0 5 minuti 6 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Il co-fondatore dei Pink Floyd Roger Waters è in tournée negli Stati Uniti con il suo concerto solista e l’installazione multimediale This Is Not a Drill. Il leggendario artista, che ha preso una posizione di principio riguardo al coinvolgimento USA-NATO nel conflitto ucraino, in precedenza ha avvertito i fan che se non sopportano la sua politica, potrebbero anche “vaffare al bar”.

Cofondatore dei Pink Floyd Ruggero Acque ha criticato il “criminale di guerra” Joe Biden per “aver alimentato l’incendio in Ucraina”.

Il musicista, cantautore e compositore inglese, 78 anni, è attualmente impegnato nel suo tour This Is Not A Drill in tutto il Nord America. Le acque erano intervistato dall’ancora della CNN Michael Smerconish, mentre il media ha coperto le sue esibizioni. Quando l’ospite ha messo in dubbio gli elementi del set di Waters sul palco, come un montaggio di “Criminali di guerra” con una foto di Joe Biden, il musicista ha detto:

«Be’, tanto per cominciare sta alimentando il fuoco in Ucraina. È un crimine enorme. Perché gli Stati Uniti d’America non incoraggiano [Volodymyr] Zelensky per negoziare, ovviando alla necessità di questa orribile e orrenda guerra?”

L’ospite della CNN ha tentato di spingere la tipica narrativa occidentale, dicendo: “Ma stai incolpando il partito che è stato invaso … L’hai ribaltato”.

Tuttavia, Waters ha continuato nello stesso respiro:

“Beh, qualsiasi guerra, quando è iniziata? Quello che devi fare è guardare la cronologia e puoi dire: “Beh, è ​​iniziato questo giorno”. Si potrebbe dire che è iniziata nel 2008… Questa guerra riguarda fondamentalmente l’azione e la reazione della NATO che si spinge fino al confine russo, cosa che hanno promesso che non l’avrebbero fatto quando [Mikhail] Gorbaciov ha negoziato il ritiro dell’URSS da tutta l’Europa orientale”.

Mentre Smerconish ha tentato di non essere d’accordo, dicendo: “E il nostro ruolo di liberatori?” Le acque scesero violentemente sull’ancora.

“Non abbiamo alcun ruolo come liberatori… Ti suggerirei, Michael, di andare via e leggere un po’ di più, e poi cercare di capire cosa farebbero gli Stati Uniti se i cinesi lanciassero missili nucleari in Messico e Canada.”

Il tour di Waters offre un’esperienza musicale, visiva e intellettuale in cui condanna la spietatezza dell’élite al potere negli Stati Uniti e nel mondo. Le sue canzoni pongono l’accento su questioni come il fascismo, la difficile situazione dei rifugiati, la povertà globale, la disuguaglianza sociale e il pericolo di annientamento nucleare.

Durante un’interpretazione della canzone contro la guerra del 1992 “The Bravery of Being Out of Range”, Waters incorpora le immagini di ogni presidente degli Stati Uniti dai tempi di Ronald Reagan, sovrapponendo a ciascuno le parole “Criminale di guerra”. Nel caso del presidente Joe Biden, Waters ha specificato che era “appena iniziato”.

Waters ha inveito contro la mancanza di copertura del suo tour sulla stampa mainstream, denunciando di recente i media di Toronto dopo la sua esibizione di due notti lì e attribuendolo alla sua posizione riguardo al conflitto in Ucraina. È stato citato per aver affermato che “una lunga insurrezione in Ucraina sarebbe stata grandiosa per i falchi gangster a Washington. È ciò che sognano”. Il 1° agosto, mentre teneva un concerto al Target Center di Minneapolis, si è rivolto al pubblico dicendo:

“Se sei uno di quei ‘Amo i Pink Floyd ma non sopporto la gente di politica di Roger’, faresti bene a fotterti al bar in questo momento.”

Il operazione militare speciale in Ucraina è stato lanciato dalla Russia il 24 febbraio per fermare la guerra di otto anni condotta da Kiev contro la popolazione di Donetsk e Lugansk. Negli ultimi mesi, Mosca ha ripetutamente denunciato Kiev per aver preso di mira i civili nel Donbass usando armi convogliate nel paese dagli Stati Uniti e dai loro alleati occidentali. Il Cremlino ha più volte avvertito che il sanzioni autolesionistiche regime imposto dagli Stati Uniti, dall’UE e dai loro alleati contro la Russia, insieme ai miliardi di dollari di aiuti militari promessi al regime di Kiev, servono solo ad esacerbare la crisi.






Source link

Lascia un commento

Leggi anche