0 3 minuti 2 mesi


Ancora un altro tribunale federale ha deciso di bloccare il mandato COVID della Casa Bianca di Biden, solo che questa volta il giudice si è concentrato sull’obbligo per gli operatori sanitari di ottenere il colpo o di dire addio al loro lavoro.

All’inizio di questo mese, un giudice in Texas ha bloccato la Casa Bianca da far rispettare parte del suo mandato tramite grandi società. Ora, un diverso giudice distrettuale federale, questa volta nel Missouri, sta impedendo all’amministrazione Biden di imporre un mandato di vaccinazione per gli operatori sanitari in circa 10 stati.

Nel frattempo, mentre più tribunali si oppongono al mandato, la Casa Bianca sta tranquillamente dicendo alle agenzie federali che possono rimandare il licenziamento dei lavoratori federali per non aver rispettato il mandato del vaccino fino a dopo le vacanze, secondo una nota ottenuta dalla stampa lunedì. La decisione è stata fornita all’OMB, l’Ufficio per la gestione e il bilancio della Casa Bianca, secondo il rapporto.

Alex Jones spiega come la retorica ingannevole di Joe Biden suggerisca che non esiste una “nuova normalità” e allo stesso tempo afferma che la “nuova normalità” è che tutti prendano vaccini COVID e colpi di richiamo, tenendo efficacemente in ostaggio il popolo americano mentre lo minaccia con nuovi blocchi.

Secondo ABC News, amante di Biden, questo cambiamento, che non è stato ancora annunciato pubblicamente, arriva mentre il presidente Biden sta facendo pressione sui datori di lavoro privati ​​per lanciare i propri mandati.

La corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale del Missouri lunedì ha emesso un’ingiunzione preliminare sul mandato, che richiede che gli operatori sanitari siano vaccinati entro il 4 gennaio 2022.

Gli osservatori legali hanno affermato che il mandato è su basi solide. Se l’ingiunzione viene impugnata, atterrerebbe nell’Ottavo Circuito, che ha un solo giudice attivo o di alto livello nominato da un democratico su 14.

Biden ha annunciato a settembre che l’amministrazione stava implementando la regola che richiedeva a tutti i datori di lavoro privati ​​con 100 o più dipendenti di imporre vaccini COVID-19 o test settimanali per il virus.

Nel loro deposito, gli avvocati del governo hanno sostenuto che ritardare il mandato del vaccino “metterebbe in pericolo molte migliaia di persone e probabilmente costerebbe molte vite al giorno. Con la riapertura dei luoghi di lavoro e l’emergere della variante Delta altamente trasmissibile, la minaccia per i lavoratori è continua e schiacciante».

La decisione ha suscitato immediate contestazioni legali da parte di stati, datori di lavoro, sindacati e gruppi religiosi.

Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche