0 5 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



Immagine: meglio tardi che mai?  L'EPA finalmente prende provvedimenti per esaminare le sostanze chimiche tossiche nei giocattoli per bambini

(Natural News) I nuovi genitori saranno sorpresi di scoprire che le loro case, non importa come cercano di renderle pulite e igieniche, possono ancora essere un luogo tossico per i bambini.

Un recente rapporto ha rivelato che l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) propone ora di aggiungere alla sua lista un gruppo di comuni additivi plastici utilizzati negli articoli per la casa come i giocattoli per bambini.

Lo scorso agosto, l’EPA ha proposto di aggiungere la classe dei diisononil ftalati (DINP) alla sua lista di sostanze chimiche tossiche. Nonostante la proposta sia stata sollevata solo di recente, questa non è la prima volta che la sicurezza di queste sostanze chimiche viene messa in discussione, poiché la petizione per includere il DINP nell’elenco delle sostanze chimiche tossiche è stata effettivamente avviata nel 2000 – 22 anni fa – dalla Washington Toxics Coalition .

Tuttavia, l’EPA ha impiegato solo ora per portare avanti la regola.

Il DINP sarà ora soggetto ai requisiti del Toxics Release Inventory (TRI) per la segnalazione. Ciò significa che le strutture che elaborano o producono oltre 25.000 libbre di queste sostanze chimiche in un anno, o ne utilizzano oltre 10.000 libbre, devono riportare le informazioni al TRI.

La norma consente inoltre un maggiore accesso del pubblico alle informazioni su queste sostanze chimiche tossiche per educare le persone e dare loro una migliore possibilità di proteggersi. Poiché anche l’EPA sembra iniziare a elencare le sostanze chimiche tossiche per classe, i produttori potrebbero anche avere più difficoltà a sostituire una sostanza chimica dannosa con un’altra.

Il DINP e altri additivi plastici sono particolarmente pericolosi sia per la salute umana che per l’ambiente perché contengono sostanze chimiche che sono sospette cancerogene e interferenti endocrini.

Brighteon.TV

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare li ha già dichiarati come composti che alterano il sistema endocrino, affermando che le sostanze chimiche DINP interferiscono con la funzione ormonale.

Possono anche essere associati a effetti negativi sullo sviluppo e tossicità epatica e renale. Dati i relativi rischi, non sorprende nemmeno che le sostanze chimiche possano essere inserite nell’elenco delle sostanze chimiche tossiche.

Ciò che è allarmante è la prevalenza di questi additivi plastici e di altri ftalati, bisfenoli e composti che alterano il sistema endocrino che si possono trovare nei prodotti di uso quotidiano, dai giocattoli ai pavimenti, ai tessuti. Il BPA è uno degli esempi più noti di additivi plastici dannosi.

Ai produttori piace usare questi additivi perché rendono i prodotti più morbidi o flessibili, ma a un costo enorme. Queste sostanze chimiche hanno potenziali effetti sulla salute irreversibili e cronici.

Ridurre al minimo l’esposizione a sostanze chimiche tossiche

Gli additivi plastici e altre sostanze chimiche tossiche possono essere difficili da evitare, ma ci sono modi per ridurre al minimo l’esposizione. Inizia cercando prodotti realizzati con ingredienti completamente naturali o vegetali ed evitando quelli con elenchi estesi di ingredienti difficili da pronunciare.

Mentre i giocattoli aiutano a incoraggiare lo sviluppo, la creatività e l’immaginazione nei bambini, possono essere realizzati con sostanze chimiche pericolose come BPA, ftalati, piombo, formaldeide, sostanze chimiche ignifughe e PVC.

I bambini sono esposti a queste sostanze chimiche pericolose da quando escono dall’utero. Vengono dati massaggiagengive e ciucci che potrebbero esporli a sostanze chimiche dannose. (Correlato: alternativa al BPA presente nella plastica altrettanto dannosa per lo sviluppo embrionale e il sistema riproduttivo nello studio sugli animali.)

Man mano che i bambini crescono, diventa anche più difficile evitare del tutto i giocattoli di plastica e i genitori devono rimanere vigili e riciclare i giocattoli quando si usurano o quando la plastica trasparente diventa torbida.

I genitori possono optare per giocattoli in legno o materiali naturali anziché in plastica, optando anche per alimenti e vestiti biologici il più possibile. Sebbene possa essere difficile eliminare completamente gli additivi plastici, le persone possono ridurre al minimo l’esposizione ad essi.

Visita Chimica.news per ulteriori notizie sulle sostanze chimiche pericolose.

Guarda il video qui sotto per sapere come le nanoparticelle possono essere tossiche.

Questo video è del Canale TV TKWK attivo Brighteon.com.

Altre storie correlate:

Le sostanze chimiche tossiche dei rifiuti di plastica stanno migrando negli alimenti e danneggiando il suolo, avvertono gli esperti.

Le bottiglie sportive di plastica sono caricate con centinaia di sostanze chimiche nocive come un repellente per insetti che filtrano nella bevanda.

340 miliardi di dollari all’anno di spese sanitarie statunitensi legate alle sostanze chimiche presenti nella plastica, nei detersivi, nei cosmetici e nei giocattoli.

Le fonti includono:

NaturalHealth365.com

TheTot.com

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche