0 5 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: STUDIO: Le maschere per il viso pullulano di batteri e funghi che causano malattie

(Natural News) I ricercatori giapponesi hanno appena pubblicato un articolo sulla rivista Rapporti scientifici che decostruisce la falsa idea che le maschere facciali proteggano dalle infezioni e dalla diffusione del coronavirus di Wuhan (Covid-19).

Si scopre che le maschere per il viso lo sono piastre di Petri per gli agenti patogeni a marcire e moltiplicarsi, siano essi l’influenza Fauci, il comune raffreddore o un’infezione fungina. Se provoca una malattia, troverà una casa nella rete di una maschera facciale, ha rilevato lo studio.

“Poiché le maschere possono essere una fonte diretta di infezione delle vie respiratorie, del tratto digestivo e della pelle, è fondamentale mantenere la loro igiene per prevenire infezioni batteriche e fungine che possono esacerbare COVID-19”, hanno scritto delicatamente gli autori.

Uno dei primi studi ad affrontare i problemi di igiene associati all’indossare una maschera, il documento ha esaminato 109 partecipanti di età compresa tra i 21 e i 22 anni che hanno indossato una maschera tra settembre e ottobre del 2020, l’altezza del plandemico.

Ad ogni partecipante è stato chiesto il tipo di maschera utilizzata, nonché per quanto tempo, in media, è stata indossata. I ricercatori hanno quindi raccolto batteri e funghi dai tre tipi di maschere identificati: garza, poliuretano (plastica) e tessuto non tessuto.

Quello che hanno scoperto è che i batteri tendevano a marcire all’interno delle maschere dove sono più vicini al viso mentre l’esterno delle maschere tendeva a ospitare più funghi. (Correlato: dozzine di studi scientifici dimostrano che le maschere per il viso aumento rischio di malattia e morte.)

Più a lungo viene indossata una maschera, i ricercatori hanno ulteriormente scoperto, più batteri e funghi si moltiplicano.

“[F]ungi e le loro spore sono resistenti all’essiccazione”, spiega il giornale. “[T]possono sopravvivere nella condizione in cui le maschere si seccano.

Brighteon.TV

Indipendentemente dal tipo di maschera utilizzata, batteri e funghi la adorano

I peggiori trasgressori sono state le maschere di plastica e garza, che sono risultate contenere un numero di colonie di funghi molto maggiore rispetto al tipo di maschera non tessuta, che ha tre strati: due strati di tessuto che racchiudono un filtro di strato intermedio non tessuto.

Le maschere lavabili e riutilizzabili non erano migliori, hanno scoperto anche i ricercatori, con loro grande sorpresa.

“Il metodo di pulizia corretto per le mascherine in cotone è stato raccomandato per ridurre la carica microbica sulle mascherine”, hanno scritto.

“Tuttavia, negli esperimenti attuali, non abbiamo trovato differenze significative nel numero di colonie batteriche o fungine sulle maschere basate sul lavaggio”.

Indipendentemente dal tipo di maschera utilizzata da una persona, da ciò che fa ogni giorno, dalla durata e dalla modalità del viaggio da e verso il lavoro e altri luoghi, ecc., il rischio di essere esposti a pericolosi agenti patogeni è praticamente lo stesso.

“Non abbiamo riscontrato differenze nella conta delle colonie batteriche o fungine su entrambi i lati delle maschere tra i tre sistemi di trasporto”, hanno spiegato gli autori dopo aver esaminato le maschere attraverso le lenti dei trasporti pubblici, l’uso dei veicoli personali e le passeggiate a piedi o in bicicletta.

Anche se una persona fa i gargarismi una volta al giorno e adotta altre misure protettive per mantenere pulita una maschera, accumulerà comunque batteri e funghi lo stesso, rivela ulteriormente il documento.

Mentre alcuni dei batteri e dei funghi identificati sono generalmente innocui, altri sono collegati a sintomi di intossicazione alimentare e infezioni da stafilococco. Nel caso dei funghi, quelli che si accumulano sulle maschere sono legati a cose come tigna, piede d’atleta e prurito.

Nella loro conclusione, gli autori hanno scritto che le persone dovrebbero “evitare l’uso ripetuto di maschere per prevenire l’infezione microbica”, specialmente se hanno un sistema immunitario indebolito.

“Ad oggi, le prove sono stabili e chiare che le maschere non funzionano per controllare il virus e possono essere dannose e soprattutto per i bambini”, afferma il dottor Paul Alexander, epidemiologo e ricercatore.

Le ultime notizie sui veli per il viso Fauci Flu possono essere trovate su BadMedicine.news.

Le fonti per questo articolo includono:

TheEpochTimes.com

NaturalNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche