0 2 minuti 1 mese

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Martedì di questa settimana (26 agosto), Israele ha ufficialmente smesso di aggiungere fluoro alle sue riserve idriche. La decisione è stata “lodata da vari gruppi per i diritti umani, ma criticata da molti nelle comunità mediche e dentistiche come un grave errore”, come ha affermato il Times of Israel.

La sostanza chimica insapore e incolore viene messa nell’acqua allo scopo di ridurre le cavità, ma i critici affermano che equivale a un farmaco di massa e costringe le persone a consumare la sostanza, che lo desiderino o meno.

Per legge, il fluoro era stato aggiunto alle forniture pubbliche di acqua potabile delle grandi città israeliane sin dagli anni ’70, e fino a questa settimana circa il 70 per cento del paese era fluorato. (Per fare un confronto, il 67% degli americani riceve acqua di rubinetto fluorata.)

Il ministro della Salute Yael German ha annunciato l’anno scorso che intendeva porre fine alla pratica, ma ha dovuto affrontare un’ondata di contraccolpo. Imperterrita, ha detto all’inizio di questo mese che aveva comunque deciso di porre fine al processo a partire dal 26 agosto e di non consentire nemmeno la fluorizzazione opzionale nelle comunità che lo supportano.

Leggi di più…





Source link

Lascia un commento

Leggi anche