0 6 minuti 4 mesi


Immagine: la maggior parte dei pazienti COVID ospedalizzati è completamente vaccinata, rivela il rapporto

(Notizie naturali) I funzionari degli Stati Uniti stanno ancora incolpando le persone non vaccinate per i crescenti tassi di ospedalizzazione del coronavirus di Wuhan (COVID-19). In realtà, tuttavia, molti ospedali in tutto il mondo stanno scoprendo che la maggior parte dei pazienti positivi al COVID sono quelli che hanno già ricevuto due dosi di vaccino e alcuni di loro hanno persino ricevuto colpi di richiamo.

I dati dell’Ontario, in Canada, hanno rivelato che la maggior parte di coloro a cui è stato diagnosticato il COVID-19 sono individui completamente vaccinati. Secondo i dati del 14 gennaio sugli ospedali della provincia, nel reparto di terapia intensiva c’erano 185 soggetti vaccinati con diagnosi di Covid, contro 168 non vaccinati. C’erano anche 2.035 individui completamente vaccinati ricoverati in ospedale con COVID (esclusi quelli in terapia intensiva), rispetto a soli 686 non vaccinati.

I dati ufficiali hanno anche mostrato che quasi il 90% degli abitanti dell’Ontario di età pari o superiore a 12 anni è già completamente vaccinato, ma la definizione del governo di vaccinazione completa potrebbe cambiare se e quando le dosi di richiamo diventeranno obbligatorie. (Correlati: i dati del governo del Regno Unito dimostrano che la diffusione del COVID-19 si verifica principalmente tra i cittadini vaccinati.)

I media mainstream in Canada si sono affrettati a segnalare l’aumento dei tassi di ospedalizzazione, ma non hanno indicato chi sono quelli che vengono ricoverati. In un articolo pubblicato il 12 gennaio, ad esempio, una stazione di notizie ha riferito che oltre 500 residenti dell’Ontario positivi al COVID sono stati inviati in terapia intensiva, più oltre 3.400 sono stati ricoverati in ospedale.

Il rapporto, che citava i dati del ministero della Salute, ha affermato che il 54% è stato ammesso in cerca di cure per COVID-19, mentre il 45% è stato ricoverato per altri motivi ma è risultato positivo al virus. Sebbene le informazioni presentate fossero importanti, ciò che manca notevolmente nella storia è lo stato di vaccinazione dei pazienti. (Correlati: gli studi dimostrano che gli individui vaccinati diffondono malattie… I vaccinati di recente dovrebbero essere messi in quarantena per prevenire focolai?)

Brighteon.TV

Sebbene le informazioni personali debbano rimanere private, è ingiustificabile che il governo e i media mainstream consentano ai pazienti non vaccinati di assumersi tutta la colpa per quanto riguarda la diffusione del virus, specialmente quando gli individui completamente vaccinati possono ancora prendere, diffondersi e ammalarsi per la stessa cosa.

La portavoce del ministero della salute canadese Alexandra Hikene ha affermato che il ministero sta ora valutando la necessità di aggiornare i rapporti per distinguere tra decessi causali e accidentali legati al COVID-19.

Gli individui vaccinati possono ancora diffondere il COVID-19

Nel luglio 2021, Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) Il direttore Rochelle Walensky ha annunciato che il COVID è una “pandemia dei non vaccinati”. Ma i difetti della sua logica sono stati smascherati su una scala terrificante. I rischi sembravano essere cresciuti per tutti. Non si può più negare che il COVID sia diventato anche una pandemia dei vaccinati.

Con i dati che mostrano che due dosi di vaccino possono ancora consentire frequenti infezioni rivoluzionarie e una rapida diffusione della malattia, un precedente attacco di COVID sembra offrire maggiore protezione.

Circa 150 milioni di adulti americani non hanno ricevuto una dose di richiamo. Dato che le persone in questo gruppo sono meno protette, corrono ancora un rischio maggiore di trasmettere la malattia a bambini non vaccinati o non vaccinati e adulti immunologicamente vulnerabili. Hanno anche maggiori probabilità di trasmettere il coronavirus tra di loro. (Correlati: le persone vaccinate hanno la stessa probabilità di diffondere la variante delta come quelle non vaccinate, rileva lo studio.)

Gli individui completamente vaccinati possono comunque essere a rischio minimo di ammalarsi gravemente o morire a causa del COVID-19. Ma le aree altamente vaccinate potrebbero anche vedere i sistemi ospedalieri sopraffatti a causa della variante altamente infettiva dell’omicron. Questo scenario potrebbe essere particolarmente pericoloso se milioni di persone dovessero aver bisogno di cure ospedaliere contemporaneamente.

Altre storie correlate:

Navi da crociera completamente vaccinate che diventano focolai di diffusione del coronavirus.

I sopravvissuti al COVID-19 hanno un’immunità di lunga durata e, quando vengono reinfettati, hanno meno probabilità di diffondere il virus, secondo la ricerca.

I dati del governo del Regno Unito dimostrano che la diffusione del COVID-19 si verifica principalmente tra i cittadini vaccinati.

Le persone vaccinate hanno la stessa probabilità di diffondere la variante delta come quelle non vaccinate, rileva lo studio.

Guarda il video qui sotto per maggiori informazioni su come i vaccinati stanno diffondendo il COVID-19.

Questo video è dal canale ZBest News in poi Brighteon.com.

Visita Pandemic.news per ulteriori notizie relative alla pandemia di coronavirus.

Le fonti includono:

NaturalHealth365.com

TheAtlantic.com

Brighteon.com

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche