0 2 minuti 5 mesi


Un’indagine di WalletHub sulle più grandi città degli Stati Uniti ha scoperto che le prime tre “peggior run” sono principalmente controllate dai Democratici.

WalletHub ha esaminato l’efficienza operativa di 150 città per determinare quali sono gestite meglio. Hanno utilizzato un punteggio di “Qualità dei servizi” di 38 parametri raggruppati in sei categorie di servizi (stabilità finanziaria, istruzione, salute, sicurezza, economia, infrastrutture e inquinamento), che hanno rivelato Washington, DC, San Francisco e New York sono i tre peggiori.

Le città che hanno ottenuto i primi posti peggiori non sono una sorpresa. Tutti e tre sono sotto il controllo democratico e afflitti da crimini violenti fuori controllo e tasse elevate. San Francisco e New York hanno sperimentato un aumento delle migrazioni in uscita dopo il COVID perché le politiche di sinistra fallite hanno trasformato quelle aree metropolitane in zone di guerra.

Secondo WalletHub, alcune delle città “migliori” di alto livello erano controllate dai repubblicani.

Il miglioramento della qualità della vita è stato un obiettivo primario tra molti americani che sono fuggiti dalle aree metropolitane liberali per quelle più piacevoli. La migliore protesta che si possa fare per definanziare i Democratici è trasferirsi.

Questo è esattamente ciò che il miliardario Ken Griffin fatto questo mese. Lui e il quartier generale di Citadel Securities si sono trasferiti da Chicago (classificata tra le prime dieci peggiori città da WalletHub) a Miami (non così male).

Griffin ha recentemente affermato: “Chicago è come l’Afghanistan, in una buona giornata, e questo è un problema”. Quindi sembra che la mossa fosse basata sul miglioramento della qualità della vita (sicurezza).

I risultati di WalletHub consentono a coloro che vivono nelle città peggiori di prendere decisioni migliori sulla salute delle loro comunità e capire se è il momento di trasferirsi in una città meglio gestita per migliorare la propria qualità di vita. Griffin ce l’ha fatta.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche