0 6 minuti 2 mesi


La nuova campagna per la paura delle varianti è nata all’inizio di questa settimana con un thread su Twitter di Tom Peacock, un postdoc sulla trentina che lavora all’Imperial College di Londra. Ha messo in moto gli ingranaggi attraverso la sua interpretazione allarmistica della variante, descrivendo il nuovo ceppo come avente un “profilo di mutazione Spike davvero orribile”.

I media aziendali, i governi mondiali e altre istituzioni hanno rigurgitato i proclami sulla pandemia di Peacock, scatenando una nuova serie di richieste autoritarie da parte della classe dirigente.

L’attuale nuovo panico da ceppo arriva in un momento in Europa in cui i casi di COVID-19 sono in aumento nel continente, nonostante l’abbraccio universale delle iniezioni di mRNA che erano state promesse per risolvere il problema COVID-19.

Secondo quanto riferito, questo “nuovo ceppo” è stato trovato in Europa, spingendo ulteriormente la narrativa dei media nell’abisso totalitario.

Con le affermazioni diffuse alle masse dalla Big Tech e dai governi mondiali, Gates Inc e l’Organizzazione mondiale della sanità influenzata dalla Cina stanno seminando il massimo del panico e del terrore.

Al di fuori del Partito Comunista Cinese, nessun’altra istituzione è stata così influente nel guidare politiche distruttive contro il COVID-19 come l’Imperial College di Londra.

L’Imperial College UK è la casa dei famigerati “modelli del giorno del giudizio” per COVID-19, che promettevano che milioni di persone sarebbero state imminentemente spazzate via dalla terra se il mondo occidentale non si fosse bloccato nel marzo del 2020 per COVID-19.

L’idea che il mondo avesse bisogno di “appiattire la curva” attraverso blocchi pseudoscientifici è stata generata da un modello accademico difettoso di Neil Ferguson, un epidemiologo dell’Imperial College. Quando gli è stato chiesto di rendere open source i suoi modelli, Ferguson ha rifiutato categoricamente.

In seguito si è dimesso in disgrazia dal comitato consultivo scientifico del governo del Regno Unito. Eppure il “professor Lockdown” rimane in qualche modo una figura molto influente nel guidare le politiche totalitarie di risposta alla pandemia della Gran Bretagna.

Per quanto riguarda le nuove varietà, sembra che tutto ciò che è vecchio sia di nuovo nuovo. Imperial è stata la fonte principale dei nuovi modelli di paura delle varianti del 2020. È stato in questo periodo dell’anno scorso quando il primo ministro britannico Boris Johnson, citando la speculazione imperiale su un ceppo diverso, ha avviato un blocco invernale.

Leggi il mio pezzo nel Dossier su quel “nuovo ceppo” del 2020 e vedrai gli incredibili paralleli. La propaganda del “ceppo Omicron” in Sudafrica/Botswana si basa sulla stessa campagna di paura, ma su una versione rinominata. È lo stesso identico playbook.

L’anno scorso, è iniziato con Erik Volz, un epidemiologo dell’Imperial College di Londra, che ha affermato che il nuovo ceppo era del 70% più trasmissibile. Il suo linguaggio esatto è stato successivamente ripetuto dal premier Johnson nel giustificare il suo blocco.

Prima di Omicron, l’ultimo scariant, meglio conosciuto come la “variante Delta”, aveva una campagna di marketing virale simile dietro la sua comparsa.

In particolare, i dipartimenti di virologia ed epidemiologia dell’Imperial hanno ricevuto incredibili quantità di finanziamenti dalla Fondazione Gates, il motore più influente al mondo della politica globale di “salute pubblica”. Secondo una revisione dei loro registri pubblici, Gates Inc ha consegnato quasi $ 300 milioni di dollari all’Imperial College di Londra.

Jordan Schachtel è un giornalista investigativo. Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul suo blog il Dossier.



Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche