0 5 minuti 2 settimane

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Immagine: la pietra runica più antica del mondo inscritta quasi 2000 anni fa trovata in un'antica fossa di cremazione in Norvegia

(Natural News) Gli archeologi in Norvegia hanno annunciato il 17 gennaio di aver trovato la pietra runica più antica del mondo. Il blocco piatto e quadrato di arenaria brunastra con iscrizioni realizzate quasi 2000 anni fa potrebbe essere il primo esempio di scrittura in Scandinavia.

La cosiddetta pietra di Svingerud, scoperta in una fossa di cremazione piena di ossa bruciate e carbone datata tra l’1 d.C. e il 250 d.C., misurava 312,2 pollici per 12,6 pollici. È stato scoperto durante uno scavo di una tomba nel comune di Hole nella regione di Ringerike, a ovest della capitale norvegese Oslo.

“Questa scoperta ci darà molte conoscenze sull’uso delle rune nella prima età del ferro. Questo potrebbe essere uno dei primi tentativi di usare le rune in Norvegia e Scandinavia sulla pietra”, ha detto il professor Kristel Zilmer del Università di Oslo (Uio). “Privo di [a] dubbio, otterremo preziose conoscenze sulla storia antica della scrittura runica. (Correlato: gli antichi testi cinesi potrebbero essere il più antico atlante anatomico sopravvissuto, reperti di studio.)

Otto rune sulla parte anteriore della pietra sono state tradotte in “Per Idibera”, che potrebbe essere la persona cremata nella fossa. Zilmer ha tuttavia osservato che è necessario fare ulteriore lavoro per decodificare le rune sulla pietra.

“Avevamo bisogno di tempo per analizzare e datare la pietra runica”, ha detto al Stampa associata.

La Svingerud Stone sarà esposta per un mese a partire dal 21 gennaio al Museo di storia culturale di Oslo. Il museo, che fa parte di UiO, ospita la più grande collezione norvegese di manufatti storici dall’età della pietra ai tempi moderni.

Brighteon.TV

Le rune sono un insieme di caratteri usati per scrivere diverse lingue germaniche prima dell’adozione dell’alfabeto latino. I vichinghi usavano principalmente le versioni scandinave dei personaggi, chiamate futhark.

Le rune venivano usate per immortalare eventi chiave nella società scandinava

La maggior parte degli esempi di rune ottenuti dalla Scandinavia provengono dalla Svezia, con oltre 3.000 iscrizioni. La vicina Danimarca, nel frattempo, ha contribuito con circa 250 pietre runiche dell’era vichinga.

Lo scopo principale delle rune era quello di contrassegnare il territorio, spiegare l’eredità, vantarsi delle costruzioni, portare gloria ai parenti defunti e parlare di eventi importanti. Ma durante un’intervista con Scienza NorvegiaZilmer ha ipotizzato che la Svingerud Stone potrebbe essere stata usata per commemorare i morti o servire come pratica per qualcuno che apprende i personaggi.

Nel 2020, gli archeologi sono riusciti a decodificare le rune incise su una famosa reliquia vichinga nota come Rok Stone. La pietra, alta più di otto piedi, è stata costruita alla fine dell’800 vicino al lago Vattern, nella Svezia centro-meridionale. Mentre più di 700 rune coprono i suoi cinque lati, i pezzi mancanti o consumati della roccia hanno reso difficile per gli esperti decodificare il significato della pietra.

La teoria prevalente era che la Rok Stone fosse una dedica a Teodorico il Grande, il leggendario re ostrogoto che regnò in quella che oggi è l’Italia.

Ma nel gennaio 2020, gli archeologi hanno affermato che le rune sulla pietra riguardano la paura di un genitore affranto che il freddo che ha ucciso il loro bambino possa tornare. Hanno aggiunto che la pietra parla di una battaglia duratura contro il freddo intenso nel sesto secolo. È risaputo che durante il sesto e il settimo secolo, più della metà di tutti gli scandinavi morì a causa del freddo che causò una distruzione diffusa.

Guarda questo video che delinea il segreto delle rune dell’anziano Futhark.

Questo video è dal canale Chandor in poi Brighteon.com.

Altre storie correlate:

L’uomo e il suo cane: si stima che una nuova scoperta di immagini rupestri scolpite che mostrano cani al guinzaglio abbia 9.000 anni.

Uno studio recente rivela che il testo antico trovato nel 2012 è la “più antica mappa degli inferi esistente”.

Antiche sculture in pietra raffigurano un massiccio impatto di una cometa 13.000 anni fa che ha quasi fatto estinguere gli esseri umani.

Arte antica: gli scienziati scoprono 143 nuovi disegni al tratto di Nazca precedentemente nascosti in Perù.

Ingegno innato: gli scavi etiopi portano alla luce antichi strumenti di pietra, alcuni dei più antichi mai scoperti a più di 2,58 milioni di anni.

Le fonti includono:

DailyMail.co.uk

ABCNews.go.com

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche