0 3 minuti 2 mesi



Un video di un’attrice canadese che ha subito una paralisi facciale poco dopo il suo jab Covid sta diventando virale, con molte persone sorprese dal modo in cui ha ancora promosso il vaccino sperimentale nonostante i suoi gravi effetti collaterali.

In un video da maggio 2021, l’attrice Jennifer Gibson ha documentato come ha sviluppato la paralisi di Bell che paralizza metà del suo viso entro due settimane dall’assunzione del jab di AstraZeneca.

“Questo non è un video che voglio fare”, dice Gibson, scoppiando in lacrime.

“Mi è stata diagnosticata la paralisi di Bell, che è una paralisi su un lato del viso. Per me è la sinistra, ovviamente”.

Gibson confessa di aver ricevuto il vaccino per aiutare le cose a tornare alla normalità. Per essere chiari, il video è stato girato mentre il governo canadese ha inondato i suoi cittadini con blocchi e propaganda a favore del vaccino.

“Quindi l’ho ricevuto circa due settimane dopo aver ricevuto il mio vaccino e ho avuto un duro tentativo con il vaccino – e credo che lo sia ancora – ma devo dire che lo rifarei perché è quello che dobbiamo fare per vedere le persone. “

Gibson ha continuato a mostrare il suo “sorriso strano”.

Poco dopo aver preso il jab, ma prima che la sua reazione avversa emergesse, Gibson ha commentato che era grata per il vaccino.

In un’intervista con CityNews Toronto, Gibson ha ribadito ancora una volta che non avrebbe scoraggiato le persone dal ricevere il vaccino, nonostante la sua paralisi facciale.

Gibson sembra aver preso il colpo AZ, nonostante il Canada un mese prima avesse annunciato che lo avrebbe fatto sospendere Distribuzione del vaccino AstraZeneca Covid a persone sotto i 55 anni citando problemi di coaguli di sangue.

I post di Gibson, ora immortalati per sempre su Internet, sembrano essere stati rivisitati come un ottimo esempio della sindrome di Stoccolma e dell’efficacia del lavaggio del cervello liberale.








Source link

Lascia un commento

Leggi anche