0 5 minuti 2 settimane



Immagine: solo i democratici possono mettere in discussione le elezioni, afferma YouTube di Google

(Natural News) La censura selettiva non è una novità sui social media, ma YouTube non cerca più nemmeno di nascondere il fatto che i repubblicani non hanno libertà di parola quando si tratta di condividere contenuti video.

Un giornalista indipendente per Notizie TKun media fondato dal giornalista e autore di sinistra Matt Taibbi, lo ha scoperto nel modo più duro dopo aver tentato di pubblicare video che mostravano sia repubblicani che democratici che mettevano in dubbio l’integrità delle elezioni americane.

All’inizio, YouTube ha censurato tutti i video perché parlare di frodi elettorali sulla piattaforma di proprietà dei globalisti è un serio no-no. Successivamente, tuttavia, YouTube ha consentito la visualizzazione solo dei video con i democratici che mettono in discussione le elezioni mentre quelli repubblicani sono rimasti censurati.

Il giornalista che ha provato a postare i video solo per incappare in questo piccolo intoppo si chiama Matt Orfalea. Dice che YouTube gli ha detto che i video repubblicani ora rimossi violano la “politica di disinformazione” dell’azienda mentre quelli democratici no.

“Non ho mai approvato o avanzato le affermazioni, e il titolo chiarisce che non sono altro che ‘affermazioni'”, ha detto Orfalea. (Correlato: i politici possono dire quello che vogliono su YouTube perché la piattaforma li considera una “classe protetta”.)

“Inoltre, praticamente ogni clip è stato trasmesso dai principali punti vendita, incluso Cnn, NBCe VOLPE. Perché YouTube non cancella anche i loro video? (Invece, YouTube promuove i canali YouTube delle reti aziendali come cosiddette “fonti autorevoli”, nonostante la loro storia di pubblicazione di disinformazione pericolosamente consequenziale, comprese le bugie che hanno portato alla guerra in Iraq.) “

Brighteon.TV

YouTube è una macchina di marketing per i democratici

Tieni presente che Orfalea crede personalmente che non ci siano state frodi elettorali né nel 2020 né nel 2016. Tutto ciò che ha fatto è stato pubblicare video di altre persone che facevano queste affermazioni per considerazione pubblica – sai, qualcosa che i giornalisti erano in grado di fare .

Solo uno dei video di Orfalea di questa serie è ancora attivo, ed è quello con i democratici che affermano che le elezioni del 2016 sono state “rubate” da Donald Trump. Tutti quelli in cui i repubblicani denunciano anomalie nelle elezioni del 2020 sono stati censurati.

Il video che rimane presenta l’aspirante presidente fallita due volte Hillary Clinton che descrive le elezioni del 2016 come “rubate” poiché non ha vinto. Contiene anche folli teorie del complotto su come la Russia abbia “hackerato” le elezioni del 2016 in modo che Trump potesse vincere.

Si parla persino di una petizione di Change.org con milioni di firme che chiede al collegio elettorale di nominare Clinton presidente nel 2016, anche se ha perso lealmente.

YouTube non ha problemi con questo video perché supporta Clinton. Tuttavia, ha un problema con gli altri video perché supportano Trump e la posizione repubblicana secondo cui le elezioni vengono rubate dai democratici per mantenere al potere i loro burattini globalisti.

Si scopre che le elezioni del 2016 non sono le uniche che i democratici sostengono siano state rubate. Inoltre pensano ancora che George W. Bush abbia rubato le elezioni del 2000 al guru del riscaldamento globale Al Gore. Anche Stacey Abrams si sente come se avrebbe dovuto vincere la gara governativa della Georgia del 2018 invece di Brian Kemp.

“Il doppio standard era almeno sottilmente velato”, ha scritto un commentatore su come i globalisti non si preoccupino più nemmeno di provare a nascondere ciò che stanno facendo. “Ora ce l’abbiamo sempre in faccia”.

“I politici repubblicani non hanno la spina dorsale per sfidare la frode dilagante degli elettori”, ha aggiunto un altro.

“Non capisci: il GOP è lì solo per assicurarsi che populisti e nazionalisti rimangano fuori dal potere”, ha risposto un altro. “Permettono ai loro compagni democratici di farla franca con il furto elettorale per promuovere questo obiettivo”.

Le ultime notizie sulla censura dei social media sono disponibili su Censorship.news.

Le fonti per questo articolo includono:

Breitbart.com

NaturalNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche