0 3 minuti 2 settimane


Nel tentativo di dimostrare il proprio stato d’animo, la squadra tedesca ai Mondiali ha posato per una foto prima della partita con il Giappone con la bocca coperta dopo che gli era stato detto che non potevano indossare le fasce antidiscriminazione “OneLove”.

Immagine: screenshot di Twitter @labordeolivier

Presa la Coppa del Mondo nel paese a maggioranza musulmana del Qatar ha provocato una serie di conflitti culturali.

Da divieto di alcol vendite nei luoghi di gioco, a Commenti dall’ambasciatore della Coppa del Mondo del Qatar, alle accuse di abusi sul lavoro, l’evento internazionale è carico di polemiche.

DI TENDENZA: ESCLUSIVO: Le gare per la Camera degli Stati Uniti a votazione ridotta AZ GOP hanno ricevuto migliaia di voti in più rispetto alle gare AZ per Gov, SoS, AG e Senato degli Stati Uniti – IMPOSSIBILE

La FIFA, l’organo di governo del calcio mondiale, ha annunciato istruzioni agli arbitri di emettere cartellini gialli su tutti i capitani delle squadre che non indossassero una fascia da capitano ufficialmente approvata, vietando di fatto le fasce “OneLove”.

La squadra tedesca ha reagito a questa restrizione posando con la bocca coperta.

Lo riferisce il Daily Mail che i tifosi di calcio tedeschi non sono impressionati:

Mentre i giocatori della Germania cercavano di fare una dichiarazione politica fuori dal campo, i tifosi li hanno accusati di non aver fatto una dichiarazione in campo, poiché subito dopo sono stati sconfitti per 2-1 dal Giappone.

Molti fan insistono sul fatto che gli uomini di Hansi Flick “meritassero” di perdere per essersi concentrati “solo sulla politica”, sostenendo di essere stati “sviati” nel processo.

Un fan ha scritto: “La Germania se lo meritava per essere così ossessionata dai bracciali arcobaleno e dalla politica”.

Un altro ha detto: ‘Non lasciarti distrarre dalla ‘politica’ e gioca solo a calcio. Tutti questi inutili segnali di virtù non ti aiutano a vincere. La Germania avrebbe dovuto vincere questo.’





Source link

Lascia un commento

Leggi anche