0 2 minuti 1 settimana


Il ministro degli Esteri Baerbock spinge per l’estensione dell’operazione militare in Mali, per motivi puramente strategici. La missione in Mali è fallita, così come quella in Afghanistan.

Il governo federale sta rinviando il previsto ritiro della Bundeswehr dal Mali al maggio 2024 per far valere gli interessi strategici della Germania nel Sahel per un anno in più. Su questo hanno concordato il ministro degli Esteri Annalena Baerbock e il ministro della Difesa Christine Lambrecht. Mentre Lambrecht aveva chiesto che la missione terminasse quando l’attuale mandato della Bundeswehr si sarebbe concluso nel maggio 2023, Baerbock aveva chiesto una proroga – per ragioni che non avevano nulla a che fare con gli interessi del Mali: l’influenza della Russia nel Sahel doveva essere messa da parte, il Ministero degli Esteri ha spiegato il ministro; È stato anche affermato che la partecipazione tedesca alla missione ONU in Mali sarebbe stata vantaggiosa per fare campagna per un rinnovato seggio tedesco nel Consiglio di sicurezza dell’ONU. Quando la Bundeswehr è stata schierata in Afghanistan alla fine del 2001, ha condiviso il fatto che interessi puramente strategici dominavano la missione in Mali, fallita l’anno scorso dopo quasi due decenni di crimini di guerra, mancanza di sforzi di ricostruzione e ignoranza occidentale. Ha molti parallelismi con lo stesso



Source link

Lascia un commento

Leggi anche