0 6 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


La Casa Bianca di Biden afferma che “non prende posizione” sulla causa delle proteste anti-lockdown in Cina, un’osservazione “camminare sulle uova” apparentemente progettata per proteggere l’amministrazione dalle accuse di ipocrisia.

Nell’ultima settimana, diverse grandi città in tutta la Cina hanno assistito a massicce proteste contro i blocchi, con i cinesi normalmente compiacenti che sono esplosi in rabbia in risposta alla politica “zero COVID” del loro governo.

Gran parte dei disordini sono esplosi in risposta a un incidente nella capitale Urumqi dello Xinjiang, dove almeno 10 persone, alcuni dicono fino a 40, sono state uccise durante un incendio in un appartamento perché le regole di blocco hanno impedito ai residenti di fuggire dall’edificio in fiamme.

Alla maggior parte dei residenti della città è stato impedito di lasciare le proprie case per oltre 100 giorni a causa delle regole draconiane, che sono ancora in vigore quasi tre anni dopo l’inizio della pandemia.

Mentre i cittadini cinesi sono ora chiaramente soggetti a violazioni dei diritti umani in nome del mantenimento di un brutale blocco, la Casa Bianca non ha potuto che rispondere con una dichiarazione farinosa.

Apparendo su “Fox & Friends” di Fox News Channel, al coordinatore dell’NSC della Casa Bianca per le comunicazioni strategiche John Kirby è stato chiesto se l’amministrazione Biden fosse d’accordo con i manifestanti sul fatto che le restrizioni COVID dovessero essere revocate e se il presidente Xi Jinping dovesse dimettersi.

Kirby ha tergiversato dicendo che la Casa Bianca era “dalla parte della protesta pacifica”, ma che l’amministrazione non “si stava schierando in termini di ciò di cui parlano questi manifestanti”.

GUARDA:

“Non direi affatto che saremmo d’accordo con le critiche sul fatto che siamo stati meno che fermi o coerenti. In effetti, Brian, siamo stati molto coerenti sul diritto alla protesta pacifica e ne abbiamo parlato molto apertamente in Cina proprio negli ultimi giorni”, ha detto Kirby.

“Crediamo che queste persone dovrebbero essere in grado di protestare e riunirsi pacificamente e di far conoscere le loro menti al loro governo in Cina, proprio come abbiamo detto lo stesso in Iran e in tutto il mondo. E sosteniamo una protesta pacifica e, ancora una volta, siamo stati molto coerenti al riguardo”, ha aggiunto.

Il co-conduttore Steve Doocy ha poi chiesto: “Assolutamente, la Casa Bianca è sempre favorevole alle proteste pacifiche, ma, John, sai cosa stanno dicendo i manifestanti, stanno dicendo, ehi, Xi Jinping deve andarsene o allentare le restrizioni COVID che stanno tenendo le persone bloccate nelle loro case per mesi. Quindi, tra se deve andare o allentare le restrizioni, da che parte sta la Casa Bianca quando si tratta di sostenere i manifestanti?

Kirby ha risposto: “Steve, siamo dalla parte della protesta pacifica. Siamo dalla parte delle persone che possono riunirsi liberamente ed esprimere le proprie opinioni, qualunque esse siano. Non stiamo prendendo posizione in merito a ciò di cui parlano questi manifestanti. In gran parte, però, Steve, sai che questi manifestanti sono davvero là fuori per il blocco. La loro principale preoccupazione, ciò che li ha spinti in piazza sono state le politiche COVID molto severe e rigorose dell’amministrazione di Xi, ed è questo che ha davvero guidato tutta questa protesta pubblica “.

Il portavoce ha poi affermato: “non crediamo, qui negli Stati Uniti, che i blocchi siano la risposta”.

Questo non è correlato a quanto lo stesso Biden ha detto in molte occasioni.

Nell’agosto 2020, il presidente disse non esiterebbe a bloccare tutti gli Stati Uniti se fosse necessario fermare il COVID.

“Lo chiuderei; Ascolterei gli scienziati “, ha detto Biden all’epoca.

In confronto, due mesi prima, a giugno, il presidente Trump aveva dichiarato a Fox News: “Non chiuderemo di nuovo il paese. Non dovremo farlo”.

In effetti, se le elezioni presidenziali si fossero svolte un anno prima, non c’è quasi alcun dubbio che Biden avrebbe fatto pressioni per blocchi più draconiani di quelli imposti dagli stati durante gli ultimi 10 mesi dell’amministrazione Trump.

Come noi evidenziato ieri, Anthony Fauci ha difeso ancora una volta i brutali blocchi cinesi, ammettendo che il governo comunista sta rinchiudendo con la forza le persone all’interno degli edifici, ma aggiungendo che se ciò significa che le persone vengono vaccinate, allora è “d’accordo”.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa nella Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Forza turbo – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il calo.

Ottieni l’accesso anticipato, i contenuti esclusivi e il dietro le quinte seguendomi su Locali.

—————————————————————————————————————————



Source link

Lascia un commento

Leggi anche