0 9 minuti 4 mesi


Parlando domenica a Bruxelles, la sopravvissuta all’Olocausto Vera Sharav ha descritto i sorprendenti parallelismi tra ciò che ha vissuto da bambina nella Germania nazista e le politiche COVID perseguite dai governi di tutto il mondo oggi.

NOTA DELLA REDAZIONE: La sopravvissuta all’Olocausto Vera Sharav avrebbe dovuto parlare domenica a una manifestazione contro i mandati COVID a Bruxelles. Dopo che la manifestazione è stata interrotta bruscamente perché la polizia ha minacciato i manifestanti, Sharav e altri oratori della manifestazione hanno tenuto i loro discorsi in un ristorante.

Ecco la traduzione del discorso di Sharav: Il video è in inglese da trovare qui.

Un’importante lezione dell’Olocausto è che il genocidio è stato facilitato dal silenzio globale, dall’indifferenza e dal mancato intervento. L’Olocausto è stato messo in moto quando la libertà personale, i diritti legali e le libertà civili sono stati messi da parte.

Lo scrittore Primo Levi, un ebreo italo sopravvissuto ad Auschwitz, ha avvertito: “È successo. Quindi può succedere di nuovo. Può succedere ovunque”.

Come sopravvissuto all’Olocausto, sono sconvolto dai poseurs che controllano la narrativa dell’Olocausto. Negano l’importanza dell’Olocausto rispetto alla discriminazione attuale e alle normative sempre più aggressive e repressive.

Questi vigilantes censurano e zittiscono coloro che parlano. Negando la rilevanza dell’Olocausto per l’oppressione contemporanea, i vigilantes sono negazionisti dell’Olocausto.

Elie Wiesel, sopravvissuto ad Auschwitz e vincitore del premio Nobel, era considerato la voce delle vittime. Ha spiegato: “L’indifferenza e il silenzio della gente hanno portato all’Olocausto. Rimanere muti e indifferenti è il peccato più grande di tutti”.

Oggi, i sopravvissuti sono scioccati dalle politiche discriminatorie e allarmanti di paura nei confronti di una minoranza. Scene orribili mostrano agenti di polizia in uniforme nera che attaccano brutalmente i manifestanti nelle città di tutta Europa, Australia e, sì, Israele. Ricordano dolorosamente il preludio all’Olocausto, in cui i nazisti:

  • Impiegato le armi psicologiche della paura e della propaganda per imporre un regime genocida.
  • Demonizzato gli ebrei come la causa della malattia e la causa della loro miseria.
  • Hanno sistematicamente cancellato norme e valori morali.
  • Hanno distrutto la loro coscienza sociale in nome della salute pubblica.

I predatori di oggi usano anche la paura e la propaganda per mantenere uno stato di paura e impotenza. L’obiettivo – allora come adesso – è lo stesso: portare le persone a diventare obbedienti ea seguire le istruzioni senza fare domande.

L’attacco globale alle nostre libertà e al nostro diritto all’autodeterminazione è facilitato dall’armamento della medicina. Allora come oggi, l’establishment medico ha una parvenza di legittimità per l’omicidio medico di massa.

I nazisti dichiararono i disabili “inadatti a vivere”. I 1.000 neonati e bambini piccoli tedeschi che furono le prime vittime di omicidi medici al mondo furono effettivamente assassinati negli ospedali.

Nel 2020, i governi di tutto il mondo hanno dichiarato lo stato di emergenza e hanno emesso dettami medici mortali:

  • Agli ospedali è stato ordinato di non curare gli anziani nelle case di cura. Il risultato fu un omicidio di massa medico, che la Svezia definì “eutanasia attiva”.
  • Gli ospedali del Regno Unito hanno utilizzato dosi letali del farmaco midazolam per uccidere a livello medico persone anziane, un farmaco che continuano ad accumulare.
  • Le linee guida ospedaliere negli Stati Uniti affermano ancora che gli anziani ricevono un trattamento minimo.
  • Ai medici dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti è vietato prescrivere trattamenti salvavita esistenti, approvati, sicuri ed efficaci ai pazienti COVID.

Oggi l’umanità è minacciata dagli eredi globali dei nazisti. Il vero virus che continua a infettare questi predatori è l’eugenetica.

Un rapporto della Commissione americana sull’Olocausto, presieduta da Elie Wiesel, afferma: “… la tendenza a duplicare l’opzione nazista e sterminare nuovamente milioni di persone rimane una vile minaccia”.

L’obiettivo dei nazisti moderni è la riduzione della popolazione globale. Gli oligarchi globali sono determinati a ottenere il controllo assoluto sulle risorse del mondo: naturali, finanziarie e umane.

Bill Gates, un eugenetista per tutta la vita e uno dei principali attori del settore dei vaccini, ha dichiarato il vaccino COVID la “soluzione finale”.

Le iniezioni di COVID utilizzano una tecnologia sperimentale di trasferimento genico. Testarli sulla popolazione mondiale è una grave violazione del più importante diritto umano al “consenso libero e informato”.

Coloro che si rifiutano di farsi iniettare sono diffamati perché diffondono un virus mortale. Sono soggetti a sanzioni sempre più severe e discriminati. Germania, Austria e Italia sono ancora una volta travolte da un’orgia di istigazione fascista. Questa volta l’obiettivo sono i non vaccinati.

La presunta giustificazione dell’obbligo di vaccinare era quella di proteggere le persone dal contagio e dalla trasmissione dei contagi. Tuttavia, l’evidenza inconfutabile mostra che le iniezioni di COVID non prevengono l’infezione o la trasmissione, né conferiscono immunità.

Anche il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Rochelle Wallensky, ha riconosciuto che le vaccinazioni COVID non possono impedire la trasmissione.

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha riconosciuto che “due dosi del vaccino offrono una protezione molto limitata, se del caso”.

Se le persone vaccinate possono catturare e diffondere il COVID, perché sono privilegiate? Perché i non vaccinati – che rifiutano di essere vaccinati con un prodotto clinicamente privo di valore – vengono calunniati, discriminati, minacciati di perdita del lavoro ei loro figli privati ​​della scuola?

Se le iniezioni COVID non tutelano nessuno, qual è il vero scopo delle normative sulle vaccinazioni e dei passaporti digitali?

Molti scienziati indipendenti avvertono che queste iniezioni sono armi biologiche di distruzione di massa. Decine di migliaia di medici, scienziati e infermieri rifiutano le iniezioni, anche se di conseguenza perdono il lavoro e la licenza.

I dati del governo di Regno Unito, Israele, Stati Uniti e l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) confermano enormi morti e feriti. Quasi 38.000 europei sono morti a causa delle vaccinazioni. Più di 3.390.000 hanno subito lesioni da vaccino. Sono morti giovani adulti sani e atletici. I bambini soffrono di infiammazione del muscolo cardiaco e coaguli di sangue. Malattie neurodegenerative si verificano anche in coloro che sono stati vaccinati.

Siamo a un punto di svolta catastrofico nella storia umana. I predatori di oggi hanno sviluppato un’arma biologica iniettabile che inserisce una proteina spike tossica e una tecnologia di sorveglianza invisibile nel corpo.

Quest’arma consente ai predatori di controllare a distanza la popolazione mondiale 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Dobbiamo scegliere – se disobbedire e rivendicare la nostra libertà ei nostri diritti come esseri umani – o essere ridotti in schiavitù.

Alla sopravvissuta ad Auschwitz Mariann Turski, una giornalista polacca, è stato chiesto se un Olocausto potesse accadere di nuovo. Rispose: “Potrebbe succedere. Quando i diritti civili vengono violati, quando i diritti delle minoranze non vengono rispettati e aboliti”.

Ha esortato tutti a “difendere la costituzione, difendere i propri diritti, difendere la propria democrazia. I diritti delle minoranze devono essere tutelati… Non sarai indifferente quando una minoranza è discriminata”.

Dietrich Bonnhoeffer – un eccezionale ministro protestante tedesco durante il regime nazista – disse: “Il silenzio di fronte al male è esso stesso un male. Non parlare è parlare. Non agire è agire.”

Il rabbino Michoel Green ha appena lanciato un appello urgente dicendo che è “tempo di espiare l’Olocausto non permettendo che accada di nuovo”. Il verde avverte tutti di non seguire gli ordini dei tiranni e di non emarginare e perseguitare le minoranze. E dice agli ebrei: “Non ripetete l’errore fatale di seguire ciecamente i vostri traditori Kapo e correre sottomessi come al mattatoio. Svegliati ORA.”

Non avere illusioni; i non vaccinati non sono il nemico. Il primo passo verso il genocidio è la stigmatizzazione di una minoranza. Il silenzio invita a restrizioni sempre più repressive. Se vogliamo sopravvivere come persone libere, dobbiamo parlare contro la discriminazione. Non dobbiamo mai più tacere – non oggi, non domani, mai più.

Leggi la trascrizione ebraico.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche