0 5 minuti 5 giorni


Immagine: la calotta cranica cinese può uccidere le cellule tumorali del cervello, grazie al suo componente attivo baicalein

(Notizie naturali) Ricercatori di Università di Qingdao in Cina hanno scoperto che un flavonoide presente nello zucchetto cinese (Scutellaria baicalensis) ha potenziali proprietà antitumorali.

Nel loro rapporto, pubblicato in L’American Journal of Chinese Medicine, i ricercatori hanno notato che la baicaleina, un flavonoide derivato dalle radici della calotta cranica cinese, può indurre l’autofagia cellulare e l’apoptosi, due processi che aiutano a eliminare le cellule danneggiate dal corpo. In particolare, il team ha studiato il meccanismo alla base dell’attività antitumorale della baicaleina utilizzando cellule di glioma umano.

Esplorare l’attività antitumorale della baicaleina

Un glioma è un tumore che si sviluppa nel cervello o nel midollo spinale. Questo tipo di tumore ha origine dalle cellule gliali, che forniscono supporto ai neuroni. Tra i tipi di cellule gliali presenti nel cervello e nel sistema nervoso periferico, tre tipi di cellule gliali possono produrre tumori.

  • Astrocitomi sono tumori che si sviluppano negli astrociti, cellule gliali a forma di stella che si trovano nel cervello. Gli astrociti sono il tipo più abbondante di cellule gliali nel cervello e sono responsabili di molte funzioni importanti, tra cui la formazione e il mantenimento della barriera emato-encefalica, la regolazione del flusso sanguigno e il mantenimento del metabolismo energetico cerebrale, tra le altre. Gli astrocitomi possono svilupparsi sia nei bambini che negli adulti con gravità diversa: i tumori che si sviluppano nei bambini sono spesso localizzati e crescono lentamente, mentre quelli che si sviluppano negli adulti crescono rapidamente e richiedono un trattamento immediato.
  • ependimomi sono tumori che si formano dalle cellule ependimali che allineano i ventricoli nel cervello e nel midollo spinale. Questi ventricoli contengono liquido cerebrospinale, che aiuta a proteggere il cervello e il midollo spinale da lesioni e infezioni. Gli ependimomi possono svilupparsi a qualsiasi età; tuttavia, questi sono visti più spesso nei bambini piccoli. Questo tipo di glioma è raro, con solo 200 nuovi casi segnalati ogni anno.
  • Oligodendrogliomi sono tumori che si sviluppano negli oligodendrociti, un tipo di cellula gliale che sostiene e isola gli assoni del sistema nervoso centrale. Il sintomo più comune dell’oligodendroglioma sono le convulsioni: sei persone su 10 con la condizione riferiscono di avere un attacco prima della diagnosi. Gli uomini di età compresa tra 35 e 44 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare questo tipo di tumore, ma può verificarsi a qualsiasi età.

Per lo studio, il team ha trattato le cellule di glioma con baicaleina in vitro. In particolare, erano interessati a vedere se la baicaleina innesca l’autofagia e induce l’attivazione dell’AMPK nelle cellule di glioma. I ricercatori hanno scoperto che la baicaleina può indurre l’autofagia, ovvero il modo in cui il corpo ripulisce le cellule danneggiate per rigenerare le cellule più sane, nelle cellule del glioma. Inoltre, il trattamento delle cellule di glioma con baicaleina ha attivato anche la via AMPK, una delle reti di segnalazione più importanti per la crescita cellulare. Ciò ha causato l’autofagia indotta dalla baicaleina e la morte cellulare. I ricercatori affermano che questa attivazione svolge un ruolo vitale nell’effetto antitumorale della baicaleina.

“Sorprendentemente, la nostra ricerca fornisce nuove informazioni sulla funzione antitumorale di [baicalein], e il potenziale della promozione dell’apoptosi delle cellule di glioma potrebbe essere correlato all’attivazione dell’autofagia”, hanno scritto nel loro rapporto. “Questi risultati dimostrano l’attività antitumorale di [baicalein], che possono essere utilizzati come potenziali agenti terapeutici per la terapia del cancro”. (Correlato: l’olio di cannabis salva il bambino da un tumore al cervello inoperabile.)

Altri vantaggi dello zucchetto cinese

Nonostante il nome inquietante, lo zucchetto cinese è un membro della famiglia della menta ed è stato a lungo utilizzato nella medicina tradizionale cinese. Nella medicina tradizionale, le radici della pianta, chiamate huang qin, sono usati per trattare condizioni che vanno dall’insonnia, ansia e tensione all’infiammazione, epatite e malattie cardiovascolari.

Oltre alla baicaleina, la ricerca ha dimostrato che la calotta cranica cinese contiene altri principi attivi che forniscono benefici per la salute. In uno studio pubblicato su Lettere di neuroscienze, i ricercatori cinesi hanno scoperto che l’orossilina A – un antiossidante presente nelle radici della calotta cranica cinese – può prevenire lo sviluppo di placche cerebrali legate al morbo di Alzheimer.

Segui AntiCancer.news per ulteriori nuovi trattamenti naturali per il glioma e altri tumori.

Le fonti includono:

NaturalNews.com

MayoClinic.org

ABTA.org

VeryWellHealth.com 1

Healthline.com

Cancro.gov

WorldScientifica.com

VeryWellHealth.com 2

Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche