0 3 minuti 3 mesi

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


L’Unione Europea ha avvertito di una nuova ondata migratoria causata da una crisi alimentare globale esacerbata dalla guerra in Ucraina.

Aija Kalnaja, il nuovo direttore ad interim, ha detto ai giornalisti a Praga che il blocco era già pronto per i rifugiati che lasciavano l’Ucraina, ma che il problema più ampio sarebbe probabilmente un afflusso di persone da altre aree del mondo.

“Dobbiamo prepararci anche per i rifugiati provenienti da altre aree per motivi di sicurezza alimentare”, ha affermato Kalnaja. “Probabilmente sai che il trasporto di grano dall’Ucraina è ostacolato e questo creerà ondate migratorie”.

Il suo avvertimento segue la pubblicazione di un rapporto interno dell’UE di 27 pagine il mese scorso che ha evidenziato la minaccia di “una carestia catastrofica” che deve affrontare il Nord Africa.

Una crisi globale della fame potrebbe innescare “nuove ondate di proteste sociali, sfollamenti interni e migrazioni verso le regioni vicine e forse verso l’UE”, afferma il rapporto.

Un avvertimento simile è stato spedito del leader del partito della Lega italiana Matteo Salvini, che a maggio ha affermato che fino a 20 milioni di africani potrebbero tentare di entrare in Europa se l’interruzione delle forniture di grano continua.

Salvini ha avvertito che “si prevede una fame significativa nel continente africano, che sarà un problema umanitario, poi sociale e infine italiano”.

“Senza pace ci sarà la carestia in autunno e 20 milioni di africani saranno pronti per partire”, ha aggiunto.

Anche il presentatore televisivo britannico e famoso agricoltore Jeremy Clarkson scherzava solo a metà quando lui scherzato che la carenza di cibo globale causata dalla guerra in Ucraina potrebbe portare al cannibalismo.

Oltre alla crisi alimentare, c’è già un’enorme attrazione di persone che vogliono lasciare l’Africa, con l’Europa la loro destinazione preferita.

UN indagine di 15 paesi africani il mese scorso ha rivelato che più della metà dei giovani vuole lasciare il continente nei prossimi anni.

Come documentiamo nel video qui sotto, la crisi alimentare viene esacerbata dai tecnocrati globalisti che applicano tagli all’agenda verde che devasteranno l’industria agricola.

Gli agricoltori dei Paesi Bassi, uno dei maggiori esportatori di carne del mondo, hanno organizzato massicce proteste contro un piano per ridurre le emissioni di azoto che metterebbe molti di loro fuori mercato per sempre.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che tu ti iscriva alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Ottieni accesso anticipato, contenuti esclusivi e contenuti dietro le quinte seguendomi Locali.

—————————————————————————————————————————



Source link

Lascia un commento

Leggi anche