0 7 minuti 6 giorni


Due professionisti farmaceutici di grande esperienza, con carriere molto diverse nel settore, si incontrano poiché le loro conoscenze e ricerche individuali dimostrano che sia i governi che l’industria non dicono la verità sulla sicurezza del vaccino Covid-19.

Brian Gerrish e Debi Evans siamo lieti di poter offrire ai nostri telespettatori e ascoltatori un’affascinante, anche se profondamente preoccupante, intervista con Alexandra (Sasha) Latypova, una ex dirigente dell’industria farmaceutica che ha lavorato con molte aziende tra cui Pfizer. Si uniscono anche Brian e Debi Hedley Reesche ha gentilmente facilitato questa intervista con Sasha.

Sasha Latypova, originaria dell’Ucraina, vive negli Stati Uniti dagli anni ’90. Dopo aver fondato una serie di aziende di successo incentrate sulle recensioni di studi clinici, ha deciso di vendere le sue aziende e ritirarsi per concentrarsi sulla sua arte.

Quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato una pandemia di coronavirus all’inizio del 2020, non è passato molto tempo prima che Sasha iniziasse a rendersene conto, spinto dall’ovvio falso discredito dell’idrossiclorochina– che tutte le garanzie e le buone pratiche di produzione su cui tutti facciamo affidamento per fornirci farmaci sicuri ed efficaci sono state abbandonate per lanciare nuovi “vaccini” sperimentali con mRNA. Ha intrapreso la ricerca di migliaia di documenti e enormi quantità di dati.

Dopo aver consultato e studiato i contratti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per vaccinazioni, terapie e diagnostica contro il Covid-19, Sasha Latypova ha presto scoperto che Pfizer e Moderna avevano di fatto formato un cartello i cui contratti venivano trattati come militari e che, come tali, erano sollevati da ogni responsabilità , purché le persone coinvolte seguissero i comandi sotto il Atto PREPche pone le basi per la preparazione americana alle emergenze.

È stato osservato da molti commentatori dell’industria farmaceutica negli ultimi anni che i marchi di Big Pharma oggi fanno poco più che marketing, lasciando la produzione delle centinaia di componenti di base dei loro prodotti di marca a complicati nidi di aziende molto più oscure. Sasha Latypova espone in questa intervista come il Pentagono abbia pianificato, posseduto, coordinato con – a suo avviso, ingannato – e controllato centinaia di aziende che stavano contribuendo alla produzione e alla fabbricazione di quelle che lei afferma essere armi chimiche. Il suo resoconto senza fronzoli e il tour delle prove non mancheranno di scioccare ed educare il nostro pubblico. Le piattaforme mRNA sono qui per restare e continueranno a danneggiare e uccidere coloro che offrono i loro corpi per loro. Sasha ha dato la sua franca testimonianza in molte occasioni e ha fornito prove al Comitato investigativo tedesco sulla corona.

La sua testimonianza è essenzialmente questa: le tutele, i controlli e i regolamenti su cui il pubblico fa affidamento per proteggersi dai danni sono stati rimossi in nome del Covid. Un prototipo (definito nell’industria farmaceutica, come in altri settori, come un modello normalmente funzionante di un nuovo prodotto o una nuova versione di un prodotto esistente) per l’iniezione di Covid di ciascun marchio è stato fabbricato nell’ambito di un accordo sul prototipo del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, e come tale non ha alcuna responsabilità o requisito per la sicurezza o l’efficacia.

Apprendiamo le sostanziali variazioni di tossicità tra i diversi lotti di fluido per iniezione Covid e l’incapacità delle aziende farmaceutiche di produrre piattaforme di mRNA nelle quantità necessarie per colpire il mondo. Sasha Latypova sostiene la conclusione che i produttori e i marchi farmaceutici sono collusi per commettere ciò che lei definisce “frode normativa e di produzione”. Analizzando gli Stati Uniti VAERS database di dati sulle reazioni avverse gravi, che è uno strumento molto più soddisfacente dell’equivalente dell’MHRA del Regno Unito Carta gialla dati, ha scoperto che nessuno sa con certezza cosa gli verrà iniettato o quanto sarà tossico; è una lotteria. (La colonna del Regno Unito ha precedentemente intervistato Christine Cotton della Francia sui dati VAERS.)

Sasha parla con la colonna del Regno Unito con forza d’animo esemplare su ciò che ha scoperto attraverso la sua instancabile ricerca, compresi i pericoli per le donne incinte, le madri che allattano e i loro bambini.

Hedley Rees (precedentemente intervistato da UK Column) è Managing Consultant presso PharmaFlow Limited, una società di consulenza con sede nel Regno Unito specializzata in operazioni e gestione della supply chain nelle scienze della vita. Ha oltre 35 anni di esperienza nell’ingegneria industriale, nella logistica e nella gestione della supply chain e in precedenza ha ricoperto posizioni dirigenziali presso Bayer UK e British Biotech, tra gli altri. Hedley spiega in questa intervista come ha scoperto che i “vaccini” mRNA non avrebbero mai dovuto essere congelati per la conservazione, e perché no.

I segnali di sicurezza vengono ignorati, i lotti non vengono richiamati nonostante siano contrassegnati dalle autorità. A Orange County, in California, nel 2021, un lotto di vaccino Moderna Covid ha prodotto un numero eccessivo di reazioni avverse gravi, portando a molti decessi. L’avviso che questo ha attivato è stato ignorato.

Con così tante informazioni sepolte in questo profondo filone di conoscenza, questa intervista è solo un assaggio. Sasha ha gentilmente accettato di parlare di nuovo con noi e di rivelare di più. Ringraziamo sia Sasha che Hedley per aver fatto luce su un’area che la maggior parte di noi non saprebbe nemmeno esistere: come nasce un “vaccino”.

Sasha Latypova ha fornito a UK Column il seguente testo per accompagnare la sua intervista:

Qui, sul sito web del regolatore statunitense FDA, c’è la presentazione a cui mi riferisco subito dopo 45 minuti dall’inizio dell’intervista: il Vaccines and Related Biological Products Advisory. Comitato 22 ottobre 2020 Riunione Presentazione di Robert Johnson PhD. L’organigramma è a p.12 [internal numbering, equivalent to p. 11 in PDF file page numbering]e poi a p.17 espongono il “portafoglio”, che in effetti è molto più ampio e versatile di quello che mostrano.

Ad esempio, qui, sotto il nome generico di Medical CBRN Defense Consortiumsono tutte le aziende, le università e le organizzazioni senza scopo di lucro con cui il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti può attualmente stipulare un contratto sotto Other Transactional Authority (ovvero, realizzare “prototipi” militari all’interno del consorzio militare per le “contromisure” chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari (che interpreto come armi).

(Fonte: UK Column News)



Source link

Lascia un commento

Leggi anche