0 3 minuti 1 settimana

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Secondo i rapporti, la Banca centrale iraniana e il governo russo stanno lavorando insieme per emettere una nuova stablecoin supportata dall’oro da utilizzare nel commercio estero.

Iran e Russia vogliono emettere una nuova stablecoin supportata dall'oro 1

Iran e Russia stanno collaborando per sviluppare un “token della regione del Golfo Persico” che verrebbe utilizzato come forma di pagamento nel commercio internazionale, secondo l’agenzia di stampa russa Conoscenza.

Secondo Alexander Brazhnikov, direttore esecutivo della Russian Association of Crypto Industry and Blockchain, il token verrebbe probabilmente rilasciato come stablecoin supportato dall’oro.

Invece di utilizzare valute fiat come il dollaro USA, il rublo russo o il rial iraniano, la stablecoin intende consentire transazioni transfrontaliere. Secondo l’articolo, la possibile criptovaluta funzionerebbe nella zona economica speciale di Astrakhan, dove la Russia ha iniziato ad accettare le spedizioni di merci iraniane.

Il membro della commissione per la politica dell’informazione, la tecnologia dell’informazione e le comunicazioni dalla Russia Anton Tkachev ha sottolineato che un’iniziativa congiunta per la stablecoin sarebbe fattibile solo dopo che il mercato russo delle risorse digitali sarà stato completamente regolamentato. Ancora una volta la camera bassa del parlamento russo promesso iniziare a regolamentare le transazioni di criptovaluta nel 2023 dopo numerosi ritardi.

Russia e Iran sono due nazioni che vietano ai propri cittadini di effettuare pagamenti con criptovalute come Bitcoin e stablecoin come Tether (USDT). L’Iran e la Russia hanno entrambi lavorato duramente per utilizzare la criptovaluta nel commercio internazionale allo stesso tempo.

Tra le persistenti restrizioni al commercio internazionale, il ministero dell’Industria, delle miniere e del commercio iraniano ha approvato l’uso di criptovalute per le importazioni nell’agosto 2022. L’autorità regionale ha affermato che le azioni aggiuntive aiuterebbero l’Iran a ridurre le sanzioni commerciali internazionali. L’Iran ha quindi utilizzato 10 milioni di dollari di criptovaluta per effettuare il suo primo acquisto di importazione dall’estero.

Per ridurre gli effetti delle sanzioni internazionali, la Banca di Russia, che in precedenza si era opposta all’uso della criptovaluta come meccanismo di pagamento, ha accettato di consentirla nel commercio estero. Tuttavia, il regolatore non ha mai chiarito quale criptovaluta verrà utilizzata in queste transazioni.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche