggiata e conservatrice si aggrappa al potere, terrorizzata di essere sommersa da una nuova maggioranza multirazziale e poliglotta”. Giusto, ok.

Ironia della sorte, Carlson ha notato che il piano dei Democratici per consolidare il controllo con il cambiamento demografico attraverso un’immigrazione illimitata potrebbe effettivamente ritorcersi contro, perché ispanici e neri americani si stanno allontanando dai Democratici per le loro politiche radicali.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Scopri perché i federali non hanno smesso di sparare a Buffalo



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il NYT si chiede “se la possibilità di trasmettere in streaming dovrebbe essere così facilmente accessibile” dopo le riprese di Buffalo


Uno dei giornali più grandi e influenti, il New York Times, si è chiesto se l’accesso al live streaming debba essere limitato sulla scia della sparatoria di massa di sabato a Buffalo, New York, dove un tiratore solitario ha ucciso 10 persone e ne ha ferite altre tre durante la trasmissione su Twitch.

In un articolo recenteche ha messo in dubbio se i siti di social media “hanno la responsabilità di tenere a freno i contenuti odiosi e violenti”, il New York Times ha riconosciuto che gli esperti concordano sul fatto che Twitch che rimuove il live streaming dell’assassino entro due minuti “era il meglio che ci si potesse ragionevolmente aspettare”.

Tuttavia, il Times ha poi affermato che, poiché gli utenti di Internet sono stati in grado di copiare e condividere i video dell’attacco su altre piattaforme, la possibilità per chiunque di trasmettere in streaming liberamente dovrebbe essere messa in discussione:

“Il fatto che la risposta non abbia impedito al video dell’attacco di essere diffuso ampiamente su altri siti solleva anche la questione se la possibilità di trasmettere in streaming debba essere così facilmente accessibile”.

Il New York Times ha anche sottolineato le restrizioni di YouTube sullo streaming live che richiedono agli utenti di verificare il proprio account e di avere almeno 50 abbonati per lo streaming live da un dispositivo mobile.

Il Times non è stato l’unico notiziario a concentrarsi sul ruolo del live streaming sulla scia della sparatoria di Buffalo. Asso ha sostenuto che “il live streaming ha motivato lo sparatutto di Buffalo”.

Anche il governatore di New York Kathy Hochul ha preso di mira Twitch sulla scia della sparatoria di Buffalo bollando la piattaforma di streaming come “complice” delle riprese e sostenendo che Twitch avrebbe dovuto rimuovere il live streaming dello sparatutto “entro un secondo”.

Mentre i media mainstream e Hochul si stanno concentrando su Twitch e sulle piattaforme di social media, Gendron lo era prelevato dalla polizia di stato lo scorso giugno dopo aver detto agli studenti che voleva fare una sparatoria. È stato trasferito in ospedale e ha ricevuto una valutazione della salute mentale, ma è stato poi dimesso un giorno e mezzo dopo. Nonostante sia stato arrestato dalla polizia per una minaccia di sparatoria 11 mesi fa, il commissario del dipartimento di polizia di Buffalo Joseph Gramaglia detto domenica che “non è stato rilevato nulla dall’intelligence della polizia di stato, nulla è stato rilevato dall’intelligence dell’FBI” sull’assassino.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il rappresentante della California Ted Lieu chiede al GOP di denunciare la “teoria razzista e vile della sostituzione” di cui una volta si vantava



Sulla scia della sparatoria di massa a Buffalo, il rappresentante della California Ted Lieu (D) ha twittato attacchi partigiani senza sosta suggerendo che i repubblicani sono responsabili della sparatoria per aver promosso la “teoria della sostituzione”.

Dalla mia recensione, Lieu ha inviato 16 tweet sulla questione negli ultimi tre giorni.

“Ho guardato attraverso [Ted Lieu’s] tweets e sta usando la sparatoria di massa di Buffalo come attacco partigiano contro i repubblicani”, ha detto Andy Ngo lunedì su Twitter. “Non ha detto nulla sulla sparatoria di massa nella chiesa di [southern] California (dove vive) di un sospetto originario della Cina che avrebbe preso di mira i taiwanesi”.

Lo stesso Lieu è nato a Taiwan e funge da frusta per il Congressional Asian Pacific American Caucus, ma non pubblicherà alcun tweet sulla sparatoria della chiesa per non intralciare la sua preziosa narrativa.

Ecco un esempio di alcuni dei tweet di Lieu che chiedono al GOP di denunciare la “vile e falsa teoria del complotto nota come teoria della sostituzione”.

Lo stesso Lieu è nato a Taiwan e funge da frusta per il Congressional Asian Pacific American Caucus, ma non pubblicherà alcun tweet sulla sparatoria della chiesa per non intralciare la sua preziosa narrativa.

Ecco un esempio di alcuni dei tweet di Lieu che chiedono al GOP di denunciare la “vile e falsa teoria del complotto nota come teoria della sostituzione”.

Citare parola per parola i commenti di Lieu conta come promuovere la teoria della sostituzione?



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Lo zar della disinformazione Biden chiede il potere di modificare i tweet di altre persone


In un videoclip appena rilasciato, la zar della disinformazione di Biden Nina Jankowicz chiede che a “persone verificate affidabili” come lei sia dato il potere di modificare i tweet di altre persone, rendendo Twitter più simile a Wikipedia.

Sì davvero.

Affermando che era “idonea perché sono verificata”, Jankowicz si è poi lamentata del fatto che ci sono persone su Twitter con opinioni diverse da lei che hanno anche il segno di spunta blu ma “non dovrebbero essere verificate” perché “non lo sono affidabile”.

“Quindi le persone verificate possono essenzialmente iniziare a modificare Twitter nello stesso modo in cui lo è Wikipedia in modo da poter aggiungere contesto a determinati tweet”, ha affermato Jankowicz.

Ha poi fornito l’esempio, che ha affermato essere non politico, del presidente Trump che ha twittato sulla frode degli elettori.

“Qualcuno potrebbe aggiungere un contesto a una delle 60 cause legali che sono state presentate in tribunale o qualcosa che ha detto un funzionario elettorale in uno degli stati, forse il tuo Segretario di Stato e le sue conferenze stampa, qualcosa del genere”, ha detto Jankowicz.

“Aggiungere contesto in modo che le persone abbiano un’immagine più completa piuttosto che una semplice affermazione individuale su un tweet”, ha aggiunto.

Ovviamente, Twitter appone già etichette di avvertimento su tali tweet, ma ora Jankowicz vuole che i propagandisti del regime approvato abbiano il potere di inserire la loro narrativa su base individuale.

Nota anche come due degli altri partecipanti alla conversazione indossassero maschere per il viso, nonostante si trattasse di una chiamata Zoom remota.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, a Jankowicz è stato affidato il ruolo di sovrintendere al “Ministero della verità” di Biden nonostante abbia rivelato che la libertà di parola la fa “rabbrividire” mentre promuoveva anche la menzogna secondo cui la storia del laptop di Hunter Biden era disinformazione russa.

Jankowicz ha anche citato in modo ridicolo Christopher Steele come un esperto di disinformazione. Steele è stato l’autore del famigerato dossier “peegate” di Trump finanziato dalla campagna Clinton che si è rivelato essere un vero prodotto di disinformazione.

Ma sì, una persona con una comprovata esperienza nel promuovere la disinformazione e l’iperpartitismo dovrebbe avere totalmente il potere di modificare i tweet con cui non è d’accordo.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La polizia del Campidoglio “Avvertire l’estrema destra chiede violenza” dopo una fuga di notizie dalla Corte Suprema



Nella “CNN Newsroom” di venerdì, il co-conduttore e corrispondente capo per la sicurezza nazionale Jim Sciutto ha riferito che dopo la fuga del progetto di parere della Corte Suprema su capriolo v.Wade, “La polizia del Campidoglio avverte che l’estrema destra chiede violenza contro un gruppo religioso che sta pianificando una manifestazione per il diritto all’aborto”.

Sciutto ha dichiarato: “Questa mattina, le forze dell’ordine si stanno preparando a potenziali violenze nella capitale e a livello nazionale dopo la fuga di quella bozza di parere della Corte Suprema che avrebbe respinto Roe contro Wade dopo 50 anni. La polizia del Campidoglio avverte che l’estrema destra chiede violenze contro un gruppo religioso che intende mobilitarsi per il diritto all’aborto”.

Leggi di più



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’ospite in preda al panico della CNN si chiede “Come controlleremo i canali di comunicazione in questo paese”


Un portavoce della CNN ha dichiarato domenica che se Elon Musk sarà autorizzato ad acquistare Twitter, la piattaforma dovrà essere regolamentata dal governo per impedire che il “discorso” sia aperto e gratuito e non soggetto a censura controllata dall’istituzione.

Mentre discuteva con Brain Stelter dell’acquisizione di Musk sul tempo delle patate della CNN, l'”analista dei media” David Zurawik ha proclamato che Musk è “pericoloso” e non dovrebbe essere autorizzato a ripristinare la libertà di parola sulla piattaforma.

Zurawik ha suggerito che gli Stati Uniti guardino all’Europa, che ha recentemente introdotto nuove leggi per limitare i social media, e persino ha minacciato di vietare Twitter se Musk non gioca a palla.

“C’è un problema più grande qui su come controlleremo i canali di comunicazione in questo paese”, ha schiumato Zurawik, in preda al panico all’idea che persone come la CNN non siano in grado di dettare ciò che pensano gli americani.

“Questo è pericoloso! Non possiamo più pensare in questo paese!” Zurawik si lamentò, aggiungendo “Sono serio! Non abbiamo persone al Congresso che possono emanare regolamenti, che possono farlo funzionare”.

“Penso che possiamo guardare ai paesi occidentali in Europa per come stanno cercando di limitarlo. Ma hai bisogno di controlli su questo “, ha continuato la testa di schiaffo parlante.

“Serve una regolamentazione. Non puoi lasciare che questi ragazzi controllino il discorso in questo paese o siamo diretti all’inferno”, ha ulteriormente suggerito Zurawik.

“Ci siamo”, ha aggiunto, affermando inoltre che “Trump ha aperto le porte dell’inferno e ora ci stanno dando la caccia”.

“Abbiamo ceduto ciò che equivale alle nostre onde radio o alle nostre onde Internet a Mark Zuckerberg ed Elon Musk, e siamo in così tanti guai perché quei ragazzi credono nel fare soldi”, ha detto.

Orologio:

Zurawik ha ripetuto un argomento di discussione sollevato da Hillary Clinton la scorsa settimana, sostenendo l’Europa per la repressione della “disinformazione”:

E ora, solo una settimana dopo, il Dipartimento per la sicurezza interna di Biden ha lanciato un letterale Ministero della Veritàguidato da a partigiano squilibrato che crede veramente che tutto ciò con cui non è d’accordo sia incitamento all’odio.

Musk aveva esattamente ragione quando lui lo ha dichiarato il Partito Democratico “è stato dirottato dagli estremisti”.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Alec Baldwin chiede il controllo delle armi mesi dopo aver sparato a una donna morta



L’attore Alec Baldwin, che è in acqua bollente per la morte di un collega sul set di un film, ha ironicamente chiesto che le armi siano più regolamentate.

In un post su Instagram venerdì, Baldwin – che ha impugnato la pistola che ha sparato il colpo fatale che ha ucciso la direttrice della fotografia Halyna Hutchins – ha promosso un video di Occupy Democrats in cui incolpava l’NRA dopo lo scoppio di una sparatoria in una partita di campionato in South Carolina.

“La stessa infanzia dei nostri ragazzi è stata interrotta da questa follia”, ha scritto Baldwin.

“Regolamentiamo molte cose in questo Paese nell’interesse della salute e della sicurezza pubblica. Droghe, automobili, patenti professionali, ecc.

“Serve una riforma del controllo delle armi. Ora”, ha aggiunto.

L’ironia degli appelli dell’attore a regolamentare le armi da fuoco dopo che la sua stessa disavventura con la pistola non è stata persa dagli utenti di Internet.

Recentemente sono emersi filmati dei momenti in cui Baldwin si stava esercitando a estrarre la sua arma prima che venisse sparato il colpo fatale dell’ucciso Hutchins.

Il filmato sembra mostrare il dito di Baldwin che preme il grilletto prima che la telecamera ruoti all’indietro.

Il filmato contraddice le affermazioni di Baldwin a George Stephanopoulos della ABC un mese dopo la tragedia in cui ha negato di aver premuto il grilletto.

Lo sceriffo della contea di Santa Fe, Adan Mendoza, ha detto allo show Today della NBC all’inizio di questa settimana Baldwin potrebbe non essere ancora “fuori dai guai” in termini di accuse penali, e che il procuratore distrettuale prenderebbe la decisione finale sull’eventuale presentazione delle accuse.

“È troppo presto per escludere qualcosa in questo momento. Non credo che nessuno sia fuori dai guai quando si tratta di accuse penali. L’ho già detto prima: penso che ci fosse compiacimento sul set”, ha detto Mendoza.

“C’era disorganizzazione e un certo grado di negligenza: se questo raggiungesse un livello penale, dipenderà dal procuratore distrettuale”.


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Twitter: https://twitter.com/AdanSalazarWins
Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

Alec Baldwin accusa un giornalista con l’ombrello



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link