0 3 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Criticando la legislazione russa che vieta la propaganda LGBTQ, la pedofilia e il cambio di sesso, i funzionari statunitensi stanno interferendo negli affari interni della nazione, ha detto venerdì l’ambasciata di Mosca a Washington. Ha inoltre esortato gli Stati Uniti a rispettare le opinioni del popolo russo.

In una dichiarazione, l’ambasciata ha detto di aver preso nota “le dichiarazioni di numerosi funzionari statunitensi” criticando il disegno di legge, approvato giovedì dal parlamento russo.

“Consideriamo tali dichiarazioni come una grave interferenza nei nostri affari interni”, ha detto la missione diplomatica, aggiungendo che “La Russia sostiene costantemente la protezione dei valori tradizionali della famiglia” e rifiuta “tentativi da parte degli stati occidentali, guidati dagli Stati Uniti, di imporre idee pseudo-liberali e perverse sui diritti umani ad altri paesi”.

L’ambasciata ha chiesto agli Stati Uniti di rispettare la decisione dei cittadini russi “aderire alle linee guida morali” che sono stati abbracciati da molte generazioni e lo sono “la base dell’identità civica russa”.

Giovedì, la Duma di Stato russa ha approvato la terza e ultima lettura di un disegno di legge che vieta completamente la propaganda LGBTQ. Il disegno di legge “sulla protezione dei valori tradizionali”, sostenuto da tutti i 397 parlamentari, criminalizza la promozione di “rapporti sessuali non tradizionali” in pubblicità, libri, film e media.

Il disegno di legge prevede pesanti multe per i trasgressori, con le persone che rischiano una sanzione di 400.000 rubli ($ 6.600) e fino a 5 milioni di rubli (circa $ 83.000) per le persone giuridiche, per la propaganda LGBTQ. Le multe proposte per la promozione della pedofilia sono il doppio di tali importi, mentre gli attori stranieri che non rispettano la legislazione rischiano l’espulsione dalla Russia.

Il disegno di legge non è ancora entrato in vigore ma dovrebbe essere firmato dal presidente Vladimir Putin.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha chiamato la legislazione “un altro duro colpo alla libertà di espressione e ai diritti umani delle persone LGBTQI+ in Russia”.

Prima del voto alla Duma di Stato, Blinken ha esortato i legislatori russi a ritirare il disegno di legge e “rispettare i diritti umani e la dignità di tutti”. Il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin ha esortato i parlamentari a rispondergli esprimendo la loro opinione nel voto.




Source link

Lascia un commento

Leggi anche