0 5 minuti 6 giorni


Cari lettori:

Le misure straordinarie a cui stiamo assistendo in Austria e in Europa e la notizia che l’Australia sta spostando pazienti e contatti Covid nei campi di quarantena sono la prova che le misure Covid non hanno nulla a che fare con la salute pubblica.

Sia l’HCQ che l’ivermectina sono agenti noti usati per curare e prevenire il Covid. Le prove sono schiaccianti. Nella provincia più grande dell’India, l’Uttar Pradesh, con una densità di popolazione tre volte superiore a quella di Australia, Canada e Nuova Zelanda messe insieme, è diventata Covid attraverso l’uso dell’ivermectina.

In nessun paese la vaccinazione contro il Covid ha avuto lo stesso successo, figuriamoci lo stesso successo dell’ivermectina in India.

I falsi siti di “controllo dei fatti” sponsorizzati da Big Pharma hanno tentato di coprire la notizia del successo dell’India con l’ivermectina coprendola con disinformazione per proteggere i profitti di Big Pharma.

In Uttar Pradesh, l’ivermectina è stata utilizzata sia per la prevenzione che per il trattamento. Una pillola a settimana toglie il virus di torno. Inoltre, è stato dimostrato che la mortalità da Covid è essenzialmente limitata alle persone con malattie gravi che non vengono trattate con HCQ o ivermectina quando vengono infettate da Covid ma sono lasciate a se stesse per guarire e che, in caso di esito negativo, vengono uccisi negli ospedali con ventilatori o remdesivir, due “trattamenti” che si sono rivelati estremamente infruttuosi.

Il lockdown austriaco non ha senso per una serie di motivi. La più ovvia è che il divieto austriaco non si applica alle persone che vanno a lavorare. Una grande percentuale di austriaci potrà quindi circolare liberamente. Che senso ha permettere alle persone di andare al lavoro ma non al ristorante? È semplicemente troppo stupido e deve avere un altro scopo.

In Law, Legislation, and Freedom, Friedrich A. Hayek ha scritto che le emergenze sono le scuse che i governi usano per erodere le libertà civili e che le erosioni persistono dopo che l’emergenza è finita o la falsa emergenza è smascherata. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito al declino delle libertà civili a causa della “guerra al terrore” e ora di nuovo a causa di una finta “pandemia di Covid”. Il presidente George W. Bush ha usato l’11 settembre 2001, un apparente attacco false flag per scavalcare la protezione costituzionale dell’habeas corpus e detenere persone a tempo indeterminato in tribunale senza prove. Il presidente Obama ha usato la guerra simulata al terrorismo per giustiziare i cittadini sospettati senza un giusto processo. Ora le persone stanno perdendo il lavoro, le loro attività e la loro libertà a causa di un virus occasionalmente fatale che Big Pharma e il protocollo Covid di Big Medicine stanno impedendo di prevenire e curare.

Quando l’Unione Sovietica è crollata e la Cina ha rinunciato al comunismo, la gente si aspettava che ciò avrebbe portato a una regola di libertà. Invece, il mondo occidentale ha visto un attacco alle libertà civili che ricorda la vita sotto Stalin e Mao. In America oggi e in tutto il cosiddetto “occidente libero” le persone sono punite per aver esercitato i loro diritti ai sensi del Primo Emendamento. La Costituzione e le leggi sui diritti umani non li proteggono. Il giornalista Julian Assange è detenuto da un decennio per violazione dell’habeas corpus angloamericano e nessun tribunale ha fatto nulla al riguardo. Non ci sono proteste da parte di facoltà di giurisprudenza, ordini degli avvocati o giornalisti. Una conclusione ovvia è che i membri delle istituzioni che dovrebbero sostenere la libertà civile non credono più nella libertà civile.

Con la fede nella libertà indebolita in Occidente, a meno che non ci uniamo e la facciamo rivivere rifiutando di accettare blocchi e mandati di “vaccino”, non saremo liberi a lungo.



Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche