0 7 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Alla fine di settembre 2021, il progetto Nord Stream 2 era una realtà dopo molti anni di incertezza.

A quel temporestavano solo pochi altri ostacoli normativi per la Germania e la Russia per siglare l’accordo sul gasdotto tanto atteso e altamente controverso.

Il raggiungimento di una tale impresa sarebbe stata una pietra miliare nella cooperazione energetica tra i due paesi. Purtroppo, l’ordine regionale si è spostato rapidamente e rapidamente fuori da quella pista e l’Europa è sprofondata in un pericoloso futuro di incertezza.

Nelle prime settimane della guerra iniziata dalla Russia in Ucraina, la Germania, insieme al resto d’Europa, si trovò rinchiuso in un angolo per quanto riguarda il suo approvvigionamento energetico poiché le sanzioni occidentali hanno interrotto rotte e collegamenti nelle infrastrutture energetiche e finanziarie regionali stabilite.

Non c’è stato alcun successo percettibile nel rompere questo legame. Invece, la Germania ha guardato il tempo scorrere. Gazprom russo di recente tagliare il flusso di gas per Nord Stream dall’1 al 20 percento della capacità.

Le centrali nucleari tedesche rimangono per lo più inattive, con tre strutture fornendo il 13 percento dell’elettricità del paese rispetto al 69 percento della Francia. Le centrali a carbone hanno ora aumentato la produzione, con l’inevitabile avvicinamento delle stagioni autunnali e invernali nel breve termine.

La realtà ha inizio

La Germania, e in effetti il ​​resto del mondo, ha operato nell’aspettativa che la tendenza generale al rialzo dello sviluppo e della crescita sperimentata nei paesi occidentali sarebbe continuata insieme ai crescenti legami globali che hanno creato un paesaggio di abbondanza e aumentato il tenore di vita generale.

Ma ora la più grande economia d’Europa si trova di fronte a un grave precipizio mentre incombe il pericolo di notevoli difficoltà nel breve termine.

L’opinione pubblica riflessa in a sondaggio di metà luglio mostra che quasi un tedesco su due è preoccupato che la Germania stia danneggiando se stessa più di quanto abbia un impatto sugli obiettivi politici della Russia attraverso severe sanzioni.

Il sentimento viscerale del profano al riguardo potrebbe ben catturare la realtà che le sanzioni tedesche sul gas naturale e sull’energia in particolare, così come le sanzioni occidentali in generale, hanno effetti autolesionistici sproporzionati. In un’impresa competitiva grave come la guerra e la sicurezza nazionale, questo sarebbe a dir poco la negligenza e l’autosabotaggio di primaria importanza.

Dolore in regressione

L’aumento dei costi energetici colpirebbe inevitabilmente la fascia della popolazione più povera ea basso reddito e significherebbe sicuramente un inverno difficile, anzi.

Il governo ha già iniziato a incoraggiare le persone a ridurre e risparmiare energia in previsione della carenza di energia. Di fronte alla cruda realtà, alcuni tedeschi si stanno persino rivolgendo immagazzinare legnaregredendo da una moderna infrastruttura energetica a pianificare seriamente di impegnarsi nella pratica preindustriale di bruciare legna per riscaldarsi questo inverno.

Questo non è un colpo banale al tenore di vita in uno dei paesi più sviluppati del mondo.

I leader delle principali industrie che alimentano l’economia tedesca hanno avvertito di seri problemi per la produzione in assenza di infrastrutture energetiche consolidate ma ora vulnerabili. Lo ha affermato il capo della società di tecnologia e ingegneria Bosch la produzione potrebbe essere interrotta presso le loro fabbriche.

Nel frattempo, il CEO di Siemens ha spiegato che il flusso costante di gas naturale è esistenziale per alcuni settori come la lavorazione del vetro. Il capo di BASF ha fatto commenti simili riguardo alla sua produzione di prodotti chimici critici coinvolti nelle aree già ristrette dell’agricoltura, dei prodotti farmaceutici e delle biotecnologie in tutto il mondo. Ciò a sua volta metterebbe a rischio l’occupazione di tutti coloro che lavorano in questi settori, con un effetto a catena di vasta portata.

Direttive sulla politica di agitazione

A partire da ottobre, la Germania dovrebbe implementare a prelievo su tutti i consumatori di gas per compensare le difficoltà che i fornitori di energia del paese stanno affrontando mentre si orientano verso fonti alternative. Secondo il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck, la tassa ammonterebbe tra 1,5 e 5 centesimi di euro per kilowattora, ovvero circa 1.000 euro in più all’anno per una famiglia di quattro persone.

Nel governo tedesco, critiche e dubbi della posizione intransigente della coalizione di governo contro la Russia sta crescendo. Il cancelliere Olaf Scholz aderisce al consenso occidentale di essere inequivocabilmente duro con la Russia, mentre i suoi ex oppositori politici Annalena Baerbock e Christian Lindner, ora rispettivamente ministro degli Esteri e ministro delle finanze, svolgono il sostegno politico, militare e finanziario della Germania all’Ucraina in questo conflitto .

La realtà del danno che queste politiche anti-russe hanno causato alla Germania ha fornito un’apertura agli oppositori politici per prendere la posizione contraria, sostenendo un allentamento della politica russa per allentare la pressione che minaccia di soffocare la sicurezza energetica della Germania e del resto del Europa. Un perno nella politica russa della Germania rappresenterebbe anche un perno rispetto alla politica di Washington.

Può essere vista come un’opportunità per la Germania di affermare la propria posizione decisionale e di leadership a livello politico in Europa, per non parlare del ruolo di attore nella propria sovranità. Forse in questo modo, la Germania può scegliere di risparmiare all’Europa il dolore economico causato da questa posizione da falco in gran parte guidata dagli Stati Uniti nei confronti dell’Est.

Anche se la Germania può trovare alternative energetiche praticabili, annullare la chiusura delle sue centrali nucleari o raggiungere un accordo sulla fornitura di gas con la Russia, le relazioni a lungo termine tra est e ovest sono state danneggiate. Le implicazioni di questo nuovo ordine geopolitico e regionale sono a dir poco gravi. Una crisi tedesca sarebbe una crisi per tutta l’Europa, che scuoterebbe l’intera Unione Europea e le numerose economie che la circondano.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche