0 6 minuti 2 settimane

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Immagine: l'FBI trova PIÙ documenti riservati a casa di Joe Biden poiché lo scandalo ora fa impallidire quello di Donald Trump

(Natural News) Tutti gli americani hanno sentito per settimane dopo che l’FBI ha condotto un raid senza precedenti nella tenuta di Mar-a-Lago dell’ex presidente Donald Trump ad agosto, apparentemente per “recuperare documenti altamente riservati” che il regime conosceva erano lì da più di un anno, è stato quanto è stato terribile e quanto “rischio” è stato sottoposto al paese dall'”atto sconsiderato”.

Non importa che Trump, in qualità di presidente, avesse l’autorità illimitata di declassificare tutti i documenti che desiderava in qualsiasi momento durante la sua presidenza – e ha detto che dopo il raid lo aveva fatto per quanto riguarda i documenti che aveva in suo possesso prima che gli venisse rubata la rielezione.

All’improvviso, dopo che documenti classificati in modo simile sono stati trovati in un ufficio privato che Joe Biden usava a Washington, DC, e nella sua casa di Wilmington, Del., la maggior parte delle stesse voci di sinistra che affermavano che Trump aveva distrutto il paese tacciono sugli abusi di Biden . Peggio ancora, Biden era un senatore degli Stati Uniti e vicepresidente; non ha mai avuto l’autorità per declassificare quei documenti, ora noti per essere stati presi dopo che lui e Barack Obama hanno scontato i loro due mandati.

Ma ora la situazione è ulteriormente peggiorata: Di più i documenti sono stati trovati a casa di Biden dopo una perquisizione dell’FBI (concordata dagli avvocati di Biden, a differenza di Trump, a cui non è mai stata data scelta) durante il fine settimana.

“Il Dipartimento di Giustizia ha preso possesso di materiali che riteneva rientrassero nell’ambito della sua indagine, inclusi sei elementi costituiti da documenti con contrassegni di classificazione e materiali circostanti, alcuni dei quali provenivano dal servizio del Presidente al Senato e altri dal suo mandato come Vice Presidente . Il DOJ ha anche preso per un’ulteriore revisione appunti scritti a mano personalmente dagli anni della vicepresidenza “, ha detto il consiglio del presidente alla Casa Bianca.

Brighteon.TV

La perquisizione è stata condotta venerdì per un periodo di 12 ore con l’approvazione degli avvocati del presidente, Cnn segnalato:

Questi sei oggetti si aggiungono ai materiali precedentemente trovati nella residenza di Biden a Wilmington e nel suo ufficio privato.

La perquisizione federale della casa di Biden, sebbene volontaria, segna un’escalation dell’indagine del consigliere speciale Robert Hur sulla gestione dei documenti riservati da parte del presidente e farà inevitabilmente paragoni con il suo predecessore, l’ex presidente Donald Trump, anche se la perquisizione dell’FBI della residenza di Trump è stata condotta in circostanze diverse.

Pochi giorni prima, il Dipartimento di Giustizia ha deciso di non monitorare gli avvocati del presidente Biden mentre cercavano documenti riservati che potrebbe aver maneggiato male, secondo quanto riportato Il giornale di Wall Street, rivelando chiaramente un enorme doppio standard. Va notato che non vi è ancora alcuna indicazione che gli avvocati del presidente dispongano delle autorizzazioni di sicurezza del governo appropriate per visualizzare documenti classificati di qualsiasi livello.

In una lettera della scorsa settimana al procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland, il deputato Jim Jordan (R-Ohio), ora capo della commissione giudiziaria della Camera, ha affermato che era responsabilità della sua commissione condurre una “supervisione” sullo scandalo in espansione e ha aggiunto che egli si aspettava che il Dipartimento di Giustizia collaborasse.

“Il 12 gennaio 2023, hai nominato Robert Hur come consigliere speciale per indagare su queste questioni”, hanno scritto Jordan e il rappresentante Mike Johnson (R-La.). “Le circostanze di questa nomina sollevano fondamentali questioni di supervisione che il Comitato esamina abitualmente. Ci aspettiamo la vostra completa collaborazione con la nostra richiesta.

“Non è chiaro quando il Dipartimento sia venuto a conoscenza per la prima volta dell’esistenza di questi documenti e se abbia attivamente nascosto queste informazioni al pubblico alla vigilia delle elezioni del 2022”, hanno scritto i due legislatori.

“Inoltre, non è chiaro quali interazioni, se ce ne sono state, il Dipartimento abbia avuto con il presidente Biden o i suoi rappresentanti in merito alla sua cattiva gestione di materiale classificato. Le azioni del Dipartimento qui sembrano discostarsi da come ha agito in circostanze simili”, continuava la lettera.

I due legislatori hanno continuato a strappare Garland per aver approvato un raid tipo Gestapo nella casa di Trump.

“In effetti, l’8 agosto 2022, nonostante le prove pubblicamente disponibili della collaborazione volontaria del presidente Trump, lei ha approvato personalmente la decisione di chiedere un mandato per accesso eccessivo e senza precedenti alla sua residenza privata. Il 15 agosto 2022, il comitato repubblicano ha scritto a te e al direttore dell’FBI Christopher Wray chiedendo documenti e informazioni relative all’irruzione dell’FBI nella residenza del presidente Trump”, hanno scritto.

Le fonti includono:

ConservativeBrief.com

WSJ. com

CNN. com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche