0 7 minuti 1 anno

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



La Federal Reserve ha concluso mercoledì la sua riunione del FOMC di settembre e ancora una volta ha lasciato in vigore la sua straordinaria politica monetaria di “emergenza”.

L’allentamento quantitativo continua senza sosta. I tassi di interesse restano a zero. Ma la Fed ha segnalato che potrebbe iniziare a ridursi facilitazione per quantità “presto.” Nel suo podcast, Peter Schiff ha analizzato la dichiarazione del FOMC e la conferenza stampa post-riunione del presidente della Fed Jerome Powell. Ha detto che pensa che quando si tratta di inasprire la politica monetaria, la Fed stia bluffando.

Questo era un incontro molto atteso della Fed. Peter si chiedeva perché, perché dopo tutte le speculazioni che hanno portato a questi incontri del FOMC, la Fed dice sempre più o meno la stessa cosa.

“L’economia è fantastica. Tutto sta andando alla grande. Il mercato del lavoro è forte. L’inflazione è contenuta. Eppure, non stiamo alzando i tassi. Non stiamo riducendo il nostro programma di acquisto di asset. Tutto è fantastico, ma non rimuoveremo nessuno dei supporti di politica monetaria di emergenza che abbiamo implementato quando tutto era terribile. Anche se ora va tutto bene, continueremo comunque con queste politiche, perché anche se non è eccezionale, non è perfetto”.

Ma la Fed lo ha indicato Maggio iniziare a ridurre gli acquisti di asset “presto”.

“Se i progressi continuano ampiamente come previsto, il Comitato ritiene che presto potrebbe essere giustificata una moderazione nel ritmo degli acquisti di attività”.

Per quanto riguarda l’aumento dei tassi di interesse – ora indicato come liftoff – più membri del FOMC ora pensano che potrebbe accadere già il prossimo anno. Ma il presidente della Fed Jerome Powell fa di tutto per assicurare a tutti che il decollo è ancora molto lontano e che i banchieri centrali non stanno ancora considerando una tempistica per gli aumenti dei tassi. Powell ha ripetutamente affermato che la Fed non inizierà ad aumentare i tassi fino al completamento del tapering. Ciò significa che nessuno può stabilire una linea temporale per il decollo finché non abbiamo una linea temporale per il tapering.

Il FOMC ha declassato le sue previsioni di crescita economica a un aumento del PIL del 5,9% quest’anno rispetto alle previsioni del 7% di giugno.

Sul fronte dell’inflazione, la Fed ora riconosce che i prezzi stanno aumentando più velocemente di quanto previsto. La nuova previsione è che l’inflazione core aumenterà del 3,7% quest’anno. Ciò si confronta con una proiezione del 3% a giugno.

Pur riconoscendo l’aumento dei prezzi, Powell continua a dare la colpa ai problemi della catena di approvvigionamento.

“Questi effetti di collo di bottiglia sono stati maggiori e più duraturi del previsto. Sebbene questi effetti sull’offerta siano importanti per ora, diminuiranno. E mentre lo fanno, l’inflazione dovrebbe tornare indietro verso il nostro obiettivo a lungo termine”.

Come sottolinea Peter, la Fed non si assume mai alcuna responsabilità per l’aumento dell’inflazione. Nel mondo della Fed, niente di tutto ciò è una funzione della politica monetaria. Non ha niente a che fare con i troppi soldi. È appena non abbastanza roba.

Naturalmente, Powell continua a promettere che se l’inflazione diventa un problema più grande, la Fed ha gli strumenti per combatterla. Peter ha detto che è un bluff.

“Se la Fed fosse stata effettivamente disposta a utilizzare gli strumenti, li avrebbe già utilizzati. Il fatto che quegli strumenti siano ancora sepolti nel capannone da qualche parte dimostra che non hanno intenzione di usarli, anche se riescono a trovarli”.

Ancora una volta, tutti stavano cercando la Fed per elaborare un piano per ridurre il QE. E ancora una volta, la Fed ha appena parlato vagamente di rallentare il ritmo degli acquisti di asset. Tutto quello che Powell and Company ha detto è che potrebbero iniziare presto un graduale processo di tapering, forse.

Nota tutte le parole condizionali nella dichiarazione della Fed. Il tapering “potrebbe presto essere giustificato”. Naturalmente, ciò significa che potrebbe non essere presto giustificato. E cosa significa esattamente “presto”? Cosa significa “moderazione” nel ritmo degli acquisti di asset?

Durante la sessione di domande e risposte, Powell ha detto che pensava che il tapering sarebbe finito entro la fine del prossimo anno. Ma siamo quasi a settembre e non c’è il tapering. Powell ha ribadito che non hanno preso la decisione di diminuire e che non c’è un calendario diverso da quello che sarà “graduale”. Peter ha detto che se fossero stati davvero vicini al tapering, avrebbero almeno deciso un orario.

“Direbbero: ‘Ehi, è così che lo faremo, e lo implementeremo prima o poi, ma avrebbero già deciso un qualche tipo di struttura.’ Ma secondo Powell, non hanno ancora avuto quelle discussioni. Stanno trattenendo quelle discussioni finché non hanno già deciso di diminuire. E non prenderanno nemmeno quella decisione fino a un certo punto in futuro”.

La prima proiezione per l’inizio del tapering è forse a dicembre.

“Se il primo che possono effettivamente iniziare il tapering è a dicembre – e Powell ha ripetutamente affermato che il tapering sarà un processo molto graduale. Accadrà molto lentamente. Bene, se sarà finito entro la metà del 2022, allora dovrai concludere tutto in sei mesi. Bene, come è lento? Stai passando da $ 120 miliardi al mese e lo ridurrai a zero – in sei mesi? Non sarebbe lento. Sarebbe piuttosto rapido, soprattutto considerando il ritmo dell’ultimo taper. Quindi, per me, questo dimostra solo che l’intera faccenda è uno spettacolo. Non stanno pensando al tapering.”

Peter ha detto che la realtà è che la Fed continua a bluffare di avere tutto sotto controllo. Non è così.

In questo podcast, Peter parla anche di come le politiche della Fed abbiano danneggiato in modo sproporzionato gli afroamericani, i repubblicani e il tetto del debito, Evergrande e cosa farà l’oro quando i mercati si renderanno conto che la Fed sta gridando al lupo.


Alex Jones parla con Tim Pool della fine dell’America



Source link

Lascia un commento

Leggi anche