Archivi tag: Chi

CHI rinominerà Monkeypox per combattere il “razzismo” e lo “stigma”


L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che ribattezzerà il virus del vaiolo delle scimmie per combattere il razzismo e lo stigma per le preoccupazioni che gli africani possano sentirsi offesi.

Questo fermerà il virus!

Nonostante sia endemico in Africa da decenni, chiamare il virus “vaiolo delle scimmie” viola le linee guida dell’OMS che rinnegano l’uso di regioni geografiche o animali.

Il cambiamento è stato apportato dopo che più di 30 scienziati internazionali, la maggior parte dei quali provenienti dall’Africa, si sono lamentati del fatto che chiamarlo “vaiolo delle scimmie” fosse discriminatorio e stigmatizzante. Vogliono che il virus venga rinominato “hMPXV”, il che rappresenterebbe una “classificazione non discriminatoria e non stigmatizzante”.

“Come qualsiasi altra malattia, può verificarsi in qualsiasi regione del mondo e affliggere chiunque, indipendentemente dalla razza o dall’etnia”, affermava la lettera.

“In quanto tale, crediamo che nessuna razza o carnagione della pelle dovrebbe essere il volto di questa malattia”.

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha debitamente annunciato che l’organismo sanitario globale sta “lavorando con partner ed esperti di tutto il mondo per cambiare il nome del virus del vaiolo delle scimmie, dei suoi cladi e della malattia che provoca”.

“Faremo annunci sui nuovi nomi il prima possibile”, ha aggiunto Tedros.

La decisione di rinominare il virus segue quanto accaduto nel 2020, quando il “Coronavirus di Wuhan” è stato ribattezzato COVID-19 dopo le preoccupazioni che i cinesi fossero stigmatizzati, nonostante il virus fosse emerso dalla Cina.

Come abbiamo precedentemente evidenziatononostante il vaiolo delle scimmie quasi interamente circolando tra gli uomini gay, l’OMS ha insistito sul fatto che le sfilate del gay pride dovrebbero andare avanti normalmente nonostante il corpo suggerendo che gli altri festival dovrebbero essere limitati.

Apparentemente, proteggere i sentimenti degli aderenti LGBT e delle persone che vivono nei paesi africani è altrettanto urgente quanto fermare l’effettiva diffusione del virus.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il filmato che mostra chi c’era dietro le rivolte della Champions League è stato misteriosamente cancellato


Il filmato da tutto lo stadio che avrebbe mostrato chi era responsabile della rivolta prima della finale di Champions League a Parigi è stato cancellato.

Ops!

Per favore condividi questo video! https://youtu.be/SLuTsfduJcU

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Casi di vaiolo delle scimmie “solo punta di un iceberg” – CHI


Le centinaia di casi di vaiolo delle scimmie che sono stati diagnosticati nell’ultimo mese in Europa, Nord e Sud America, Israele, Emirati Arabi Uniti e Australia potrebbero essere solo “la punta dell’iceberg”, Sylvie Briand, capo dell’OMS per la preparazione e la prevenzione di epidemie e pandemie, ha avvertito venerdì durante una conferenza stampa.

Briand ha suggerito che potrebbe esserci “molti altri casi che non vengono rilevati nelle comunità”, poiché il vaiolo delle scimmie non si presenta immediatamente con sintomi definitivi. Gli individui infetti inizialmente si lamentano di disturbi simil-influenzali come febbre, dolori muscolari e linfonodi ingrossati prima che l’eruzione rivelatrice simile alla varicella appaia sul viso e sul corpo. Sebbene non sia nota una cura per il virus, di solito scompare entro due o quattro settimane.

Nonostante affermi che “sappiamo che avremo più casi nei prossimi giorni”, Briand ha scoraggiato le persone dal farsi prendere dal panico, insistendo “questa non è una malattia di cui il grande pubblico dovrebbe preoccuparsi. Non è il Covid o altre malattie che si diffondono velocemente.“Mentre l’OMS sta ancora cercando di determinare l’origine esatta del recente focolaio di vaiolo delle scimmie, non vi è alcuna indicazione che il virus responsabile sia mutato o altrimenti diventato più pericoloso.

L’agenzia ha convocato una riunione di emergenza la scorsa settimana per discutere dell’epidemia, iniziata all’inizio di questo mese, probabilmente nel Regno Unito tra le persone che si erano recate in Nigeria. La malattia è endemica nell’Africa occidentale e centrale, sebbene la sua presenza al di fuori del continente sia considerata rara.

Il funzionario dell’OMS Maria van Kerkhove ha confermato che la maggior parte dei casi rilevati al di fuori dell’Africa è stata trovata in uomini che hanno avuto contatti sessuali con uomini e le prime notizie sui focolai in Belgio e Spagna avevano collegamenti a grandi festival fetish gay in quei paesi. L’app di incontri gay Grindr ha rilasciato un messaggio ai suoi utenti europei e britannici all’inizio di questa settimana avvertendoli dell’epidemia e incoraggiandoli a cercare cure se hanno manifestato sintomi.

Secondo l’OMS, sono stati diagnosticati oltre 200 casi in 20 paesi del mondo, la maggior parte di quelli trovati nel Regno Unito. Il Belgio la scorsa settimana è diventato l’unico paese a dichiarare una quarantena obbligatoria di 21 giorni per le persone infette. Il capo europeo dell’OMS, Hans Kluge, ha espresso preoccupazione per il fatto che la malattia potrebbe diffondersi rapidamente durante la stagione dei festival estivi, data la natura a trasmissione sessuale della maggior parte dei casi confermati.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Chi se ne frega se Miami è sott’acqua tra 100 anni” – Il capo di HSBC Global AM sbatte gli allarmisti climatici “Nut Job”


Cosa fa la persona più ricca del mondo [Elon Musk] e un capo globale di HSBC Asset Management hanno in comune? Bene, entrambi hanno denunciato l’assurdità dietro gli investimenti ESG.

Martedì, Tesla lo era RIMOSSO dalla versione ESG dell’indice S&P 500. Musk ha lanciato uno sproloquio su tweet mercoledì, gridando Gli investimenti ESG come una “truffa” notando “falso i guerrieri della giustizia sociale l’hanno armata”.

Egli ha detto, “S&P Global Ratings ha perso la sua integrità”, considerando che aziende come Exxon Mobil (combustibili fossili), Apple (lavoro schiavo cinese) e Amazon (che sta lavorando contro i sindacati) rimangono nell’indice.

Giovedì, a Londra, all’a Financial Times Conferenza Moral Money, Stuart Kirk, responsabile globale degli investimenti responsabili presso HSBC Asset Management, ha messo in dubbio il rischio che il cambiamento climatico gioca sui mercati finanziari, sostenendo che gli investitori non dovrebbero preoccuparsene.

Kirk ha detto che l’aumento dei problemi del cambiamento climatico è simile a Y2K, spiegandolo “qualche pazzoide” gli ha sempre detto che la “fine del mondo” si avvicina.

Intitolato “Perché gli investitori non devono preoccuparsi del rischio climatico”, chiese: “Chi se ne frega se Miami è sott’acqua di sei metri in 100 anni?”

Kirk ha osservato: “Amsterdam è stata sott’acqua per anni sei metri ed è davvero un bel posto. Ce la faremo».

Non è in disaccordo con la scienza del clima, ma ha detto che “ci saranno incendi” e che gli esseri umani sono bravi ad adattarsi e ad affrontare tempi difficili.

Kirk ha detto che HSBC dedica troppo tempo a ESG:

“Uno di tragedie di tutto questo dibattito, che siamo ossessionati da HSBCsiamo noi spendere troppo per la mitigazione e il finanziamento e non abbastanza per il finanziamento dell’adattamento.”

Indica poi alcuni allarmisti climatici che viaggiano per il mondo, promuovendo allarmi apocalittici, come quelli dell’ex capo della BoE Mark Carney.

“Capisco perfettamente che alla fine della tua carriera nella banca centrale ci sono ancora molti, molti anni da completare. Devi dire qualcosa, devi volare in giro per il mondo alle conferenze, devi esagerare con il prossimo ragazzo, ma mi sento come se stesse sfuggendo un po’ di mano.

Ecco alcuni dei lavori pazzi che elenca, lanciando un imminente destino climatico.

Ha notato che gli ex allarmisti climatici della banca centrale avevano distorto i loro modelli finanziari legati al clima con shock sui tassi di interesse per ottenere uno scenario apocalittico che stavano cercando: un modo per manipolare le statistiche per ottenere un risultato spaventoso: la paura vende.

“Quello che hanno fatto è [factor] un gigantesco shock sui tassi di interesse su tutti gli scenari della Banca d’Inghilterra e della banca centrale per ottenere un brutto numero”.

Ha detto che con una grande banca come HSBC la durata media del prestito è di circa sei. Quindi all’anno sette, “Quello che succede al pianeta nel settimo anno è in realtà irrilevante per il nostro libro di prestito.”

Guarda l’intervista completa di Kirk qui.

Musk non è un lupo solitario che denuncia le assurdità ESG nei mercati finanziari poiché il principale responsabile degli investimenti di HSBC spiega perché gli investitori non devono preoccuparsi del rischio climatico.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Chi controlla il teleprompter è chi è il presidente”


Il governatore della Florida Ron DeSantis (R) mercoledì ha dichiarato di essere d’accordo con la valutazione del miliardario di Tesla Elon Musk secondo cui il presidente fantoccio Joe Biden dipende disperatamente dal suo teleprompter.

Parlando con i giornalisti dell’Hub City Smokehouse & Grill a Crestview, in Florida, DeSantis è d’accordo con la valutazione di Musk dell’apparente inettitudine di Biden, commentando che l’incapacità del presidente di tenere sotto controllo i prezzi del gas rappresenta un grave fallimento.

“Quindi, penso che ciò che Elon Musk ha detto l’altro giorno su chiunque abbia messo quella roba sul teleprompter sia chi è il presidente … perché non si sa mai”, ha detto DeSantis a una folla.

Il governatore ha fatto riferimento alle critiche di Musk a Biden lunedì durante un’intervista in podcast, in cui il fondatore di SpaceX ha notato che il vero gestore di Biden è l’operatore del teleprompter.

“Il vero presidente è chiunque controlli il teleprompter”, Musk ha detto all’All-In Podcast. “Il percorso verso il potere è il percorso verso il teleprompter.”

“Sento che se qualcuno si appoggiasse accidentalmente al teleprompter, sarebbe come Anchorman”, ha aggiunto Musk.

Prima dell’osservazione, il governatore della Florida ha evidenziato che i prezzi del gas nello stato erano aumentati a $ 5 al gallone, con la goffa amministrazione Biden che incolpava la crisi di tutto tranne che di se stessa.

“Questo gas sta salendo ancora di più. Voglio dire, penso che sarà, lo vedo vicino a $ 5 in alcune parti della Florida “, ha detto DeSantis.

“Probabilmente era di circa $ 4,15 solo un paio di settimane fa, quindi è in aumento. Non stanno facendo energia negli Stati Uniti. Ora dicono che vogliono ottenere petrolio da Maduro in Venezuela. Tutto quello che deve fare è riempirgli le tasche. E in realtà aiuterà la Russia. Parlano sempre di Russia e Putin, beh hanno un rapporto molto stretto con Maduro e Putin. Quindi lo stanno facendo e imploreranno l’OPEC ma non faranno più energia negli Stati Uniti. E il risultato è che hanno davvero ridotto la nostra capacità di essere indipendenti dal punto di vista energetico, stanno cancellando i contratti di locazione di petrolio e gas in posti come l’Alaska. E le persone, quelle che devono fare il pieno di benzina, sono quelle che stanno pagando il prezzo di quelle cattive politiche”.

“Ma questo è un enorme fallimento”, ha continuato DeSantis, continuando a criticare la cattiva gestione dell’economia da parte di Biden e prevedendo picchi di prezzo del carburante di $ 8 al gallone in California.

“È davvero difficile per molte persone e non abbiamo ancora raggiunto la stagione di guida estiva. A meno che non invertano la rotta, lo vedrai oltre $ 5 per senza piombo, e in posti come la California, probabilmente sarà $ 7 o $ 8 a causa di tutte le tasse che hanno. E questo sarà un grande successo per molte persone che lavorano. E la cosa con l’energia, quando è più costosa, in realtà permea anche tutto il resto. Perché tutti, quando produci cose, quando fai questo, hai bisogno di energia, e se quei costi aumentano, tutte le altre cose se ne vanno. Quindi aiuta ad alimentare l’inflazione in più modi rispetto a quello che stai vedendo alla pompa di benzina. Penso che se guardi al momento in cui Biden è entrato, vedi una forte inflazione, e sono stati avvertiti di stampare tutti questi soldi, hanno detto che potevi continuare a farlo, che non ci sarebbe stata inflazione, ma il risultato è stato che c’era è stata un’inflazione davvero sostenuta per la prima volta in oltre 40 anni. Chissà quando sarà la fine. Penso, sai, a causa di tutta questa cattiva gestione, penso che Biden faccia precipitare questo paese in una recessione”.

DeSantis ha anche detto che sperava che l’acquisizione di Twitter da parte di Musk avrebbe avuto successo e avrebbe posto fine alla storia di censura dell’azienda.

“L’unico motivo per cui si preoccupano è che non vogliono che le persone sappiano la verità. Cercano di soffocare il dissenso e cercano di mettere la museruola alle persone che parlano perché vedono le sciocchezze che stanno succedendo intorno a loro. Voglio dire, pensa solo a cosa ha fatto la NCAA con il campionato di nuoto femminile. Hai una nuotatrice che nuota nella squadra maschile per tre anni, e poi all’improvviso dice che si identificheranno come nuotatrice donna, e nuoteranno contro le donne, e poi gli daranno il campionato nazionale? Su queste donne che si allenavano da molto tempo. E il secondo posto era proprio della Florida, che aveva vinto una medaglia d’argento alle Olimpiadi. Quindi è stata derubata di un campionato nazionale, perché la NCAA sta davvero cercando di renderci complici di qualcosa di falso. Questo è quello che otterrai, faranno assolutamente tutto il possibile con i social media per cercare di soffocare il dissenso”.

“Lo aprirà e poi le loro idee dovranno resistere al controllo. E non vogliono che le loro idee vengano esaminate, perché se mi dici cose come un uomo può rimanere incinta, non è vero”, ha aggiunto DeSantis.

“E sappiamo che non è vero e saremo in grado di dire che non è vero. E non lo vogliono. Vogliono che tu abbia la museruola. Quindi, ufficio di disinformazione, penso che sia comunque incostituzionale. Ma chiaramente se stanno subappaltando queste società di social media per fare il loro lavoro sporco, ciò viola indirettamente la costituzione, e sono altrettanto responsabili di questo. Quindi staremo in guardia”.

Al momento della scrittura, l’accordo di Musk su Twitter è stato sospeso fino a quando la società non può dimostrare che solo il 5% degli utenti sono robot, con alcuni che ipotizzano quel numero potrebbe arrivare fino al 90%.

H/T: WFLA.com


Segui l’autore su Truth Social: @adansalazarwins
Gettr: https://www.gettr.com/user/adansalazarwins
Gab: https://gab.ai/adansalazar

Menti: https://www.minds.com/adan_infowars

Twitter: https://twitter.com/AdanSalazarWins
Parler: https://parler.com/profile/adansalazar/

Facebook: https://www.facebook.com/adan.salazar.735

SALVA ..US . RON DESANTIS



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Disinfo Diva o Dangerous Double Agent: chi è Nina Jankowicz?



Nina Jankowicz è semplicemente una frustrata cantautrice di spettacoli di Broadway, o è un pericoloso agente sovversivo che lavora per minare il governo degli Stati Uniti dall’interno?

In questo rapporto, Jason Goodman di Crowdsource the Truth rivela prove inconfutabili che indicano che Nina potrebbe effettivamente lavorare per il governo Zelenskyy, ha ricevuto numerosi pagamenti a un’oscura LLC da ONG non statunitensi e non si è registrata ai sensi della legge sulla registrazione degli agenti stranieri.

Ascolta Nina stessa e i suoi colleghi presso The Brookings Institution, The Wilson Center e altri mentre Goodman prende in giro le ammissioni che quasi certamente porteranno all’immediato scioglimento dell’Orwellian Disinformation Governance Board.


Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi ha paura di Elon Musk?


Qualsiasi dubbio sul fatto che molti progressisti abbiano abbandonato il loro impegno per la libertà di parola è stato cancellato dalla reazione isterica allo sforzo di Elon Musk di acquistare Twitter e riportare l’azienda alle sue radici come zona di libertà di parola. L’ex segretario del lavoro Robert Reich e il neocon “svegliato” Max Boot si sono preoccupati che l’impegno di Musk per la libertà di parola minacci la democrazia. Coloro confusi da come la libertà di parola minacci la democrazia dovrebbero ricordare che per i neoconservatori e molti progressisti democrazia significa consentire al popolo di scegliere tra due sostenitori sostanzialmente identici del welfare state. In questa versione di “democrazia”, ​​coloro le cui opinioni sono al di fuori del mainstream della guerra del benessere – come i libertari – sono emarginati.

Più inquietante delle lamentele di ex funzionari governativi ed esperti è stata la minaccia di importanti politici democratici di trascinare Musk davanti al Congresso. Questi politici probabilmente vogliono un’opportunità per diffamare Musk e altri sostenitori della libertà di parola come promotori dell’odio e della disinformazione russa (e/o cinese).

Anche il presidente della commissione giudiziaria del Senato Dick Durbin e altri democratici del Senato, nessuno dei quali sembra aver letto il Primo Emendamento, stanno indagando se sarebbe “appropriato” per il Congresso costringere le aziende tecnologiche a “moderare” i contenuti sulle loro piattaforme.

Il presidente Biden non sta aspettando che la legislazione intensifichi l’attacco alla libertà di parola. La sua amministrazione ha creato il Disinformation Governance Board presso il Department of Homeland Security. Lo scopo del consiglio è quello di coordinare gli sforzi del governo e del settore privato per combattere la “disinformazione”, con particolare attenzione alla Russia. L’attenzione sulla Russia non sorprende dal momento che la “disinformazione russa” si è unita al razzismo e al sessismo come giustificazione per diffamare e mettere a tacere coloro le cui opinioni (e informazioni fattuali) contraddicono la “linea del partito” dell’establishment politico e dei media.

La scelta di Biden di dirigere il Comitato per la governance della disinformazione, Nina Jankowicz, è lei stessa una fonte di disinformazione. Nel 2020, ad esempio, Jankowicz ha ripetuto a pappagallo la menzogna secondo cui la Russia ha creato i materiali dannosi trovati sul famigerato laptop di Hunter Biden. Il curriculum di Jankowicz include anche periodi come consulente del governo ucraino e manager dei programmi del National Democratic Institute in Russia e Bielorussia. Il background di Jankowicz suggerisce che non chiamerà mai nessuna bugia spacciata dal partito di guerra statunitense “disinformazione”.

Il Comitato per la governance della disinformazione non può censurare direttamente i social media. Tuttavia, “incoraggiando” le società tecnologiche alla disperata ricerca di mantenere buoni rapporti con il governo federale per rimuovere le opinioni “non approvate” dalle loro piattaforme, può ottenere gli stessi risultati. Questo è il motivo per cui chiunque apprezzi la libertà di parola, che dovrebbe includere tutti coloro che hanno a cuore la libertà, non dovrebbe cadere nell’affermazione che il comportamento delle aziende tecnologiche non è nulla di cui preoccuparsi poiché non implica la censura del governo.

Purtroppo, alcuni conservatori fuorviati si sono uniti ai progressisti nel promuovere la legislazione che impone nuove normative sulla grande tecnologia. Una maggiore regolamentazione consentirà solo a Nina Jankowicz e ai suoi simili di fare ulteriore pressione sulle società tecnologiche affinché limitino la libertà di parola. Danneggerà anche i consumatori riducendo la capacità di trovare beni e servizi a prezzi accessibili online. L’unico modo per proteggere la libertà di parola su Internet è rendere le piattaforme online veramente private attraverso una completa separazione tra tecnologia e stato.

La spinta alla censura è guidata dalla folla sveglia e dal timore dell’establishment autoritario che le loro politiche non possano mantenere il sostegno della maggioranza se costrette a competere in un libero mercato delle idee. Ciò dimostra che anche i nemici della libertà sentono che i giorni dello stato di guerra sociale sono contati.

Questo articolo è apparso per la prima volta a RonPaul Institute.org.


Il Ministero del totalitarismo

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Prestito studentesco: chi paga?


Il condono del prestito studentesco è stato nelle notizie ultimamente. Ci sono una serie di piani diversi in corso, dal ripudio globale del debito fino a vari importi, a schemi basati sul reddito più limitati.

Ma nessuno parla mai di una domanda chiave: chi la pagherà?

Bene, lo farai.

Penso che la maggior parte degli americani pensi che Joe Biden o il Congresso possano semplicemente agitare una sorta di bacchetta magica e il debito dei prestiti studenteschi scomparirà. Puf! Nessun danno nessun inganno. In effetti, penso che molte persone credano che il condono del prestito studentesco lo attaccherà alle banche malvagie che hanno prestato tutti quei soldi.

Ma non funziona in questo modo.

La maggior parte dei prestiti agli studenti sono supportati dal governo federale. Ciò significa che il contribuente è alle prese. I prestatori “malvagi” riceveranno comunque i loro soldi. L’unica cosa che cambierebbe è chi paga il conto. Invece della persona che ha firmato il proprio nome promettendo di estinguere il prestito, il contribuente americano si bloccherà con il conto.

Molte persone si oppongono al condono del prestito studentesco perché lo considerano “ingiusto”. Dopotutto, il mutuatario ha preso volontariamente il prestito. Questa è certamente un’obiezione valida. Ma alla maggior parte delle persone non interessano i tuoi scrupoli morali. Ti chiameranno semplicemente indifferente e andranno avanti.

Ma le ramificazioni economiche sono un po’ più difficili da ignorare, se le capisci. E avranno un impatto su tutti, indipendentemente dal fatto che pensino che gli importi ora o meno.

Ricordi quei controlli di stimolo? Tutti erano entusiasti di ottenere quei soldi “gratuiti”. Ma stai pagando per quegli assegni stimmy oggi attraverso il tassa sull’inflazione. La maggior parte delle persone sembra meno che soddisfatta.

La portata del problema

Attualmente, 46 milioni di americani hanno prestiti studenteschi eccezionali. Di quel numero, 45,4 milioni detengono prestiti garantiti dal governo federale. Il conto totale del prestito studentesco è di $ 1,75 trilioni.

Nel 2020, il governo degli Stati Uniti ha interrotto le insolvenze e ha consentito ai mutuatari di sospendere i pagamenti a causa della pandemia di COVID-19. A quel tempo, l’11,1% dei prestiti agli studenti era insolvente da 90 giorni o più o era inadempiente. Questo non conta le persone che erano in vari programmi di differimento e non sono state conteggiate come delinquenti.

Il presidente Biden di recente prorogata la sospensione dei pagamenti fino a settembre. Era la sesta proroga da quando aveva autorizzato il differimento iniziale.

“Ci stiamo ancora riprendendo dalla pandemia e dall’interruzione economica senza precedenti che ha causato”, ha affermato Biden, in una dichiarazione del 6 aprile che annunciava l’ultima pausa.

(In una nota a margine, il presidente continua a dircelo quanto è forte l’economia. Qualcosa qui non ha senso qui.)

Ironia della sorte, la colpa di questa sovrabbondanza di debiti per prestiti studenteschi ricade direttamente sulle spalle del governo degli Stati Uniti, le stesse persone che promettono di risolvere il problema. Se lo zio Sam non avesse garantito tutti questi prestiti, gli istituti di credito non sarebbero mai stati disposti a prestare un mucchio di soldi per i ragazzi del college tanto per cominciare.

Ramificazioni

Il condono del debito del prestito studentesco suona bene, ma avrà una serie di brutte conseguenze.

Per prima cosa, il condono del prestito aumenterebbe probabilmente il costo del college ancora di più. L’ampia disponibilità di prestiti agli studenti ha in primo luogo aumentato le tasse universitarie. Studi hanno dimostrato l’afflusso di denaro per prestiti studenteschi sostenuti dal governo nel sistema universitario è direttamente collegato all’aumento dei costi dell’istruzione universitaria.

Come Peter Schiff ha sottolineato in un podcast, il condono del prestito sarebbe come il Natale per i college e le università. Gli amministratori del college capiranno: “Ora possiamo davvero aumentare le tasse scolastiche perché i nostri studenti sanno che possono prendere in prestito i soldi e non dovranno mai restituirli”.

Peter ha detto che probabilmente non sarà una cosa una tantum. Questo creerà un azzardo morale.

“Se lo fanno una volta, lo faranno di nuovo. Tutti se lo aspetteranno. … L’azzardo morale che nessuno pagherà per il college. Nessuno lavorerà per cercare di evitare di indebitarsi perché sei un idiota. Prendi il debito! Sarà perdonato”.

Il secondo problema è che il governo degli Stati Uniti non ha soldi. Dovrà prendere in prestito miliardi in più per pagare qualsiasi programma di condono del prestito. Il denaro preso in prestito deve essere rimborsato dai contribuenti, sotto forma di tasse più elevate o inflazione, probabilmente entrambe le cose.

Il condono del prestito studentesco verserebbe anche più benzina sul fuoco inflazionistico. Sarebbe un altro enorme programma di stimolo. Se la Fed rinunciasse a 1,7 trilioni di dollari di prestiti agli studenti, sarebbe praticamente come far cadere 1,7 trilioni di dollari da un elicottero.

Ancora una volta, ripensa allo stimolo del coronavirus.

Quando si considerano i meccanismi del condono del prestito, diventa chiaro perché sarebbe inflazionistico.

In circostanze normali, quando qualcuno è inadempiente sul debito e semplicemente non paga, è un guadagno per il mutuatario, ma una perdita per il prestatore. Questo non è inflazionistico. Il denaro extra che il debitore risparmia sui pagamenti del debito e che ora deve spendere è compensato dal denaro che il prestatore non dovrà mai spendere. Ma quando il governo sostiene il prestito, il calcolo cambia. I mutuatari avranno denaro extra poiché non dovranno più pagare i prestiti. Gli istituti di credito riceveranno i loro soldi perché il governo pagherà il saldo. E, naturalmente, il governo prenderà in prestito quei soldi e la Fed monetizzerà il debito.

Nei casi in cui il governo ha emesso prestiti diretti agli studenti, ha effettivamente stampato denaro che non uscirà mai dalla circolazione perché lo studente ora non deve restituirlo al governo.

In effetti, il condono del prestito non è molto diverso da facilitazione per quantità. Ma a differenza del QE, il denaro affluirà a Main Street invece che a Wall Street. Ciò significa che è più probabile che questa azione inflazionistica si manifesti nei prezzi al consumo.

Il condono del prestito studentesco suona bene. È politicamente popolare. Ma è una cattiva economia. E all’economia non interessano i sentimenti di nessuno.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi ha fatto trapelare il parere della Corte Suprema?



Dopo che una bozza di parere della Corte Suprema che annullava Roe v. Wade è trapelata alla stampa, la speculazione si è rivolta a chi fosse il responsabile, con richieste di arresto.

La maggioranza della corte ha deciso di votare 5-4 per ribaltare la protezione costituzionale federale del diritto all’aborto, con il giudice Samuel Alito che ha scritto: “Roe si è sbagliato in modo egregio fin dall’inizio”, oltre ad affermare: “Riteniamo che Roe e Casey debbano essere annullato”.

Con una mossa senza precedenti, l’opinione è trapelata a Politico, presumibilmente nel tentativo di creare enormi disordini sociali che avrebbero portato uno o più giudici a essere intimiditi facendogli cambiare idea.

“Ma non è una decisione vincolante della corte a meno che almeno cinque giudici non la firmino, e questo sembra un tradimento trasparente e senza precedenti da parte di una delle circa 45 persone che hanno accesso a un progetto di parere della Corte Suprema per evitare che questa decisione diventi legge spaventando i giudici moderati e tentando di far impazzire la sinistra politica”, riferisce Breitbart.

Gli esperti affermano che la Corte Suprema perderà la fiducia di una generazione di americani se la decisione verrà rinviata a causa di pressioni politiche, ma ciò non ha impedito a qualsiasi persona di sinistra arrabbiata che abbia fatto trapelare il documento tirando metaforicamente la spilla sulla granata nel tentativo di interferire democrazia.

“La fede del popolo americano nello stato di diritto verrebbe scossa se perdesse il rispetto per questa Corte come istituzione che decide casi importanti sulla base di principi, non su ‘pressioni sociali e politiche'”, afferma lo stesso documento trapelato.

“Ma non possiamo superare la portata della nostra autorità ai sensi della Costituzione e non possiamo permettere che le nostre decisioni siano influenzate da influenze estranee come la preoccupazione per la reazione del pubblico al nostro lavoro”, risponde Alito.

Le uniche persone con accesso al documento originale erano i nove giudici ei loro 36 impiegati, il che significa che è quasi certo che uno dei 36 impiegati abbia fatto trapelare il documento.

Se si considera che ogni giudice ha quattro impiegati che lavorano per loro, questo probabilmente si riduce a uno dei 16 impiegati che lavorano per i quattro giudici nominati dai Democratici.

“Il fatto che alcuni stiano elogiando questa fuga di notizie mostra quanto siamo diventati completamente vili nella nostra politica”, ha twittato l’avvocato Jonathan Turley. “Non sembra esserci alcuna regola etica o interesse istituzionale che possa resistere a questa età di rabbia”.

Altri intervistati hanno evidenziato come la fuga di notizie sia progettata per intimidire i giudici, innescando potenziali disordini civili di massa, facendoli cambiare idea.

L’autore del reato, che è già stato idolatrato come un eroe dalla sinistra, dovrebbe affrontare l’arresto immediato.

I democratici dovrebbero ora lanciare un tentativo di fare le valigie in tribunale prima di perdere il Congresso a novembre, anche se la decisione 5-4 dovrebbe essere timbrata prima di allora.

La divulgazione dell’opinione è sfacciatamente un tentativo di sovvertire quel processo, creare più caos e violenza in America e far deragliare il funzionamento costituzionale della Corte Suprema.

Ma questo non importerà affatto alla sinistra, che pensa che il loro diritto morale di uccidere i bambini superi tutte le altre preoccupazioni.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Bill Maher chiede a chi indossa una maschera vaccinata se “tingono il preservativo” dopo il sesso



Il comico e conduttore Bill Maher ha sbattuto le persone vaccinate che si rifiutano di smettere di indossare maschere per il viso, chiedendo se continuerebbero a indossare il preservativo dopo la fine del rapporto sessuale.

Maher solleva la questione in un nuovo speciale comico su HBO chiamato Adultiin cui chiede a chi indossa la maschera “Ti tieni il preservativo dopo aver fottuto?”

Durante lo speciale ringrazia anche il pubblico per aver deciso di vivere la propria vita piuttosto che nascondersi nelle proprie case per sempre.

Maher aveva già fatto lo stesso punto durante a Tempo reale segmento.

“Non capisco queste persone”, ha detto Maher, aggiungendo “Dicono che continueranno a indossare maschere anche dopo che sembreranno del tutto chiaro. È come fare sesso con un preservativo e poi dire: ‘Sai una cosa? Penso che lo lascerò acceso per il resto della notte.’”

Ha continuato spiegando “non avrai mai un’atmosfera libera da COVID al 100% … ci saranno sempre varianti, dobbiamo solo vivere di nuovo”.

Nonostante sia una commedia ovvia, i fanatici delle maschere su Twitter non sono riusciti a vedere l’umorismo:

Durante un’apparizione la scorsa settimana sul podcast di Joe Rogan, Maher ha etichettato i Democratici come il partito “senza buon senso”, spiegando che “Quando le persone mi dicono ‘Non pensi di essere diventato più conservatore?’ No, non l’ho fatto. La sinistra è diventata più goffa. Quindi sembro più conservatore, forse, ma non sono io a essere cambiato”.

Ha continuato: “Dico sempre ai Democratici ‘non siate il partito senza buonsenso’. E rimarrai sorpreso da tutto lo straordinario successo che avrai rispetto a quello che accadrà, ovvero che a novembre verranno presi a calci in culo”.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi c’è dietro l’attacco alla stazione ferroviaria ucraina di venerdì che ha ucciso 50 civili?


Giovedì un attacco a una stazione ferroviaria ucraina ha provocato la morte di almeno 50 persone, tra cui cinque bambini, e oltre 100 feriti.

Il missile ha colpito mentre migliaia di cittadini stavano tentando di fuggire dalla regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, dilaniata dalla guerra.

Un’immagine tragica sembra mostrare un giovane ucraino con la testa fatta saltare in aria a causa dell’esplosione.

I media mainstream stanno semplicemente rigurgitando il rapporto del governo ucraino sull’assalto mortale, ma la dichiarazione della Russia che nega la responsabilità dell’attacco è convincente.

Ad esempio, un titolo sul Rapporto sulla faticat afferma definitivamente che “il missile di Mosca uccide almeno 50 civili” e quasi tutti i principali organi di stampa statunitensi hanno seguito articoli simili.


Joe Biden ha pubblicato una dichiarazione su Twitter, scrivendo: “L’attacco a una stazione ferroviaria ucraina è l’ennesima orribile atrocità commessa dalla Russia, colpendo i civili che stavano cercando di evacuare e mettersi in salvo”.

Sleepy Joe ha persino ammesso che non c’è stata un’indagine che confermi chi c’è dietro l’assalto, pubblicando: “sosterremo gli sforzi per indagare su questo attacco mentre documentiamo le azioni della Russia e le riteniamo responsabili”.

Intanto il Il ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione affermando di non essere dietro l’attacco e che viene utilizzato per impedire alle persone dell’area filo-russa di lasciare la zona di pericolo in modo che l’esercito ucraino possa usarle come scudi umani.

“Lo scopo dello sciopero del regime di Kiev alla stazione ferroviaria di Kramatorsk era quello di interrompere l’uscita di massa dei residenti dalla città per usarli come ‘scudo umano’ per difendere le posizioni delle forze armate ucraine, come in molti altri centri abitati ucraini, ” ha dichiarato il MOD russo.

I russi hanno anche notato che la fotografia del proiettile utilizzato nell’attacco mostra un missile Tochka-U, che dicono sia usato solo dall’esercito ucraino.

Le parole “per i bambini” sono state scritte sul lato del missile, il che è inquietante e ironico considerando che ne ha uccisi diversi.

La Russia afferma che le loro informazioni mostrano che “l’attacco alla stazione ferroviaria di Kramatorsk è stato effettuato dalla divisione missilistica delle forze armate ucraine dall’area di Dobropol’e, 45 chilometri a sud-ovest della città”.

Il Tochka-U sarebbe stato sostituito dall’Iskander nel 2019 e dalla Russia dice il missileS non sono nemmeno in servizio.

Tuttavia, un video diffuso da account filo-ucraini pretende di mostrare le unità militari russe che trasportano i missili.

In risposta al filmato, la Russia ha dichiarato: “Il regime di Kiev ha pubblicato sui social media le immagini dei lanciamissili Tochka-U che hanno preso parte a ‘Unione Coraggio 2022“Esercitazione russo-bielorussa a febbraio”.

Un attento osservatore nei commenti su Twitter del video ha anche notato che da metà a fine marzo non c’erano forti nevicate in quella zona della Bielorussia.

L’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite Scott Ridder pensa che il missile sia stato lanciato da un’area controllata dall’Ucraina verso i civili per lo più filo-russi.

La mappa che ha pubblicato corrisponde a una dichiarazione del MOD russo, affermando: “Un’analisi del raggio di ingaggio della testata, nonché la posizione caratteristica della sezione di coda del missile Tochka-U, confermano chiaramente che è stato lanciato da una direzione sud-occidentale. di Kramatorsk.

Un utente di Twitter ha spiegato accuratamente che un incidente simile è già stato registrato, scrivendo: “L’Ucraina ha colpito il centro di Donetsk con lo stesso razzo Tochka-U il 14 marzo uccidendo 30 persone e ferendone molti altri. Giornalista indipendente @PLnewsoggi era sulla scena in pochi minuti a documentare le conseguenze grottesche che non hanno avuto quasi nessuna copertura sui media occidentali.

Guarda il rapporto qui sotto per vedere in prima persona testimonianze oculari di civili che sono sicuri che gli ucraini fossero dietro l’attacco mortale.

Secondo la Russia, la decisione di Kiev di prendere di mira i civili “non è casuale” poiché vogliono “massimizzare il numero di vittime civili”.

“I loro omicidi nel Donbas sono diventati una pratica standard per le unità armate ucraine negli ultimi otto anni”, ha affermato la Russia. “Uccidendo cinicamente civili a sangue freddo, Kiev sta cercando di incolpare la Russia per i propri crimini al fine di screditare l’operazione militare speciale di Mosca per difendere la DPR e la LPR”.

Concludendo la sua dichiarazione, il MOD russo ha affermato: “Sollecitiamo la comunità internazionale valutare oggettivamente i crimini commessi dalle unità ucraine, interrompere la fornitura loro con le armi e spinge Kiev a rinunciare ai suoi metodi inaccettabili di ostilità”.

I principali media e politici di tutto il mondo si stanno ancora una volta affrettando ad accusare la Russia di un atroce crimine di guerra prima ancora che un’indagine abbia inizio.

L’accusa arriva convenientemente solo un giorno dopo che la Russia è stata sospesa dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite in relazione al massacro di Bucha, che anche la Russia ha negato di svolgere.

La verità sulla morte di questi civili innocenti verrà mai rivelata?


Vedere i seguenti collegamenti per ulteriori informazioni sul conflitto Ucraina-Russia.

Guarda: cosa non ti diranno sul conflitto Russia-Ucraina

La Russia afferma che l’ultimo attacco missilistico è UN’ALTRA Falsa bandiera

Breaking: Russia sospesa dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite

Ucraina sotto tiro: il reporter documenta Mariupol dilaniato dalla guerra

Guarda: i cittadini ucraini affermano che la Brigata Azov neonazista “fascista” “spara solo ai civili”

Propaganda? Il parlamentare ucraino afferma che i soldati russi hanno bruciato la svastica nella pancia di una donna

Rapporto: due insegnanti morti dopo il bombardamento ucraino della Repubblica popolare di Donetsk




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi trae vantaggio dalla crisi energetica di Biden? — Democratici, naturalmente


Il popolo americano sembra essere quello che soffre di più delle politiche economiche di Joe Biden, mentre i legislatori democratici ne traggono vantaggio, secondo il conduttore di Fox News Tucker Carlson.

Nella sua apertura monologo di “Tucker Carlson Tonight” di venerdì, Carlson ha spiegato che il popolo americano sta attraversando difficoltà economiche a causa delle sanzioni di Biden contro la Russia di progettazione.

“Biden continua a dirci che queste sanzioni energetiche schiacceranno Putin, ma non è così. Chiaramente non è vero. Putin sta bene. Il rublo si è quasi completamente ripreso dal giorno in cui la Russia ha invaso”, ha osservato Carlson. “Tanto per aver distrutto l’economia russa e convincere l’esercito russo a ritirarsi dall’Ucraina, eppure noi negli Stati Uniti stiamo pagando prezzi del gas sempre più alti grazie a queste sanzioni”.

“Quindi, Biden non sta facendo del male a Vladimir Putin. Biden sta danneggiando i cittadini americani. Come mai? Di cosa si tratta esattamente? Bene, la prima cosa che dovresti sapere e non dimenticare mai è che nulla cambia una società più velocemente di una guerra, anche una guerra in un altro paese”.

Carlson ha spiegato che a causa dell’impopolarità delle proposte di Green New Deal della sinistra, la sinistra ha scelto di sovvertire il processo democratico per imporre la propria agenda climatica radicale, come utilizzare la pandemia di COVID e ora l’Ucraina-Russia per bloccare la produzione di energia.

“Se vuoi riordinare una società, avrai bisogno di una grande crisi per farlo. Il processo democratico non funzionerà per te. Il processo democratico non ti porterà mai alla trasformazione totale perché gli elettori non vogliono quasi mai un cambiamento sistemico. Preferiscono il miglioramento incrementale ed è per questo che tendono a eleggere le stesse persone in carica anno dopo anno”, ha osservato Carlson.

“Beh, dovresti prima rompere l’economia esistente perché se dessi alle persone la possibilità di scegliere come alimentare i loro veicoli, case e aziende, non molti di loro sceglierebbero i mulini a vento”, ha continuato. “No, andrebbero con quello che hanno, che è petrolio e gas. Quindi, dovresti togliere loro quella scelta. Non potevi lasciarli scegliere e non potevi farlo con mezzi democratici perché nessun legislatore voterebbe mai per un cambiamento del genere perché sanno che gli elettori non lo vogliono”.

“Quindi, invece, potresti usare una guerra in corso in tutto il mondo per dichiarare una carenza di energia nel tuo paese e quindi rendere i combustibili fossili inaccessibili per la persona media e in questo modo, le persone non avrebbero altra scelta che passare al nuovo sistema, che , non a caso, tu, i tuoi amici e i vostri donatori avreste il controllo”.

“Quindi sarebbe un modo, forse l’unico modo per ottenere un Green New Deal, senza doverlo far passare attraverso il Congresso perché non passerebbe mai attraverso il Congresso. Hmm. Pensi che sia quello che sta succedendo qui? Ti dispiacerebbe pensarlo. Non vorresti pensare che il tuo governo aggraverebbe intenzionalmente le sofferenze di milioni di civili ucraini per prendere il controllo della rete energetica americana, ma sembra essere esattamente ciò che sta accadendo in questo momento e lo sappiamo perché l’amministrazione ha essenzialmente detto noi così”.

E non solo le iniziative radicali della sinistra stanno danneggiando gli americani medi, ma stanno avvantaggiando gli stessi democratici che le impongono, come il segretario all’Energia Jennifer Granholm, ha sottolineato Carlson.

“Grazie alla segnalazione del Washington Free Beacon, di cui siamo grati, sappiamo che Jennifer Granholm deteneva milioni di dollari in azioni nelle cosiddette società di energia verde mentre prestava servizio come segretaria dell’energia”, ha detto Carlson.

“Controlla subito gli investimenti nelle energie rinnovabili dalla crisi energetica provocata dall’uomo che Joe Biden e le sue sanzioni hanno scatenato e vedrai che in questo momento è un mercato piuttosto solido”, ha continuato. “Chi ne beneficia? Giusto, gente come Jennifer Granholm. Vuole costringerti a sovvenzionare i suoi investimenti”.

“Questa è la strategia a medio e lungo termine e nessuna crisi dell’ultimo decennio ha fornito loro una copertura migliore dell’invasione dello stato cliente dell’Ucraina che Jennifer Granholm non riesce nemmeno a trovare su una mappa. C’è una ragione per cui sono concentrati sull’Ucraina ed è per darti il ​​Green New Deal, che tu lo voglia o no”, ha concluso.


La disastrosa politica energetica di Biden sta uccidendo le persone

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi ha bisogno di loro? Nessuno


Come la Federal Reserve escursioni con un tasso di prestito compreso tra lo 0,25 e lo 0,50 percento, si sentono mormorii in tutto il mondo, con esperti finanziari che prevedono il destino a causa delle crescenti pressioni imposte sulle strutture dei costi delle aziende che si stanno riprendendo dal blocco della pandemia.

La Federal Reserve è leader del gruppo di banche centrali di tutto il mondo apparentemente dirette dai rispettivi paesi a perseguire la stabilità e il buon funzionamento delle loro economie.

La presunta legittimità delle banche centrali si basa su tre obiettivi fondamentali condivisi dalle banche centrali di tutto il mondo. Il primo obiettivo è la stabilità dei prezzi, che è la convinzione che le banche centrali dovrebbero espandere e contrarre l’offerta di moneta in relazione alla domanda effettiva e alle pressioni dell’offerta dell’economia. L’obiettivo numero due è alimentare le prospettive di crescita macroeconomica, che si ottiene abbassando il costo dei prestiti, che presumibilmente porta le imprese ad aumentare i propri investimenti, portando ad un aumento della produzione e della crescita complessiva.

Infine, l’ultimo obiettivo è l’attuazione di misure anticicliche, che sono azioni che la banca centrale intraprende per compensare gli elevati tassi di disoccupazione che possono derivare dal calo della produzione durante un trogolo nel ciclo economico.

Stabilità di prezzo

Il ruolo della banca centrale nel mantenere in effetti la stabilità dei prezzi risiede nel controllo del valore del denaro; cioè, non permettere che si verifichi un’inflazione generale o una deflazione generale. Viene creato un indice che comprende un paniere di beni che sono ponderati in termini di spese su di essi, quindi i loro movimenti di prezzo vengono tracciati come proxy dei cambiamenti nel livello generale dei prezzi nell’economia.

L’aumento o la diminuzione del valore dell’indice sono valutati insieme a una regola di crescita percentuale costante. Quando il valore dell’indice aumenta o diminuisce più del tasso di crescita costante designato, solitamente del 2 per cento, la banca centrale interviene con i suoi strumenti di politica monetaria per influenzare il valore del denaro sui mercati.

Sebbene l’idea di preservare il valore del denaro possa essere ben intenzionata, soffre di un malinteso sul ruolo che l’aumento e il calo dei prezzi svolgono nell’economia di mercato. I prezzi agiscono come segnali di coordinamento che trasmettono informazioni su importanti dati economici sparsi in modo decentralizzato. L’aumento dei prezzi in un mercato ben funzionante ha un ruolo specifico: quando un oggetto diventa scarso sul mercato, l’aumento dei prezzi è un segnale per i consumatori di economizzarlo e allo stesso tempo indica un più proficuo impiego delle risorse ai fornitori , che aumentano l’offerta dell’oggetto fino a quando i profitti sopranormali non vengono tutti sfruttati, abbassandone il prezzo nel processo.

Pertanto, quando i prezzi delle merci nel paniere delle merci aumentano, il valore dell’indice aumenta, fornendo alla banca centrale ragioni per interferire nel mercato al fine di compensare gli aumenti di prezzo, ma così facendo le banche centrali interferiscono in il processo di mercato. Ciò impedisce agli imprenditori di capitalizzare su opportunità ad alto profitto; se l’aumento dei prezzi è causato dall’inflazione trainata dalla domanda, l’intervento impedisce anche ai consumatori di ottenere beni che li farebbero stare meglio.

Crescita macroeconomica e obiettivi anticiclici

La moderna banca centrale traccia alti e bassi attraverso le deviazioni del tasso di crescita effettivo dell’economia dal suo tasso di crescita tendenziale di lungo periodo. In altre parole, un ciclo di crescita rialzista (decrescente) è caratterizzato da una crescita superiore (inferiore) al tasso tendenziale di lungo periodo. La salute di un’economia è intesa in termini di vicinanza tra il suo tasso di crescita attuale e il tasso di crescita previsto sulla base di tendenze a lungo termine. Le banche centrali utilizzano anche altri indicatori anticipatori e ritardati come le indagini sulla fiducia dei consumatori, le indagini settimanali sull’orario di lavoro e gli indici della produzione industriale per misurare lo stato di salute attuale dell’economia.

Quando l’attuale livello di crescita o il valore degli indicatori suggeriscono che l’economia deve essere stimolata, vengono utilizzati vari strumenti di politica monetaria per influenzare la domanda e l’offerta di moneta nell’economia per raggiungere l’obiettivo di riportare l’economia in carreggiata. Nel tentativo di ridurre il costo del prestito per le imprese, le banche centrali abbassano anche il costo del prestito per le banche commerciali, che abbasserebbero quindi i tassi di interesse delle banche commerciali. Si suppone che la diminuzione dei tassi di interesse riduca il costo del denaro per le imprese in modo tale che il ritorno su un investimento diventi marginalmente maggiore del suo costo e quindi aumenti gli investimenti e la produzione attraverso il processo moltiplicatore.

Ma mentre a prima vista tali misure contro il calo della produzione e della spesa possono sembrare valide, meritano uno sguardo più approfondito, poiché le azioni dei banchieri centrali hanno un impatto sproporzionato sull’economia. La spesa totale nell’economia è composta da due parti, una è la spesa per sostenere la struttura della produzione e l’altra è la spesa per i prodotti finali. La spesa per la struttura della produzione consiste nella spesa per investimenti di capitale per aumentare la produttività e la scala delle imprese, e per il capitale circolante, che viene utilizzato come input per produrre output, mentre la spesa per i prodotti finali implica la spesa dei consumatori per i beni finiti e servizi.

Le imprese spesso risparmiano una parte dei loro profitti e utilizzano questo pool per finanziare i loro investimenti di capitale in futuro. Quando le imprese ricorrono al risparmio anziché alla spesa, potrebbe verificarsi una diminuzione della produzione, ma una tale diminuzione della produzione e della spesa non è un segno di cattiva salute dell’economia, ma semplicemente un processo che l’economia deve subire che si traduce in un aumento della produttività, dell’innovazione , ed efficienza nella produzione grazie alla riduzione dei costi.

Questa efficienza deriva dai cambiamenti nelle strutture del capitale delle imprese quando cambiano le loro macchine o aumentano la loro scala. Il processo si traduce anche in un aumento del valore del denaro, poiché aumentano i beni per unità di denaro spesa.

Un calo della produzione si ridurrebbe presto a un livello maggiore di produttività e prosperità per l’economia, ma se la banca centrale interviene con una politica di moneta facile per ridurre il costo del prestito, si ottengono effetti Cantillon. I risparmiatori perdono a causa della generazione aggiuntiva di denaro artificiale, che abbassa il valore del loro denaro, portando all’inflazione.

Conclusione

Le politiche di denaro facile alimentano boom insostenibili che alla fine si traducono in una cattiva allocazione del capitale, poiché l’investimento di capitale viene reindirizzato in una direzione insostenibile. Ciascuna impresa effettua i propri investimenti sulla base del confronto di costi e benefici. Quando i costi vengono abbassati artificialmente attraverso la diminuzione dei tassi di interesse, gli investimenti che prima non erano redditizi ora sembrano redditizi, ma poiché tale redditività non si basa sulla reale domanda dei consumatori sottostante, l’inflazione aumenta presto poiché i produttori competono per risorse scarse.

L’aumento dell’inflazione riduce i margini di profitto originariamente alimentati da tassi di interesse artificialmente bassi, dove sarebbe nuovamente necessaria un’ulteriore spinta monetaria per evitare che gli investimenti attuali diventino insostenibili. Pertanto, concludiamo che le banche centrali creano cicli economici e distorcono i processi di mercato. Pertanto, dovremmo riesaminare la necessità delle banche centrali, poiché sono la fonte di molti mali economici.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi sono gli americani che coordinano la ricerca sulle armi biologiche nei laboratori ucraini?


Nel mezzo della sua operazione speciale in corso in Ucraina, le forze russe hanno scoperto biolab operati dagli Stati Uniti nel paese che effettuano ricerche sui patogeni pericolosi. Mentre Washington inizialmente ha cercato di negare la loro esistenza, in seguito lo hanno confermato, ma hanno affermato che le attività dei laboratori erano insignificanti.

Il Ministero della Difesa russo (MoD) ha rivelato nuovi documenti giovedì che era stato sequestrato dalle forze russe nell’Ucraina orientale, comprese le corrispondenze tra Il finanziere americano Hunter Biden – il figlio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden – e figure coinvolte nella ricerca biologica in Ucraina, che an sua impresa di investimento aiutato a finanziare.

I documenti hanno rivelato l’intenzione di creare un “deposito centrale di microrganismi particolarmente pericolosi a Kiev”, secondo il portavoce del Ministero della Difesa russo, il Magg. Gen. Igor Konashenkov, nonché modi per distribuire agenti biologici tramite droni.

Le e-mail hanno rivelato i nomi di diverse figure americane centrali nei progetti di ricerca biologica delle aziende Metabiota e Black & Veatch, nonché funzionari della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) degli Stati Uniti. Quelli nominati includono:

Roberto Papa

Pope è stato vicedirettore delle operazioni, della preparazione e delle esercitazioni presso la DTRA dal 2017 al 2020. In precedenza ha ricoperto vari incarichi presso l’US Air Force European Command (USAFE), il US Central Command (USCC) e il Pentagono. Il Papa ha partecipato allo sviluppo di procedure radiochimiche per il monitoraggio dei trattati internazionali nel campo delle armi nucleari (Centro di Applicazione Tecnica dell’Aeronautica Militare).

Le e-mail pubblicate hanno rivelato una corrispondenza tra il Papa e il ministro della salute ad interim dell’Ucraina tra il 2016 e il 2019, Ulana Suprun, nata in America, che si è recata in Ucraina per partecipare al colpo di stato sostenuto dagli Stati Unitinel 2014.

Rhys M. Williams

Williams ha assunto Pope come direttore ad interim di DTRA nel 2020, essendo stato in precedenza direttore dello sviluppo, test e valutazione dell’agenzia. Ha guidato il programma del Dipartimento della Difesa per sviluppare capacità per rilevare, localizzare e neutralizzare armi di distruzione di massa straniere e ordigni esplosivi improvvisati. Williams ha anche lavorato come assistente vice amministratore per la non proliferazione presso la National Nuclear Security Administration (NNSA) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, l’organizzazione responsabile dell’arsenale di armi nucleari del paese.

Giovanna Wintrol

Wintrol ha diretto i progetti DTRA in Ucraina fino al 2021 presso l’Ambasciata degli Stati Uniti presso l’Ufficio per la riduzione delle minacce alla difesa di Kiev.

Le e-mail pubblicate dal Ministero della Difesa hanno rivelato che ha supervisionato direttamente esperimenti con agenti patogeni mortali, tra cui il progetto UP-2 per “mappatura di malattie altamente infettive in Ucraina”, compreso l’antrace; il progetto UP-4, descritto come una “valutazione del rischio di agenti patogeni particolarmente pericolosi trasmessi dagli uccelli in Ucraina durante la migrazione”; il progetto UP-8 studiando la “diffusione del virus della febbre emorragica Crimea-Congo e degli hantavirus in Ucraina e la potenziale necessità di una diagnosi differenziale di pazienti con sospetta leptospirosi. Documenti rilasciati in precedenzaha mostrato che ha anche supervisionato Progetto P-782conducendo ricerche sulla trasmissione di malattie attraverso i pipistrelli.

Wintrol è passato a Chemical Security and Elimination (CSE) all’inizio del 2021. Secondo una pubblicazione DTRA, CSE era precedentemente noto come programma di eliminazione delle armi chimiche (CWE) e programma di distruzione di armi chimiche (CWD). Lo sforzo “è iniziato nel 1992 per costruire la capacità degli stati dell’ex Unione Sovietica (FSU) di ridurre la minaccia delle armi chimiche (CW) proteggendo ed eliminando le scorte di CW, le capacità di ricerca chimica e gli impianti di produzione, reindirizzando anche gli scienziati per scopi pacifici”, ha affermato l’agenzia.

Steven L. Edwards

Dal 2013, Edwards è da tempo CEO della società di ingegneria americana Black & Veatch appaltatore del Pentagono utilizzato per una varietà di compiti di costruzione. È stato con l’azienda dal 1978 ed era in precedenza il suo direttore operativo. Black & Veatch era noto da tempo per lavorare su progetti del Pentagono in Ucraina, ma i documenti sequestrati dalle forze russe all’inizio di questo mese ha rivelato il lavoro dell’azienda nella supervisione dei programmi biologici lì, compreso il progetto UP-8 precedentemente menzionatostudiando la febbre emorragica della Crimea-Congo, la leptospirosi e gli hantavirus.

Lance Lippencott

È project manager in Ucraina per Black & Veatch dal 2011 e coordinatore del progetto biologico. Nell’agosto 2021, ha detto al Giornale commerciale di Kansas City che il suo lavoro sugli agenti biologici presenti nell’aria in Ucraina ha aiutato Black & Veatch a sviluppare un dispositivo per purificare l’aria dalle particelle del virus SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19. Lippencott si è laureato all’Accademia militare dell’esercito americano a West Point.

In uno dei documenti pubblicati dal Ministero della Difesa, un rapporto del Servizio di sicurezza della regione ucraina di Kherson ha fatto riferimento a “una potenziale minaccia alla situazione epidemiologica ed epizootica nel nostro Paese che è recentemente emersa a seguito delle intenzioni di DTRA attraverso Black & Guarda a stabilire il controllo sul funzionamento dei laboratori microbiologici ucraini che conducono ricerche su agenti patogeni particolarmente pericolosi che possono essere utilizzati per creare o potenziare nuovi tipi di armi biologiche”. Un altro documento di Lippencott al Ministero della Difesa ucraino riguarda l’estensione di il progetto UP-8 menzionato sopra.

David Mustra

“I problemi di biomonitoraggio e trasferimento di informazioni sono stati supervisionati da David Mustra, che è strettamente associato a un altro appaltatore del Pentagono, Metabiota”, ha affermato Konashenkov. “In precedenza, ha guidato bio-progetti militari in Ucraina e nell’Europa orientale nell’ambito del programma di riduzione delle minacce cooperative”.

Maria Guttieri

Con un dottorato in microbiologia presso UMass Amherst, Guttieri è stato Executive Vice President di Metabiota dal 2014 al 2019 e in precedenza è stato vicepresidente della Science & Technology Administration. Attualmente è la scienziata capo presso Labyrinth Global Health. In Ucraina, Guttieri è stata l’integratore di progetti di ricerca per il programma di biologia statunitense e ha supervisionato l’esecuzione di progetti biologici relativi alla ricerca sugli animali come vettori di malattie.

Nita Madhav

Madhav è l’amministratore delegato di Metabiota dal 2019. È specializzata in epidemiologia e pandemie e ha un dottorato di ricerca in sanità pubblica. Tuttavia, secondo il Ministero della Difesa russo, nei documenti non c’erano informazioni sulla sua supervisione di programmi biologici specifici in Ucraina.

Scott Thornton

Thorton è stato microbiologo senior di Metabiota e coordinatore di start-up di laboratorio tra il 2006 e il 2016. In precedenza ha trascorso 20 anni nella Marina degli Stati Uniti, dove ha lavorato come microbiologo ricercatore e capo del dipartimento di valutazione delle minacce della Marina. Secondo il suo CVThornton ha svolto il suo lavoro in strutture segrete, inclusa una al Cairo, in Egitto, e “ha condotto ricerche su agenti patogeni di rilevanza militare, in particolare patogeni enterici”.

In Ucraina, Thornton ha fornito consulenza al personale locale su agenti patogeni altamente pericolosi e su altre questioni relative a malattie epidemiche nei progetti DTRA e ha coordinato l’aggiornamento dei laboratori di riferimento in Ucraina per livello di biosicurezza 3 (BSL-3)che vengono utilizzati per studiare agenti infettivi o tossine che possono essere trasmesse attraverso l’aria e causare infezioni potenzialmente letali.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi ha bisogno di loro? Nessuno


Come la Federal Reserve escursioni con un tasso di prestito compreso tra lo 0,25 e lo 0,50 percento, si sentono mormorii in tutto il mondo, con esperti finanziari che prevedono il destino a causa delle crescenti pressioni imposte sulle strutture dei costi delle aziende che si stanno riprendendo dal blocco della pandemia. La Federal Reserve è leader del gruppo di banche centrali di tutto il mondo apparentemente dirette dai rispettivi paesi a perseguire la stabilità e il buon funzionamento delle loro economie.

La presunta legittimità delle banche centrali si basa su tre obiettivi fondamentali condivisi dalle banche centrali di tutto il mondo. Il primo obiettivo è la stabilità dei prezzi, che è la convinzione che le banche centrali dovrebbero espandere e contrarre l’offerta di moneta in relazione alla domanda effettiva e alle pressioni dell’offerta dell’economia. L’obiettivo numero due è alimentare le prospettive di crescita macroeconomica, che si ottiene abbassando il costo dei prestiti, che presumibilmente porta le imprese ad aumentare i propri investimenti, portando ad un aumento della produzione e della crescita complessiva.

Infine, l’ultimo obiettivo è l’attuazione di misure anticicliche, che sono azioni che la banca centrale intraprende per compensare gli elevati tassi di disoccupazione che possono derivare dal calo della produzione durante un trogolo nel ciclo economico.

Stabilità di prezzo

Il ruolo della banca centrale nel mantenere in effetti la stabilità dei prezzi risiede nel controllo del valore del denaro; cioè, non permettere che si verifichi un’inflazione generale o una deflazione generale. Viene creato un indice che comprende un paniere di beni che sono ponderati in termini di spese su di essi, quindi i loro movimenti di prezzo vengono tracciati come proxy dei cambiamenti nel livello generale dei prezzi nell’economia.

L’aumento o la diminuzione del valore dell’indice sono valutati insieme a una regola di crescita percentuale costante. Quando il valore dell’indice aumenta o diminuisce più del tasso di crescita costante designato, solitamente del 2 per cento, la banca centrale interviene con i suoi strumenti di politica monetaria per influenzare il valore del denaro sui mercati.

Sebbene l’idea di preservare il valore del denaro possa essere ben intenzionata, soffre di un malinteso sul ruolo che l’aumento e il calo dei prezzi svolgono nell’economia di mercato. I prezzi agiscono come segnali di coordinamento che trasmettono informazioni su importanti dati economici sparsi in modo decentralizzato. L’aumento dei prezzi in un mercato ben funzionante ha un ruolo specifico: quando un oggetto diventa scarso sul mercato, l’aumento dei prezzi è un segnale per i consumatori di economizzarlo e allo stesso tempo indica un più proficuo impiego delle risorse ai fornitori , che aumentano l’offerta dell’oggetto fino a quando i profitti sopranormali non vengono tutti sfruttati, abbassandone il prezzo nel processo.

Pertanto, quando i prezzi delle merci nel paniere delle merci aumentano, il valore dell’indice aumenta, fornendo alla banca centrale ragioni per interferire nel mercato al fine di compensare gli aumenti di prezzo, ma così facendo le banche centrali interferiscono in il processo di mercato. Ciò impedisce agli imprenditori di capitalizzare su opportunità ad alto profitto; se l’aumento dei prezzi è causato dall’inflazione trainata dalla domanda, l’intervento impedisce anche ai consumatori di ottenere beni che li farebbero stare meglio.

Crescita macroeconomica e obiettivi anticiclici

La moderna banca centrale traccia alti e bassi attraverso le deviazioni del tasso di crescita effettivo dell’economia dal suo tasso di crescita tendenziale di lungo periodo. In altre parole, un ciclo di crescita rialzista (decrescente) è caratterizzato da una crescita superiore (inferiore) al tasso tendenziale di lungo periodo. La salute di un’economia è intesa in termini di vicinanza tra il suo tasso di crescita attuale e il tasso di crescita previsto sulla base di tendenze a lungo termine. Le banche centrali utilizzano anche altri indicatori anticipatori e ritardati come le indagini sulla fiducia dei consumatori, le indagini settimanali sull’orario di lavoro e gli indici della produzione industriale per misurare lo stato di salute attuale dell’economia.

Quando l’attuale livello di crescita o il valore degli indicatori suggeriscono che l’economia deve essere stimolata, vengono utilizzati vari strumenti di politica monetaria per influenzare la domanda e l’offerta di moneta nell’economia per raggiungere l’obiettivo di riportare l’economia in carreggiata. Nel tentativo di ridurre il costo del prestito per le imprese, le banche centrali abbassano anche il costo del prestito per le banche commerciali, che abbasserebbero quindi i tassi di interesse delle banche commerciali. Si suppone che la diminuzione dei tassi di interesse riduca il costo del prestito per le imprese in modo tale che il ritorno su un investimento diventi marginalmente maggiore del suo costo e quindi aumenti gli investimenti e la produzione attraverso il processo moltiplicatore.

Ma mentre a prima vista tali misure contro il calo della produzione e della spesa possono sembrare valide, meritano uno sguardo più approfondito, poiché le azioni dei banchieri centrali hanno un impatto sproporzionato sull’economia. La spesa totale nell’economia è composta da due parti, una è la spesa per sostenere la struttura della produzione e l’altra è la spesa per i prodotti finali. La spesa per la struttura della produzione consiste nella spesa per investimenti di capitale per aumentare la produttività e la scala delle imprese, e per il capitale circolante, che viene utilizzato come input per produrre output, mentre la spesa per i prodotti finali implica la spesa dei consumatori per i beni finiti e servizi.

Le imprese spesso risparmiano una parte dei loro profitti e utilizzano questo pool per finanziare i loro investimenti di capitale in futuro. Quando le imprese ricorrono al risparmio anziché alla spesa, potrebbe verificarsi una diminuzione della produzione, ma una tale diminuzione della produzione e della spesa non è un segno di cattiva salute dell’economia, ma semplicemente un processo che l’economia deve subire che si traduce in un aumento della produttività, dell’innovazione , ed efficienza nella produzione grazie alla riduzione dei costi.

Questa efficienza deriva dai cambiamenti nelle strutture del capitale delle imprese quando cambiano le loro macchine o aumentano la loro scala. Il processo si traduce anche in un aumento del valore del denaro, poiché aumentano i beni per unità di denaro spesa.

Un calo della produzione si ridurrebbe presto a un livello maggiore di produttività e prosperità per l’economia, ma se la banca centrale interviene con una politica di moneta facile per ridurre il costo del prestito, si ottengono effetti Cantillon. I risparmiatori perdono a causa della generazione aggiuntiva di denaro artificiale, che abbassa il valore del loro denaro, portando all’inflazione.

Conclusione

Le politiche di denaro facile alimentano boom insostenibili che alla fine si traducono in una cattiva allocazione del capitale, poiché l’investimento di capitale viene reindirizzato in una direzione insostenibile. Ciascuna impresa effettua i propri investimenti sulla base del confronto di costi e benefici. Quando i costi vengono abbassati artificialmente attraverso la diminuzione dei tassi di interesse, gli investimenti che prima non erano redditizi ora sembrano redditizi, ma poiché tale redditività non si basa sulla reale domanda dei consumatori sottostante, l’inflazione aumenta presto poiché i produttori competono per risorse scarse.

L’aumento dell’inflazione riduce i margini di profitto originariamente alimentati da tassi di interesse artificialmente bassi, dove sarebbe nuovamente necessaria un’ulteriore spinta monetaria per evitare che gli investimenti attuali diventino insostenibili. Pertanto, concludiamo che le banche centrali creano cicli economici e distorcono i processi di mercato. Pertanto, dovremmo riesaminare la necessità delle banche centrali, poiché sono la fonte di molti mali economici.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Biolab in Ucraina: chi sono gli investitori di Metabiota?


Metabiota, la società statunitense finanziata dalla Threat Reduction Agency (“DTRA”) del Dipartimento della Difesa statunitense per gestire biolaboratori in Ucraina, è stata fondata da Nathan Wolfe, che è collegato al Global Virome Project, EcoHealth, World Economic Forum e Jeffrey Epstein.

Wolfe, direttamente e/o tramite Metabiota e la sua sorella Global Viral senza scopo di lucro, non solo è stato finanziato da vari rami del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ma è anche finanziato dalla Rosemont Seneca di Hunter Biden e dalla società di venture capital della CIA In-Q-Tel . E questo è semplicemente graffiare la superficie di coloro che sostengono i biolab in Ucraina.

Questa è la parte 3 di una serie in tre parti. Si può leggere la parte 1 QUI e parte 2 QUI.

Nella parte 1 abbiamo spiegato quali prodotti e servizi vende Metabiota, chi sono i loro clienti e quanto male hanno gestito l’epidemia di Ebola in Africa occidentale nel 2014-2015.

Nella parte 2 abbiamo esplorato i legami comuni tra USAID, Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, EcoHealth e Metabiota. In che modo EcoHealth è collegato alla CIA, all’Istituto di virologia di Wuhan e allo sviluppo dell’arma biologica proteica Covid mentre Metabiota è collegato ai biolaboratori militari statunitensi in Ucraina, spesso gestiti da esperti in armi biologiche e terrorismo biologico.

Citando ragioni del tutto indipendenti da quanto sopra, il Dr. Masahiro Matsumura ha concluso nel suo articolo ‘L’Ucraina come pedina sacrificata di Biden‘: “L’attuale guerra Russia-Ucraina è stata conseguente alla cattiva gestione globalista del declino egemonico degli Stati Uniti in cui il presidente Biden ha svolto continuamente un ruolo centrale per più di un decennio”.

Callahan e Biden

Attualmente il principale investitore in Metabiota è Pilot Growth Management. Il co-fondatore e CEO di Pilot Growth lo è Neil Callahan che siede anche nel Board of Advisors di Metabiota.

Anche Callahan lo è ex amministratore delegato e co-fondatore di Rosemont Seneca Technology Partners (“RSTP”). Il suo nome compare molte volte Il disco rigido di Hunter Biden. Hunter Biden è il figlio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

RSTP, Partner Rosemont Seneca e Rosemont Realty sono ramificazioni di Rosemont Capital, un fondo di investimento fondato nel 2009 di Hunter Biden e Christopher Heinz, Il figliastro di John Kerry. Nel 2015 24 investitori hanno finanziato Metabiota per un importo di $ 30 milioni con RSTP come principale finanziatore. il sito web di RSTP, www.rstp.comnon esiste più.

Aggiornamento del mercato di successo di fusioni e acquisizioni, giugno 2015
Conservapedia: Rosemont Seneca Partners

L’avvocato di Hunter Biden ha detto all’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) nel 2020 che Biden si era disinvestito dalle sue partecipazioni in RSTP prima di un controverso investimento in mbloom alla fine del 2015. Tuttavia, e-mail esaminate da FOX Business ha mostrato che Hunter Biden era in comunicazione regolare con i leader RSTP e aveva interessi di investimento in più fondi RSTP nel 2016 e nel 2017, nonostante il suo avvocato affermasse di aver “troncato la sua relazione” con RSTP.

Il finanziamento di Metabiota da parte di RSTP è avvenuto nel periodo dal 2008 al 2017, quando Black & Veatch e DTRA hanno firmato contratti per la costruzione e il funzionamento di biolab in vari paesi. In base a questi contratti per i laboratori biologici in Georgia e Ucraina, Metabiota, il subappaltatore di Black & Veatch, ha firmato un contratto federale da 18,4 milioni di dollari.

(Per saperne di più: Hunter Biden ha investito in un’azienda pandemica che collabora con EcoHealth di Daszak e The Wuhan Lab e La rete di interessi di Hunter Biden)

Durante un incontro del 2016 a Leopoli, in Ucraina, rappresentanti di Black & Veatch e Metabiota discusso la sicurezza biologica, la sicurezza e la sorveglianza con i rappresentanti di Ucraina, Polonia e Stati Uniti. È stato in mezzo a questi progetti clandestini, nel 2015, Metabiota finanziato da Google per un importo di $ 1 milione e RSTP è stato il principale finanziatore di Metabiota.

In-Q-Tel

Nel 2017 Metabiota firmato accordi strategici insieme a Compagnia di riassicurazione di Monaco e In-Q-Tel, Inc. (“IQT”), l’investitore strategico che accelera lo sviluppo di tecnologie a supporto della comunità dell’intelligence statunitense. Creato dalla Central Intelligence Agency (“CIA”) nel 1999 come “la prima società di capitale di rischio sponsorizzata dal governo”, IQT è stata controversa sin dal suo inizio.

IQT, precedentemente Peleus e In-Q-It, è un Capitale di rischio americano senza fini di lucro azienda con sede ad Arlington, Virginia. Investe in società high-tech per mantenere la CIA e altre agenzie di intelligence dotate delle più recenti tecnologie dell’informazione a sostegno delle capacità di intelligence degli Stati Uniti.

Non molte persone potrebbero essere a conoscenza dell’IQT che ha sostenuto alcuni degli avventi più diffusi della Silicon Valley, influenzando le app di Google ampiamente utilizzate e forse anche Facebook.

Google è stato generato dalla CIA, tramite la Stanford University, e nel corso della sua esistenza ha stipulato diversi contratti con l’agenzia. Nel 2004 Google ha acquistato l’azienda Buco della serraturaoriginariamente finanziata da IQT.

Clicca sull’immagine qui sotto per guardare il video su Video vietato.

(Per saperne di più: In che modo Hunter Biden, Klaus Schwab e la CIA sono collegati ai biolab statunitensi in Ucraina? e In-Q-Tel della CIA sta investendo in start-up in grado di prevedere il futuro)

Fondatore Nathan Wolfe

Il dottor Nathan Wolfe è il fondatore e presidente di Metabiota. È anche un giovane leader globale del World Economic Forum (“WEF”) e quindi non sorprende che Metabiota sia stato premiato Pioniere della tecnologia di WEF nel 2021.

L’immagine sopra è tratta da un lungo e dettagliato thread di twitter di Bobby Rajesh Malhotra. Sfortunatamente, il thread non è disponibile su Thread Reader, quindi nel caso venga rimosso da Twitter abbiamo copiato questo thread e in allegato affinché gli spettatori possano vederlo qui.

Wolfe ha anche fondato l’organizzazione no-profit Global Viral ed è direttore della Global Viral Forecasting Initiative (“GVFI”). Nel 2008, GVFI ha ricevuto $ 5,5 milioni da Google e $ 5,5 milioni dalla Skoll Foundation “per rilevare le prime prove di future pandemie”. “Vogliamo fermare i virus morti nelle loro tracce – le loro tracce di animali – prima che saltino sugli umani”, ha osservato il dottor Mark Smolinski, Threat Detective di Google.org.

Google.org combatte bug e virus

Wolfe ha fatto parte di numerosi comitati consultivi ed editoriali, tra cui, dal 2004, il comitato editoriale di EcoHealth e dal 2008 il Defense Science Research Council (“DSRC” della DARPA).

Secondo la sua biografia sull’Università di Houston, l’ha fatto ha ricevuto supporto per la ricerca per un totale di oltre 20 milioni di dollari in sovvenzioni e contratti da Google.org, The Skoll Foundation, NIH, National Science Foundation, Bill & Melinda Gates Foundation, National Geographic Society, Merck Research Laboratories e varie filiali del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Per il progetto PREDICT di USAID, due dei partner principali sono EcoHealth Alliance e Metabiota, Wolfe è stato coautore, insieme a Peter Daszak di EcoHealth, di uno studio del 2017 sui coronavirus nei pipistrelli. PREDICT è stato un precursore del più ambizioso Global Virome Project (“GVP”).

GVP è un membro fondatore di La sfida della Trinità, una sfida da 10 milioni di sterline per proteggere il mondo da future pandemie in collaborazione con leader accademici e aziendali globali. Nel 2020 Dama Sally Davisinviato speciale del Regno Unito sulla resistenza antimicrobica, “è stato immensamente orgoglioso di lanciare The Trinity Challenge” insieme a Tedros Adhanom Ghebreyesus dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Anche se Wolfe era uno dei iniziatori di GVP nel 2018, il il loro sito web non viene mostrato come direttamente coinvolto. Tuttavia, Edoardo Rubin, Chief Scientific Officer di Metabiota, è un membro del consiglio di GVP. Ed è stato Rubin che, nel 2016, ha partecipato a un forum della Rockefeller Foundation insieme a Daszak per discutere del GVP.

In modo interessante thread di twitter – collegando Wolfe e Metabiota a EcoHealth, DARPA, Wuhan Institute of Virology e World Economic Forum – HashTigre ha condiviso l’immagine di una pagina da un libro che Wolfe ha scritto nel 2012 intitolato “La tempesta virale: l’alba di una nuova era pandemica”, dove ha ringraziato gli amici tra cui il pedofilo deceduto Jeffrey Epstein e il capitalista di venture capital biotecnologico Boris Nikolic.

Nikolic è stato chiamato come il “esecutore di riserva” per volontà di Epstein e Wolfe è stato fotografato mentre esce con Ghislaine Maxwell in più occasioni.

“Sempre bello vedere un nome da Metabiota, società finanziata dalla CIA di Nathan Wolfe, associato di Epstein/Maxwell, come primo nome in un articolo relativo a pericolose tattiche/ricerche di raccolta di virus in Cina”, HashTigre ha twittato.

Indagine sul rischio sierologico e comportamentale dei lavoratori con contatto con la fauna selvatica in Cina

La narrativa mutevole dei media aziendali sui biolab in Ucraina

Concludiamo questa serie di articoli da dove è iniziata: i biolab in Ucraina. Sappiamo che i media indipendenti e il citizen journalism stanno riuscendo a tenersi aggiornati sugli eventi, ma come stanno andando i media aziendali statunitensi? Epoch Times’ La verità sulle notizie lo riassume in un recente rapporto.

La creazione narrativa dei media aziendali in risposta ai rapporti diffusi sui biolab in Ucraina è stata davvero qualcosa da vedere, La verità sulle notizie inizia.

La verità sulle notizie: dalla negazione alla narrativa mutevole. Come si è svolta la storia del Biolab ucraino, Epoch Times,
17 marzo 2022 (1 min)

Ciò che la mutevole narrativa dei media aziendali ci mostra è che dobbiamo continuare a condividere la verità perché, per quanto piccolo possa sembrare l’effetto, insieme possiamo fare la differenza.


Ottieni fino al 50% di sconto sui nostri prodotti più venduti oggi all’Infowars Store!




Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’UE vuole sanzionare chi diffonde la disinformazione


Apparentemente a corto di idee su quale nuova salva di sanzioni per sparare alla Russia, l’UE ha escogitato la “ultima aggiunta” alla “guerra alla disinformazione” in corso, spesso assurda, ma innegabilmente dannosa.

E la soluzione è iniziare a imporre sanzioni a persone o entità che l’UE contrassegna come colpevoli di diffondere disinformazione. Il regime sanzionatorio contro gli accusati fornitori di “disinformazione” includerebbe il consueto: congelamento dei beni, divieti di viaggio, ecc.

L’idea di proporre una cosa del genere ai politici dell’UE non è venuta nemmeno da qualche oscuro gruppo di eurodeputati al Parlamento europeo, ma dal capo della politica estera dell’organizzazione, Josep Borrell stesso.

“Proporrò un nuovo meccanismo che ci permetterà di sanzionare quegli attori maligni della disinformazione”, ha detto Borrell, secondo Reuters. Borrell non ha menzionato quando questa proposta potrebbe essere presentata agli eurodeputati per un voto, ma ha affermato che “non stava cercando di definire cosa fosse vero o falso nelle notizie”.

Quindi cosa potrebbe mai provare a fare? “Proteggi dalla manipolazione delle società”, ha spiegato (non) utile il politico spagnolo. Ma come si fa senza prima definire cosa è vero o falso nelle notizie?

Così tante domande.

È difficile dire se questo annuncio di una “tempesta perfetta” di sanzioni e crociate sulla disinformazione convergenti sia solo un altro modo in cui l’UE sta cercando di tenersi occupata o se la crisi è vista come un buon momento per introdurre qualcosa che, in volte, è più probabile che venga percepito come un piano oltraggioso.

Inutile dire che Borrell ha inserito il tutto nel contesto dell’incubo Russia-Ucraina: in parte per giustificare l’idea stessa e in parte per giustificare la recente decisione dell’UE di iniziare a vietare diversi organi di informazione russi per la loro affiliazione con lo stato.

Ma quest’ultima idea potrebbe avere ramificazioni più profonde e durature di qualsiasi crisi economica.

Come abbiamo visto negli ultimi due anni con le informazioni sul Covid, una mossa come questa creerebbe un potente strumento che, definito vagamente, se non del tutto, potrebbe essere utilizzato ogni volta che un governo vuole mettere a tacere la parola, promuovere la censura e punire qualsiasi oppositore come “diffusore di disinformazione”.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le elezioni ora decidono chi può far funzionare la tua auto


Con l’approvazione del disegno di legge sulle infrastrutture di Biden, ora si scopre che il governo degli Stati Uniti ha persino il controllo di un “kill switch” che potrebbe disabilitare la tua auto se sei ritenuto “deteriorato”.

Probabilmente pochi elettori si sono resi conto che le elezioni del 2020 sono state essenzialmente un referendum sul fatto che i federali ti permettano o meno di guidare la tua auto.

Le elezioni dovrebbero avere importanza, ma solo se ti interessa chi ottiene il contratto per ridipingere l’insegna della città. Tuttavia, per questioni di rilevanza individuale, le elezioni non dovrebbero avere alcuna importanza. E non dovrebbero avere importanza, dal momento che un voto non può risolvere questioni significative. Ciononostante, le elezioni contano, soprattutto quelle federali, il che spiega il crescente rancore e la divisione settoriale nella nostra società. Man mano che il regno dello stato si espande, le questioni decise da una votazione, sia d’ufficio che di questione, sono raramente irrilevanti o banali. Invece, le risposte a queste domande decidono chi, attraverso lo stato, può iniziare l’aggressione e chi ne subisce le conseguenze.

Non è così che dovrebbe essere. Prendi in considerazione una domanda rivolta a un’organizzazione di volontariato che deve essere decisa mediante votazione, come ad esempio cinque amici che scelgono dove cenare. Poiché l’organizzazione è volontaria, la selezione dovrebbe essere quella che soddisfi, a un certo livello, tutte e cinque. In caso contrario, sorgeranno rabbia e alienazione e potrebbe verificarsi una qualche forma di secessione quando uno o più membri decideranno di boicottare la decisione.

Da un punto di vista individuale, ci sono domande di poco significato, diciamo se il gruppo si riunisce alle 6:30 o alle 18:40. Poi ci sono domande di un certo significato, anche se non consequenziale, domande in cui l’individuo decide di rimanere con il gruppo invece di separarsi: potrebbe essere una preferenza individuale per un hamburger rispetto alla pizza, con il fascio di pizza e il gruppo che vengono preferiti a un hamburger e secessione. Infine, ci sono domande che sono sia consequenziali che significative, come l’adesione agli ideali vegani quando la maggioranza preferisce gli hamburger serviti in una nuvola di grasso bruciato. In questo caso, la secessione potrebbe essere la soluzione pacifica. Tuttavia, dove non sono consentite secessioni parziali (annullazioni) e complete, sorgono problemi.

Le domande prive di significato non hanno alcun significato: sono de minimis, per così dire. Tuttavia, le domande in cui la preferenza di rimanere nel gruppo è abbinata ad altre domande sono interessanti. Supponiamo che tu preferisca sempre gli hamburger mentre i tuoi quattro amici preferiscano sempre la pizza. In questo caso, un voto non ha alcun valore per te. La democrazia non servirà mai i tuoi interessi personali. Invece di un voto, serve un accordo che dia voce alla minoranza (tu), come quello in cui ogni membro ha il turno di selezionare il ristorante.

O forse tu e un amico andate sempre per gli hamburger, altri due sono bloccati sulla pizza e il quinto può essere influenzato in entrambi i modi. In questo caso, fare campagna elettorale e votare potrebbe avere senso. Quelle attività possono essere uno sport divertente per tutti, con la campagna e l’esito di nessuna reale conseguenza per nessuna delle parti: ricorda che la preferenza per il gruppo è, nella maggior parte dei casi, superiore alla scelta del pasto. Tuttavia, a seconda del livello di sotterfugio e di tattiche simili, la campagna può avvelenare il risultato e fratturare il gruppo. Prima che ciò accada, il gruppo dovrebbe decidere se desidera continuare a fare affidamento sul voto e sui risultati associati o creare un accordo che soddisfi tutti.

Poi abbiamo quei problemi in cui un voto non può mai risolvere la questione. Un vegano deve mangiare carne semplicemente in base alla regola della maggioranza? Ovviamente no. Ma cosa succede se la secessione è vietata? E se la maggioranza del gruppo credesse che la santità del gruppo superi quella dell’individuo, con la forza che tiene unito il gruppo? Il rancore e la divisione devono sorgere.

Nessuno dei problemi di voto di cui sopra migliorerebbe se, invece di un voto diretto, il gruppo scegliesse i cosiddetti rappresentanti che fungessero da delegati. Questi non sarebbero proxy, in quanto non potrebbero essere proxy. Non c’è modo in cui un rappresentante altruista possa esprimere i desideri completi di più di un elettore su una data questione di importanza individuale, per non parlare di una lunga agenda. E poiché i rappresentanti non possono votare i desideri dei loro elettori, sono liberi di votare le proprie preferenze, che sono le uniche preferenze che contano per loro. Questo per quanto riguarda il governo rappresentativo.

Come ho spiegato sopra, le questioni di rilevanza individuale non possono essere risolte mediante votazione, quindi non dovrebbero essere soggette a votazione. Le questioni di rilevanza individuale devono essere risolte mediante un accordo che consenta la secessione parziale (annullata) o totale. Qualsiasi altro sistema implica la forza e alla fine finirà in conflitti e violenze.

Dovremmo vivere in una società vincolata da contratti per quanto riguarda le questioni essenziali e governata dal voto per questioni che non hanno una reale conseguenza individuale. Ma questo non è il nostro mondo; viviamo al contrario.

Ora, si scopre che le nostre precedenti elezioni presidenziali erano (tra l’altro) su un possibile kill switch. Cioè, richiede l’Infrastructure Investment and Jobs Act, approvato il mese scorso l’installazione e l’uso della tecnologia progettato per “monitorare passivamente le prestazioni di un conducente di un veicolo a motore per identificare con precisione se tale conducente può essere danneggiato”. E se il guidatore è “difettoso”? Quindi, la nuova tecnologia “impedirà o limiterà il funzionamento dei veicoli a motore se viene rilevata una compromissione”.

Il potenziale di abuso in questo caso, ovviamente, è piuttosto notevole, poiché la legislazione richiede un’ampia sorveglianza dei conducenti e la capacità integrata di disabilitare un veicolo. Tutto ciò comporta la possibilità di disabilitare il veicolo da parte di altri al di fuori del veicolo.

Chi sapeva che le elezioni avrebbero deciso questo problema? Di certo non l’ho fatto. Naturalmente, non abbiamo alcuna conoscenza preliminare degli impatti della nuova legge. Ma possiamo e dobbiamo presumere il peggio. Sarà realizzato un kill switch? E, in caso affermativo, quali saranno le implicazioni? Si applicherà solo ai conducenti con disabilità? Ma chi definisce alterato? Un clacson a sostegno di una versione americana del convoglio di camion canadese è un segno di menomazione mentale?

Il kill switch e il potere di controllarlo, insieme a una miriade di leggi e regolamenti simili di importanza consequenziale, non sono questioni da decidere con il voto. Tali questioni potrebbero essere risolte da accordi contrattuali validi, con l’approvazione unanime di tutti gli interessati. Eppure non lo sono. Le risposte a queste domande nascono da voti che non risolvono nient’altro che la certezza che sorgeranno dissensi, disaccordi e divisioni.

Quindi, invece di vivere in un mondo in cui passo il cartello della città e mormoro tra me e me: “Mi chiedo chi ha ottenuto quel contratto?”, Vivo in un mondo in cui, in pochi anni, potrei mormorare: “Chi possiede veramente o controlla la mia macchina?” E non ne verrà fuori nulla di buono.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Le elezioni ora decidono chi può far funzionare la tua auto


Con l’approvazione del disegno di legge sulle infrastrutture di Biden, ora si scopre che il governo degli Stati Uniti ha persino il controllo di un “interruttore di sicurezza” che potrebbe disabilitare la tua auto se sei ritenuto “deteriorato”.

Probabilmente pochi elettori si sono resi conto che le elezioni del 2020 sono state essenzialmente un referendum sul fatto che i federali ti permettano o meno di guidare la tua auto.

Le elezioni dovrebbero avere importanza, ma solo se ti interessa chi ottiene il contratto per ridipingere l’insegna della città. Tuttavia, per questioni di rilevanza individuale, le elezioni non dovrebbero avere alcuna importanza. E non dovrebbero avere importanza, dal momento che un voto non può risolvere questioni significative. Ciononostante, le elezioni contano, soprattutto quelle federali, il che spiega il crescente rancore e la divisione settoriale nella nostra società. Man mano che il regno dello stato si espande, le questioni decise da una votazione, sia d’ufficio che di questione, sono raramente irrilevanti o banali. Invece, le risposte a queste domande decidono chi, attraverso lo stato, può iniziare l’aggressione e chi ne subisce le conseguenze.

Non è così che dovrebbe essere. Prendi in considerazione una domanda rivolta a un’organizzazione di volontariato che deve essere decisa mediante votazione, come ad esempio cinque amici che scelgono dove cenare. Poiché l’organizzazione è volontaria, la selezione dovrebbe essere quella che soddisfi, a un certo livello, tutte e cinque. In caso contrario, sorgeranno rabbia e alienazione e potrebbe verificarsi una qualche forma di secessione quando uno o più membri decideranno di boicottare la decisione.

Da un punto di vista individuale, ci sono domande di poco significato, diciamo se il gruppo si riunisce alle 6:30 o alle 18:40. Poi ci sono domande di un certo significato, anche se non consequenziale, domande in cui l’individuo decide di rimanere con il gruppo invece di separarsi: potrebbe essere una preferenza individuale per un hamburger rispetto alla pizza, con il fascio di pizza e il gruppo che vengono preferiti a un hamburger e secessione. Infine, ci sono domande che sono sia consequenziali che significative, come l’adesione agli ideali vegani quando la maggioranza preferisce gli hamburger serviti in una nuvola di grasso bruciato. In questo caso, la secessione potrebbe essere la soluzione pacifica. Tuttavia, dove non sono consentite secessioni parziali (annullazioni) e complete, sorgono problemi.

Le domande prive di significato non hanno alcun significato: sono de minimis, per così dire. Tuttavia, le domande in cui la preferenza di rimanere nel gruppo è abbinata ad altre domande sono interessanti. Supponiamo che tu preferisca sempre gli hamburger mentre i tuoi quattro amici preferiscano sempre la pizza. In questo caso, un voto non ha alcun valore per te. La democrazia non servirà mai i tuoi interessi personali. Invece di un voto, serve un accordo che dia voce alla minoranza (tu), come quello in cui ogni membro ha il turno di selezionare il ristorante.

O forse tu e un amico andate sempre per gli hamburger, altri due sono bloccati sulla pizza e il quinto può essere influenzato in entrambi i modi. In questo caso, fare campagna elettorale e votare potrebbe avere senso. Quelle attività possono essere uno sport divertente per tutti, con la campagna e l’esito di nessuna reale conseguenza per nessuna delle parti: ricorda che la preferenza per il gruppo è, nella maggior parte dei casi, superiore alla scelta del pasto. Tuttavia, a seconda del livello di sotterfugio e di tattiche simili, la campagna può avvelenare il risultato e fratturare il gruppo. Prima che ciò accada, il gruppo dovrebbe decidere se desidera continuare a fare affidamento sul voto e sui risultati associati o creare un accordo che soddisfi tutti.

Poi abbiamo quei problemi in cui un voto non può mai risolvere la questione. Un vegano deve mangiare carne semplicemente in base alla regola della maggioranza? Ovviamente no. Ma cosa succede se la secessione è vietata? E se la maggioranza del gruppo credesse che la santità del gruppo superi quella dell’individuo, con la forza che tiene unito il gruppo? Il rancore e la divisione devono sorgere.

Nessuno dei problemi di voto di cui sopra migliorerebbe se, invece di un voto diretto, il gruppo scegliesse i cosiddetti rappresentanti che fungessero da delegati. Questi non sarebbero proxy, in quanto non potrebbero essere proxy. Non c’è modo in cui un rappresentante altruista possa esprimere i desideri completi di più di un elettore su una data questione di importanza individuale, per non parlare di una lunga agenda. E poiché i rappresentanti non possono votare i desideri dei loro elettori, sono liberi di votare le proprie preferenze, che sono le uniche preferenze che contano per loro. Questo per quanto riguarda il governo rappresentativo.

Come ho spiegato sopra, le questioni di rilevanza individuale non possono essere risolte mediante votazione, quindi non dovrebbero essere soggette a votazione. Le questioni di rilevanza individuale devono essere risolte mediante un accordo che consenta la secessione parziale (annullata) o totale. Qualsiasi altro sistema implica la forza e alla fine finirà in conflitti e violenze.

Dovremmo vivere in una società vincolata da contratti per quanto riguarda le questioni essenziali e governata dal voto per questioni che non hanno una reale conseguenza individuale. Ma questo non è il nostro mondo; viviamo al contrario.

Ora, si scopre che le nostre precedenti elezioni presidenziali erano (tra l’altro) su un possibile kill switch. Cioè, richiede l’Infrastructure Investment and Jobs Act, approvato il mese scorso l’installazione e l’uso della tecnologia progettato per “monitorare passivamente le prestazioni di un conducente di un veicolo a motore per identificare con precisione se tale conducente può essere danneggiato”. E se il guidatore è “difettoso”? Quindi, la nuova tecnologia “impedirà o limiterà il funzionamento dei veicoli a motore se viene rilevata una compromissione”.

Il potenziale di abuso in questo caso, ovviamente, è piuttosto notevole, poiché la legislazione richiede un’ampia sorveglianza dei conducenti e la capacità integrata di disabilitare un veicolo. Tutto ciò comporta la possibilità di disabilitare il veicolo da parte di altri al di fuori del veicolo.

Chi sapeva che le elezioni avrebbero deciso questo problema? Di certo non l’ho fatto. Naturalmente, non abbiamo alcuna conoscenza preliminare degli impatti della nuova legge. Ma possiamo e dobbiamo presumere il peggio. Sarà realizzato un kill switch? E, in caso affermativo, quali saranno le implicazioni? Si applicherà solo ai conducenti con disabilità? Ma chi definisce alterato? Un clacson a sostegno di una versione americana del convoglio di camion canadese è un segno di menomazione mentale?

Il kill switch e il potere di controllarlo, insieme a una miriade di leggi e regolamenti simili di importanza consequenziale, non sono questioni da decidere con il voto. Tali questioni potrebbero essere risolte da accordi contrattuali validi, con l’approvazione unanime di tutti gli interessati. Eppure non lo sono. Le risposte a queste domande nascono da voti che non risolvono nient’altro che la certezza che sorgeranno dissensi, disaccordi e divisioni.

Quindi, invece di vivere in un mondo in cui passo il cartello della città e mormoro tra me e me: “Mi chiedo chi ha ottenuto quel contratto?”, Vivo in un mondo in cui, in pochi anni, potrei mormorare: “Chi possiede veramente o controlla la mia macchina?” E non ne verrà fuori nulla di buono.


Piano globalista per far precipitare l’umanità in una guerra mondiale a tutto campo

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi abbandonerà Spotify dopo? Si dice che il podcaster Brené Brown e Dave Grohl dei Foo Fighters si uniranno agli artisti che boicottano la piattaforma


Chi lascerà Spotify dopo?

Si dice che il podcaster Brené Brown, 56 anni, e Dave Grohl, 53, dei Foo Fighters, stiano seguendo Neil Young e Joni Mitchell fuori dalla piattaforma.

Mitchell si è unita a Young nel rimuovere la sua musica da Spotify in segno di protesta contro la promozione delle opinioni scettiche sui vaccini di Joe Rogan. Young si è scagliato contro l’outlet per aver ospitato The Joe Rogan Experience.

Brown ha annunciato sabato che non avrebbe prodotto più episodi dei suoi podcast Unlocking Us e Dare to Lead “fino a nuovo avviso”.

‘Non rilascerò alcun podcast fino a nuovo avviso. Alle nostre comunità #UnlockingUs e #DaretoLead, mi dispiace e ti farò sapere se e quando cambierà. Rimani goffo, coraggioso e gentile”, ha twittato. Non ha indicato il motivo per cui non stava più pubblicando episodi, ma Brown ospita i suoi podcast esclusivamente su Spotify.

Brown è l’autrice di sei bestseller del New York Times – The Gifts of Imperfection, Daring Greatly, Rising Strong, Braving the Wilderness , Dare of Lead e Atlas of the Heart – ed è nota per le sue ricerche su vulnerabilità, vergogna e leadership.

È stato anche ipotizzato che Grohl potrebbe seguire l’esempio di Young e Mitchell, ma finora questa rimane una voce su Internet. Sabato il gruppo era di tendenza su Twitter e gli utenti hanno notato che il frontman della band potrebbe “uccidere Spotify con “I’m out”.’

L’utente @WorldbeCray ha osservato: “Se Dave Grohl estrae i Foo Fighters da Spotify, sono fottuti _attraverso._”

Spotify ha perso 4 miliardi di dollari del suo valore finora nel 2022, perdendo il 25% del suo valore azionario la scorsa settimana.

Per saperne di più

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi ha bisogno della responsabilità personale quando possiamo semplicemente fidarci dei nostri padroni?


Lo storico ed economista Deirdre McCloskey lamenta spesso il potere che il pessimismo e la disperazione sembrano avere su di noi.

In la sua recensione del grande libro di Thomas Piketty sul capitalismo e la disuguaglianza – oh, in quel beato passato a lungo dimenticato in cui i nostri media e la nostra politica non erano dominati da virus, disinformazione e dal complesso industriale razzista-sessista – ha notato che “il pessimismo vende”.

Più recentemente, nel suo libro del 2019 Perché il liberalismo funziona, scrive ancora più energicamente che “qualunque sia il nuovo pessimismo che i nostri amici di sinistra o di destra inventeranno dopo”, scriveranno editoriali urgenti e libri terrificanti fino a quando la prossima ‘sfida’ che giustifica una maggiore coercizione del governo attirerà la loro attenzione. Per l’amor del Signore, dicono, dovremmo fare qualcosa! Fallo con il governo, dicono, l’unico ‘noi’ in vista”.

Attraverso così tanti campi, da i soldi a nutrizione, ho scoperto che il corollario di quell’approccio pesantemente governativo è un desiderio non fare delle scelte per se stessi. Vogliamo che un consiglio di esperti del cappello bianco si prenda cura di noi, non fidandoci di soldi, morale, informazioni, malattie, dimorfismo sessuale o persino quanti sessi ci sono in Homo sapiens.

È meglio se qualcun altro mi dice come pensare e come agire. Non voglio prendermi cura della mia salute, né in pratica né in teoria, preferendo di gran lunga avere un capo del CDC o un amministratore statale che mi dica cosa posso o non posso mettere nel mio corpo; cosa dovrei o non dovrei mangiare; quali medicine e trattamenti sperimentali dovrei o non dovrei prendere.

Anche di fronte a una pandemia provocata dall’uomo, non sembriamo volere molte responsabilità per il nostro benessere, ma piuttosto esternalizzare il soluzione rapida ad alcune delle persone coinvolte nella sua creazione. Cogliere l’occasione per uscire e fare esercizio? Per mangiare del buon cibo? Mettersi in forma? No, no, hai gli stessi colpevoli autoritari che dovresti ignorare regolarmente inventa una soluzione magica per te, in modo che tu possa rilassarti comodamente e rifiutarti di assumerti molte responsabilità. Qualcuno degli altri trattamenti o misure precauzionali disponibili? No grazie.

Due meme recenti, quel linguaggio comico dei nostri mondi online, che ho incontrato hanno colpito l’essenza di questa confusione.

Il primo presentava un uomo gravemente obeso con icone che mostravano il suo comportamento quotidiano: sigarette, bibite gassate, fast food, alcol e un rifiuto di usare il tapis roulant. Fate quello che vi pare con il vostro corpo, signore, ma fino a ieri nessuno era sorpreso di sapere che questi comportamenti non erano esattamente favorevoli a una vita sana o a una vita duratura (anche se nel nostro mondo orwelliano dire così è considerato “vergogna grassa” ed è scortese con il nostro “corposo” gli amici).

La didascalia recitava: “Fatti il ​​vaccino, bigotto, stai mettendo in pericolo la mia salute.” No, signore, penso che lei stesso stia facendo un buon lavoro. L’effetto comico è quello di insistere in modo assurdo sul fatto che gli altri ricevano un trattamento medico, che non fa ciò che la persona presume che faccia (prevenire la diffusione)-mentre, stile prova di lavoro, rifiutandosi di preoccuparsi anche minimamente della propria salute.

Il meme conversare, arrivando non molto tempo dopo, ha mostrato una battuta fuori da un McDonald’s sovraffollato, con una citazione ironica allegata: “I vaccini causano coaguli di sangue”.

Forse lo fanno, forse no, ma la connessione tra coaguli di sangue e obesità e ipertensione è più ampia e quest’ultima lo è noto fattori di rischio per questo condizione. Anche in questo caso, fino a ieri non sarebbe stata una sorpresa per nessuno che i fast food non fossero l’esempio della salute. E se il motivo della tua esitazione sul vaccino (per a gamma per ragioni perfettamente valide) c’è il rischio di coaguli di sangue, puoi dirlo seriamente mentre aspetti il ​​tuo McEverything?

Ed ecco la chiave: entrambi i meme hanno ragione— per lo stesso motivo sto avanzando qui: un rifiuto di assumersi la responsabilità della propria salute, una capitolazione prima che gli altri ti dicano cosa fare e un desiderio insensato di dire agli altri come vivere la propria vita. Il desiderio di dominare è forte nel ventunesimo secolo. Non vogliamo la responsabilità che richiede una vita onesta e moderna, ma ci piace comunque esprimere un giudizio aggressivo sul comportamento degli altri. Vogliamo che siano gli altri a decidere per noi, in una sorta di masochismo intellettuale di basso profilo.

Come dare un senso a questo?

Vaclav Smil, il prolifico teorico dell’energia canadese, ci dà un suggerimento nel capitolo sul rischio del suo prossimo futuro Come funziona davvero il mondo citando il classico saggio di Chancey Starr sul rischio volontario contro rischio involontario, “Beneficio sociale contro rischio tecnologico.” I cacciatori di rischi, come gli sciatori di discesa libera o gli appassionati di base jump, corrono rischi per la propria salute molti multipli della differenza tra qualsiasi dieta immaginabile, cure mediche, guida, le paure del terrorismo che dominano abitualmente le nostre peggiori immaginazioni, o i fulmini vaganti che sono prominenti nella vita delle persone menti.

Per le decisioni volontarie, quelle che gli individui scelgono da soli, la valutazione di quanto rischio portare è fatta dall’individuo stesso e le conseguenze (di solito) portate da quello stesso individuo. Anche se la decisione viene presa sulla base di conoscenze ampiamente imprecise sui rischi rilevanti, non abbiamo modo di stimare il beneficio derivato individualmente (sebbene il assioma dell’azione stesso aiuta).

Quasi nessuno è consapevole di quanto sia più pericoloso lo sport estremo oltre la linea di base della vita, ma Smil sottolinea che quasi tutti si comportano come se lo facessero. Le persone che muoiono negli “stati americani spazzati dal tornado” capiscono implicitamente che la probabilità di morire a causa di quegli eventi è così piccola che “continuare a vivere in tali regioni rimane accettabile”. Con le nostre azioni, portiamo stoicamente il rischio che vogliamo.

Il punto è che non importa quanto sia sbagliato un caso individuale estremo, è improbabile che qualche organo di governo collettivo organizzato possa fare di meglio, o anche se può valutarlo, far rispettare adeguatamente detti editti da parte dell’individuo. Poiché “il processo decisionale è separato dall’individuo colpito, la società ha generalmente rivestito molti dei suoi gruppi di controllo con un mantello quasi impenetrabile di autorità e saggezza imputata”, scrive Starr nell’articolo del 1969.

Lo stesso tipo di persone che pensano che il bigotto non illuminato sia incapace di fare scelte da solo pensa che aggregare le opinioni di queste persone attraverso un’urna produce leader capaci di fare scelte migliori per detto bigotto.

Il livello di rischio portato volontariamente è quindi incomparabile ai rischi che le persone che hanno potere richiedono da te: il tuo rischio portato volontariamente può essere di ordini di grandezza più grande (Starr suggerisce mille volte) e comunque non costituiscono un diritto di violare e sovrascrivere la tua scelta.

Per invocare una discussione ancora più politicamente infetta, prendi il cambiamento climatico. Siamo abitualmente incoraggiati a non volare o mangiare carne (spesso per ragioni poco evidenti), quando ci sono pesci ambientali molto più grandi da friggere. Ma le grandi conversazioni nei media, nel mondo accademico e nella politica non sono i frutti bassi dello spreco alimentare e isolamento adeguato nei climi freddi, non le tasse sul carbonio che sarebbero…se vuoi fare qualcosa— essere il meno dannoso. È l’autoritarismo ad ampio raggio e sbalorditivo della spesa pubblica per le infrastrutture, dei Green New Deals, dei costruzione di impianti elettrici (eolico e solare) che non funzionano, di iniziative di cattura del carbonio che, anche sulla migliore delle ipotesi, non fanno nulla.

Abbiamo provato trent’anni di hotshots in aereo verso luoghi lussuosi da cui i “leader” rimproverano i combustibili fossili, che usano gli abitanti del mondo, con ben poco da dimostrare. Che ne dici di provare qualcos’altro per i prossimi trent’anni, come la responsabilità individuale e i mercati (cioè io e te e Ralph è un negozio di alimentari abbastanza buono)?

Se i disastri climatici sono così gravi come si suol dire, (ri)assicurazioni valuterà i premi di conseguenza (o fallirà abbastanza rapidamente). Se il carburante e la materia prima sono così scarsi come si dice, i produttori li prezzeranno di conseguenza. Se le case lungo le coste sono soggette a (maggiori) rischi di inondazione, gli acquirenti le valuteranno di conseguenza o distribuiranno le case in quei luoghi alle persone meno preoccupato per quel rischio.

“Siamo restii a lasciare che gli altri ci facciano ciò che noi felicemente facciamo a noi stessi”, conclude Starr. C’è un certo numero di rischi che le persone corrono e vogliono correre, ed è in modo schiacciante fuori dalle mani dei burocrati politici e dei pezzi grossi del mondo accademico fare quella chiamata.

Abbiamo provato soluzioni centralizzate e politiche su larga scala per alcuni decenni (secoli?) Ormai. Che ne dici di provare la responsabilità individuale dopo? Forse, solo forse, il processo politico fa più male che bene; e forse… solo forse…lasciati a se stessi, le persone e le comunità riescono a capire come risolvere i problemi a cui tengono.



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Il senatore Ted Cruz Grills FBI all’udienza del 6 gennaio: “Chi è Ray Epps?”



Durante l’udienza giudiziaria del Senato di martedì in merito ai potenziali informatori dell’FBI che avrebbero preso parte all’evento del 6 gennaio al Campidoglio, il senatore Ted Cruz (R-TX) ha fatto pressioni sull’agenzia sul suo probabile coinvolgimento.

Interrogando Jill Sanborn, il vicedirettore esecutivo del ramo di sicurezza nazionale dell’FBI, Cruz ha chiesto ripetutamente se qualche agente o informatore avesse partecipato agli eventi del 6 gennaio.

Sanborn ha rifiutato di rispondere alla domanda in più occasioni.

Il dipendente di alto livello dell’FBI ha anche omesso di dire se qualche agente ha incoraggiato o incitato a crimini di violenza quel giorno.

Alla domanda “Chi è Ray Epps?” Sanborn ha ammesso: “Sono consapevole dell’individuo. Non ho il suo background specifico”.

Epps è un individuo che lo era catturato dalla telecamera mentre ordinava a più persone di avanzare sul Campidoglio il 6 gennaio, ma rimane intatto dalla rete a strascico che tenta di rinchiudere tutte le persone coinvolte in quel giorno.

“Ray Epps era un fed?” Cruz ha chiesto a Sanborn, che ha risposto: “Non posso rispondere a questa domanda”.

Il senatore del Texas ha aggiunto: “Molti americani sono preoccupati che il governo federale abbia deliberatamente incoraggiato una condotta illegale e violenta il 6 gennaio”.

Scopri di più sui misteriosi Ray Epps leggendo la ricerca condotta da Darren Beattie di Revolver nel seguente link.

Il link in diretta per l’udienza completa può essere visto di seguito:



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Scopri chi è stato nominato da Alex Jones “la persona più importante del mondo”



Scopri chi è stato nominato da Alex Jones come “La persona più importante del mondo” come modello di resistenza alla tirannia incontrollata.

Jones afferma che Tucker Carlson dice la verità nel modo più comprensibile che trascende la sinistra contro la destra in modo che i cittadini possano capire meglio il pericolo in cui si trova l’umanità.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Chi si gonfierà più velocemente? Europa o Fed?


Il prezzo dell’euro in termini di dollaro USA ha chiuso a 1,135 a novembre, contro 1,156 di ottobre e 1,193 di novembre dello scorso anno.

Il tasso di crescita annuo del prezzo dell’euro in dollari USA è sceso al –4,8 per cento a novembre dal –0,7 per cento di ottobre. Alcuni commentatori sono dell’opinione che è probabile che il dollaro USA si indebolisca nei confronti dell’euro (cioè, è probabile che il prezzo dell’euro in termini di dollari USA aumenti). La ragione di ciò è il massiccio deficit della bilancia commerciale degli Stati Uniti.

A settembre 2021 la bilancia commerciale degli Stati Uniti si attestava a un deficit di 80,9 miliardi di dollari, contro un deficit di 62,6 miliardi di dollari nel settembre dello scorso anno (vedi grafico). Anche in questo caso, alcuni commentatori considerano l’allargamento del disavanzo commerciale un segnale inquietante per il tasso di cambio del dollaro USA rispetto alle principali valute nei tempi a venire.

Per la maggior parte dei commentatori economici, un fattore chiave nel determinare il tasso di cambio della valuta è il saldo del conto commerciale. In questo modo di pensare, un deficit commerciale indebolisce il prezzo della moneta nazionale in termini di moneta estera mentre l’eccedenza commerciale contribuisce al rafforzamento del prezzo.

Secondo questa logica, se un paese esporta più di quanto importa, si verifica un rafforzamento della domanda relativa dei suoi beni, e quindi della sua valuta, per cui è probabile che il prezzo della moneta locale in termini di moneta estera aumenti. Al contrario, quando ci sono più importazioni che esportazioni, c’è una domanda relativamente minore per la valuta di un paese, quindi il prezzo della moneta nazionale in termini di moneta estera dovrebbe diminuire.

Allo stesso modo, seguendo questo modo di pensare, a parità di altre condizioni, se per qualche motivo c’è un improvviso aumento della domanda straniera per la valuta di un paese, questo rafforzerà il tasso di cambio rispetto ad altre valute. Se, tuttavia, si verifica un improvviso calo della domanda straniera per la valuta di un paese, ciò indebolirà il tasso di cambio rispetto ad altre valute. Tuttavia, questo modo di pensare è discutibile. Ecco perché.

Il potere d’acquisto del denaro e l’offerta e la domanda di denaro

L’oggetto del tasso di cambio valutario è il prezzo di un denaro in termini di un altro denaro. Il tasso di cambio di un dato denaro rispetto a qualcosa è la quantità di denaro pagata per unità di qualcosa. In alternativa, possiamo dire che il prezzo di qualcosa è la somma di denaro pagata per questo. La quantità di denaro pagata per qualcosa è il potere d’acquisto del denaro rispetto a qualcosa.

Se l’offerta di moneta aumenta, il potere d’acquisto della moneta rispetto al dato stock di beni si indebolirà, poiché ora c’è più denaro per bene.

Viceversa, per un dato stock di moneta, un aumento della produzione di beni implica che ora ci siano più beni per unità di moneta. Ciò significa che, a parità di altre condizioni, il potere d’acquisto del denaro rispetto ai beni si rafforzerà.

Ad esempio, supponiamo di osservare che un dato paniere di beni viene scambiato negli USA per un dollaro e lo stesso paniere di beni viene scambiato per due euro in Europa. Ciò significa che il potere d’acquisto di un dollaro è questo paniere di beni negli Stati Uniti. Significa anche che il potere d’acquisto di due euro è questo paniere di beni in Europa.

Da ciò possiamo dedurre che, a parità di altre condizioni, il tasso di cambio tra il dollaro USA e l’euro sarà di un dollaro per due euro. Qualsiasi deviazione del tasso di cambio dal livello dettato dal potere d’acquisto delle valute metterà in moto forze correttive.

Supponiamo che a causa di un surplus commerciale statunitense e del conseguente aumento relativo della domanda di dollari USA il tasso di cambio sia fissato sul mercato a un dollaro per tre euro. In questo caso, il dollaro è ora sopravvalutato in termini di potere d’acquisto rispetto al potere d’acquisto dell’euro.

A causa del rafforzamento del dollaro dovuto all’eccedenza della bilancia commerciale, pagherà vendere panieri di beni con dollari, scambiare dollari con euro e quindi acquistare panieri di beni con euro, ottenendo così un chiaro guadagno di arbitraggio.

Ad esempio, gli individui vendono un paniere di beni per un dollaro, scambiano il dollaro con tre euro e quindi scambiano i tre euro con 1,5 panieri di beni, guadagnando un mezzo paniere di beni in più.

Il fatto che i detentori di dollari aumenteranno la loro domanda di euro per trarre profitto dall’arbitraggio renderà gli euro più costosi in termini di dollari e questo a sua volta spingerà il tasso di cambio indietro nella direzione di uno dollaro a due euro.

Perché la bilancia commerciale non è la causa fondamentale della determinazione del tasso di cambio

Per stabilire che la bilancia commerciale determina il tasso di cambio della valuta, dobbiamo dimostrare che la bilancia commerciale determina il potere d’acquisto della moneta.

Solo le politiche monetarie della banca centrale e la riserva frazionaria possono determinare l’offerta di moneta. Allo stesso modo, la bilancia commerciale non determina la quantità di beni prodotti, che determina la domanda di moneta. La bilancia commerciale registra solo il valore di determinati beni acquistati e venduti da un individuo o da un gruppo di individui. Poiché la bilancia commerciale in quanto tale non ha nulla a che fare né con l’offerta di moneta né con la domanda di moneta, possiamo concludere che le bilance commerciali non determinano il potere d’acquisto della moneta di un paese.

Questo non vuol dire che i cambiamenti relativi nelle esportazioni o nelle importazioni rispecchiati dalla bilancia commerciale non influenzino il tasso di cambio della valuta, ma piuttosto che questi cambiamenti non sono le cause fondamentali della determinazione del tasso di cambio. Di conseguenza, è probabile che l’influenza di questi cambiamenti svanisca nel tempo man mano che il tasso di cambio della valuta converge verso il suo valore fondamentale come dettato dal potere d’acquisto relativo della moneta.

Cambiamenti nella crescita relativa dell’offerta di moneta e nel tasso di cambio valuta

Ancora una volta, ciò che conta per la determinazione del tasso di cambio valutario è il potere d’acquisto di una valuta rispetto a un paniere di beni. A parità di altre condizioni, un fattore importante alla base del cambiamento del potere d’acquisto del denaro sono i cambiamenti nell’offerta di denaro.

Pertanto, un aumento dell’offerta di dollari implica una maggiore quantità di dollari in offerta per il paniere di merci. Ciò significa un calo del potere d’acquisto dei dollari rispetto al paniere delle merci. Allo stesso modo, una diminuzione dell’offerta di euro per lo stesso paniere di beni implica una minore quantità di euro per il paniere di beni. Ciò significa un aumento del potere d’acquisto dell’euro rispetto al paniere di beni.

Quindi, nel tempo, se il tasso di crescita dell’offerta di moneta statunitense supera il tasso di crescita dell’offerta di moneta della zona euro, a parità di altre condizioni, il dollaro USA si deprezzerà rispetto all’euro. Il differenziale di crescita della moneta ritardata tra l’offerta di moneta statunitense e l’offerta di moneta della zona euro suggerisce che è probabile che lo slancio del prezzo dell’euro in termini di dollaro USA si rafforzi nettamente nel 2022 (vedi grafico sotto). Ciò potrebbe significare che il dollaro USA rischia di indebolirsi visibilmente nei confronti dell’euro.

Cause fondamentali e cause non fondamentali

Spesso vari fattori non fondamentali sono percepiti come importanti nel determinare il tasso di cambio di una valuta perché “sembra giusto”. Un forte ampliamento del disavanzo commerciale è considerato un segnale di un probabile deterioramento dei fondamentali economici futuri. Ciò fornisce la motivazione per la vendita della valuta di interesse.

In alternativa, diciamo che un analista formula l’opinione che il crescente debito del governo degli Stati Uniti a un certo punto probabilmente farà sì che gli stranieri smettano di acquistare buoni del Tesoro statunitensi. Di conseguenza, a parità di altre condizioni, questo ridurrà la domanda di dollari e provocherà il crollo del dollaro. Sembrerebbe che vari fattori come il debito pubblico, il differenziale dei tassi di interesse, lo stato dell’economia e la bilancia commerciale potrebbero essere utilizzati per illustrare uno scenario di crollo del dollaro. Ma tutto questo equivale a un adattamento della curva.

Ciò che conta per la determinazione del tasso di cambio sono le variazioni relative del potere d’acquisto delle rispettive valute. A parità di altre condizioni, si può dedurre che un importante fattore trainante nella determinazione del tasso di cambio è la variazione relativa nelle rispettive riserve di moneta delle valute. Anche in questo caso, è probabile che vari fattori non fondamentali influenzino anche il tasso di cambio delle valute; tuttavia, l’arbitraggio spingerà i tassi di cambio verso i loro valori fondamentali, come dettato dai tassi di crescita relativi dell’offerta di moneta.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

L’Austria assume persone per “dare la caccia a chi rifiuta i vaccini”


Il governo austriaco sta assumendo persone per “dare la caccia a chi rifiuta i vaccini”, secondo un rapporto pubblicato da Blick.

Sì davvero.

L’onere per far rispettare le multe che gli austriaci unjabbed dovranno pagare come parte della loro punizione ricadrà sui loro datori di lavoro, rendendo necessario un nuovo esercito di “ispettori” per garantire che il processo si svolga senza intoppi.

La città di Linz, che conta 200.000 abitanti, ha un tasso di vaccinazione relativamente basso del 63%.

In risposta, “Linz ora vuole assumere persone che dovrebbero dare la caccia a chi rifiuta i vaccini”, riporta il notiziario svizzero Blick.

Il ruolo degli ispettori sarà quello di verificare “se chi non si vaccina davvero lo paga”.

I cacciatori di vaccini Residnik riceveranno uno stipendio di 2774 euro, che verrà pagato 14 volte l’anno, con un reddito annuo di 38.863 euro.

Bel lavoro se riesci a ottenerlo.

“Il lavoro include, tra le altre cose, la creazione di ordini penali e l’elaborazione dei ricorsi”, secondo il rapporto, aggiungendo che i lavoratori devono essere “resilienti” e disposti a fare molti straordinari.

I lavori sono aperti solo ai cittadini austriaci, i quali dovranno essere tutti vaccinati o completamente guariti dal COVID.

Come abbiamo precedentemente evidenziato, i non vaccinati in Austria potrebbero ritrovarsi imprigionati per un anno in base a una nuova legge amministrativa che li costringerebbe a pagare il proprio internamento.

Gli austriaci che non vengono vaccinati entro febbraio rischiano multe fino a € 7.200 ($ 8.000) per non conformità, e coloro che si rifiutano di pagare dovrebbero anche affrontare una pena detentiva di 12 mesi.

———————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley È fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turbo Forza – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il crollo.

Ottieni l’accesso anticipato, contenuti esclusivi e cose dietro le quinte seguendomi gente del posto.

———————————————————————————————————————

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Kamala Harris si scioglie quando gli viene chiesto chi è il vero presidente degli Stati Uniti


Il vicepresidente Kamala Harris si è sciolto venerdì quando si è confrontata su chi comanda davvero alla Casa Bianca.

L’incidente è iniziato quando è stato chiesto a Harris durante un’intervista su “Tha God’s Honest Truth” di Comedy Central chi detiene davvero il potere a Washington, spingendo uno degli aiutanti di Harris a tentare di interrompere l’intervista.

“Voglio sapere chi è il vero presidente in questo paese”, ha detto la conduttrice Charlamagne Tha God a Harris per il suo aiutante di interruzione. “È Joe Biden o Joe Manchin?”

Prima che Harris potesse rispondere, l’assistente di Harris, Symone Sanders, intervenne: “Mi scusi, mi dispiace di aver interrotto, non credo che il vicepresidente possa sentirla. È Symone. Mi dispiace tanto, Charlamagne, dobbiamo concludere”.

«Mi sente», disse Charlamagne. Si è rivolto ai suoi produttori: “Si comportano come se non potessero sentirmi”.

Kamala finalmente parlò: “Posso sentirti. Posso sentirti.”

“Allora chi è il vero presidente di questo paese? È Joe Manchin o Joe Biden, signora vicepresidente?” le chiese Carlo Magno.

Fu allora che Harris lo perse.

«Andiamo, Carlo Magno. Avanti. Sono Joe Biden. No, no, no, no. E non iniziare a parlare come un repubblicano chiedendogli se è presidente o meno!” Harris scattò.

“E sono Joe Biden e io sono il vicepresidente e il mio nome è Kamala Harris”, ha continuato, “e la realtà è che siamo in carica, facciamo cose come il credito d’imposta per i bambini che ridurrà la povertà dei bambini neri del 50 per cento!”

Accidenti.

Biden ha persino definito Harris un “presidente” quello stesso giorno durante un discorso di apertura nella Carolina del Sud, un errore su cui ha fatto numerose occasioni.

Questo arriva tra le voci che il campo di Harris e il campo di Biden sono impegnati in una “guerra all’ombra” su chi controllerà la Casa Bianca mentre le condizioni cognitive di Biden continuano a declinare verso il medio termine del 2022 e oltre.

Guarda l’intervista completa ad Harris:


Cinguettio: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

menti: @WhiteIsTheFury

Ottieni: @WhiteIsTheFury

Kamala Harris descritta come “capo distruttore di anime” dai suoi ex dipendenti



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

“Si tratta di chi riesce a CONTARE il voto”


Joe Biden ha fatto eco a una famosa citazione attribuita all’ex dittatore russo Josef Stalin quando ha ammesso che la lotta per il midterm del 2022 riguarda “chi può contare i voti”.

“La lotta non è più solo chi può votare o rendere più facile il voto per le persone aventi diritto – è chi conta i voti e se il tuo voto conta!” Biden ha dichiarato martedì al Comitato nazionale democratico.

“Ora guardiamo al 2022. Voglio dire ai miei amici repubblicani, preparati amico, hai un problema”, ha detto Biden.

La citazione è stranamente parallela a un’osservazione simile attribuito a Stalin dal suo segretario Boris Bazhanov in merito a un voto del Comitato del Partito Comunista nel 1923:

“Ritengo del tutto irrilevante chi nel partito voterà, o come; ma ciò che è straordinariamente importante è questo: chi conterà i voti e come».

Ancora una volta, Biden ha inavvertitamente trasmesso il suo disprezzo per la vera democrazia con la sua versione parafrasata.

Durante lo stesso evento DNC, Biden si è anche scrollato di dosso i mandati sui vaccini, scherzando “Qual è il grosso problema?”

“Tutti parlano di libertà per non avere un’iniezione o fare un test. Beh indovina cosa? E il patriottismo? Che ne dici di assicurarti di essere vaccinato, in modo da non diffondere la malattia a nessun altro”, ha detto Biden.

Guarda le osservazioni complete di Biden:


rottura! Il generale Flynn, Patrick Byrne parla 6 gennaio 2022 Elezioni e altro

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link