0 6 minuti 6 giorni

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Dopo aver sperimentato su topi più anziani, l’autore principale, il professor Michael Sheetz dell’Università del Texas, afferma che le onde ultrasoniche hanno un effetto “fonte della giovinezza” sulle cellule.

Le onde ultrasoniche mostrano l'effetto

Secondo uno studio recente, la terapia ad ultrasuoni potrebbe essere in grado di rallentare, arrestare o addirittura invertire il processo di invecchiamento. I ricercatori del Texas stanno cercando di colpire le cellule umane con onde a bassa frequenza per far tornare indietro le lancette del tempo. Le cellule vengono risvegliate da uno stato simile a uno “zombie” che porta a disfunzioni e persino malattie dal processo, che avvia la divisione cellulare.

I topi più anziani utilizzati negli esperimenti avevano le loro cellule ringiovanite, permettendo loro di correre più velocemente e più lontano su un tapis roulant. La schiena curva di una persona è stata persino curata dopo essere peggiorata.

“L’abbiamo trattato due volte con gli ultrasuoni ed è tornato a comportarsi normalmente. Non credo che ringiovanimento sia un termine troppo forte”, afferma l’autore principale, il professor Michael Sheetz dell’Università del Texas, secondo una dichiarazione fornita dal South West News Service per Nuovo scienziato.

La ricerca offre speranza per prevenire la fragilità e mantenere le persone attive nella loro anni ’70 e ’80. Per determinare se il metodo è sicuro ed efficace nella prevenzione dei disturbi legati all’età, è attualmente in programma uno studio clinico.

“’È troppo bello per essere vero?’ è la domanda che mi faccio spesso. Ne stiamo esaminando tutti gli aspetti per vedere se funziona davvero», spiega il prof. Sheetz.

Le onde sonore sono molto più basse di quelle utilizzate dalle scansioni mediche

Le cellule del nostro corpo smettono di dividersi e diventano senescenti dopo un determinato numero di divisioni. Alcune persone rilasciano tossine infiammatorie nel corpo. Tutto, dall’artrite all’Alzheimer, è stato collegato a questo. La ricerca precedente si è concentrata su “risciacquare” le cellule morte e morenti. Il primo studio che dimostra che possono essere “rianimati” è questo.

Bassi dosaggi di onde ultrasoniche, secondo il Prof. Sheetz e il suo team, hanno fatto sì che le cellule senescenti di esseri umani e scimmie ricominciassero a dividersi e arrestassero la creazione di tossine che contaminano le loro controparti sane. In genere, le cellule della pelle umana iniziano a deteriorarsi dopo 15 divisioni. In questo caso, hanno raggiunto i 24 senza mostrare alcuna anomalia.

La frequenza degli ultrasuoni era inferiore a 100 kilohertz, ben al di sotto dei 2.000 circa utilizzati per immagini mediche. I limiti sono ancora oggetto di indagine attraverso test. Il lavoro apre la strada alla crescita di cellule per lo studio scientifico e il trattamento di individui anziani.

I topi sono stati immersi in acqua calda che copriva almeno la metà del loro corpo, secondo i ricercatori. Avevano all’incirca l’età di una persona di 60 o 70 anni, tra i 22 ei 25 mesi. Rispetto al viaggio in aria, onde ultrasoniche perdere meno energia quando si viaggia attraverso l’acqua. Rispetto ai colleghi che sono stati messi nella vasca ma non trattati, i roditori da laboratorio hanno ottenuto risultati migliori negli esami fisici. Inoltre, sono stati impiegati coloranti fluorescenti che illuminano le cellule senescenti per visualizzare le proporzioni dei reni e successivamente il pancreas è diminuito.

“Aspetti di questo sono ancora sconcertanti”, afferma il prof. Sheetz.

In che modo il trattamento ringiovanisce le cellule?

La distorsione fisica delle cellule causata dagli ultrasuoni, che ha effetti simili a quelli dell’esercizio fisico, forse una spiegazione biologica del perché questo trattamento sembra essere efficace. In particolare, potrebbe attivare sistemi interni di smaltimento dei rifiuti che smettono di funzionare cellule senescenti.

Il prof. Jurgen Gotz dell’Università del Queensland, che non è stato coinvolto nello studio, ha ritenuto che le prove fossero solide.

“Ma penso che sia necessario più lavoro per definire i parametri ecografici effettivi”, afferma il prof. Gotz in una dichiarazione di SWNS.

Ha detto che quando si tratta di persone, ossa e polmoni bloccano la trasmissione degli ultrasuoni. Il suo team australiano ha dimostrato che i topi esposti agli ultrasuoni a una frequenza più elevata hanno una memoria migliorata. C’è già un piccolo esperimento in corso per indagare se questo può giovare ai malati di Alzheimer.

Gli ultrasuoni sono stati utilizzati per decenni come terapia per una vasta gamma di condizioni. La sperimentazione pianificata dal team del Prof. Sheetz coinvolgerà persone con osteoartrite che immergono i loro corpi in acqua e persone con ulcere del piede diabetico che riceveranno pediluvi come trattamento. Teoricamente, qualsiasi farmaco che promuova la divisione cellulare potrebbe aumentare la possibilità di cancro, ma secondo la ricerca del Prof. Sheetz, non ci sono prove di questo trattamento successivo.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche