0 5 minuti 2 settimane

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Immagine: l'esperimento del

(Natural News) Il dottor Peter McCullough, il principale cardiologo che lotta per la salute della prossima generazione, ha dato un grave avvertimento sugli effetti a lungo termine dell’esperimento del “vaccino” mRNA.

“Una volta che le persone prendono questi vaccini, è di lunga durata, può entrare nel nucleo, cambiare il genoma umano e passare alle cellule figlie… il che significa che questo potrebbe effettivamente essere trasmesso alla progenie dei giovani genitori vaccinati”, ha detto . “Non potrebbero esserci notizie peggiori in questo momento. Speravamo che questo vaccino entrasse e uscisse dal corpo. Sembra che sia di lunga durata, causando un’enorme quantità di danni.

La proteina spike del vaccino non si degrada, persiste nei linfonodi, provoca imprinting immunitario

Il Dr. McCullough ha citato due importanti studi che sono rimasti incontrastati. In uno studio a Stanford, l’mRNA della proteina spike Pfizer persiste effettivamente nei linfonodi per diversi mesi, invece di degradarsi nel muscolo deltoide, come inizialmente promesso dai produttori di vaccini. Gli scienziati hanno scoperto che questo predispone l’individuo vaccinato a un certo grado di imprinting immunitario. In altre parole, il sistema immunitario della persona viene progettato per avere risposte preferenziali alle varianti virali incontrate inizialmente, influenzando negativamente lo sviluppo di anticorpi contro nuove varianti virali che continueranno a sfidare il sistema immunitario.

Fondamentalmente, i vaccini a mRNA stanno programmando il sistema immunitario umano per il fallimento, rendendo più difficile per le cellule immunitarie rispondere alle mutazioni in continua evoluzione che si stanno verificando nei coronavirus. Poiché le proteine ​​​​spike dell’mRNA persistono nel corpo per settimane (e in alcuni casi mesi), gli individui vaccinati non hanno risposte immunitarie robuste; invece, sono gravati da cardiotossine a lungo termine. Il sistema di consegna delle nanoparticelle lipidiche del vaccino è così invisibile che è in grado di fornire le istruzioni dell’mRNA a diversi organi come fegato, milza, cuore, reni, polmoni e cervello.

Brighteon.TV

Il vaccino a mRNA di Pfizer è retrotrascritto in linee di cellule epatiche umane

Lo studio di bio-distribuzione di Pfizer ha mostrato che le proteine ​​​​spike colpiscono il fegato, causando ingrossamento del fegato, vacuolizzazione, aumento dei livelli di gamma glutamil transferasi e aumento dei livelli di aspartato transaminasi e fosfatasi alcalina.

Nell’altro studio a cui ha fatto riferimento il dottor McCullough, gli scienziati hanno scoperto che l’intero codice genetico del vaccino Pfizer viene installato nelle linee cellulari del fegato umano. Lo studio, Trascrizione inversa intracellulare del vaccino mRNA BNT162b2 di Pfizer BioNTech COVID-19 in vitro nella linea cellulare di fegato umano, mostra che il vaccino BNT162b2 viene effettivamente retrotrascritto nel DNA attraverso cellule epatiche umane. L’mRNA entra nella linea cellulare epatica umana Huh7 in vitro e viene retrotrascritto intracellularmente nel DNA appena sei ore dopo l’esposizione. Gli scienziati vedono le prove che il processo di trascrizione inversa avviene attraverso la trascrittasi inversa endogena LINE-1.

I produttori di vaccini inizialmente avevano promesso che l’mRNA avrebbe solo riprogrammato il meccanismo di sintesi proteica della cellula, sfornando proteine ​​​​spike che potevano essere degradate rapidamente dal sistema immunitario innato. Questi produttori di vaccini hanno promesso che l’mRNA non sarebbe entrato nel nucleo delle cellule e non avrebbe alterato il DNA umano. Gli scienziati ora mostrano che il processo di trascrizione inversa sta avvenendo nel fegato e la colpa è del vaccino mRNA covid-19 di Pfizer BioNTech.

Ciò potrebbe avere gravi conseguenze per la prossima generazione di bambini, le cui cellule potrebbero essere programmate per sfornare proteine ​​​​del picco dell’mRNA dal giorno in cui sono concepite. Ciò potrebbe portare a livelli ancora maggiori di aborto spontaneo, nati morti e ictus nei bambini. La prossima generazione potrebbe essere letteralmente programmata geneticamente per soffrire di pericardite, aritmia, trombosi venosa profonda, embolia polmonare, infarto del miocardio, emorragia intracranica e trombocitopenia, tutte conseguenze ben documentate del vaccino a mRNA. Il danno al DNA è ora in corso e la parodia potrebbe diventare intergenerazionale. Poiché i bambini sono più suscettibili al danno della proteina spike a causa del loro basso volume sanguigno e dell’ingenuità delle loro cellule immunitarie, questo esperimento sull’mRNA potrebbe avere gravi conseguenze per le generazioni a venire.

Le fonti includono:

Bitchute.com

Cell. com

EMA.europa.eu [PDF]

MDPI. com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche