0 3 minuti 3 mesi


L’Australia esprime “serie preoccupazioni” su un possibile accordo

Le Isole Salomone sono state aspramente criticate dall’Australia perché lo stato insulare nel Pacifico vuole concludere un patto di sicurezza con la Cina.

Secondo una bozza dell’accordo trapelata, che non è ancora stata finalizzata, le Isole Salomone potrebbero “richiedere alla Cina di inviare polizia, polizia armata, personale militare e altre forze dell’ordine e forze armate”. La Cina sarebbe anche in grado di “fare visite navali per fornire rifornimenti logistici, scali e un periodo di transizione alle Isole Salomone”.

La notizia ha alimentato la speculazione in Australia e Nuova Zelanda secondo cui la Cina prevede di creare una base militare nelle Isole Salomone, a circa 1.200 miglia a nord della costa australiana. Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che il potenziale accordo ha suscitato “gravi preoccupazioni” in tutta la regione del Pacifico.

Martedì il primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavare si è espresso contro le critiche. “Troviamo molto offensivo essere descritti come incapaci di gestire i nostri affari sovrani”, ha detto. “La nostra politica di sicurezza non avviene nel vuoto e non avviene senza considerazione per tutti i nostri partner.

Sogavare ha anche respinto le affermazioni secondo cui le Isole Salomone avrebbero subito pressioni nell’accordo da parte della Cina. “Il trattato di sicurezza arriva su richiesta delle Isole Salomone e non abbiamo subito pressioni in alcun modo dai nostri nuovi amici”, ha detto.

Le Isole Salomone si sono avvicinate alla Cina negli ultimi anni. Nel 2019, la nazione insulare del Pacifico ha interrotto i legami diplomatici con Taiwan e ha stabilito legami ufficiali con Pechino.

Il potenziale accordo arriva dopo che l’Australia ha adottato misure per aumentare la cooperazione militare con gli Stati Uniti e i suoi alleati nella regione Asia-Pacifico nei confronti della Cina. L’anno scorso, Australia, Stati Uniti e Regno Unito hanno firmato il patto militare AUCUS, dando a Canberra l’accesso alla tecnologia per costruire sottomarini a propulsione nucleare che potrebbero essere utilizzati per pattugliare le acque vicino alla Cina.

All’inizio di quest’anno, Australia e Giappone hanno firmato un patto militare che consentirebbe alle forze armate dei due paesi di condurre esercitazioni sul territorio dell’altro. Australia e Giappone sono – insieme a Stati Uniti e India – membri del Quad, un gruppo militare informale che alcuni falchi di Washington vedono come una potenziale base per un’alleanza asiatica in stile NATO.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche