Archivi tag: Annullare

“L’unico modo” per ridurre l’inflazione è “aumentare le tasse” e annullare i tagli fiscali di Trump


Secondo il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (D), l ‘”unico modo” per contrastare l’inflazione dilagante in America è aumentare le tasse sulla classe media ed eliminare i tagli alle tasse emanati dall’ex presidente Donald Trump.

“Se vuoi sbarazzarti dell’inflazione, l’unico modo per farlo è annullare gran parte del Trump tagli alle tasse e aumentare i tassi”, ha detto Schumer durante una conferenza stampa al Campidoglio martedì.

“Nessun repubblicano lo farà mai, quindi l’unico modo per sbarazzarsi dell’inflazione è attraverso la riconciliazione”, ha aggiunto, riferendosi a una procedura in base alla quale i democratici costringerebbero la legislazione con la loro ristretta maggioranza semplice al Senato.

La spiegazione di Schumer è nella migliore delle ipotesi ignorante e nella peggiore disonesta, poiché esistono diversi modi per ridurre l’inflazione.

Schumer opportunamente ha omesso che la riduzione dell’eccessiva spesa per diritti del governo federale facilitata dalla politica di stampa di denaro della Federal Reserve nota come “allentamento quantitativo” ridurrebbe in modo più efficiente l’inflazione.

In effetti, solo aumentare le tasse sugli americani non affronterebbe affatto il problema dell’inflazione a causa dell’enorme dimensione del debito nazionale e del relativo interesse.

Come ha osservato l’economista Milton Friedman: “L’inflazione è sempre e ovunque un fenomeno monetario, nel senso che è e può essere prodotta solo da un aumento più rapido della quantità di moneta che della produzione”.

La Federal Reserve potrebbe aumentare i tassi di interesse sui prestiti all’attuale tasso di inflazione ufficiale – 8,5% a marzo – incoraggiare il risparmio e ridurre la domanda economica, ma ciò probabilmente spingerebbe l’economia in recessione.

La Fed potrebbe anche ridurre il proprio bilancio – un processo noto come inasprimento quantitativo – per ridurre l’offerta di moneta, il che allenterebbe la pressione inflazionistica.

“C’è una fonte di inflazione. L’effettiva definizione di inflazione è un’espansione dell’offerta di moneta”, ha detto il mese scorso l’economista e CEO di EuroPacific Capital Peter Schiff a Tucker Carlson, conduttore di Fox News, aggiungendo che l’inflazione è effettivamente una tassa nascosta imposta al popolo americano perché il potere di spesa del dollaro è diminuito col tempo.

“È la Federal Reserve che ha ampliato l’offerta di moneta”, ha continuato Schiff. “Lo hanno chiamato ‘quantitative easing’, ma continuano a creare dollari, ed è il governo degli Stati Uniti che spende quei dollari in circolazione. E mentre lo fa, il valore di ogni dollaro diminuisce. E così il prezzo di tutto ciò che compri con i dollari sale”.

“La classe media sentirà la tassa sull’inflazione più duramente. Il loro salario non aumenterà tanto quanto il costo della vita”, ha aggiunto.

Quindi la proposta di Schumer è di aggiungere ancora più dolore economico alla classe media aumentando ulteriormente le tasse in un ambiente inflazionistico senza fare nulla per affrontare la spesa pubblica fuori controllo che ha causato l’inflazione all’inizio.

Guarda la conferenza stampa completa dei Democratici:


Twitter: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Le famiglie annullano gli abbonamenti in streaming in numeri record poiché l’inflazione costringe a tagli



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

YouTuber che ha detto che annullare la cultura era una buona cosa viene cancellato


Lo YouTuber Ethan Klein, che in precedenza aveva affermato che la cultura dell’annullamento era una buona cosa, si è lamentato di aver perso tutti i suoi sponsor dopo essere stato preso di mira da una mafia della cultura dell’annullamento per presunte osservazioni “omofobe”.

Si raccoglie ciò che si semina.

All’inizio di quest’anno, Klein ha annunciato che avrebbe cancellato le sue precedenti interviste con l’autore Jordan Peterson sul fatto che l’accademico canadese fosse una “pericolosa porta di accesso all’alt-right, alla transfobia e alla disinformazione covid”.

Peterson ha risposto avvertendo Klein che “coloro che si impegnano nella cultura dell’annullamento generalmente vivono per pentirsene”, aggiungendo, “i polli torneranno sicuramente a casa per posarsi”.

“Sarai tenuto a livelli sempre più alti e presto impossibili da mantenere per gli standard etici dalla stessa folla che attualmente desideri accontentare”, ha detto Peterson.

“Allora farai un errore e loro ti divoreranno. Con gioia. Si prega di prendere sul serio questo avviso. Mi piaci”, ha aggiunto.

Klein ha risposto affermando che essere cancellati a volte può essere “una bella esperienza”.

Bene, ora conosce sicuramente quella sensazione.

Dopo che una clip di Klein che faceva commenti su persone gay, ritenute “omofobe” dalle persone dell’alfabeto sempre sensibili, è diventata virale, lo YouTuber ha perso tutti i suoi sponsor.

Durante il suo spettacolo all’inizio di questa settimana, Klein si è lamentato: “Oggi non abbiamo sponsor perché … i nostri meravigliosi fan si sono presi la responsabilità di scrivere a tutti i nostri sponsor e di farli sì (cel), non di supportarci”.

Klein sembrava essere cauto nell’usare la parola “cancella”.

Lo YouTuber ha continuato spiegando come fosse “doloroso che le persone lo facessero”.

“È un po’ pazzesco che ti lascino cadere come un sacco di sporcizia su alcune stronzate”, ha detto Klein, riferendosi agli sponsor che lo hanno cancellato.

Dopo essersi inizialmente opposto ai fiocchi di neve “svegliati” in una serie di video diversi anni fa, Klein ha invertito la rotta ed è diventata una creatura dell’establishment dopo aver incontrato l’amministratore delegato di YouTube Susan Wojcicki.

Ha ripetutamente chiesto che altre persone venissero deplatform e cancellate per commenti “controversi”, quindi il fatto che ora gli stia succedendo non è privo di ironia.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

La Fed non può annullare il danno che ha già causato


Mercoledì 16 marzo 2022, la banca centrale statunitense, la Federal Reserve System, ha aumentato l’obiettivo del tasso sui fondi federali dello 0,25%, portandolo allo 0,50%.

Secondo i funzionari della Fed, l’aumento dell’obiettivo del tasso sui fondi federali è stato in risposta ai forti aumenti del tasso di crescita annuale dell’indice dei prezzi al consumo (CPI), che si è attestato al 7,9% a febbraio contro il 7,5% a gennaio e l’1,7% a Febbraio dell’anno prima.

La maggior parte dei commentatori ritiene che aumentando l’obiettivo del tasso di interesse, la banca centrale possa rallentare l’aumento dei prezzi di beni e servizi. I sostenitori di questa strategia fanno spesso riferimento al maggio 1981, quando l’allora presidente della Fed Paul Volcker aumentò l’obiettivo del tasso sui fondi federali al 19% dall’11,25% del maggio 1980. Il tasso di crescita annuale dell’IPC, che si attestava al 14,8% nell’aprile 1980, è diminuito all’1,1% entro dicembre 1986 (vedi grafico).

Si noti che i commentatori identificano il tasso di crescita dell’IPC come inflazione. Riteniamo, tuttavia, che l’aumento dell’offerta di moneta sia l’obiettivo dell’inflazione. Inoltre, non diciamo che l’inflazione lo sia causato dall’aumento dell’offerta di moneta, come suggeriscono alcuni commentatori. Invece, riteniamo che l’inflazione lo sia di aumenti dell’offerta di moneta.

Il prezzo di un bene è la quantità di denaro pagata per esso, ma ogni volta che c’è un aumento del denaro iniettato in un particolare mercato di beni, ciò significa che il prezzo dei beni in termini monetari aumenterà. Questo aumento del prezzo è non inflazione, tuttavia, ma piuttosto la manifestazione dell’inflazione come risultato dell’aumento dell’offerta di moneta, a parità di altre condizioni.

Il danno che l’inflazione infligge al processo di generazione della ricchezza è più importante degli aumenti che provoca nei prezzi dei beni al dettaglio. Ciò è dedotto dal fatto che l’aumento dell’offerta di moneta mette in moto uno scambio di qualcosa per niente, che genera un risultato simile al denaro contraffatto che si muove nell’economia. Indebolisce i generatori di ricchezza, indebolendo così la loro capacità di creare ricchezza, che, a sua volta, mina il tenore di vita.

Quando il denaro viene iniettato, inizialmente entra in un particolare mercato dei beni. Una volta che il prezzo di un bene sale a un livello in cui il bene viene percepito come pienamente valutato, il denaro parte per un altro mercato considerato sottovalutato. Il passaggio da un mercato all’altro determina uno sfasamento temporale tra gli aumenti di denaro e il loro effetto sul processo di generazione della ricchezza.

Le banche centrali non fissano i tassi di interesse. Gli individui lo fanno.

Si noti che contrariamente al pensiero popolare, i tassi di interesse non sono determinati dalla politica monetaria della banca centrale ma dalle preferenze temporali individuali. Secondo il fondatore della scuola austriaca di economia, Carl Menger, il fenomeno di interesse è il risultato del fatto che gli individui attribuiscono una maggiore importanza a beni e servizi nel presente rispetto a beni e servizi identici in futuro.

La valutazione più alta non è il risultato di un comportamento capriccioso, ma piuttosto che la vita nel futuro è impossibile senza sostenerla nel presente. Secondo Menger:

La vita umana è un processo in cui il corso dello sviluppo futuro è sempre influenzato dallo sviluppo precedente. È un processo che non può essere continuato una volta interrotto, e che non può essere completamente riabilitato una volta che è diventato gravemente disordinato. Un prerequisito necessario della nostra provvidenza per il mantenimento della nostra vita e per il nostro sviluppo in periodi futuri è una preoccupazione per i periodi precedenti della nostra vita. Mettendo da parte le irregolarità dell’attività economica, possiamo concludere che gli uomini economizzatori generalmente si sforzano di garantire prima la soddisfazione dei bisogni dell’immediato futuro, e che solo dopo che ciò è stato fatto, cercano di garantire la soddisfazione dei bisogni di periodi più lontani , in funzione della loro lontananza nel tempo.1

I beni ei servizi richiesti per sostenere la propria vita in questo momento devono avere un’importanza maggiore per quell’individuo rispetto agli stessi beni e servizi in futuro. È probabile che la persona assegni un valore maggiore allo stesso bene nel presente rispetto allo stesso bene in futuro.

Chi ha mezzi miseri può considerare solo obiettivi a brevissimo termine, come realizzare uno strumento di base. L’esiguità dei propri mezzi non gli permette di intraprendere la costruzione di strumenti più avanzati. Con l’aumento dei mezzi a sua disposizione, l’individuo potrebbe pensare di intraprendere la realizzazione di strumenti migliori. Con l’ampliamento del bacino di mezzi, gli individui sono in grado di destinare più mezzi al raggiungimento di obiettivi remoti al fine di migliorare la propria qualità di vita nel tempo.

Se prima dell’espansione dei mezzi, la necessità di sostenere la vita e il benessere nel presente rendeva impossibile intraprendere vari progetti a lungo termine, ma con più risorse a disposizione questo diventa possibile.

Pochi, se non nessuno, individui si imbarcheranno in un’impresa commerciale che promette un tasso di rendimento zero. Il mantenimento del processo della vita al di là dell’esistenza alla mano richiede un’espansione della ricchezza e l’espansione della ricchezza implica rendimenti positivi.

Ci sono tassi più bassi dietro un aumento degli investimenti in beni capitali?

Contrariamente al pensiero popolare, un calo del tasso di interesse non determina aumenti degli investimenti in beni capitali. Ciò che consente l’espansione dei beni capitali non è l’abbassamento del tasso di interesse, ma piuttosto l’aumento del pool di risparmio.

Il pool di risparmio sostiene le persone impegnate nella valorizzazione e nell’espansione dei beni strumentali come strumenti e macchinari. Con l’aumento e il potenziamento dei beni capitali, è possibile aumentare la produzione di futuri beni di consumo.

La decisione di destinare una maggiore quantità di mezzi alla produzione di beni capitali è segnalata dall’abbassamento delle preferenze temporali individuali attribuendo un’importanza relativamente maggiore ai beni futuri rispetto a quelli presenti. Quindi, il tasso di interesse riflette le decisioni degli individui riguardo al consumo attuale rispetto al consumo futuro. (Ancora una volta, il calo del tasso di interesse non è la causa dell’aumento degli investimenti di capitale. Il calo rispecchia la decisione di investire una quota maggiore del risparmio nell’investimento in beni strumentali).

In un mercato libero, un calo del tasso di interesse informa le imprese che gli individui hanno aumentato la loro preferenza verso i beni di consumo futuri rispetto ai beni di consumo attuali. Le aziende che desiderano avere successo devono attenersi alle istruzioni dei consumatori e organizzare un’infrastruttura adeguata per soddisfare la domanda di beni di consumo in futuro. Attraverso l’abbassamento delle preferenze temporali, gli individui segnalano di aver aumentato i risparmi che sosterranno l’espansione e miglioreranno la struttura produttiva.

Le fluttuazioni dei tassi di interesse in un mercato libero saranno in linea con i cambiamenti nelle preferenze temporali dei consumatori. Pertanto, un calo del tasso di interesse è in risposta all’abbassamento delle preferenze temporali degli individui. Quando le imprese osservano un calo del tasso di interesse di mercato, rispondono aumentando i loro investimenti in beni capitali per far fronte al probabile aumento della domanda di beni di consumo futuri. (Si noti che in un’economia di libero mercato un calo del tasso di interesse indica che su base relativa gli individui hanno alzato la loro preferenza verso i beni di consumo futuri rispetto ai beni di consumo attuali).

La discrepanza tra il tasso di interesse di mercato e il tasso di interesse che riflette le preferenze temporali dell’individuo è causata dalla banca centrale. Ad esempio, un’aggressiva politica monetaria accomodante da parte della banca centrale porta all’abbassamento del tasso di interesse osservato. Le imprese rispondono a questo calo aumentando la produzione di beni capitali per poter soddisfare la domanda di beni di consumo in futuro. I consumatori, tuttavia, non hanno indicato un cambiamento nelle loro preferenze verso i beni di consumo attuali. Il tasso di interesse di preferenza temporale non è sceso, e quindi cresce un divario tra il tasso di preferenza temporale e il tasso di mercato.

A causa della violazione tra il tasso di interesse di preferenza temporale e il tasso di interesse di mercato, le imprese che hanno risposto al tasso di interesse di mercato in calo hanno investito male in beni capitali rispetto alla produzione dei beni di consumo attuali. In futuro, le aziende scopriranno che le loro decisioni di investimento passate in merito all’espansione dei beni capitali erano sbagliate.

Perché il rafforzamento non può annullare gli aspetti negativi di una precedente posizione allentata

Secondo Ludwig von Mises, una posizione monetaria restrittiva non può annullare gli aspetti negativi della precedente posizione accomodante. (In altre parole, la banca centrale non può generare un “atterraggio morbido” per l’economia.) La cattiva allocazione delle risorse dovuta a una politica monetaria accomodante non può essere invertita da una posizione più restrittiva. Secondo Percy L. Greaves Jr. nell’introduzione a Mises Le cause della crisi economica e altri saggi prima e dopo la Grande Depressione:

Mises si riferisce anche al fatto che la deflazione non può mai riparare il danno di un’inflazione a priori. Nel suo seminario, ha spesso paragonato un tale processo a un automobilista che aveva investito una persona e poi ha cercato di rimediare alla situazione sostenendo la vittima al contrario. L’inflazione confonde così tanto i cambiamenti nella ricchezza e nel reddito che diventa impossibile annullarne gli effetti. Inoltre, le manipolazioni deflazionistiche della quantità di denaro sono altrettanto distruttive dei processi di mercato, guidate da prezzi di mercato, tassi salariali e tassi di interesse liberi, come lo sono tali manipolazioni inflazionistiche della quantità di denaro.

Una politica più restrittiva dei tassi di interesse, mentre indebolisce le attuali bolle finanziarie, genererà anche varie distorsioni, infliggendo così danni ai generatori di ricchezza. Una posizione più restrittiva è ancora l’intervento della banca centrale, che falsifica il segnale del tasso di interesse. Un orientamento più restrittivo dei tassi di interesse non si traduce in un’allocazione delle risorse in linea con le priorità principali dei consumatori. Pertanto, non ne consegue che un orientamento più restrittivo dei tassi di interesse possa invertire il danno causato dalla politica inflazionistica. Se accettiamo che l’inflazione riguardi un aumento dell’offerta di moneta, allora tutto ciò che è necessario per cancellare l’inflazione è chiudere le scappatoie per la generazione di moneta dal “nulla” da parte della banca centrale.

Le politiche volte a stabilizzare l’aumento dei prezzi producono di fatto sconvolgimenti economici. Si osservi che entro febbraio 2021 il tasso di crescita annuale della nostra misura monetaria per gli USA è balzato a quasi l’80%. Sullo sfondo di questo massiccio aumento, non c’è da stupirsi che il tasso di crescita annuale dell’IPC abbia subito un’accelerazione. Le politiche che mirano a rallentare il tasso di crescita dell’IPC piuttosto che arrestare il tasso di crescita dell’offerta di moneta probabilmente mineranno le condizioni economiche.

Conclusione

Finché il sostentamento vitale rimarrà l’obiettivo finale degli individui, assegneranno una valutazione più alta ai beni presenti rispetto a quelli futuri e nessuna manipolazione dei tassi di interesse della banca centrale cambierà questo. Qualsiasi tentativo da parte dei responsabili delle politiche delle banche centrali di annullare questo fatto minerà il processo di formazione della ricchezza e abbasserà il tenore di vita individuale. Non aiuterà la crescita economica se la banca centrale abbassa artificialmente i tassi di interesse quando gli individui non hanno stanziato risparmi adeguati per sostenere l’espansione degli investimenti in beni capitali. È impossibile sostituire il risparmio con più soldi e l’abbassamento artificiale del tasso di interesse perché non è possibile generare qualcosa dal nulla. Alzando i tassi di interesse, la banca centrale non può riparare al danno causato dalla sua precedente politica dei tassi di interesse favorevoli. Una posizione più rigida genererà probabilmente varie altre distorsioni. Pertanto, i responsabili politici dovrebbero lasciare in pace l’economia.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Annullare i mandati, lasciare in pace i lavoratori


Il presidente Joe Biden di recente esteso l’emergenza nazionale Usa per il covid-19.

Uno scontro tra camionisti che protestano contro i mandati covid canadesi e il governo di Ottawa ha diventato brutto. Il dibattito sui mandati covid si è rivolto a tattiche autoritarie piuttosto che ai meriti dei mandati. Indipendentemente dal dibattito sui meriti dei mandati covid negli ultimi due anni, al momento attuale, i mandati covid sono diventati una soluzione alla ricerca di un problema.

Figura 1: Nuovi casi confermati di Covid-19 nella contea di Lubbock, in Texas.

Fonte: DSHS COVID-19 Dashboard, Texas Department of State Health Services, modificato quotidianamente, https://dshs.texas.gov/coronavirus/additionaldata.aspx.

La figura 1 illustra il rapido declino dell’epidemia di Omicron nelle ultime tre settimane. I nuovi casi nella contea di Lubbock, in Texas, sono prossimi allo zero su una popolazione di oltre trecentomila. Eppure un mandato dei Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) che richiede la vaccinazione degli operatori sanitari contro il covid-19 è ancora valido. L’obiettivo dichiarato del mandato sui vaccini è proteggere i lavoratori vaccinati dai lavoratori non vaccinati e proteggere i pazienti dai lavoratori non vaccinati. In precedenza è stato affermato che se il vaccino funzionasse e proteggesse le persone contro il covid-19, i lavoratori e i pazienti vaccinati non avrebbero nulla da temere dalle persone non vaccinate. È stato dimostrato che la trasmissione del covid-19 ha la stessa probabilità di provenire da una persona vaccinata quanto da una persona non vaccinata. Tuttavia, anche questi argomenti non sono più necessari, poiché non c’è più alcuna malattia da diffondere nella contea di Lubbock. La situazione è simile ovunque nel mondo. I casi di Covid sono in rapido declino ovunque. Sebbene sia probabile che ci sarà una nuova variante in futuro con un nuovo focolaio di casi, è molto improbabile che i mandati esistenti proteggano qualcuno da questa nuova variante.

Indipendentemente dal fatto che i mandati covid abbiano offerto vantaggi in passato, non vi è alcun vantaggio da questi mandati in futuro. I mandati sono diventati un simbolo autoritario di fedeltà, come baciare l’anello del mignolo. I mandati devono essere rispettati perché gli autoritari al governo hanno dichiarato che i mandati sono legge, spesso senza alcuna discussione o dibattito da parte degli organi rappresentativi incaricati di legiferare.

Sono un pneumologo praticante. Mentre stavo scrivendo questo articolo, ho ricevuto un’e-mail di richiesta di aiuto con la grave carenza di medici in venti dei cinquanta stati degli Stati Uniti. In che modo il mandato del vaccino CMS covid-19 esistente aiuta con questo problema? Ho sessantotto anni. Potrei andare in pensione se volessi andare in pensione. Faccio parte di una coorte significativa di praticanti che lavorano per soddisfazione piuttosto che per necessità. Il mandato del vaccino CMS covid-19 ha spinto i praticanti al pensionamento e continuerà a spingerli al pensionamento in un momento in cui ci sono carenze di professionisti. A quale vantaggio per la società?

Alcuni degli autoritari del governo di Ottawa e Washington, DC, potrebbero pensare di avere il sopravvento in questo momento. Come al solito, gli autoritari del governo sono molto miopi. Ad un certo punto in futuro, gli autoritari avranno bisogno della collaborazione degli stessi lavoratori che stanno perseguitando. Come andrà a finire? Un neolaureato in medicina o infermiere potrebbe non essere in grado di resistere a causa del debito studentesco. Tuttavia, i praticanti più anziani, che hanno la più grande esperienza, sono in grado di resistere. Tutti i lavoratori, siano essi camionisti canadesi o medici del Texas, sono in grado di rallentare il rollio. Inoltre, cosa succede al futuro ingresso di nuovi tirocinanti? I giovani potrebbero non essere inclini a dedicare anni alla formazione a grandi spese quando il proprio sostentamento può essere revocato da qualche aspirante regina di cuori.

Figura 2: Nuovi casi giornalieri di Covid-19 in Canada

Fonte: Worldometro.

La figura 2 illustra l’andamento dei casi di covid-19 in Canada. Questa tendenza valeva davvero la pena di far cadere un poliziotto a cavallo donna anziana disabile? Piuttosto che porre fine a mandati che chiaramente non stanno portando alcun beneficio attuale alla società, gli autoritari canadesi stanno discutendo di rendere permanente la cosiddetta autorità di emergenza mentre sbavano per le vendite di camion confiscati. Al Capone avrebbe dovuto affermare: “Puoi ottenere di più con una parola gentile e una pistola che con una sola parola gentile”. Il primo ministro Trudeau sembra aver dimenticato la parte delle parole gentili della lezione.

Spero che gli autoritari statunitensi imparino dagli errori degli autoritari canadesi, ma sono pessimista a breve termine. Forse se i numeri dei sondaggi di Biden continuano a diminuire, potrebbe riconsiderare la sua recente estensione dei mandati covid.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link