0 7 minuti 2 mesi

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Quello che segue è un appello alla Germania: la guerra è finita e dura da tre quarti di secolo.

È ora di smettere di prostrarsi per il presunto “bene” dell’Europa. È tempo di assumere il controllo completo della tua politica interna ed estera, senza interferenze da parte di élite mondiali altezzose e ficcanaso, e fare ciò che è meglio per te stesso. Sarete piacevolmente sorpresi dal fatto che ciò che è buono per voi stessi lo è anche per i vostri vicini e per il mondo.

Ecco quattro criteri non riusciti che devono essere terminati:

  1. I progetti di energia verde.
  2. Adesione all’Unione Monetaria Europea (UEM).
  3. Adesione all’Unione Europea.
  4. Adesione all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e sanzioni economiche contro la Russia.

Nessuna di queste politiche funziona. Come umorista e saggio politico americano disse Will Rogers“Se ti trovi in ​​una buca, smetti di scavare”.

  1. Porre fine ai progetti di energia verde. Questo è un buon punto di partenza, poiché è probabile che i tuoi cittadini laboriosi si congelino quest’inverno. Il progetto di energia verde, nato dall’isteria del riscaldamento globale/cambiamento climatico, non alimenterà mai la Germania o nessun altro paese, che importa. Ha fallito e non può avere successo. Basta scartare tutti i progetti di energia verde finanziati con fondi pubblici, porre fine a tutti i sussidi per “energia verde” e augurare il meglio a quelli privati. Certo, forse c’è una nicchia qua e là per l’eolico e il solare, ma l’obiettivo nazionale di sostituire i combustibili fossili deve essere abbandonato. Non puoi riscaldare le tue case e gestire un’economia industriale con energia verde.
  2. Abbandona l’euro e ripristina il marco. Se mai ci fosse una competizione per il blocco valutario più sciocco del mondo, l’Unione Monetaria Europea (UEM) vincerebbe tutti i premi. Come Claudio Erba spiegato di recente, l’euro è peggio anche di una valuta fiat sponsorizzata dallo stato. Non ha un proprietario nazionale ma diciannove, e la maggioranza vuole stampare più euro. È il tragedia dei beni comuni applicato alla valuta. Hai un voto nel processo decisionale sulla politica dell’UEM, lo stesso di Cipro e Malta, nonostante tu sia la quarta economia più grande del mondo, la più grande d’Europa e probabilmente il paese industriale con le migliori finanze pubbliche.

C’è solo un grafico di cui qualcuno ha bisogno per capire come la struttura dell’UEM abbia saccheggiato la ricchezza della Germania: quella del saldi dei membri nel TARGET 2 sistema di regolamento. La Germania ha un saldo attivo di circa 1,3 trilioni di euro. Un saldo a credito va bene, giusto? Sbagliato. Spagna e Italia hanno saldi debitori di oltre 0,5 trilioni di euro ciascuna. Ciò significa che non hanno pagato per ciò che hanno importato, principalmente dalla Germania. È come se avessi in mano un assegno di un debitore impassibile che non pagherà e non potrà mai pagare per ciò che ha acquistato da te. Dimentica di riscuotere mai questo debito. Hai fatto tutto il possibile per sostenere i paesi debitori, ma invece di usare i soldi per mantenerli fino a quando non fossero riusciti a riparare le proprie economie, i paesi debitori hanno sperperato la tua generosità. Scrivilo come una lezione appresa e vai avanti. Il fatto è che più a lungo rimani nell’UEM, più capitale viene drenato dalla tua economia, come mostra il tuo saldo creditizio in costante aumento presso la Banca centrale europea. Semplicemente non puoi mettere metà dell’Europa sul welfare.

  1. Lascia l’Unione Europea. La Gran Bretagna l’ha fatto e il cielo non è caduto, anche se la Gran Bretagna non si è ancora epurata da tutte le stringhe dell’UE. L’UE è un blocco commerciale chiuso, il che significa che ha libero scambio tra i membri ma tariffe elevate contro i non membri. Questo non ha senso. Basta adottare il libero scambio unilaterale con il mondo. Ha funzionato per la Gran Bretagna nel diciannovesimo secolo e funzionerà nel ventunesimo secolo per qualsiasi nazione abbastanza intelligente e coraggiosa da provarlo. Questo è solo l’argomento economico per lasciare l’UE; c’è anche un argomento non economico vitale. L’UE è passata da un blocco commerciale economico chiuso a perseguire quella che i suoi sostenitori chiamano “un’unione sempre più stretta”; cioè, l’UE vuole distruggere la sovranità dei suoi membri e assumere il ruolo di un megastato governato da élite burocratiche nominate a Bruxelles. Giusto. Il tuo Bundestag deciderà solo se i negozi tedeschi possono vendere birra la domenica e altri problemi sconvolgenti. È un sogno che si rifà al Sacro Romano Impero ed è stato perseguito da uomini di stato amanti della libertà come Napoleone, Stalin e Hitler. Esci.
  2. Lascia la NATO. Questo è fondamentale per riconquistare la piena sovranità. Finché la Germania rimarrà nella NATO, sarà governata dagli Stati Uniti. La Germania non avrà una propria politica estera basata sui suoi bisogni speciali nel suo angolo di mondo. Naturalmente, lasciare la NATO e l’UE significherà che la Germania potrà abbandonare le sanzioni economiche alla Russia. Queste sanzioni stanno fallendo, anche se la Germania crede che la Russia sia responsabile della guerra in Ucraina. La guerra finirà, si spera senza un grande confronto di potere, e i piccoli passi decennale verso l’integrazione della Russia nell’economia mondiale continueranno. La Germania ha correttamente perseguito legami più stretti con la Russia sin dai tempi dell’ex Unione Sovietica, a cominciare Ostpolitik di Willy Brandt. Come la seconda guerra mondiale, la guerra fredda è finita da decenni. È ora di uscire dalla distorsione temporale mentale e andare avanti con l’integrazione della Russia in una nuova Concerto d’Europa. La Germania può e deve aprire la strada.

Conclusione: ciò che è buono per la Germania è buono per il mondo

In conclusione, non solo la Germania si salverà dal collasso economico e forse politico, ma l’abbandono di queste quattro politiche fallite sarà un catalizzatore benevolo per il cambiamento nel mondo. È più che probabile che l’UEM e la stessa UE crollino e molte nazioni europee diventino paesi del marco invece di ripristinare le proprie valute.

In questo caso, la Germania, la nazione più fiscalmente e monetariamente responsabile dell’Occidente, controllerà la valuta stessa e impedirà il destino dell’iperinflazione verso cui l’euro è ora diretto. Il dollaro stesso sarà costretto a riformarsi per poter commerciare con un’Europa nuova, migliore e più pacifica. Puoi e devi agire presto.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche